Recensione io ballo da sola regia di Bernardo Bertolucci Italia, Gran Bretagna 1996
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione io ballo da sola (1996)

Voto Visitatori:   6,45 / 10 (50 voti)6,45Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IO BALLO DA SOLA

Immagine tratta dal film IO BALLO DA SOLA

Immagine tratta dal film IO BALLO DA SOLA

Immagine tratta dal film IO BALLO DA SOLA

Immagine tratta dal film IO BALLO DA SOLA

Immagine tratta dal film IO BALLO DA SOLA
 

Non è mai cosa semplice fermarsi a riflettere, sedersi su una panca di pietra e tirare le fila della propria esistenza; ogni riflessione porta con sé amarezza, disillusioni, mete svanite, occasioni sprecate, sguardi spenti. Se si è fortunati, però, si deporranno i semi per una nuova rinascita, che si accompagnerà ad una ritrovata maturità.
È questo ciò che accade a Bernardo Bertolucci ed alla galleria di anime salve sperdute in un angolo insignificante della provincia senese: un ritrovarsi uniti, fianco a fianco, spalla a spalla del regista con i propri personaggi, i propri fantasmi, i propri timori, la propria malinconia, dopo i clamori e le emicranie delle sue megaproduzioni hollywoodiane.

"Io ballo da sola" è la storia di un'adolescente inquieta in vacanza presso un antico casale in Val d'Orcia, popolato da una serie di artisti amici della sua madre suicida. In quest'angolo di terra, catalizzatore di emozioni, Lucy scoprirà l'amore ed apprenderà la verità sulla sua famiglia, in un viaggio iniziatico che segnerà non solo lei, ma tutti gli spiriti che toccherà con la propria purezza.

I personaggi che animano "Io ballo da sola" sono lo specchio dell'anima del regista: figli degli anni della contestazione rifugiatisi in un nido immutato ed immutabile per sfuggire alle proprie riflessioni ed all'impietoso giudizio della Storia, si circondano della fissità degli sguardi di statue di terracotta (opera di Matthew Spender); unica concessione all'orgoglio di una generazione è una statua di San Sebastiano, il cui corpo crivellato di frecce emerge con vigore tra le forme stilizzate di Spender.
Ognuno di loro ha il proprio conto aperto col passato e teme il presente, rappresentato dalla giovane, innocente ma voluttuosa Lucy, davanti alla quale cadrà ogni maschera.

Ian e Diana sono una coppia ormai smarrita nella propria memoria, incapace di adeguarsi alle rughe sulla propria pelle ed imprigionata nel decadentismo della propria condizione: Ian, lo scultore, passa le proprie giornate a creare statue aggredendo il legno con una sega elettrica, quasi in sfregio alle sfaccettature dei personaggi cui dà vita; personaggi il cui destino sarà quello di diventare immutabili spettatori del teatrino della sua vita e di quella degli ospiti del Casale. La scoperta di Lucy, di quella figlia che ha sempre dovuto vedere in tralice, darà un senso a vent'anni di menzogne e tradimenti buoni solo per i rimorsi a posteriori.
Diana è invece una donna rapita dalla propria bellezza decadente, leale al proprio corpo sfiorito, che in Lucy ritrova la giovinezza perduta ed un motivo di concreto interesse per quella verginità vista con gli occhi sognanti di un'adolescente moderna, legata ancora all'idea dell'amore come Amore cui donarsi senza svendersi.

Noemi, poi, è una scrittrice che tiene una rubrica per cuori solitari; proprio lei, che non indugia dinanzi alle lusinghe di un giovane spasimante che le fa ricordare di quando "sbocciavan le viole" ma a cui la vita, al momento della resa dei conti, ha presentato un conto fatto di solitudine e ricordi sbiaditi dal tempo.

Poi c'è Alex, il poeta, eccentrico letterato ormai debilitato dal cancro, paradigma perfetto dei tempi che furono, morbosamente attratto da Lucy e dal suo candore verginale.
È proprio Alex, cui presta il volto uno strepitoso Jeremy Irons, la chiave di volta dell'esperienza formativa di Lucy; la sua forza vitale, il suo smaliziato cinismo e la sua ambiguità sorniona straziati dalla malattia le daranno la forza necessaria per comprendere l'importanza delle sue ricerche: quella del suo vero padre e quella del suo vero amore.

