the whale regia di Darren Aronofsky USA 2022
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the whale (2022)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film THE WHALE

Titolo Originale: THE WHALE

RegiaDarren Aronofsky

InterpretiBrendan Fraser, Sadie Sink, Hong Chau, Ty Simpkins, Samantha Morton, Sathya Sridharan, Jacey Sink, Wilhelm Schalaudek

Durata: h 1.57
NazionalitàUSA 2022
Generecommedia drammatica
Al cinema nel Febbraio 2023

•  Altri film di Darren Aronofsky

Trama del film The whale

Charlie Ŕ un professore d'inglese che soffre di grave obesitÓ e tenta di riallacciare i rapporti con la figlia adolescente, che si Ŕ allontanata da lui, per cercare un'ultima possibilitÓ di riscatto.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,06 / 10 (43 voti)7,06Grafico
Miglior attore protagonista (Brendan Fraser)Miglior trucco e acconciatura (Adrien Morot, Judy Chin, Anne Marie Bradley)
VINCITORE DI 2 PREMI OSCAR:
Miglior attore protagonista (Brendan Fraser), Miglior trucco e acconciatura (Adrien Morot, Judy Chin, Anne Marie Bradley)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The whale, 43 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Cinder  @  01/03/2024 21:26:55
   10 / 10
Bellissimo film.

pernice89  @  07/02/2024 10:45:33
   9 / 10
A me questo film è piaciuto veramente tanto. Non sono esperta dei tecnicismi, ma Brendan Fraser è stato superlativo, così come la giovane Sadie Sink, ma un plauso corale va a tutto il cast. Così come la trama: a mio parere non cerca di strapparti una lacrima facile a tutti i costi, pur essendo spesso commovente. Complimenti a Darren Aronofsky per la realizzazione. Questo è uno di quei film che DEVE essere visto. Davvero, davvero notevole.

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  28/01/2024 16:03:51
   8 / 10
Assolutamente allineato al voto di Satyr qui sotto: visto a mente fredda, lontano dalle polemiche idiote e dal gigantesco e fatto carnevale degli Oscar, The Whale si conferma un film bellissimo, e senza dubbio uno dei migliori di Aronofsky.

Il personaggio di Charlie è meraviglioso, e Brendan Fraser è magnifico in ogni sua espressione, dimostrando di essere ancora quell'attore intenso ammirato ai tempi di Demoni e dei e poi persosi un po' per strada, tra scelte di casting banali (mummia e roba Disney) e torti e traumi personali. Ma non sono da meno gli strepitosi comprimari, tutti quanti, nessuno escluso: raramente ho visto un cast corale così affiatato in ruoli così complessi. E che bello ritrovare Samantha Morto, caratterista archiviata troppo velocemente.

Dopodiché mi si dirà che The whale è ricattatorio. Lo è, un po'; ma lo è immensamente meno sia di Voglia di tenerezza che del romanzo Una vita come tante, che sono incredibilmente più paraculi. La sceneggiatura di The Whale punta forte sulla commozione dello spettatore ma lo fa in modo franco, aperto, con un personaggio credibile e onesto, nel cui dolore non è difficile immedesimarsi: ed è questo che provoca la lacrima (per inciso: credo di non aver mai pianto tanto in tutta la mia vita, guardando un film). Ed è una lacrima liberatoria, che ti fa star bene e che, a saperla ascoltare, ti migliora pure come essere umano.

Splendidi poi i vari parallelismi di cui il film è pieno (su tutti, quello con Moby Dick) ed il bellissimo finale, in pieno stile Aronofsky.


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  25/01/2024 22:52:04
   8 / 10
Una foto recente di Fraser e la Sink mi ha ricordato che avevo malamente snobbato questa pellicola. Ed ecco che invece ritrovo finalmente l'Aronofsky che amo con vibes neanche troppo velate dal suo capolavoro, ovvero da The Wrestler.
Premessa: è un film ricattatorio fino al midollo e scritto per inchiodare lo spettatore al divano, ma nonostante questo non posso dire di non averlo amato, con tutto il carico emotivo della performace di Fraser che colpisce duro si dalla prima immagine. Pieno di simbolismi, girato magnificamente nonostante la presenza di una singola location, interpretato alla grande da tutto il cast presente in scena (la fuoriclasse vera in Stranger Things è Sadie Sink altro che la Brown) e impreziosito da un finale che è un autocitarsi da parte del regista, con gli ultimi magnifici 60 secondi che per me han rappresentato un ponte emotivo con il già citato The Wrestler e Il Cigno Nero.
Dispiace per chi non ha apprezzato, io sicuramente difetto della giuste dose di cinismo (e meno male aggiungerei).

felym  @  26/12/2023 00:58:54
   4½ / 10
Bravo l'attore principale, carina la storia. Gli altri personaggi ridicoli e la sceneggiatura superficiale.
Deluso.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  03/12/2023 23:32:41
   7 / 10
Girato tutto in uno spazio limitato e con un essere enorme al centro che "riempe" la casa con il suo grasso, con il suo essere la "balena bianca" del famoso romanzo di Herman Melville.

Questo parallelismo che si intravede durante tutto il film diventa l'apice del finale, forte ed emozionante, che solleva il voto del film perche lo riempie di una luce nuova.

Nel frattempo nel mezzo troviamo tanti dialoghi sulla fede, sulla scienza e sul rapporto Padre/figlia da ricostruire.
Tecnicamente non ho visto molto la mano di Aronofsky, questo è certo. Vedendo il film senza sapere nulla mai avrei pensato fosse lui dietro la macchina da presa. Anche perche affronta in modo diverso dal solito anche il tema della fede, apparendo un po' piu' agnostico del solito.

