Recensione rosso sangue regia di Leos Carax Francia 1986
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione rosso sangue (1986)

Voto Visitatori:   6,22 / 10 (9 voti)6,22Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film ROSSO SANGUE

Immagine tratta dal film ROSSO SANGUE

Immagine tratta dal film ROSSO SANGUE

Immagine tratta dal film ROSSO SANGUE

Immagine tratta dal film ROSSO SANGUE

Immagine tratta dal film ROSSO SANGUE
 

Cantore notturno di 'anime salve', di amori borderline compressati nella follia, nell'(auto)distruttivismo di una grammatica slegata dalla logica costituzionalizzata, Leos Carax fonde l'inquietudine dei tratti e delle tonalità del suo cinema a racconti quasi favolistici, a impressioni di vita, e - di nuovo, come sempre - ad un amour fou involuto nelle periferie del dolore e dell'assenza, alla miseria della società che si scontra con il più alto dei sentimenti - astratto e tangibile, materico, carnale. Vedere (e sentire) il capolavoro "Gli amanti del Pont Neuf" per creder-ci. E, prima ancora, questo "Rosso sangue".

Siamo in un film di Leos Carax; siamo in contatto coi fantasmi, siamo a colloquio con le ombre, siamo in un universo percettivo dove la storia è solo un riflesso inconscio, torrenziale, intradiegetico. Dove contano solo alcuni, spuri elementi. E dunque, abbiamo: una banda di malviventi; un ragazzo dall'approccio ai limiti dell'autismo arruolato nella suddetta gang; una storia d'amore dall'armonia bucolica e intermittente, prima, un'altra che è visione notturna afasica e irrequieta, poi. Dei personaggi immersi in un'ambientazione apocalittico-metaforico-metamorfica: si lotta per fermare una malattia estrema, che fa sì che l'unione carnale privata del sentimento provochi la proliferazione della morte. Un po' come punire chi gira senza sentir scorrere il film nelle vene, come chi guarda senza sentir esondare la celluloide nel sangue.

Carax tratta il cinema come un magma pastoso, affranto e inaffrancabile dai propri corpi che si aggrappano alla pellicola come al proprio ultimo soffio vitale, alla dignità e al senso dello stare al mondo, dello stare/esistere (almeno) nella notte, allo stato liquido di racconto mitologico, di epigramma neoromantico, frammento di spleen esistenziale, brano spezzato di note stridule.
Una sintassi butterata e veracemente outsider, una poetica ostentatamente e poderosamente personale, una sceneggiatura che s'infil(tr)a tra le maglie della realtà e dell'onirismo atipico, atemporale e a-spaziale, interpreti che assorbono l'anima straziata di esseri allo sconquasso: "Rosso Sangue" è cinema fino all'ultimo respiro, aggrappato all'epidermide del fato, a rimembranze, rifrazioni dello spirito; è diagramma di colori esausti, di urla contro il cielo e di corse addosso alla terra.

Dentro i film di Carax siamo capaci, alla pari dei suoi personaggi, di vivere la realtà consapevoli di poter essere soltanto immagine, immagine che possiamo solo sfiorare e che ci echeggia nelle viscere e ci fracassa le ossa. Regista estremo e radicale nella propria secca, ruvida, selvaggia inclassificabilità, nella propria attitudine fuori posto e fuori canon(izzazion)e; amarlo vuol dire entrare in un universo che fa della forma un grido di libertà tranciante, avviluppato intorno al sangue, dove l'estetica è una sinfonia che crudelmente ci dà le spalle, poi ci guarda in faccia e ci ferisce più profondamente; bianca e rossa, ad un tempo purissima e lividamente lercia, limpida e squartata, (già) dentro la carne, spezzata nelle vene, dilaniante e mortifera, un vortice intermittente e frammentato, costituito da oggetti e voci narranti che saltano come mine impazzite su un campo tutto ancora da esplorare.

Resta, attaccata addosso, l'impossibilità della cicatrizzazione e della redenzione dalla visione, mentre il sangue continua a scorrere e la ferita rimarrà esposta al sole e ai futuri inesauribili occhi. Resta lo spettro avvolgente dell'erotismo e della natura, i momenti di fuoco e lacrime colti in attimi eterni e terribili, inspiegabili e fuggevoli. Resta la reiterazione di dialoghi ("Stasera no", "Invece sì") e azioni che diviene così autocombustione. Restano l'inafferrabilità e la paura della bellezza, le improvvise torsioni di genere, del dramma gangster che migra in un intimistico impalpabile saggio astratto sull'amore, dove panta rei, dove tutti sono/siamo uno nessuno e centomila. Questo è Carax, un ventriloquo di cui guardiamo e ascoltiamo gli occhi, perdendoci e ritrovandoci infinite volte, nel buio e nella luce, dentro flutti all'apparenza discontinui e insondabili. Con lui di cinema "facciamo il pieno per le notti che verranno".

Commenta la recensione di ROSSO SANGUE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Fiaba - aggiornata al 05/12/2012 10.15.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place iia riveder le stelleafter midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandalobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecercando valentina - il mondo di guido crepaxcharlie's angels (2019)criminali come noida 5 bloods - come fratellidoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofamosafantasy islandgamberetti per tuttighostbusters: legacygli anni piu' belligretel e hanselgreyhound: il nemico invisibileil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil principe dimenticatoil re di staten islandil richiamo della foresta (2020)impressionisti segretiin the trap - nella trappolala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la sfida delle moglila vita nascosta - hidden lifel'agnellol'anno che verràl'apprendistatol'hotel degli amori smarritilontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marianne e leonard. parole d'amoremarie curie
 HOT R
memorie di un assassinomorbiusnel nome della terranon si scherza col fuocoonward - oltre la magiaoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiaqua la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrun sweetheart runsaint maudshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspiral - l'eredita' di sawstar lightstay stillthe boy - la maledizione di brahmsthe gentlementhe grudge (2020)the new mutantsthe old guardthe other lambthey shall not grow oldun figlio di nome erasmusun lungo viaggio nella notteuna intima convinzionevivariumvolevo nascondermivulnerabiliwaves

1007303 commenti su 43880 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net