alaska (2015) regia di Claudio Cupellini Italia, Francia 2015
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

alaska (2015)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film ALASKA (2015)

Titolo Originale: ALASKA

RegiaClaudio Cupellini

InterpretiElio Germano, Astrid Berges-Frisbey, Valerio Binasco, Marco D'Amore, Elena Radonicich, Roschdy Zem, Paolo Pierobon, Pino Colizzi, Antoine Oppenheim

Durata: h 2.05
NazionalitàItalia, Francia 2015
Generecommedia
Al cinema nel Novembre 2015

•  Altri film di Claudio Cupellini

Trama del film Alaska (2015)

Fausto e Nadine si incontrano per la prima volta nei saloni di un grande albergo di Parigi, scoprendosi fragili, soli e ossessionati da unĺidea di felicitÓ che sembra irraggiungibile. Fausto Ŕ italiano ma vive, o per meglio dire sopravvive, a Parigi, nella speranza che un giorno la vita gli offra qualcosa di meglio del lavoro come cameriere. Nadine Ŕ una giovane francese e possiede una bellezza commovente. Dopo essersi conosciuti si perderanno, si ameranno e soffriranno. Il destino avrÓ in serbo non pochi ostacoli per questo giovane amore.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,20 / 10 (25 voti)7,20Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Alaska (2015), 25 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  11/01/2017 19:58:36
   6½ / 10
Appassionante e drammatica storia d'amore vissuta tra alti e bassi che coinvolge i due protagonisti fino allo sfinimento.
L'elemento "fortuna" incide molto, forse troppo, sugli eventi che sono un susseguirsi di tragedie.
Un altalena emotiva che riesce ad essere coinvolgente grazie alla bravura, e alla bellezza, dei due innamorati.
Ideale per chi ama questo genere di storie.

Jumpy  @  19/10/2016 01:06:08
   7 / 10
Una storia di amore/odio... una coppia in cui l'equilibrio stabile sembra impossibile ed un sottinteso passato fatto di solitudine.
L'idea del film l'ho trovata molto affascinante e la prima parte è molto coinvolgete.
Con l'evolvere della trama però, com'è già stato notato... iniziano ad accavallarsi troppe cose... troppo impasticciato ed alla lunga sembra girare un po' in tondo.
Ad ogni modo, per la desolazione che è in questi ultimi anni il cinema italiano... merita :)

TheLegend  @  21/07/2016 03:45:23
   7 / 10
Cupellini si conferma un buon regista e anche questa volta costruisce un film capace di coinvolgere lo spettatore.
Buona la prova degli attori e la realizzazione tecnica,per un film italiano non è poco.

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  26/05/2016 19:59:24
   6½ / 10
Film italiano particolare che racconta una storia d'amore con due bravi attori protagonisti che talvolta cade però in situazioni al limite del banale.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  05/04/2016 22:47:06
   6½ / 10
Una storia d'amore nata dal classico colpo di fulmine tra due solitudini, che si sviluppa in maniera speculare sottolineando l'impossibilità di raggiungere un equilibrio per entrambi. Quando la fortuna arride ad uno dei due, l'altro immancambilmente va a fondo. Se il passato era uno degli elementi cardine di Una vita tranquilla, per due individui senza un passato come Fausto e Nadine, l'obiettivo è quello di costruire un futuro per entrambi, incontrando personaggi anch'essi caratterizzati da una profonda solitudine, Come il Sandro di un ottimo Binasco. Certamente questo alti e bassi, specie di natura economica, appaiono decisamente forzati in sede di sceneggiatura. Sono escamotage che rendono i passaggi piuttosto artificiosi, ma Cupellini tutto sommato si dimostra un regista interessante, con buone idee anche se la qualità persino all'interno del singolo film presenta ancora delle fasi alterne.

Invia una mail all'autore del commento bleck  @  28/03/2016 11:41:39
   7½ / 10
Cupellini conferma le positive impressioni destate fino ad ora, è un film decisamente ben strutturato, con personaggi ben delineati e, soprattutto, ben interpretati. Elio Germano è molto bravo perlomeno finchè viene chiamato a recitare il ruolo che, a mio avviso, gli riesce meglio, recitare se stesso.
La lunghezza (forse) eccessiva non annoia davvero.
Da vedere.

freddy71  @  12/03/2016 16:55:05
   7 / 10
si il film parte bene.....ma secondo me nella seconda parte si perde in po....mi è piaciuta la prova di Germano

markos  @  08/03/2016 22:21:52
   8 / 10
Bel film, intrattiene lo spettatore per tutta la durata del film. Succedono varie cose.
Elio Germano secondo me è bravissimo.
Consigliato.

