Recensione the exorcism of emily rose regia di Scott Derrickson USA 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione the exorcism of emily rose (2005)

Voto Visitatori:   6,80 / 10 (292 voti)6,80Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film THE EXORCISM OF EMILY ROSE

Immagine tratta dal film THE EXORCISM OF EMILY ROSE

Immagine tratta dal film THE EXORCISM OF EMILY ROSE

Immagine tratta dal film THE EXORCISM OF EMILY ROSE

Immagine tratta dal film THE EXORCISM OF EMILY ROSE

Immagine tratta dal film THE EXORCISM OF EMILY ROSE

Immagine tratta dal film THE EXORCISM OF EMILY ROSE
 

Non è solo un horror. Non è solo un thriller. E sarebbe riduttivo definirlo un film "drammatico".

Scott Derrickson punta proprio sulla combinazione di questi tre generi, impreziosita da velleità teologico-filosofiche, per sfornare una pellicola in grado di restituire il brivido, alla Friedkin, dell'esorcismo nudo e crudo, la tensione emotiva che invita a restare seduti sulla poltrona per scoprire come va a finire il processo a padre Moore e l'angoscia per la sorte di Emily Rose, interpretata da una Jennifer Carpenter intensa, perfino straziante.

L'incipit de "L'Esorcismo di Emily Rose", che avvolge l'intrepido spettatore con un urlo riecheggiante nel vuoto di un paesaggio tinto di gelido bianco, fa accapponare la pelle e il pensiero corre subito a William Friedkin; la sensazione, cupa ed eccitante, è che si assisterà a un film ancora più spaventoso de "L'Esorcista".

E invece, dopo la scena introduttiva della visita del medico legale alla defunta Emily Rose, ecco che la tensione si allenta: entrano in scena gli avvocati dell'accusa e della difesa nel processo a padre Moore. Il problema è di quelli insolubili: che ruolo ha avuto il prete esorcista nella morte della ragazza? E' stato lui, con le sue pratiche "medievali" (come sostenuto dall'algido avvocato dell'accusa), a debilitare Emily Rose fino a condurla alla morte, o il rito dell'esorcismo era davvero l'unica speranza di sopravvivenza per la ragazza "indemoniata"? Emily Rose era veramente posseduta o era piuttosto gravemente ammalata, magari epilettica, psicotica o psico-epilettica?

Derrickson sceglie la strada del flashback per mostrare le vicissitudini di Emily, in tutta la loro violenza fisico-emotiva: i vari testimoni al processo, soprattutto medici e familiari, rispondono alle domande dell'accusa e della difesa raccontando il calvario della povera ragazza e le loro parole si accompagnano alle immagini che ricostruiscono, in ordine cronologico, le tappe dell'agonia di Emily Rose.

E' proprio nelle scene in cui si ripercorre la "malattia" della protagonista che ritorna Madama Paura, sotto forma di spasmi terrificanti e improvvisi, espressioni alterate (vere "maschere" terrorizzanti splendidamente disegnate dalla brava Carpenter) e relativi sobbalzi sulla poltrona. Il signor Derrickson, illustre sconosciuto, dimostra di conoscere molto bene i meccanismi della suspense, distillando scaglie di horror sempre efficace e velenoso, perché sostenuto dal pathos; da manuale, ad esempio, il lento e ansiogeno incedere di Emily nell'andito del college, dopo essersi alzata del letto per aver "sentito come un odore di bruciato"...

Menzione doverosa anche per la scena della lezione all'università, nella quale una Emily già atterrita dai sussurri luciferini vede improvvisamente trasformarsi il volto di un anonimo collega di corso seduto affianco a lei: la bocca gli si spalanca e un pianto nero inizia a scendergli copiosamente dalle pupille. Neppure Dario Argento avrebbe trattenuto un (piccolissimo) sussulto.

Di sicuro, per reggere la tensione emotiva (fra una convulsione e un crocifisso capovolto) è necessario tornare, ogni tanto, fra i banchi del tribunale: meglio sentirla raccontare dagli altri, la sofferenza di Emily Rose, che vederla coi nostri occhi.

La sapiente regia, unitamente all'oggettivo interesse di una storia feroce e complessa, consentono a Derrickson di farsi perdonare qualche banalità di troppo sparpagliata qua e là nel copione: per ulteriori informazioni, pregasi analizzare accuratamente la sceneggiatura, macchiata saltuariamente da ingenuità del tipo "Emily era una ragazza così giovane, piena di sogni, si speranze", o "vede ancora l'Uomo Nero, padre Moore? Io gli assomiglio un po'?" (Ethan Thomas, avvocato dell'accusa). Ma si potrebbe citare anche qualche situazione stereotipata, che il regista avrebbe potuto risparmiarci, come quella che incornicia la scena culminante dell'esorcismo di padre Moore nell' imprevedibile contesto (!!) di una notte buia e tempestosa...
Ottime, per contro, le sequenze all'interno della stalla di casa Rose, con tanto di "telecamera impazzita" per rendere l'idea della frenesia e della concitazione di quei terribili attimi, mentre Emily Rose "subisce" il rito dell'"Esorcismo Maggiore". E ottimo, negli stessi fotogrammi, è anche il contrasto chiaro-scuro che adombra il volto di Emily (illuminandole di bianco gli occhi) quando, con voce distorta, pronuncia: "E io sono Lucifero, l'angelo degli Inferi!"

Non mancano dunque i virtuosismi tecnici, in questa pellicola che usa il thriller/dramma per non nauseare con l'horror e l'horror per dare spessore ed espressività al thriller/dramma.

Dulcis in fundo, riconciliante, arriva il messaggio della speranza: la Via Crucis di Emily acquisterà un diverso significato e padre Moore, incriminato per omicidio, con la sua ultima deposizione toccherà tutti, dalla giuria del tribunale agli spettatori in sala, frementi davanti al grande schermo in attesa dello scioglimento finale. Derrickson, guidato dal leitmotiv religioso, si concede un'incursione nei meandri metafisici della rivelazione salvifica. E il nostro spirito è rinfrancato.

Non rinfranca, invece, ricordare che "L'Esorcismo di Emily Rose" si ispira a una storia vera: quella della ragazza tedesca Anneliese Michel, morta nel 1976, all'età di 23 anni, in seguito a una degenerazione progressiva del fisico dovuta, presumibilmente, a "possessione demoniaca".

Molte le discrepanze rispetto al resoconto della vicenda di Anneliese (www.fotofetch.com), ma numerosi anche i punti in comune: nonostante le "licenze poetiche", insomma (non ci risulta che i demoni svegliassero Anneliese-Emily prima, e l'avvocato difensore di padre Moore-Ernst Alt poi, alle 3 di notte in punto, l'"ora del diavolo"; ma possiamo sbagliare noi...), il film funziona. E funziona perché spaventa, appassiona e stimola la riflessione.
Mica poco per una pellicola che, per tematica e "precedenti illustri", si esponeva fortemente al rischio-ciofeca.

Commenta la recensione di THE EXORCISM OF EMILY ROSE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Matteo Bordiga - aggiornata al 31/10/2005

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettoeasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunno
 NEW
la vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethe new mutants
 NEW
the other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001615 commenti su 43203 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net