dietro la maschera regia di Peter Bogdanovich USA 1984
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

dietro la maschera (1984)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film DIETRO LA MASCHERA

Titolo Originale: MASK

RegiaPeter Bogdanovich

InterpretiEric Stoltz, Cher, Sam Elliott, Richard Dysart

Durata: h 1.55
NazionalitàUSA 1984
Generedrammatico
Al cinema nel Luglio 1984

•  Altri film di Peter Bogdanovich

Trama del film Dietro la maschera

Il sedicenne Rocky Dennis Ŕ affetto da leontiasi, una mostruosa deformazione del cranio, ma Ŕ dotato di intelligenza vivace e di molta saggezza; pi¨ di sua madre, che si Ŕ rifugiata nella droga e conduce un'esistenza non certo esemplare. Ma il loro rapporto Ŕ fecondo, cosý come quello con la "vivace" banda dei loro amici. La sorte di Rocky, per˛, Ŕ segnata.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,97 / 10 (38 voti)7,97Grafico
Miglior trucco
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior trucco
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Dietro la maschera, 38 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Jokerbona  @  18/12/2022 04:41:21
   9 / 10
Forse il film che più mi ha fatto piangere.
Me lo sono visto decine di volte per apprezzare ogni sfumatura, me lo sono visto anche in inglese in cui la sceneggiatura, i testi, risultano più crudi, slang, e tirati via rispetto alla versione italiana più dolce e curata.
Un racconto di vita di una persona (rocky) che ha molto da insegnare.
Non c'è un solo difetto a questo a film, tutti i personaggi sono gradevoli e le scene molto sensibili.
Voto nove.

ferzbox  @  27/06/2017 18:51:47
   8½ / 10
Bellissimo questo film.....davvero bello; mai mi era capitato di affezionarmi ad un personaggio come in questo caso; tutte le vicissitudini del caro Rocky le ho vissute come se fosse un mio amico, e soprattutto mi ha colpito molto come esso affrontava le avversità e i disagi che gli si presentavano a causa del suo malus fisico....un vero esempio di vita che mi ha stretto il cuore quando ho ripensato che era ispirato ad una storia vera....poi Erik Stoltz da applauso.
Anche Cher mi ha colpito in modo notevole; non che la sua parte fosse difficilissima, ma credo che questa sia forse una delle sue interpretazioni più significative ed importanti....
Ho provato anche una grande tristezza.....come pochi film sono riusciti a darmi....e ho considerato ancora più approfonditamente quanto la vita possa essere ingiusta.....
Stupendo e consigliatissimo; non arrivo a dare 9 per via di alcuni cali di ritmo a volte fastidiosi, ma in linea di massima è una pellicola che un giorno mi rivedrei molto volentieri.....

5 risposte al commento
Ultima risposta 29/06/2017 11.15.24
Visualizza / Rispondi al commento
Slich  @  26/04/2017 03:29:56
   9 / 10
Film di una dolcezza disarmante, dal quale probabilmente un po' tutti abbiamo da imparare e capire.
Pur non conoscendo alla perfezione la lingua inglese posso dire che la versione in italiano è ancora più sentita e commovente.
Il film che mi ha fatto piangere di più. Stupendo.

lucio marchini  @  12/01/2016 10:39:50
   7 / 10
grande cher! bel film dalla lacrima facile....per i teneri di cuore sicuramente lo consiglio! e' da un po' che nn lo trasmettono,peccato!

_Hollow_  @  06/10/2014 19:55:11
   9½ / 10
Ottimo film, con dei bellissimi personaggi caratterizzati egregiamente, dove la buona recitazione fa la parte del leone (Cher, Sam Elliott, Stoltz, Laura Dern, Dennis Burkley).

