gli spiriti dell'isola regia di Martin McDonagh Irlanda, Gran Bretagna, USA 2022
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

gli spiriti dell'isola (2022)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film GLI SPIRITI DELL'ISOLA

Titolo Originale: THE BANSHEES OF INISHERIN

RegiaMartin McDonagh

InterpretiColin Farrell, Brendan Gleeson, Kerry Condon, Barry Keoghan, Gary Lydon, Pat Shortt, Jon Kenny, Sheila Flitton, David Pearse, BrÝd NÝ Neachtain, Aaron Monaghan, LasairfhÝona NÝ Chonaola

Durata: h 1.49
NazionalitàIrlanda, Gran Bretagna, USA 2022
Generedrammatico
Al cinema nel Febbraio 2023

•  Altri film di Martin McDonagh

Trama del film Gli spiriti dell'isola

Due uomini sono amici da una vita ma a un certo punto, proprio quando si trovano insieme su una remota isola irlandese, uno dei due decide di voler troncare l'amicizia, generando una situazione strana e sgradevole.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,37 / 10 (26 voti)7,37Grafico
Miglior film commedia o musicaleMiglior attore in un film commedia o musicale (Colin Farrell)Miglior sceneggiatura (Martin McDonagh)
VINCITORE DI 3 PREMI GOLDEN GLOBE:
Miglior film commedia o musicale, Miglior attore in un film commedia o musicale (Colin Farrell), Miglior sceneggiatura (Martin McDonagh)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Gli spiriti dell'isola, 26 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  15/03/2023 09:32:25
   8 / 10
Ci sono grandi film, e questo è un grande, grandissimo film, che non possono assurgere allo status di Capolavoro perché si privano delle ragioni delle scelte che ruotano attorno ai suoi personaggi. Anzi, forse sono proprio i personaggi il vero problema. Cerco di capire, perché rare volte un cinema di introspezione è riuscito a penetrare così abilmente - e con un velo di latente, inquietante ironia, nelle spire dell'Uomo, raccontando come le sue ombre possano scaturire attraverso la vendetta e l'automutilazione da ragioni futili. Supportato da dialoghi che rasentano il nonsense cfr. In questo senso sfruttare il nome del "nativo" Beckett può essere credibile, "Gli spiriti dell'isola" comincia a raccontarci o persuaderci di una felicità (?) coltivata negli stessi stilemi, nei cliché quotidiani di un'isola noiosa e artefatta/protetta perfino dalla Guerra di un'umanità che deve esprimere con le armi il proprio conflitto. Una "felicità" latente, ripeto, fatta di bicchierate in osteria, di pastorizia, di funzioni religiose, di canzoni popolari tramandate nei decenni, una "felicità" dove il valore di un'amicizia è quasi imposto per non morire di sonno. In questo senso la guerra privata del protagonista appare illogica quanto più il suo personaggio non ha alcuna credibilità profonda da poter esaudire le sue richieste di attenzioni. Resta un ottuso isolano che ignora i pericoli ma anche le attrattive del mondo, a dispetto dell'amico/nemico che nel Suo Mondo compone musica, si diletta di arte, prova a non essere testimone passivo del suo tempo e del suo habitat. In questo contesto, il film chiude il suo cerchio, nel mefitico epilogo, che assomiglia a una Metafora sull'esistenza che qualcuno vicino cfr. La sorella ha già provveduto a modificare a suo favore. Sullo sfondo di una bellezza naturale senza confronti, ma per molti aspetti statica e mai strategica nelle sue scarse risorse, il conformismo imperante, per non dire l'abitudine, accetta come inevitabili anche forme morbose ed esecrabili di rapporti familiari (padri e figli) senza scomporsi. Il "fuori" per quanto corroso da una battaglia distinta stolta ma in qualche modo comprensibile, è il Mondo che, nella sua imperfezione, coltiva - per assurdo - un margine anche imperfetto di Vita

Light-Alex  @  09/03/2023 10:10:37
   7 / 10
Una sorta di pièce di teatro dell'assurdo, in cui il palcoscenico sono i paesaggi metafisici da confini del mondo dell'isola irlandese di Inisherin.

