Recensione fuoco fatuo regia di Louis Malle Francia, Italia 1963
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione fuoco fatuo (1963)

Voto Visitatori:   7,78 / 10 (16 voti)7,78Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film FUOCO FATUO

Immagine tratta dal film FUOCO FATUO

Immagine tratta dal film FUOCO FATUO

Immagine tratta dal film FUOCO FATUO

Immagine tratta dal film FUOCO FATUO

Immagine tratta dal film FUOCO FATUO
 

"Domani mi uccido!"

I latini lo chiamavano il "taedium vitae" ossia il disgusto della vita, uno stato d'animo che all'epoca, venti secoli fa, così come oggi, è stato ed è tuttora prevalentemente ostentato dalle persone ricche e colte: "per quanto tempo ancora dovrò fare le stesse cose? Dormire, svegliarmi, mangiare, sentirò freddo, sentirò caldo". Tutti gli elementi della realtà si susseguono in un ciclo continuo, tutto passa e tutto ritorna, vivere non rappresenta qualcosa di faticoso od atroce ma di assolutamente inutile.

Louis Malle trasferisce al trentenne di estrazione borghese Alain Leroy, assoluto protagonista del film, quello che ha vissuto sulla propria pelle per un lungo periodo della sua vita; locali notturni, esperienze occasionali, fiumi di alcool hanno accompagnato il regista fino ad una provvidenziale presa di coscienza, non si può essere adolescenti in eterno. L'occasione per esprimere quello che cominciava a diventare un disagio interiore importante e pericoloso Malle la trova con la lettura dell'omonimo romanzo di Pierre Drieu La Rochelle, (lo scrittore realizza l'opera per il rimorso di non aver saputo capire in tempo che il suo amico Jacques Rigaut, il protagonista del libro, avrebbe dato seguito ai suoi propositi di suicidio uccidendosi veramente) ne rimane così affascinato che decide di farne l'adattamento: l'opera letteraria diventa un film, fondamentalmente fedele, con la variante che a stravolgere la vita del protagonista anziché la droga è l'alcool.

Il film cerca di rappresentare, tra l'altro riuscendoci perfettamente, il malessere di Alain: un senso di inutilità incontrollabile, una sorta di follia post-depressione che lo fa sprofondare nell'alcool prima e nei propositi di suicidio poi.

Al regista sono sufficienti poche inquadrature all'inizio del film per far comprendere allo spettatore le intenzioni di Alain: l'interno della sua stanza, una data scritta su una lavagnetta ed una pistola avvolta in un panno accuratamente nascosta in un cassetto. La bellezza del film sta nel mostrare in maniera diretta ed altrettanto semplice il naufragio dell'uomo negli ultimi due giorni di vita. Nel breve arco di quarantotto ore Malle cerca di descrivere la complessa articolazione del fenomeno, il suicidio non è soltanto un'azione meccanica di pochi secondi come può esserlo un colpo di pistola, porre fine deliberatamente alla propria esistenza è un comportamento denso di implicazioni sociologiche e culturali che interagiscono con le motivazioni individuali e che di conseguenza impongono di valutare l'intenzionalità dell'atto, acquista quindi particolare importanza a quali condizionamenti socioculturali viene sottoposto il soggetto. Alain è sopraffatto da quel senso di inutilità della vita molto frequente nella generazione di giovani di estrazione borghese; dove non si vedono spiragli di realizzazione l'unica, drastica, soluzione è l'autodistruzione destinata a culminare nell'atto finale.

Fondamentale per la riuscita della pellicola è stata la scelta dell'attore protagonista da parte del regista; Maurice Ronet con la sua eleganza ed un naturale disincanto incarna perfettamente la complessa personalità di Alain, tutto è accentrato su di lui, i suoi amici gli gravitano intorno come delle ombre incapaci di aiutarlo, la loro quotidianità è lontana mille mondi dalla sua, l'impenetrabilità dell'uomo non consente tentativi di dissuasione verso i suoi macabri propositi, lo stato ininterrotto di ebbrezza sofferto in passato ha abbrutito il suo animo, i vizi acquisiti sotto l'azione del vino conservano il loro vigore e fanno perdurare una penosa condizione di disgusto nei confronti dell'esistenza.

