bentornato pinocchio regia di Orlando Corradi Italia 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

bentornato pinocchio (2007)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film BENTORNATO PINOCCHIO

Titolo Originale: BENTORNATO PINOCCHIO

RegiaOrlando Corradi

InterpretiOreste Baldini, Federico Bebi, Oliviero Dinelli, Emanuela Rossi, Vittorio Stagni

Durata: h 1.31
NazionalitàItalia 2007
Genereanimazione
Al cinema nel Novembre 2007

•  Altri film di Orlando Corradi

Trama del film Bentornato pinocchio

Pinocchio è ormai un ragazzino e ha la vivacità tipica dei suoi coetanei, anche se non si è più messo nei guai per paura di essere nuovamente trasformato in un burattino di legno... In qualche modo però il gatto, la volpe e Arlecchino, sotto il controllo dell'Uomo di Burro, persuadono il ragazzo a rubare il contenuto del salvadanaio della scuola.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   1,50 / 10 (3 voti)1,50Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Bentornato pinocchio, 3 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Peanuts02  @  29/08/2017 22:44:09
   2 / 10
E' il secondo film di Pinocchio che recensisco in questa serata, e se la versione di Benigni si poteva definire un film mediocre, qui ci troviamo di fronte ad un adattamento TRISTE, la tristezza resa film.
Innanzitutto è già un'idea del tutto insensata voler realizzare un sequel di Pinocchio. Pinocchio è una storia di formazione fortemente educativa, e ancora oggi conserva un bel po' di insegnamenti che farebbero bene anche a molti adulti.
I messaggi sono chiari: bisogna essere onesti con il prossimo, l'altruismo ti porterà lontano e 'egoismo ti renderà il cammino ancora più ripido, nella vita le scorciatoie non servono a niente perché l'unico modo di raggiungere i propri scopi è rimboccarsi le maniche e lavorare...
Tutti messaggi che Pinocchio impara bene e in modo anche molto drastico, ma li impara e alla fine viene giustamente premiato, passando così dall'essere un freddo pezzo di legno (simbolo della freddezza umana) ad un bambino vero in carne ed ossa.
Che senso avrebbe, quindi, inserire la """"clausola"""" secondo la quale per colpa della fantomatica "maledizione dell'omino di burro" (!maledizione" che il buon Collodi non avrebbe inserito nel romanzo neanche con un moschetto puntato dietro la nuca) Pinocchio rischia di tornare un burattino o addirittura un asino? E il film non sa nemmeno essere insensato nel modo giusto!
Perché?
Mi spiego. Pinocchio tornerebbe un burattino nel caso in cui iniziasse di nuovo a disubbidire a Geppetto e via dicendo. Ma alla fine viene sono incastrato dal gatto, la volpe, il robot e il carabiniere zombi! (Non posso credere di averlo detto...)
Quindi in teoria Pinocchio aveva buone intenzioni di carità. Certo, non ha fatto una buona cosa, ma non era mica colpa sua! Sta' maledizione mi pare un po' fiscale, non trovate?
E serve anche aggiungere che il gatto e la volpe sono riusciti a convincere Pinocchio a derubare la cassa della scuola fingendosi babbo natale dopo aver rubato la sua slitta? Ed è SPLENDIDO vedere che il film si preoccupa tanto per la povera gente "denunciando" la loro situazione, ma poi alla fine non ne parli più! Che fine hanno fatto quei bambini poveri? E chi lo sa, potrebbero essere anche morti e il film semplicemente si è "dimenticato" di parlare anche di loro.
La fata, d'altro canto, spunta fuori dal nulla vestita di rosa, bionda e con gli occhi verdi (quindi turchina quanto lo è Adolf Hitler) per avvertire Geppetto riguardo il pericolo che corre Pinocchio, ma dicendo di essere contenta che Pinocchio non sia lì a sentire. Ma diamine, se il bambino è in pericolo dovresti dirlo a lui per prima cosa, e non tenerlo segreto! Nemmeno Geppetto fa nulla per intimare il figlio, quasi come se si fossero tutti arresi davanti alla presunta fine del bambino.
Pinocchio corre a chiedere aiuto alla fata, ma la fata non è in casa (è partita per un viaggio di cui nemmeno ci dice molto. A questo punto per me può anche essere andata ad un'orgia in costume) e neanche il grillo parlante è da quelle parti. L'unico che lo può aiutare è il barboncino-mascotte della Mondo Tv (vera star del film) che chiama "Winter". Faccio notare come sia un nome tipicamente italiano ottocentesco!
E i deliri non sono finiti. Pinocchio accetta il passaggio di un gitano di nome Zingaro (mamma mia -_- ), chiede aiuto ad una veggente e non si ferma nemmeno ad ascoltare cosa ha da dirgli la donna (la furbizia proprio!), segue di nuovo l'omino di burro verso il paese dei balocchi commettendo di nuovo GLI STESSI IDENTICI ERRORI CHE LO HANNO FREGATO PRIMA TRASFORMANDOSI DI NUOVO IN UN ASINO!!!
Ma ci state prendendo in giro?!
Comunque non dura a lungo, dopo essersi unito al "cavaliere dei principi perduti" decide di sacrificarsi per salvarlo da alcuni briganti tornando ad essere un burattino (ma farlo tornare di nuovo un bambino no, eh?) e qui mi viene una domanda.
Su quale messaggio verte il film? E' evidente che si tratta di un prodotto destinato a bambini piccolissimi, e per questo è essenziale che si riveli almeno un prodotto educativo. E cosa insegna? Che bisogna aiutare i poveri? Eh... Alla fine neanche se ne parla più, i poveri servivano solo a giustificare il presunto "furto" di Pinocchio. Che l'onesta è l'unica strada? Forse, ma presto vedremo come finirà...
Finalmente Pinocchio raggiunge il Polo Nord. Ripeto: Pinocchio parte dall'Italia è un po' a piedi, un po' grazie a delle cicogne, raggiunge il polo...
Infatti Pinocchio crede che salvando Babbo Natale sarebbe tornato ad essere un bambino vero. Tenetelo a mente per dopo.
Pinocchio salva un cucciolo di orso polare caduto in un crepaccio ed entra nella capanna di Babbo Natale, tenuto prigioniero dal bizzarro quintetto di antagonisti.
Segue una scena d'azione piuttosto delirante, durante la quale altri due bambini diventati asini riescono a tornare alla normalità dopo aver mentito e detto che è stato l'orsetto a spaventare i cattivi
O.o
Ma siamo seri? Un film su Pinocchio che ci lascia passare come "azione da premiare" la bugia? Forse vuole premiare il fatto che abbiano dato il merito all'orso, ma comunque non si capisce affatto e a questo punto si può dire che il film non insegni proprio niente, visto che non riesce nemmeno ad inculcare i principi del romanzo su cui si basa.
A risolvere tutto è la fata (che stavolta si è vestita d'azzurro e ha cambiato le lenti a contatto, a quanto pare...), trasforma il gatto, la volpe, lo zombie e il robot in asini e l'omino di burro in un vero panetto di burro gigantesco.
Tralasciando la scena disturbante, la fata corre da Pinocchio complimentandosi e dicendogli che grazie al suo coraggio sarebbe stato premiato. Come? Con un nuovo amico, ovvero il barboncino Winter!
...
No, non potete fare sul serio. Pinocchio si fa un c**o così per raggiungere il Polo Nord, si sacrifica per salvare un altra persona e salva babbo natale, ma alla fine lo premi con un amico che aveva già prima del tuo presunto "intervento"? E poi gli altri due bambini vengono premiati immediatamente per aver detto una bugia?!?
Segue un'altro delirio al circo durante il quale Pinocchio torna un bambino vero, e vissero tutti felici e contenti...
No, aspettate! L'omino di burro trasformato in burro cade in mare e viene ritrovato dal prete che lo scioglie e lo usa per cucinare il pesce per il cenone di natale!
Ma quanto si può essere malati per scrivere una cosa del genere?!

