Recensione il sindaco del rione sanita' regia di Eduardo De Filippo Italia 1979
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il sindaco del rione sanita' (1979)

Voto Visitatori:   9,50 / 10 (4 voti)9,50Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL SINDACO DEL RIONE SANITA'

Immagine tratta dal film IL SINDACO DEL RIONE SANITA'

Immagine tratta dal film IL SINDACO DEL RIONE SANITA'

Immagine tratta dal film IL SINDACO DEL RIONE SANITA'
 

Nel 1960 si apre una nuova stagione per le commedie di Eduardo, sempre pi¨ sotto il segno di cantate "dispari" (laddove quelle di giovent¨ furono raccolte dallo stesso autore sotto il titolo di cantate dei giorni "pari"). ╚ un pessimismo dilagante il suo e disturb˛ non poco i critici che dovettero improvvisamente fare i conti con un altro De Filippo, diverso da quello che usava una comicitÓ amara per far ridere il pubblico (e farlo riflettere) sulle disgrazie di povere famiglie come "Natale in casa Cupiello" o "Napoli Milionaria".
Adesso la risata si attenua, Ŕ solo a sprazzi; si pensi in questo caso a "De Pretore Vincenzo", dramma di un ladruncolo senza santi in paradiso che si ingegna a scegliersi un protettore proprio tra di loro, per poi finire tragicamente.

Entra in questa dinamica sempre pi¨ drammatica e pessimista "Il sindaco del Rione SanitÓ". Scritta nel 1960, considerata giustamente uno dei capolavori di Eduardo, ha avuto due rappresentazioni televisive dello stesso autore per la televisione nel 1964 e nel 1979 (quella che si prenderÓ in esame, per quanto siano simili quasi in tutto).

╚ la vicenda amara di un guappo vecchio stampo, Antonio Barracano, "sindaco" di uno dei quartieri pi¨ difficili di Napoli. GiÓ dal titolo si riflette quello che sarÓ il perno centrale della storia scritta da Eduardo, ovvero il contrasto tra la giustizia dello stato e quella interiore di un protagonista che assurge a nuovo giudice, che viene proclamato "sindaco" a furor di popolo senza avere alcun requisito giuridico per esserlo e senza essere riconosciuto come tale dallo stato.
Chi si aspetta un esame antropologico delle basi culturali della camorra a Napoli resterÓ in parte deluso, non fosse altro che Eduardo sceglie un percorso sorprendente che va all'interno dei personaggi ivi rappresentati, dei loro contrasti, delle loro emozioni e di cosa sia lecito fare e no. Gli accadimenti violenti ci sono ma lo spettatore non li vedrÓ mai accadere: persino l'inizio cosi potente, in cui donne e uomini della tenuta di villeggiatura Barracano preparano un tavolo per adagiarvi un ferito da arma da fuoco, Ŕ all'interno di un'azione giÓ successa di cui noi vedremo solo le cause. Incipit che nel suo silenzio, nei gesti lenti e misurati di un notturno in cui si preparano i "ferri del mestiere", ha in sÚ il carattere ambiguo di tutto il teatro eduardiano. Dario Fo disse che gli attori preparano la tovaglia e si pensa subito al cibo, per poi ribaltare la situazione adagiandovi un corpo ferito, rimandando in tal modo ad un pranzo dionisiaco e cannibale. Parole migliori non avrebbe potuto sceglierle, perchÚ Ŕ proprio cosi; non solo, questo incipit sarÓ quasi speculare al finale, dove in un'altra cena ad essere sacrificato e dato in pasto (volontariamente) ai convitati sarÓ proprio il sindaco Barracano...

Antonio Barracano entra in scena con la sua figura indimenticabile, severa, tagliente (grandiosa interpretazione di Eduardo); Ŕ un uomo che a malapena sa leggere e scrivere ma che amministra la giustizia privata in quanto quella pubblica "non ammette ignoranza"; e cosi il fesso viene sempre gabbato dal pi¨ furbo.
Per lui, che da giovanissimo ha subýto il torto devastante, dopo il quale ha deciso di porsi come giudice del bene e del male del Rione SanitÓ, lo specchio Ŕ uno "scostumato", Ŕ il "parlanfaccia", Ŕ l'unico oggetto, tramutato dalle sue parole, quasi in un essere umano, capace di dirti la veritÓ sul tuo aspetto fiacco e debilitato dai troppi anni, dai torti e dalle riparazioni di una vita sempre al limite. L'unica altra cosa che dice la veritÓ Ŕ la morte. Barracano non esita neanche a proferire minacce (o per meglio dire "avvertimenti") al medico curante che lo segue da trent'anni, Fabio, che vorrebbe partirsene e andare via in America.