La sceneggiatura è in effetti un racconto al limite del paradosso, e del non-sense. Se la si prende alla lettera è abbastanza surreale ed estraniante. Entrati però nel mood del racconto, che appunto deve essere quello di pensarsi davanti a una narrazione quasi teatrale, ci si rende conto che dietro gli eccessi, i paradossi e i parossismi, c'è una storia che appositamente esaspera alcune dinamiche per creare una grande metafora.
Certamente la metafora ha anche a che fare con la guerra civile irlandese, che in effetti è sempre costante alle porte in tutto il film. Ma direi più che altro che la metafora è sulla crisi che può scatenarsi tra due realtà affini, tra due realtà amiche da sempre, e che poi di colpo, per futili motivi, si allontanano. E di come questo allontanamento e questa lite possa essere atroce, durissima, persino auto-lesionista, quando da un profondo legame si arriva a un odio così netto. La crisi è talente estesa che si arriva al punto da non capire più nella resa dei conti, chi ha cominciato cosa, chi è ancora in debito e chi è in credito. Inoltre la crisi si estende a tutta la comunità, cambia gli equilibri dei rapporti, lascia esterreffati e ammutoliti tutta la società che ruota intorno ai due litiganti.

Alcuni hanno paragonato questa metafora al conflitto fratricida Ucraina-Russia.
Direi che il fascino di questo film è che nel grottesco e nell'assurdo riesce a parlare sia di una piccola dinamica umana, sia di una grande dinamica sociale.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  07/03/2023 13:52:56
   7½ / 10
Una piccola guerra civile tra i due amici e sullo sfondo una grande guerra civile.
Basterebbe questo per sottolineare l'insensatezza di questo genere di guerre, forse gettando un occhio anche a quello che succede in Russia/Ucraina.

Il sempre ottimo Martin McDonagh gira un film sorprendente e originale che ha nei bizzarri dialoghi il suo punto di forza.
Per fortuna non è solo un film di genere grottesco ma che apre a diversi significati andando a pescare da tradizioni celtiche, vecchie leggende o altro.
Un mix affascinante, mai noioso e che non cade nel ridicolo malgrado alcune scelte dei protagonisti sembrino fuori di testa.

Aggiungiamo i bellissimi scenari e un grande (come sempre) Gleeson.

Tempest78  @  07/03/2023 09:36:14
   5 / 10
rispetto a 3 manifesti a ebbing questo film è decisament molto meno interssante. si salva solo la bellissima fotografia ma per il resto una intera storia sulla divisione dei du amici con tutte le consguenzwe folli abbastanza forzate che ne conseguono non mi hanno preso per niente e nemmeno coinvolto.. unica nota positiva il finale che secondo me chi ha osannato questo film non ha capito

Filman  @  04/03/2023 10:28:24
   9 / 10
L'originalità premia sempre. E anche la voglia di intimità, di ricercarsi e di riscoprirsi, da parte dei registi, cosa che nell'ultimo periodo fanno sempre di più. Dopo un inizio di carriera molto libero ed una maturità autoriale conquistata con l'approvazione del mondo cinematografico che conta, Martin McDonagh ricerca il proprio stile e la natura filosofica dei suoi film attraverso la propria discendenza irlandese. E in parte anche il contrario.
Il surrealismo qui non si limita alla scrittura grottesca dei personaggi o alla visione mistica e folkloristica degli eventi, sensati nella loro insensatezza, ma alla strana sensazione che qualcosa di insolito provoca. Questa isola, questa bolla sociale, che conosce il mondo solo grazie a qualche lontano rumore o a qualche cortina di fumo, sembra in parte un luogo divino lontano dai problemi dei mortali, in parte un luogo dove le anime soggiornano in attesa di venire chiamate, da una parte o dall'altra. Un concept assolutamente geniale.
La qualità narrativa ci dice invece che il distacco dell'autore dai suoi maestri è sempre più marcato. La violenza che porta ad altra violenza è un tema sempre più personalizzato ed usato come imbottitura per delle storie in cui il conflitto continuo e continuativo è fondamentale per l'essere umano, in cui un rapporto fondato sull'odio è giusto tanto quanto un rapporto fondato sull'amore, in cui l'essere buoni e l'essere cattivi sono due cose che devono bilanciarsi.
Questo capolavoro approfondisce antropologicamente la poetica di McDonagh, che ne trova il genoma nella storia moderna della sua Irlanda indipendentista. E lo fa bene. E lo fa con un film mai visto prima.

