Recensione king of new york regia di Abel Ferrara USA, Italia 1990
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione king of new york (1990)

Voto Visitatori:   7,12 / 10 (47 voti)7,12Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film KING OF NEW YORK

Immagine tratta dal film KING OF NEW YORK

Immagine tratta dal film KING OF NEW YORK

Immagine tratta dal film KING OF NEW YORK

Immagine tratta dal film KING OF NEW YORK

Immagine tratta dal film KING OF NEW YORK
 

Uscito dal carcere dopo un lungo periodo detentivo, il gangster Frank White scatena la sua banda di neri per la conquista del mercato della droga a New York. Colombiani, italiani, cinesi: tutti gli ostacoli sono rimossi per porre la città sotto il controllo del nuovo "King".
Ma l'ispettore Bishop e i propri agenti non danno tregua a White. Per nulla frenati dalle sue opere di beneficenza pubblica (l'aiuto cospicuo a un ospedale per bambini disabili e non abbienti), i poliziotti lo affrontano ricorrendo agli stessi metodi della malavita. E dopo varie carneficine, saranno proprio i due capi ad affrontarsi in uno scontro a fuoco sulla metropolitana, che porterà Bishop alla morte e White a un'agonia letale in un taxi bloccato nel traffico e circondato dai poliziotti.

È molto probabile che questo sia il miglior film di Abel Ferrara, e che lo sia non solo per il cast strepitoso e per l'improvviso quanto incredibile salto di qualità formale rispetto all'insignificante opera dell'anno precedente, ma anche e soprattutto per la drasticità con cui il mondo viene tratteggiato come campo esclusivo d'un'ultraviolenza mentre il Bene è ormai terminato fuorigioco. Christopher Walken, il cui teschio d'un pallore cadaverico riempie sovente lo schermo, costruisce il personaggio ambiguo e notturno d'un gangster che abbraccia con lo sguardo l'immensità d'una New York sfavillante nelle sue luci, e che sogna da moderno Robin Hood di realizzare qualcosa di buono, un ospedale in un quartiere nero, finanziandolo con i soldi dello spaccio di droga. Ma i poliziotti che tentano d'incastrarlo, dinanzi allo schermo televisivo che consacra pubblicamente Frank White come una star, delusi nei loro ideali, non possono constatare se non che il sistema è dalla sua parte.

Stanchi delle formalità legali che vanificano i loro intenti, i poliziotti sfuggono al controllo del loro superiore Bishop, convinto al contrario della necessità di fermare secondo le leggi l'utopia criminale del Re di New York, e assaltano in puro stile gangsteristico il covo della banda di White dando origine a una sanguinosa sparatoria a ritmo di hip-house (il rap d'avanguardia di quegli anni).
Lo zenit dello scontro è raggiunto nell'inseguimento sotto la pioggia fra il poliziotto nero che ha la peggio e il braccio destro di White, un "impiegato del crimine", finché pure quest'ultimo viene freddato con un rapidissimo quanto brutale colpo alla testa dal "gemello" del poliziotto ucciso.
Quindi c'è il finale che Ferrara coraggiosamente costruisce a rovescio. Walken, vinto l'ultimo duello in metropolitana con l'ispettore buono e dolorante, vaga senza meta per le strade della città ferito al ventre. Cosa che scopriamo solo quando si lascia cadere dentro un taxi ingorgato lungo una strada del centro. Tutta la strada è bloccata, tutte le macchine sono ferme. Solo uno sciame di poliziotti s'aggira goffo tra le auto per catturare il Re di New York. E Walken morente risponde con l'immobilità, il silenzio, la fissità dello sguardo.

"The king" riflette nello spettatore, collassandola, qualsiasi possibilità di giudizio, sprofondandoci in una terra di confine dove idiosincraticamente tutti possono essere salvati oppure condannati, bianchi ("White", per l'appunto) oppure neri. Forse ha ragione il seducente Frank White, ponendo se stesso come fondamento del bene e dunque come legislatore assoluto sterminando solo quelli che se lo meritavano e decidendo di cortocircuitare l'illegale traffico della droga per uno scopo positivo; oppure sono nel giusto i poliziotti che impotenti di fronte allo strapotere del male decidono di superare la borderline del lecito in un viaggio senza più ritorno che li fa identificare e confondere con i malviventi stessi; oppure il vero eroe del film è Bishop ("Vescovo"), per il quale il fine non giustifica i mezzi e preferisce salvare la vita della donna nella metropolitana, a costo della propria e della cattura del criminale.

In realtà hanno ragione tutti e nessuno, poiché ogni personaggio è spinto dal desiderio di realizzare il proprio valore eudaimonistico, la propria fama di benessere, tutti lottano per un mondo migliore, ma quando si tratta di delinearlo operativamente, ciascuno sa proporre soltanto la propria soggettiva e privatistica idea, religiosa o filosofica. Ed è la prassi stessa a confutare l'intero ventaglio delle proposte. L'utopia criminale di White e quella legalista di Bishop vengono infrante da un universo maligno che si oppone al cambiamento e si riafferma ineluttabilmente identico a se stesso. Ogni protagonista si dimostra incapace di proporre una soluzione efficace e fallisce sino al proprio olocausto. Abel Ferrara ci si congeda con questa nichilistica paralisi pragmatica incarnata nel volto di Frank White, Re di New York decaduto da sempre, immobilizzato in mezzo al traffico e per di più braccato, lacerato, emorragico, esangue, moribondo.

Mauro Lanari

Commenta la recensione di KING OF NEW YORK sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Hal Dullea - aggiornata al 19/08/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
bad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnboterocaterina
 NEW
cats (2019)
 NEW
cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of space
 NEW
criminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
fabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo natale
 NEW
il richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortuna
 NEW
la mia banda suona il popla ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le opere
 NEW
l'hotel degli amori smarritil'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lontano lontano
 NEW
lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998901 commenti su 42900 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net