Recensione che strano chiamarsi federico regia di Ettore Scola Italia 2013
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione che strano chiamarsi federico (2013)

Voto Visitatori:   6,67 / 10 (6 voti)6,67Grafico
Voto Recensore:   5,00 / 10  5,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film CHE STRANO CHIAMARSI FEDERICO

Immagine tratta dal film CHE STRANO CHIAMARSI FEDERICO

Immagine tratta dal film CHE STRANO CHIAMARSI FEDERICO

Immagine tratta dal film CHE STRANO CHIAMARSI FEDERICO

Immagine tratta dal film CHE STRANO CHIAMARSI FEDERICO

Immagine tratta dal film CHE STRANO CHIAMARSI FEDERICO
 

C'Ŕ un momento davvero magico, nel film di Scola, quando tre dei pi¨ grandi attori scomparsi del nostro cinema partecipano ai provini del famigerato "Casanova", offrendo ciascuno la propria versione sulla figura del nobile veneziano. Ora vaga, goffa, eccessiva, teatrale, confusa o semplicemente utopica.
Ugo Tognazzi dichiara giÓ la sua sconfitta per le differenze d'altezza con il "vero" Casanova, Alberto Sordi punta sull'effetto grottesco da grande schermo - citando a modo suo il "suo" Nerone e magari pensando al futuro Marchese Del Grillo - e Vittorio Gassman, istrionico pi¨ che mai, libera la sua maschera ammettendo che forse il personaggio Ŕ troppo accomodante e "romantico" per lui. La libertÓ di scelta, ovviamente, a Federico Fellini che scelse per il suddetto ruolo un'inquietante, ambiguo Donald Sutherland.

E' come assistere alla tardiva celebrazione (riesumazione?) di tre grandi artisti scomparsi, con l'aggiunta obbligatoria di un grande cineasta. Non Ŕ come credere di vedere la morte di un certo cinema Italiano?
A ricordare la figura di Fellini Ŕ facile cadere nella trappola agiografica di un Cinema che ha trionfato nel sogno ed altro ancora (Micheal Gondry, David Lynch? Che ne avrebbe pensato il regista italiano?), di personaggi-caricatura che fanno perno a un immaginario che soddisfa il ludismo della finzione scenica cinematografica. E proprio per questa sua caratteristica Ŕ evidente che la mise in scena, contrariamente a quanto dicono in giro, sia proprio tutto ci˛ che ci si aspetta e, aggiungiamo, pi¨ di quanto siamo disposti a sopportare.

Ma questi uomini seduti in riva al mare, come davanti a un paesaggio verista, cosa possono dirci come riflessione anche critica del cinema di Fellini, salvo celebrare il Maestro in un trionfo di manierismo che sembra sfuggire davanti agli entusiasmi della critica nostrana o degli spettatori della Mostra del Cinema di Venezia?
Gli applausi del Presidente della Repubblica fanno pensare quanto sia consolidata la tradizione che ostenta l'omologazione culturale sul valore indiscusso dei nostri Miti, come se fossimo davanti a Dei inavvicinabili e per questo compianti in eterno (e si fa lo stesso con Pasolini, dopo tutto il fango che Ŕ stato gettato addosso al regista-poeta friulano... siamo messi male).

E cosý l'ossessione del Casanova rivisto e corretto fuori dai canoni ordinari proprio da Fellini (tra Schnitzler e affini, ma creando lasua opera pi¨ intima e personale) ci sembra uno dei rari momenti autentici di un film-tributo che incorre, guardac aso, in tediosi asservimenti ("Ha fatto sognare milioni e milioni di spettatori di tutto il mondo", che novitÓ) e che non esce quasi mai dai binari della sviolinata truccata vagamente da elucubrazione visiva.

Se il film riesce in parte a catturare l'arte visiva del cinema di F.F., ci˛ si deve principalmente alla facilitÓ della rappresentazione esplicita del suo cinema. Non devono mai mancare soubrette e ballerine formose o "poppute", illusionisti e clown, mimi e tantomeno un "sosia" del maestro che si aggira di spalle con l'immancabile sciarpa (rossa) e un voluminoso cappello. L'effetto non si discosta poi tanto da quello di un vecchio varietÓ televisivo di Antonello Falqui, autore sempre molto vicino alle esperienze della Rivista Italiana degli anni 40ĺ e 50ĺ. Un effetto che nei primi fotogrammi in b/n sembra ricondursi al chiassoso carosello in celluloide di "Nitrato d'argento", ultima e sopravvalutata prova registica di Marco Ferreri.

E' la parte biografica, romanzata in maniera francamente monocorde, ad attirare l'attenzione nella prima parte, con il giovane Federico che muove i primi passi nella redazione del giornale satirico "Marc'Aurelio", in compagnia di altre "penne" dal futuro roseo come Marcello Marchesi, Vittorio Metz, Age e Scarpelli, Steno (Stefano Vanzina).
E' il Fellini vignettista che, come suggerisce il film, non ha mai dimenticato le sue origini (il recente Viaggio di G. Mastorna). E' il Fellini che lavora all'EIAR, e che collabora giÓ a 19 anni ai dialoghi e alle sceneggiature di alcuni film di Erminio Macario.

