angels of the universe regia di Frišrik Žór Frišriksson Islanda, Norvegia, Germania, Svezia, Danimarca 2000
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitą NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

angels of the universe (2000)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film ANGELS OF THE UNIVERSE

Titolo Originale: ENGLAR ALHEIMSINS

RegiaFrišrik Žór Frišriksson

InterpretiIngvar Eggert Siguršsson, Baltasar Kormįkur, Hilmir Snęr Gušnason

Durata: h 1.40
NazionalitàIslanda, Norvegia, Germania, Svezia, Danimarca 2000
Generebiografico
Al cinema nel Luglio 2000

•  Altri film di Frišrik Žór Frišriksson

Trama del film Angels of the universe

Pįll č un ragazzo dall'animo sensibile e artistico. Lasciato dalla sua ragazza, inizia a sprofondare nella pazzia…

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,67 / 10 (3 voti)7,67Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Angels of the universe, 3 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Invia una mail all'autore del commento INAMOTO89  @  25/06/2013 12:37:25
   8½ / 10
Un film di una bellezza sconvolgente, lo si potrebbe definire il '' qualcuno volo' sul nido del cuculo'' islandese.
Sigdursson è monumentale nell interpretare Pall, un anima pura corrotta da un mondo troppo triste e desolante, un mondo nel quale si è soli dall inizio alla fine e anche la felicita' di aver trovato l'unica cosa che conta ( l'amore per l'appunto come recita la famosa canzone dei beatles) è illusoria ed effimera.
L'opera di fridkrisson non si concentra principalmente sulla pazzia dei protagonisti ma su un senso collettivo di schizofrenia e depressione che sembra aver colpito la societa' nel senso piu' globale del termine, la disperazione e la solitudine sono ovunque anche negli ultimi posti in cui penseresti di trovarla e forse l'istituto psichiatrico è l'unico posto dove si puo' per lo meno avere un barlume di senso di appartenenza o di empatia ( '' il fatto che noi siamo amici è la piu' grande dimostrazione del fatto che non abbiamo amici'' ), fuori cè solo un mare di incomunicabilita'....

La casa dei matti è ovunque
non solo in ospedale o nell'edificio,
è una trama i cui i fili sono
intrecciati così bene
che nessuno può separarli.
Né un imperatore, né un bambino.
Né io, né tu.
Allora vado.
Nessuno nella mia posizione dovrebbe sognare
di salire le vette della società
più in alto dell'ultimo piano
di un caseggiato di riabilitazione.
Questo muro forse cadrà un giorno,
ma le mura tra me e il mondo
non cadranno mai.
Si ergono infrangibili e solide
anche quando nessuno può vederle
a occhio nudo.

A differenza di molti film scandinavi qui la lentezza non si sente affatto e la pellicola alterna momenti EPICI ( su tutti la cena al ristorante, veramente spassosa) a momenti di malinconia lacerante, il tutto orchestrato da una magnifica colonna sonora che raggiungera' l'apice nel finale coi 2 gioellini dei sigur ros , degna sinfonia per una conclusione tanto poetica quando dolorosa....

No, io non sono morto.
Sono andato verso il mare.
Sono qui che navigo nel mare blu
nei palazzi del padre.
Su queste sponde pescose della morte
non vi sono restrizioni.
Qui nei meandri dell'eternità
io giaccio freddo e solo.
Ascolto i rami frusciare.

DEVASTANTE !!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  17/12/2009 16:31:36
   6½ / 10
Film islandese abbastanza carino. Erano anni che lo volevo vedere, ma me lo aspettavo un po’ migliore. Racconta di Pàll, ragazzo con alcuni problemi psicologici, che sprofonda lentamente nella pazzia dopo che la sua fidanzata lo ha mollato. I genitori, che non sono più in grado di tenerlo a bada, lo portano in una casa di cura, e lì conosce nuovi amici, tutti con le proprie follie e storie da raccontare. Una trama quindi abbastanza interessante, peccato però che la regia un pochino anonima non lo renda pienamente accessibile. Le interpretazioni sono discrete.
Poteva essere migliore. Il mezzo punto in più è esclusivamente per la stupenda musica di Hilmar Örn Hilmarsson (la colonna sonora ce l’ho a casa! :P), e verso la fine ci sono pure i due gioielli “Bíum Bíum Bambaló” e “Dànarfregnir Og Jàrdafarir” dei Sigur Ròs.

benzo24  @  23/06/2009 13:02:44
   8 / 10
film molto forte che tratta un tema delicato e spesso snobbato al cinema.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008669 commenti su 44074 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net