Dove risiede la bellezza di questo film? Sin dalle prime immagini lo spettatore viene rapito dalla presenza di Alain Leroy con il quale entra subito in simbiosi, non è necessaria nessuna entrata trionfante del protagonista, al regista sembra non interessare il colpo ad effetto, la partecipazione con l'angoscia esistenziale di Alain è immediata, subito viviamo anche noi tanto quanto ci viene offerto, subito avvertiamo lo stesso penoso stato d'animo.

Che cosa spinge un trentenne di estrazione borghese, dall'aspetto piacevole e possibilità infinite per riuscire in tutto, a correre incontro alla morte per la noia di vivere?
Alain è un alcolizzato che segue una cura disintossicante in una clinica, su di lui grava anche il peso di una profonda depressione ma agli occhi dei dottori è in via di guarigione, raggiungere una totale situazione di benessere è soltanto una questione di volontà, per i medici basta volerlo ed il male oscuro viene tranquillamente lasciato alle spalle, purtroppo Alain vede le cose diversamente, la volontà c'è ma è finalizzata ad un altro scopo, non segna un punto di partenza ma di arrivo, nessuno dei vecchi amici chiamati in causa riesce a restituirgli la pace interiore, nessuna donna, nessun sentimento, nessun impulso esterno è in grado di convincerlo che la fine debba sopraggiungere nel momento che la natura ha decretato.
Alain rispetta quella legge eterna che ha stabilito un solo ingresso alla vita ma numerose uscite, perché non arrogarsi il diritto di scegliere quale?

Pur ritrovandosi in pieno periodo "Nouvelle Vague", Malle cerca di restarne comunque ai margini, fondamentalmente disinteressata alle novità, la sua è una regia semplice, diretta, di stampo classico con una maniacale ricerca delle inquadrature, primi piani che invitano alla riflessione, un cinema d'autore degno dei migliori Truffaut, Godard e Chabrol.

Commenta la recensione di FUOCO FATUO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Marco Iafrate - aggiornata al 17/11/2009

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

a quiet place: giorno 1abigail (2024)accattaromaacidamen (2024)
 NEW
animale umanoanimali randagianna (2023)arrivederci berlinguer!bad boys: ride or die
 NEW
cult killer - la vendetta prima di tuttodall'alto di una fredda torreeileenel paraisofantastic machinefederer: gli ultimi dodici giorni
 NEW
fly me to the moon - le due facce della lunafremontfuga in normandiafuriosa: a mad max sagagarfield - una missione gustosaghost: rite here rite nowgirasoligli immortali
 NEW
gli indesiderabili (2023)
 R
hit man - killer per casoholy shoeshorizon: an american saga - capitolo 1hotspot - amore senza retei dannatiif - gli amici immaginariil caso goldmanil coraggio di blancheil gusto delle coseil mio posto e' quiil mio regno per una farfalla
 NEW
il mistero scorre sul fiumeil regno del pianeta delle scimmieil segreto di liberatoin a violent natureinside out 2io & sissiio e il seccoio, il tubo e le pizzejago into the whitekinds of kindnessl’amante dell'astronautala memoria dell’assassinola morte e' un problema dei vivila profezia del malela stanza degli omicidila tartarugala treccial'esorcismo - ultimo attol'impero
 NEW
longlegsmade in dreams - l'italiano che ha costruito l'americamarcello mio
 NEW
matrimonio con sorpresa (2024)me contro te: il film - operazione spiemetamorphosis (2024)mothers' instinctnew lifeniente da perdere (2024)noir casablanca
 NEW
non riattaccareprima della fine - gli ultimi giorni di enrico berlinguerquattro figlie (2023)quell'estate con ireneracconto di due stagioniricchi a tutti i costiritratto di un amorerobo puffinroma bluessamadsaro' con tesei fratellishoshanashukransuperlunathe animal kingdomthe bikeridersthe boys - stagione 4the fall guythe penitent - a rational manthe rapture - le ravissement
 NEW
the strangers: capitolo 1the tunnel to summer, the exit of goodbyesthe watchers - loro ti guardanoti mangio il cuoretroppo azzurroun piedipiatti a beverly hills: axel funa spiegazione per tuttouna storia neraunder parisunfrosted: storia di uno snack americanovangelo secondo mariavincent deve morirewindlesswoken - nulla e' come sembra

