Recensione source code regia di Duncan Jones USA 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione source code (2011)

Voto Visitatori:   7,22 / 10 (215 voti)7,22Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film SOURCE CODE

Immagine tratta dal film SOURCE CODE

Immagine tratta dal film SOURCE CODE

Immagine tratta dal film SOURCE CODE

Immagine tratta dal film SOURCE CODE

Immagine tratta dal film SOURCE CODE
 

"Source Code" avalla l'idea di una nuova tecnologia sperimentale che permette ad un uomo di tornare indietro nel tempo di poche ore e per pochi minuti. L'idea nasce dalla fervida immaginazione dello sceneggiatore Ben Ripley, che propone il suo script al produttore Mark Gordon, dando facoltà alla macchina di Hollywood di mettere in moto gli ingranaggi. La produzione ha voluto Jake Gyllenhaal per interpretare il protagonista e lui, a sua volta, ha proposto la direzione di Duncan Jones, che col suo primo film "Moon" (2010) ha mostrato il suo talento, ottenendo vasti consensi e vincendo premi. Jones si sofferma in "Source Code" come in "Moon" sull'umanità dei suoi personaggi.

Il Capitano Colter Stevens viene inviato su un treno per portare a termine una missione delicata. Inizialmente disorientato, Colter non sa dove sia né chi si trovi di fronte e, soprattutto, perché si trovi lì. Dopo soli 8 minuti il treno esplode, ma Colter si ritrova in una capsula a parlare con una donna in uniforme, Goodwin, che gli impartisce degli ordini da un monitor. Il Capitano apprende che fa parte del programma Source Code, che lo porterà indietro nel tempo e con otto minuti a disposizione, durante i quali dovrà scoprire chi sia l'attentatore e salvare milioni di vite. Colter rivivrà più e più volte quegli otto minuti per raccogliere indizi e assolvere la missione.

L'idea che sta alla base di "Source Code" è sicuramente stimolante. Il regista riesce a creare un thriller sofisticato, che coinvolge emotivamente. Non si dilunga in spiegazioni dettagliate della tecnologia rappresentata, ma dà ampio respiro alla narrazione e ai suoi personaggi. Quando in apertura il regista presenta il protagonista, lo spettatore non sa chi sia, tanto quanto lo stesso personaggio. Jones pone entrambi sullo stesso piano, facendo comprendere ciò che sta accadendo contemporaneamente. Lascia qualche indizio a beneficio dello spettatore in modo tale però che solo il più attento lo colga.
Questo rimanere costantemente all'oscuro (per entrambi) rende il film suggestivo e ricco di suspense. Inoltre il fatto che Colter abbia, ogni volta, otto minuti per raccogliere informazioni, fa crescere la tensione e il ritmo diventa sempre più incalzante col procedere della storia. Lo spettatore vive le emozioni e gli stati d'animo del protagonista. La bravura di Duncan Jones è stata quella di riuscire a sviluppare il personaggio di Colter in quel breve lasso di tempo, che poi si ripete, con piccole ma fondamentali e pertinenti varianti. Duncan fa emergere l'animo e i sentimenti del suo eroe, mostrando che tipo di persona sia.

"Source Code" inizia presentando una persona smarrita, che non ha alcuna base d'appoggio: a Colter sembra di trovarsi in un incubo dal quale non riesce a uscire. Deve trovare la forza dentro di sé per ricomporre i pezzi mancanti.
Nel film è presente anche una storia d'amore, che acquisisce sempre maggior rilievo all'interno del racconto, diventando un punto fermo (Colter vuole a tutti i costi salvare Christina).
Un altro aspetto importante è il rapporto padre/figlio e, legato a questo, viene rimarcato come non bisogna mai dare niente per scontato, non rimandare mai ciò che si può fare oggi a un domani che potrebbe non arrivare. Il regista sottolinea più volte il desiderio di Colter di voler parlare col padre e il suo dispiacere per non aver trascorso più tempo insieme (molto toccante la telefonata fra i due).
A ciò si collega l'intento primario del regista che, oltre a voler emozionare e incuriosire lo spettatore, vuole farlo riflettere su quanto sia preziosa la vita e che non sempre viene data una seconda opportunità. "Che siano otto minuti o una vita intera, bisogna assaporare le cose" afferma il regista.

Per quanto riguarda il ritmo, questo è dato dall'evolversi di ogni Source Code (ovvero di ogni viaggio nel tempo). I realizzatori hanno apportato delle varianti che sottolineano i cambiamenti dei personaggi. Ad esempio Colter ha una maggiore consapevolezza ad ogni viaggio. L'uso della macchina da presa cambia per ogni Source Code, regalando diverse angolazioni, diverse inquadrature, diverse atmosfere.

Il film si svolge in tre location, tre interni: il treno, la capsula e il laboratorio del Dipartimento della Difesa. Sono tutti luoghi circoscritti e limitanti. Il direttore della fotografia, Don Burger, ha creato il giusto clima per le tre diverse ambientazioni. Nel treno Colter trova un'atmosfera distesa, lui è l'elemento straniante che altera ogni volta questa condizione. Nella capsula si avverte subito un senso di prigionia forzata, con pochissimo spazio a disposizione e un senso claustrofobico che attanaglia il protagonista. Nel laboratorio non ci sono emozioni, l'atmosfera è fredda, fatta di semplici dati, sarà Goodwin a fare la differenza.
Per quanto riguarda gli effetti visivi sono al servizio della narrazione e contribuiscono a infondere il lato fantascientifico alla pellicola.

