dietro i candelabri regia di Steven Soderbergh Usa 2013
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

dietro i candelabri (2013)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film DIETRO I CANDELABRI

Titolo Originale: BEHIND THE CANDELABRA

RegiaSteven Soderbergh

InterpretiMichael Douglas, Matt Damon, Rob Lowe, Dan Aykroyd, Caroline Jaden Stussi, Boyd Holbrook, Max Napolitano, Scott Bakula, Debbie Reynolds, Paul Reiser

Durata: h 1.58
NazionalitàUsa 2013
Generebiografico
Al cinema nel Dicembre 2013

•  Altri film di Steven Soderbergh

Trama del film Dietro i candelabri

Biografia del musicista e performer Wladziu Valentino Liberace (1919-1987), noto semplicemente come Liberace.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,98 / 10 (20 voti)6,98Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Dietro i candelabri, 20 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

DarkRareMirko  @  03/06/2019 23:24:32
   9 / 10
Ottimo prodotto tv di Soderbergh, con due interpreti fenomenali (Douglas forse al meglio di sempre, come in Un giorno di ordinaria ofllia) e make up strabiliante (andate a vedere il volto di Damon post operazione e sappiatemi dire).


Affascina e trascina sin dai primi minuti e pure il cast di contorno è noteovle (Aykroid, il Reiser di Alien 2).


Notevole confezione e location, finale struggente, per un bio-dramma notevole e sottovalutato.

antoeboli  @  02/02/2017 14:47:45
   6 / 10
Penso di essere stato anche generoso col voto finale , in quanto il film non trova nulla di nuovo sotto l aspetto delle storie d amore gay , con una scrittura quanto scontata non si può .
Lo salvo per il cast principale con Douglas appena guarito dal tumore , e uno straordinario Matt Damon , e per la fotografia curata , specialmente nelle scene in cui Liberace suona ai concerti .
Per il resto film parecchio piatto , con una regia buona ma non eccezionale , e da Sodenbergh ci si vorrebbe aspettare un attimo qualcosa di più.

KINGLIZARD  @  30/01/2017 13:48:22
   6½ / 10
Interessante Biopic su un incredibile personaggio dello Showbiz americano..il film si lascia vedere piacevolmente grazie alla grande maestria di Douglas e Damon..Soderbergh non risulta noioso come in suoi precedenti film..
Non per tutti ma neanche per nessuno

calso  @  06/01/2015 20:51:10
   7 / 10
La storia di Liberace descritta in tutta la sua esagerazione e nei suoi eccessi...douglas eccezionale in questo film...

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  20/12/2014 00:02:24
   6½ / 10
Prima di questo film sconoscevo l'esistenza di questo personaggio...Liberace.
Sembrerebbe una finta biografia, un personaggio troppo assurdo per essere realmente esistito. Ma Liberace è reale, cosi come è reale tutto il glamour, il Kisch e lo sfrenato consumismo che gli stava intorno. E poi, ovvio, non manca anche il lato oscuro dell'artista.
L'ottimo Douglas impersona questo personaggio intrigante e davvero amabile che cattura nella sua rete un giovane con la voglia di sfondare. Ne viene fuori una storia d'amore e tradimenti che culmina nel drammatico finale.
Un film davvero curioso e ben realizzato che forse ha il difetto di concentrarsi troppo sulla vicenda amorosa piu' che sul lato artistico.

wicker  @  31/08/2014 12:51:21
   6 / 10
Soderbergh ha fatto molto di meglio . Questo film vorrebbe secondo me analizzare il disfattismo umano davanti al successo.. solo a tratti ci riesce,sicuramente nei monologhi di Douglas che ci fa intuire i cambiamenti della sua persona e di conseguenza del suo personaggio .
Purtroppo la storia in se si riconduce solamnete al rapporto tra due gay.. e in alcuni battibecchi il linguaggio è veramente volgare..(sarei curioso di sapere se l'originale usa le stesse parole così trucide).
Douglas e Damon con le loro interpretazioni salvano la baracca .. cosicchè il film non sia mai noioso e non perda di ritmo,tra lustrini e pailletes il rischio di guardarsi troppo allo specchio era alto!!

gabri68  @  26/07/2014 19:46:25
   7 / 10
vale la pena vederlo per l'interpretazione di M.Douglas, davvero apprezzabie! chi se lo immaginava che il quasi 70enne Michael Douglas, epico Gordon Gekko di Wall Street, si cimentasse nell'interpretazione di un personaggio così stravagante, sopra le righe e per certi versi ridicolo come Liberace...anche Matt Damon funziona bene e la regia è ben curata.