Burdie  @  28/02/2016 00:25:04
   6½ / 10
Commedia poi no! ...troppi tiramolla!

wicker  @  25/02/2016 19:40:46
   6½ / 10
Come pro c'e da dire che è un prodotto italiano e quindi ben venga questa ventata di cinema nuovo e coraggioso ,bella poi la regia ,Germano maiuscolo come al solito ,brava anche la ragazza a me sconosciuta.
Contro invece c'e una storia un pò ripetitiva ,questo tira e molla tra i due ,che sembrano molto veniali e infantili in molti dei loro atteggiamenti.
Basta una parola sbagliata che subito lei mette il broncino e lui spacca tutto contro il muro... ma dai ..neanche all'asilo..
Comunque alla fine si vede e la durata non pesa..

jason13  @  19/02/2016 05:17:47
   7 / 10
Bel film veramente...bravi tutti gli interpreti e storia che ti cattura per le intere 2 ore...Promosso e consigliato.

JOKER1926  @  17/02/2016 00:59:12
   6½ / 10
Come detto varie volte, il Cinema in Italia, vive momenti poco buoni, le regie sono a corto di idee, i film si assomigliano.

Un regista che riesce ad allontanarsi, almeno un po', dalle solite prassi Ŕ Claudio Cupellini. "Alaska", film del 2015 avalla tale concetto.

La trama prevede come protagonisti due giovani, Fausto e Nadine; il primo lavora in un albergo prestigioso, il secondo, invece, Ŕ una modella inesperta.
La proiezione filmica scelta da Cupellini porterÓ, ben presto, una serie di dinamiche in scena che travolgeranno gli animi dei due, fra amore ed esasperazione.

Al di la del concetto cardine (ma un po' trasversale) dell'amore, "Aalska" sceglie un binario ben preciso. Il film del regista italiano punterÓ tutte le sue carte sul lato becero dell'umanitÓ, fra vizi, sfortuna e caos.
Insomma l'idea parrebbe buona, l'aggressivitÓ e le tremende coincidenze di vita accompagnano, fin dall'inizio, i personaggi. Fausto (Elio Germano) e Nadine sono nati sotto delle cattive stelle.

Le sequenze diventano spietate e l'adrenalina cresce. Su questo, va riconosciuto a Cupellini, un'ottima destrezza con la camera, che nonostante alcune forzature di sceneggiatura, riesce a tener botta, perlomeno nel primo troncone di film. Qualche problema, invece, si presenta nella seconda parte di film ove l'esasperazione cresce in modo esponenziale e il palco narrativo inizia a perdere drammaticamente consistenza. In pratica "Alaska" doveva finire sulla scena del bacio (con tanto di ottima musica rock) e non prolungare la cosa nel nome di un surplus inutile.
"Alaska" vale la visione per via di un grandissimo lavoro tecnico del regista; la fotografia, la musica e gli attori sono i perni significativi del progetto. Viene meno un po' lo sviluppo narrativo, troppo sopra li schemi, fra azzardo e forzature, talaltro un po' come i suoi maledetti personaggi, condannati e dannati.

lukef  @  30/11/2015 22:45:11
   7½ / 10
Buon film.
La tensione c'è e la storia coinvolge. Soprattutto, la sceneggiatura è molto intima e riesce a farti sentire davvero vicino alle vicende dei personaggi… anche grazie alla recitazione di Elio Germano, anni luce dai soliti bellocci palestrati made-in-US, e della dolcissima Astrid. Bravi anche gli altri protagonisti, a mio avviso caratterizzati in modo eccellente.
Di pregi ce ne sono tanti altri, ma vorrei dedicare qualche parola alle note stonate, che credo riguardino più la seconda parte della storia:


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Comunque, ancora una volta quest'anno, il cinema italiano produce qualcosa di bello. Bene.

