Recensione 1408 regia di Mikael Hafstrom USA 2007
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione 1408 (2007)

Voto Visitatori:   6,59 / 10 (388 voti)6,59Grafico
Voto Recensore:   7,00 / 10  7,00
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film 1408

Immagine tratta dal film 1408

Immagine tratta dal film 1408

Immagine tratta dal film 1408

Immagine tratta dal film 1408

Immagine tratta dal film 1408
 

"L'inferno è ripetizione"

Così ha scritto una volta Stephen King.
"1408" è tratto infatti dall'omonimo racconto di Stephen King contenuto nella raccolta Tutto è Fatidico. Si tratta di un racconto che ha una genesi particolare la cui esegesi è sicuramente interessante per comprendere i pregi e i difetti del film che ne è stato tratto.

Alcuni anni fa Stephen King decise di scrivere una sorta di autobiografia in cui analizza la propria professione di scrittore (il libro in questione è "On Writing"). È in seno a questa esperienza che "1408" trova la propria origine. Le prime pagine di questo racconto, infatti, sono state scritte da King a livello esemplificativo per i lettori di On Writing con una duplice finalità: esso doveva spiegare come ogni scrittore debba prima o poi affrontare la tematica della casa infestata e doveva poi chiarire in che cosa consiste la differenza fra la prima stesura di un racconto e la sua stesura definitiva. Ma che cosa accadde? Stephen King è uno dei pochi scrittori che nella vita è stato davvero capace di coniugare felicemente la propria passione con il proprio lavoro, svolgendo la sua attività con un divertimento giocoso che pochi possono vantare. Per questo suo modo di affrontare la scrittura, il nostro si trovò affascinato da queste poche pagine che aveva scritto a mero scopo esemplificativo e, come si sa, spesso le storie vivono di vita propria e il loro autore in verità non è altro che un tramite. Fu così che King, quasi per gioco, decise di continuare la stesura del racconto.
Questa è la genesi di "1408".

È così che il breve racconto di King è stato poi affidato alle mani di tre sceneggiatori che raramente si sono cimentati con il genere horror: Matt Greenberg, Scott Alexander, Larry Karaszewski. Per essere esatti si deve dire che Matt Greenberg è il solo fra i tre che già si era cimentato con il genere horror. Sono sue infatti le sceneggiature di "L'Angelo del Male" ("The Prophecy 2", 1998), di "Halloween, 20 anni dopo" (1998), dell'episodio pilota della serie televisiva americana "The Invisible Man" e di un episodio della serie "Masters of Horror", oltre ad essere stato cosceneggiatore de "Il Regno del Fuoco" ("Reign of Fire", 2002). Questa sua pregressa esperienza chiarisce il fatto che Greenberg abbia coadiuvato il lavoro di Alexander e di Karaszewski. Questi ultimi due, che hanno quasi sempre lavorato in coppia, sono sceneggiatori più navigati ed esperti. Per esempio sono loro le sceneggiature di tutta la serie "Piccola Peste" ("Problem Child", 1990, 1991, 1995), di "Ed Wood" (1994), "Larry Flynt - oltre lo scandalo" ("People vs Larry Flynt", 1996), "Man on the Moon" (1999). Essi hanno inoltre in fase di scrittura la sceneggiatura di "Cell" (annunciato per il 2009) anche questo tratto da un romanzo di Stephen King.

Perché è così importante andare a vedere tutti gli scritti che risiedono dietro la realizzazione del film "1408"? Per il semplice fatto che si tratta di una di quelle pellicole che si fonda su due fattori: una solidissima sceneggiatura che guidi anche la mano del regista (lo svedese Mikael Håfström) e molti effetti speciali. Il regista Mikael Håfström è infatti alla sua seconda regia di una produzione statunitense (la prima era stata "Derailed", 2005) e, come ormai si sa, le Major americane accordano agli artisti europei una fiducia limitata, imbrigliando il loro lavoro di direzione artistica in seno a confini rigidissimi imposti dalla produzione attraverso l'approvazione di una sceneggiatura di ferro.