(Quasi) perfetto, con momenti memorabili come la scena della premiazione di fine anno. Da vedere.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  15/09/2014 14:51:06
   7 / 10
Film commovente che fortunatamente riesce a non essere troppo sdolcinato . La storia di rocky non è la storia di un ragazzo affetto da una grave deformazione che lo porta alla solitudine anzi il protagonista, in questo caso, è molto ben inserito nel contesto sociale e decisamente amato dalla madre. Interessante è infatti il confronto tra la sensibilità di rocky e le diverse individualità che incontra. Ottima la prova di Cher. Bene anche il resto del cast.

wallace'89  @  12/08/2014 19:20:38
   8 / 10
Struggente ritratto di vita come tante, di un ragazzo però fuori dal comune e non certo solo per la malattia di leontiasi che ne fanno un "Elephant boy" della provincia americana.
La carta vincente del film sta proprio nella delicatezza leggera di sguardo da parte del regista che non calca mai la mano verso i rischiosi, e assai più prevedibili, sentieri del patetismo e del vittimismo ricattatorio. Al contrario di Elephant man, il protagonista è calato in un contesto assolutamente "ordinario", che ha imparato a conoscere e affrontare secondo virtù e dolcezza, ricambiata da chi lo circonda e conosce. Tuttavia il clima "familiare" non è certo facilmente idilliaco, e per questo comune e universale. Sorprende la super mamma Cher, di esemplare naturalezza espressiva, con problemi di vita sentimentale e droga, capace di far la cosa più giusta per il figlio, con cui affronta la vita insieme con qualche dolore ma anche determinazione e coraggio.
Siamo nei seventies americani, e viene in qual modo ancora celebrata la vita "borderline" dei freak e gli outsiders, qui una comunità di motociclisti di grande empatia e solidarietà con il protagonista. la sua famiglia, ma è tutt'altro che la catena di eccessi a venir esaltata, quanto le qualità più eroiche e allo stesso tempo modeste. La semplicità e purezza d'animo, oltre gli artifici e dietro la maschera.
Finale ineludibile e sinceramente commovente.

Ale-V-  @  16/07/2014 01:04:44
   8 / 10
Lo vidi da ragazzino e mi piacque un sacco... Devo dire che, a così tanti anni di distanza, mi ha colpito ancora moltissimo. Fantastica storia.

topsecret  @  27/05/2013 09:30:57
   7 / 10
Ispiratosi ad una storia vera, Bogdanovich imbastisce una storia emozionante e di grande impatto. Una sorta di elephant man che coinvolge per la grande umanità e la dignità dei protagonisti, fatti risaltare da splendide interpretazioni di un cast degno di apprezzamento.

arrivaal  @  26/05/2013 23:09:14
   8 / 10
bellissimo! fatto benissimo. emozionante, commovente, ci sono molte scene davvero toccanti, quella dello specchio è davvero fantastica. da vedere se siamo predisposti a commuoverci un po'

DogDayAfternoon  @  21/05/2013 22:32:26
   7 / 10
La storia di Rocky Dennis, seppur sicuramente romanzata, è qualcosa che veramente non può lasciare indiffirenti. Bravo Bogdanovich a renderci partecipi delle difficoltà che Rocky ha incontrato nella sua vita a causa dei suoi problemi, ma anche dei momenti felici e dell'amore di una madre anche lei a suo modo diversa dalle altre (non pensavo Cher potesse essere così brava). Quello che non mi ha convinto del tutto (non so se sia fedele alla realtà) è la compagnia di amici motociclisti, un po' un'americanata.
La morte di Rocky poteva essere resa più drammatica, invece nel film sembra quasi una scena come le altre. Ma forse è giusto così.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Angel Heart  @  01/04/2013 01:23:56
   7 / 10
Triste, drammatico e straziante, il film di Bogdanovich evita patetismi e salti nella retorica o nel mélo; e anche se la storia vera viene parzialmente stravolta a scopi cinematografici, il regista riesce appieno e in ogni caso a toccare il cuore dello spettatore (al quale sarà difficile rimanere impassibile).
Straordinarie interpretazioni di Cher ed Eric Stoltz (ma non passa inosservata nemmeno Laura Dern nei panni della ragazza cieca), e numerose le scene emozionanti da ricordare (es. Rocky che vede la sua immagine nello specchio al Luna Park).