Il dottor Fabio Della Ragione (cognome simbolico di grande rilevanza nel finale) Ŕ stanco, dice. Ha seguito il sindaco per molti anni, convinto di poter davvero raddrizzare i torti dove lo stato non avrebbe potuto o voluto intervenire. Ma i risultati per lui non si sono visti, i giovani continuano a spararsi come fosse un gioco da fare un giorno sý e uno no, l'ignoranza e gli ignoranti dilagano. Lo slancio utopista si contrappone a quello pratico di Barracano, di cui il dottor Fabio rappresenta il naturale rovescio della medaglia: sono due figure speculari indivisibili l'una dall'altra.

Eduardo avrebbe potuto fare di Barracano un camorrista sui generis, stereotipato, e invece no: sceglie una via tortuosa come ci ha abituato, lo rende complesso, enigmatico, addirittura un martire, un novello Cristo camorrista (si passi il brutto termine). PerchÚ Barracano crede davvero di aver dedicato una vita a risanare contrasti insanabili, ad amministrare una giustizia che come dice il nome stesso fosse stata giusta verso chi si rivolgeva a lui. I testimoni comprati, gli omicidi commessi "a fin di bene", sono stati leciti e in un'ottica si pu˛ dire che Barracano sia uno di quei fragili sognatori eduardiani che guardano al di lÓ di un muro, dove gli altri non riescono o non vogliono vedere.
╚ un ignorante nel senso che compie il male in buona fede, un saggio che per˛ accresce suo malgrado l'ignoranza. E dietro il suo aspetto vecchio e il suo atteggiamento in ogni caso giusto e saggio, Ŕ impossibile non notare come si nascondano le genesi della camorra che oggi tutti conosciamo: c'Ŕ anche da dire che il "sindaco" fu modellato sulle fattezze di un personaggio realmente esistito e che Eduardo conobbe, di nome Campoluongo, un guappo vecchio stampo che si ritrov˛ ad appianare i contrasti nel quartiere della SanitÓ dopo che gli fu mangiato il naso da un suo nemico.
Il discorso qui non si pu˛ fraintendere: Eduardo non ammette ignoranza, come la legge. La sua non Ŕ una giustificazione della camorra, il suo Barracano pu˛ essere lodevole sotto molti aspetti e in effetti lo Ŕ, ma la sua condotta al di fuori della legge non permette che TUTTI i contrasti a venire saranno sanati, anzi Ŕ la premessa per una criminalitÓ dilagante dove gli uomini agiranno al di fuori di quella legge pubblica che Barracano ha evitato come la peste o ha imbrogliato per non uscirne sconfitto.
Dopo l'uscita al cinema de "Il Padrino" di Coppola lo stesso Eduardo si trov˛ costretto a difendere il suo personaggio tanto simile a Don Vito, rilevandone l'originalitÓ e l'attitudine profetica (e tanti sono i punti in comune con il personaggio interpretato da Marlon Brando).

Se il primo atto ce lo mostra intento a risolvere casi di ordinaria amministrazione, di liti, di soprusi, scatta anche la scintilla che lo porterÓ al sacrificio finale: la richiesta del figlio di un panettiere di uccidere il padre, che lo ha ridotto alla fame e disconosciuto pubblicamente. Il primo atto si chiude con il "sindaco" colto di sorpresa dalla richiesta e si riapre con lui che cercherÓ di pacificare padre e figlio. E nel terzo atto, dopo essere stato ferito a morte dallo stesso panettiere che per paura lo ha accoltellato, ci riuscirÓ con l'arma dell'inganno, amministrando per l'ennesima volta la giustizia a modo suo.
Il momento del ferimento ci viene come di consueto risparmiato, succede tra il secondo e terzo atto. Terzo atto che Ŕ un evidente rimando martirologico ad una Ultima Cena in cui Barracano si sacrifica per gli altri. Un atto estremo di altruismo per un sognatore che ha avuto la visione di poter avere un mondo "meno rotondo ma un poco pi¨ quadrato". E potrebbe concludersi cosi, non fosse per il ribaltone finale tra i pi¨ efficaci e da pelle d'oca di Eduardo, con il dottor Fabio ("Della ragione") che prendendo le redini in mano e non attenendosi a quanto pattuito da Barracano, fa rientrare la vicenda nell'ambito di una giustizia totale che sia ANCHE quella pubblica e dello stato.
Il suo disubbidire alle vertenze del sindaco Ŕ un atto liberatorio, che rimette in gioco tutto e il contrario di tutto: nelle sue parole si intravedono tanto le visioni di un futuro segnato dalla guerra dei figli di Don Antonio con Santaniello (il panettiere) che porterÓ alla distruzione totale, tanto quanto l'idea non pi¨ tanto utopistica di un mondo dove la giustizia Ŕ davvero uguale per tutti.