lilliput  @  03/03/2023 17:32:15
   7 / 10
Il film ha come punti di forza l'interpretazione dei 2 protagonisti,la fotografia ,' l'implicito messaggio( che ne costituisce il punto di forza ma anche il suo limite)

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

130300  @  02/03/2023 21:54:15
   7½ / 10
Film apparentemente banale ma pieno di significati da scovare.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  28/02/2023 17:31:36
   8 / 10
Bellissima metafora umana della Storia dell'Irlanda.
Film riuscitissimo , girato ed interpretato alla perfezione, della durata giusta e dalla fotografia ed ambientazioni meravigliose.

Gli echi mitologici e visionari rendono la visione del film incantevole e Barry Keoghan e Brendan Gleeson superbi.

Da vedere

TheLegend  @  25/02/2023 00:48:40
   8 / 10
Adoro lo stile di questo regista.
La lentezza di alcune parti penso sia pienamente giustificata e probabilmente voluta.
Un plauso anche agli attori.

Febrisio  @  24/02/2023 08:48:59
   7½ / 10
Un insolita sceneggiatura in un isola senza tempo. Un po commedia un po' deprimente ti incolla scena dopo scena. È ciò che il vero cinema può riservare malgrado sia una storia molto semplice e lenta. Per raggiungere questi risultati la regia gioca con l'animo dello spettatore, semplici aneddoti e una sceneggiatura che sembra venuta fuori da una racconto leggendario. Merita. Anche le espressioni e le sopracciglia di Colin Farell meritano.

Manticora  @  18/02/2023 15:16:47
   8½ / 10
Al quarto film, dopo una carriera come regista teatrale McDonagh trasforma la terza piece teatrale omonima in un film, non essendo mai stato nè pubblicato come opera letteraria, nè come opera teatrale, a differenza degli altri due.
Certamente prendendosi un rischio calcolato il regista irlandese ne fà un film sobrio, senza fronzoli come è suo agire, in cui gli attori nell'interpretare i personaggi fanno la DIFFERENZA.
Mentre Blendan Gleeson da quel caratterista affidabile che è lavora per sottrazione, dando al suo Colm lo spessore che serve, Colin Farell è un Padraic semplice, gentile ma anche disperato per la fine di un amicizia che era il sostegno della sua vita. Sull'isola immaginaria di Irishin si consuma il dramma metaforico del popolo irlandese, mentre la guerra infuria sull'Irlanda, l'isola vive al di fuori di essa, rapportandosi con il suo isolamento che crea una manica di semplici, irascibili, pettegoli e arroganti uomini e donne che si trastullano con vizi e virtù.
Il film rasenta la perfezione nell'impianto narrativo, che contempla la vita semplice ma sempre uguale di una comunità dove oltre al lavoro, al bere e alla musica non c'è molto altro. Raffigura la vita irlandese un secolo fà, e i vuoi pregi, e i suoi vizi. Tutto viene messo in discussione, e tutto nel bene o nel male finisce, ma McDonagh non è mai scontato, e se le

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Ogni azione provoca una reazione, volontaria e non, a cui alla fine solo la sorella di Padric, Siobhan cerca di sfuggire

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Il film merita almeno l'oscar come miglior film e soprattutto miglior sceneggiatura ORIGINALE che spero i membri dell'academy sappiano riconoscere. Non di meno sia Barry Keoghan che Kerry Condon meriterebbero quelli come attore e attrice non protagonista. Gli spiriti dell'isola ha la forza delle storie semplici ma che sanno narrare delle paure e delle debolezze umane, oltre che dei desideri.

BigHatLogan91  @  17/02/2023 15:36:53
   8 / 10
Un'ottima sceneggiautra fa da base a un film che fa riflettere sul dramma della guerra civile.

InvictuSteele  @  15/02/2023 18:07:18
   7 / 10
Buon film, adoro il cinema di McDonagh. Atmosfera e paesaggi d'incanto, attori straordinari, dialoghi bellissimi. Tuttavia, gli manca qualcosa per essere davvero grande, la trama infatti, nonostante i tanti simbolismi, è molto sempliciotta. Succede poco e niente, si aspetta qualcosa che non accade. Comunque da vedere,anche se non ai livelli delle precedenti pellicole del regista.