Un bel film, dialoghi brillanti, protagonista sorprendente, soprattutto perche stiamo parlando forse di un Ex attore.
Da vedere.

Noodles71  @  02/09/2023 06:56:30
   7 / 10
Profonda tristezza Ŕ quello che ho provato nel vedere l'ultimo film di Darren Aronofsky seguendo il lento scorrere

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER. La ricerca di una redenzione nei confronti della figlia abbandonata quando aveva otto anni per un amore proibito, il legame con la sua amica infermiera "Liz", "Thomas" il ragazzo missionario della "New Life", la visita dell'ex moglie "Mary" elementi che compongono questo dramma che si svolge interamente all'interno dell'appartamento in cui vive il remissivo protagonista che vuole espiare la colpa di aver perso la persona amata conscio di esserne stata la causa e mangiare per morire. Tratto dall'omonima opera teatrale che Aronofsky riporta sul grande schermo con un cast che risulta pienamente convincente, Brendan Fraser su tutti ma anche la giovane Sadie Sink lanciata da "Stranger Things" riesce a caratterizzare benissimo la figlia ostile e rancorosa. Bellissimo finale tipicamente Aronofskyano con le parole della tesina su "Moby Dick".

2 risposte al commento
Ultima risposta 05/12/2023 13.56.22
Visualizza / Rispondi al commento
DankoCardi  @  25/08/2023 13:00:11
   6 / 10
Il film dell'anno 2022...non mi ha entusiasmato più di tanto. La prova che di solito le pellicole tanto osannate da pubblico e critica e ricoperte di premi in realtà siano sopravvalutate. La storia parla di un problema alquanto sentito in America quale l'obesità ma va da se in diverse scene pare di stare ad assistere nulla più che ad una puntata del programma "Vite al limite". Poi il fulcro del film ovvero il tentativo di ricucire il rapporto tra il protagonista e la figlia (personaggio odiosissimo la cui cattiveria non pare giustificata dalla disastrata situazione familiare da cui proviene) può benissimo risultare avulso dal discorso dell'obesità nel senso che sembrano due contesti diversi messi insieme a forza. I dialoghi sono buoni ma tutt'altro che elaborati ed eccelsi...e da una piece teatrale mi aspettavo qualcosa in più. La sceneggiatura scivola nel retorico laddove cerca per forza il drammatico ed il patetico con situazioni fine a se stesse, come il personaggio del ragazzo delle pizze che sbircia il "fenomeno da baraccone" nemmeno avesse saputo fin dall'inizio come era in realtà. Anche il finale simbolico l'ho trovato stridente con tutto l'iper realismo della storia. Meritato l'oscar per i trucchi, un pò meno quello a Brendan Fraser che comunque ha dato una buona prova e sono contento se si riprende come attore dopo i problemi che ha avuto. Insomma un film scorrevole e certo non privo di momenti toccanti, che si lascia guardare tranquillamente ma che immediatamente dopo si archivia.
Curiosità: Nel film "Demoni e dei" del 1998 incentrato sulla vita del regista James...Whale (prima coincidenza) c'è una scena in cui Brendan Fraser (seconda coincidenza) viene scandalizzato dai racconti homosessuali di Ian Mckellen; qui c'è una sequenza molto simile (terza coincidenza) ma stavolta è Fraser a scandalizzare un altro.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  04/08/2023 16:57:19
   7 / 10
Aronofsky firma un buon film claustrofobico, con un ottimo Fraser (notevole anche il trucco), che poggia su una solida sceneggiatura.

antoeboli  @  27/07/2023 12:43:36
   7 / 10
Specchio attuale di una società americana, che è da anni alle prese con persone da problemi di obesità. The whale segna il ritorno da protagonista di Brendan Fraser, dopo anni in piccoli ruoli e momenti in cui ci siamo chiesti che fine avesse fatto?

Dopo averci regalato i film sulla Mummia e altri personaggi sempre però di carattere avventuroso per ragazzi, the whale è senza dubbio il suo ruolo della vita.
Il personaggio di Charlie, un professore obeso, solitario che tiene lezioni online, con quella vergogna di farsi vedere in giro, per non scoprire la reaction delle altre persone. Tra piccoli momenti della vita quotidiana fatti di problemi anche solo per chinare e raccogliere un oggetto. il dover accettarsi per quello che si è, con un destino che ti pare incombente.
Gia dopo i primi 15 minuti si capisce dove la trama vuole andare a parare, e il film è girato da Aronofski con la solita cura, marcata da simbolismi e metafore tra Charlie e la balena che fa da titolo alla pellicola.
Il film ha il merito di essere anche girato tutto all'interno dell'abitazione del nostro protagonista, e di regalarci in queste quasi due orette, diversi momenti emozionanti e anche farci del male interiore. E' un film che ovviamente tende a scuotere le nostre anime, e a pensare quanto siamo fortunati a riuscire a risolvere anche le piccole cose della vita.
Oltre a Fraser, va citato il personaggio di Hong Chau, che forse avrebbe meritato piu della Curtis quel premio oscar. Con questo ruolo di badante burbera, quasi una seconda mamma per Charlie.
Tra le cose meno piaciute, il personaggio della figlia, interpretato dall'attrice di Maxine in Stranger things, a cui fanno fare sempre questo ruolo da ragazza agitata e che non si discosta molto da quello della serie Netflix come interpretazione.

stratoZ  @  03/07/2023 16:14:58
   7 / 10
ATTENZIONE POSSIBILI SPOILER

Il ritorno di Aronovsky dopo un lieve calo qualitativo - forse con Noah è ben più che lieve - ma soprattutto il grande ritorno di Fraser dopo un decennio di oblio.

