Recensione zero in condotta regia di Jean Vigo Francia 1933
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione zero in condotta (1933)

Voto Visitatori:   8,19 / 10 (13 voti)8,19Grafico
Voto Recensore:   7,00 / 10  7,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film ZERO IN CONDOTTA

Immagine tratta dal film ZERO IN CONDOTTA

Immagine tratta dal film ZERO IN CONDOTTA

Immagine tratta dal film ZERO IN CONDOTTA

Immagine tratta dal film ZERO IN CONDOTTA
 

Su Jean Vigo Francois Truffaut scriveva "egli evita i trabocchetti dell'Estetismo e del Realismo".
Onestamente, forse non si pu˛ sostenere la condivisibilitÓ di questa teoria anche oggi, a quasi 80 (!!!) anni di distanza dall'uscita del suo ultimo film, il celeberrimo "L'Atalante".
Jean Vigo Ŕ stato l'"Enfant terrible" del Cinema Francese, e uno dei massimi innovatori della storia del Cinema di tutti i tempi, per quanto la sua esistenza sia stata alquanto breve (ha girato in giovane etÓ quattro film, di cui un solo lungometraggio cfr. "l'Atalante").
Figlio di un anarchico rinchiuso spesso in prigione per problemi con la giustizia, Vigo ha improntato nel cinema una "nuova fase", riuscendo ad esplorare nuovi metodi espressivi grazie al suo talento visivo (e visionario) ma anche approntan-do una decisiva Rivoluzione del Linguaggio Cinematografico all'interno di schemi giÓ consolidati (L'avanguardia in tutte le sue forme, le tecniche del cinema muto, l'espressionismo e soprattutto il surrealismo).
In un certo senso, Ŕ stato un Figlio dei tempi in cui ha vissuto.
"Zero in condotta", unanimemente considerato un "capolavoro di comicitÓ acre e umorismo graffiante" Ŕ un film che pu˛ sconcertare: non Ŕ infatti abbastanza "realistico" per predisporre lo spettatore a empatizzare con la storia, nŔ sufficientemente "surrealista" per entrare in sintonia con una certa decodificazione simbolica. Anzi, la presenza, pur vaga e mai ridondante, del Surrealismo (come il disegno che prende varie forme, e si anima come un cartoon o un fumetto "vivente") Ŕ indisponente, e altresý (soprattutto per gli spettatori di oggi) irritante.

Girato in un solo mese e fotografato splendidamente da Boris Kaufman (fratello del celebre Dziga Vartov) "Zero in condotta" racconta la vicenda di alcuni studenti di un collegio, ribelli alle regole e al rigore dei sorveglianti adulti, chiamati ironicamente "Bec-de-gaz" e "Pete-sec", "colpevoli" soltanto di reclamare una libertÓ espressiva e soprattutto fisica tipica di quel mondo dell'infanzia o della pre-adolescenza che all'apparato istituzionale Ŕ negato.
Non crediate di trovarvi di fronte a un tradizionale film sulla Repressione del Sistema: "Zero in condotta" Ŕ, oltre che un film divertente e quasi goliardico, un'opera "politica" nel senso pi¨ anti-ideologico (anarchico) del termine, una beffa al Potere consolidato attraverso le istituzioni. Pierre Bost lo cita come "film dal tono scanzonato e ironico, un po' acre, commosso e sarcastico, un riso franco e subito represso".

La sperimentazione di Vigo provoca ancora, a distanza di tanti decenni, una certa Reazione al qualunquismo imperante sociale e tecnico delle riprese: non a caso, il modo di girare sembra ristabilire da una parte un contatto diretto con la tecnica del cinema Muto, dall'altra approntare al surrealismo o a Murnau, e nondimeno collocarsi come una radicale risposta europea al cinema di Tod Browning, che gli Ŕ affine soprattutto per l'audacia delle scelte stilistiche e per la pecularietÓ fisiognomica dei personaggi: su tutti, il rettore tronfio e saccente impersonato da un nano "vero".

