Recensione l'age d'or regia di Luis Buñuel Francia 1930
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione l'age d'or (1930)

Voto Visitatori:   8,76 / 10 (33 voti)8,76Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film L'AGE D'OR

Immagine tratta dal film L'AGE D'OR

Immagine tratta dal film L'AGE D'OR

Immagine tratta dal film L'AGE D'OR

Immagine tratta dal film L'AGE D'OR
 

"Eppure, mi è rimasto qualcosa per tutta la vita del mio passaggio – poco più di tre anni – nelle file esaltate e disordinate del Surrealismo. Quello che mi è rimasto, è innanzitutto quel libero accesso alle profondità dell'essere, riconosciuto e desiderato, quell'appello all'irrazionale, all'oscurità, a tutti gli impulsi che vengono dal nostro io profondo".
[...]
"Il cinema è lo strumento migliore per esprimere il mondo dei sogni, dell'emozioni, dell'istinto".
(Buñuel, Dei miei sospiri estremi.)

Dopo l'uscita di "Un chien andalou", Luis Buñuel diventò molto conosciuto nell'ambiente culturale delle avanguardie europee, ed entrò a far parte del gruppo dei surrealisti insieme a Salvador Dalì.
Per lui fu un'adesione piena e militante allo spirito etico del gruppo e non un trampolino di lancio per mire personalistiche, come fu per Dalì, per cui non pensò di sfruttare l'improvviso clamore intorno al suo nome per tentare la fortuna nell'ambiente ufficiale del cinema. Quello che voleva fare era continuare con il filone surrealista, portare avanti il suo intento di demistificare la natura umana e svelarne la vera essenza.

La difficoltà più grossa era quella di trovare i mezzi per realizzare le opere anticonvenzionali che aveva in testa, visto che era impensabile per Buñuel chiedere altri soldi a sua madre. Si fece allora avanti il Visconte di Noailles, che sborsò senza battere ciglio tutti i soldi necessari alla realizzazione di un nuovo film, dando a Buñuel completa libertà di azione.
Guardando quello che ne è venuto fuori, ci si meraviglia di questa generosità da parte di un rappresentante di una classe (quella aristocratico-borghese) così pesantemente criticata e quasi dileggiata nel film. Questo però è anche il controsenso di tutta l'arte avanguardistica del XX secolo, trattandosi soprattutto di arte fatta da borghesi che si vergognavano di essere borghesi, o meglio da borghesi che aspiravano ad essere qualcosa di diverso e opposto a quello che erano.

Per la sceneggiatura Buñuel provò ancora a collaborare a quattro mani con Salvador Dalì, ma stavolta fra i due non c'era più la perfetta intesa di una volta. Buñuel allora fece in pratica tutto da solo conservando solo qualche spunto suggeritogli da Dalì (come ad esempio la scena della persona che passeggia con una pietra in testa). Il film uscì in un unico cinema di Parigi nel dicembre del 1930 e fu uno dei primissimi film europei a utilizzare il sonoro. Anche stavolta il titolo è casuale e non c'entra nulla con la storia: "L'age d'or" ("L'età dell'oro"). Come in "Un chien andalou", si tratta più che altro di una storia simbolica (i personaggi non hanno nome né cognome), slegata da regole di unità di azione, luogo o tempo. Si concede però più tempo alla storia, con una cura maggiore nella rappresentazione e nello svolgimento delle scene, tanto da sembrare a volte un film di impianto "classico", anche se non mancano le trovate surreali e gli accostamenti simbolici. L'intento è sempre quello di svelare la natura torbida e irrazionale degli istinti umani, soprattutto quelli sessuali. In più si aggiungono temi politici e sociali più legati all'attualità dell'epoca (anticlericalismo, lotta di classe, ipocrisia e insensibilità dei ceti più ricchi). La novità stilistica di questo film è però l'uso del mezzo preferito dai surrealisti per diffondere le proprie idee, cioè lo scandalo. E lo scandalo prodotto da questo film sarà così clamoroso che sarà tolto dalla visione pubblica per 50 anni.

