happy end (2017) regia di Michael Haneke Francia, Austria, Germania 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

happy end (2017)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film HAPPY END (2017)

Titolo Originale: HAPPY END

RegiaMichael Haneke

InterpretiIsabelle Huppert, Jean-Louis Trintignant, Mathieu Kassovitz, Fantine Harduin, Toby Jones, Franz Rogowski, Laura Verlinden, Nabiha Akkari, Loubna Abidar, Dominique Besnehard, Jackee Toto, Hassam Ghancy, David El Hakim, Jack Claudany

Durata: h 1.47
NazionalitàFrancia, Austria, Germania 2017
Generedrammatico
Al cinema nel Novembre 2017

•  Altri film di Michael Haneke

Trama del film Happy end (2017)

La storia di una grande famiglia alto borghese che ha ormai perso i suoi valori. Specchio di una societÓ votata alla falsitÓ, all'egoismo e all'infelicitÓ. Sullo sfondo, Calais, spazio di transito per i rifugiati.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,27 / 10 (13 voti)7,27Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Happy end (2017), 13 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Edgar Allan Poe  @  07/02/2022 16:26:55
   8 / 10
Gran film di Haneke a mio parere, trovo che la media sia leggermente bassa. "Happy End" funziona, è pieno di spunti interessanti, ben realizzato e con una sceneggiatura (personaggi inclusi) molto ben curata. Ottimi anche gli attori, incluso un Trintignant davvero molto efficace.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  27/04/2021 17:38:33
   7½ / 10
Sguardo impietoso di Haneke sul declino della nostra civiltà. Ritratto di una borghesia vuota, dove diverse generazioni sono unite da un filo comune di nichilismo.
Sempre bravo Haneke, che qui si autocita, riferendosi al suo "Amour". Ottima pellicola.

Goldust  @  24/04/2021 22:13:26
   5½ / 10
Travagliato spaccato borghese di famiglia sullo sfondo di una società civile fredda e insensibile; insomma un Haneke sulle orme di Chabrol, a cui manca però il colpo del ko. Purtroppo non manca neanche qualche passaggio noioso.

topsecret  @  06/10/2020 13:55:25
   6½ / 10
Happy end un par de palle!
I primi 5 minuti sono di una noia mortale ma inquadrano bene quello che sarà l'andamento generale del film: ritmo lento non solo nelle dinamiche ma, soprattutto, nei dialoghi, personaggi caratterizzati da una freddezza e incapacità emotiva palpabile e un finale inconcludente che non sancisce nulla, tantomeno l'idea di quel "Happy" inserito nel titolo. Anche la regia non mi ha lasciato granchè con quei piani lunghi e i dialoghi inuditibili.
Nel complesso, però, è un film che non annoia, si lascia guardare, anche se personalmente non è il genere che più preferisco, garantendo un certo interesse e una discreta partecipazione con i personaggi.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR wicker  @  10/05/2020 19:26:18
   8 / 10
Ennesimo capolavoro di Haneke che con un film cinico e aspro destruttura nuovamente la società moderna vista dall'interno di una famiglia borghese.
in questo nucleo ognuno pensa solo a se stesso , ai soldi ,alle pulsioni sessuale e all'arrivismo sociale il tutto con lo spettro della morte che alleggia sempre silenzioso ma non troppo , come se fosse una liberazione da raggiungere.
Testimone una bambina che comunque cresciuta così non può fare altro che continuare quanto vede intorno alei come se fosse la normalità ( e l'ultima scena ne è l'esempio tremendo).
Ottima regia e anche grandi provi degli attori . Haneke una garanzia, non facile come autore ma con le idde chiare e cristalline

