gigi regia di Vincente Minnelli USA 1958
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

gigi (1958)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film GIGI

Titolo Originale: GIGI

RegiaVincente Minnelli

InterpretiLeslie Caron, Maurice Chevalier, Louis Jourdan, Hermione Gingold, Eva Gabor, Jacques Bergerac, Isabel Jeans, John Abbott, Corinne Marchand, Marie-Hélène Arnaud, Anne-Marie Mersen, Jack Ary, Daniel Aubé, Richard Bean, Cecil Beaton, Jacques Bertrand, Paul Cristo, Hubert de Lapparent, Cilly Feindt, Edwin Jerome, Maurice Marsac, Bernard Musson, Dorothy Neumann, Jean Ozenne, Maruja Plose, Roger Saget, Pat Sheehan, Marilyn Simms, Lydia Stevens, Jack Trevan, François Valorbe, Monique van Vooren

Durata: h 1.55
NazionalitàUSA 1958
Generemusical
Al cinema nel Luglio 1958

•  Altri film di Vincente Minnelli

Trama del film Gigi

Gigi, una graziosa ragazza di provincia, vive con la nonna e una zia a Parigi. Costoro sperano che la piccola diventi una mondana di lusso. Hanno anche messo gli occhi sul possibile "protettore": il ricchissimo Gaston Lachaille. Gaston però, essendo veramente innamorato di Gigi, rifiuta sdegnosamente. La stessa ragazza, rivelando un forte carattere, si oppone ai disegni delle due parenti. In una deliziosa Parigi da cartolina, con una deliziosa Leslie Caron, le canzoni di Lerner e Loewe e un sornione Chevalier (Oscar alla carriera), un sontuoso musical ispirato ad un romanzo di Colette.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,96 / 10 (12 voti)6,96Grafico
Miglior filmMigliore regiaMigliore sceneggiatura non originaleMiglior fotografiaMiglior montaggioMigliori costumiMigliore scenografiaMiglior colonna sonoraMiglior canzone (Gigi)
VINCITORE DI 9 PREMI OSCAR:
Miglior film, Migliore regia, Migliore sceneggiatura non originale, Miglior fotografia, Miglior montaggio, Migliori costumi, Migliore scenografia, Miglior colonna sonora, Miglior canzone (Gigi)
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Miglior film straniero
Miglior film musicaleMiglior regista (Vincente Minnelli)Miglior attrice non protagonista (Hermione Gingold)
VINCITORE DI 3 PREMI GOLDEN GLOBE:
Miglior film musicale, Miglior regista (Vincente Minnelli), Miglior attrice non protagonista (Hermione Gingold)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Gigi, 12 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Dom Cobb  @  30/11/2018 18:52:40
   5 / 10
Nella Parigi della Belle Epoque, una giovane ragazza cerca in ogni modo di opporsi all'educazione triviale offertale dalla nonna e dalla zia, secondo le quali l'amore è soltanto un mezzo di scalata sociale ed economica. La ragazza, soprannominata Gigi, finisce per innamorarsi di un giovanotto ricco e annoiato...
Mi pare di aver già parlato in precedenza di quel secondo ramo del musical che si è venuto a creare al cinema nel corso del suo periodo d'oro: a differenza degli exploit di Gene Kelly, questo si contraddistingue per le sue radici nel teatro di Broadway, nella sua impostazione spettacolare e nella sua immensa opulenza. "Gigi" fa parte senz'altro di quest'ultimo filone, e neanche a dirlo anche questo si basa su un pezzo della popolare coppia di autori Alan Jay Lerner, qui anche nel ruolo di sceneggiatore, e Frederick Loewe, a sua volta tratto da un pezzo di letteratura francese.
Se già "Il re ed io" rappresentava un pessimo punto di partenza, non è che qui le cose vadano tanto meglio, e lentamente mi sorge il sospetto se per caso non si tratti solo di un problema di gusti personali: come al solito è il lato tecnico a dominare su tutto il resto, fra scenografie e costumi come sempre magnifici ed eleganti, una fotografia sgargiante e colorata e uno stile visivo che, se non altro, rende il prodotto una gioia per gli occhi.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Una volta appurato questo, però, mi sorge spontanea una domanda: perché mai riversare tanto ovvio talento e impegno per adornare una storia priva di importanza o interesse alcuno, quello che alla fine non è altro che il solito, prevedibile tira e molla fra il maschio e la femmina della coppia, che già tutti sanno dove andrà a parare e per di più ci mette un'eternità per sviluppare uno qualsiasi dei suoi snodi narrativi? La vicenda, annegata in un mare di sentimentalismo e melodrammaticità, è materiale da fotoromanzo o da soap opera, così come i personaggi che lo popolano, e né gli uni, né gli altri vengono aiutati dalla regia di Vincente Minnelli, che ancora una volta si conferma uno dei mestieranti più privi di energia della Hollywood dei tempi d'oro.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Le musiche continuano ad essere terribilmente anonime e qualsiasi talento da parte degli attori è quasi del tutto sprecato, ciascuno costretto in un ruolo che non gli da niente con cui lavorare.
Quasi. Perché vi è un elemento nel film capace di iniettare un'indispensabile e salvifica dose di vivacità nello sviluppo narrativo e che puntualmente riesce ad alleggerire le atmosfere all'acqua di rose offrendo una sana dose di sardonica, divertita autoironia. Quell'elemento si chiama Maurice Chevailer, anfitrione e osservatore da dietro le quinte di tutta la vicenda: agghindato in quei costumi, con quel cartoonesco cilindro e la perenne aria sorniona, Chevalier è una sorta di simpatico nonno ancora in possesso di una certa vitalità giovanile, quasi una versione in carne ed ossa di George l'avvocato de "Gli Aristogatti": ogni sua apparizione è un autentico salvagente dalla dilagante noia. Così dirompente è la sua energia da riuscire in certe occasioni a contagiare anche altri membri del cast, come succede a Louis Jourdan nelle sue prime scene.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Grazie a Chevalier, il film riesce a raggiungere quanto meno dei livelli di tollerabilità che rendono la visione meno pedante, ma non basta purtroppo a fargli raggiungere la sufficienza. Con buona pace degli estimatori, "Gigi" è tutto fumo e niente arrosto, dove la tecnica curata e l'aspetto visivo sono solo uno specchio per le allodole per nascondere il vuoto e l'inutilità di una storia e di personaggi inesistenti.

