happy end (2017) regia di Michael Haneke Francia, Austria, Germania 2017
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

happy end (2017)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film HAPPY END (2017)

Titolo Originale: HAPPY END

RegiaMichael Haneke

InterpretiIsabelle Huppert, Jean-Louis Trintignant, Mathieu Kassovitz, Fantine Harduin, Toby Jones, Franz Rogowski, Laura Verlinden, Nabiha Akkari, Loubna Abidar, Dominique Besnehard, Jackee Toto, Hassam Ghancy, David El Hakim, Jack Claudany

Durata: h 1.47
NazionalitàFrancia, Austria, Germania 2017
Generedrammatico
Al cinema nel Novembre 2017

•  Altri film di Michael Haneke

Trama del film Happy end (2017)

La storia di una grande famiglia alto borghese che ha ormai perso i suoi valori. Specchio di una societÓ votata alla falsitÓ, all'egoismo e all'infelicitÓ. Sullo sfondo, Calais, spazio di transito per i rifugiati.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,10 / 10 (5 voti)7,10Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Happy end (2017), 5 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  03/04/2018 21:01:10
   8 / 10
Un Haneke amaro e cinico fa i conti con l'alta borghesia contemporanea. La disgregazione familiare non è certo un tema nuovo nel cinema, però lo stile freddo e distaccato del regista austriaco si sposa bene con un nucleo di personaggi incapace di provare umanità o affetto. La freddezza delle immagini evidenzia l'assenza di emozioni. I personaggi sono privi di slanci, rituaii come il pranzo si trascinano nella incomunicabilità, ripiegati su stessi e mai proiettati verso l'altro se non c'è un secondo fine che lo giustifichi. C'è il desiderio di morire (Georges), il desiderio di arricchirsi (Anne), l'incapacità di amare (Thomas). E' una morte interiore che permea tutto il film di Haneke in cui solo il figlio di Anne rappresenta un'eccezione, l'unico personaggio che nel suo disagio prova ancora umanità e più di una volta mette in imbarazzo gli altri membri esponendo la loro ipocrisia. E che dire di Eve: nuove generazioni che avanzano portando tutti i difetti delle precedenti, forse anche peggio, come nel Nastro Bianco.

GianniArshavin  @  22/03/2018 23:04:02
   7 / 10
Happy End è il film che segna l'atteso ritorno dietro la macchina da presa di Michael Haneke, lontano dalle scene dal 2012, anno dell'uscita del pluripremiato Amour.
Nonostante i 5 anni di assenza l'austriaco non ha perso lo smalto dei tempi migliori, dando vita ad un'opera non perfetta ma di indubbio valore e spessore.

Happy End racconta di una famiglia disfunzionale dell'alta borghesia francese. Questo nucleo familiare, dietro una facciata di rispettabilità e perbenismo, nasconde un'intricata ragnatela di marciume e misfatti. Il regista, nel suo consueto e riconoscibile stile freddo e rigoroso, ci conduce alla scoperta del lato oscuro della famiglia Laurent, in un crescendo di scelleratezze non indifferente.

La pellicola è indubbiamente una delle più digeribili di Haneke, che in passato ci aveva abituati a lungometraggi spesso di complessa e ostica fruizione. Happy End, principalmente nella seconda ora di visione, è un film fluido (per i canoni del cineasta in questione, naturalmente), che non annoia, coinvolgente, che riesce anche a far riflettere in più punti. Certamente, pur essendo maggiormente scorrevole, ciò non vuol dire che Haneke abbia deciso di snaturare sé stesso: la regia resta asettica e glaciale come sempre, cosi come il messaggio di fondo rimane pervaso da un nichilismo a tratti avvilente; tuttavia, la costruzione della storia, l'aver dislocato nei punti giusti i risvolti salienti della vicenda ed una scrittura pressoché perfetta dei personaggi rendono questo prodotto espandibile anche ad un pubblico meno avvezzo ad autorialità di questa risma.