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  06/06/2019 10:58:10
   7½ / 10
Haneke si riconferma un ottimo cineasta.
Ritratto implacabile della famiglia borghese contemporanea.
Film freddo ed apatico come i suoi personaggi.
Ottimo cast.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  07/04/2019 12:11:49
   8 / 10
Finalmente dopo 5 anni di attesa è tornato Haneke che dopo il suo ultimo lavoro "Amour" passa dalla realta' domestica alla disgregazione della famiglia nell'alta borghesia.
Una carrellata di personaggi grotteschi, scritti benissimo, che cercano di raggiungere il proprio obbiettivo fregandosene di tutto il resto.
I primi minuti sembrano seguire una mente criminale alle prese con la suggestione di vedere morire una donna...quando questo "criminale" si scopre essere una bambina arriva il primo pugno nello stomaco.
Questo fa gia' capire molte cose del messaggio di Haneke, di questa societa' allo sbaraglio dove quello che dovrebbe essere il futuro speranzono è gia' piu' spietato di chi gli sta accanto. E chi gli sta accanto?
Un nonno che vuole farla finita, un Padre con due amanti, una Madre in fin di vita (colpita da chi?).
Uno schiaffo alla societa' moderna, a come il concetto di amore ha perso quel suo aggettivo piu' bello, "eterno".
Ovviamente la regia regala i soliti momenti divini con pieni-sequenza e un finale meraviglioso.
Speriamo di non attendere ancora altri 5 anni Michalel...

Thorondir  @  05/11/2018 23:13:02
   8 / 10
Happy end è come da tradizione di Haneke un film particolare e che non consiglierei se non a un pubblico che sa recepire un certo tipo di cinema. Per intendersi: zero azione, ritmo lentissimo, scene di pura costruzione visiva, piani sequenza (egregi) a rendere il realismo anche temporale della vicenda, dialoghi secchi e non particolarmente interessanti: perchè Haneke, come già gli è capitato, racconta la vita di tutti i giorni e lo fa senza filtri o abbellimenti per lo spettatore. Il suo non è un cinena dinamico che vuole appagare i palati di chi si aspetta movimento e adrenalina: sembra quasi di vedere un film degli anni '50 con la perizia fotografica e registica che sono invece marchi di fabbrica del cineasta austriaco.
Happy end è l'analisi al vetriolo delle disillusioni di una famiglia dell'alta borghesia francese, che si trastulla a vivere in un castello, tratta con latente razzismo la famiglia di inservienti, si ammanta di una certa floridezza economica, ma è in verità disgregata, falsa, piena di rancori, infelice sia nella vecchiaia (uno splendido Trintigrant), sia nella giovinezza.
Un cinema amaro, mellifluo, che gioca con la pazienza dell'aspettatore e alla fine sembra togliergli ogni aspettativa: perchè Haneke lavora di nuovo per sottrazione e porta sullo schermo il realismo asettico dei nostri giorni buttati. E morbosi.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  03/04/2018 21:01:10
   8 / 10
Un Haneke amaro e cinico fa i conti con l'alta borghesia contemporanea. La disgregazione familiare non è certo un tema nuovo nel cinema, però lo stile freddo e distaccato del regista austriaco si sposa bene con un nucleo di personaggi incapace di provare umanità o affetto. La freddezza delle immagini evidenzia l'assenza di emozioni. I personaggi sono privi di slanci, rituaii come il pranzo si trascinano nella incomunicabilità, ripiegati su stessi e mai proiettati verso l'altro se non c'è un secondo fine che lo giustifichi. C'è il desiderio di morire (Georges), il desiderio di arricchirsi (Anne), l'incapacità di amare (Thomas). E' una morte interiore che permea tutto il film di Haneke in cui solo il figlio di Anne rappresenta un'eccezione, l'unico personaggio che nel suo disagio prova ancora umanità e più di una volta mette in imbarazzo gli altri membri esponendo la loro ipocrisia. E che dire di Eve: nuove generazioni che avanzano portando tutti i difetti delle precedenti, forse anche peggio, come nel Nastro Bianco.

GianniArshavin  @  22/03/2018 23:04:02
   7 / 10
Happy End è il film che segna l'atteso ritorno dietro la macchina da presa di Michael Haneke, lontano dalle scene dal 2012, anno dell'uscita del pluripremiato Amour.
Nonostante i 5 anni di assenza l'austriaco non ha perso lo smalto dei tempi migliori, dando vita ad un'opera non perfetta ma di indubbio valore e spessore.

Happy End racconta di una famiglia disfunzionale dell'alta borghesia francese. Questo nucleo familiare, dietro una facciata di rispettabilità e perbenismo, nasconde un'intricata ragnatela di marciume e misfatti. Il regista, nel suo consueto e riconoscibile stile freddo e rigoroso, ci conduce alla scoperta del lato oscuro della famiglia Laurent, in un crescendo di scelleratezze non indifferente.

