Recensione dillinger e' morto regia di Marco Ferreri Italia 1969
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione dillinger e' morto (1969)

Voto Visitatori:   8,46 / 10 (46 voti)8,46Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film DILLINGER E' MORTO

Immagine tratta dal film DILLINGER E' MORTO

Immagine tratta dal film DILLINGER E' MORTO

Immagine tratta dal film DILLINGER E' MORTO

Immagine tratta dal film DILLINGER E' MORTO

Immagine tratta dal film DILLINGER E' MORTO
 

Un ingegnere torna a casa dal lavoro. È una serata come tante altre. In casa c'è solo la moglie a letto che gli chiede dei sonniferi. La governante entrerà più tardi in casa, per poi rinchiudersi nella sua stanza, ma sia lei che la moglie sonoi raticamente assenti. L'ingegnere inizierà a prepararsi la cena, rifiutando quello che era già pronto. Nella ricerca degli ingredienti troverà una vecchia pistola. La pulirà, disinfetterà portandola di nuovo ai vigori di un tempo. Poi salirà dalla moglie e la ucciderà nel sonno. Il finale sarà devastante. Si imbarcherà su uno yacht alla volta di Tahiti, con scenario simile ad un quadro di Monet.

"Dillinger è morto" è il film più minimalista di Ferreri: sorprendente è la capacità di sottrarre struttura al racconto, svuotandolo di ogni orpello superfluo; il racconto di un uomo inserito perfettamente nella società industriale, con una bella carriera, con una bella moglie, una bella casa. Eppure c'è qualcosa che non va, che stona con un quadro tutt'altro che perfetto, un'asincronia costante per tutto il film; lo spettatore percepisce questa angoscia sottostante, ma sostanzialmente non riesce a spiegarne la provenienza.
Incredibile contrasto fra una vita moderna benestante ed il malessere primordiale di una cultura, e di una rivoluzione culturale (il '68) che forse ha liberato grandi idealismi ma che di certo ha liberato anche demoni interni, lasciando all'uomo l'incapacità di rispondere, o forse solo il tempo per poterlo fare, a quesiti mai posti prima, che si affollano in un universo di significati, più grandi dell'uomo stesso.

Il senso della vita. Forse è tutto lì. Un film epico, ma non nel senso classico, dei costumi, non nella lunghezza, non nelle scenografie, ma solo nel suo contenuto e significato più intimo. Girato tutto in un appartamento, Ferreri supera la barriera del suono, facendo urlare il suo film migliore come il protagonista di un famoso quadro di Munch.
Ferreri mostra la lucidità di un folle in mezzo ad una cecità di esseri normali. Nel film di Milos Forman "Qualcuno volò sul nido del cuculo" si legge un aforisma che ben rispecchia questo pensiero, che recita: "un normale non è altro che un pazzo che si nasconde".

La solita vita normale, fatta di quotidianità e di linearità che però crea dissonanza con la continua ricerca di senso dell'uomo moderno. Nel periodo di grandi rivoluzioni culturali e ideologiche, Ferreri invece sceglie di andare controcorrente, con il solito fare autodistruttivo e pessimista, sceglie di annullare ogni cosa per poi ricominciare da capo. Contro tutti e tutto Ferreri rema contro un cinema che stava cominciando a rappresentare il cinema rivoluzionario di quell'epoca, portando rose, fiori e musica dappertutto, con colori vivaci, segno di una libertà finalmente raggiunta; invece Ferreri preferisce dipingere un quadro monocromatico, senza suono apparente, con fiori appassiti, e con una libertà che rende prigionieri. Ma forse è proprio questo che il film mette in risalto. E' la realtà di un borghese perfettamente omologato da una società del benessere, ma fondamentalmente solo, e senza un briciolo di coscienza etica. La parte centrale del film lo vede immerso in azioni autistiche e regressive, come vedere i film della vacanze, forse per trovare se stesso rivedendosi in un filmino in cui semplicemente riconoscersi, e trovare il bandolo della matassa. Altra azione è quella di flirtare con la governante che all'inizio sembra vacillare ma che poi lascia che la cosa smorzi così come è cominciata; finita questa breve relazione umana, torna ad immergersi negli scaffali, cercando non si sa bene cosa.