E così nasce il film "1408". Il racconto di Stephen King è rispettato assai fedelmente, tanto che i dialoghi sono mutuati da esso quasi nella loro interezza. Ma se gli sceneggiatori si fossero affidati esclusivamente ad un racconto di circa 45 pagine, in cui si crea una grande aspettativa nel lettore di tutto quello che potrebbe accadere in questa misteriosa stanza numero 1408 che poi viene liquidata brevemente (e giustamente secondo i criteri narrativi dello schema del racconto) in poche pagine, ne sarebbe uscito un film troppo breve, forse più prossimo ad un episodio di una serie televisiva come Masters Of Horror, che non a un film destinato alle sale cinematografiche.
Quindi che cosa è accaduto? Gli sceneggiatori non si sono limitati a trasferire integralmente il racconto di King nella loro sceneggiatura.
Essi hanno approfondito la storia e la psicologia del protagonista Mike Enslin (John Cusak) ed hanno enormemente ampliato la sua permanenza all'interno della stanza 1408, ingigantendo le manifestazioni paranormali. Su questo torneremo più avanti.

"1408", racconta una storia abbastanza classica e non avrebbe potuto essere diversamente dato che la sua genesi, come già detto, è quella di un racconto dimostrativo su come affrontare una storia appunto di genere.
Sono molto buone le aspettative, la tensione e la curiosità che si vengono a creare nello spettatore intorno ai misteri racchiusi nella stanza 1408.

"Le camere degli alberghi sono luoghi inquietanti per definizione. Provate a pensare quante persone hanno dormito in quel letto prima di voi. Quante di loro erano malate? E quante sono morte?"

Così dice (più o meno testualmente) Mike Enslin parlando nel microfono del proprio registratore portatile. E questo è vero. La storia sulla camera maledetta o sulla casa infestata si vende da sola. Compito degli autori è, in seno ad un cliché classico, riuscire ad attrarre ugualmente l'attenzione del pubblico e, se possibile, analizzare il cliché sotto una nuova ottica o trasmettere comunque qualcosa di nuovo, fosse anche una semplice variazione sul tema.
Non era un caso che circa l'ottanta percento del racconto di King fosse finalizzato a creare l'aspettativa di che cosa potesse mai nascondersi dietro la porta della 1408 e solo il venti percento, invece, narrasse gli accadimenti al suo interno.
Purtroppo nel film questa prospettiva e completamente invertita e da qui scaturisce il primo vero punto debole della pellicola. Circa tre quarti di essa, infatti, sono ambientati all'interno della stanza 1408. Questo ha costretto gli autori della sceneggiatura a ricorrere ad un espediente dietro l'altro nel tentativo di non far calare mai l'attenzione. E si deve riconoscere che sono stati davvero bravi e che hanno saputo creare un'atmosfera e alcuni colpi di scena di ottimo livello e di grande effetto. Tuttavia la cosa alla fine risulta essere tirata un po' troppo per le lunghe. Questo fatto danneggia irreversibilmente l'atmosfera che era stata creata e alla fine potrebbe anche arrivare ad annoiare lo spettatore. Oltre un certo limite le trovate diventano eccessive e la situazione diventa tanto estrema ed ingigantita da scadere quasi nel grottesco.
Se a questo si aggiunge che gli sceneggiatori non hanno resistito alla tentazione d'introdurre il personaggio della figlia morta di Enslin, facendo assumere ad una storia di demoni e di fantasmi una dimensione vagamente teista, di speranza in una vita dopo la morte e dell'esistenza di un'anima immortale (argomenti già intrinseci ad una storia che parla di fantasmi e che quindi non richiedono ulteriore spiegazione né maggiore enfasi), allora si possono vedere bene le pecche di questo film.
Si pensi al dialogo immaginifico fra il protagonista e Mr. Olin (Samuel L. Jackson), che appare all'interno del minibar della 1408, durante il quale il direttore dell'albergo accusa Enslin di aver ucciso nei suoi lettori la speranza in una vita dopo la morte a causa del suo scetticismo nei confronti delle storie di fantasmi.
Si aggiunge a tutto questo anche un errore di fondo, perdonabile ma comunque incoerente, derivante dalla necessità di ampliare la narrazione dei fatti all'interno della stanza. Mr. Olin dice a Enslin che il motivo per cui la 1408 ha ancora una serratura ed una chiave, anziché una tessera magnetica deriva dal fatto che gli strumenti tecnologici ed elettronici non funzionano o funzionano male all'interno di quella particolare camera.
Questa frase è mutuata pari pari dal racconto e si tratta di una considerazione ovvia. Essa rappresenta il conflitto fra la razionalità, rappresentata dalla scienza e dalle sue applicazioni, e l'irrazionalità, il desiderio umano di rifugiarsi in un mondo che conservi ancora un po' di magia e un po' di mistero, rappresentato dal sovrannaturale nelle sue varie manifestazioni e sfaccettature. In questa ottica stride la presenza della radiosveglia a cristalli liquidi e della televisione all'interno della stanza. Elementi che, naturalmente, nel racconto non ci sono o che non hanno nessuna rilevanza. È però anche vero che essi vengono monopolizzati dalla stanza stessa e diventano suoi strumenti e sue armi contro lo sventurato avventore. È per questa ragione che stiamo dicendo che trattasi di una incongruenza trascurabile, che però in certa misura va a denaturare l'impatto del contrasto fra la ragione e la fantasia.

