dio esiste e vive a bruxelles regia di Jaco van Dormael Belgio, Francia, Lussemburgo 2015
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

dio esiste e vive a bruxelles (2015)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film DIO ESISTE E VIVE A BRUXELLES

Titolo Originale: LE TOUT NOUVEAU TESTAMENT

RegiaJaco van Dormael

InterpretiBenoît Poelvoorde, Yolande Moreau, Catherine Deneuve

Durata: h 1.53
NazionalitàBelgio, Francia, Lussemburgo 2015
Generecommedia
Al cinema nel Novembre 2015

•  Altri film di Jaco van Dormael

Trama del film Dio esiste e vive a bruxelles

Una commedia surreale in cui Dio è un vero e proprio personaggio che vive a Bruxelles. Sulla terra però, Dio è un vigliacco, con una morale meschina ed è davvero odioso con la sua famiglia. Sua figlia, Ea, si annoia a casa e non sopporta di essere rinchiusa in un piccolo appartamento nell'ordinaria Bruxelles, fino al giorno in cui decide di ribellarsi contro il padre, entrare nel suo computer e trapelare al mondo intero la data fatale della loro morte. Improvvisamente tutti cominciano a pensare a cosa fare con i giorni, i mesi, e gli anni che hanno ancora a disposizione...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,43 / 10 (34 voti)6,43Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Dio esiste e vive a bruxelles, 34 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  08/04/2017 14:46:07
   8 / 10
Non ha prezzo vedere il Signore che viene soggiogato dalle sue stesse creature, oppure dire ad un prete: "ma io non ho mai detto "ama il tuo prossimo come te stesso", io odio me stesso. Quella è roba di Gesù Cristo!".
Oltre che ad essere di un'ilarità dissacrante, potrebbe balzare una certa irrispettosità, ma direi che al regista non interessava la vena blasfema, semmai gli interessava fare una commedia stravagante.
Il cast è qualcosa di eccezionale, Poelvoorde è l'uomo (non lo chiamerei Dio) più sgradevole e sbadato che si possa vedere in un film, troviamo anche la svampita Yolande Moreau, la sempreverde Deneuve e la ragazzina è straordinaria, mi è piacuto tanto il suo viso a metà tra l'innocente e il deciso.
E come dice qualcuno: "dietro ad ogni grande uomo c'è una donna"... che anche Dio abbia la sua grande donna?

InvictuSteele  @  01/02/2017 22:45:31
   6½ / 10
Tutto splendido, regia, fotografia, tecnica, attori, scenografie e dialoghi, molto profondi e intelligenti. Tutto molto toccante e raffinato, leggiadro come una pièce teatrale ma anche politicamente scorretto con le sue stoccate alla religione e le riflessioni sulla miseria della vita. Però c'è una cosa che manca: il ritmo. Eh già, un difetto non certo minore, perché dopo un po' le scene cominciano a ripetersi e ripetersi annoiando un poco e risultando prevedibili... a risentirne perciò è l'intrattenimento. Un'occasione sprecata, un soggetto così originale e ben congegnato avrebbe dovuto svilupparsi in modo diverso, perché i momenti di alta poesia ci sono, i tratti geniali anche, ma è un film che si ama o si detesta. Io mi pongo a metà.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  01/09/2016 23:16:49
   6 / 10
A mio avviso questa pellicola candidata agli oscar come "miglior film straniero" è un'occasione persa. Da un'idea di partenza originale e provocatoria si intraprende un viaggio onirico e fin troppo grottesco dove vengono raccontate alcune storie.
Per fortuna gli "apostoli" cercati dalla ragazza non sono 12 ma molti di meno perche' la ripetitivita' di alcune situazioni stancano ben presto. Oltretutto il lato piu' divertente del film viene ben presto messo in disparte...è lui, il Padre eterno stesso a reggere in piedi la pellicola. Ma anche il suo personaggio finisce per scadere dopo meta' film.
Davvero un...peccato...

