joker regia di Todd Phillips USA 2019
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

joker (2019)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film JOKER

Titolo Originale: JOKER

RegiaTodd Phillips

InterpretiJoaquin Phoenix, Robert De Niro, Zazie Beetz, Bill Camp, Frances Conroy

Durata: h 2.02
NazionalitàUSA 2019
Generethriller
Al cinema nell'Ottobre 2019

•  Altri film di Todd Phillips

Trama del film Joker

Joker Ŕ noto per essere uno dei nemici storici di Batman. Ma la storia del suo alter ego Arthur Fleck rivela come un uomo trascurato dalla societÓ possa riversare tutta la sua grinta in qualcosa che sarÓ di futuro monito per tutto il mondo.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,11 / 10 (105 voti)8,11Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Joker, 105 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
««Commenti Precedenti   Pagina di 2  

.Kia90.  @  08/10/2019 10:34:49
   10 / 10
Se il fumetto di Batman appassiona perché è quanto più si discosta dal mondo "divino" e soprannaturale dei supereroi, qui abbiamo davanti il Joker più umano degli umani.
Un'interpretazione perfetta, una genesi precisa con un'escalation incredibile. Il film nel suo insieme è qualcosa di davvero unico e che sta già facendo storia.
Complimenti a Phillips e soprattutto a Phoenix per averci regalato questo gioiello.

The BluBus  @  08/10/2019 01:01:26
   8½ / 10
Eccellente sotto tutti i punti di vista. Diverse citazioni tra cui un rimando a V for Vendetta. Colonna sonora al top

Scuderia2  @  07/10/2019 21:36:45
   7½ / 10
A Gotham si sta male.
E non è solo un problema di raccolta dei rifiuti urbani.
Si stanno agglomerando dei rifiuti umani.
Poveri, reietti, folli e sbandati lasciati al pascolo con le istituzioni favorevoli alla creazione di una forbice sociale allargata.
Salvo poi andare al cinema in piena 'rivolta dei pagliacci' e lasciarci le penne per essere voluti andare a vedere a tutti i costi La lama gay di Zorro.
Joker è un film che non si guarda volentieri. Crea sofferenza e disagio.
Arthur Fleck è fragile ed è facile farlo cadere nel baratro della follia se ben assistito. Anzi, se non assistito.
E così Arthur si erge a capobranco del caos pitturandosi le labbra col sangue delle gengive.
Da fenomeno da baraccone a protagonista del tirrasegno.
Presto il biglietto plastificato che descrive il disturbo verrà sostituito.
Era una persona che stava bene, sorrideva sempre.

Absolutely Free  @  07/10/2019 19:08:38
   10 / 10
Perfetto. Un film che farà epoca.

Tauron  @  07/10/2019 17:32:42
   9½ / 10
L'incertezza è il filo conduttore emotivo che accoglie lo spettatore dall'inizio del film fino all'ultima scena, dove diviene certezza, realizzazione, compimento. Il Joker di Phoenix è la rappresentazione del marcio e della sofferenza del derelitto mutilato psichico in mezzo alla spietata competitività del mondo capitalistico che non ammette debolezze, in cui l'individuo conta più di ogni altra cosa. Un gelido monito per i tecnocrati attuali e per chi vive sulle spalle della moltitudine urbana che da un lato sfrutta senza pietà, dall'altro lato disprezza e ridicolizza. Una parabola discendente di un disperato che infine si realizza nel suo essere primordiale, la consapevolezza che del limite imposto dalla comune razionalità è stato superato e dalla quale non si torna indietro. Joker è un espressione di The Downward Spiral di Trent Reznor portato su schermo. Un lento agognato viaggio verso la realizzazione di ciò che si tende a sopprimere. Un capolavoro drammatico che dopo giorni dalla visione lascia ancora il segno.