Il film si apre con un prologo in cui si descrive la vita degli scorpioni, a mo' di documentario scientifico. Stilisticamente serve per mostrare come anche la natura sia "cattiva", diversa dall'idea buonista che solitamente ce ne facciamo.
La scena seguente è ambientata su alcune scogliere marine, dove quattro vescovi in pompa magna salmodiano una messa. Un contrabbandiere in male arnese li vede e cerca di svegliare i suoi compagni per impedire l'arrivo dei "Maiorchini" (simbolo della buona società borghese). Tentativo che evidentemente va a vuoto, visto che sulle scogliere approdano barche piene di gente elegante, autorità, religiosi, soldati (la "crema" della società). La cerimonia che si apprestano a svolgere viene però interrotta dalle grida di piacere di una donna, che insieme ad un uomo si sta rotolando nel fango. La gente scandalizzata li separa e li porta via.
Il resto del film racconta i tentativi dei due amanti (interpretati da Gaston Modot e Lia Lys) di portare finalmente a termine l'amplesso, sia mentalmente che fisicamente. La storia avrà però un esito a sorpresa...
Il film si conclude con una delle scene più blasfeme mai girate, con l'accostamento simbolico dell'iconografia di Gesù con la figura del Duca di Blangis, l'abietto e depravato protagonista delle "120 Giornate di Sodoma" di Sade.

Come detto, regna in tutto il film l'idea che l'amore non è assolutamente romanticheria o sentimentalismo, ma desiderio fisico e sessuale, con risvolti a volte torbidi. Abbondano ad esempio le allusioni alla masturbazione: cartelloni pubblicitari con donne in estasi seguiti da immagini di dita, Lia Lys che appare in una scena con il dito fasciato, una vacca che giace sul suo letto. In un'altra inquadratura Gaston Modot si avvicina alla macchina da presa fino a farsi inquadrare in primissimo piano il bottone che chiude la patta dei pantaloni. Ma la scena più famosa rimane quella in cui Lia Lys, momentaneamente abbandonata dal suo amante, si sfoga succhiando a mo' di fellatio il dito alluce di una statua. La sorpresa finale fa capire che è la donna quella che mena le danze e che tiene in pugno la libido maschile (tema ripreso in "Quell'oscuro oggetto del desiderio").

Altro elemento portante è la satira dell'alta società e della retorica politica dell'epoca.
Nel salone sfarzoso dove si ritrova la grande società per una festa si fa transitare un carro agricolo (per mostrare il contrasto economico fra le classi). Gli ospiti assistono quasi indifferenti ad un incendio nelle cucine o addirittura al guardiacaccia che uccide il proprio figlio. In altre scene si prende in giro la retorica politica dei concetti di patria, onore e famiglia, con il Ministro degli Interni che si suicida cadendo sul soffitto.
Ma la scena che fece più scalpore fu quella già citata dell'accostamento Gesù/Duca di Blagis. C'è da dire che Buñuel non intendeva attaccare la figura storica di Gesù ma l'istituzione che ne utilizza l'immagine come proprio simbolo (cioè la Chiesa Cristiana) e quasi sempre in maniera falsa e convenzionale (in un altro suo film Buñuel rappresentò Gesù che ride).
L'ultima inquadratura del film, con una croce da cui pendono capigliature e barbe, ci fa capire che voleva alludere a tutte le guerre e le esecuzioni a morte avvenute in nome della religione cristiana.
Si tratta comunque di una scena che anche oggi scatenerebbe polemiche a non finire; figurarsi nel 1930... Dopo solo sei giorni, il cinema in cui il film era in programmazione fu assalito da un gruppo di militanti di estrema destra e completamente distrutto. Fu l'occasione che il prefetto aspettava per vietare la proiezione pubblica del film, il quale rimarrà proibito fino al 1980.

"L'Age d'Or" ha rappresentato in pratica l'inizio e la fine del cinema surrealista. Nessuno provò a continuare sulla strada indicata da Buñuel, visto che la società dell'epoca non era pronta a recepire un messaggio così forte e rivoluzionario. Buñuel stesso pagò cara questa sua scelta, restando fuori dal grande cinema fino agli anni '60. Non si pentì però mai e seguitò con modestia, onestà e coerenza la sua missione etica di mostrare le verità scomode e nascoste del nostro mondo umano.