Filman  @  22/07/2016 16:08:33
   7 / 10
I problemi che affliggono LE TOUT NOUVEAU TESTAMENT sono mediamente quelli compromessi dal modo di fare del regista belga Jaco Van Dormael, riassumibili a partire da una confusione della qualità con la quantità. L'idea originale alla base permette di sviluppare una storia fantastica e atemporale, dotata di una mitologia impressa in modo semplice e destrutturata in chiave umoristica, che non ha mezze misure nel raccontare un pessimismo cosmico arcaico e onnipotente, così come non propone grandi sguardi intellettuali. In un'acclamazione dell'uomo a scapito della sua triste esistenza, le trovate immaginifiche colmano la sconnessa presenza di filosofia, risultando a volte affascinanti, e a volte assolutamente velleitarie, troppo poco metaforiche per assumere un senso compiuto, lasciato allo spettatore meravigliato dagli eventi e dal romanticismo che la classe del regista riesce, in ogni caso, a regalare.

fabio57  @  07/07/2016 16:03:01
   4½ / 10
Inguardabile questo curiosissimo film, a cavallo tra il mistico, il comico e il surreale. Personalmente non sono riuscito ad apprezzarlo e mi associo virtualmente allo stuolo cospicuo dei suoi denigratori . Posso immaginare che dietro quest'"opera" ci sia il tentativo maldestro di costruire qualcosa di originale e innovativo, tuttavia l'esito mi sembra veramente deludente.

il ciakkatore  @  24/05/2016 23:14:01
   3½ / 10
Non critico l'idea assurda,ma critico lo svolgimento del film,lento come un bradipo zoppo con musichette fastidiose e totalmente privo di una qualunque forma di emozione. Dopo 10 minuti volevo già spegnere,ma sono masochista e mi sono fatto del male

edo1966  @  17/05/2016 23:10:11
   2 / 10
Ma cos'è , la corazzata Potëmkin ??????????

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  14/05/2016 10:24:45
   6 / 10
Un film abbastanza altalenante tra trovate geniali ed altre banalotte, momenti brillanti ed altri pretenziosi, con una bella colonna sonora ed una fotografia abbastanza ricercata. La storia sembra originale ma non lo è per niente e tutto si risolve in una banalità finale.

marcogiannelli  @  23/04/2016 16:25:16
   7½ / 10
commedia drammatica geniale, profondissimo seppur all'inizio fosse solo paradossale, ha 100 trovate pazzesche, una dietro l'altra...gioiellino

jason13  @  23/04/2016 13:33:12
   2 / 10
Peccato davvero....bizzarra l'idea e l'inizio mi stava conquistando poi........una noia ma una noia fuori dal comune...ho fatto davvero fatica a portarlo a termine..l'epilogo finale poi mi ha ancor piu' deluso...molto male.

AMERICANFREE  @  13/04/2016 21:02:33
   7 / 10
Film originale, ho apprezzato l'impegno e il " coraggio " del regista ad affrontare un tema cosi' delicato. La durata eccessiva lo penalizza un po', ma nonostante questo non annoia minimante. Merita la visione

polbot  @  10/04/2016 15:01:01
   6 / 10
Inizio scoppiettante, che crea tante aspettative.. invece poi si trasforma in un mondo di Amelie venuto male con un finale in fondo piuttosto "correct", in pieno contrasto con la prima mezzora dissacrante e da ricordare..

marimito  @  02/03/2016 08:01:21
   7½ / 10
Io mi sono amaramente divertita.. trama assolutamente insolita ed originalissima.. una visione certo "un pò" blasfema e grottesca della "casa celeste", ma che restituisce moltissimi spunti di riflessione.
Una fotografia che affascina, una atmosfera e dei personaggi a tratti surreali, ma che, nei loro eccessi, danno la misura del mondo che viviamo. Il film prova a dare le risposte che ognuno di noi cerca ogni giorno.. con un messaggio bonista alla fine.. tanto poi tutto va bene se solo interviene la dolcezza, la bontà e l'incanto di una donna.

TheLegend  @  21/02/2016 21:53:29
   5 / 10
Non mi ha trasmesso niente,originale ma fine a se stesso.

Attila 2  @  11/02/2016 19:39:21
   5 / 10
Un film triste che da' l'immagine di Dio, di quella di un barbone avvinazzato che tratta male la figlia er la moglie.Una commedia che vuol far rtiflettere e forse ci riesce anche perche' alla fine il messaggio e' che Dio e' donna !! infatti solo la moglie riesce a mettere a posto le cose e a far bello il mondo.Riflessione per come viene considerata la donna in ambito religioso? Non mi spingo cosi' in la'.Il film pensavo facesse ridere invece vedere tutter quelle persone che sanno di dover morire non mi ha fatto ridere per niente.bocciato.