La pellicola è indubbiamente una delle più digeribili di Haneke, che in passato ci aveva abituati a lungometraggi spesso di complessa e ostica fruizione. Happy End, principalmente nella seconda ora di visione, è un film fluido (per i canoni del cineasta in questione, naturalmente), che non annoia, coinvolgente, che riesce anche a far riflettere in più punti. Certamente, pur essendo maggiormente scorrevole, ciò non vuol dire che Haneke abbia deciso di snaturare sé stesso: la regia resta asettica e glaciale come sempre, cosi come il messaggio di fondo rimane pervaso da un nichilismo a tratti avvilente; tuttavia, la costruzione della storia, l'aver dislocato nei punti giusti i risvolti salienti della vicenda ed una scrittura pressoché perfetta dei personaggi rendono questo prodotto espandibile anche ad un pubblico meno avvezzo ad autorialità di questa risma.

Per quanto concerne i contenuti, come detto il cineasta ripropone alcuni dei suoi temi più cari, dall'ipocrisia dell'alta borghesia ai segreti che si celano dietro volti puliti e rispettabili; un mondo borghese messo alla berlina e che puntualmente l'autore distrugge in ogni suo aspetto. Inoltre, non mancano riferimenti al razzismo, all'uso indiscriminato e sfrenato della tecnologia e alla progressiva desensibilizzazione degli esseri umani; tutti argomenti ricorrenti nel cinema del maestro di Monaco di Baviera.
I punti forti della storia sono i due poli della trama: il vecchio patriarca e la giovane nipote Eve. Questi personaggi rappresentano al meglio ciò che il regista vuole comunicare, essendo due facce della stessa medaglia nonché le chiavi di volta per comprendere al meglio il messaggio del prodotto in analisi e di tutta la poetica hanekiana nel suo complesso. Mi permetto anche di azzardare una piccola annotazione personale: e se il personaggio di Trintignant fosse una proiezione di Haneke stesso?

Come anticipato poc'anzi, l'opera non è del tutto riuscita e non è certamente il punto più alto della filmografia hanekiana. Purtroppo, per tutta la visione, lo spettatore abituato alla filosofia del regista non potrà fare a meno di notare una perenne sensazione di déjà vu; difatti Happy End è un titolo che, duole dirlo, risulta essere un po' masticato sia nelle tematiche (gli scheletri nell'armadio e gli sviluppi finali sono alquanto pronosticabili) sia nella costruzione dell'intreccio, fin troppo similare ad altri lavori antecedenti dell'autore: numerosi i riferimenti presi a piene mani da Caché, La Pianista e anche da Benny's Video e Il Nastro Bianco. Questo può non essere considerato un difetto vero e proprio, ma da un uomo di cinema del calibro di Haneke la minestra riscaldata, per quanto saporita, ti lascia l'amaro in bocca.

Passando agli aspetti tecnici, il film è francamente impeccabile, magnetico e avvolgente nella sua meticolosa e distaccata messa in scena. I personaggi sono ben confezionati e hanno i volti giusti, in primis l'ottimo Trintignant. La Huppert, qui protagonista femminile, è come sempre sublime: talmente naturale e a suo agio che sembra quasi non recitare. Nondimeno, è da parecchio tempo che l'attrice francese sembra essere rimasta prigioniera dello stesso ruolo, una gabbia dorata che le consente di sfornare continue prestazioni maiuscole ma allo stesso tempo tutte la copia carbone dell'altra. Mi piacerebbe vedere questa talentuosa interprete (una delle migliori del panorama mondiale) ritornare a confrontarsi con ruoli differenti dalla oramai scontata donna ambiziosa e austera che nasconde nevrosi e debolezze dietro un'apparente glacialità.

In conclusione, Happy End è un nuovo tassello che va ad aggiungersi ad una filmografia ricolma di perle e opere enormi firmate da un autore di poderoso talento. Resta un pizzico di amaro in bocca per il non aver osato abbastanza, preferendo il sicuro e accomodante adagiarsi su sentieri già solcati.