Struggente e commovente. Da vedere.

kingofdarkness  @  07/05/2012 12:40:18
   7 / 10
Tenero e piuttosto toccante questo piccolo gioiellino sconosciuto di Bogdanovich.
Tecnicamente non fa urlare al capolavoro, ma non si può certo dire che le tematiche trattate non lascino riflettere, soprattutto se si pensa che il film è tratto da una storia vera (sebbene, credo per una scelta cinematografica, la trama del film sia un un po' travisata rispetto a quella che fu la reale storia di Rocky Dennis)
Nel complesso, la visione risulta molto scorrevole, più sofferta solamente nei (pochi) tratti in cui viene approfondita la realtà della malattia.
Ammirevole vedere il modo in cui, nonostante le mille difficoltà e le disgrazie che il destino gli ha riservato, il piccolo protagonista affronta la vita di tutti i giorni senza mai smettere di pensare e sognare come un qualsiasi altro ragazzo della sua età.

Ottima l'interpretazione di Cher, che dimostra una naturalezza d'altri tempi nell'interpretare il ruolo di una madre confusa, disperata e distrutta dai sensi di colpa di una vita troppo instabile ma con un sempre incondizionato amore per il figlio.
Bravo anche Sam Elliott nei panni del rude biker dal cuore tenero (ruolo che riprenderà qualche anno dopo, in modo un po' diverso, nell'action "Il duro del Road House")
Magnifiche come sempre le musiche patriottiche del Boss.

Invia una mail all'autore del commento DjAlan78  @  23/03/2012 15:24:57
   7½ / 10
Rivederlo dopo molti anni mi ha fatto uno strano effetto, attutendo un po' l'emozione che il film mi suscitava nel ricordarlo, ma certamente non deludendo l'aspettativa.
Trama abbastanza lineare e prevedibile, con la variabile folcloristica della tribu' di centauri a connotare ulteriormente il concetto di "diversità", che genera paura e quindi repulsione.
Brava e in splendida forma Cher.

sergiolandia  @  13/05/2011 10:13:01
   8 / 10
Vidi questo film tanti anni fa...e ricordo tutt'oggi, la malinconia che mi lasciò dentro. Un film toccante che ti fa pensare a tante cose...e quando questo succede, significa che il film ha raggiunto il suo obiettivo e quindi il primo complimento va al regista Bogdanovich.
Bravissimo Stoltz e brava anche Cher, entrambi sviluppano i propri personaggi rendendoli caratteristici: il ragazzo è saggio e relativamente tranquillo riguardo la sua malattia, la madre è irresponsabile e sempre in paura per le sorti del figlio.
Il mio responso è più che discreto e quindi ne consiglio fermamente la visione.

Gruppo REDAZIONE maremare  @  12/05/2010 01:55:34
   7½ / 10
Buon film di Bogdanovich su di un 'freak' contemporaneo dal cuore tenero.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  23/04/2010 13:43:28
   8½ / 10
Uno dei più bei film di Bogdanovich su un ragazzino intelligente e vitale affetto da leontiasi. Il regista evita tutte le trappole del patetico, affrontando la tematica con straordinaria sensibilità e partecipe supporto umano. Con momenti di delicatezza rara, su tutti quello in cui Rocky insegna alla ragazza cieca a distinguere i colori. Bravissimi sia Stoltz che la grintosa super mamma Cher.
Un film che mi colpì profondamente e che, anche a distanza di anni, riesce ancora a piazzare qualche notevole pugno nello stomaco. Davvero da non perdere!

Clint Eastwood  @  23/04/2010 13:01:26
   7 / 10
Tecnicamente ben manovrato e diretto, a livello dei contenuti non propone molto. C'è da dire però che Cher all'epoca era un'ottima attrice con qualità, per lo più drammatiche (vedere anche Silkwood), peccato ...

Prevedibile/Evitabile.

2 risposte al commento
Ultima risposta 23/04/2010 13.22.36
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  16/04/2010 18:21:02
   6 / 10
Per colpa di questo film da piccolo feci una serie di incubi infinita. Trasmesso e ritrasmesso almeno 3-4 mattine in un anno, rivederlo fa sempre piacere ma si respira di continuo l'aria di un filmetto televisivo.

Per fortuna che c'è Sam Elliot che è un duro, se no si rischiava lo sbalzo glicemico.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento matteo200486  @  16/04/2010 18:11:27
   7 / 10
Un pugno nello stomaco la sequenza in cui si vede un normale bambino che gioca con le carte dei giocatori di baseball, per poi scoprire la triste verità della leontiasi.
Un film bello e poetico, nonostante il rischio di caduta nella retorica imperante.
Un buon lavoro di Bogdanovich.