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  07/10/2019 12:26:36
   8 / 10
Phoenix si mangia tutti i fogli della sceneggiatura, li mastica, li inghiotte, li digerisce, li caca.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

VincVega  @  07/10/2019 11:04:44
   8 / 10
"Joker" è la scommessa di Todd Phillips, ovvero realizzare una pellicola dal budget medio (per un cinecomic), in grado di richiamare attenzione e attesa nei confronti di un personaggio ormai iconico, ma tralasciando molto della spettacolarità dei cinecomic e puntando sulla psicologia e drammaticità, lasciandosi ispirare da quel capolavoro che è "Taxi Driver" di Scorsese. Scelta coraggiosa e vincente, con Phillips deciso a puntare sulla qualità e sulla profondità, mostrando il percorso di come un uomo problematico arriva ad essere un criminale. Ed in tutto ciò c'è realismo e proprio questo approccio, che va a toccare le corde profonde dei disturbi psichici, mi sorprende il successo che sta ottenendo al botteghino, però mi rendo anche conto che questo film si poteva anche chiamare "Arthur" e sicuramente non se lo sarebbe c****o nessuno. Potenza dei cinecomic.
Poi c'è Joaquin Phoenix, il motivo principale dietro a tutto ciò, perchè senza di lui non avremmo avuto questo film. Lui è la forza trainante di un'interpretazione immensa e quasi inumana, fatta molto di improvvisazione e si vede. Mastodontico, ma c'è un però. E' talmente grande l'interpretazione, che supera il film stesso e questo, per quanto sia, è un difetto. Son curioso di vedere il prosieguo della carriera di Phoenix, perchè di grandi interpretazione ne ha fatte, ma ultimamente ha partecipato a quasi tutti film indipendenti e non mainstream, lui che è un po' allergico alla banalità e ai luoghi comuni, come si comporterà per esempio con i prossimi oscar? (sarà nominato sicuramente e probabilmente vincerà). La presenza di De Niro per quanto sia importante ai fini della trama, è anche un po' un omaggio al Travis Bickle di "Taxi Driver", senza contare i rimandi a "Re per una Notte" dello stesso Scorsese, con tutta la questione dello stan-up comedian e alle citazioni con il film stesso (il Murray Franklin dice che da giovane abitava con la madre, come Arthur, ma anche come lo stesso Rupert Pupkin, che stalkera Jerry Lewis in "Re per una Notte"). Un'altra citazione, meno visibile è quella a "Lo Spacciatore" di Paul Schrader, lo sceneggiatore di "Taxi Driver", ovvero la tanta spazzatura che è visibile nelle strade di Gotham è un chiaro rimando al film di Schrader (mai viste tante tonnellate di mondezza accumulata come in quel film). Philips deve esserselo visto, dato che c'è anche qualche analogia di scenografia (non a caso sono tutti ambientati a New York, "Joker", "Taxi Driver" e "Lo Spacciatore").
Per quanto sia grande l'ispirazione al "Taxi Driver", mi rendo anche conto che il capolavoro di Scorsese è inarrivabile. Todd Philips per quanto sia bravo non è Scorsese, ed è forse qui che "Joker" non fa il salto di qualità e non diventa un capolavoro. E' innegabile comunque l'empatia che si prova per Arthur, simbolo di una rivincita dei perdenti non solo nella società degli anni in cui è ambientato il film, ma anche in quella di oggi, forse è questa una delle cose in cui lo spettatore si è immedesimato. Nella società di oggi in cui si hanno sempre meno diritti, il povero/problematico che vince sul ricco/vincente è sicuramente d'impatto e scatena delle emozioni. Ed in ciò, il personaggio di Thomas Wayne l'ho visto come una sorta di Trump.
Per quanto non lo ritenga un capolavoro, ma comunque un gran bel film, speriamo che "Joker" dia una bella svolta a nuovi cinecomic sull'andatura che dovrebbero prendere, ovvero più profondità e rischio, invece che budget da 300 milioni di dollari, grandiosi effetti speciali e poca sostanza (Marvel & Company).