ValeGo  @  12/02/2023 18:12:39
   7½ / 10
Film particolare e grottesco su uno spaccato di società con i suoi pregiudizi, prigioni, sentimenti ed emozioni. Un piccolo quadro realista.

AMERICANFREE  @  11/02/2023 18:04:39
   8½ / 10
Bello questo film,ho visto i film precedenti di McDonagh e anche questo non mi ha deluso. Bellissima la location,i dialoghi molto molto interessanti.Bravi i protagonisti,meritano un oscar. Da vedere.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  11/02/2023 12:50:02
   8 / 10
La disperazione, arto dopo arto, si mangia viva silenziosamente la gentilezza, parificandola a sé stessa, per questo l'oscurità inghiotte eternamente la luce, portandola al suo stesso pari, metafora che si consuma al di là dell'acqua, oltre lo stesso orizzonte sulla terra ferma, mentre si sentono ancora le cannonate degli anni '20, l'eterno ritornello, che no, non finirà mai.

Gruppo COLLABORATORI Harpo  @  09/02/2023 18:42:57
   8 / 10
Sono davvero un po' in difficoltà a commentare questo film e probabilmente commetto l'errore di valutarlo a caldo dopo la visione. Andiamo per gradi: "Gli spiriti dell'isola" è un filmone, punto. La fotografia è sconvolgente, il soggetto è robusto, così come la sceneggiatura. I dialoghi più di una volta sono strepitosi e i due protagonisti sono in formissima. Il montaggio è decisamente lento, ma per quello che è il soggetto va benissimo così.
Però, non so, io ho percepito ben più di un filo di autocompiacimento in McDonagh: abbiamo capito che ce l'hai grosso, anche Loach o Malick ce l'hanno grossissimo, ma non avevano bisogno di ribadirlo così apertamente.
Non so, magari tra un po' sarà tra i miei film preferiti in assoluto, ma a caldo mi ha lasciato quel po' di amaro in bocca da non farmi gridare al capolavoro assoluto.

VincVega  @  06/02/2023 13:23:12
   7½ / 10
"The Banshees of Inisherin" parte come una commedia nera, ma pian piano si fa sempre più drammatica, in cui i comportamenti di un individuo (Colm) vanno a sconvolgere la quotidianità di un'isola dove tutti si conoscono e tutti sanno tutto di tutti. Pellicola che indaga sul rapporto d'amicizia tra due uomini che senza (apparentemente) ragioni non vanno più d'accordo. McDonagh pone anche diversi interrogativi allo spettatore sui vari comportamenti umani e l'escalation della sceneggiatura è riuscita, diciamo che non tutti i comportamenti dei personaggi mi sembrano credibili. Comunque particolarmente azzeccata l'ambientazione e grandissime prove degli attori (soprattutto Farrell, Gleeson e Condon). A mio avviso non è ai livelli di "In Bruges" e "Tre Manifesti...", che personalmente reputo due mezzi capolavori, ma rimane comunque un film da vedere.

Thorondir  @  04/02/2023 23:03:43
   6½ / 10
Continuo a non capire il perchè a Hollywood si straccino le vesti per McDonagh. O forse si, e il problema sta tutto nella picchiata qualitativa del cinema hollywoodiano, così messo male che è prontissimo puntualmente a elevare un prodotto medio come questo a roba che neanche Tarkovskij.

Il film è una chiara allegoria sul popolo irlandese (entrambi i genitori del regista sono irlandesi ed egli stesso ha la doppia cittadinanza britannica/irlandese). Si percepisce il legame intimo di McDonagh con quel paese. Un popolo che si è fatto la guerra, che si è ammazzato a vicenda (non a caso la guerra civile sullo sfondo): i due personaggi (va detto, ottimamente interpretati, con uno dei migliori Farrell di sempre) simboleggiano proprio il conflitto del popolo irlandese sul finire degli anni '20: piuttosto che chiarirsi meglio farsi la guerra, meglio farsi del male da soli (non a caso l'automutilazione), meglio non parlarsi. Così la sorella di Padraic è il simbolo dell'emigrazione irlandese, storicamente caratteristica di questo popolo (tanto più nel periodo in cui è ambientata la vicenda). Questa allegoria arriva in modo chiaro ed è filmicamente risolutiva, cioè questa è la cosa principale che il film vuole dire. Ma McDonagh tocca anche altri temi e in particolare l'importanza dell'arte e quello del trascorrere del tempo: entrambi rimangono temi non eviscerati dal film; l'uno elemento centrale di una "scena madre" (il confronto nel pub sull'arte, Mozart, ecc.) l'altro rimane ancor di più in tracce sparse e mai ricomposte in modo organico e coerente. È vero, qua e là si ride di gusto, ma la scrittura di McDonagh sembra essere molto buona nel trovare momenti di brillantezza battustica, decisamente meno nel sostenere un film-allegorico che svelato il messaggio fila via decisamente piatto.