Diviso in diversi episodi che raccontano l'escalation dei ragazzi e la ribellione verso le punizioni e le privazioni cui sono sottoposti all'interno dell'Istituto ("Diavoli in collegio", "Complotto di ragazzi", "Caussant dal suo raccomandato", "E Colin da Mamma Fagiolo sua madre", "La mattina dopo, complice dei quattro la stanchezza") "Zero in condotta" stupisce per la sua ricchezza espressiva, a tratti singolarmente metaforica, indubbiamente influenzata dalle vicissitudini del padre di Vigo, e da una forte propensione "anarchica" che trova il culmine nelle sequenze della Battaglia di cuscini e nella Rappresaglia finale, quando i collegiali in rivolta rovinano la festa dei notabili, costringendo il governatore e il (di)rettore del Collegio a rifiugiarsi al chiuso per difendersi.
E' una sequenza emblematica dello spirito nichilista e tragressivo di Vigo: fiero oppositore di ogni forma di Potere, ne fa una pantonima, utilizzando prima la parodia dei singoli personaggi e, successivamente, mettendoli definitivamente alla berlina, vinti dalla loro stessa sconfitta educativa e coercitiva.
I ragazzini che fumano sigari, che scambiano stecche di cioccolato, che inscenano una protesta contro il cibo imposto ("basta coi fagioli, non li vogliamo pi¨"), che mimano gesti e provocazioni con l'aiuto del nuovo sorvegliante, il bonario Huguet (in fondo il personaggio pi¨ affine a Vigo) dichiarano apertamente il loro diritto a difendere l'etÓ della spensieratezza, del gioco, della burla anche fine a se stessa.

Il film di Tati, anzichŔ rappresentare una dura forma di Realismo, mette a nudo - quasi incentivandola - la Ribellione dei¨ragazzi, tanto che Ŕ difficile credere che siano "vittime di un sistema repressivo" e non (pi¨ specificatamente) abili a proteggersi e sconfiggere eventuali ritorsioni ai loro danni.

I movimenti di macchina risaltano la "fisicitÓ" dei ragazzini, corpi che cercano una vitalitÓ fisica ed espressiva, in un linguaggio che fa riferimento alle avanguardie dei primordi del Cinema, ai fratelli Lumiere, e a tutto ci˛ che riguarda lo spostamento progressivo del soggetto in relazione alla statica rappresentazione della macchina da presa.

Tutto sommato, a voler ritenere indicativo il parere di Truffaut, potrebbe dirsi che forse manca proprio quella "via alternativa al Realismo" , e forse un'eccesso estetico che sorge proprio allo scopo di sconfiggere i clichŔ della "presa diretta", della funzione coinvolgente dello spettatore alla storia.

Meno astruso alle regole e ai manierismi delle Avanguardie, Pagnol dimostr˛ di aver assimilato la lezione di Vigo, ma in una forma espressiva pi¨ consona alle aspettative del grosso pubblico.

"Zero in condotta" fu clamorosamente vietato dalla censura francese fino al 1945, ed Ŕ ancora un film che destabilizza, sorprende, spesso infastidisce.
E' difficile credere che esista ancora un cinema in grado di provocare simili sensazioni, a meno che non si faccia riferimento a Lynch o ai discussi Straub e Huillet o De Oliveira.

In un certo senso, "Zero in condotta" ci riporta con asettica immortalitÓ alla funzione sperimentale e arcaica del Cinema di un tempo, come il tempo lontano dei ragazzini del film, avversi alle istituzioni e fideisticamente pronti a difendere la loro libertÓ".

Commenta la recensione di ZERO IN CONDOTTA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di kowalsky - aggiornata al 03/04/2007