Nonostante i sopraccitati difetti, "1408" deve reputarsi un buon prodotto per una vasta serie di ragioni.
Innanzitutto il ritmo della narrazione è serrato ed avvincente.
Eccezion fatta per una certa stanchezza derivante dalla lungaggine della permanenza del protagonista nella camera, il film crea una buona atmosfera, suggestiva ed angosciante. Naturalmente gli effetti speciali sono ottimi, fantasiosi ed inquietanti. Tuttavia e non paradossalmente, sono proprio loro, nel desiderio di mostrare troppo, a far scemare la paura, la tensione e l'angoscia di tutta la vicenda.
Samuel L. Jackson e John Cusak si dimostrano bravissimi. Il loro breve faccia a faccia è forse uno dei momenti migliori dell'intera pellicola.
Difficile invece analizzare l'opera del regista che, come si è detto, era troppo imbrigliato dai confini dettagliati della sceneggiatura. La sua direzione risulta indubbiamente buona, tuttavia resta troppo più simile al lavoro di un manovale che non a quello di un artista.
Inoltre si deve ricordare che riuscire ad adattare per il grande schermo un'opera (anche minore, come in questo caso, per non dire addirittura mediocre) di Stephen King non è per niente facile. Infatti sono molti i registi che partendo da suoi libri ottimi e di grande successo hanno dato vita a film che definire pessimi sarebbe un eufemismo. Mikael Håfström ha dato prova di saper realizzare un'ottima trasposizione, ma quanto questo possa essere merito suo o merito degli sceneggiatori è difficile dirlo.
Come accennato, la sceneggiatura è di ottimo livello, nonostante le piccole cadute di cui abbiamo parlato.
I dialoghi sono davvero ben scritti. Interessanti, rapidi e quasi mai gratuiti, potrebbero essere citati quasi allo sfinimento.
Anche la soluzione finale della vicenda è assai buona. Essa riprende solo parzialmente quella (in verità più convincente) adottata da King nel proprio racconto, e l'amplifica a livello gargantuesco.

Si deve parlare ora di un confronto necessario a causa di quanto scritto da certa parte della critica.
Il raffronto fra "Shining" e "1408".
In questa sede vorremmo dire che il raffronto non esiste e che non si riesce a capire il perché di tale associazione. Sia lo spessore psicologico, sia quello artistico, sia quello narrativo, sono lontanissimi e separati da una differenza abissale, proprio come lo sono le due opere di Stephen King. Si immagina che nessun lettore che si sia trovato fra le mani il racconto "1408" abbia mai pensato di paragonarlo ad un romanzo del calibro di Shining e questo per un semplice motivo: sono in realtà due storie completamente differenti. E non si venga a contestare che in entrambe si parla di camere maledette e che il protagonista è uno scrittore.
Un'altra differenza abissale fra i due film è costituita dalla loro dimensione spaziale. Entrambi sono sì claustrofobici, ma in "1408" abbiamo uno spazio circoscritto terribilmente limitato, una vera e propria prigione, mentre in "Shining" ci si trova prigionieri di spazi ampi e labirintici (al di là del labirinto di siepi) proprio come i meandri della follia umana.
Tuttavia da questo apparentemente inutile raffronto si può trarre uno spunto di riflessione.
Si pensi ad una della sequenze finali di "Shining": quando Wendy Torrance vede le varie presenze che albergano l'Overlook. Tutte quelle presenza hanno una propria storia nel romanzo, non ne hanno nessuna, invece, nel film. La rapidità del susseguirsi di immagini e di personaggi, senza nessuna spiegazione, crea nello spettatore inquietudine e anche un certo raccapriccio. Se in "1408" si fosse seguita questa linea di condotta, magari sforbiciando un po' le situazioni relative alla permanenza del protagonista in seno alla camera, allora il risultato sarebbe stato assai migliore.

Complessivamente "1408" mantiene in grandissima parte le promesse fatte. È divertente ed angosciante quanto basta. La qualità della messa in scena è ottima e di alto livello. Il senso di claustrofobia, quello di prigionia, quello di abbandono, quello di disperazione sono ben presentati e ben sviluppati. Essi contribuiscono a creare quell'inferno che è anche ripetizione. Metafora di quell'inferno interiore e personale che può spingere molti individui al suicidio o alla riscoperta dell'attaccamento alla vita e del desiderio di vivere, oltre che di sopravvivere.