Proprio la ricerca del ragazzo che le scriveva parole di fuoco, risvegliando in lei la passione per la poesia già tramandatale dalla madre, passerà per gli incontri con i figli della generazione precedente: pallide imitazioni dei propri genitori, viziati pseudo-bohemien belli senza essere dannati come Christopher, Miranda e Niccolò, che Lucy credeva essere il mondo, ma che si rivelerà essere solo un granello di polvere incapace di raccogliere il suo Amore.
Amore che invece andrà a chi ha saputo aspettarlo in silenzio, proprio come lei, proprio come Bertolucci stesso, che è stato in grado di attendere con pazienza questo piccolo film, ideale eredità lasciata da Paul e Jeanne dopo il loro "Ultimo tango a Parigi".

L'accostamento di "Io ballo da sola" al capolavoro del 1972 non sembri blasfemo: quello che Bertolucci ha seminato con l'"Ultimo tango" lo raccoglie con "Stealing beauty", sostituendo l'Appartamento nel cuore di Parigi, rifugio in cui Paul e Jeanne potevano illudersi di condurre una vita al di fuori dal mondo, con il Casale in Val d'Orcia, nido in cui i protagonisti si barricano per rimanere ancorati all'idea che hanno di se stessi. Ma una vita posticcia prima o poi presenta sempre il conto, e così come accadeva a Marlon Brando, anche gli artisti di questa pellicola rimarranno travolti dalla malinconia di fondo della realtà esterna.
Se però in "Ultimo tango a Parigi" lo sguardo era improntato al pessimismo, in "Io ballo da sola" Lucy rappresenta un elemento salvifico inedito, e la scena finale lascia presagire una ritrovata speranza per le generazioni future, meno ideologizzate ma più sincere dei propri genitori.
QUesta netta divisione tra i due mondi è ben rappresentata dalla scena portante del film, in cui Lucy si dimena nella propria stanza sulle note di "Rock Star" delle Hole, emanate dal proprio walkman: una liberatoria scarica adrenalinica per lei, urla silenziose per il resto del Casale, che non riesce a sentire cosa la spinga ad agitarsi tanto: ennesima metafora della barriera tra il mondo di Lucy e quello dei suoi compagni di viaggio, relegati al di fuori delle sue danze.

Da un punto di vista squisitamente tecnico il film è una gioia per gli occhi ed il cuore: i meravigliosi paesaggi delle crete senesi sono fotografati con colori caldi da Darius Khondji, già direttore della fotografia di "Seven", e la macchina da presa di Bertolucci si diletta nel perdersi in tanto splendore quasi quanto nei volti espressivi dei propri protagonisti.
A tale proposito, una particolare menzione va fatta per l'esordiente Liv Tyler, bravissima, per Jeremy Irons, in una delle sue migliori interpretazioni, e per Sinead Cusack, nella vita moglie dello stesso Irons. Da segnalare altresì una giovanissima ma già promettente Rachel Weisz nel ruolo di Miranda. Meno convincente Stefania Sandrelli, sui soliti livelli recitativi purtroppo mai esaltanti.

"Io ballo da sola" è un film considerato a torto un minore nella produzione di Bertolucci, che merita invece attenzione per la lucidità dell'analisi e per la freschezza con cui riesce a trattare tematiche spinose e distanti tra loro senza alcuna caduta di tono.
Una portata prelibata, servita quando la maggior parte dei commensali ha già lasciato il tavolo, ma non per questo meno gustosa.

Commenta la recensione di IO BALLO DA SOLA sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Jellybelly - aggiornata al 23/01/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