L'ho apprezzato ma con riserva, non che sia un brutto film, mi ha pure emozionato in certi momenti, è che personalmente mi hanno stancato le storie eccessivamente fataliste, dramma su dramma dove qualsiasi cosa può andare male, andrà inevitabilmente male, e anche il grande sacrificio, la liberazione dalla sofferenza data soprattutto da un grande atto di altruismo, mi ha causato un leggero prurito per la retorica di fondo, come me lo ha causato la sottotrama stessa del ragazzo della setta religiosa che fa porta a porta, un po' ridondante, un po' fine a se stessa - ad Aronovsky piace tirare in ballo la religione, si sà -

Per fortuna però i difetti finiscono qui, per il resto ci sono tanti elementi che mi convincono a dare un voto ben sopra la sufficienza, a partire ovviamente dalla sofferta e sgozzata interpretazione di Fraser, arrivando ad una regia che riesce a rendere scorrevole anche un film ambientato in una stanza, e tutto sommato, anche la forte empatia che in molti momenti riesce a trasmettere. Empatia e oppressione, il corpo del protagonista sembra una prigione più che una zavorra, una prigione dentro la quale sa che è destinato a morire e vuole a tutti i costi cercare di fare - almeno - una cosa buona nella vita, ed è qui il punto di contatto più vicino allo spettatore, non tanto nella sofferenza fisica, quanto in quella mentale, nel senso di colpa e nell'oppressione, ma anche nel tormento e nella paura di non riuscire a farcela perché si hanno le ore contate. L'uomo balena è già all'inferno.

Jumpy  @  02/07/2023 11:29:55
   7 / 10
Si basa sostanzialmente per un buon 80-90% sull'interpretazione, davvero di alto livello, di Fraser, l'Oscar ci sta tutto, ma per il resto anch'io l'ho trovato eccessivamente caricato e marcatamente melodrammatico e strappalacrime.
Pesante, ma non per il dramma personale del protagonista (come in The Father, nettamente superiore), nel senso che ho fatto fatica ad arrivare alla fine (e mi capita molto raramente).

gabry87  @  22/05/2023 11:48:37
   10 / 10
Visto alla prima in sala cosa dire un film coinvolgente e stupendo che tocca la sensibilitÓ dell'essere umano, mi ha coinvolto da subito un interpretazione da oscar per Brendan Fraser, uno dei migliori film degli ultimi anni

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Invia una mail all'autore del commento Schuldiner  @  17/05/2023 20:23:08
   5 / 10
Ad essere sincero questo film non mi ha trasmesso quasi nulla, ambientato sostanzialmente in una stanza di una casa.

Kyo_Kusanagi  @  07/05/2023 11:41:50
   8 / 10
Film confezionato apposta per provocare emozioni...e ci riesce! in molti momenti è difficile trattenere le lacrime (gli ultimi minuti sono devastanti emotivamente parlando) ,ben diretto , dal taglio teatrale visto l'unico ambiente dove si svolge la storia ,pensato per valorizzare le interpretazioni e dei dialoghi , e in questo Brendan Fraser ci regala la sua migliore interpretazione e l'oscar è strameritato. Toccante, angosciante certe volte , struggente, una storia umana , la storia di un uomo buono che non è mai riuscito a fare quello che voleva e l'unica volta che l'ha fatto le cose non gli sono andate bene. Una storia che usa il pretesto dell'obesità del protagonista per raccontarti invece tutt'altro dramma. Un film complesso ma messo in scena molto ma molto bene. Impossibile restare indiffenti dopo la visione, è un pugno allo stomaco, difficile da digerire... personalmente mi sono sentito svuotato ed è stato così per diverse ore dopo la visione.
La frase : Non hai l'impressione che a volte le persone siano incapaci di non amare?

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Signor Wolf  @  06/05/2023 11:14:54
   7½ / 10
Che sia un bel film non c'e' dubbio, Aronowsky diventa piu convincente ad ogni film che fa, sta volta sia lui che il suo direttore della fotografia hanno fatto fatto un ottimo utilizzo della luce per tutto il tempo, scelta azzeccatissima. Complimenti anche alla scenggiatura, in un contesto stantio e' sempre piu raro trovare in america un film che non si perda in politica o in cliche'.
peccato solo per l'overdrama degli ultimi 15 minuti, talmente costruito a tavolino da togliere ogni coinvolgimento.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR wicker  @  30/04/2023 20:28:28
   6½ / 10
Bravo Fraser ma al di là di questo non mi è sembrato un film troppo originale o particolarmente fatto bene da meritare troppi elogi che non vadano oltre a premiare una retorica buonista anti nerd ..
Comunque decente e tranquillamente guardabile .

BlueBlaster  @  28/04/2023 16:27:49
   6½ / 10
Il classico film strappalacrime e strappa-premi...
Sinceramente a me, tranne nel finale, non ha fatto provare particolare empatia o tristezza a differenza della mia compagna che è stata colpita.
Molto bravo Fraser in questo difficile ruolo.
Nel suo genere è un buon film ma in tutta sincerità è anche parecchio "paracul.o" e telefonato.