Commenta la recensione di L'AGE D'OR sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di amterme63 - aggiornata al 20/01/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

(im)perfetti criminalia declaration of loveacque profonde (2022)after loveagainst the iceali & ava - storia di un incontroaline - la voce dell'amorealtrimenti ci arrabbiamo (2022)ambulanceamerica latinaamma's way - un abbraccio al mondoananda (2022)anima bellaanimali fantastici: i segreti di silenteapollo 10 e mezzoarthur rambo - il blogger maledettoassassinio sul nilo (2022)atlantis (2019)bad roads - le strade del donbassbe my voicebeautiful mindsbelfastbella ciao - per la liberta'belli ciaobig bugbla bla babybocche inutilibrotherhood (2021)calcinculocaliforniecaveman - il gigante nascostoc'era una volta il criminecitta' novecentoclean (2020)c'mon c'moncorro da tecriminali si diventacyranodakotadarklingdio e' in pausa pranzodoctor strange nel multiverso della folliadownfall: il caso boeingdownton abbey 2: una nuova erae' andato tutto benee buonanotteennio: the maestrofellini e l'ombrafemminile singolarefinale a sorpresa - official competitionfleefragilefresh (2022)full time - al cento per centofurioza
 NEW
generazione low costghiacciogiovanna, storie di una vocegiulia - una selvaggia voglia di liberta'gli amori di anaisgli amori di suzanna andlergli anni belligli idoli delle donnegli occhi di tammy fayegli stati uniti contro billie holidaygold (2022)
 NEW
hope (2019)hopper e il tempio perdutohotel transylvania 4 - uno scambio mostruosoi cassamortarii cieli di alicei segni del cuoreil discorso perfettoil filo invisibileil legionarioil lupo e il leoneil male non esisteil mondo a scattiil muto di gallurail naso o la cospirazione degli anticonformistiil palazzoil peggior lavoro della mia vitail ritratto del ducail sesso degli angeliil tempo rimastoil truffatore di tinder
 NEW
io e lulu'io lo so chi sieteio restoio sono veraitalia. il fuoco, la cenerejackass foreverjimmy savile: a british horror storyking - un cucciolo da salvarekoza nostra
 NEW
kurdbun - essere curdola cena delle spiela cena perfettala crociatala donna per mela fantastica signora maisel - stagione 4la fiera delle illusioni - nightmare alleyla figlia oscurala grande guerra del salentola macchina delle immagini di alfredo c.la notte piu' lunga dell'annola nuova scuola genovesela promessa: il prezzo del poterela scuola degli animali magicila tana (2021)l'accusal'altro buio in salalamb
 NEW
l'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizionelaurent garnier: off the recordleonardo - il capolavoro perdutoleonora addiolet's kiss - franco grillini storia di una rivoluzione gentilelicorice pizza
 NEW
l'incendiaria (2022)lizzy e red - amici per semprel'ombra del giornoluigi proietti detto gigil'ultimo giorno sulla terralunana - il villaggio alla fine del mondomancino naturalemarry me - sposamimartin luther king vs fbimatrix resurrectionsme contro te: il film - persi nel tempomemory boxmistero a saint-tropezmoonfallmorbius
 NEW
navalnyno exitnoi duenotre-dame in fiammeocchiali neri
 NEW
only the animals - storie di spiriti amantiopen arms - la legge del mareour fatherparigi, 13 arr.parigi, tutto in una notteperdutamente (2021)petrov’s flupiccolo corpopopower of romequando hitler rubo' il coniglio rosaquel giorno tu sarairadiograph of a familyred rocketreflectionsarura - the future is an unknown placescream (2022)seance - piccoli omicidi tra amiche
 NEW
secret team 355sempre piu' bellosenza fine (2021)settembre (2022)sonic 2 - il filmspencerstoria di mia mogliestrawberry mansionstringimi fortesul sentiero blusulle nuvolesundowntakeawaytapirulanthe adam projectthe alpinistthe batmanthe bunker gamethe contractor (2022)the king's man - le originithe last rave - a free party storythe lost city (2022)the northmanthe tender barthe tragedy of macbeththe wall of shadowsthey live in the greytintoretto - l'artista che uccise la pitturatra due mondi (2021)tromperie - ingannotroppo cattivitrue motherstutankhamon. l'ultima mostraun altro mondo (2021)un eroeun figlioun mondo in piu'una famiglia vincente - king richarduna femminauna madre, una figliauna squadrauna storia d'amore e di desideriouna vita in fugaunchartedunderwater - federica pellegrini
 NEW
unwelcomevecchie canaglievesuvio - ovvero: come hanno imparato a vivere in mezzo ai vulcanivetrovoyage of time - il cammino della vitawindfallwyrmwood: apocalypsex (2022)you won't be alone

1029276 commenti su 47618 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

IL RAGAZZO DEL MARELIES MY FATHER TOLD ME

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net