2 risposte al commento
Ultima risposta 18/02/2016 21.44.25
Visualizza / Rispondi al commento
7219415  @  07/02/2016 16:51:56
   7 / 10
Molto carino con questo dio che è un vero bas.tar.do

pak7  @  07/02/2016 03:42:56
   6½ / 10
A metà strada tra poter essere un film meraviglioso e un film senza nè capo nè coda, è in realtà un'occasione mancata: dopo i primi venti minuti che illudono di poter trovare qualcosa di veramente diverso ed efficace, la trama si sfilaccia quasi facendo perdere l'orientamento allo spettatore, risultando anche parecchio ripetitivo ed addirittura esagerato a tratti, per poi congiungersi in un buon finale, pieno di speranza. In definitiva una pellicola da non perdere se si vuole ammirare la tecnica registica veramente sopraffina del regista, ma che perde il suo "senso" dopo la prima mezz'ora. Peccato perchè poteva essere veramente qualcosa di memorabile.

slint  @  06/02/2016 00:40:55
   9 / 10
geniale! finalmente qualcosa che prova a stupire!

wicker  @  05/02/2016 19:50:41
   5½ / 10
Parte bene con il ritmo e la sfrontatezza che illudono che si possa trattare di una scenggiatura originale e divertente..
ma dopo una mezz'ora la tram diventa confusionaria e nonostante il buon montaggio sempre ben calibrato che non addormenta il film,si fa fatica a seguire le motivazioni degli eventi..
Attori bravi.. anzi bravo Poelvoorde...dato che gli altri fanno ben poco..
nella parte finale dove la poesia si mescola alla metafisica si ha la sensazione di aver perso il filo della matassa .. e il finale piuttosto sbrigativo,inconcludente e prolisso .. lascia un pò col cerino in mano...
Da come se ne parlava bene pensavo meglio...

TheLory  @  31/01/2016 11:42:01
   9 / 10
Bellissimo, molto poetico. Pensavo fosse una cavolata con battutacce volgari messe in bocca a dio per stupire efare il botto nella testa dei bigotti. Nulla di tutto ciò.
Finalmente un film originale che fa ancora sperare per le sorti del cinematografo.

camifilm  @  28/01/2016 22:08:05
   5 / 10
Sceneggiatura piuttosto originale.
Commedia grottesca.
Non mantiene le promesse di un ottimo inizio. Sviluppo da rivedere.
In molti tratti è anche assai noioso.

hghgg  @  21/01/2016 12:48:58
   7½ / 10
Un po' poetico e amaro, un po' crudissimo, irriverente e satirico, un po' surreale e assurdo e alla fine anche un po' consolatorio. Unisce una discreta quantità di elementi il nuovo film di van Dormael e lo fa dosandoli tutti bene, con classe e tatto, risultando riuscito nei momenti più feroci così come in quelli più delicati che, a ben vedere, nella seconda parte del film finiscono per prevalere e un pochino il gusto di godermi il dio bàstardo e figlio di pùttana di Poelvoorde me lo ha tolto.

Così la piccola sorellina di J.C. (il solito fricchettone che alla fine è pure simpatico dai, spassosi i dialoghi tra lui e la sorella minore) tenta di migliorare un mondo dominato dal proprio padre, un dio bàstardo, insensibile, sadico, gretto, un dio che prende a cinghiate sua figlia di dieci anni, un dio che ha come unico divertimento quello di infliggere dolore alle proprie creature attraverso il suo computer, unico strumento di potere in possesso di un dio che è anche ciarlatano e inutile una volta sceso sulla Terra, dove subirà una serie di sfìghe e umiliazioni quasi come un'inconsapevole vendetta della propria creazione. La scena in chiesa con il prete (e il fricchettone in croce che se la ride) in questo senso è forse la migliore del film.