Norgoth  @  25/04/2023 16:53:33
   6½ / 10
Film confusionario a livello di trama, mal amalgamata e con elementi che non c'entrano nulla l'uno con l'altro, messi alla rinfusa, incoerenti e quindi poi poco interessanti.
Solo il finale è notevole, incisivo e triste.
Interpretazione ottima di Fraser che sorregge un po' tutta la baracca, sembrava uscito da "Vite al Limite" anche solo per gli atteggiamenti che aveva (oltre che per il lato estetico, che in alcune inquadrature è molto riuscito, altre meno).
Anche le altre interpretazioni sono buone.
Nulla di indimenticabile.

matt_995  @  25/04/2023 11:00:35
   5½ / 10
Delusione. Parole parole parole e poco cinema.
Raramente digerisco le pièce teatrali riportate paro paro al cinema, mortificando di fatto il linguaggio cinematografico con l'impostazione da palcoscenico. Se si aggiunge poi qualche ingenuità naif qua e là (la lettura del tema che cura gli infarti), il personaggio della figlia che dovrebbe ispirare il cambiamento del protagonista ma in verità risulta essere solo eccessivamente sgradevole e respingente (non aiuta l'interpretazione mediocre della Sink) e un tono ricattatorio generale volto a farti lacrimare gli occhi ogni due per tre, il film risulta una mezza delusione. Che fine ha fatto il vero Aronofsky? Lo becchiamo giusto in qualche punto in cui ci ricorda il vero cinema che è in grado di realizzare:


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Per il resto, Fraser, nascosto sotto chili di trucco prostetico, bene ma non benissimo (Ormai l'oscar lo assegnano per la storia dietro un attore, non per l'interpretazione in sé: vedi Ke Huy Quan). Molto meglio Hong Chau e Samantha Morton.

Mauro@Lanari  @  22/04/2023 21:44:11
   3½ / 10
Pièce teatrale ricattatoria e manipolativa, ulteriormente appesantita da un quintale di prostetica e ancor più spiritualmente malata di "The Fountain" (2006). Altra vaccata della coppia Aronofsky e A24.
Voti su cineforum.it: Bocchi 2 (su 5), Borroni 2, Chimento 3, Gandini 2, Lastrucci 3, Manassero 2, Martini 1, Pedroni 2, Rossi 2, Ruzzier 5, Soranna 3, Uccelli 2

BigHatLogan91  @  21/04/2023 01:14:08
   7½ / 10
Buon film, con ottime interpretazioni. Soffre un po' la trasposizione dal teatro al cinema.

AMERICANFREE  @  17/04/2023 18:15:38
   7½ / 10
Mi ha commosso molto questo film. Brendan Fraser strepitoso nella recitazione, oscar meritato. Bello il finale.

Goldust  @  11/04/2023 17:35:37
   6½ / 10
Il cinema di Aronofsky è sempre stato coraggioso, glielo riconosco, anche se non sempre a mio parere è riuscito a sfornare film completamente risolti. Come già sperimentato in "The wrestler" con "The whale" ritorna sul tema dell'eccesso e della morte come punto d'arrivo e glorifica il suo interprete, un bravissimo e redivivo Brendan Fraser, su cui adagia l'intero peso di un film a tratti anche sgradevole. Ne esce un racconto abbastanza sincero nelle intenzioni ma che si fa ineluttabilmente ridondante nella sua ripetitività ( due ore di film ambientate in una stanza non sono proprio uno scherzo ) e sguaiato nel disegno del personaggio della figlia aggressiva( una Sadie Sink che sembra reinterpretare con più ardore ma senza sfaccettature apprezzabili la sua Max di "Stranger Things"). Alla fine i pregi superano i difetti ed il saldo è positivo, ma tolto l'encomiabile lavoro di Fraser non vi è quasi nulla che mi farà ricordare questa pellicola.

benzo24  @  09/04/2023 17:43:08
   1 / 10
Uno dei film più brutti del 2022, disgustoso più dei loro protagonisti nel cercare di commuovere a tutti i costi con i soliti banali espedienti narrativi del pathos senza alcuna logica

7219415  @  07/04/2023 19:36:00
   8 / 10
Gran bel film, girato tutto all'interno di 4 mura.

TheLegend  @  05/04/2023 15:56:06
   6½ / 10
Adoro questo regista ma questo film è tra i suoi meno riusciti a mio parere.

Misialory  @  19/03/2023 20:30:52
   7½ / 10
Claustrofobia, è quella che si prova guardando il film, che rappresenta tutto quello che sfuggiamo nelle nostre vite: il peggior inferno è stare chiusi in un mediocre appartamento nella costante penobra, schiavi di un corpo deforme che detestiamo e che ci vergogniamo di mostrare al mondo.
Su quel divano c'è un uomo obeso, malato, sconfitto dagli eventi a cui rimane un unico scopo: dare alla figlia un futuro meno incerto.
Intorno a lui si muovovo gli altri personaggi come nel palco di un teatro (infatti è proprio tratto da un piece teatrale), lui è al centro e lo spettatore lo deve costantemente guardare, provando pietà e ansia crescenti.
Oscar meritato per il protagonista, che ha interpretato un personaggio scomodo, perdente con una grande umanità.

