frozen river - fiume di ghiaccio regia di Courtney Hunt USA 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

frozen river - fiume di ghiaccio (2008)

 Trailer Trailer FROZEN RIVER - FIUME DI GHIACCIO

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film FROZEN RIVER - FIUME DI GHIACCIO

Titolo Originale: FROZEN RIVER

RegiaCourtney Hunt

InterpretiMelissa Leo, Misty Upham, Charlie McDermott, Mark Boone Junior, Michael O'Keefe

Durata: h 1.37
NazionalitàUSA 2008
Generedrammatico
Al cinema nel Febbraio 2009

•  Altri film di Courtney Hunt

Trama del film Frozen river - fiume di ghiaccio

Ray Eddy, due figli a carico, è stata abbandonata dal marito che ha sperperato al gioco tutti i soldi con i quali la donna pensava di potersi comprare una casetta prefabbricata. Per sbarcare il lunario, la donna aiuta i lavoratori clandestini, cinesi e pachistani, a entrare illegalmente negli Stati Uniti, dal Canada, attraverso il fiume congelato St. Lawrence. Al suo fianco Lila Littlewolf, una giovane nativa Mohawk, la quale, da quando le è stato sottratto il figlio, si è chiusa in un disperato e silenzioso dolore. Nel deserto bianco di una distesa di ghiaccio arida e incolore, le due donne, vincendo un’iniziale ovvia diffidenza, finiranno per unire i loro destini, vedranno crescere la loro tacita intesa, e l’illusione di poter dare un futuro migliore ai loro figli.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,13 / 10 (52 voti)7,13Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Frozen river - fiume di ghiaccio, 52 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Thorondir  @  06/07/2017 14:50:22
   8 / 10
Una sorta di film/documentario sull'America delle camicie di flanella, la frontiera, la periferia. Una povertà raccontata senza retorica, una disperazione che si fa carne nel volto della gigantesca Melissa Leo. La regia tremolante della Hunt e l'utilizzo della camera a mano sembra quasi voler rendere registicamene la precarietà delle vite raccontate, in un mondo dove non si hanno riscaldamenti e dove quel lago ghiacciato sembra essere la metafora di una vita perennemente in bilico tra una felicità anche solo sperata e la dura realtà di tutti i giorni.

Frozen river è un cinema essenziale, privo di fronzoli, duro e semplice perchè racconta il reale, il vero del reale.

Invia una mail all'autore del commento albatros70  @  03/07/2015 15:32:58
   6½ / 10
Abbatsanza ripetitivo nello snodarsi della vicenda ma, in ogni caso, si lascia guardare piacevolmente. Buona la prova dello Leo.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  25/08/2014 17:12:34
   7 / 10
Semplice, vero ed onesto come solo il cinema indipendente può essere. Un buon thriller al femminile.

Sbrillo  @  07/07/2014 01:53:09
   7 / 10
un film indipendente che si avvale di 2 ottime performance delle protagoniste....
il film, abbastanza lontano dalle nostre realtà, parla di 2 donne ai confini del mondo, che cercano di dare un futuro migliore ai loro figli, anche se le premesse e la qualità delle loro vite, sono dure e alquanto disperate.....
un film di sacrificio, dolore, disperazione e speranza che angoscia e che trova nelle gelide ambientazioni canadesi il giusto colore per sottolineare la solitudine e la guerra interiore delle 2 protagoniste, disposte a tutto pur di cambiare le cose...

drammatico nel vero senso della parola ma promosso nella sua triste e cruda rappresentazione!

Orikum  @  28/03/2013 18:22:52
   6 / 10
Brava Melissa Leo, per il resto un filmetto sufficiente con delle scene drammatiche piuttosto smorte e forzate , e alle volte il resto risulta molto noioso.

Lory_noir  @  28/02/2012 22:44:35
   7½ / 10
A volte un film indipendente realizzato in modo molto semplice può darti molto di più di un kolossal. Questo è il caso di questo film. Una grandissima Melissa Leo per una storia davvero toccante e cruda.