Tutto questo con un Benoit Poelvoorde (maestro degli sconvolgimenti e dell'irriverenza shockante, si vadano a ripescare i suoi esordi) in forma smagliante e perfettamente calato nella parte, per altro ottimamente doppiato dal solito Mino Caprio. La parte cruda è tutta qui ed è parecchio cruda.

Il resto del film, con protagonista la bambina e la sua ricerca di 6 nuovi apostoli, è di stampo dolce-amaro, riflessivo ed esistenzialista. Bello, anche se non eccelso. Piacevole anche se non così memorabile.

In mezzo si stempera con alcuni teatrini dell'assurdo, come i sogni creati dalla bambina, Ea, per due dei suoi nuovi apostoli (la mano danzante, il pesce canterino) o tutta la parte del rapporto tra Catherine Deneuve e il gorilla (manco con Bunuel!) che a vederla viene da pensare: "Catherine Deneuve o è veramente una grande attrice o è completamente pazza" però è una grande davvero.

Il punto focale del film è la rivelazione che Ea concede all'umanità, il motore che spingerà i personaggi a cambiare le loro vite, a dare un senso ad esse in attesa del giorno prestabilito.

Fino al raggiungimento del numero 18 e quindi il finale, consolatorio e per me non così esaltante ma che resta sulla linea di originalità del film buttandosi ancora una volta nei toni colorati del surreale.

Jaco van Dormael, regista poco prolifico ma sempre convincente, regala quindi un'altra piccola perla al pubblico, un film particolare che sa bilanciarsi bene tra perfidia e dolcezza, sa accarezzare come sa sputare su dio. Una buona prova.

KitaVerde  @  19/01/2016 19:57:40
   7 / 10
Benoît Poelvoorde mattatore. Buon film.

kerkyra  @  14/01/2016 17:19:20
   9 / 10
in questi tempi di sceneggiature scopiazzate e inutili qui troviamo qualcosa di originale e dissacrante... lo consiglio vivamente

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  13/01/2016 22:01:49
   7½ / 10
Un'umanità vittima di un di0 bizzoso, egocentrico e meschino. In poche parole un vero pezzo di ***** trasandato, con il gusto sadico di ridurre il genre umano a delle cavie su cui inventare e sperimentare le s***** più assurde. Nella prima parte il film di Van Dormael è graffiante con la presenza di Benoît Poelvoorde perfettamente a suo agio nei panni di questo Di0 bizzoso ed egoista. Straordinaria tutta la sequenza con il prete, uno dei momenti migliori. Nella seconda c'è lo spirito più fiabesco del regista, si respira l'aria sognante, malinconica ed amara allo stesso tempo di Toto le heros. Una bambina, figlia e sorella illustre, fa conoscere la data di morte di ognuno, segna il destino dell'umanità e da questa intuizione semplice e geniale, l'accompagniamo all'interno di un'umnanità sola e sperduta, ma che grazie a questo semplice stratagemma riesce a trovare uno scopo, una certezza. Una commedia surreale dai toni grotteschi, ma dal retrogusto amaro.

eruyomè  @  11/01/2016 15:23:55
   7 / 10
Film stranissimo, veramente originale. Poteva forse essere geniale, e a sprazzi lo è davvero, ma si autolimita nello svolgimento troppo richiuso in sè stesso e troppo limitante ai singoli casi umani, chiamiamoli così. (Tutti bizzarri e divertenti, o comunque affascinanti. Meno l'episodio del gorilla, che proprio non ho colto, mi ha fatto quasi cascar le braccia).
Finale in un certo modo prevedibile, ma chissenefrega, il cerchio si chiude benissimo, in modo visionario e poetico.
Tra le tante emozioni che mi ha fatto provare, e non tutte positive, premio quelle "di testa": mi ha fatto pensare tantissimo, tutto il film è un perenne invito alla riflessione, zeppo com'è di spunti, provocazioni e punti di vista i più disparati.

dagon  @  03/01/2016 21:19:06
   7½ / 10
In questo tempi di zuccherosa ed invadente papalità, quest'opera dissacrante di Van Dormael arriva come salace contrappunto alla sequela di banalità e luoghi comuni che hanno annegato queste giornate natalizie.
Aperto ad una infinità di riflessioni sull'esistenza, è un film che innesca il pensiero e porta a riflettere sulla nostra vità, sulla realizzazione e sulla felicità. Spesso debordante, surreale e grottesco (forse pure troppo), è anche la conferma del gusto visionario di un regista sempre interessante e con qualcosa da dire, seppur un po' narciso. JC :)