"Source Code" è un film multisfaccettato, ricco di emozioni e di azione, che stimola a porsi delle domande per capirne la logica. Duncan Jones ha voluto concentrarsi sui rapporti umani che si instaurano durante questi novanta minuti di suspense. Lascia che si evinca, anche, quanto sia importante la libertà individuale: nessuno può essere un eroe per forza, perché non sarebbe tale.

Commenta la recensione di SOURCE CODE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Francesca Caruso - aggiornata al 29/04/2011 15.44.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

3/197 donne e un misteroa house on the bayouagente speciale 117 al servizio della repubblica - allarme rosso in africa neraainbo: spirito dell'amazzoniaaltri padri
 NEW
america latinaannetteantigoneatlantidebelli ciaocaro evan hansencaterina caselli - una vita, 100 vitechi e' senza peccato - the drychi ha incastrato babbo natale?clifford - il grande cane rosso
 NEW
competencia oficialcry macho - ritorno a casadiabolik (2021)digimon adventure: last evolution kizunadjango & django - sergio corbucci unchaineddon't look up (2021)dovlatov - i libri invisibili
 T
dune (2021)
 NEW
e' andato tutto benee' stata la mano di dioencantoeternalsfino ad essere felicifreaks outfrida kahloghostbusters: legacy
 NEW
gli stati uniti contro billie holiday
 NEW
hotel transylvania 4 - uno scambio mostruosohouse of guccii molti santi del new jerseyil bambino nascostoil canto del cigno (2021)il capo perfetto (2021)il colore della liberta'
 NEW
il lupo e il leoneil potere del caneillusioni perduteinsidious: the dark realmio sono babbo natalel’acqua, l’insegna la sete - storia di classela befana vien di notte 2 - le originila crociatala festa silenziosala legge del terremotola mia fantastica vita da canela persona peggiore del mondola scelta di anne - l'evenementla signora delle roselaurent garnier: off the recordlawrenceles choses humainesl'incontrol'uomo dei ghiacci - the ice roadl'uomo nel buio - man in the darkmarina cicogna - la vita e tutto il restomatrix resurrectionsme contro te: il film - persi nel tempomixtape - una cassetta per temollo tutto e apro un chiringuitomy hero academia the movie: the two heroesmy sonnimby – not in my backyardno time to dienon cadra' piu' la nevenowhere special - una storia d'amoreone secondper tutta la vitapromisesquerido fidelre granchiored noticeresident evil: welcome to racoon cityscompartimento n.6
 NEW
scream (2022)sing 2 - sempre piu' fortesotto le stelle di parigispace jam - new legendsspider-man: no way homesupereroithe beatles: get backthe curse of humpty dumptythe expanse - stagione 6the feastthe french dispatchthe girl in the fountainthe harder they fallthe king's man - le originithe scary of sixty-firstthe truffle huntersthe unforgivabletiepide acque di primaveratrafficante di virus
 NEW
true mothersultima notte a sohoun anno con salingerun bambino chiamato nataleun eroeuna famiglia mostruosa
 NEW
una famiglia vincente - king richardunderwater - federica pellegriniverso la nottevita da carlo - stagione 1vivi - la filosofia del sorrisowest side story (2021)yaya e lennie - the walking libertyzappazlatan

1025171 commenti su 46923 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

A CHRISTMAS NUMBER ONEA PROVA DI MATRIMONIOAMORE, NATALE E… BACCALA'BACI DI NEVEBARNABO DELLE MONTAGNEBELLO DI MAMMACASTLE FALLSCHE TEMPI!CIAO ALBERTOCOLORFULCONTRACT TO KILLCUCCIOLI IN FESTACYBER BRIDEDINOSAUR WORLDDRAGON (2011)ERAVAMO CANZONIFELIZ NAVIDADGRIDA DAL MISTEROHOME SWEET HOME ALONE - MAMMA, HO PERSO L’AEREOI GIORNI BIANCHIIL SAPORE DEL NATALEKINGDOM: ASHIN OF THE NORTHLA CUSTODIALA GIOSTRA DELL'AMORELA MAGIA DEL NATALE (2017)LA MAPPA DELLE PICCOLE COSE PERFETTELE LEGGI DELLA FRONTIERALITTLE MISS PERFECTLLANTO MALDITOMEMORIANATALE A GRANDON FALLSNELLA MENTE DELL'ESORCISTA - LE CONFESSIONI DI WILLIAM FRIEDKINNO HOME MOVIEPER UN PUGNO DI EROIQUARTA PARETEREDEMPTION DAYSE FOSSI UN LADRO… RUBEREISUPER BENNY - OPERAZIONE TAXI ROSSITHE WHOLE TRUTHTINAUN BALLO PER NATALEVANGUARD - AGENTI SPECIALIVAULT

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net