6 risposte al commento
Ultima risposta 18/03/2023 11.24.19
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  03/02/2023 01:19:21
   7 / 10
Allora: McDonagh è uno bravo, bravissimo, ed ha dimostrato con appena 3 film (uno splendido, uno buono ed un capolavoro) di meritare un posto alla tavola dei più grandi. Perciò se decide di girare un film apparentemente minore su una piccola isola al largo dell'Irlanda ambientato negli anni '20, tu lo vai a vedere e speri di uscirne arricchito. Il guaio è che se così non è poi esco con l'amaro in bocca, perché quando a deludere è uno veramente bravo la delusione è ancora più cocente (tipo Spielberg con The Fabelmans).

E quindi abbiamo questo film molto intimista, in cui la guerra civile fratricida irlandese fa da contrappunto alla guerra fratricida tra due amici sulla piccola isola di inisherin: il mite e semplice Padraic e il musicista Colm.

Le schermaglie senza senso tra i due sono forse metafora delle schermaglie senza senso della guerra civile, o forse sono solo il sintomo di una terra che non offre nulla se non chiacchiericcio, noia, disperazione e birra; il guaio è che in fin dei conti non interessa più di tanto a nessuno.

Ciò detto, proprio perché McDonagh è bravo, il film è pieno di dialoghi brillanti, paesaggi stupendi stupendamente fotografati, e il duo Farrell/Gleeson è meraviglioso: ma 3 Manifest e in Bruges erano su un'altra galassia.

4 risposte al commento
Ultima risposta 18/03/2023 11.14.17
Visualizza / Rispondi al commento
BlueBlaster  @  01/02/2023 11:48:17
   8 / 10
Gran bel film!
Piuttosto particolare, a cavallo tra vari generi, con dialoghi riusciti "in bocca" ad un cast eccezionale ed un Colin Farrell in stato di grazia.
Splendida fotografia in splendide location.
Una pellicola che trasmette parecchio allo spettatore...dolcissima l'asinella Jenny!

The bitter end  @  31/01/2023 18:48:17
   9 / 10
Martin McDonagh continua a fare centro con il suo stile e la sua narrazione. Ho apprezzato ogni singolo film che ha creato e quest'opera, una brillante allegoria della guerra civile irlandese in chiave tragicomica, è forse il mio preferito tra i suoi lavori.

Il lavoro della macchina da presa è estremamente bello, i toni comici e drammatici si fondono alla perfezione e tutte le interpretazioni del cast sono straordinarie. La narrazione è semplice e basilare, ma funziona grazie allo stile di scrittura dell'autore e la sua regia. I personaggi sono strani e divertenti da guardare e tra i punti di forza maggiori del film vi è la chimica tra gli attori e il loro legame col territorio, ti sembra veramente che siano lì da una vita e che tu stia guardando una storia vera (immagino abbia aiutato molto il fatto che gli attori siano tutti irlandesi e la location sia un'isoletta gaelica).

Questo. E'. Cinema.
Questa è la settima arte.