JohnRambo  @  07/10/2019 07:30:08
   7½ / 10
Straordinario per le diverse chiavi di lettura, l'interpretazione di Phoenix e De Niro, la colonna sonora, questo film potrebbe deludere chi pensa al titolo quale preambolo delle gesta che porteranno allo scontro titanico fra i dioscuri della DC.
Dirò che a me il film è piaciuto solo a metà, ed è parso inconcludente nel finale.
L'eccesso di violenza lo fa inadatto a un pubblico di minori ed anche maggiorenni in erba, il personaggio negativo (tutti sono negativi in realtà) diventa paradosslmente una specie di eroe in una città che dimentica i deboli incensando senza reale motivo i ricchi o i fortunati. Questo mondo unilaterale necessita di una buona dose di resistenza psicologica per essere sopportato durante la visione del film ed evitare la creazione di epigoni, pure molto probabilmente esistenti nella nostra realtà ma che si preferirebbe generare a partire da una pellicola cinematografica.

Invia una mail all'autore del commento elvis84  @  07/10/2019 00:18:24
   8 / 10
Crudo, spietato, in parte inquietante, immerge lo spettatore nella vita del protagonista, e in quella triste e oscura società che in parte viviamo realmente oggi giorno.
Ottime interpretazioni, grande lavoro del regista. Da vedere assolutamente!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento williamdollace  @  06/10/2019 22:33:28
   10 / 10
Rivoluzione dei pària dei disallineati degli ultimi fra gli ultimi in una società che calpesta i disadattati, 'forse avranno finito le medicine' (Gray, Two Lovers) o forse sono solo pazzi invisibili nelle metropolitane capitaliste della politica del potere. Cinema sul potere e sul suo rovesciamento, maschera che si smaschera dove la linea da battere, il record da infrangere è perdere tutto in un impero solista della follia. E Phoenix. Nei miei 40 anni di cinema mai avevo visto una interpretazione simile. Unipolare in picchiata, sfregiato dalla privazione, commediante tragico dalla risata psichiatrica e lancinante, caporale all'inferno che cammina sulle automobili serve del suo nuovo impero sanguinante.

Invia una mail all'autore del commento tnx_hitman  @  06/10/2019 20:58:01
   9½ / 10
Non si può scappare dal percorso prestabilito; Todd Phillips decide di rimuovere ogni elemento salvifico, ogni figura di spicco positiva. Non rimane nient'altro che il caos, una fiamma che divampa e si fa largo in una Gotham affollata e allo stesso tempo desolata, lasciata al suo destino.

Il motore della trama è l'assenza di figure istituzionali che tengono sotto controllo
la città: nel film vi capiterà di sentir nominare di continuo dei super ratti in giro per le strade, emersi dal nulla. In verità siamo noi i ratti. Strisciamo ormai stanchi, l'andamento passivo-aggressivo che definisce un'intera generazione qui viene messa in primissimo piano. E Arthur vorrebbe soltanto donarci il sorriso, ma con quanta efficacia, se tanto la società ti usa e ti conduce alla pazzia? La sceneggiatura è davvero accurata, si rifiuta categoricamente di proporre soluzioni di comodo e ci sbatte in faccia un apocalisse di rivolte e controversie, con un mondo ormai perduto e in procinto di autodistruggersi. JOKER è anarchia pura: da parte di un regista stanco di arrangiarsi con commedie tanto da cimentarsi in una tragedia
travestita da commedia.

Lawrence Sher alla fotografia tenta di inserire nel girato sprazzi di colori accesi, un tentativo disperato che viene strozzato dalla risata struggente di Arthur. Una risata forzata, una rabbia repressa mai manifestata nella sua totalità, un disturbo psico-fisico devastante che divora l'ambientazione già di suo opprimente. Non c'è nessun
appiglio, ogni reparto che possiamo provare a nominare non offre appigli per poterci risollevare.