Oskarsson88  @  16/03/2023 15:04:13
   7½ / 10
Parte a mille con qualche gag in mezzo al dramma per poi appiattirsi un po' e rimanere sulla storia drammatica dell'obeso e il rapporto con una serie di personaggi, in primo luogo la figlia. Tema poco raccontato nel cinema, bel lavoro del regista, non semplice girare un film praticamente senza spazi esterni...

goophex  @  14/03/2023 22:41:27
   7½ / 10
Il film merita quasi esclusivamente per la grande interpretazione di Fraser e del cast che gli ruota attorno a partire dalla bravissima (seppur giovanissima) Sadie Sink.
La trama è quella che ti aspetti, il personaggio non ha nulla da nascondere ma molto da raccontare, sopratutto a chi almeno una volta nella vita si è sentito schiacciato ed impotente.
Finale in pieno stile Aronofsky.

topsecret  @  13/03/2023 14:18:33
   8 / 10
La forza emozionale che trasmette questo film è piuttosto evidente ma forse non alla portata di tutti.
Una storia di grande presa, visivamente ed emotivamente impattante, diretta e interpretata al meglio (meritato, a mio avviso, l'oscar a Fraser), dotata di critica sociale ma anche di speranza, toccando vari temi in maniera lucida e quanto più sinceramente possibile, per quelle che sono le dinamiche cinematografiche.
Un prodotto davvero valido che coinvolge e fa riflettere.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  13/03/2023 09:51:32
   7½ / 10
Occorre dividere il devastante patrimonio emotivo che lascia questo film dalla sua effettiva riuscita artistica, che è forse in parte nella scelta stilistica (un camerismo da docu-fiction o piece teatrale) e in parte nello script. Premesso che Anorofsky gioca qui di sottrazione minimale rispetto al suo Cinema visionario, ma il magma verbale dei dialoghi (stupendi anche quando fin troppo necessari!) è tutt'altro che sobrio. La metafora del Moby Dick di Melville sfocia nella Spiritualità facendo dell'agnostico Charlie una sorta di Cristo in croce che attende di terminare la sua ultima ora. In questo senso il film acuisce per fortuna e senza grandi spiegazioni sulla Fede la Morte attraverso la rimozione sociale del suo Tabù. Oltretutto è proprio Charlie a raccontarci, senza opuscoli e imbonitori, che occorre credere nelle possibilità delle persone e coglierne il lato positivo che possa dare un significato alla vita (degli altri, se non la sua). E qui avanzo le mie riserve perché un uomo malato con un corpo di 300 kg., un cyborg moderno "che non si fa vedere" dovrebbe essere giustamente incarognito e violento, dovrebbe odiare l'intera umanità anche senza portare a conoscenza il pensiero umano celato da ogni individuo del nostro tempo. Che so dovrebbe rompere tutta la casa, bestemmiare, insultare e picchiare la sua infermiera, ferire con le parole e non curare con queste. In pratica, non mi va giù questo buonismo vagamente Messianico e profetico, avrei voluto proprio che Charlie fosse quel che avrebbe dovuto essere nelle sue condizioni, una disperata carogna. Ma nella rappresentazione di un corpo quasi in fin di vita - e qui non andrebbe citato il modello-Polansky ma il Wenders di "Nick's movie/lampi nell'acqua" - Aronofsky individua un corpo che ha brama della Verità, e infatti la sequenza più straordinaria, fissa su un'immagine che non ha parole ma sguardi increduli - è l'incontro con il "ragazzo delle pizze" che puntualmente gli consegna la merce. Non è la sola immagine forte di un film che distrugge il cuore, nonostante i suoi difetti, ma la luce che emana, davanti al logorante buio della dimora, è lacerante. Oltre alle pieghe o piaghe dello spirito da soccorrere Vs New Life. Magistrale, ovvio, la prova di Fraser, per una volta doppiato benissimo in Italia. Strepitose anche le prove dei (pochi) comprimari mentre nello stringersi empaticamente verso quest'uomo e la sua ultima "redenzione" ci sentiamo tutti un po' meno soli. E solidali. Magari pure troppo

1 risposta al commento
Ultima risposta 20/03/2023 04.59.03
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  07/03/2023 16:56:56
   8 / 10
Quattro pareti, un via vai dalla terrazza che irrompe nell'appartamento claustrofobico di Charlie, obeso professore di letteratura online. La sua immobilità è l'immobilità dello spettatore, i suoi pochi e faticosi movimenti chiudono lo stomaco, e aprono il suo, il suo Giona inghiottito è il rapporto con la figlia che ha precluso per 8 anni, dovendo scegliere amore per amore. E così, evitando spoiler, il tema della carne piena e vuota (A.) si fa sentire per contrapposizione fino alla fine, per arrivare alla medesima conclusione. Lasciarsi andare, sacrificarsi al dolore. Brendan Fraser recita con il respiro, gli occhi, le lacrime e il sudore, recita nella rappresentazione di uno zoom senza videocamera, di un rettangolo buio in mezzo ai volti delle persone, così come ha deciso la sua esistenza, si sottrae a chiunque, deciso a far scomparire la sua mole per sempre (ancora pieni e vuoti, i corpi, nella morte, nell'amore). Non c'è rivalsa, redenzione, ospedale, riparazione, il cumulo di errori si erge come un macigno e lo ingoia e lui lo ingoia a sua volta tramite il feticcio del cibo. Un film che a che fare con lo stomaco, che ti blocca l'aria nell'esofago, che ti mette a disagio, che è a tutti gli effetti nel campo dell'indigeribile perché le lacrime rimangono strozzate e perenni come un rubinetto che perde. L'immacolata purezza di una stanza è lo scrigno da conservare, è ciò che eravamo, felici, nella totalità della nostra triste storia, almeno per un po'.