Jumpy  @  30/01/2023 12:38:48
   7 / 10
3 manifesti mi piacque, qui il regista si sposta dalla provincia americana all'Irlanda del primo dopoguerra (visto in originale: parlano un inglese velocissimo e quasi incomprensibile se non si segue con molta attenzione).
I paesaggi, bellissimi, fanno da sfondo con un impatto visivo notevole.
Anche qui, come in 3 manifesti, in un ambiente apparentemente tranquillo, statico fatto di routine noiosa, di persone profondamente depresse, si rivelano progressivamente scenari inquietanti, drammatici, rapporti personali tesi, dai toni sempre più forti e violenti.
L'ho trovato un po' ostico e difficile d seguire, anche per via dei cambi di registro (dall'ironico, grottesco, quasi commedia surreale, al drammatico) che disorientano e confondono, soprattutto nella prima parte.
Non mi è piaciuto come 3 manifesti, ma sicuramente merita una visione.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

7219415  @  27/01/2023 18:14:49
   5½ / 10
Ho amato i primi due McDonagh, il terzo mi ha un po' deluso, questo lo reputo veramente un film senza senso. L'unica cosa bella sono i paesaggi

Mauro@Lanari  @  27/01/2023 12:01:39
   3 / 10
Colgo l'occasione per spiegare la faccenda (forse) una volta per tutte. L'antropologia di Nietzsche è dualistica contrapponendo i nichilisti attivi ai passivi: mentre gl'uni accettano lo status quo per "amor fati", gl'altri non riescono ad adattarvisi non possedendo un'indole che consenta loro d'accettare il survivalismo col suo processo degenerativo fino all'estinzione. Sin qui l'umanità ha dimostrato di rientrare in tale categoria binaria, idem l'intera cultura planetaria. L'esistenzialismo novecentesco è stato un fenomeno di massa ch'è andato scomparendo nella seconda metà del secolo. Ancor prima troviamo l'epica greca da Omero a Esiodo, la filosofia presocratica, la tragedia ateniese giunta al punto di non ritorno con l'"Edipo a Colono" di Sofocle nel 401. In ambito ebraico, l'ulteriore radice del pensiero occidentale, troviamo il disfattismo del Qohèlet. Il problema di costoro consiste nel fatto che hanno sempre e solo saputo o lamentarsi o protestare, non suggerendo mai nulla di costruttivo. I nichilisti attivi sono invece epicurei, oraziani, giovenaleschi, cantori del "carpe diem". Pure l'arte e quindi il cinema sono riconducibili alle due tipologie nietzscheane, e singoli autori o singole opere possono persino oscillare instabilmente fra un polo e l'altro. "Tertium datur"? In effetti sì. Nel 524, l'anno prima d'essere ucciso, Boezio espone nel "De consolatione philosophiae" un dilemma che troverà una formula più rigorosa con Leibniz negli "Essais de Théodicée", scritti nel 1705 e pubblicati nel 1710: "Si Deus est, unde malum? Si non est, unde bonum?". Per atei, materialisti e immanentisti si spalancava l'opportunità d'analizzare il secondo corno del dilemma. Quanti ne hanno approfittato? Quanti finalmente hanno iniziato a fornire una proposta? A mia conoscenza, un unico pensatore: Ernst Bloch, cominciando dal suo libro principale edito nel '59. Cioè il nostro tentativo d'esordio al di là dei nichilismi attivi e passivi data ad appena pochi decenni fa, e nessun altro studioso ha affiancato Bloch nell'inedito filone di ricerca da lui inaugurato. Shockante, sconvolgente, devastante.
Con ciò pure McDonagh non può non rifarsi alla "disperazione di Kierkegaard" (Federico Pontiggia), alla "crepuscolarità funerea di Beckett" (Enrico Azzano), "non per niente Samuel Beckett è dublinese e certamente uno dei referenti più forti, [...] abilissimo tessitore di trame e dialoghi impastati nell'assurdo" (Emanuela Martini), "sembra una commedia dell'assurdo in costume scritta da Beckett" (Carlo Valeri). E perché non addirittura il Sartre de "La Nausée", 1938? Basta con 'sta retroguardia, dopo decenni e millenni esigo dalla cultura qualcosa che come minimo (ri)parta da Bloch.