Di punto di vista ce n'è uno soltanto, ed è il peggiore che ci potesse capitare: uno squilibrato non per scelta, un potenziale delinquente che è pronto a compiere stragi per farsi notare, per imprimere un immagine indelebile nel cuore e nella mente degli abitanti di Gotham e degli spettatori. L'imprevedibilità fatta persona. Il principe del crimine, la trasformazione è compiuta. Il Joker.

Immenso.

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/10/2019 12.57.57
Visualizza / Rispondi al commento
Wilding  @  06/10/2019 19:01:35
   8 / 10
Senza la prova magistrale di Joaquin Phoenix e la sapiente guida di Todd Philipps avremmo avuto un film bello, anche di più, ma non certo l'eccellente prodotto che è questo Joker. Non saprei come altro spiegare il "magnifico" di questo film e i suoi limiti.

Sestri Potente  @  06/10/2019 17:58:24
   9 / 10
Chissà se è tutto vero quello che abbiamo visto, oppure si è trattato solo di una proiezione mentale di Arthur?
Tralasciando le teorie che iniziano a circolare in rete, c'è da dire che questo Joker è un film molto crudo e drammatico, una sofferenza unica sin dalle prime, drammatiche, scene.
Per tutto il film assistiamo alla trasformazione di Arthur in Joker, seguiamo passo per passo la sua vita e le sue vicende familiari fino allo spettacolare finale dove la metamorfosi è compiuta.
Sicuramente verrà considerato uno dei capolavori del decennio 2010-2020, Phoenix merita l'oscar.

Tautotes  @  06/10/2019 15:11:05
   9 / 10
Joker è quello che tutti potremmo diventare. È l'alienazione totale. Dove inizia il limite del singolo o la colpa della società? La sintesi è la risposta. Complimenti a Phoenix.

gemellino86  @  06/10/2019 10:18:41
   9½ / 10
Per me Ŕ il film dell'anno. Phoenix regala una interpretazione superba che molto probabilmente verrÓ premiata con l'oscar ma ci sono sprazzi di perfezione in tutta l'opera di Phillips dalla scenografia d'epoca ai dialoghi geniali. C'Ŕ anche un accenno di Bruce Wayne. Da non perdere.

Weamar  @  05/10/2019 03:20:55
   9 / 10
Crudo, angosciante, lento, spietato.
La metamorfosi di un uomo che, credendo nella benevolenza dei propri sogni, viene inghiottito nel più brutale gioco della vita vera.
Un Joaquin Phoenix in stato di grazio, la cui performance è un secchio di ghiaccio lanciato dritto sullo spettatore.
Ciò che vediamo nelle quasi 2 ore di film non è parte di un universo inventato ma, al contrario, il riflesso di quello che, constamente, qualcuno di noi vive in questa realtà.

Darksimphony  @  05/10/2019 01:11:07
   10 / 10
Angoscia....tristezza.....voglia di rivalsa..... E a tratti..momenti di pura tenerezza....
Questo Joker è il prodotto di una civiltà malata....volta esclusivamente a sottomettere e schiacciare il debole.....
Joaquin Phoenix esprime tutto questo in maniera superlativa.....ogni singola espressione del viso...ogni singolo movimento...ogni risata compulsiva, non sembra un momento di recitazione...piuttosto somiglia ad una scena reale facente parte del suo modo di essere....
Immenso capolavoro......Oscar da consegnare ad occhi chiusi..

Oibaf  @  05/10/2019 00:35:14
   9½ / 10
Questo film ti entusiasma a tal punto da non voler fare una recensione a caldo. Hai bisogno di far sedimentare le sensazioni che un attore calato perfettamente nel ruolo ti ha trasmesso in un turbinio di emozioni. Ho letto tanto prima, avevo la certezza che sarebbe stato un capolavoro, ma quello che ne esce fuori non è solo uno splendido film, è un gioiello di recitazione, una combinazione perfetta di colori, musiche, slow motion ed una regia che mescola tutto e risucchia lo spettatore nel dramma di un personaggio. Ognuno di noi può diventare Joker, questo è uno dei messaggi del film. Sulla classifica dei Joker attuali e precedenti, come ho detto altrove, non sprechiamo fatica, Jack, Heath e Joaquin sono tre fuoriclasse veri, ma i fuoriclasse non si confrontano mai, come sarebbe inutile paragonare Pelè, Maradona e Messi.