Elfo Scuro  @  06/03/2023 13:18:37
   7½ / 10
Probabilmente la sorgente teatrale dello script limita la regia di Aronofsky, che rispetto ad altri lavori si ritrova col freno a mano tirato e meno incline al violento/grottesco. Questo comunque non toglie la bravura nel mettere una storia forte ambientata in un unico luogo, la marcia in più è da parte del cast: Brendan Fraser si riprende quello che gli è stato tolto in tutti questi anni (e per quanto vale dovrebbero dargli l'Oscar) recitando in stato di grazia, Sandie Sink regge il banco egregiamente nel ruolo della figlia e Samatha Morton nel poco minutaggio mostra la sua bravura già risaputa. Sempliciotto a livello emozionale, poco fuori di testa rispetto ai canoni di Aronofsky ma ben livellato a livello d'atmosfera e pathos per tutta la durata. Straziante talvolta e realistico come si deve, merita una visione già solo per l'interpretazione di Brendan.

Boromir  @  05/03/2023 22:22:32
   7½ / 10
Darren Aronofsky è da sempre interessato al racconto dell'uomo che, in punto di morte, brancola nel buio alla ricerca di riscatto. Come in quel gioiello impazzito di mother! ci troviamo dalle parti del kammerspiele, ma le gabbie fisiche e psicologiche che costruiamo intorno a noi attraverso le più incessanti routine sono le stesse di The Wrestler. In The Whale l'obesità e il conseguente disfacimento della carne sono effetti collaterali di un'autodistruttiva dipendenza alimentare generata da rimorso e carenza d'autostima. Un film molto umanista, quasi interlocutorio se paragonato ai lavori precedenti del regista, critico di molte idiosincrasie americane sul piano sanitario e religioso, che dipinge personaggi vividi e calibra al millimetro gli spazi tra quattro mura, le giuste attese, il giusto pathos. Poi c'è l'uso sapiente del 4:3 (che enfatizza claustrofobia degli opachi interni e stazza del protagonista), un cast di draghi in stato di grazia, una storia funzionale a parlare delle nostre ambiguità.
Se proprio si vuole trovare delle sbavature a questo riuscitissimo titolo: la struttura drammaturgica in odore teatrale si ripiega su sé stessa nella parte centrale, forse la bulimia di tematiche e sottotesti è davvero eccessiva e rischia di intaccarne solo la superficie, non sempre la comunque capace Sadie Sink (a man bassa miglior componente del cast giovanissimo di Stranger Things) riesce a reggere il peso di un personaggio non facile. Nulla che comunque non si possa perdonare al risultato finale, che trova la sua dimensione nel corpo prostetico e negli sfumati sguardi di un Brendan Fraser francamente eccezionale. Cinema imperfetto e al contempo di spessore, che merita tutta l'empatia del mondo.

Alebriso  @  05/03/2023 16:24:52
   8 / 10
Claustrofobico, disturbante, doloroso, intenso, un film quasi onomatopeico, in cui i silenzi, i rumori, la lentezza, sono rappresentativi a tal punto da farti sentire nel corpo la pesantezza dell'animo e del fisico del protagonista.
Lo schermo in 4/3 rende la percezione degli spazi ancora più stretta e soffocante, i colori spenti e opachi ti immergono nella prospettiva visiva e emotiva del fragile professore ormai abbandonato alla passività della vita.
Il ritmo narrativo lento e cadenzato fa vivere allo spettatore quel senso di eterna routine vuota, ripetitiva e priva di speranza vitale, che affanna quest'uomo in ogni parte del suo essere.
Una metafora intima sul dolore umano, che si manifesta nelle sue diverse forme, un racconto sul riscatto, che può essere cercato fino all'ultimo sprazzo inaspettato di volontà.
The whale è una trasposizione semantica più teatrale che cinematografica del romanzo di Melville, Moby Dick, che ne è esplicito filo conduttore e forza motrice per l'intera durata del film.
Film duro, cinico, fastidioso, toccante e scuotente.
Fraser meraviglioso, i suoi sguardi raccontano il patire in ogni sua forma altalenante, quel patire che a volte, ad un certo punto, non si ha più la forza di combattere e che appesantisce con zavorre e forme diverse lo spirito di ogni uomo.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Wilding  @  05/03/2023 10:54:39
   7 / 10
Il taglio dato dal regista al film è eccessivamente teatrale a parer mio; una trasposizione cinematografica un minimo di "cinema" lo chiede! Ciò detto... grande storia, grandi interpreti, ottimo film.

