Recensione il gigante regia di George Stevens USA 1956
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione il gigante (1956)

Voto Visitatori:   7,84 / 10 (29 voti)7,84Grafico
Miglior regia
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior regia
Migliore produttore straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO DAVID DI DONATELLO:
Migliore produttore straniero
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film IL GIGANTE

Immagine tratta dal film IL GIGANTE

Immagine tratta dal film IL GIGANTE

Immagine tratta dal film IL GIGANTE

Immagine tratta dal film IL GIGANTE

Immagine tratta dal film IL GIGANTE
 

Film del 1956 diretto da George Stevens - onesto artigiano hollywoodiano destinato a realizzare pellicole che non lasceranno una grande impronta nella storia del cinema - "Il gigante" ha come caratteristica quella di essere l'ultimo film girato dal mitico James Dean, morto per un incidente automobilistico proprio al termine delle riprese.
Racconto epico incentrato su una saga famigliare e su uno Stato a cui il film, e il romanzo da cui è tratto, alludono : il Texas. Quest'ultimo è infatti "gigante" per dimensioni rispetto agli altri Stati membri degli USA.
Il film parla del progressivo decadimento della famiglia dei Benedict, ricchi allevatori a cui si contrappone l'ex bracciante Jett Rink, arricchitosi grazie al petrolio.
La storia abbraccia circa un ventennio, dagli anni Venti fino alla fine degli Anni Cinquanta.
Il protagonista, rampollo di una famiglia di ricchi allevatori e proprietari terrieri del Texas, si innamora e sposa una ragazza del New England ma presto tra loro nascono dei dissidi causati dalle diverse vedute.
La figura di Jett Rink, inizialmente in ombra, emerge lentamente dopo un lascito ricevuto dalla sorella di Benedict, deceduta in circostanze drammatiche. Sembrerebbe che tra la moglie di Benedict e Rink possa nascere un sentimento, ma poi la donna decide di rimanere con le sue consolidate certezze borghesi.

Nella seconda parte del film, con un salto temporale notevole, sono i figli i protagonisti della vicenda. Il potere dei latifondisti viene progressivamente depauperato e i nuovi ricchi sono i petrolieri ( Rink è uno di questi).
I ragazzi Benedict contribuiscono alla decadenza della loro famiglia con delle scelte di vita nuove e, per quei tempi, discutibili. Il lieto fine è comunque dietro l'angolo ma non è un finale rosa, bensì un compromesso dettato dalla necessità.

Dean, dopo aver scelto la sperimentazione con le due pellicole precedenti a cui deve il successo, "Gioventù bruciata" e "La valle dell'Eden", cede al consumismo con una storia di ampio respiro destinata alle grandi platee ma che comunque contiene tematiche forti per l'epoca.
Il film si regge sui tre grandi divi che lo interpretano: Dean (appunto), una Liz Taylor giovane e bellissima e Rock Hudson, ambiguo simbolo del machismo contrapposto al bello e dannato Dean per l'aspetto da uomo protettivo e forte; idolo dal lato oscuro che verrà svelato circa trent'anni dopo.

I tre incarnano i differenti volti dell'America seguendo le loro presunte personalità. Hudson, nei panni di Bick Benedict, è il ricco allevatore, incarnazione di un'America d'altri tempi forte, temeraria e nel contempo di idee conservatrici.
Dean invece, prima povero mandriano poi ricco petroliere, è il nuovo ricco: trasgressivo, arrogante e arrabbiato, voglioso di dimostrare a tutti quanto vale e di vendicare i torti subiti in precedenza.
Tra loro la Taylor, da una parte "ragazza bene" destinata per cultura e tradizione a essere moglie devota e dall'altra attratta dalla trasgressione e desiderosa di imporre una sua identità, lontana dai canoni di donna/moglie/madre.
Con le storie dei tre protagonisti è inscenato il cambiamento dell'America, caratterizzato anche dai figli dei Benedict, assai diversi per indole e scelte di vita dai loro genitori: dalla minore capricciosa e ribelle all'unico figlio che sceglie per sposa una messicana, simbolo dell'America multietnica, realtà questa che a partire dagli anni Quaranta si è andata affermando persino nell'arretrato (per mentalità) Texas.

Saga epica alla "Via col vento", il film soffre oggi per l'eccessiva lunghezza (oltre tre ore) e per questo si perde in vari momenti di stanchezza.
Dean, meno presente all'inizio, ruba progressivamente la scena ai due protagonisti, regalandosi un monologo importante e schiacciando via via il povero Hudson pur ineccepibile nella sua recitazione.
Visto oggi "Il gigante" rivela inevitabilmente i segni del tempo - caratterizzati da una recitazione un po' monocorde dai toni melodrammatici e da un colore decisamente irreale - ma affascina ancora per la scelta coraggiosa di proporre sul grande schermo la denuncia del razzismo in un'America dove l'apartheid era pratica ben consolidata e per la possibilità di vedere all'opera il mitico James Dean.
Per cultori e amanti della storia del cinema.

Commenta la recensione di IL GIGANTE sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di peucezia - aggiornata al 15/10/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917adoration (2019)
 NEW
alla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbotero
 NEW
caterinacena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacediamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittle
 NEW
fabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovato
 NEW
fantasy islandfigli (2020)
 NEW
gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicihammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorni
 NEW
il lago delle oche selvaticheil mistero henri pickil primo nataleil terzo omicidioimpressionisti segretijojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala ragazza d'autunnolast christmasleonardo. le operel'immortale (2019)l'inganno perfetto
 NEW
lunar citymarco polo - un anno tra i banchi di scuolame contro te: il film - la vendetta del signor s
 NEW HOT R
memorie di un assassinonancyodio l'estatepiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarerichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshall
 NEW
sonic - il filmsorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodge
 HOT
tolo tolouna storia d’arteunderwatervilletta con ospiti

998684 commenti su 42900 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net