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

(im)perfetti criminalia declaration of loveacque profonde (2022)after loveagainst the iceali & ava - storia di un incontroaline - la voce dell'amorealtrimenti ci arrabbiamo (2022)ambulanceamerica latinaamma's way - un abbraccio al mondoananda (2022)anima bellaanimali fantastici: i segreti di silenteapollo 10 e mezzoarthur rambo - il blogger maledettoassassinio sul nilo (2022)atlantis (2019)bad roads - le strade del donbassbe my voicebeautiful mindsbelfastbella ciao - per la liberta'belli ciaobig bugbla bla babybocche inutilibrotherhood (2021)calcinculocaliforniecaveman - il gigante nascostoc'era una volta il criminecitta' novecentoclean (2020)c'mon c'moncorro da tecriminali si diventacyranodakotadarklingdio e' in pausa pranzodoctor strange nel multiverso della folliadownfall: il caso boeingdownton abbey 2: una nuova erae' andato tutto benee buonanotteennio: the maestrofellini e l'ombrafemminile singolarefinale a sorpresa - official competitionfleefragilefresh (2022)full time - al cento per centofuriozagenerazione low costghiacciogiovanna, storie di una vocegiulia - una selvaggia voglia di liberta'gli amori di anaisgli amori di suzanna andlergli anni belligli idoli delle donnegli occhi di tammy fayegli stati uniti contro billie holidaygold (2022)hope (2019)hopper e il tempio perdutohotel transylvania 4 - uno scambio mostruosoi cassamortarii cieli di alicei segni del cuoreil discorso perfettoil filo invisibileil legionarioil lupo e il leoneil male non esisteil mondo a scattiil muto di gallurail naso o la cospirazione degli anticonformistiil palazzoil peggior lavoro della mia vitail ritratto del ducail sesso degli angeliil tempo rimastoil truffatore di tinderio e lulu'io lo so chi sieteio restoio sono veraitalia. il fuoco, la cenerejackass foreverjimmy savile: a british horror storyking - un cucciolo da salvarekoza nostrakurdbun - essere curdola cena delle spiela cena perfettala crociatala donna per mela fantastica signora maisel - stagione 4la fiera delle illusioni - nightmare alleyla figlia oscurala grande guerra del salentola macchina delle immagini di alfredo c.la notte piu' lunga dell'annola nuova scuola genovesela promessa: il prezzo del poterela scuola degli animali magicila tana (2021)l'accusal'altro buio in salalambl'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizionelaurent garnier: off the recordleonardo - il capolavoro perdutoleonora addiolet's kiss - franco grillini storia di una rivoluzione gentilelicorice pizzal'incendiaria (2022)lizzy e red - amici per semprel'ombra del giornoluigi proietti detto gigil'ultimo giorno sulla terralunana - il villaggio alla fine del mondomancino naturalemarry me - sposamimartin luther king vs fbimatrix resurrectionsme contro te: il film - persi nel tempomemory boxmistero a saint-tropezmoonfallmorbiusnavalnyno exitnoi duenotre-dame in fiammeocchiali nerionly the animals - storie di spiriti amantiopen arms - la legge del mareour fatherparigi, 13 arr.parigi, tutto in una notteperdutamente (2021)petrovĺs flupiccolo corpopopower of romequando hitler rubo' il coniglio rosaquel giorno tu sarairadiograph of a familyred rocketreflectionsarura - the future is an unknown placescream (2022)seance - piccoli omicidi tra amichesecret team 355sempre piu' bellosenza fine (2021)settembre (2022)sonic 2 - il filmspencerstoria di mia mogliestrawberry mansionstringimi fortesul sentiero blusulle nuvolesundowntakeawaytapirulanthe adam projectthe alpinistthe batmanthe bunker gamethe contractor (2022)the king's man - le originithe last rave - a free party storythe lost city (2022)the northmanthe tender barthe tragedy of macbeththe wall of shadowsthey live in the greytintoretto - l'artista che uccise la pitturatra due mondi (2021)tromperie - ingannotroppo cattivitrue motherstutankhamon. l'ultima mostraun altro mondo (2021)un eroeun figlioun mondo in piu'una famiglia vincente - king richarduna femminauna madre, una figliauna squadrauna storia d'amore e di desideriouna vita in fugaunchartedunderwater - federica pellegrini
 NEW
unwelcomevecchie canaglievesuvio - ovvero: come hanno imparato a vivere in mezzo ai vulcanivetrovoyage of time - il cammino della vitawindfallwyrmwood: apocalypsex (2022)you won't be alone

1029320 commenti su 47618 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

IL RAGAZZO DEL MARELIES MY FATHER TOLD ME

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net