Recensione l'eclisse regia di Michelangelo Antonioni Italia, Francia 1962
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione l'eclisse (1962)

Voto Visitatori:   8,41 / 10 (27 voti)8,41Grafico
Voto Recensore:   9,50 / 10  9,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film L'ECLISSE

Immagine tratta dal film L'ECLISSE

Immagine tratta dal film L'ECLISSE

Immagine tratta dal film L'ECLISSE

Immagine tratta dal film L'ECLISSE

Immagine tratta dal film L'ECLISSE
 

Titoli di testa: al twist cantato da Mina sopravviene una musica estraniante, asettica, d'avanguardia (entrambe di Giovanni Fusco). E subito l'immagine s'apre compenetrata nell'eclisse sonora, in un silenzio sensuale, enigmatico - com'Ŕ sensuale ed enigmatico il miglior cinema di Antonioni - che segue ad una domanda avvenuta in precedenza, non udita.
Due corpi in una stanza, un ventilatore, nessuna parola. L'incomunicabilitÓ che s'interpone tra il pianeta donna e il suo astro.
Lei, Vittoria (ancora una volta Monica Vitti), si muove sinuosamente tra l'arredo e gli specchi. Lui siede, inerte, in attesa. E' la fine di una "avventura", cala nuovamente "la notte", i due corpi si sfiorano e s'allontanano automaticamente.

L'ottavo lungometraggio di Michelangelo Antonioni (ultimo della cosiddetta "trilogia esistenziale") si apre di nuovo sotto il segno del disamore.
Passano pi¨ di quattro minuti prima che il silenzio asfissiante sia rotto. Gli sguardi scivolano uno dall'altro. I discorsi deviano nel professionale. "Non lo so": Ŕ l'unica risposta accessibile.

Le tende s'aprono ad un paesaggio gelido, desolato (la fotografia, meravigliosa, Ŕ di Gianni Di Venanzo), di architetture rigide, di fronde impassibili. I due si calano sulla strada deserta, si rincorrono per qualche attimo, indolenti, si lasciano per sempre.

L'amore: l'incomunicabilitÓ tra le persone s'Ŕ insinuata a tal punto da toccare la superficie di questo sentimento; trovarne una breccia, riempirne l'interno col suo nulla fatto d'incomprensione, d'indifferenza, d'apatia.
Non Ŕ pi¨ solo il rapporto con la folla esterna a venire a mancare, ma Ŕ l'intimitÓ stessa della coppia a trovarsi coinvolta in un'inedia comunicativa che la smagrisce di quella passione e di quella intesa di cui dovrebbe alimentarsi.
Gli amanti appaiano manichini, eppure - quella di Antonioni Ŕ una poetica intellettuale ma profondamente sensibile - posseggono sguardi tristi, pensosi; hanno provato ad amarsi, a conoscersi, senza riuscirvi pienamente. Sono consci d'essere afflitti da questa malattia sociale che consuma i sentimenti.

Si passa dunque dall'inerzia di quell'addio fra un uomo e una donna, ad un nuovo deserto: quello della folla, nella borsa, luogo simbolo del dio-denaro. Ad un nuovo silenzio: quello del brusio, in una babilonia (dal punto stilistico sono eccezionali queste sequenze) di urla e gesticolazioni.
Vittoria vi passa disorientata, estranea, distaccata da tutto; vi incontra sua madre (neppure tra madre e figlia Ŕ residua una volontÓ di comprensione), immischiata in quell'ambiente cinico, frenetico, tumultuoso; vi incrocia quello che nel proseguo del film sarÓ il suo nuovo amore.

Il regista ferrarese esplora con grazia, la sua Ŕ una narrazione lenta, raffinata, che procede quasi sospesa tra la secchezza dei luoghi, attenta ad una sensibilitÓ che Ŕ insita della complessitÓ dell'universo femminile.

Vittoria vaga inquieta, assetata d'un senso indefinito di pienezza e di serenitÓ, e il suo disinteresse nelle cose materiali si manifesta nel suo soffermarsi a contemplarle con ritrosia, senza il desiderio di conoscerle, ma accontentandosi di osservarle da fuori, d'invaghirsene estemporaneamente per poi abbandonarle.
Lo stesso accade con le persone: ella cerca di colmare momentaneamente la propria insofferenza con gli interessi altrui. Simula un'escursione nell'esotico con due amiche, in quell'Africa illustrata dai souvenir e dai dipinti, dentro un appartamento; improvvisa un ballo tribale; si ritrova immersa infine nell'atra vacuitÓ notturna, nuovamente, nell'eclisse totale - in cui s'erge una statua come un marmoreo punto interrogativo - toccata dalla costellazione dei lampioni e sonorizzata dalla vibrazione di alcune aste metalliche.