1052264 commenti su 50929 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALL YOU NEED IS DEATHANCHE I CINESI MANGIANO FAGIOLIBAG OF LIESBLOODLINE KILLERBUTT BOYCINDERELLA'S REVENGEDR. CHEON E IL TALISMANO PERDUTOE IL CASANOVA DI FELLINI?EASTER BLOODY EASTERI DUE TORERII SAW THE TV GLOWIL MIO CORPO PER UN POKERIL MONDO DI ALEXIL SIGNORE DEL DISORDINEINSOSPETTABILE FOLLIAIP MAN: IL RISVEGLIOISLAND OF THE DOLLSK9 - SQUADRA ANTIDROGALA FORZA DELLA VENDETTALA STRANA SIGNORA DELLA PORTA ACCANTOLA TOTALE!L'APPRENDISTA DELLA TIGREMIO FIGLIO (2018)REFUGERINGO E GRINGO CONTRO TUTTISATAN'S SLAVE (1980)SPOONFUL OF SUGARSWIMTHE MONKEY KINGTHE MOONTHE PRINCESS (2022)THE SHE-CREATURETHE SOUL EATERUFO SWEDENUN AMORE IN PERICOLOWOMAN WALKS AHEAD

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

in sala


HIT MAN - KILLER PER CASO
Locandina del film HIT MAN - KILLER PER CASO Regia: Richard Linklater
Interpreti: Glen Powell, Adria Arjona, Austin Amelio, Retta, Sanjay Rao, Molly Bernard, Evan Holtzman, Gralen Bryant Banks, Mike Markoff, Bryant Carroll, Enrique Bush, Bri Myles, Kate Adair, Martin Bats Bradford, Morgana Shaw, Ritchie Montgomery, Richard Robichaux, Jo-Ann Robinson, Jonas Lerway, Kim Baptiste, Sara Osi Scott, Anthony Michael Frederick, Duffy Austin, Jordan Joseph, Garrison Allen, Beth Bartley, Jordan Salloum, John Raley, Tre Styles, Donna DuPlantier, Michele Jang, Stephanie Hong
Genere: azione

Recensione a cura di The Gaunt

POVERE CREATURE!
Locandina del film POVERE CREATURE! Regia: Yorgos Lanthimos
Interpreti: Emma Stone, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Ramy Youssef, Jerrod Carmichael, Christopher Abbott, Margaret Qualley, Suzy Bemba, Kathryn Hunter, Hanna Schygulla, Vicki Pepperdine, Jack Barton, Charlie Hiscock, Attila Dobai, Emma Hindle, Anders Grundberg, Attila Kecskeméthy, Jucimar Barbosa, Carminho, Angela Paula Stander, Gustavo Gomes, Kate Handford, Owen Good, Zen Joshua Poisson, Vivienne Soan, Jerskin Fendrix, István Göz, Bruna Asdorian, Tamás Szabó Sipos, Tom Stourton, Mascuud Dahir, Miles Jovian
Genere: fantascienza

Recensione a cura di The Gaunt

archivio


THE DEVIL IN MISS JONES
Locandina del film THE DEVIL IN MISS JONES Regia: Gerard Damiano
Interpreti: Georgina Spelvin, John Clemens, Harry Reems
Genere: erotico

Recensione a cura di The Gaunt

MERCOLEDI' - STAGIONE 1
Locandina del film MERCOLEDI' - STAGIONE 1 Regia: Tim Burton, Gandja Monteiro, James Marshall
Interpreti: Jenna Ortega, Gwendoline Christie, Riki Lindhome, Jamie McShane, Hunter Doohan, Percy Hynes White, Emma Myers, Joy Sunday, Georgie Farmer
Genere: fantasy

Recensione a cura di Gabriele Nasisi

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net