2 risposte al commento
Ultima risposta 15/01/2019 22.11.44
Visualizza / Rispondi al commento
suzuki71  @  28/12/2017 09:52:41
   8 / 10
Haneke continua in un percorso di glacialità, in micro universi dove le cose prendono il sopravvento su sentimenti inesistenti, o malati. Mentre gli ultimi della terra recriminano uno spazio che non riusciamo più a riconoscere. E gli straniati (il figlio maschio inconcludente) sono - a ben vedere - gli unici saggi.
Poco rassicurante, luminosa angoscia sparsa su attori e regia non comuni.

76mm  @  11/12/2017 12:04:15
   6 / 10
Il cinema di Haneke inizia a mostrare la corda.
Sul tema "crepe dietro la facciata rispettabile dell'alta borghesia occidentale" penso che Bunuel avesse già detto tutto mezzo secolo fa…poco di interessante è stato aggiunto da allora.
In particolare sembra che ultimamente i registi che affrontano la materia si limitino ad alzare sempre di più l'asticella in tema di nefandezze di cui questi presunti "mostri" borghesi possono essere capaci (penso anche al recente Elle di Verhoeven sempre con la Huppert, bravissima ma ormai prigioniera da anni dello stesso ruolo).
Qui alla già nutrita lista di sconcezze si aggiunge

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Per il resto è sempre più o meno la solita solfa...tradimenti, nevrosi, depressioni…lo stile del regista austriaco è sempre quello, ormai mummificato, con piani sequenza ed inquadrature fisse dentro le quali i protagonisti vengono osservati con l'occhio freddo e distaccato di un entomologo, a scapito di qualsiasi partecipazione emotiva dello spettatore.
Tutto voluto, certo, ma alla fine sorge spontanea una domanda : "sì va bene e allora?"

aldopalmisano  @  04/12/2017 19:56:29
   6½ / 10
Delicato e lento nel tentativo di scoprire un segreto di Pulcinella, la famiglia non esiste più. Una lezione però che ci viene perpetrata da oramai quarant'anni, mi viene da pensare ai Pugni in Tasca di Bellocchio per dirne uno.
Insomma se l'arte è o copia o rivoluzione, questa volta Haneke si è voluto crogiolare in una zuppa mestamente riscaldata.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

amleto e' mio fratelloanatomy of a fallanimali selvaticiassassinio a veneziaasteroid cityavanzers - italian superheroesbarbieblackbitsblue beetlebugiardo serialecattiva coscienzacoma (2022)comandante (2023)come le tartarughecome pecore in mezzo ai lupiconversazioni con altre donnedemeter: il risveglio di draculadoggy styledouble souldue fratelli (2023)enzo jannacci vengo anch'iofatello e sorellafelicita'gli oceani sono i veri continentigran turismo - la storia di un sogno impossibilehai mai avuto paura?hanno clonato tyronehypnotic (2023)i mercen4ri - expendablesi peggiori giorniil castello invisibileil confine verdeil faraone, il selvaggio e la principessail giuramento di pamfiril grande carroil mio amico tempestail mistero del profumo verdeil pi¨ bel secolo della mia vitail sapore della felicitail supplente (2023)in the fireindiana jones e il quadrante del destinoinsidious - la porta rossaio capitanoio sono tuo padrejeanne du barry - la favorita del rekurskla bella estatela casa dei fantasmi (2023)la lunga corsa - una commedia stralunatala maledizione della queen maryla stanza delle meraviglie (2023)last film showle mie ragazze di cartal'invenzione della nevel'ordine del tempomamma qui comando iomanodoperamission: impossible - dead reckoning - parte unonina dei lupinoi anni luceoppenheimerpapa' scatenatopassagespatagoniapiggy (2022)priscillaraffarheingoldrido perche' ti amoritratto di famigliarodeorossosperanzaruby gillman - la ragazza con i tentacoli
 NEW
saw xshark 2 - l'abissotartarughe ninja - caos mutantethe equalizer 3 - senza treguathe nun 2
 NEW
the palacethe storetitinauna commedia pericolosauna donna chiamata maixabeluna stanza tutta per se'una sterminata domenicauomini da marciapiedewolfkin

1043293 commenti su 49758 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BUGIS STREETL'ARMONICALE CREATURELIFE OF A SHOCK FORCE WORKERLUMBRENSUENOMOVINGTHE WORKING GIRLS

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net