Filman  @  04/03/2023 16:03:25
   8 / 10
Ci sono alcune sbarre concettuali che un regista, per quanto barocco e visivamente provocatore, come Darren Aronofsky non può infrangere se ha a che fare con un tipo di film che non glielo permette. Ad esempio se il tipo di film è una trasposizione teatrale, ci si aspetta che la narrazione passi tutta dal montaggio, dalle recitazioni degli attori che entrano ed escono di scena e dalla location mono-ambientale. Se il film è inoltre di stampo drammatico e tratta temi piuttosto sentiti, perché sociali, non può schiodarsi troppo da terra ma deve invece interfacciarsi con lo spettatore.
THE WHALE è in questo senso il film più comune e normale del regista, ma soprattutto è il più terreno ed umano, cosa che può addirittura considerarsi un mezzo difetto se si pensa a quanto ultra-terreno sia capace di essere lo spirito dell'autore. L'opera rimane però un bellissimo dramma umano che tratta l'obesità, argomento tabù, diventandone punto di riferimento per i film futuri pur trattando tale tema collateralmente. Va inoltre menzionata tutta un'altra serie di cose che vengono discusse, proprie del cinema sociale americano, quali: provincia, povertà, sanità, alienazione, repressione sessuale, disagio giovanile e religiosità ingombrante.
L'aspect ratio 4:3, sempre più in voga, appare un'ottima soluzione per far risaltare ciò che è grande e ciò che è piccolo nello schermo.
Il ripudio per la carne, come materia putrescente distrutta dai segni del peccato, è un punto fermo del regista, così come l'idea, scalfita nel cinema contemporaneo, dell'autodistruzione del protagonista, artefice dei suoi stessi mali (qui aperto, tuttavia, al rifiuto del nichilismo).
Il regista non riesce invece a parlare del corpo mortale come gabbia per lo spirito, cosa che di solito fa, portando i suoi personaggi al burnout e liberandosi, più in generale, di qualunque dogma narrativo. Ma nell'ammirevole costanza qualitativa di questo autore, dei cambi di registro non possono essere considerati un male.

Manticora  @  03/03/2023 10:33:39
   8 / 10
Aronofsky ancora una volta si cimenta in un film che partendo da un opera teatrale, la seconda candidata agli oscar quest'anno, affronta ancora una volta il tema dell'ossessione, della dipendenza e soprattutto dei rapporti padre-figlia. Quest'ultima è già vista in the wrestler, da una parte questo incontro-scontro genitore-figlia è un pò l'epigono del precedente film. Ma se lì il personaggio del padre aveva la libertà di scegliere di muoversi nell'ambiente circostante qui Brendan Fraser si è auto-imprigionato nella sua casa, da dove non esce praticamente da anni.
Ho notato delle sbavature nella messa in scena proprio all'interno dell'appartamento, dato che il regista per forza di cose, nei dialoghi-confronto con i personaggi adotta una impostazione TEATRALE che in certi casi vedi Samantha Morton è evidente nella postura del corpo e nell'interazione con gli oggetti.
Comunque è un dettaglio minimo che non compromette la storia. Quest'ultima funziona, forse a tratti è troppo cinema del dolore, ma Aronofsky sà come spostare la prospettiva, andando ad analizzare l'inutilità della RELIGIONE, e rinuncia ad INDUGIARE nel classico schema del personaggio che sprofonda sempre più nella malattia-dipendenza fino a morirne in diretta. Come in requiem for a dream invece l'interazione dei personaggi non parla solo del destino del protagonista, Charlie, ma anche di quelli che gli stanno intorno.
Ellie la figlia adolescente per esempio si vede all'inizio del film che scende dall'autobus. Per poi piombare a casa di Charlie, in un confronto-scontro che metterà tutto in discussione. La ragazzina di Stranger Things (Max docet) qui dimostra capacità attoriali non indifferenti, che fanno impallidire la penosa deriva della serie Netflix omaggiante gli anni 80. da tenere d'occhio questa Sadie Sink, indem per l'infermiera Hong Chau, che rappresenta l'unica amica di Charlie, ma anche ambiguamente quella che suo malgrado lo aiuta a morire.
Il ragazzo della setta religiosa rappresenta un mcguffin notevole e non scontato soprattutto perchè

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
anche lui alla fine però troverà la sua strada.
Infine Brendan Frazer che spero vinca l'oscar per un interpretazione non certo semplice e a rischio cinema del dolore, che invece mostra tutta la sua forza, duttilità e capacità drammatiche. Un film che merita, soprattutto se non cercate un film scontato.

ferrogeo  @  02/03/2023 11:25:18
   7½ / 10
Sarò breve.
Il film è molto bello e toccante, scorre via veloce anche se ambientato totalmente all'interno di un appartamento.
I pochi personaggi che girano attorno a "the whale" sono ben caratterizzati e calzano con la storia.
Mi sono commosso ed è molto raro che mi succeda..... pertanto il film è riuscito nel suo intento.

federicoM  @  28/02/2023 00:54:13
   6½ / 10
Film che ho guardato un pò prevenuto, avendo come riferimento The Wrestler, soprattutto per la campagna di marketing fatta su Fraser, simile a quanto era accaduto con Rourke. Della serie una volta ci casco, due no.
Scontato che Fraser il carisma di Rourke se lo sogna, Rourke è stato truccato, ma la faccia trasfigurata è la sua. Insomma la storia era più parallela a quella dell'attore principale.
In questo film il percorso di autodistruzione non solo è segnato, ma scelto da protagonista come redenzione e per "aiutare" gli altri. Ecco su questo secondo punto il regista sembra cercare di convincere se stesso come se il personaggio principale non avesse la forza di trasmetterlo.
Anche sul tema dell'obesità si vede una certa contraddizione da parte del regista perchè il nostro eroe si uccide di cibo e la sua caregiver di fatto è quella che glielo porta permettendogli di uccidersi. Il regista si limita a qualche primo piano contrito della suddetta causa consapevolezza delle proprie azioni.
Gli incastri di questo film funzionano peggio di The Wresler e non basta l'emozionante scena finale a renderlo memorabile.