vale1984  @  17/06/2014 10:07:36
   7 / 10
il titolo in italiano è terribile, il film è un eccesso continuo ma non è male e soprattutto i due attori sono bravissimi. La storia non mi è piaciuta ma loro sono stati davvero credibili.

sandrone65  @  28/01/2014 09:22:02
   8 / 10
Ottima l'interpretazione di Douglas e Damon nelle rispettive parti di Liberace e Thorson. La prospettiva con cui viene raccontato Liberace è quella del giovane amante, prima sedotto, poi annullato ed infine abbandonato. Liberace sembra rapportarsi con il ragazzo applicando l'unico schema relazionale di cui dispone e che conosce, che è anche il rapporto vacuo ed in fondo vuoto che egli ha con il mondo scintillante che lo applaude ed esalta. Il musicista fa con il ragazzo ciò che la vita ha fatto con lui, prendendolo, trascinandolo nel vortice di una vita pazza e lussuosa, svuotandolo della propria identità ed infine perdendolo. E, come in ogni vita umana, alla fine della corsa non rimane nulla. Regia e fotografia molto buone, dialogi all'altezza. Un gran bel film.

andreuzzo  @  26/01/2014 20:34:31
   6 / 10
Il film "corre troppo" e non riesce a focalizzarsi e approfondire.
Tutto sommato comunque per questo, riesce a non essere mai noioso.
Se si è curiosi di sapere è un buon film

TheLegend  @  27/12/2013 07:09:12
   6 / 10
Si segue con interesse ma forse il tutto è un pò troppo superficiale.

Curiosity  @  20/12/2013 16:48:58
   6½ / 10
Storia molto americana, di difficile interesse per un pubblico italiana. Si riduce però tutto ad un gay movie alla fine. Tutto incentrato sul loro rapporto sentimentale, sessuale, economico.Lungo due ore tra l'altro. Per il resto forse tra le 3 migliori interpretazioni all-time di Douglas, bravo anche Damon devo dire.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  19/12/2013 01:19:01
   6½ / 10
Film interessante per chi come me non conosce il personaggio.
Ottima l'interpretazione di Douglas e anche quella di Damon, che ho spesso sottovalutato, non è male. Certo il film si perde in qualche eccessiva lungaggine ed anche il ritmo lascia a desiderare ma nel complesso è da vedere.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  14/12/2013 01:30:31
   8½ / 10
Diciamo subito che con Sodelbergh ho sempre avuto grossi problemi, è un regista che ammiro ma spesso ho sottovalutato film che avevano potenzialità piuttosto alte tipo Infection e magari mi sono lasciato trasportare un po' troppo dalla superficialità baraccona di Magic Mike e affini. Diciamo che i voti non si possono cambiare, ma probabilmente il suo Che diviso in due parti resta la miglior operazione della sua carriera, e Dietro i candelabri non è all'altezza del Sodelbergh migliore. Ma mai così spesso il risultato così altalenante è secondario rispetto alla grandiosa performance di Micheal Douglas, letteralmente superbo con i suoi tic la sua forza e la sua fragilità - a volte piuttosto meschina - a dare un volto e un'immagine a quello che è stato, nel bene e nel male (soprattutto) uno dei pianisti più amati e chiaccherati del ventesimo secolo.
Ed è proprio straordinario nel rapporto con la madre, in quell'abbraccio feticista con un pubblico che ammira strabiliato questo Rubinstein vestito e asservito da mise in scene degne della nostra Wanda Osiris (!?).
Altrettanto efficace Damon, che fra l'altro esibisce un fisico perfetto e riesce a essere persuasivo anche cercando di dimostrare qualche anno in meno. E sorprendente la rediviva Debbie Reynolts, che è ora tenera ora opprimente nel ruolo materno.
"Dietro i candelabri" si concentra quasi unicamente sul rapporto tra la star ricca e viziata (o viziosa?) e il suo pupillo, mettendo a nudo il totale annullamento delle personalità in favore del narcisismo di un idolo pubblico in fondo in fondo tristemente solitario al di là del luccicante delirio kitsch della sua immagine.
In questo senso sì, può risultare superficiale e forse un po' noioso, quando segue alla lettera i parametri autobiografici dell'Io narrante e contempla, ma non più di tanto in fondo, la dimensione iconografica dell'artista.
Eppure in questo glamour c'è la forza del film, perché non si tratta di un film su una checca piena di soldi, ma l'ennesima finestra su un mondo fatto di fama e dimore di lusso, quello di Hollywood e Palm Springs, su un costante rifugio dove perdersi e ritrovarsi (Damon che chiede di uscire per vedere gli amici, Liberace-Douglas che pretende l'autista per muoversi soltanto per le prove dei suoi concerti). Alla fine, il film è prezioso proprio perché mette a nudo anche la credibilità di Liberace, che alla fine della carriera si trova a presentare la notte degli Oscar 1982 con la sensazione di una star anacronistica acclamata per gli ultimi fuochi della sua fama. Personalmente posso aver trovato fastidiosi certi frammenti, come del resto l'eccessiva parte dedicata alla chirurgia plastica, ma al contrario commoventi e memorabili certi altri, come il commiato finale.
Ciò che rende "Dietro i candelabri" un film così intenso al di là di certe lungaggini è del resto quel gusto amaro, di solitudine, che si respira davanti all'ennesimo mosaico di uno star-system logorato e stantio (un po' come l'ultimo Presley).
E in fondo, come dimostra il personaggio di Damon, "Dietro i candelabri" è forse la prosecuzione Camp di "Magic Mike"

