Recensione la vita segreta delle parole regia di Isabel Coixet Spagna 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione la vita segreta delle parole (2005)

Voto Visitatori:   7,54 / 10 (25 voti)7,54Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LA VITA SEGRETA DELLE PAROLE

Immagine tratta dal film LA VITA SEGRETA DELLE PAROLE

Immagine tratta dal film LA VITA SEGRETA DELLE PAROLE

Immagine tratta dal film LA VITA SEGRETA DELLE PAROLE

Immagine tratta dal film LA VITA SEGRETA DELLE PAROLE

Immagine tratta dal film LA VITA SEGRETA DELLE PAROLE
 

PerchÚ mai la critica sia stata cosý tiepida con questo delicato film della spagnola Coixet Ŕ difficile da spiegare. Forse perchÚ abituati, come ormai tutti sono, ai toni roboanti e fragorosi, alle violenze raccontate nel minimo dettaglio, alle scene plateali e agli effetti facili, viene meno la capacitÓ di ascoltare le voci sussurrate, i moti profondi dell'anima e le immagini simboliche: in pratica il canto dolce della poesia... e la vita segreta delle parole!

E di parole proprio si tratta nel film. Del non detto che cova nel profondo delle nostre anime e che fatica ad emergere, prorompendo poi in una esplosione catartica e liberatoria, o avvincendoci sempre di pi¨ nelle catene del silenzio e dell'incapacitÓ di comunicare, con meccanismi nevrotici o psicotici.
Autistica sembra, infatti, agli inizi la bionda protagonista, chiusa in un ostinato dolore, che l'ha resa, non a caso, sorda; anche se la causa di tale malessere non Ŕ come solitamente accade, di natura "affettivistica", ma di origine traumatica. Le strade del suo destino vanno ad incrociarsi con quelle di un tecnico, provvisoriamente accecato da un incidente su una piattaforma petrolifera del mare del Nord. Nel suo mese di ferie la giovane infelice decide di curarsi di lui come infermiera, iniziando un rapporto di progressiva e reciproca confidenza, che li porterÓ entrambi a nutrire fiducia nell'altro, affidandogli con muta commozione il proprio progetto esistenziale: in toto, come se il mondo esterno non esistesse (chi ricorda "David e Lisa"?), e fossero isolati su un'isola deserta.
Dove la facile metafora, espressa pari pari dal malato in lettiga, coincide con l'idea centrale del film, ambientato su una piattaforma marina disperatamente isolata nei mari artici, raggiungibile solo con gli elicotteri.

Una delle principali bellezze del film, l'isolotto artificiale, si staglia sulle acque come una visione surreale, valorizzata da colori plumbei su sfondi rossomielati, o di notte, da una miriade di luci policrome che gli conferiscono un aspetto fantascientifico, da navicella spaziale. E abitanti di uno shuttle interplanetario sembrano anche i pochi altri abitanti della piattaforma, ognuno a modo proprio in fuga dalla civiltÓ e dalla vita reale.
Nella parte finale del film la storia si evolve in una seconda fase: data la stura ai reciproci, penosi, segreti nascosti, e cioŔ, entrati in comunicazione e/affettiva, i due comprendono di essere essenziali l'uno all'altro, e trovano una chiave di sopravvivenza nella vita a due. Con un'ottica veramente femminile, se vogliamo; ma, bisogna dire, senza eccessivi sdilinquimenti, con accenti sentimentali credibili e mai mielosi.
In questo sussiego sta uno dei grandi meriti della regia, che sa raccontare le cose pi¨ crude in modo asettico, rinunciando agli effetti facili della violenza e della morbositÓ (una regia convenzionale ci avrebbe sciorinato per filo e per segno la dolorosa vicenda degli stupri e delle sevizie subite dall'infermiera e dall'amica nella guerra in Jugoslavia; oppure la storia di tradimento matrimoniale occorsa al paziente infortunato...).

Al contrario il film inizia con il dramma dell'incendio e dell'infortunio in modo sfumato, senza insistere sui particolari pi¨ cruenti, continuando per brevi accenni sulle situazioni pi¨ spinose; per culminare nella scena forse pi¨ bella, dove la protagonista mostra solamente i segni rimastile delle sevizie subite, con estremo ritegno, lasciando intendere, senza scendere in particolari crudeli.
Carico di simboli dell'umano vivere (in solitudine sull'isolotto artificiale, o tra i dolori delle guerre), il film ha anche una precisa valenza psicanalitica, parlando apertamente del bisogno di comunicazione e di affettivitÓ dei singoli, con la possibile panacea di una soluzione a due (prettamente femminea... ma tant'Ŕ!); non a caso l'unico personaggio a cui sembra ancora legata la bionda infermiera Ŕ per l'appunto una professionista della psiche.
Al di lÓ dei meri aspetti di contenuto, restano a "La vita segreta..." meriti "filmici" di primo ordine: una fotografia affascinante, soprattutto nella paesaggistica, sceneggiatura e dialoghi asciutti ed essenziali, sempre credibili, interventi musicali molto appropriati, e, infine una recitazione ineccepibile e memorabile da parte dei due protagonisti (di lei in particolare, con una serie di primi piani che... attingono all'anima).

Altro grande pregio, se vogliamo di natura squisitamente letteraria, Ŕ la capacitÓ di "evocare senza mostrare"; e cioŔ di comunicare sensazioni ed emozioni "senza bisogno di dire ed illustrare", tipico del linguaggio "preteritivo" (non dico, ma dico...). Questa modalitÓ di comunicazione, per definizione retorica, Ŕ invece validissima ove si vogliano salvare nel racconto sentimenti veritieri di pudore, ritegno e vergogna, di certi personaggi (...la sventurata rispose...!!).
Come era nel film e come Ŕ dell'umano: non tutti, di fronte a un dolore, gridano e si strappano i capelli in pubblico... a molti sfugge solamente una furtiva lacrima... altrettanto significativa! Se non ancora di pi¨, ripensando al film: con il semplice dialogo, per quanto lento e lungo, dei due sofferenti, senza ricorso ad immagini reali, si avvertiva una tensione drammatica vivissima, non minore che di fronte alla fotografia; esattamente come succede nei libri, dove la parola scritta riesce ad evocare la realtÓ ancora pi¨ ricca, unica ed inimitabile, della nostra fantasia e dell'interioritÓ recondita, rendendoci partecipi per transfert del fatto creativo.

E come stupirci, sapendo che il film Ŕ stato prodotto da Almodovar? (tra l'altro Ŕ difficile non pensare al suo "Parla con lei")... Difficilmente, io credo, il grande genio spagnolo avrebbe approvato ed avallato una produzione meno che superlativa... Per questo mi stupisco della tiepida accoglienza di molti!

Commenta la recensione di LA VITA SEGRETA DELLE PAROLE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di GiorgioVillosio - aggiornata al 28/03/2006

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. kong
 NEW
governance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitali
 NEW
jakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroes
 NEW
why did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016615 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net