Thorondir  @  24/02/2023 14:36:12
   6½ / 10
È il secondo film consecutivo di Aronofsky in cui il protagonista (i protagonisti in "Mother") sono sigillati in case da cui per un motivo o l'altro fanno fatica non solo ad uscire ma anche a muovercisi liberamente. Charlie, umano-balena, non solo ha problemi a muoversi ma anche a stare in piedi e respirare. Capisce di essere giunto alla fine e tenta di ricucire un rapporto travagliato con una figlia che ha abbandonato: tema che ritorna dopo "The Wrestler", altro film di metamorfosi-redenzione di un attore che come Fraser aveva trascorso momenti molto complicati (Rourke, of course).

Questa ultima fatica di Aronofsky racconta di una umanità che si percepisce disgustosa e che si chiude in casa, tenta di celarsi alla vista altrui. Un tema che è emerso prepotentemente con la pandemia e su cui Aronofsky riflette, quasi lo ritenga una delle condizioni della contemporaneità: va infatti notato che sono "chiusi" in casa anche gli studenti che seguono online il corso universitario del nostro protagonista. Scelta quindi interessante, che riflette sull'oggi e che trova conferma e forza in un film "da camera" che sa anche essere claustrofobico (non a caso il formato scelto è un 4:3). Non poteva inoltre mancare la religione, tema caro ad Aronofsky: se in "Mother" è allegoria biblico-ecologica qui mi sembra uno sguardo molto più pessimista, quantomeno nel come Charlie la rifiuta: per lui religione è dolore, credere nel racconto biblico è impossibile e a conti fatti il tema religioso riemerge anche nel finale; un'"ascensione" però tutta laica, senza i conforti religiosi (il personaggio del giovane Thomas, per gran parte della pellicola abbastanza fuori luogo e mal scritto). Infatti, essendo il film, di fatto, il racconto di un consapevole suicidio, l'atto di attacco alla religione da parte di Charlie mi sembra abbastanza palese.

Quello che però stona di quest'ultimo film di Aronofsky è la sensazione, permanente durante tutto il suo svolgersi, di un film pensato e scritto per avere tutti i crismi dell'attualità mainstream: c'è tutto il campionario del "buonismo" del momento (e il film è un po' sempre in bilico tra buonismo e umanesimo): famiglia disfunzionale, buoni sentimenti, disturbi alimentari e psicologici, abbandono genitoriale, storia d'amore gay. Ecco quindi che il film, forse troppo "costruito", finisce per essere un purissimo tearjerker di quelli che ad un certo punto ti dimostrano di non aver poi molto da dire e che puntano tutto su picchi di emozionalità così eccessivi e ridondanti da scadere quasi nel patetico (e da questo punto di vista l'ultima mezz'ora chiede veramente tanto allo spettatore).

3 risposte al commento
Ultima risposta 29/03/2023 22.20.35
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  27/09/2022 19:37:05
   7½ / 10
The Whale è ambientato all'interno delle mura di della casa di Charlie il suo debordante protagonista. Un uomo obeso che pesa 270 kg., con problemi cardiaci che ormai hanno resp una china irreversibile verso la morte. Pochi giorni di vita rimangono a questo insegnante che conduce corsi online, che esorta i suoi studenti ad essere sinceri, ma il primo a non essere sincero è proprio lui che oscura il video della telecamera per non essere messo di fronte agli altri del disfacimento del suo corpo. La casa è il suo luogo di rifugio, dove a parte l'amica infermiera, nessuno lo vede, nemmeno il ragazzo delle pizze che lascia l'ordinazione fuori la porta. Aranofsky ha la capacità di adattare il testo teatrale di riferimento senza farsi imprigionare dalla staticità della messa in scena. La sua regia è dinamica e quelle quattro mura non sono soffocanti come potrebbero essere. Commuove l'interpretazione di Fraser, attore risorto, nei panni di Charlie che prima di lasciare questa valle di lacrime cerca di recuperare il rapporto con la figlia, attraverso una dinamica padre/figlia che ricorda The Wrestler. L'alchimia tra Fraser e la Sink è ottima e di fronte al rancore ed alla crudeltà di quest'ultima, Charlie rimane sempre ottimista e la sprona a credere in sè stessa. A mio parere Fraser avrebbe meritato la Coppa Volpi, molto più del bravo Farrell. The Whale è stato ignorato completamente dalla giuria del concorso ufficiale e sinceramente mi ha deluso non poco.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

ancora un'estateanother end
 NEW
augure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generale
 NEW
back to black
 NEW
brigitte bardot forever
 NEW
cattiverie a domicilio
 NEW
challengers
 NEW
civil warcoincidenze d'amore
 NEW
confidenzadamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!ennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'ingannoghostbusters - minaccia glacialegli agnelli possono pascolare in pacegodzilla e kong - il nuovo imperoi delinquentii misteri del bar etoile
 NEW
il caso josette
 NEW
il cassetto segretoil diavolo e' dragan cyganil mio amico robotil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boykina e yuk alla scoperta del mondokung fu panda 4
 NEW
la moglie del presidentela seconda vitala terra promessala zona d'interessel'estate di cleolos colonosmay decembermemory (2023)monkey manneve (2024)
 NEW
non volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!priscillarace for glory - audi vs lancia
 NEW
rebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricky stanicky - l'amico immaginarioroad house (2024)se solo fossi un orsoshirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)
 NEW
spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibiletatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdomtito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soleun altro ferragostoun mondo a parte (2024)
 NEW
vita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1049792 commenti su 50680 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

7 BOXESCHAINED FOR LIFEDISAPPEAR COMPLETELYDOUBLE BLINDFABBRICANTE DI LACRIMETHE BELGIAN WAVETHE DEVIL'S DOORWAYTHE GLENARMA TAPES

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net