Goldust  @  20/12/2016 16:12:48
   7 / 10
Un classico prodotto Hollywoodiano girato con classe e cura dei particolari, i cui i colori caldi e brillanti della Parigi di inizio '900 fanno bella mostra di sè almeno quanto i buoni sentimenti dei quali il film è ricolmo. Non amando il genere non riesco ad andare oltre con gli elogi e solo un paio di canzoni mi sono sembrate di alto livello, entrambe con l'arzillo Chevalier come protagonista: quella iniziale sulla noia, cantata dallo zio e dal nipote e il botta e risposta tra i due vecchi amanti con il tramonto sullo sfondo. Nonostante la bravura di tutti gli interpreti e la simpatia delle situazioni la pioggia di Oscar francamente non si spiega.

NickGatsby  @  26/02/2016 00:17:01
   7 / 10
Una bella storia d'amore raccontata con la semplicità e il candore degli anni 50. Non sono un amante dei musical ma quest'opera mi ha intrattenuto ed a tratti divertito. Bravissimi i protagonisti e molto belle le musiche. Parigi da copertina.
Enigmatica la presenza della madre che si sente solamente, senza mai mostrarsi.
UN SALTO INDIETRO NEL TEMPO MA CON CLASSE.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  24/12/2011 20:14:57
   7½ / 10
Nonostante i numerosi premi (francamente troppi), è uno dei Minnelli meno travolgenti. La cura di spazi e scene e sempre maniacale ma forse l'estrema ricchezza produttiva ha frenato il genio del regista invece che stimolarlo. La pressoché totale mancanza di coreografie è inspiegabile, ancor di più se si ha come protagonista una ballerina prodigiosa come Leslie Caron, a dire il vero una Gigì incantevole. Comunque sia, un film piacevolissimo che trasforma il romanzo formativo di Collette in un'operetta dai toni sbarazzini. Gran classe da parte di Jourdain e Chevalier, irresistibile cacciatore di gonnelle.
Non mi sembra che sia riuscito a fissarsi particolarmente nell'immaginario collettivo del genere (neppure con i brani che propone) ma la scena del pettegolezzo musicalmente bisbigliato rivela l'assoluto estro creativo di un regista strepitoso.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  19/01/2009 15:34:06
   6 / 10
Doveva esserci poco da vedere quell'anno se questo film ha vinto tutti questi premi...va bene costumi e scenogafia ma tutto il resto lo puo' apprezzare,forse,solo chi ama il genere!
Musical lento e noioso,troppo mieloso per i miei gusti ma di indubbio livello tecnico.

