Recensione la tempesta regia di Julie Taymor USA 2010
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione la tempesta (2010)

Voto Visitatori:   5,00 / 10 (1 voti)5,00Grafico
Voto Recensore:   7,00 / 10  7,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film LA TEMPESTA

Immagine tratta dal film LA TEMPESTA

Immagine tratta dal film LA TEMPESTA

Immagine tratta dal film LA TEMPESTA

Immagine tratta dal film LA TEMPESTA

Immagine tratta dal film LA TEMPESTA
 

E' stato "La tempesta" di Julie Taymor il film di chiusura della sessantasettesima mostra del cinema di Venezia. La regista è famosa al cinema soprattutto per il suo musical del 2007 "Across the universe", che vanta una colonna sonora interamente basata sulle più famose canzoni dei Beatles; la sua formazione, però, è teatrale e ciò influenza sempre molto le sue pellicole. A teatro ha diretto un po' di tutto, dall'"Edipo Re" a "Il re Leone", anche se probabilmente il suo cuore va a Shakespeare: è con "Titus" che la Taymor debutta sul grande schermo, un adattamento cinematografico del "Tito Andronico", già rappresentato a teatro sotto la sua regia. A Venezia, quindi, torna al suo primo amore con "La tempesta": dopo aver lavorato alla sua regia teatrale nel 1986, quest'anno, in onore del quattrocentesimo anniversario dal debutto sul palcoscenico della commedia shakespeariana, Julie Taymor ce ne propone la versione cinematografica.

C'è da dire che la regista americana è stata scrupolosissima nel trasportare sul grande schermo l'opera shakespeariana: la pellicola è estremamente simile alla piece teatrale, forse anche troppo per una regista così particolare e visionaria come Julie Taymor. Sembra abbia voluto soltanto rinnovare un po' quest'opera, lasciando parlare Shakespeare, ma ritagliando ben pochi spazi per sé. La vera, importante differenza dal testo originale è il sesso del protagonista, che in Shakespeare è un uomo: Prospero; mentre nel film troviamo una donna: Prospera; il cambiamento, però, non pesa affatto in quanto non va ad intaccare elementi fondamentali della storia ed in più ci permette di assistere ad un'interpretazione tanto acuta, sentita e profonda come quella di Helen Mirren, nei panni della protagonista.

La trama è piuttosto famosa: Prospera, duchessa di Milano, viene esiliata su un'isola con sua figlia di soli tre anni, dal fratello, usurpatore del ducato, con l'aiuto del re di Napoli. Dodici anni dopo, Prospera,per mezzo delle sue arti magiche e del suo aiutante, Ariel, spirito dell'aria, scatena una tempesta per far naufragare, proprio sulla sua isola, la nave su cui viaggiano suo fratello e il re di Napoli. Ferdinando, principe di Napoli, e Miranda, figlia di Prospera, si innamoreranno, dando nuova speranza ai destini delle due famiglie e dei due regni. Agli avvenimenti della storia vanno ad intrecciarsi temi molto cari a Shakespeare quali quello della temperanza e della magia, rappresentati attraverso monologhi che non perdono mai efficacia col passare dei secoli.

"La tempesta" è una delle più fedeli trasposizioni teatrali che siano state realizzate, ma, in questo caso, la fedeltà gioca a sfavore del film: la sceneggiatura di Julie Taymor è molto simile al testo shakespeariano con la conseguenza di mantenere i tempi teatrali, che, al cinema, risultano scarsamente efficaci, poco incisivi, per non dire lenti e noiosi.

Scene che a teatro coinvolgono lo spettatore, riportate sullo schermo sembrano scene di transizione, in cui lo spettatore si trova a chiedersi quand'è che la storia prenderà la piega giusta. Vedere la tempesta iniziale ricreata a teatro lascia a bocca aperta, trascina lo spettatore sulla nave, insieme ai marinai terrorizzati; ma di scene simili, al cinema, nei film storici o d'azione, ne siamo pieni. I lunghi battibecchi tra Stefano (Alfred Molina) e Trinculo (Russell Brand) che a teatro sono divertenti e piacevoli, diventano ripetitivi nella versione cinematografica.