Se non fosse per l'impatto visivo degli effetti speciali, si consiglierebbe di guardare questo film tranquillamente a casa propria.
Ma tenuto conto dell'ottima qualità visiva se ne consiglia la visione in una buona sala cinematografica.

"Anche se uscirai, non potrai mai lasciare questa stanza!"

Commenta la recensione di 1408 sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Carlo Baldacci Carli - aggiornata al 04/12/2007

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#ops - l'evento1938 diversi7 sconosciuti a el royalea private wara voce alta - la forza della parolaachille taralloalmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaanatomia del miracoloangel faceanimali fantastici: i crimini di grindelwaldarrivederci saigona-x-l: un'amicizia extraordinariabaffo & biscotto - missione spazialeberniniblack tideblackkklansmanbogside storybohemian rhapsodyboxe capitale
 NEW
calcutta - tutti in piedichesil beach - il segreto di una nottecoldplay: a head full of dreamscolette (2018)conta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camilleri
 NEW
conversazioni atomichecosa fai a capodanno?country for old men
 NEW
dinosaurs (2018)disobediencedog dayse' nata una stella (2018)euforiafriedkin uncut - un diavolo di registafuoricampoghostland - la casa delle bambolegirlgotti - un vero padrino americanoguarda in alto
 HOT
halloweenhell fest
 NEW
hepta. sette stadi d'amorehunter killer - caccia negli abissii spit on your grave: deja vui villaniil banchiere anarchicoil bene mioil castello di vetroil complicato mondo di nathalieil destino degli uominiil grinch (2018)il mistero della casa del tempoil presidente (2018)il primo uomo (2018)il ragazzo piu' felice del mondoil salutoil sindaco - italian politics 4 dummies
 NEW
il testimone invisibileil verdetto - the children actil vizio della speranzaimagine (2018)in guerrain viaggio con adeleisabellejohnny english colpisce ancorajust charlie - diventa chi seiklimt & schiele - eros e psichela banda grossila casa dei librila diseducazione di cameron postla donna dello scrittore
 NEW
la donna elettricala fuitina sbagliatala morte legalela prima pietrala profezia dell’armadillola scuola seralela strada dei samounil'albero dei frutti selvaticil'ape maia - le olimpiadi di mielel'apparizionele ereditierele ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucelo schiaccianoci e i quattro regnilola + jeremy
 NEW
lontano da quilook away
 NEW
l'uomo che rubo' banksyl'uomo che uccise don chisciotte
 NEW
macchine mortalimalerbamandymenocchiomichelangelo - infinitomillennium - quello che non uccideminicuccioli - le quattro stagionimio figliomiraimorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimuseo - folle rapina a città del messiconessuno come noi
 T
new york academy - freedancenon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menon e' vero ma ci credonotti magicheoltre la nebbia - il mistero di rainer merzopera senza autoreotzi e il mistero del tempoovunque proteggimipapa francesco - un uomo di parolapiazza vittoriopiccoli brividi 2 - i fantasmi di halloweenpupazzi senza gloriaquasi nemici - l'importante e' avere ragionered land (rosso istria)red zone - 22 miglia di fuocorenzo piano: l'architetto della lucericchi di fantasiaride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italiasaremo giovani e bellissimise son rosesearchingseguimisei ancora qui - i still see yousembra mio figliosenza lasciare traccia (2018)separati ma non tropposick for toysslaughterhouse rulezsmallfoot - il mio amico delle nevisogno di una notte di mezza eta'soldadostyxsulla mia pelle (2018)sulle sue spallesummer (leto)suspiria (2018)terror take awaythe barge peoplethe domesticsthe equalizer 2 - senza perdonothe islethe little strangerthe milk system - la verita' sull'industria del lattethe nun - la vocazione del malethe other side of the windthe predatorthe reunionthe wife - vivere nell'ombrathis is maneskinti presento sofiatouch me nottre voltitroppa graziatutti in pieditutti lo sannoun affare di famiglia (2018)un amore così grandeun figlio all'improvvisoun giorno all'improvvisoun nemico che ti vuole beneun peuple et son roi
 NEW
un piccolo favoreuna storia senza nomeuno di famigliaup&down - un film normaleupgradevenom (2018)widows: eredita' criminalezanna bianca (2018)zen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

981878 commenti su 40516 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net