Invia una mail all'autore del commento wega  @  24/07/2008 19:56:10
   6½ / 10
Discreto musical, di fattura sicuramente raffinata, ma altrettanto convenzionale. L'amore trionferà. Non mi è piaciuta nemmeno tanto la fotografia.

annisenzafine  @  26/01/2008 09:20:20
   8½ / 10
Mi è piaciuto molto, un musical che ti mette di buon umore.
Bellissimi i costumi. E anche le musiche: specialmente quelle cantate da Maurice Chevalier (I remembered it well una delle mie preferite), è simpaticissimo! L'ho scoperto guardando questo film, ora indagherò su altri suoi film :)

1 risposta al commento
Ultima risposta 26/01/2008 09.22.06
Visualizza / Rispondi al commento
Dick  @  21/07/2007 19:23:37
   8 / 10
Film proprio simpatico e per certi versi adorabile.

ds1hm  @  21/02/2007 15:20:32
   6½ / 10
ho sempre mal tollerato i musical ma questo attirò la mia attenzione tanti anni fa e seppur non riuscendo a modificare le mie idee per tale genere cinematografico onestamente non riesco a non riconoscere uno strano valore per un cinema fine a se stesso.

Gruppo REDAZIONE maremare  @  12/02/2007 09:32:23
   7 / 10
Sul modello di 'Pigmalione' un musical di successo, diretto dal maestro del genere.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  12/02/2007 08:24:18
   7½ / 10
Sul modello non dichiarato del Pygmalion, Minnelli adatta la vicenda di Gigi come una (deliziosa) pochade, ricca di riferimenti europei (e non potrebbe essere altrimenti, visto la scelta degli interpreti e dello script), e La Caron è sempre una ballerina squisita, anche se a tratti vagamente (vagamente?) altezzosa.
Tonnellate di classe e stile da parte di Jourdan e Maurice Chevalier, quest'ultimo davvero esilarante nel brano "I remember it well"

volubilis  @  05/10/2005 12:59:48
   7 / 10
Stile classico, musichette da cantare

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

abigail (2024)accattaromaancora un'estateanother endanselmarcadianaugure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!ennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'inganno
 NEW
furiosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghostbusters - minaccia glaciale
 NEW
girasoligli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo imperoi dannatii delinquentii misteri del bar etoileif - gli amici immaginariil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boy
 NEW
io e il seccokina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4la moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'estate di cleolos colonos
 NEW
marcello miomay decembermemory (2023)metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)niente da perdere (2024)non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillarace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginarioritratto di un amoreroad house (2024)samadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibilesuperlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomthe fall guythe rapture - le ravissement
 NEW
ti mangio il cuoretito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun altro ferragostoun mondo a parte (2024)una spiegazione per tuttouna storia nera
 NEW
vangelo secondo mariavita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1050793 commenti su 50771 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACKOUT (2023)BURNING DAYSCABRINICURSE OF HUMPTY DUMPTY 3GORATHHUMANEIL CLAN DEL QUARTIERE LATINOIL MOSTRUOSO DOTTOR CRIMENIL PRINCIPE DEL MIO CUOREIL SENSO DELLA VERTIGINELA NOTTE DEGLI AMANTILEDALISA FRANKENSTEINMAGGIE MOORE(S) - UN OMICIDIO DI TROPPOMORBOSITA'ONCE WITHIN A TIMEPENSIVEQUESTA VOLTA PARLIAMO DI UOMINISONG OF THE FLYTERRORE SULL'ISOLA DELL'AMORETHE AFTERTHE CURSE OF THE CLOWN MOTELTHE DEEP DARKTHE JACK IN THE BOX RISESTHE PHANTOM FROM 10.000 LEAGUES

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net