Shoeless Joe  @  29/01/2010 16:04:21
   10 / 10
Un film meraviglioso. Lo fanno pochissimo in tv, purtroppo adesso la televisione privilegia cosa allucinanti rispetto a questi films. Cher bravissima e in generale tutti gli attori sono bravissimi.

kierkegaard1000  @  21/01/2010 16:04:27
   10 / 10
In assoluto il film che più mi ha commosso. Semplicissimo e allo stesso tempo vero. Questo voto per dargli un posto a parte rispetto agli altri film.

leonida94  @  29/09/2009 15:47:39
   8 / 10
Beh, Bogdanovich mica è pirla.
Senza scadere nel melenso e in una facile retorica colpisce dritto al petto con un dramma apparentemente felice.
La storia del ragazzo è raccontata in modo relativamente sognante senza tematiche come l'esclusione sociale e senza eppisodi cattivi e studiati per far piangere.
La vita del forte Dennis è vivace e si snoda tra amori e amicizie.
Bellissime le capacità del ragazzo nel aiutare la mamma ad uscire da un brutto vizio e a vivere in modo naturale con tutti i piaceri dell'esistenza.
Solo quando poi la sorte è segnata e i sogni poetici di un grande viaggio finiscono scende la prima e sincera lacrimuccia.

4 risposte al commento
Ultima risposta 30/09/2009 15.01.53
Visualizza / Rispondi al commento
JOKER1926  @  22/06/2009 01:38:20
   7½ / 10
"Dietro la maschera" Ŕ un importante lavoro cinematografico del 1984 di Peter Bogdanovich, il film pone le fondamenta sull'icona di un ragazzo sfortunato affetto da una particolare malattia che li modifica l'aspetto del viso.

Il film potrebbe sembrare simile a "The elephant Man" di Lynch ma le differenze sono notevoli, magari grosso modo l'immagine dei due protagonisti potrebbe essere analoga visto che si tratta (in entrambi i casi) di persone molto intelligenti e amorose ma cambia in modo irrevocabile il contesto civile, ne "Dietro la maschera" Rocky Dennis vive in libertÓ, in modo spensierato e soprattutto armonioso con i suoi amici, con i ragazzi della scuola, insomma non ci sono clamorosi problemi per l'integrazione nella societÓ per Dennis, in definitiva il mondo (almeno sotto questi aspetti) Ŕ cambiato ed accetta senza asfissianti discriminazioni un individuo apparentemente "non normale"; nella societÓ di Lynch i concetti di razzismo e quindi di ignoranza abbondavano (altri tempi) ed Ŕ dunque (ovviamente) difficile se non impossibile tracciare assi di paragone fra le due pellicole.

"Dietro la maschera" presenta una buona serie di pregi, su tutti gli attori (magari non di primissima fascia) nel complesso davvero accattivanti, particolari e simpatici; le ambientazioni molto fluide e abbastanza "vivaci", sceneggiatura semplice ma solida; l'unica minuscola "imperfezione" potrebbe essere la fotografia (un po' troppo comune, ma in linea di massima accettabile).

"Dietro la maschera" dunque Ŕ una pellicola molto profonda che delinea in modo straripante le grandi doti di un ragazzo sfortunato che si avvia (inconsciamente) verso la morte, alcuni episodi inoltre risultano essere decisamente commoventi (come l'incontro e il consequenziale innamoramento con la ragazza cieca) e deliziano senza indugi lo spettatore.
Inoltre ogni personaggio del film risulta essere "unico", in sostanza ognuno ha una propria robusta mentalitÓ, ad esempio la madre di Rocky Dennis Ŕ davvero curata sotto il profilo psicologico, impossibile dimenticare icone del genere.