Questa sorprendente (?) boutade paratelevisiva di Scola in realtÓ Ŕ piena di inesattezze: sulla data del film "L'amore" di Rossellini, per esempio, che Ŕ del 1948 e non del 1950, sulle - pur rarissime - prove attoriali ("Il mondo di Alex", di Mazursky).
Ma il tutto Ŕ anche piuttosto affettato, come la limitata libertÓ d'espressione in anni ancora dominati dall'ideologia fascista. Un sogno senza rimpianti, ne siamo poi certi? Non scherziamo, anche perchÚ sotto le righe si sente pure una celata invidia di Scola per un talento tanto diverso dal suo. E' un modo comodo e rassicurante di raccontare un regista senza alcun ripensamento storico, filosofico e culturale sulla sua opera.
Non ne aveva certo l'intenzione ma chiudersi nell'ammirazione sconfinata di un'Italia che reclama i suoi Miti del passato, non Ŕ detto che sia la strada giusta da percorrere. Siamo cosý davanti alla retorica consapevolezza che dobbiamo ringraziare per tutta la vita, che richiama guarda caso alla sottomissione recidiva e meschina dei personaggi di Alberto Sordi, lanciato proprio da Fellini. O magari lasciato successivamente in balýa delle molte maschere Italiche sempre pi¨ diverse dal circo equestre umano ed esistenziale dello stesso regista - "Egli danza, egli... danza" (Orson Welles, "La ricotta", 1963, Pier Paolo Pasolini).

Il "ritratto" sembra sempre pi¨ assecondare il bisogno di Scola di dare voce ai morti, creando persino l'illusione che gli addii possano anche sopravvivere (vedi epilogo), mentre l'Artista "danza" davvero con la vita e la morte. Si possono cosý esaurire fotogrammi che ovviamente restano indimenticabili, "rubati" al baule dei ricordi, plastici e avveniristici, dogmatici assoluti di un'Italia in genuflessa ammirazione.
Lode al Maestro e alla nostra ludica morte.

Commenta la recensione di CHE STRANO CHIAMARSI FEDERICO sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di kowalsky - aggiornata al 20/09/2013 16.19.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

200 metersadaalcarras - l'ultimo raccoltoall the streets are silentalla vitaamanda (2022)amanti (2020)
 NEW
argentina, 1985beast (2022)bentublack parthenope
 NEW
blondebodies bodies bodiesbrian e charlesbullet traincarter (2022)casablanca beatscome prima (2021)crimes of the future (2022)dashcamday shift - a caccia di vampiridc league of super-pets
 NEW
don't worry darlingelvis (2022)emergencyevangelion: 3.0+1.01 thrice upon a timefallfassbinderfire of lovefly - vola verso i tuoi sognifreedom (2021)giorni d'estategold (2022)goodnight mommy (2022)hill of visionhouse of darknesshustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil paradiso del pavoneil pataffioil signore delle formicheil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e spottyjane by charlottejurassic world - il dominiokarate manla doppia vita di madeleine collinsla mia ombra e' tuala ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei murilas leonas
 NEW
le buone stellele favolosele voci solel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzl'immensita'liz e l'uccellino azzurrol'origine del malemad godmaigretmarcel!marginimemoriamemory (2022)men (2022)mindemicminions 2 - come gru diventa cattivissimomistero a saint-tropeznel mio nomenido di viperenon sarai solanopenostalgiaorphan: first killpaolo rossi - l'uomo. il campione. la leggenda.pearl (2022)per niente al mondopeter va sulla lunapleasureprey (2022)queensquel che conta e' il pensierorevolution of our timesriminirise - la vera storia di antetokounmposamaritansecret love (2021)secret team 355shark baitspiderheadsposa in rossostudio 666tenebrathe black phonethe deer king - il re dei cervithe forgiventhe gray manthe hanging sun - sole di mezzanottethe invitation (2022)the man from toronto
 NEW
the munstersthe other side (2020)the slaughter - la mattanzathe twin - l'altro volto del malethor: love and thunderthree nights a weektoilettop gun: maverickun mondo sotto socialuna boccata d'ariaun'ombra sulla verita'viaggio a sorpresavieni come seiwild nights with emily dickinsonx - a sexy horror story

1032990 commenti su 48266 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

ALTA MODACENTO COLPI DI PISTOLACLOWN MOTEL 2DETTORI - SEGNI PARTICOLARI: FANTINODO NOT DISTURB (2022)DUELLO TRA LE ROCCEEARWIGGLI SPARVIERI DELLO STRETTOGLORIOUSJERRY SCHATZBERG, PORTRAIT PAYSAGELA FINE DI UN TIRANNOLA MANO VENDICATRICELA PISTOLA SEPOLTALA VALLE DEI BRUTIL'ARMA CHE CONQUISTO' IL WESTLE 22 SPIE DELL'UNIONEMADRE AD OGNI COSTOMANEATER (2022)MEDUSAMEZZOGIORNOů DI FIFAPER AMORE DI VALERIEROCK DOG 2SHRIEKSHOWSOPHIA!SPEAK NO EVIL (2022)SQUILLI AL TRAMONTOTHE DEBUSSY FILMTHE LEGEND OF THE UNDERGROUND - LA LIBERTA' E' UN DIRITTOTHEY WAIT IN THE DARKUN MARZIANO SULLA TERRAUN'ESTATE A MIKONOSWHAT JOSIAH SAWWINTER LAKE - IL SEGRETO DEL LAGO

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net