BuDuS  @  30/08/2011 15:01:36
   7 / 10
Una storia "molto reale", che forse appartiene ad una realtà molto lontana dalla nostra ma comunque interessante.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR bellin1  @  28/05/2011 14:04:09
   6½ / 10
Carina l'idea di una mamma che per sbarcare il lunario si inventa traghettatrice di profughi su un fiume ghiacciato al confine nord americano con il canada. Bella anche l'ambientazione con annessa fotografia, finale un po scontato. Nel complesso originale e reale, forse.

Piu che sufficiente.

Clint Eastwood  @  17/03/2011 13:59:43
   7 / 10
Non so se valga proprio la pena di vederlo poiché è parecchio statico nello svolgersi delle azioni, ma bisogna segnare un doveroso messaggio che porta senza facili moralismi (un po' alla fine ma era inevitabile) di una madre che pur sapendo di sbagliare nelle sue azioni lo ha fatto solo per il proprio bene e soprattutto per quello dei suoi figli.

Un film, un ritratto di cui l'America ci ha abituato ben poco ed è qui che risiede la sua autenticità/valore maggiore. 6.5/7

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  17/03/2011 13:24:22
   6 / 10
Film dalla trama semplice e lineare che ha il principale punto di forza nell'ambientazione.

Tigrero91  @  14/12/2010 21:20:38
   6 / 10
Ma film carino ,recitato discretamente bene ,alcune belle scene, almeno un film decente uscito in questi anni,ma ripeto niente di che.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR oh dae-soo  @  04/12/2010 11:42:30
   7 / 10
ATTENZIONE: il commento potrebbe contenere anticipazioni.

Piccolissimo film che sfida tutte le regole possibili del successo facile, nessuna retorica, nessuna sequenza particolarmente significativa od eclatante, nessun colpo di scena. In uno stile quasi documentaristico seguiamo soltanto le vicende di due madri, una bianca (una grandissima Melissa Leo) ed una indiana d'America. Siamo in un piccolo paese al confine del Canada. Ray è una madre che ha come unico sogno una casa confortevole per i suoi due bambini se non fosse che il marito è fuggito ed ha portato tutti i soldi con sè. Incontra fortuitamente la Mohawk (popolo di nativi americani) Lila, ragazza madre cui la suocera ha portato via il bimbo. Lila è nel giro dei trafficanti di immigrati che dal Canada, attraverso il fiume ghiacciato del titolo, si riversano negli Usa. Ray è disperata e per racimolare la cifra che le serve per comprare casa, decide di aiutare Lila nel traffico.
Frozen River non è nè più nè meno che un tentativo di raccontare una piccola storia da parte di una giovane regista. Si sente molto la mano femminile che guida il film al punto che tutte le scelte delle protagoniste hanno un forte richiamo alla maternità, all'innato senso di amore e protezione per i propri figli. Il film racconta come a volte anche per inseguire piccoli sogni, perdipiù legittimi come una casa o avere con sè il proprio bimbo, si è disposti a giocare sporco, a prendere rischi. Le due madri sono figure fortemente positive e malgrado quello che fanno lo spettatore non è mai portato a criticare le loro azioni, a condannarle. Questo anche perchè Frozen River non coinvolge moltissimo, si segue la vicenda in modo abbastanza distaccato, freddo, come freddo è lo scenario che lo compone. C'è uno straordinario senso della misura nella regia, di verità e verosimiglianza, un voler raccontare niente di più di quello che vediamo. E' quasi come se non fosse Cinema questo, perchè non viene usato nessun mezzo, trucco o canale che la cinematografia è solita utilizzare per far entrare lo spettatore dentro il film, per portarlo dalla sua parte. A dir la verità sono almeno 3 o 4 i momenti in cui sembra che la pellicola possa finalmente imboccare una nuova strada, diventar qualcos'altro (la prima lite tra le donne, l'abbandono della borsa, l'incendio a casa, la sparatoria col trafficante) ma alla fine tutto torna sempre nella normalità. Da apprezzare il finale che chiude un cerchio cominciato con la primissima scena (l'arrivo della casa) e una futura serenità metaforicamente esplicitata dalla piccola giostra finalmente funzionante. E' proprio questa forse la scena più emozionante, una nuova famiglia si è formata, quei bambini che girano sopra i cavallini avranno forse un futuro migliore.
Insomma, Frozen River è un film onesto, puro, anticinematografico. Un film che racconta la piccola parabola di due famiglie che vedono realizzati dei sogni che non dovrebbero neanche essere tali.