"Dietro la maschera" non Ŕ un film retorico, nel senso pi¨ assoluto, in pratica la regia non cerca di edificare arrogantemente quell'alone di "misericordia" e di estrema e "pomposa" commozione, bensý Peter Bogdanovich cerca umilmente di "incorniciare" il tutto (ovvero tematiche triste) in un contesto allegro e spensierato, in pratica la drammaticitÓ si fonde, si combina con il "resto" della vita fatto da baldoria, scuola, donne, viaggi, amiciů
Il film non risulta mai banale, pellicola ammaliante (a tratti) che dietro uno spiccato dinamismo narrativo nasconde (inevitabilmente) drammi, maledette sfortune che almeno in parte possono essere "addomesticate" e di conseguenza sconfitte; "Dietro la maschera" Ŕ un film essenziale, prodotto cinematografico da non perdere, da vedere in esso Ŕ possibile sradicare in modo totale il senso della vita, l'enfasi di ogni persona, ovvero l'importanza della vita che va vissuta fino alla fine senza complessi mentali cercando di trarre positivitÓ e felicitÓ...

Universegalaxy  @  12/10/2008 10:48:58
   8 / 10
Bellissimo film drammatico,tratto da una storia vera.
Molto toccante,Bogdanovich riesce ad estrapolare una pellissima pellicola.
Bellissima la poesia del ragazzo nel finale....

The Monia 84  @  28/07/2008 14:29:17
   8½ / 10
Film sensibile e leggero, evita ogni trappola del genere e ne esce da vincitore.
Stupendi gli attori, sopratutto Cher, Eric Stoltz e Sam Elliott, bellissima la colonna sonora, momenti magici di grande, grandissimo cinema come la scena in cui Rocky insegna a Diane i colori.
Complimenti a Bogdanovich, un vero artista della cinepresa.

ivan78  @  08/06/2008 13:28:07
   8½ / 10
Difficilmente quando si affrontano temi di questo genere si evita di esagerare nell’ipocrisia e nella facile retorica. Questa a mio avviso è la qualità maggiore espressa da Bogdanovich. Inaspettata la notevole interpretazione di Cher che ho trovato davvero espressiva. Il personaggio debole in questa storia tratta dalla realtà è lei, Rocky è perfettamente in grado di affrontare con forza ed orgoglio il pregiudizio del mondo che lo circonda ed a volte è addirittura costretto a supportare una madre dalla vita spericolata. Nonostante tutto lei è però una buona mamma che rifiutandosi di esibire il suo dolore per la “mostruosità” del figlio, non vuole che egli si senta diverso. Coloro che rifiutano Rocky e che lo osservano inorriditi, sono le persone che difettano di fantasia. Non sanno vedere oltre ciò che ci impone la realtà, non sanno immaginare nulla che vada oltre…al contrario Rocky, sua madre, i suoi amici viaggiano con la mente superando le bassezze del mondo. Da certi punti di vista il rovescio dell’ “Uomo elefante”, ma come quello, volto a scoprire chi si nasconde “dietro la maschera”.

NandoMericoni  @  17/02/2008 18:09:57
   8 / 10
veramente un bel film, peccato non passi mai in tv...

Gruppo COLLABORATORI ULTRAVIOLENCE78  @  30/10/2007 11:44:24
   8½ / 10
Film -basato su una storia vera- estremamente toccante, che ha ad oggetto il tema della diversità.
Bogdanovich, senza mai scadere nel melenso, ci racconta la vicenda di un ragazzo, Rocky, affetto da una grave malformazione al viso, soffermandosi, più che sulla vita interiore del personaggio principale, sul mondo che gli gravita attorno e su come gli altri, i "normali", si relazionano a lui. Ne viene fuori un mondo fatti di pregiudizi, di ignoranza e di ottusità: solo chi conosce veramente Rocky, chi non si è fermato al suo aspetto esteriore ma è andato più a fondo, è capace di aprezzarne l'animo nobile e sensibile. Emblema di questa realtà è la giovane cieca che, giocoforza, si avvicina a Rocky in quanto attratta dalla sua gentilezza dalla sua bontà.
Rocky, tuttavia, non è dipinto come un martire: anzi egli sembra essere il personaggio più forte che sa reagire meglio alle avversità, a dispetto della madre che invece appare come la figura più fragile e suscettibile. Paradossalmente è il ragazzo "malato" che si prende cura della madre "sana", la quale si sentirà persa allorquando verrà meno questo sostegno morale.
Film che trasmette un messaggio che, di primo acchito, può sembrare banale, ma che invece arriva dritto dritto al cuore senza fronzoli e senza retorica.