ZanoDenis  @  18/11/2015 15:47:25
   5½ / 10
ATTENZIONE A QUALCHE SPOILER

Purtroppo non sono riuscito ad apprezzarlo per niente, mi dispiace. Quest'anno il cinema italiano è sulla buona strada con pellicole come quelle di Caligari e Sollima, ma quest'ultimo lavoro, per quanto ben curato non mi ha convinto per nulla.
Il difetto principale sta nella sceneggiatura, piena di situazioni viste e riviste, inverosimiglianze e che cerca sempre e forzatamente la scena drammatica. Si, il forzato sembra prevalere in questo film, un film che mette in mezzo una quantità enorme di carne al fuoco, ma alla fine sembra che sia tutto fumo. Temi come l'amore, prima di tutto, trattati in maniera abbastanza scontata, ma anche l'egoismo del protagonista, la voglia di diventare qualcuno, di andare oltre, di fare soldi, di essere un uomo di successo, e così via. Il ritmo è alto, forse anche troppo, si susseguono diverse scene drammatiche, ogni cosa è sintetizzata, si prova a raccontare tutta una vita, ma non approfondendo nulla. Forzatissime certe scene, basti vedere il suicidio dell'ex socio del protagonista, che ormai praticamente restato solo non ha più ragioni per vivere (altro tema toccato, la solitudine, anche questo per nulla approfondito). Tutte le questioni che dovrà affrontare il protagonista, molte di esse stereotipate, raramente c'è il colpo che fa riflettere realmente, è anche un film molto verboso, che lascia troppo spazio al dialogo e poco all'immagine e alla riflessione, magari con un ritmo meno esasperato si poteva approfondire di più. In certi punti riesce ad essere comunque un buon pugno nello stomaco, in certi punti sembra riprendersi, mostrando la disperazione di molti e anche gli atti estremi che si è disposti a fare. Il finale è la pietra tombale sul film, si ok che si vuole fare vincere l'amore, ma se questa non è una forzatura, mannaggia...
Resta di buono una prova superba di Elio Germano, attore ormai affermato che tralaltro qui recita sia in italiano che in francese, e anche molto bene, memorabili molte sue sfuriate, anche se alla lunga stancano, e logorano parecchio, un po come la lunaticità della ragazza che a lungo andare diventa parecchio fastidiosa.
Per me è un fuoco di paglia, che non ha detto molto.

-Uskebasi-  @  16/11/2015 19:35:16
   8 / 10
COMMENTO SPOILEROSO

C'è Astrid Bergès-Frisbey che ha il viso di quelle ragazze di cui ti innamori ancor prima che il neurone te lo venga ad urlare in testa; Germano che ogni passo equivale a una conferma; Valerio Binasco con il suo ingresso in scena da comparsa di Sorrentino.
Cupellini dirige tutti personaggi buoni che fanno quasi sempre scelte e azioni sbagliate, raccontando di un amore nato in maniera assurda ma straordinariamente credibile. Una coperta troppo corta che come la tiri lascia sempre qualcosa al gelo. Ciò che è bene per me è male per te. Bene per te, male per me. Bene per noi, male per qualcun altro.
Basta piangere, accettiamo il destino, ridiamoci su e rimandiamo il suicidio per 15 secondi di piacere al sapore di una torta ai mirtilli.
In questo quadro dolceamaro per avere un lieto fine occorre rinunciare al lusso eterno o finire dietro le sbarre.
Male per me, male per te, bene per noi.

sixx79  @  14/11/2015 12:14:37
   7 / 10
Un susseguirsi di alternanza tra amore, odio e sofferenza davvero notevole. Lo spettatore viene coinvolto in tutti questi passaggi nella maniera giusta.

Sembra che questo, sia un periodo abbastanza favorevole per i film italiani, vediamo di sfruttarlo a dovere.

Aztek  @  12/11/2015 23:03:16
   7½ / 10
Gran bel film, con una sceneggiatura che cattura lo spettatore sin dai primi minuti grazie al susseguirsi di eventi e situazioni che non fanno altro che aumentare il coinvolgimento.
Interpretazioni ottime da parte di tutto il cast, con un Elio Germano superlativo.
Per come si sviluppa la trama mi aspettavo un finale diverso, ma Cupellini ha voluto evidenziare come alla fine, nonostante una serie di ostacoli e problemi, il vero amore trionfa sempre.
Consigliato.

laleggenda  @  11/11/2015 23:35:24
   8½ / 10
TRAVOLGENTE!passione,sentimento,rabbia,delusione,esitazione si intrecciano in un film reale,che arriva nudo e diretto allo spettatore. Un film che coinvolge senza mai annoiare. Elio Germano si riconferma uno dei migliori attori del panorama italiano,lei affascinante e malinconica, un binomio perfetto. GUARDATELO!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  10/11/2015 01:17:49
   6½ / 10
Premesso che un film che comincia con un hit dei Blonde Redhead non poteva non piacermi, diciamo che tuttavia il trucco c'e' ma non si vede. Prevale un grande pathos che riesce a superare ogni cosa, anche un epilogo VERGOGNOSO che riduce ogni cosa, e rischia di distruggere tutte le cose buone del film. Una storia d'amour fou che affascina e stordisce, anche se la piega troppo rapida degli eventi paga una certa artificiosita'. Per essere uno dei film italiani piu' importanti dell'anno (pero' niente da fare Non essere cattivo di Calligari ha una marcia in piu' su tutti) ha qualche scompenso narrativo di troppo. Bravi comunque i comprimari (Marco D'Amore su tutti), in questa storia dominata da citta' viste dall'alto e amicizie virili, sesso sfrenato e arrivismo (non mi e' dato di capire come l'ingenuo e nevrotico protagonista dell'inizio possa trasformarsi in un furbo imprenditore o direttore di hotel) ha molte frecce al suo arco, ma domina su tutte la sua incontestabile capacita' emotiva, che il buon Cupellini frena fino a raccontare destini uguali e diversi di due persone diverse ma uguali. Se avessimo colto un minor approfondimento narrativo specialmente nel finale avremmo avuto un piccolo capolavoro di "sintesi", comunque al di la' di tutto un buon film