ste 10  @  01/09/2010 10:30:50
   8 / 10
Un film indipendente veramente ben realizzato in cui è raccontata in maniera magistrale la provincia americana in tutta la sua desolazione

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  03/08/2010 18:14:50
   7½ / 10
Asciutto nel racconto, ben caratterizzate entrambe le protagoniste, Frozen river è la storia di disperate che sfruttano loro malgrado i disperati immerse in un paesaggio spettrale dove la periferia americana mostra tutta la sua marginalità. Interessante per certi versi ambientare la vicenda tra Canada e Stati Uniti, anzichè il Messico, con l'obiettivo anche di far vedere una realtà meno conosciuta.

YaoMing  @  14/05/2010 21:23:12
   2 / 10
Molto noioso il piu' delle volte palloso al quadrato.
Non guardatelo...mi chiedo poi, come facciano a definirlo un thriller....allora shining è un film comico.

popoviasproni  @  11/03/2010 00:47:36
   8 / 10
Toccante, disperato e pieno di speranza.
Una vicenda lucida e reale che trova forza nei suoi personaggi caratterizzati ed interpretati al meglio, con una Ray Eddy che è già un'icona.

Carlitos78'  @  02/02/2010 23:07:05
   8 / 10
Bel film,bella storia e ben strutturata.Buona prova recitativa di entrambe le protagoniste femminili.Direi uno dei + bei film del 2009.Non mi trovo d'accordo con dei commenti a dir poco "femministi" che esaltano la figura della donna,della madre a discapito di quella dell'uomo,del padre.Ci sono uomini e uomini,come ci sono donne e donne.Io,personalmente,per i miei figli farei e darei di tutto.Certamente,il comportamento del padre dei ragazzi è a dir poco DISUMANO,ma nella vita è sempre sbagliato generalizzare,io mi trovo mille miglia lontano da questa figura e come me la maggior parte dei padri!!!

StranzCronenber  @  25/01/2010 21:19:15
   8½ / 10
Quanto è differente la donna dall'uomo, e quanto è più forte l'amore di una madre per i suoi figli, rispetto all'egoismo dei padri...
E' l'esaltazione della donna, della sua superiorità morale, della sua infinita capacità di affrontare ostacoli a volte insormontabili.
E' un dipinto angosciante quello offerto da Frozen River, ma allo stesso tempo, rappresenta l'epica delle persone comuni, costrette all'arte dell'arrangiarsi, a fare i salti mortali pur di sopravvivere e dare una speranza ai propri figli.
Poco importa a cosa si va incontro, se oltre il muro da abbattere vi è il sorriso di un bambino da salvare.

Stupendo, da far vedere alla propria madre, almeno 1 volta al mese.


sverige87  @  24/01/2010 21:39:55
   8 / 10
Ambientazione e interpretazioni perfette.
Film drammatico da non perdere.
uno dei migliori film del 2009..passato abbastanza inosservato.

gandyovo  @  03/01/2010 16:00:44
   6½ / 10
mah non so, l'argomento è sicuramente interessante ma forse mi aspettavo troppo da questo film, visto la media.

cescoyin  @  08/12/2009 13:24:05
   7 / 10
Un film asciutto. Una trama semplice, sviluppata in modo lineare, ( strano per un film americano).
A tratti è un po' lento e macchinoso, il clima dove è ambientata la storia contribuisce a renderlo tale. La sceneggiatura non è male, anche se a tratti mostra una regista inesperta, ma promettente.
Attori motivati, l'interprete principale è molto espressiva.
7 meritato

topsecret  @  05/12/2009 17:46:38
   7 / 10
Un film freddo e tagliente come la lama di un coltello, una regista al suo debutto, un cast di interpreti motivati e convincenti.
Il risultato è questa pellicola interessante, semplice ma efficace nel rimarcare il bisogno di famiglia, di una vita dignitosa, di una casa, di solidarietà.

