Recensione smokin' aces regia di Joe Carnahan USA 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione smokin' aces (2007)

Voto Visitatori:   6,75 / 10 (141 voti)6,75Grafico
Voto Recensore:   8,50 / 10  8,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film SMOKIN' ACES

Immagine tratta dal film SMOKIN' ACES

Immagine tratta dal film SMOKIN' ACES

Immagine tratta dal film SMOKIN' ACES

Immagine tratta dal film SMOKIN' ACES

Immagine tratta dal film SMOKIN' ACES
 

"Smokin'Aces" Ŕ tutto quello che Tarantino avrebbe dovuto fare negli ultimi anni e che non ha fatto. La pellicola di Joe Carnahan, giÓ acclamato specialista del cinema nero-poliziesco, Ŕ infatti totalmente moderna ma allo stesso tempo appartiene dal primo fotogramma fino all'ultimo a quel genere, finito negli anni '70, che il regista di "Pulp Fiction" omaggia continuamente.
La sfida vinta di Carnahan Ŕ stata proprio questa: riuscire a scrivere e dirigere un film di exploitation allo stato puro senza trasformarlo in una fiera delle citazioni.
I possibili rimandi, volti pi¨ che altro all'occhio cinefilo, rimangono circoscritti all'interno del genere, o meglio dei generi, e non oltrepassano mai quei confini. Ed ecco che la pellicola non Ŕ pi¨ citazione ma Cinema.
Quando si oltrepassano i limiti imposti dal b-movie allora quel Cinema diventa gioco e divertissement del regista col pubblico. Non Ŕ il caso, questo, di Smokin'Aces, in cui il poliziesco si contamina con l'azione, lo splatter, lo humour nero e tanto ritmo narrativo.

Nella follia visiva e creativa troviamo personaggi che sembrano usciti dalle pagine di un racconto di Joe Lansdale: cecchini con benda sull'occhio, nazisti burloni ricalcati sulle fattezze dei Motorhead, loschi cacciatori di taglie, Bonneville del '66 e mazzi di carte assassini, motoseghe e mafiosi, sbirri, avvocati bizzarri e voilÓ, folli e raffinati maestri dell'antica arte della tortura. Non mancano naturalmente le donne da urlo, come la brava Alicia Keys, qui nelle vesti di un'assassina a contratto.
Il tono del film Ŕ corale, tutti i personaggi alla fine si ritrovano nello stesso punto ma in momenti diversi, quasi una sorta di Paul Thomas Anderson in salsa pulp; e vai col divertimento dunque: l'enorme caos allegro e scanzonato messo in piedi da Carnahan farÓ scattare anche il pi¨ rigido degli spettatori.

Se per˛ l'abbuffata di personaggi offre spazio alla fantasia weird dell'astuto regista, i drammi umani non sono certo lasciati da parte, e possono contare su ottime caratterizzazioni di uomini e donne (e un bambino) che hanno perso ogni speranza o che semplicemente rifiutano di vivere secondo legge, qualsiasi essa sia.
In fondo nei personaggi come Buddy "Aces" Israel, a cui tutti cercano di strappare il cuore, nei poliziotti mandati allo sbaraglio dai poteri forti e in qualche sicario sbandato c'Ŕ una sorta di disperata umanitÓ, un legame che viene a formarsi con il pubblico (anche se non troppo forte, sia chiaro) e che alla fine non si spezza. Carnahan conosce le regole della tragedia, sa come gestire le situazioni pi¨ difficili e soprattutto riesce a imbastire una tensione drammatica che sfocia nella rappresentazione di uno degli omicidi pi¨ freddi del recente cinema, e che vede protagonista un irriconoscibile e occhialuto Matthew Fox, giÓ medico affascinante della serie tv "Lost".

Merito di tutto questo va in gran parte anche a un cast molto azzeccato che unisce attori molto noti al grande pubblico, bravi caratteristi e giovani ma talentuosi sconosciuti.
Torna Ray Liotta e torna Andy Garcia, anacronistico capo del Federal Bureau, ma anche Ben Affleck, in versione baffuta e in veritÓ molto bravo, gigione nella sua parte di accalappia ricercati e ultimamente trasformato in caratterista.

Illumina e muove la macchina da presa il calabrese Mauro Fiore, ex- collaboratore di quel Janusz Kaminski ormai fedele direttore della fotografia dai toni freddi e lucidi dei film di Spielberg. A differenza di Kaminski, Fiore usa i colori caldi e tipici delle pi¨ belle giornate di primavera, creando cosý un bellissimo effetto di contrasto con la vicenda satura di violenza, sparatorie e morti ammazzati.

Altro merito del film risiede nella colonna sonora che mischia funky e un po' di rock progressive, oltre un famoso brano di Ennio Morricone che si snoda in una scena dagli esiti inaspettati, ma anche comici.
L'ironia di alcuni dialoghi e situazioni evita un'atmosfera troppo seriosa che avrebbe danneggiato il film, basti pensare infatti al trio dei fratelli Tremor, hitleriani convinti e assatanati, ma terribilmente simpatici.

