Recensione l'argent regia di Robert Bresson Francia 1983
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione l'argent (1983)

Voto Visitatori:   8,33 / 10 (6 voti)8,33Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film L'ARGENT

Immagine tratta dal film L'ARGENT

Immagine tratta dal film L'ARGENT

Immagine tratta dal film L'ARGENT

Immagine tratta dal film L'ARGENT

Immagine tratta dal film L'ARGENT
 

Norbert e il suo amico Martial, rampolli di famiglie della buona borghesia, comprano una cornice nel negozio di un fotografo e la pagano con un biglietto da 500 franchi falso. Yvonarge, addetto al trasporto del gasolio da riscaldamento, riceve il biglietto in pagamento di un carico. Ignaro, al bar paga con quello un cognac e lo arrestano. Al processo, il fotografo, tacitato con il denaro della madre di Norbert, dichiara di non aver mai visto Yvon. Lo conferma il commesso Lucien (in realtÓ Ŕ stato lui a consegnare la banconota a Yvon, ma anch'egli Ŕ stato pagato). Rimesso in libertÓ, Yvon (che ha una moglie, Elise, e una figlia, Yvette) non riesce a trovare lavoro. Accetta allora di fare l'autista per una rapina in banca. Ma il colpo fallisce. Arrestato, Yvon Ŕ condannato a tre anni di carcere. E in carcere finisce anche Lucien.
Licenziato per aver alterato i cartellini dei prezzi intascando la differenza, il commesso infedele trattiene le chiavi del negozio e svuota la cassaforte; dopodichÚ svaligia alcuni bancomat. Una lite, intanto, fa finire Yvon in cella di rigore per trenta giorni, durante i quali gli muore la figlia. Tenta il suicidio. Riportato dall'ospedale in carcere, incontra Lucien che si offre di aiutarlo a fuggire, per riparare al male che gli ha fatto. Ma Yvon, che Ŕ stato abbandonato dalla moglie, rifiuta. Quando esce dal carcere, va in un alberghetto della periferia parigina, ne uccide i proprietari e ruba quel po' di denaro che trova. Poi segue una donna che ha appena ritirato la pensione. Nonostante che Yvon confessi il suo crimine, Ŕ accolto nella casa dove la pensionata si prende cura del vecchio padre, di due sorelle, del cognato e del nipote paralitico.
Improvvisamente, una sera, Yvon impugna una scure e uccide tutti i componenti della famiglia che lo ospita. Poi va a costituirsi.

Robert Bresson (1907-1999), conseguita la laurea in filosofia, si accosta all'arte cinematografica assistendo alla lavorazione di alcuni film. Nel tempo libero dipinge. Dopo un anno e mezzo di prigionia in Germania, la ricerca della Grazia diviene una costante, alla quale egli tende con una graduale purificazione del segno registico: il suo cinema Ŕ fatto di progressive privazioni.
Al di fuori d'ogni filone e genere, Bresson mira a una forma d'architettura filmica cosý rigorosa da superare il concetto di rappresentazione: la sua non Ŕ "mise en scŔne" bensý "mise en ordre". Spesso infatti il cuore dell'azione avviene fuori campo, mentre le immagini riprendono una realtÓ autonoma, incurante del sussistere delle figure umane.

La storia Ŕ ridotta ad una fenomenologia di eventi staccati, disgregati, che esaltano la scrittura apparentemente piana, immota e antidrammaturgica nello stesso momento in cui invece dirompe la consapevolezza completa del conflitto e della tragedia insanabili. Le inquadrature non sono solo indifferenti alle sorti e alle vicende degli uomini; peggio: esse designano un universo che ignorandoci e trascurandoci ci rende sue vittime, l'ultimo anello cosmico della trasmissione dell'onnipervadente "malum mundi".

Ne "Le diable probablement..." ("Il diavolo probabilmente...", 1978) Bresson aveva giÓ assunto come soggetto la scomparsa della Grazia dalla realtÓ: un influsso esistenzialista porta all'estremo il suo pessimismo fino a rilanciare sui silenzi e sull'indicibile, e, nell'omicidio-suicidio finale, ribadisce il principio d'un cinema della negazione, "senza autore" e senza Dio (Dio non Ŕ morto: non Ŕ mai esistito), incomunicabile e incomunicante, rivolto a un "pubblico assente". Furti, drammi, delitti e orrori sono ancor pi¨ esasperatamente presenti ne "L'argent".