Per quanto concerne i contenuti, come detto il cineasta ripropone alcuni dei suoi temi più cari, dall'ipocrisia dell'alta borghesia ai segreti che si celano dietro volti puliti e rispettabili; un mondo borghese messo alla berlina e che puntualmente l'autore distrugge in ogni suo aspetto. Inoltre, non mancano riferimenti al razzismo, all'uso indiscriminato e sfrenato della tecnologia e alla progressiva desensibilizzazione degli esseri umani; tutti argomenti ricorrenti nel cinema del maestro di Monaco di Baviera.
I punti forti della storia sono i due poli della trama: il vecchio patriarca e la giovane nipote Eve. Questi personaggi rappresentano al meglio ciò che il regista vuole comunicare, essendo due facce della stessa medaglia nonché le chiavi di volta per comprendere al meglio il messaggio del prodotto in analisi e di tutta la poetica hanekiana nel suo complesso. Mi permetto anche di azzardare una piccola annotazione personale: e se il personaggio di Trintignant fosse una proiezione di Haneke stesso?

Come anticipato poc'anzi, l'opera non è del tutto riuscita e non è certamente il punto più alto della filmografia hanekiana. Purtroppo, per tutta la visione, lo spettatore abituato alla filosofia del regista non potrà fare a meno di notare una perenne sensazione di déjà vu; difatti Happy End è un titolo che, duole dirlo, risulta essere un po' masticato sia nelle tematiche (gli scheletri nell'armadio e gli sviluppi finali sono alquanto pronosticabili) sia nella costruzione dell'intreccio, fin troppo similare ad altri lavori antecedenti dell'autore: numerosi i riferimenti presi a piene mani da Caché, La Pianista e anche da Benny's Video e Il Nastro Bianco. Questo può non essere considerato un difetto vero e proprio, ma da un uomo di cinema del calibro di Haneke la minestra riscaldata, per quanto saporita, ti lascia l'amaro in bocca.

Passando agli aspetti tecnici, il film è francamente impeccabile, magnetico e avvolgente nella sua meticolosa e distaccata messa in scena. I personaggi sono ben confezionati e hanno i volti giusti, in primis l'ottimo Trintignant. La Huppert, qui protagonista femminile, è come sempre sublime: talmente naturale e a suo agio che sembra quasi non recitare. Nondimeno, è da parecchio tempo che l'attrice francese sembra essere rimasta prigioniera dello stesso ruolo, una gabbia dorata che le consente di sfornare continue prestazioni maiuscole ma allo stesso tempo tutte la copia carbone dell'altra. Mi piacerebbe vedere questa talentuosa interprete (una delle migliori del panorama mondiale) ritornare a confrontarsi con ruoli differenti dalla oramai scontata donna ambiziosa e austera che nasconde nevrosi e debolezze dietro un'apparente glacialità.

In conclusione, Happy End è un nuovo tassello che va ad aggiungersi ad una filmografia ricolma di perle e opere enormi firmate da un autore di poderoso talento. Resta un pizzico di amaro in bocca per il non aver osato abbastanza, preferendo il sicuro e accomodante adagiarsi su sentieri già solcati.

suzuki71  @  28/12/2017 09:52:41
   8 / 10
Haneke continua in un percorso di glacialità, in micro universi dove le cose prendono il sopravvento su sentimenti inesistenti, o malati. Mentre gli ultimi della terra recriminano uno spazio che non riusciamo più a riconoscere. E gli straniati (il figlio maschio inconcludente) sono - a ben vedere - gli unici saggi.
Poco rassicurante, luminosa angoscia sparsa su attori e regia non comuni.

