Recensione industrial symphony no. 1 regia di David Lynch USA 1990
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione industrial symphony no. 1 (1990)

Voto Visitatori:   7,71 / 10 (7 voti)7,71Grafico
Voto Recensore:   7,50 / 10  7,50
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film INDUSTRIAL SYMPHONY NO. 1

Immagine tratta dal film INDUSTRIAL SYMPHONY NO. 1

Immagine tratta dal film INDUSTRIAL SYMPHONY NO. 1

Immagine tratta dal film INDUSTRIAL SYMPHONY NO. 1

Immagine tratta dal film INDUSTRIAL SYMPHONY NO. 1

Immagine tratta dal film INDUSTRIAL SYMPHONY NO. 1
 

Le "sinfonie industriali" di David Lynch risalgono alla giovinezza del cineasta, quando non ancora regista dipingeva dipinti surreali chiamati appunto ""Industrial Symphony". Questo suo lavoro particolare datato 1989 (anno d'oro che coincide anche con il progetto per la tv "Twin Peaks") Ŕ una installazione artistica e musicale che nasce proprio dall'immaginario di Lynch e dalle musiche di Angelo Badalamenti.
I due vengono difatti chiamati dalla Brooklyn Academy of Music di New York, che produce annualmente un festival dedicato a performance di musica sperimentale, per creare qualcosa come apertura dell'anno musicale. Pur ricevendo l'invito, sia Lynch che il suo fido compositore di fiducia hanno appena due settimane per costruire il tutto. Tralasciando le innumerevoli prove che comportano innumerevoli problemi, il risultato finale Ŕ ottimo: duemila persona in due serate si sono goduti uno spettacolo di puro sogno lynchiano, che come tutti i sogni Ŕ fatto di frammenti spaziali ed eterei di non facile lettura...

Partiamo dall'inizio, in cui vediamo i due protagonisti di "Cuore selvaggio" recitare una conversazione telefonica tipica, di quelle smielate che preannunciano la rottura tra due innamorati. Da questo momento in poi, da quando il telefono viene abbassato e l'immagine sfuma sul palco, si passa al Sogno di un Cuore che da Selvaggio Ŕ divenuto Spezzato.
╚ un inferno industriale, appunto, in cui all'interno del buio si muovono forme indistinte ed inquietanti e una musica ora sensuale, ora dolce ma sempre ai confini di un altro universo regala sprazzi di luce e altri di puro incubo. Julee Cruise Ŕ la cantante, un angelo che Ŕ il sogno stesso del Cuore Spezzato Laura Dern, e che come tale continua a cantare col suo tono celestiale di speranze e di un amore che non deve andarsene via. E se inizialmente Ŕ piantata con i piedi per terra, sin dalla seconda canzone sarÓ l'aria il suo elemento dove volteggia mentre sotto di lei si agitano forme strane, nani che provengono direttamente da Twin Peaks e che segano alberi, un cervo scuoiato che prende vita quando Julee Cruise, con un urlo improvviso, cade e si schianta al suolo lasciando frastornato lo spettatore.
Come un demonio reincarnato la girandola diviene infernale, questa sorta di diavolo si muove barcollando per poi sparire ancora quando ricompare, nuovamente, il Sogno del cuore spezzato in un bagagliaio della macchina, pronta a cantare "Rockin' Back Inside My Heart"... e per poi lentamente fluire via, ancora sospesa nell'aria, invocando all'amore di non andare via, tra feti di bambolotti sospesi come lei in un limbo senza uscita, nell'incubo di un amore finito.