Senza tradire lo spirito di Barracano, il suo opposto speculare mette il punto alla vicenda con la razionalitÓ e la non ignoranza, la speranza in un mondo giusto che purtroppo, a Napoli come in tutta Italia e nel mondo, non Ŕ mai successa. Eppure Barracano non Ŕ visto solo come un fallimentare sognatore, non quando proprio nel terzo atto il giovane che avrebbe voluto ammazzare il padre gli confessa felice di aver riflettuto sulle sue parole e deciso di non dare seguito ai suoi propositi. La speranza, anche nella fase pessimista di Eduardo, non verrÓ mai meno, tranne che nelle ultimissime commedie.

Commenta la recensione di IL SINDACO DEL RIONE SANITA' sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di elio91 - aggiornata al 26/04/2012 16.54.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1899 - stagione 1
 NEW
a letto con sartreacqua alle cordeacqua e aniceaiuto! e' natale!amsterdamanataranche ioannie ernaux - i miei anni super 8avatar - la via dell'acquababylon (2022)belle & sebastien - next generationbigger than us - un mondo insieme
 NEW
billie eilish: live at the o2black adamblack panther: wakanda forever
 R
blondeboiling point - il disastro e' servitobones and allboris - stagione 4brosc'era una volta in italia - giacarta sta arrivandocharlotte m.: il film - flamingo partychiaraclose (2022)coldplay: music of the spheres - live broadcast from buenos airesconfess fletchcut! zombi contro zombidampyrdiabolik - ginko all'attacco!
 NEW
domino 23 - gli ultimi non saranno i primiemancipation - oltre la liberta'eoernest e celestine - l'avventura delle 7 notefairytale - una fiabafallforever young (2022)fortuna grandaglass onion - knives outgli occhi del diavologodland - nella terra di diograzie ragazziguardiani della galassia: holiday specialhellholei migliori giornii racconti della domenicail corsetto dell'imperatriceil gatto con gli stivali 2 - l'ultimo desiderioil grande giornoil mio amico massimoil mio nome e' vendettail mio vicino adolfil piacere e' tutto mio
 NEW
il primo giorno della mia vitail principe di romail prodigioil ritorno (2022)il talento di mr. crocodileimprovvisamente nataleincroci sentimentaliio sono l'abissoio vivo altrove!ipersonniajung_ela californiala fata combinaguaila ligne - la linea invisibilela prima regola
 NEW
la seconda viala signora harris va a parigila stranezzala timidezza delle chiomeladri di natalele otto montagnele vele scarlatteleaveliam gallagher: knebworth 22l'innocente (2023)l'ispettore ottozampe e il mistero dei misteriliving (2022)lo schiaccianoci e il flauto magicol'ombra di caravaggiol'uomo sulla stradam3ganma nuitma tu, mi vuoi bene?maria e l'amoremasquerade - ladri d'amoreme contro te: il film - missione giunglamiracle - storia di destini incrociatimonicamunch - amori, fantasmi e donne vampironannynapoli magicanarvik: hitler's first defeatnatale a tutti i costinel nostro cielo un rombo di tuononessuno deve saperenezouh - il buco nel cieloniente di nuovo sul fronte occidentale (2022)notte fantasmaone piece film redorlando (2022)perfetta illusionepinocchio di guillermo del toropiovepoker faceprincess (2022)
 NEW
profetiquesta notte parlami dell'africaragazzacciorapiniamo il duceritratto di reginariunione di famiglia - non sposate le mie figlie 3saint omersanta luciascare package ii: rad chad's revengesi', chef! - la brigadespaccaossastoria di un uomo d'azionestrange world - un mondo misteriosotango con putin
 NEW
terezinthe christmas showthe fabelmansthe fearwaythe good nursethe great busterthe land of dreamsthe leechthe mean onethe menuthe pale blue eye - i delitti di west point
 NEW
the planethe woman kingtori e lokitatre di troppotre minutitriangle of sadnesstrieste e' bella di notteun anno, una notteun bel mattinoun vizio di famigliauna mamma contro g. w. bushuna notte violenta e silenziosauna voce fuori dal corovicini di casawar - la guerra desideratawhitney - una voce diventata leggendayakari: un viaggio spettacolare

1036676 commenti su 48797 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BEAST (2011)CANOACOLD LAZARUSDRUNKSFAY GRIMHUNTERS - STAGIONE 2IL RE DEGLI SCACCHIIT'S IMPOSSIBLE TO LEARN TO PLOW BY READING BOOKSLAMBORGHININED RIFLEON THE COUNT OF THREEVATICAN GIRL: LA SCOMPARSA DI EMANUELA ORLANDI

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net