VinLet  @  23/10/2009 18:52:18
   5 / 10
Una trama semplice..piatta e lenta..che coinvolge poco
Si lascia seguire..ma non trasmette nulla..malgrado la drammaticità della storia

Gruppo COLLABORATORI Marco Iafrate  @  09/10/2009 17:52:21
   7½ / 10
L’approccio a questo genere di film è quello solito, parto prevenuto; non c’è niente da fare, non c’è media o commento positivo che tenga, il timore di trovarmi di fronte alla solita pellicola stereotipata americana incombe allo stesso modo di una peperonata a mezzanotte; madre separata con problemi economici, il difficile rapporto con i figli, l’indifferenza della società, sono un cocktail che spesso ha dato vita a pellicole patetiche, flosce come un sacco vuoto, prive di qualsiasi contenuto. Bisogna saperli trattare certi temi. Altrimenti si rischia di finire nel pentolone del già visto un milione di volte, sopportato e accantonato. Nella nostra memoria, il giorno dopo, del film non ve ne è più traccia.
“Fiume di ghiaccio” è invece una piacevole sorpresa, tutto si svolge nei preziosi binari della semplicità, senza inutili sensazionalisti; non ci sono mogli isteriche che urlano la loro rabbia in faccia a mariti pentiti e dispiaciuti per la propria “distrazione”, non ci sono principi azzurri che con una scopata mettono le cose a posto, non ci sono eroi. C’è una donna, magnifica interprete, costretta ad affrontare una dura quotidianità nel posto e nel modo che il destino le ha riservato, appesantita dall’inospitalità del clima, un gelo palpabile, assoluto, che avvolge le vite dei protagonisti, buoni e cattivi, in un abbraccio soffocante.
Quanto sono lontani il sole ed il caldo delle spiagge tropicali.

Invia una mail all'autore del commento Daniela Puledra  @  07/10/2009 23:52:50
   10 / 10
Le attrici principali sono molto brave e molto reali, i volti e le espressioni. toccante il pezzo del neonato. L' atmosfere fredde di questo film non sono cosi' gelide come gli argomenti trattati. Da vedere molto realistico.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  13/08/2009 18:37:36
   8 / 10
Uno dei migliori film del 2009, "Frozen river" rivela tragicamente l'odissea di una donna le cui rughe e le ferite hanno solcato un volto che sicuramente è stato in passato quello di una donna molto bella, e la sua battaglia (poco ortodossa magari) per dare da mangiare e vivere ai suoi figli.
Una realtà, quella dei profughi/clandestini al confine col Canada, talmente drammatica al cui confronto i tragici traghetti verso le isole siciliane degli africani verso il nostro paese senza speranza sembrano quasi un viaggio di costa crociere...
ma l'elemento portante di questo splendido film è soprattutto il dualismo che si crea tra due donne tanto diverse per affinità culturali ed etniche, unite da un'amarezza costante, dalla disperazione che hanno conosciuto.
Su un paesaggio tanto affascinante quanto squallido, dominato da temperature gelide (è quasi come se lo provassimo noi spettatori, quel lugubre freddo) un film che lascia sicuramente un segno ed è recitato da attrici in stato di grazia: soprattutto Misty Upham, meravigliosa, è un'autentica sorpresa.
Un film da vedere assolutamente

Paolo70  @  12/08/2009 22:00:28
   7 / 10
Pellicola che parla in particolari di due drammi familiari e di immigrazione clandestina negli States. Film a volta lento con una trama che regge bene.