Il regista, infine, evita di cadere nel pantano che sceneggiature piene di avvenimenti come questa possono comportare e tira dritto e spedito fino al finale, particolare non per il colpo di scena ma per la conclusione delle storie dei personaggi, senza inutili storielle aggiunte solo per ingrossare le fila; tutto quello che c'era da raccontare lo vediamo nel corso dei suoi scorrevoli 110 minuti.
La regia di Carnahan non ha, fortunatamente, pretese artistiche, ed Ŕ sicuramente di mestiere; un ottimo mestiere che gli permette di volare da una scena all'altra, da un viso all'altro, senza estetismi patinati da videoclip o alla Tony Scott. Le inquadrature sono oltremodo originali, poco uso di steadycam (qualcuno sia lodato) e molti giochi di riflessi e unione tra parole e immagini, si veda a tal scopo la sequenza dell'ascensore che vede l'agente Carruthers alle prese con il cattivissimo killer dalla lama facile Acosta.
Un modo di dirigere, il suo, che sfrutta gli spazi scenografici e la musica per costruire inquadrature particolareggiate, usando per l'appunto quell'immaginazione creativa che dovrebbe essere propria di un regista. E' evidente che dietro la macchina da presa c'Ŕ qualcuno che si Ŕ divertito a lavorare e a scrivere il suo film, dal quale sarebbe deleterio non farsi coinvolgere.

Commenta la recensione di SMOKIN' ACES sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di matteoscarface - aggiornata al 13/07/2007

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

200 meters
 NEW
acqua e aniceadaalcarras - l'ultimo raccoltoall the streets are silentalla vitaamanda (2022)amanti (2020)
 NEW
anna frank e il diario segretoargentina, 1985beast (2022)bentublack parthenope
 NEW
blondebodies bodies bodiesbrian e charlesbullet traincarter (2022)casablanca beatscome prima (2021)crimes of the future (2022)
 NEW
dantedashcamday shift - a caccia di vampiridc league of super-pets
 NEW
deinfluencerdo revengedon't worry darling
 NEW
dragon ball super: super heroelvis (2022)emergency
 NEW
en los margenesevangelion: 3.0+1.01 thrice upon a timefall
 NEW
falla girarefassbinderfire of lovefly - vola verso i tuoi sognifreedom (2021)giorni d'estategold (2022)goodnight mommy (2022)hill of vision
 NEW
hocus pocus 2house of darknesshustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' bello
 NEW
il mondo in camerail paradiso del pavoneil pataffioil signore delle formicheil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e spottyjane by charlottejurassic world - il dominiokarate manla doppia vita di madeleine collinsla mia ombra e' tua
 NEW
la notte del 12la ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei murilas leonasle buone stellele favolosele voci solel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzl'immensita'liz e l'uccellino azzurrol'origine del malelou (2022)mad godmaigretmarcel!marginimemoriamemory (2022)men (2022)mindemicminions 2 - come gru diventa cattivissimomistero a saint-tropez
 NEW
mona lisa and the blood moon
 NEW
moonage daydreamnel mio nomenido di viperenon sarai solanopenostalgia
 NEW
omicidio nel west endorphan: first killpaolo rossi - l'uomo. il campione. la leggenda.pearl (2022)per niente al mondopeter va sulla lunapleasureprey (2022)queensquel che conta e' il pensierorevolution of our timesriminirise - la vera storia di antetokounmposamaritansecret love (2021)secret team 355shark bait
 NEW
siccita'
 NEW
smilespiderheadsposa in rossostudio 666tenebrathe black phonethe deer king - il re dei cervithe forgiventhe gray manthe hanging sun - sole di mezzanottethe invitation (2022)the man from toronto
 NEW
the munstersthe other side (2020)the slaughter - la mattanzathe twin - l'altro volto del malethor: love and thunderthree nights a weektoilettop gun: maverick
 NEW
tutti a bordoun mondo sotto socialuna boccata d'ariaun'ombra sulla verita'viaggio a sorpresavieni come seiwild nights with emily dickinsonx - a sexy horror story

1033107 commenti su 48327 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ANGOSCIA NELLA NOTTEBEN & JODYC.A.M. (2021)DRACULA: THE ORIGINAL LIVING VAMPIREHEART SHOT - DRITTO AL CUOREIL COLPO DEL LEONEIL SEGRETO DI FATIMAIL VERO AMORE (2015)LA GANG DELL'ANNO SANTOL'ALBERO DI ADAMOMEGALOMANIACPAURA NELLA NOTTEPOIROT - IL PERICOLO SENZA NOMESWEET GIRLSWING - CUORE DA CAMPIONITHE GOSPEL OF JOHNTHE HAUNTING OF THE TOWER OF LONDONUNBOXEDV/H/S/99

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net