Guardando il film lo spettatore percepisce la folle normalità di quelle azioni, svolte dal protagonista con assoluta leggerezza, che per circa un'ora attanaglia il pubblico, lo costringe a seguire delle mollichine per tutto il film, costringendolo a fare da guardone, verso un finale insospettabile, ma di cui lo spettatore guidato dalla sua sensibilità percepisce il rischio. Il rischio di uccidere la moglie, unico gesto "insano" che rappresenta l'apice dell'assenza di senso e del film stesso. Lì lo spettatore non può far altro che capire che ciò che aveva percepito ha preso improvvisamente forma, nella sua massima espressione, in quel semplice gesto. Sì, poter uccidere la propria moglie come bere un bicchiere d'acqua, senza nessuna emozione, senza risentimento, senza alcun istinto primordiale, di alcun genere.

Commenta la recensione di DILLINGER E' MORTO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di micheletraversa - aggiornata al 26/09/2008

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

10 giorni senza mamma7 uomini a molloa private war
 NEW
alita - angelo della battagliaalmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaamici come prima (2018)anatomia del miracoloanimali fantastici: i crimini di grindelwaldanimasaquamanattenti al gorilla
 NEW
beautiful boy (2018)ben is backbenvenuti a marwenberninibird boxblack tide
 HOT
bohemian rhapsodybts world tour: love yourself in seoulbumblebeecalcutta - tutti in piedicapri-revolution
 NEW
cartachesil beach - il segreto di una nottechi scriverà la nostra storia?city of liescold war (2018)coldplay: a head full of dreamscolette (2018)compromessi sposiconta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericonversazioni atomichecoppermancosa fai a capodanno?creed ii
 NEW
crucifixion - il male e' stato invocatodinosaurs (2018)don't fuck in the woods 2dove bisogna staredragon trainer: il mondo nascostoescape room (2019)friedkin uncut - un diavolo di registaghostland - la casa delle bamboleglassgreen bookhepta. sette stadi d'amoreholmes and watsonhunter killer - caccia negli abissii bambini di rue saint-maur 209i nomi del signor sulcici spit on your grave: deja vui villaniil castello di vetroil corriere - the muleil destino degli uominiil gioco delle coppieil grinch (2018)il mio capolavoroil primo reil professore cambia scuolail ragazzo piu' felice del mondoil ritorno di mary poppinsil sindaco - italian politics 4 dummiesil testimone invisibileil vizio della speranzain guerraisabellela befana vien di nottela donna elettricala douleurla favorita
 R
la notte dei 12 anni
 NEW
la paranza dei bambinila prima pietrala scuola serale
 NEW
la vita in un attimol'agenzia dei bugiardilake placid: legacyle ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucel'esorcismo di hannah graceliberolo sguardo di orson welleslontano da quilook awayl'uomo che rubo' banksyl'uomo dal cuore di ferrom.i.a. - la cattiva ragazza della musicamacchine mortalimalerbamaria regina di scoziamathera - l'ascolto dei sassimenocchiomia e il leone biancomorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimoschettieri del re: la penultima missionenelle tue mani (2018)
 NEW
nightmare cinemanon ci resta che il criminenon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menotti magiche
 NEW
ognuno ha diritto ad amare - touch me nototzi e il mistero del tempoovunque proteggimipeppermintpiercingralph spacca internetred zone - 22 miglia di fuocoremi
 NEW
rex - un cucciolo a palazzoricomincio da me (2019)ride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italiase la strada potesse parlarese son roseseguimisenza lasciare traccia (2018)spider-man: un nuovo universostyxsulle sue spallesummer (leto)
 HOT
suspiria (2018)the barge peoplethe final wishthe old man & the gunthe other side of the windthe young cannibalstramonto (2018)tre voltitroppa graziatutti lo sannoun giorno all'improvvisoun piccolo favore
 NEW
un valzer fra gli scaffali
 NEW
un'avventuraupgradevan gogh - sulla soglia dell'eternita'velvet buzzsawvice - l'uomo nell'ombravoglio mangiare il tuo pancreaswidows: eredita' criminalezen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

984735 commenti su 40856 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net