LoSpaccone  @  18/07/2009 20:46:31
   7½ / 10
Un dramma quasi neorealista, dai toni misurati, senza eccessi tragici o sentimentali e raccontato con la giusta tensione emotiva. A dispetto dei pochi mezzi impiegati c'è tanta umanità e sincerità, sia nei personaggi che nel contesto desolante della provincia americana. Eccellente la prova della Leo.

vitocortesi  @  14/07/2009 12:54:49
   7 / 10
Film dalla trama semplice ma originale un pò lento ma comunque interessante.

floyd80  @  10/07/2009 21:51:36
   7 / 10
Un film che parla d'immigrazione senza le pippe sentimentali. Una pellicola che ti sbatte in faccia la realtà di alcune famiglie americane (e non solo) che non arrivano a mettere il cibo sulla tavola...tra la povertà più assoluta ogni azione diventa rischiosa, avventata e una cosa che nasce come una casualità diventa pericolosa routine...brave le due attrici.

paride_86  @  30/06/2009 22:55:21
   7 / 10
"Frozen River" è la dimostrazione che anche un film indipendente dalle grandi produzioni può dire molto.
La storia affronta il tema dell'immigrazione e della povertà in una zona remota dell'America al confine con il Canada.
Pesa l'assenza di una fotografia ben curata, ma resta comunque un buon film.

john_doe  @  26/06/2009 17:14:33
   7½ / 10
Film impegnativo, lento, ma delicato e profondo. Nel complesso una buona pellicola.

pat3  @  11/06/2009 08:08:04
   8½ / 10
bellissimo film indipendente, intenso, emozionante, teso e anche struggente. Frozen river è un'incredibile varietà di sentimenti e emozioni che coinvolge lo spettatore, un asciutto ed efficace dramma che ritrae una storia di amicizia tutta al femminile attraverso un'America di frontiera fatta di vita difficile e di solitudine.
Bravissime le due protagoniste Melissa Leo e Misty Upham che incarnano alla perfezione due madri sole disposte a tutto pur di offrire un futuro migliore ai propri figli.

rob.k  @  04/06/2009 09:26:18
   5 / 10
Il tema era interessante, ma questo film non è riuscito a coinvolgermi, la trama è banalotta e anche molto lenta...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  28/05/2009 20:30:46
   7½ / 10
Bella sorpresa questo "Frozen River" di cui, francamente, avevo sentito parlare molto poco. Il film racconta di donne e di disperazione, di genitorialità e di rapporti umani. Tutti questi temi, molto seri e molto forti, sono trattati in maniera drammatica ma mai in maniera patetica. Viene a tratti esaltato il coraggio delle due donne protagoniste, a tratti la loro incoscienza e spesso viene evidenziata la loro disperazione. Quest'ultima coadiuvata dall'ambientazione glaciale e spoglia.
Molto brava Melissa Leo.

McLovin  @  24/05/2009 16:02:24
   7 / 10
Film girato interamente sulle gelide rive del fiume San Lorenzo. Con una sensibilità fuori dal comune affronta il tema della disperazione che porta una madre a rischiare tutto per i propri figli. E' questo che accomuna la protagonista Ray Eddy (interpretata da una splendida Melissa Leo) e Lila Littlewolf (una giovane donna Mohawk che vive in una roulotte nella riserva al confine tra Stati Uniti e Canada) , che per racimolare un po' di denaro trasportano clandestini attraverso il gelato fiume San Lorenzo.
Realizzato con un budget bassissimo e con un cast composto per lo più di semiprofessionisti il film sorprende per la genuinità con cui, senza dare giudizi, racconta di due donne e della loro lotta per la sopravvivenza della più profonda provincia americana.