Il film riesce a creare un'atmosfera surreale ed accattivante grazie a un mix perfetto di scenografia, fotografia, colonna sonora ed effetti speciali. Quest'ultimi in particolare sono utilizzati impeccabilmente per aiutare lo spettatore a vedere la "magia", senza tuttavia disturbare dalla visione delle immagini, com'è chiaro quando entra in scena lo spiritello Ariel. Le incantevoli musiche originali sono di Elliot Goldenthal, compagno di vita e storico collaboratore di Julie Taymor, premio Oscar nel 2003 per "Frida".

Le interpretazioni del cast sono tutte convincenti ed anche gli attori più giovani sembrano far proprio il testo: Felicity Jones nel ruolo di Miranda e Reeve Carney nel ruolo di Ferdinando, ma soprattutto Ben Whishaw, con la sua interpretazione da brividi dello spiritello Ariel.

Eppure a visione terminata c'è da chiedersi se di questa pellicola ci fosse veramente bisogno. Julie Taymor aveva tra le mani un'opera magnifica e un cast d'eccezione, il suo talento poteva fare il resto e regalarci un gran bel film. La sua mano, però, non si sente e il film non funziona. Intrighi, tradimenti, incomprensioni, malintesi e una storia d'amore: gli elementi giusti c'erano tutti, ma non sono stati equilibrati a dovere.

"La tempesta" non è, come ad esempio "Romeo e Giulietta", un'opera che può essere portata sul grande schermo senza cambiamenti: la trama doveva essere vivacizzata, i tempi velocizzati, perché il pubblico cinematografico e quello teatrale non coincidono.

Commenta la recensione di LA TEMPESTA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Corinna Spirito - aggiornata al 08/02/2011 11.01.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

about endlessnessafter 2after midnight (2019)alessandra - un grande amore e niente piu'alpsantebellumbalto e togo - la leggendabombshell - la voce dello scandaloburraco fatalecambio tutto!charlie's angels (2019)cosa resta della rivoluzione
 NEW
cosa saràcreators: the pastcrescendo - #makemusicnotwarda 5 bloods - come fratellidivorzio a las vegaseasy living - la vita facileel practicanteemaendlessenola holmesfamosafellini degli spiritigenesis 2.0ghostbusters: legacygreenlandgreyhound: il nemico invisibileguida romantica a posti perdutihoneyland
 NEW
i predatoriil caso pantani - l'omicidio di un campioneil condominio inclinatoil giorno sbagliatoil meglio deve ancora venireil primo annoil principe dimenticatoil processo ai chicago 7il re di staten islandimprevisti digitalijack in the boxla piazza della mia citta' - bologna e lo stato socialela prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala vacanza (2020)la vita straordinaria di david copperfieldlaccil'anno che verràlasciami andarele sorelle macalusolockdown all'italianal'uomo delfinomai per sempremaledetto modiglianimi chiamo francesco tottimiss marxmister linkmolecolemorbius
 NEW
murdershownel nome della terranomad: in cammino con bruce chatwinnon conosci papichanotturnoonward - oltre la magiaoutbackpadrenostro
 NEW
palazzo di giustizia
 NEW
palm springs - vivi come se non ci fosse un domanipaolo conte, via con meparadise - una nuova vitaparadise hillsproject powerqua la zampa 2 - un amico e' per semprequattro viterosa pietra stellaroubaix, una lucerun sweetheart runsemina il ventosola al mio matrimoniostar lightstay still
 NEW
sul piu' bello
 HOT
tenetthe book of visionthe gentlementhe new mutantsthe old guardthe secret - le verita' nascostetrash - la leggenda della piramide magicatutto il mondo e' paleseun divano a tunisiun lungo viaggio nella notte
 NEW
una classe per i ribelliuna intima convinzioneuna notte al louvre: leonardo da vinciundine - un amore per semprevivariumvulnerabiliwaiting for the barbarianswaves
 NEW
we are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000

1009584 commenti su 44247 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net