david briar  @  09/11/2015 22:52:31
   6½ / 10
Decisamente superiore alla media dei film italiani,recitato meglio,diretto con vitalità ed energia,ma anche innegabilmente minato dalla voglia di "urlare" ed eccedere per forza,quello stesso difetto che qualcuno ha talvolta attribuito ai film di David O.Russel,ma che appartiene più propriamente a molto cinema drammatico italiano dei giorni nostri.
Ci son scene molto efficaci,qualche emozione intensa e colpi di scena non banali,per un film che non annoia quasi mai,e generalmente convince spesso,con scelte azzeccate per interpreti e location. Ma la sceneggiatura in certe scene pone i personaggi con un'immaturità emotiva troppo marcata,facendoli talvolta sembrare funzionali al solo scombussolamento dello spettatore e non al loro approfondimento,è molto frettoloso nel trattare certi momenti che avrebbero meritato più spazio.
Mi ha ricordato "Sulle mie labbra"(in una scena mi è sembrato di notare una citazione) di Audiard per il tipo di personaggi. E' un film che poteva essere migliore e non soddisfa del tutto,ma anche così non è certo da buttare via,anzi.Non fosse per i filmoni che hanno sfornato Caligari e Sollima quest'anno,spiccherebbe maggiormente fra i film italiani del 2015..

ValeGo  @  09/11/2015 11:35:16
   7½ / 10
Una storia d'amore tra due giovani che non hanno nulla da perdere e tutto da guadagnare. Un film intenso e brutale nel suo mostrare una vita spietata, che non fa sconti a nessuno, che ti punisce, inesorabile, se sbagli. I due personaggi impersonificano, estremizzandoli, i prototipi della donna fragile e con mille paure e dell'uomo ottimista e azzardoso. Ottime interpretazioni di entrambi i protagonisti, in particolare Elio Germano che si rivela superbo.

gringo80pt  @  08/11/2015 11:29:03
   8 / 10
In bilico tra 7,5 e 8, ma alla fine punto sul voto più alto. Mi aspettavo una commedia, ma in realtà vive sull'orlo del drammatico.

I primi 30 minuti sono stancanti nonostante la trama sia interessante e curiosa, oltre che fuori dagli standard cinematografici.
Nella seconda parte c'è il decollo vero e proprio con mix di angoscia e di crampi allo stomaco. Manca una colonna sonora decisa per svoltare. Complimenti ai due protagonisti.

ELIO GERMANO BULLO

Wilding  @  07/11/2015 13:55:54
   8½ / 10
Poteva essere una pellicola che ti cadeva sulla testa lentamente come un macigno, invece scorre via dolcemente e intensamente come il tempo, lasciandoti gustare ogni minuto con grande intensità e serenità, sorretti dall'ennesima magistrale interpretazione di Elio Germano.

codino18  @  06/11/2015 17:44:24
   9 / 10
Non vedevo un film così bello travolgente passionale emozionante, da una vita. Davvero da non perdere un quasi capolavoro, 2 ore che speri non finiscano mai.

Giovans91  @  05/11/2015 16:14:11
   7½ / 10
Presentato alla "Festa del cinema di Roma", Alaska è un film sulle emozioni, la rabbia, il risarcimento, di chi nella vita non ha nulla da perdere. E' un dramma, è il mostrare la bassezza della gente, il coraggio della gente, la cocaina, la notte, la città, il racket, il denaro facile e l'amore vero.
Un film stilisticamente e registicamente convincente. Grazie ad una sceneggiatura originale e al cast eccellente, Alaska tiene in ostaggio lo schermo e i nostri umori per tutto il tempo. Un Elio Germano sempre più maturo, realizzato, sincero, che ci regala un personaggio a cui è impossibile non voler bene.
Un film lungo e intenso che merita di essere visto.

1 risposta al commento
Ultima risposta 07/11/2015 17.13.36
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


959643 commenti su 37677 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net