Recensione le belve regia di Oliver Stone USA 2012
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione le belve (2012)

Voto Visitatori:   5,84 / 10 (89 voti)5,84Grafico
Voto Recensore:   6,00 / 10  6,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LE BELVE

Immagine tratta dal film LE BELVE

Immagine tratta dal film LE BELVE

Immagine tratta dal film LE BELVE

Immagine tratta dal film LE BELVE

Immagine tratta dal film LE BELVE
 

Chi lascia la strada vecchia per quella nuova sa quello che lascia e non sa quello che trova.
Dopo una serie di esiti tutt'altro che lusinghieri in termini artistici e commerciali (come dimenticare il fallimentare kolossal storico/edipico "Alexander" o, peggio, la retorica a stelle e strisce di "World Trade Center" e "Wall Street 2"?), il bad guy Oliver Stone torna all'ovile del secondo amore (il primo resta il cinema di denuncia): il pulp movie senza regole, pudore e ritegno con cui scandalizzò l'opinione pubblica ormai anni orsono.

In una paradisiaca località della California meridionale, la bella O (per Ophelia, una languida Blake Lively) ama contemporaneamente il focoso Chon (Taylor Kitsch) e il sensibile Ben (Aaron Johnson); tutti insieme sono a capo di un traffico spropositato di marijuana che li porterà a scontrarsi con la potentissima Reina Elena (Salma Hayek), con spietato sicario al seguito (Benicio Del Toro), padrona del commercio di droga dell'intero Messico. Quando O viene rapita, i suoi uomini faranno di tutto pur di ricomporre l'appassionato triangolo.

La voce off di Ophelia scandisce l'intera narrazione come in un noir d'annata, mentre il film appaga ogni più basso istinto dello spettatore medio affamato di action e violenza. Se le premesse appaiono fin troppo ambiziose, anelando a una (im)possibile fusione fra Truffaut e il Soderbergh di "Traffic", il resto si rifugia in una sorta di epigono di "Natural Born Killers", senza però averne l'irriverenza e la forza dirompente e iconoclasta.

La sceneggiatura di Shane Salerno e Dan Winslow (autore anche del romanzo omonimo da cui il film è tratto) mantiene in equilibrio precario una mole eterogenea di materiale da botteghino e le fila di una rincorsa mafiosa che non risparmia colpi bassi.
Stone, da par suo, inietta alla pellicola uno stile furioso e allucinato (coadiuvato da una fotografia in ocra dalle suggestioni postatomiche), muovendo i suoi interpreti - vecchi e nuovi - con consumata perizia nel caleidoscopio di sesso, sole e sangue che culmina in un finto finale in onore dell'amour fou più sfacciato.

Ciò che manca è lo spessore della vicenda e l'onestà intellettuale dell'autore cinematografico, capace di scavare ben più a fondo nel marcio del paese delle illusioni.
Alla fine si resta sazi ma un po' con un vago senso di pesantezza: in fondo è "solo" entertainment.

Commenta la recensione di LE BELVE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di atticus - aggiornata al 30/05/2013 15.50.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013278 commenti su 44758 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net