Non c'Ŕ spiegazione qui, non va ricercata. Lynch ha descritto questo suo spettacolo come un "qualcosa che a che fare con una storia d'amore che finisce". Noi sentiamo che Ŕ cosý: Ŕ qualcosa che non si pu˛ propriamente definire incubo ma che sicuramente Ŕ un sogno dove nel buio nasce qualcosa; perchÚ in "Industrial Symphony n░ 1" Ŕ la creazione, la genesi il punto focale ma Ŕ una creazione che non riesce ad uscire da un limbo infinito di caos e surreale.
Un aborto forse, che rimane "numero 1" sempre e all'infinito, senza seguiti come se fosse un imperfezione. Come con "Eraserhead ", dove l'amore porta solo complicazioni e struggimento nelle forme oscene di un figlio che urla e strilla fino alla pazzia e al punto di rottura. ╚ qualcosa da affrontare sempre da soli, che ci tocca nel profondo e per questo non se ne va pi¨. E' la peculiaritÓ di Lynch, questo suo modo di porsi nei confronti dell'arte che ti fa entrare in contatto con un universo diverso che per˛ ti sembra di conoscere da sempre e dal quale ti pare poi impossibile uscirne, anche da morto.

E se a Lynch si deve la forza delle immagini e le suggestioni che queste evocano, il progetto non sarebbe tanto speciale se non ci fossero le musiche di Badalamenti con una cantante come Julee Cruise.
Molti poi non potranno non notare i punti di contatto con "Twin Peaks " in cui tante di queste canzoni saranno riascoltate e cantate provocando sempre stati d'animo toccanti e struggenti.
╚ Lynch, lo Jimmy Stewart da Marte, che subdolamente ti ha afferrato e trasportato nel suo mondo di dolore e redenzione, perchÚ se guardi bene trovi anche quella in un ciclo infinito che gira in tondo.

"Love
Don't go away
Come back this way
Come back and stay
Forever and ever
The world spins"

Commenta la recensione di INDUSTRIAL SYMPHONY NO. 1 sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di elio91 - aggiornata al 09/01/2012 16.11.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 NEW
47 meters down: uncageda mano disarmataalla corte di ruth - rgbamerican animalsannabelle 3aquaslasharrivederci professorebaby gang (2019)beautiful boy (2018)birba - micio combinaguaiblue my mind - il segreto dei miei annibring the soul: the moviecarmen y lola
 NEW
charlie says - charlie dicechristo - walking on waterclimax (2018)crawl - intrappolatidaitonadi tutti i coloridiamantino - il calciatore piu' forte del mondodicktatorship - fallo e basta!dolcissimedomino (2019)due amici (2019)edison - l'uomo che illumino' il mondoescape plan 3 - l'ultima sfidafast & furious - hobbs & shawfiore gemellogodzilla ii - king of the monstersgoldstone
 NEW
gretahotel artemisi morti non muoionoil flauto magico di piazza vittorioil grande salto
 NEW
il re leone (2019)
 NEW
il signor diavoloin fabricjuliet, nakedkinla bambola assassina (2019)la mia vita con john f. donovanla piccola bossla prima vacanza non si scorda mai
 NEW
la rivincita delle sfigatel'angelo del crimine
 NEW
l'ospite - un viaggio sui divani degli altrilucania - terra sangue e magial'ultima orama (2019)
 NEW
mademoisellemaryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmen in black: internationalmidsommar - il villaggio dei dannatinevermindpallottole in liberta'passpartu': operazione doppiozeropets 2: vita da animalipolaroid
 NEW
pop black postapowidoki - il ritratto negatoprimula rossaquel giorno d'estateraccolto amarorapina a stoccolmarealmsred sea divingrestiamo amicirocketmanselfieserenity (2019)shelter: addio all'edensir - cenerentola a mumbaiskate kitchensoledadspider-man: far from home
 NEW
submergencetesnotathe boy 2the deepthe elevator
 NEW
the lodgethe mirror and the rascalthe nest (il nido)the quake - il terremoto del secoloti presento patricktoy story 4una famiglia al tappetovita segreta di maria capasso
 NEW
wake up - il risvegliowelcome home (2019)wolf call - minaccia in alto marex-men: dark phoenix

990960 commenti su 41902 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net