Dick  @  31/07/2007 00:36:46
   8 / 10
Ispirato ad una storia vera, un bello e toccante film sulla diversità che evita facili sentimentalismi e con delle giuste caratterizzazioni.

sweetyy  @  18/12/2006 16:10:48
   8½ / 10
Un film eccellente interpretato da un ottimo cast .
Parla di una storia realmente accaduta.quella di Rocky, un teenager con un'orribile deformazione al cranio.
Ne consiglio la visione perchè è un film molto toccante e soprattutto fa riflettere su come siano importanti i valori e l'aspetto interiore di una persona. Bravissima Cher nella parte della madre.

lupin 3  @  18/12/2006 15:51:09
   7 / 10
7 secco...
Penso che si poteva farcire meglio la trama, ma dato che è tratto da una storia vera e i fatti sono questi va bene così...

FedericoBlasco  @  18/12/2006 15:43:34
   8 / 10
Ottimo film,commovente e allo stesso tempo molto umanistico.
Cher supera se stessa,in tutti i modi.Il messaggio che vuole trasmettere questo film è un'invito a tutti ad accettarsi così com'è ed a vivere la vita intensamente,anche se per un breve periodo.Il film fa anche intuire come una persona del calibro di Rocky riesca ad entrare nel cuore di tutti,anche di quelli più
squilibrati.

CinemAlex  @  18/12/2006 03:40:07
   9 / 10
Roy detto Rocky è affetto da una malattia deformante, tuttavia cosa c'è dietro questa maschera? Un ragazzo che affronta il suo handicap con coraggio e intelligente ironia.

Non è mai stucchevole, ipocrita, smoderato il film: Roy è orribile fisicamente, è detto fin dall'inizio senza mezze misure. Chi lo vede rimane sgomento, perfino il padre putativo la prima volta che l'ha osservato è impallidito.

La bellezza si trova nel suo modo di scherzare del suo aspetto, ad esempio sdrammatizzando si definisce un alieno del pianeta Vulcano; nella famelica smania di conoscenza umanistica e scientifica; nella ricerca dell'ultima rara figurina da collezione mancante; nella sua voglia di conoscere l'europa a cavallo di una Harley Dadison, alla scoperta delle vere origini. Naturalmente le sofferenze oggettive ci sono, non sparicono, e sono lancinanti.

Quando scivola nell'esperienza dell'amore il film si tramuta quasi in un poema, descritto alla stregua di quel colore che lega con grazie i rimanenti, come il blu freddo che sa di ghiaccio e il fluttuante che è leggero e morbido come l'ovatta.

Le sofferenze inesistenti, i pregiudizi, le paure sgorganti di insicurezza, le orride ossessioni, le stupide gioie effimere, sono la vera maschera che indossiamo noi tutti ogni giorni che ci impedisce di realizzarci veramente. Badta semplicimente abbandonarsi al bello e concetrarsi su cio' che ci piace, per vivere felici e superare in magnificenza la bellezza del dio Adone.

voto:
Un film che oltre a strappare lacrime giustificate, fa pensare in maniera diversa, in fondo fa apprezzare l'imponderabile fortuna di essere "banalmente" normali.

nove

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  20/10/2006 21:57:00
   8 / 10
Dietro l'ottimismo di facciata del reaganismo imperante, Bogdanovich racconta una storia di straordinaria poesia, imprimendo nella memoria dello spettatore un Rocky Dennis come nuovo e "scomodo" eroe dei nuovi teenagers.
E' quasi un "Elephant man" contemporaneo, forse fin troppo accettato da una comunità che persegue il perenne disegno della normalità e della bellezza fisica.
A Bogdanovich interessa soprattutto l'aspetto interiore della vicenda, e per questo cio' che puo' apparire paradossale (che Rocky sia benvoluto da tutti dovrebbe essere naturale, ma non è "normale" che avvenga nella realtà) nel film fa in realtà emergere il contrasto tra la sensibilità del protagonista e un mondo circostante che lui non capisce. In questo caso, i ruoli si ribaltano e i "diversi" sono proprio gli altri, compresa l'amata e sbandata madre interpretata splendidamente da Cher.
Comunque un film che non si puo' non amare, e che ancora oggi provoca un fortissimo senso di amarezza e smarrimento

Phelps  @  08/10/2006 19:51:09
   7½ / 10
Gran bel film mai banale e ottimamente recitato.