76mm  @  11/12/2017 12:04:15
   6 / 10
Il cinema di Haneke inizia a mostrare la corda.
Sul tema "crepe dietro la facciata rispettabile dell'alta borghesia occidentale" penso che Bunuel avesse già detto tutto mezzo secolo fa…poco di interessante è stato aggiunto da allora.
In particolare sembra che ultimamente i registi che affrontano la materia si limitino ad alzare sempre di più l'asticella in tema di nefandezze di cui questi presunti "mostri" borghesi possono essere capaci (penso anche al recente Elle di Verhoeven sempre con la Huppert, bravissima ma ormai prigioniera da anni dello stesso ruolo).
Qui alla già nutrita lista di sconcezze si aggiunge

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Per il resto è sempre più o meno la solita solfa...tradimenti, nevrosi, depressioni…lo stile del regista austriaco è sempre quello, ormai mummificato, con piani sequenza ed inquadrature fisse dentro le quali i protagonisti vengono osservati con l'occhio freddo e distaccato di un entomologo, a scapito di qualsiasi partecipazione emotiva dello spettatore.
Tutto voluto, certo, ma alla fine sorge spontanea una domanda : "sì va bene e allora?"

aldopalmisano  @  04/12/2017 19:56:29
   6½ / 10
Delicato e lento nel tentativo di scoprire un segreto di Pulcinella, la famiglia non esiste più. Una lezione però che ci viene perpetrata da oramai quarant'anni, mi viene da pensare ai Pugni in Tasca di Bellocchio per dirne uno.
Insomma se l'arte è o copia o rivoluzione, questa volta Haneke si è voluto crogiolare in una zuppa mestamente riscaldata.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

10x102030 - fuga per il futuro
 NEW
77 giorni8 minutia beautiful daya quiet place - un posto tranquillo
 NEW
abracadabraarrivano i prof
 HOT
avengers: infinity warbad samaritanbenvenuto in germania!bob & marys - criminali a domiciliocharley thompsonci vuole un fisicocontromanocosa dira' la gente
 NEW
deadpool 2
 NEW
dogmandopo la guerradoppio amoreearth - un giorno straordinarioera giovane e aveva gli occhi chiariescobar - il fascino del maleeva (2018)ex libris: new york public library
 NEW
famiglia allargatafixeurfoxtrot - la danza del destinogame night - indovina chi muore stasera?garden partyghost stories
 NEW
giu' le mani dalle nostre figliegualtiero marchesi - the great italianhappy winterhostiles - ostilii segreti di wind riveri, tonyaicaros: a vision
 NEW
il codice del babbuinoil cratereil dubbio - un caso di coscienzail giovane karl marxil mio nome e' thomasil mio uomo perfettoil mistero di donald c.il prigioniero coreanoil sole a mezzanotte (2018)il tuttofareil viaggio delle ragazzeillegittimoinsyriatedio c'e'io sono tempestala banalitÓ del criminela casa sul marela melodiela stanza delle meravigliel'amore secondo isabellele grida del silenzio
 NEW
le meraviglie del marel'isola dei caniloro 1loro 2lovers (2018)l'ultimo viaggio (2018)manuelmaria by callasmaria maddalenametti la nonna in freezermolly monstermolly's gamenato a casal di principenella tana dei lupinelle pieghe del temponick cave - distant sky - live in copenhagenoh mio dio!oltre la nottepacific rim 2 - la rivolta
 NEW
parigi a piedi nudiparlami di lucypertini il combattentepeter rabbitpetit paysan - un eroe singolarequando arriva l'amorequanto bastarabbit school - i guardiani dell'uovo d'ororachelrampage - furia animaleready player onerimetti a noi i nostri debitirudolf alla ricerca della felicita'rumble: il grande spirito del rocksea sorrow - il dolore del malesherlock gnomesshow dogs - entriamo in scenasi muore tutti democristiani
 NEW
slender mansotto il segno della vittoriasuccedesurbilesterra bruciata! il laboratorio italiano della ferocia nazistathe constitution - due insolite storie d'amorethe happy prince - l'ultimo ritratto di oscar wildethe silent manthe titanthe wicked gift
 NEW
theytomb raider (2018)tonno spiaggiatotremors 6: a cold day in helltu mi nascondi qualcosaun amore sopra le righeun sogno chiamato floridauna festa esageratauntitledvan gogh - tra il grano e il cielovisages, villageswajib - invito al matrimonioyoutopiazerovskij - solo per amore

973736 commenti su 39399 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net