Che dire, sto scrivendo praticamente un romanzo a parte per questa recensione! E' un film assolutamente pessimo, allucinante, cervellotico e da trip tossico. L'animazione è dozzinale, gelatinosa ed inespressiva.
Da vomito è dire poco

TheCineMaster  @  01/06/2015 18:08:32
   1½ / 10
Film d'animazione del 2007 diretto da Orlando Corradi, fondatore di MondoTV, casa che ha prodotto e distribuito questo lungometraggio che è uno dei tantissimi filmettini d'animazione fatti Made in MondoTV. Li ho visti quasi tutti (disponibili su YouTube sul canale di MondoTV) e questo è finora il peggiore che ho visto (dopo "La leggenda del Titanic) e la peggior trasposizione di Pinocchio mai fatta. Questo dovrebbe essere una specie di sequel e già questo è sbagliato, perché il romanzo si concludeva giustamente con il protagonista che aveva imparato tutte le lezioni possibili. Ci sono tantissime infedeltà al romanzo, tipo l'Omino di Burro che vive in una catapecchia (mentre nel romanzo è miliardario e i soldi gli escono dal buco del deretano), il Grillo Parlante non vive da Geppetto e Pinocchio, tantissimi personaggi inventati (alcuni di questi assurdi) ma, soprattutto, la maledizione dell'Omino di Burro, inesistente nel libro e che è praticamente il fulcro del film per tutta la sua durata. Sia chiaro, nemmeno il Pinocchio della Disney era fedele al romanzo di Collodi (tutt'altro), ma perlomeno c'erano animazioni pregevoli e un'ottima sonorità che riusciva a catturare anche i più adulti. Questo invece è un film totalmente indirizzato ai bambini, con uno stile d'animazione scadente, fin troppo mal scopiazzato dagli anime giapponesi indirizzati a un pubblico di minori, e delle canzonette così tristemente tristi che qualsiasi cosa tristemente triste a confronto è ciò di più allegramente allegro. Un autentico abominio di cartone che fa concorrenza con i film della Dingo Pictures.

faluggi  @  20/02/2013 21:53:24
   1 / 10
Una ****** immensa ragazzi, vi dico solo che il gatto e la volpe per convincere il redendo Pinocchio a rubare la cassa della scuola, vanno al polo nord a rapire Babbo Natale.

4 risposte al commento
Ultima risposta 27/02/2013 12.43.56
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcriminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovato
 NEW
famosafantasy island
 NEW
gamberetti per tutti
 NEW
ghostbusters: legacy
 NEW
gli anni piu' belligretel e hansel
 NEW
greyhound: il nemico invisibileil ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticatoil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnello
 NEW
l'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassino
 NEW
nel nome della terranon si scherza col fuocooutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di saw
 NEW
stay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutants
 NEW
the old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmusvivariumvolevo nascondermi
 NEW
vulnerabiliwaves

1006374 commenti su 43733 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net