18 risposte al commento
Ultima risposta 24/02/2023 23.15.10
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  29/09/2022 17:27:54
   8 / 10
La guerra civile d' Irlanda sullo sfondo e nell'isola di Inisherim che potrebbe sembrare un posto tranquillo, anzi abbastanza noioso e deprimente in cui l'unico espediente è qualhe sana sbornia, scoppia un guerra fratricida tra due amici, senza un motivo preciso, forse dettato dalla noia stessa. Molto ironico e grottesco, carico di non sense nella parte iniziale, dove domina un senso di profondo smarrimento per l'imprevista rottura di amicizia, il film prende pieghe più cupe e fosche, distruttive da una aprte ed autodistruttive dall'altra, in una spirale senza scampo dove proabilmente l'unica speranza è fuggire ed andare in quell'Irlanda falcidiata dal conflitto civile. ironico ed amaro il film di Mcdonagh lavora molto di cesello con i suoi attori, specialmente Farrell e Gleeson che rinverdiscono i fasti di In Bruges e senza sottovalutare la Condon, sorta di controcanto dell'irreversibilità del rapporto fra due ex amici. Uno dei film migliori di Venezia 79.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

2028: la ragazza trovata nella spazzaturaa letto con sartreacqua alle cordeanataranche ioannie ernaux - i miei anni super 8ant-man and the wasp: quantumaniaargentina, 1985argonuts - missione olimpoassassin clubasterix & obelix - il regno di mezzoavatar - la via dell'acquababylon (2022)benedettabigger than us - un mondo insiemebillie eilish: live at the o2bussano alla portac'era una volta in italia - giacarta sta arrivandocharlotte m.: il film - flamingo partychiaracocainorsocreed iiidecision to leave
 NEW
diario di speziedisco boydomino 23 - gli ultimi non saranno i primi
 NEW
educazione fisicaemancipation - oltre la liberta'empire of lighteoernest e celestine - l'avventura delle 7 noteeverything everywhere all at once - la vita, il multiverso e tutto quantofairytale - una fiabagigi la legge
 NEW
gli occhi del diavologli spiriti dell'isolagodland - nella terra di diograzie ragazzihidden - verita' sepolteholy spiderhometown - la strada dei ricordii migliori giornii nostri ieriil boemoil cacio con le pere
 NEW
il capofamigliail corsetto dell'imperatriceil gatto con gli stivali 2 - l'ultimo desiderioil grande giornoil mio amico massimoil primo giorno della mia vitail ritorno (2022)io vivo altrove!jung_ekill me if you cankiller her goatsklondikela fata combinaguaila ligne - la linea invisibilela memoria del mondola primavera della mia vitala seconda vialadri di natalelaggiu' qualcuno mi amale otto montagnele vele scarlattel'innocente (2023)l'ispettore ottozampe e il mistero dei misteril'ombra di goyal'ultima notte di amorel'uomo che disegno' diol'uomo sulla stradam3ganma nuitma tu, mi vuoi bene?magic mike - the last dancemarcel the shellmasquerade - ladri d'amoreme contro te: il film - missione giunglamissing (2023)mixed by errymummie - a spasso nel temponannynapoli magicanarvik: hitler's first defeatnatale a tutti i costinezouh - il buco nel cielonon cosi' vicinopamela, a love storyparlate a bassa voceperfetta illusionepinocchio di guillermo del toropreparativi per stare insieme per un periodo indefinito di tempoprimadonnaprofetiromantichesaint omersbagliando s'imparascream visharper
 NEW
shazam! furia degli deisi', chef! - la brigadetarterezinthe fabelmans
 NEW
the honeymoon - come ti rovino il viaggio di nozzethe leechthe mean onethe offering (2022)the pale blue eye - i delitti di west pointthe planethe quiet girlthe sonthe straysthe whaletill - il coraggio di una madretramite amiciziatre di troppotre minutitrieste e' bella di nottetutto in un giornoun bel mattinoun matrimonio esplosivoun uomo feliceun vizio di famigliauna relazione passeggera
 NEW
what's love?whitney - una voce diventata leggendawomanwomen talking - il diritto di scegliereyakari: un viaggio spettacolare

1038175 commenti su 49011 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BETTER CALL SAUL - STAGIONE 6BILLY THE KID - STAGIONE 1IL DIAVOLO IN OHIO - STAGIONE 1INCASTRATI - STAGIONE 2LOCKE & KEY - STAGIONE 3NIENTE DI SOSPETTO - STAGIONE 1ONLY MURDERS IN THE BUILDING - STAGIONE 2OUTER BANKS - STAGIONE 1OUTER BANKS - STAGIONE 2OUTER BANKS - STAGIONE 3SHINING VALE - STAGIONE 1THAI CAVE RESCUE - SALVATI DALLA GROTTATHE LAST OF US - STAGIONE 1THE OFFERVIS A VIS: L'OASIS

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net