Bresson, che ha realizzato tredici film in 44 anni, incarna nella storia del cinema una sorta di paranoia lucida che ha favorito la nascita d'una serie di film severamente schematici e fortemente evocativi. Con quest'ultima opera della sua carriera, egli elabora il racconto di Tolstoj "La cedola falsa" (da cui trae l'ispirazione iniziale) secondo un nitore che si riverbera sia sulla logica degli avvenimenti e del comportamento dei personaggi, sia sulla struttura narrativa. Una struttura che ha i suoi punti di forza nell'ellissi, nella essenzialitÓ delle inquadrature e delle sequenze, e nel colore stesso (la fotografia Ŕ di Pasqualino De Santis) trattato come se fosse bianco e nero: al bianco e nero l'anziano regista (quando realizza "L'argent" ha 76 anni) Ŕ rimasto sostanzialmente fedele per la maggior parte della sua carriera. Queste scelte autoriali gli consentono un prodigioso equilibrio fra il resoconto e la non-ostentazione, fra la denuncia d'un'esistenza pandemoniaca e il pudore d'uno sguardo che mortifica ogni esibizionismo e voyeurismo dediti alla negativitÓ.

Girato con attori pressochÚ sconosciuti, che pronunciano battute stringate e si muovono in ambienti pi¨ che mai spogli, il film Ŕ destinato come al solito a un pubblico d'Úlite (nonostante il premio ottenuto a Cannes nel 1983, in Italia uscirÓ solo due anni dopo).

Mauro Lanari

Commenta la recensione di L'ARGENT sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Hal Dullea - aggiornata al 17/07/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
#iosonoqui47 metri - great whitea cena con il lupoa chiaraa classic horror storya dayagente speciale 117 al servizio della repubblica - missione rioagente speciale 117 al servizio della repubblica: missione cairoagnesall my lifeancora piu' bello
 NEW
ariafermaarmy of thievesatlasattack of the hollywood cliches!bac nordbeckettbentornato papa'benvenuti in casa espositobing e le storie degli animaliblack widow (2021)blood brothers: malcolm x & muhammad aliblood red skyblue bayouboys (2021)britney contro spearscandymancapitan sciabola e il diamante magicocenerentola (2021)
 NEW
city hall (2020)codacome un gatto in tangenziale - ritorno a coccia di mortocoming home in the darkcon tutto il cuorecry machodau, natasha
 NEW
days
 NEW
demigoddemonic (2021)drive my car
 T
dune (2021)earwig e la stregaennio: the maestroescape room 2: gioco mortaleezio bosso. le cose che restanofalling - storia di un padrefast & furious 9 - the fast sagafear street parte 1: 1994fear street parte 2: 1978fear street parte 3: 1666figli del soleframmenti dal passato - reminiscencefree guy - eroe per giocofreedom (2021)i croods 2 - una nuova erai nostri fantasmiil bucoil cieco che non voleva vedere titanicil collezionista di carteil gioco del destino e della fantasia
 T
il giro del mondo in 80 giorni (2021)il materiale emotivoil matrimonio di rosa
 NEW
il migliore. marco pantaniil mostro della criptail ragazzo piu' bello del mondoil silenzio grandeil viaggio del principe
 NEW
illusions perdues
 NEW
i'm your manin the heights - sognando a new yorkio restoio sono nessunoisolation (2021)jodorowsky's dunejosee, la tigre e i pescijungle cruisekatela casa in fondo al lagola guerra di domani (2021)la notte del giudizio per sempre
 NEW
la padrina - parigi ha una nuova reginala ragazza con il braccialettola ragazza di stillwaterla terra dei figlilambl'amore non si saleave no traceslet us in
 NEW
l'incorreggible (2021)lucus a lucendo - a proposito di carlo levil'uomo nel buio - man in the darkmadresmadres paralelasmalignant (2021)
 NEW
marilyn ha gli occhi nerimarx puo' aspettareme contro te: il film - il mistero della scuola incantatamedusa: queen of the serpentmi chiedo quando ti manchero'mondocane (2021)nessuno ne uscira' vivono sudden moveno time to dienowhere specialoasis: knebworth 1996occhi bluoldparsifalpaw patrol - il filmpenguin bloomper luciopeter rabbit 2 - un birbante in fugapigqui rido ioquo vadis, aida?reflectionrespectritorno in apnearoom 9salvatore - il calzolaio dei sognischumachershang-chi e la leggenda dei dieci anelli
 NEW
shepherdsibyl - labirinti di donnasnake eyes: g.i. joe - le originispace jam - new legendsspin time, che fatica la democrazia!state a casasulla giostrasupernova (2021)the archthe book of visionthe boy behind the doorthe ghosts of borley rectorythe green knight
 NEW
the last duelthe manor (2021)the nest (2021)the night house - la casa oscurathe protege'the sparks brothersthe suicide squad - missione suicidathe voyeursthey talktigerstitanetoothfairy 3tre pianiultima notte a sohouna relazioneuno di noiunplanned - la storia vera di abby johnson
 NEW
venom - la furia di carnagevolami viawelcome venice
 NEW
yara

1021985 commenti su 46457 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net