TheLegend  @  23/05/2009 22:39:07
   6 / 10
film carino che mette in risalto cosa si è disposti a fare per sopravvivere e per i propri figli.
In alcuni punti annoia un pò e qualche avvenimento è un pò troppo forzato.
Rimane un film che con pochi mezzi riesce ad esprimere qualcosa di interessante.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  12/05/2009 14:08:36
   7 / 10
Pochi mezzi ma buone idee per questa gradevole sorpresa.Sdoganato grazie alle nomination all’Oscar ricevute,ed alla vittoria al Sundance Film Festival del 2008,è il primo lungometraggio firmato da Courtney Hunt,regista dotata di intelligenza e delicatezza nel mettere in scena una storia di povertà ed amicizia sullo sfondo gelido e perennemente innevato della frontiera che divide U.s.a. e Canada.
La disperazione di due donne viene messa a confronto,il bisogno spasmodico di denaro per i propri figli le trasformerà in trafficanti di esseri umani,coraggiose ed incoscienti,consapevoli di far parte di un ingranaggio malsano,al quale però non possono sottrarsi perché schiacciate da obblighi e debiti.
“Frozen River” non eccede mai in toni eccessivamente tragici,anche quando la situazione induce a pensare al peggio c’è sempre un barlume di speranza,un appiglio al quale aggrapparsi per tirarsi fuori dalla melma,la Hunt si mostra quindi indulgente e buonista nel delineare le sue protagoniste, tutt’altro che spietate ma costrette all’illegalità dalle avversità della vita e per questo motivo,secondo il punto di vista dell’autrice,giustificabili.Un pochino inflazionato il discorso sul rapporto che si viene a formare tra le protagoniste,inizialmente agli antipodi, poi unite da insospettabili affinità.Anche il finale accondiscendente forse esula un po’ troppo dallo spietato spaccato sociale mostrato in precedenza,anche se va riconosciuto un certo valore all’opera,dotata di un impianto narrativo ben congegnato e da contenuti tutt’altro che privi d’interesse.Valore aggiunto la “sfatta” Melissa Leo con la sua straordinaria e sofferta interpretazione.

@Chiara@  @  27/04/2009 18:45:07
   7½ / 10
Il film inizia con l'immagine della protagonista in lacrime, che fuma nervosamente una sigaretta, seduta in macchina.
Questo pianto è la rivelazione di una vita difficile, straziata da una ingiusta "lotta per la sopravvivenza" cui Ray è costretta per se stessa ma soprattutto per i suoi figli.
Incontra Lila per puro caso ma scopriranno entrambe che qualcosa le lega: Si tratta dell'amore per i propri figli che è un qualcosa di universale, un sentimento per il quale una donna sarebbe disposta a mettere in gioco la propria dignità e la propria vita. Due donne distanti per cultura e colore della pelle si avvicinano superando quell'iniziale reciproca diffidenza, capendo quanto in realtà sono simili. Cercano di andare avanti al prezzo della pelle di qualcun altro mostrandoci che la sofferenza ed il dover vivere in condizioni disagiate costringe ad essere ciò che non si è, a fare ciò che non si vorrebbe fare mai. Immagini più che realistiche, un freddo che entra nelle ossa...c'è tanto su cui riflettere!! Lo consiglio a tutti.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento mkmonti  @  18/04/2009 14:37:13
   7½ / 10
Ottima pellicola, un piccolo "Fargo", con molta meno ironia e molta più crudeltà "vera"; il fiume di ghiacio come il ghiaccio che divide le protagoniste dalla felicità per se stesse e per i loro figli...agghiacciante, in utti i sensi

pardossi  @  13/04/2009 14:34:54
   7 / 10
Indubbiamente un bel film, buona trama che in alcuni momenti tiene col fiato sospeso con una tematica sempre più attuale in cui specie in questo film non si capisce chi è più disperato, da vedere con uno stato d'animo pronto a passare una serata di riflessione più che di risate e leggerezza.

Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento Lot  @  13/04/2009 09:47:35
   7 / 10
Discreto thriller drammatico indipendente; storia e ambientazione misconosciute, ottima scrittura e interpretazioni, ce ne vorrebbero di più.

