Recensione gamer regia di Mark Neveldine, Brian Taylor USA 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione gamer (2008)

Voto Visitatori:   5,43 / 10 (110 voti)5,43Grafico
Voto Recensore:   5,00 / 10  5,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film GAMER

Immagine tratta dal film GAMER

Immagine tratta dal film GAMER

Immagine tratta dal film GAMER

Immagine tratta dal film GAMER

Immagine tratta dal film GAMER
 

Nel 2034 la societÓ si dividerÓ tra giocatori ed avatar. Gli avatar non saranno copie perfette dei giocatori (come nel recente "Il mondo dei replicanti") nÚ simulacri virtuali, ma individui con delle nanocellule impiantate nel cervello, che si assoggetteranno consapevolmente alla volontÓ di chi li comanda. Se "Society" Ŕ un Social Simulation Game a sfondo prevalentemente sessuale, in "Slayers" un manipolo di condannati a morte si affronta in uno scontro all'ultimo sangue in quartieri della cittÓ appositamente designati.
L'obiettivo Ŕ quello della liberazione, qualora i "concorrenti" dovessero raggiungere incolumi il trentesimo round. Nessuno Ŕ riuscito a sopravvivere a lungo fino all'arrivo di Kable, il quale ben presto diventa un eroe per le masse assetate di massacri pay-per-view.
Demiurgo dell'operazione il multimiliardario Ken Castle, che brama il controllo delle coscienze e il potere assoluto.

L'ineffabile accoppiata Neveldine/Taylor, giÓ artefici del piacevole "Crank" e del meno riuscito "Crank: High Voltage" (nonchÚ sceneggiatori del dignitoso horror ospedaliero "Pathology") ci riprovano con "Gamer", superflua quanto inconsistente incursione nella fantascienza. I due perdono per strada l'humour, anche becero e corrivo, che caratterizzava le pirotecniche disavventure di Jason Statham, e accantonano qualsiasi intento satirico in favore di una vacua grevitÓ steroidea: headshots multipli e sanguinolento massacro da FPS da un lato, una versione iperrealista di "Second Life" per sudaticci erotomani dall'altro.

Sia "Society" che "Slayers" soddisfano la naturale propensione umana per sesso e violenza, utilizzando il soddisfacimento delle rispettive pulsioni come strumento di controllo. Il rapporto tra chi gioca e chi "Ŕ giocato" provoca alienazione nei controllori e spossessamento e perdita di individualitÓ negli avatar, ridotti in "Society" a marionette delle fantasie altrui. In "Slayers" il giocatore che, attraverso la sua prontezza di riflessi, ha potere di vita o di morte sulle sue consapevoli pedine, soddisfa invece un'adolescenziale volontÓ di potenza. L'idea di una societÓ infantilizzata e l'estremizzazione delle attuali derive della "societÓ dello spettacolo" erano temi anche interessanti, che avrebbero meritato una trattazione meno risaputa. Il multimiliardario Ken Castle realizza in pieno le profezie di Debord, che peraltro si sono giÓ ampiamente realizzate: i rapporti sociali (o piuttosto la loro parodia) tra individui sono mediati unicamente dalle immagini, il cui consumo coatto genera alienazione e assoggettamento totale.

Sventuratamente Neveldine e Taylor, che provengono dalla pubblicitÓ, si deliziano unicamente della loro anacronistica estetica da videoclip anni '90, tanto da sembrare nipotini riottosi di Tony Scott, e aggiungono al cocktail un pizzico di pretenziositÓ mal riposta.
Esemplare in tal senso la scena, riuscita ma completamente fuori contesto, in cui Michael "Dexter" C.Hall, attorniato dai suoi tirapiedi, improvvisa un numero da musical intonando "I've Got You Under My Skin".

Il presunto cinema "next-gen" si rivela clamorosamente di retroguardia, e la coppia si attiene ad un rigoroso riciclaggio (da "L'uomo in fuga" a "Il Gladiatore" a "Blade Runner") di caratteri e situazioni, tanto che non manca nemmeno la consueta cellula di resistenza umana ("Humanz") che si oppone al delirio di onnipotenza del malvagio di turno.
Unica nota non indegna la fotografia di Ekkehart Pollack, che predilige fangose tonalitÓ monocromatiche per "Slayers" e si trastulla con una tavolozza pop e ipersatura in "Society".
A Michael C.Hall viene voglia di suggerire un ritorno alla serie di appartenenza, mentre al marmoreo Gerard Butler, privo del carisma del Russell Crowe che s'ingegna d'imitare, si consiglia un salutare ritorno alle Termopili.
E se proprio dobbiamo parlare di arene gladiatorie worldwide, meglio il britannico "The Tournament" di Scott Mann, dignitoso b-movie in cui dei killer professionisti si affrontano in diretta televisiva.

Commenta la recensione di GAMER sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Nicola Picchi - aggiornata al 02/04/2010

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. konggovernance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitali
 NEW
jakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroes
 NEW
why did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016649 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net