abigail (2024)accattaromaancora un'estateanna (2023)another endanselmarcadianarrivederci berlinguer!augure - ritorno alle originiautobiography - il ragazzo e il generaleback to blackbad boys: ride or diebrigitte bardot forevercattiverie a domicilioc'era una volta in bhutanchallengerscivil warcoincidenze d'amorecome fratelli - abang e adikconfidenzadall'alto di una fredda torredamseldicono di tedrive-away dollsdune - parte duee la festa continua!eileenel paraisoennio doris - c'e' anche domanieravamo bambinifantastic machinefino alla fine della musicaflaminiaforce of nature - oltre l'inganno
 NEW
fuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosa
 NEW
ghost: rite here rite nowghostbusters - minaccia glacialegirasoligli agnelli possono pascolare in pace
 NEW
gli immortaligodzilla e kong - il nuovo imperohotspot - amore senza retei dannatii delinquentii misteri del bar etoileif - gli amici immaginariil caso goldmanil caso josetteil cassetto segretoil coraggio di blancheil diavolo e' dragan cyganil gusto delle coseil mio amico robotil mio posto e' quiil mio regno per una farfallail posto (2024)il regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoil teorema di margheritaimaginaryinshallah a boy
 NEW
inside out 2io e il secco
 NEW
io, il tubo e le pizze
 NEW
jago into the whitekina e yuk alla scoperta del mondokinds of kindnesskung fu panda 4
 NEW
l’amante dell'astronautala moglie del presidentela profezia del malela seconda vitala stanza degli omicidila tartarugala terra promessa
 NEW
la trecciala zona d'interessel'esorcismo - ultimo attol'estate di cleol'imperolos colonosmade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello miomay decemberme contro te: il film - operazione spiememory (2023)metamorphosis (2024)monkey manmothers' instinctneve (2024)niente da perdere (2024)noir casablancanon volere volareomen - l'origine del presagio
 HOT R
povere creature!prima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerpriscillaquell'estate con irene
 NEW
racconto di due stagionirace for glory - audi vs lanciarebel moon - parte 2: la sfregiatricered (2022)ricchi a tutti i costiricky stanicky - l'amico immaginarioritratto di un amoreroad house (2024)robo puffinroma bluessamadsaro' con tese solo fossi un orsosei fratellishirley: in corsa per la casa biancasolo per mesopravvissuti (2022)spy x family code: whitesull'adamant - dove l'impossibile diventa possibilesuperlunatatami - una donna in lotta per la liberta'the animal kingdom
 NEW
the bikeridersthe fall guythe ministry of ungentlemanly warfarethe penitent - a rational manthe rapture - le ravissementthe tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretito e vinni - a tutto ritmototem - il mio soletroppo azzurroun mondo a parte (2024)una spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirevita da gattovite vendute (2024)zafira, l'ultima reginazamora

1051594 commenti su 50864 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ANTHRACITE - STAGIONE 1CANI RANDAGICICLOCIRCONDATODALLA MIA FINESTRADALLA MIA FINESTRA - GUARDANDO TEEL CORREOFLASHFORWARD - STAGIONE 1IL BODYGUARD E LA PRINCIPESSAIL GUSTO DELL'ESTATEIL PROBLEMA DEI 3 CORPI - STAGIONE 1LA RAGAZZA D'ACCIAIOL'AMORE DIMENTICATOLASSIE - UNA NUOVA AVVENTURAL'UOMO INVISIBILE ATTRAVERSO LA CITTA'MARE FUORI - STAGIONE 1MARE FUORI - STAGIONE 2MARE FUORI - STAGIONE 3MARE FUORI - STAGIONE 4NOTTE DI MEZZA ESTATE - STAGIONE 1POIROT - TESTIMONE SILENZIOSORECENSIONE D'AMORERESIDENT ALIEN - STAGIONE 1RESIDENT ALIEN - STAGIONE 2RESIDENT ALIEN - STAGIONE 3SIMONE E MATTEO UN GIOCO DA RAGAZZITENERE CUGINETHE COLLECTIVETHE IDEA OF YOUUN SOLO ERRORE. BOLOGNA 2 AGOSTO 1980VACANZE SULLA NEVEVIOLA COME IL MARE - STAGIONE 1VIOLA COME IL MARE - STAGIONE 2ZERO IN CONDOTTA (1983)

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

POVERE CREATURE!
Locandina del film POVERE CREATURE! Regia: Yorgos Lanthimos
Interpreti: Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Jerrod Carmichael, Christopher Abbott, Margaret Qualley, Suzy Bemba, Kathryn Hunter, Hanna Schygulla, Vicki Pepperdine, Jack Barton, Charlie Hiscock, Attila Dobai, Emma Hindle, Anders Grundberg, Attila Kecskeméthy, Jucimar Barbosa, Carminho, Angela Paula Stander, Gustavo Gomes, Kate Handford, Owen Good, Zen Joshua Poisson, Vivienne Soan, Jerskin Fendrix, István Göz, Bruna Asdorian, Tamás Szabó Sipos, Tom Stourton, Mascuud Dahir, Miles Jovian
Genere: fantascienza

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


THE DEVIL IN MISS JONES
Locandina del film THE DEVIL IN MISS JONES Regia: Gerard Damiano
Interpreti: Georgina Spelvin, John Clemens, Harry Reems
Genere: erotico

Recensione a cura di The Gaunt

MERCOLEDI' - STAGIONE 1
Locandina del film MERCOLEDI' - STAGIONE 1 Regia: Tim Burton, Gandja Monteiro, James Marshall
Interpreti: Jenna Ortega, Gwendoline Christie, Riki Lindhome, Jamie McShane, Hunter Doohan, Percy Hynes White, Emma Myers, Joy Sunday, Georgie Farmer
Genere: fantasy

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net