AMERICANFREE  @  11/04/2009 12:06:41
   7½ / 10
bel film questo frozen river!! ottima recitazione e ben diretto! la disperazione di una madre che la porta a compiere un reato per l'amore per i proprio figli ma allo stesso l'amicizia per una giovane nativa di Mohawk! bel finale con l'ultima scena che rappresenta l'intero film!da vedere

Gruppo COLLABORATORI paul  @  03/04/2009 12:51:21
   7 / 10
Ben girato, benissimo interpretato, un buon film.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gilles  @  30/03/2009 21:21:42
   7½ / 10
Il contrabbando di persone è un'occasione per dimostrare l’amore per i figli, per approfondire un’amicizia, abbattere confini razziali, sentire le necessità umane che si fanno universali, andare fino al fondo di una gelida disperazione, finchè del calore umano non risplenderà fiocamente in mezzo ad un fiume ghiacciato; pìù aumenta il freddo, più si riscaldano le anime, più la vita appare in tutta la sua fragile bellezza. Protagonisti sono i sentimenti umani, il semplice dono del calore reciproco, che oltrepassa i gruppi, i bianchi, i Mohawk, per unirli tutti in un mondo non più regolato da leggi anonime e fredde come quei luoghi deserti, ma da rituali di cortesia, segnati dall'offesa e dalla scusa. Lo sfondo bianco fa pensare che la vicenda si può estendere ad altri posti, ad altri tempi, che quel glaciale anfratto di mondo sia un momento, un passaggio di una storia che si ripresenta.

Redrum83  @  25/03/2009 01:18:02
   7 / 10
Courtney Hunt dirige un film asciutto, secco e diretto raccontandoci la storia drammatica di due donne sole, che cercano di affrontare le loro difficoltà economiche e familiari agendo nell'illegalità. Le loro sofferenze sono incarnate perfettamente negli sguardi delle attrici protagoniste, specialmente per quanto riguarda Melissa Leo. La sceneggiatura è a tratti coinvolgente e a tratti superficiale, tanto che in alcuni momenti del film si ha la sensazione di vedere delle forzature. Comunque in finale si tratta di un buon film, certo non è per chi al cinema va solo per spassarsela.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  21/03/2009 19:15:49
   7½ / 10
In una terra dimenticata da D.io viene raccontata questa storia toccante e ben fatta. Mi è davvero piaciuta la protagonista che con i suoi lineamenti facciali trasmette parecchie emozioni. Usando questo tipo di ambientazione però, avrei fotografato meglio il film che così rimane troppo amatoriale.
Un bel prodotto che vale la pena vedere anche se a tratti potrebbe stufare.

Burdie  @  20/03/2009 16:37:10
   7 / 10
...sembra (o forse lo è ) fatto in maniera amatoriale, il che lo fa sembrare più un documentario che un film e ciò gli dona quel realismo che gli fa valere un buon voto.

costaway  @  18/03/2009 12:44:15
   8½ / 10
Un bel film... importante la figura della donna..in particolare della madre, da sempre fulcro familiare. storia travolgente.. ottima performance dell'attrice protagonista.. finale sorprendente.

trama: 9
attori: 9
novità: 8
VOTO:8emezzo

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  17/03/2009 15:47:50
   8 / 10
Una landa desolata, una terra di nessuno a cavallo di due "società civili", due donne sole con i propri figli e le proprie coscienze, uniche fonti di calore quando la neve non lascia scampo.
Una sottilissima storia di umanità, disperazione, coraggio e dignità, narrata a bassa voce per timore che i bimbi si sveglino.
Splendida Melissa Leo, che recita con le rughe e con i propri tatuaggi sfatti.

minù  @  17/03/2009 15:01:07
   8 / 10
bellissimo film indipendente con ambientazione alla fargo e due bravissime attrici soprattutto Melissa leo.
mantiene sempre una certa dose di tensione grazie all'ambientazione e all'ottima regia di Courtney Hunt .

giumig  @  16/03/2009 23:36:26
   7 / 10
bravissimi attori e ottima sceneggiatura, peccato per alcuni momenti morti. finale davvero bello

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnboterocaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
doppio sospettofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amici
 NEW
gretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortuna
 NEW
la gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il pop
 NEW
la partita (2020)la ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfettolontano lontano
 NEW
lourdes (2019)lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancy
 NEW
non si scherza col fuocoodio l'estate
 NEW
permette? alberto sordipiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

999070 commenti su 42955 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net