gaffe  @  13/12/2013 20:17:20
   7 / 10
Manco sapevo chi era Liberace, come la maggior parte delle persone penso, un ibrido tra Elton John e Elvis Presley.
A prima vista il film sembra fin troppo laccato e volutamente kitch(ricorda un pò il film Boogie Nights per le atmosfere anni 70), tutto ruota intorno al rapporto conflittuale tra Liberace e il suo amante proletario, celebrità, soldi, cocaina e interventi chirurgici completano l'immaginario hollywoodiano delle star viziose.

dagon  @  10/12/2013 23:06:25
   6 / 10
Per essere un prodotto televisivo, è addirittura deluxe. Oggettivamente è un film dall'ottima confezione con buone interpretazioni, ma, alla fin fine, un po' "scolastico"

paoloaretino  @  10/12/2013 14:18:35
   10 / 10
Bellissimo film ......ottimo lavoro di Steven Soderbergh che ha fatto una regia magnifica costumi bellissimi che ti proiettano nell atmosfera dell epoca come del resto la vita delle star e il dover scindere in maniera radicale la vita pubblica da quella privata anche se in quel periodo faceva piu comodo il far finta di non vedere quale fosse la realtà. La storia sembrerebbe la classica del ragazzo squattrinato che finge di innamorarsi di una star per fare la vita agiata. In parte potrebbe essere vero ma alla fine si capisce che il sentimento è stato vero e sincero. Comunque sia un film fatto veramente bene senza cadere nel volgare che poi racconta una storia veramente acaduta.
Un film da non perdere assolutamente.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  04/10/2013 00:05:06
   6 / 10
Il film di Soderberg si fonda su due archetipi: la star ricca, famosa ed affermata e il ragazzo di provincia. Sceglie lo sguardo di Scott per svelare cosa ci sia dietro questi candelabri, scindendo completamente la sfera pubblica (quasi inesistente) per cocentrarsi nel privato atraverso l'evoluzione del rapporto fra queste due persone.
Malgrado la scelta di questo sguardo privilegiato, l'accuratezza tecnica della messa in scena, Behind the candelabra è un film che dice meno di ciò che programmaticamente, fin dal titolo, vorrebbe far supporre. Mostra l'annullamento di una personalità nei confronti dell'altra, la ricostruzione di un clone di se stesso (Liberace) in mezzo al trionfo del Kitsch.
Come detto sceglie l'evoluzione di questo rapporto, ma perde per strada degli spunti molti interessanti come il rapporto di questi due personaggi con la loro sessualità, lasciando il film sospeso in superficie e mortificando in parte le belle intepretazioni di Douglas e Damon.

3 risposte al commento
Ultima risposta 06/12/2013 23.13.38
Visualizza / Rispondi al commento
roywolf  @  20/07/2013 13:11:58
   9 / 10
Film eccellente. Costumi e ambiente del periodo riportati prfettamente.
L'interpretazione di Douglas ottima.
Da vedere e rivedere.

Lory_noir  @  12/07/2013 15:30:51
   5 / 10
Mi ha lasciato indifferente. Mi è sembrato troppo curato dal lato superficiale e poco da quello della sostanza.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006111 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net