Jumpy  @  30/12/2015 00:00:49
   7½ / 10
Un film particolarmente insolito, coraggioso, ironicamente blasfemo.
Per musiche e fotografia mi ha ricordato molto le atmosfere sognanti e surreali di Gondry... a mio parere il regista si è ispirato molto a lui.
C'è qualche caduta di stile, non è un capolavoro, ma a mio parere merita... è una ventata di aria fresca e di innovazione.

Burdie  @  28/12/2015 18:29:31
   6 / 10
...film molto particolare, forse troppo!

ilmoro88  @  09/12/2015 12:58:09
   8 / 10
Inaspettato. Non è certo un capolavoro ma è un film ricco di spunti e riflessioni che merita assolutamente di essere visto. A tratti esilarante e geniale.
Ho apprezzato enormemente la critica fatta a Dio (padre) e credo che, oggi, ci voglia un estremo coraggio a produrre un film cosi dissacrante...
Un regista con idee così rivoluzionarie è sicuramente da premiare e tenere in considerazione.
Nel complesso il film ha qualche pecca che non lo rendono - ovviamente - un capolavoro, ma in termini di messaggio che vuole trasmettere è sicuramente pura genialità...

Controindicazione: non adatto ai cattolici bigotti....

1 risposta al commento
Ultima risposta 09/12/2015 13.38.59
Visualizza / Rispondi al commento
The Legend  @  07/12/2015 20:26:59
   5 / 10
L'idea di un dio cattivo, che assume le insolite sembianze di un uomo di mezz'età ciccione e pelato, offriva lo spunto per una commedia originale e briosa.

E' lo sviluppo del film che tradisce l'incipit geniale: la donna col gorilla, la signorina col braccio di silicone, il bambino che vuole diventare bambina e tante altre pazzie nel carrello della spesa prima del giusto finale caricaturale.

E' un film più assurdo che divertente, più delirante che spiritoso, un diamante grezzo che doveva essere raffinato decisamente meglio.

Kitiara31  @  06/12/2015 20:44:41
   7½ / 10
Commedia molto divertente, questo dio crudele e una figlia che gli rovina mi sono molto simpatici. Gag comiche riuscite. Adatto per una serata spensierata

lucasssss  @  04/12/2015 00:35:52
   6 / 10
film simpatico e azzardato nel proporre un DIO cattivo, egoista, cinico che dice parolacce e che quasi bestemmia!!!!!!

il gorilla poi non c'azzeccava niente, il regista se lo poteva risparmiare, qui mi perde almeno un punto...

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  28/11/2015 22:52:24
   7½ / 10
Se non e' il film dell'anno e' sicuramente il titolo piu' stravagante e travolgente della stagione...un gioiellino surreale dove inserire un po' di tutto, una sorta di affabulazione ironico/amara del cinema di Leo Carax, tanto per fare un nome...si ride molto, ci si commuove, a tratti trattenendo un apparente rigore stilistico dove i toni grotteschi non prendono quasi mai il sopravvento, a parte il solo episodio del gorilla con la Deneuve...ma il sottofondo amaro, spietatamente Laico, ci racconta un Dio cattivo e una generazione umana votata all'infelicita' e alla frustazione. Il film ha momenti bellissimi, filtra una Poetica dello sguardo che anche quando e' gratuita - la scena dell'Ultima spiaggia - tocca profondamente i binari segreti del nostro cuore. Poelwoorde e' semplicemente gigantesco nel suo rozzo cinismo, e la Moreau suscita a piu' riprese un memorabile pathos celestiale. E' questa sorta di Angelo Custode, che nelle vesti di bambina allieta i nostri interrogativi sulla vita e la morte, a Rassicurarci. I 18 Apostoli sono proprio come noi, un'umanita' carnale e imperfetta che ci respinge e attrae. Complimenti dunque al tocco espressivo di van Dormael che si riconferma autore di rare suggestioni visive e psicologiche...qual'e' la musica del nostro cuore?

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


959643 commenti su 37677 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net