Pi¨ ancora che nelle opere precedenti (pensiamo, per esempio, al paesaggio roccioso delle Eolie immerso nel Mediterraneo ne "L'avventura"), ne "L'eclisse" gli ambienti assumono aspetti assenti e metafisici, divengono siti non vissuti e dispersivi, inabitati, non imbevuti degli sguardi umani, specchi esteriori transitati appena dagli individui, ospiti spaesati di qualche momento, la cui vita non s'instaura nÚ trova penetrazione nella loro frequentazione.

Le stanze, la borsa, i quartieri dell'EUR, la cittÓ vuota, gli oggetti, hanno tutti un ruolo comune nella storia: di dare forma visibile al grigiore esistenziale, di Vittoria e dell'uomo di oggi, affascinato dal nulla e confluito in un traffico d'azioni prive d'uno scopo vivificatore.

Resta dunque come ultima Óncora l'affidarsi al caso, quel caso che in occasione d'una ingente somma di denaro persa dalla madre, permetterÓ a Vittoria di fare conoscenza di Piero (Delon), suo agente di borsa, soggetto dinamico, pratico, venale e opportunista.
Non Ŕ questo il tipo di uomo che saprebbe offrire quell'amore e quella serenitÓ che va ricercando Vittoria. Lo sa, e ne Ŕ consapevole: ma Ŕ scoraggiata, e vi si affida senza resistenza, e stancamente si lascia trasportare dal caso.

Cede all'illusione di questo amore che possiede in veritÓ l'arsura di un "Deserto rosso". Senza vita, senza passione, tedioso e asciutto come il paesaggio cittadino. I volti sorridenti s'assorgono, all'improvviso, in contemplazioni lontane, s'assentano profondandosi nel silenzio gli sguardi. Il gesto amoroso e il gesto indifferente si sovrappongono.
La possibilitÓ che la storia sia alimentata dall'opportunismo (di donnaiolo da parte di lui, e per via del debito di cui la madre Ŕ oberata nei confronti di Piero da parte di lei) getta nuova polvere sulla continuazione del rapporto. Giusto il tempo di qualche incontro, e all'ultimo appuntamento nessuno dei due si presenterÓ.
Dopo la breve schiarita d'una penombra senza sollievo, fa dunque ritorno l'eclisse, pertinace, irrisolvibile.

L'alienante finale Ŕ pervaso d'un immenso fascino segreto: la vicenda di Vittoria e di Piero si stempera nel vuoto; i due scompaiono, vengono re-inquadrati i luoghi che hanno ospitato il loro amore fugace, ora attraversati da estranei senza nome (le strisce pedonali del bacio rifiutato, il parco, il bidone dell'acqua dove era stato lasciato cadere qualcosa).
Un collage di quartieri deserti, un'infermiera che spinge una carrozzina (simbolo della purezza e serenitÓ smarrite?); e ancora: dure strutture, inquadrature inelastiche, squarci hopperiani; impalcature, fronde inerti, balconi spopolati; gente che aspetta, solitudine degli individui, isolamento dei luoghi... Sino a notte: lampioni s'accendono in silenzio... strade vagano in zone di mistero.

Commenta la recensione di L'ECLISSE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Ciumi - aggiornata al 23/11/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

abigail (2024)accattaromaancora un'estateanother endanselmarcadianaugure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!eileenennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'ingannofuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghostbusters - minaccia glacialegirasoligli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo imperoi dannatii delinquentii misteri del bar etoileif - gli amici immaginariil caso goldmanil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boyio e il seccokina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4la moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'esorcismo - ultimo attol'estate di cleolos colonosmarcello miomay decemberme contro te: il film - operazione spiememory (2023)metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)niente da perdere (2024)non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillaquell'estate con irenerace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginarioritratto di un amoreroad house (2024)samadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibilesuperlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomthe fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun mondo a parte (2024)una spiegazione per tuttouna storia neraunder parisvangelo secondo mariavincent deve morirevita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1051502 commenti su 50768 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACKOUT (2023)BURNING DAYSCABRINICURSE OF HUMPTY DUMPTY 3GORATHHUMANEIL CLAN DEL QUARTIERE LATINOIL MOSTRUOSO DOTTOR CRIMENIL PRINCIPE DEL MIO CUOREIL SENSO DELLA VERTIGINELA NOTTE DEGLI AMANTILEDALISA FRANKENSTEINMAGGIE MOORE(S) - UN OMICIDIO DI TROPPOMORBOSITA'ONCE WITHIN A TIMEPENSIVEQUESTA VOLTA PARLIAMO DI UOMINISONG OF THE FLYTERRORE SULL'ISOLA DELL'AMORETHE AFTERTHE CURSE OF THE CLOWN MOTELTHE DEEP DARKTHE JACK IN THE BOX RISESTHE PHANTOM FROM 10.000 LEAGUES

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net