2 risposte al commento
Ultima risposta 31/07/2007 13.47.53
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR frine  @  22/09/2006 01:05:13
   7½ / 10
Una moderna favola di quelle crudeli, alla Andersen o alla Oscar Wilde, dove alla fine non si accomoda un bel niente. Il giovane Rocky, a causa di una malformazione, ha un aspetto strano (per non dire mostruoso): eppure, le sue eccezionali doti intellettuali e morali lo rendono ben accetto sia nella scuola, dove consegue ottimi risultati, sia nella cerchia degli amici.
Interessante e complesso il rapporto con la madre, una bella donna che adora il figlio ma non sempre riesce a comprenderne fino in fondo la purezza morale. La madre, infatti, frequenta cattive compagnie e talvolta, pur volendo bene al figlio, dimostra di non volere il suo bene.
Ma anche i dissensi si potrebbero appianare se la malattia di Rocky non fosse, purtroppo, gravissima e irreversibile. Rocky non riuscirà mai a conoscere l'amore di una ragazza, ma la sua vita sarà stata comunque ben spesa.
Film diretto con semplicità e rigore, senza mai scadere nel facile melodramma. Cher è affascinante e brava, ma Eric Stoltz (attore indipendente notato e utilizzato anche da Tarantino) domina la scena con una faccia che non è la sua. Indimenticabile la scena degli specchi deformanti, dove finalmente Rocky scopre il suo vero, aggraziato volto.

4 risposte al commento
Ultima risposta 18/12/2006 04.15.28
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  22/09/2006 00:23:42
   9 / 10
Tocca il cuore , una storia drammatica di un ragazzo con una malformazione , una mamma splendiata che darebbe tutto per il propio figlio . Ho visto questo film 20 anni fa , non me lo ricordavo cosi' bello ! la voglia di vivere per chi non ha tanto tempo per farlo !!! BELLISSINO !!

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

amleto e' mio fratelloanatomy of a fallanimali selvaticiassassinio a veneziaasteroid cityavanzers - italian superheroesbarbieblackbitsblue beetlebugiardo serialecattiva coscienzacoma (2022)comandante (2023)come le tartarughecome pecore in mezzo ai lupiconversazioni con altre donnedemeter: il risveglio di draculadoggy styledouble souldue fratelli (2023)enzo jannacci vengo anch'iofatello e sorella
 NEW
felicita'gli oceani sono i veri continenti
 NEW
gran turismo - la storia di un sogno impossibilehai mai avuto paura?hanno clonato tyronehypnotic (2023)
 NEW
i mercen4ri - expendablesi peggiori giorniil castello invisibileil confine verdeil faraone, il selvaggio e la principessail giuramento di pamfiril grande carroil mio amico tempestail mistero del profumo verdeil pi¨ bel secolo della mia vitail sapore della felicitail supplente (2023)in the fireindiana jones e il quadrante del destinoinsidious - la porta rossaio capitanoio sono tuo padrejeanne du barry - la favorita del rekurskla bella estatela casa dei fantasmi (2023)la lunga corsa - una commedia stralunatala maledizione della queen maryla stanza delle meraviglie (2023)last film showle mie ragazze di cartal'invenzione della nevel'ordine del tempomamma qui comando iomanodoperamission: impossible - dead reckoning - parte unonina dei lupinoi anni luceoppenheimerpapa' scatenatopassagespatagoniapiggy (2022)priscillaraffarheingoldrido perche' ti amoritratto di famigliarodeorossosperanzaruby gillman - la ragazza con i tentacolishark 2 - l'abissotartarughe ninja - caos mutantethe equalizer 3 - senza treguathe nun 2the storetitinauna commedia pericolosauna donna chiamata maixabeluna stanza tutta per se'una sterminata domenicauomini da marciapiedewolfkin

1043005 commenti su 49758 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BUGIS STREETL'ARMONICALE CREATURELIFE OF A SHOCK FORCE WORKERLUMBRENSUENOMOVINGTHE WORKING GIRLS

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net