FABRIT  @  04/10/2019 18:25:29
   9 / 10
Un superlativo Joaquin Phoenix in un'interpretazione semplicemente mostruosa che per me travalica ogni ragionevole categoria di giudizio: Oscar scontato, doveroso, indiscutibile.

yungnicchiobaby  @  04/10/2019 15:30:06
   8½ / 10
Fantastico. Il film è a tratti angosciante, crudo, violento. Le musiche sono perfette. E' l'epopea di un bambino oggetto di abusi diventato uomo affetto da depressione e malattia mentale. Joaquin leggendario: a questo giro potrebbe avere il jolly per l'Oscar, finalmente.

IceSkatingITA  @  04/10/2019 12:14:41
   8 / 10
Non avendo mai visto i film di Batman, non sapevo cosa aspettarmi. Sono andato comunque a vederlo perché il trailer sembra interessante, più da thriller psicologico che da prequel di un fantasy. Parto da un punto molto semplice, questo film si basa e ripeto si basa, tutto, su due cose:
1- una interpretazione straordinaria, dell'attore, con una parte che sembra essere stata sua da sempre, qui bravo il regista a calare la figura del Joker esattamente sull'attore ( risate forzate, perfette tra l'altro, senza senso e quindi che restituiscono un senso di ansia, un corpo deformato, che viene da chiedersi come sia stato possibile (mesi di palestra con personal trainer ad hoc per deformare muscoli della schiena??), e soprattutto la scelta dell'attore la cui espressività facciale non lascia scampo, con un viso pazzoide, spiritoso e malinconico/triste allo stesso tempo. La parte era sua da sempre, questo è ovvio, e se non lo avevano scelto prima, avevano sbagliato.
2- Musiche eccezionali. Probabilmente mai viste in un blockbuster. Durano per tutto il film e rincorrono il personaggio in tutte le sue vicende. Creano suspence, emozioni, paure, e mi domando come mai così pochi registi/film usino il mezzo sonoro così bene. Questo film rende chiaro come il sonoro può cambiare un intero film. Senza Joaquin e senza musiche così perfette e incalzanti anche questo bellissimo film sarebbe stato una pellicola qualunque. Il regista è stato bravissimo a puntare su questi aspetti.
La prima parte è veramente bella, con la costruzione del personaggio, la tristezza di un uomo solo, perso nella Gotham fantasma, simbolo di una qualunque città moderna. Un lavoro allegro per un uomo triste e sempre più stanco della vita. Le persone menefreghiste e usurpatrici che si approfittano di lui, visto come strano e anormale, non sono finzioni, rispecchiano fin troppo bene quella che è la civiltà di oggi. Questo mi fa arrivare al terzo punto cardine che mi fa definire questo film un bellissimo film ( e per me i bellissimi film devono essere psicologici).
3- Non si può non provare empatia per la figura di Joker, che negli altri film di batman viene vista come la macchietta del cattivo. Lui era l'antagonista e perdeva. Sempre. Non doveva esistere. Punto. Il bene aveva la meglio, e tornavamo tutti a mangiarci la pasta e fagioli posta in frigo la mattina prima. Questo no. L'idea più bella del film è proprio il film, l'aver scelto di 'capire' il male. Quello che diventerà tale. Qualcuno grida alla paura di emulazione. Non io. Per me il male va sempre 'ragionato', capendo alle basi cosa l'ha scatenato, per dare senso alle cose, e non cadere nel banale (cosa che oggi, avviene sempre più spesso). E vorrei vedere qualunque persona, picchiata a gruppo non una, ma due volte (e accade ve lo posso garantire), già con tutti i problemi della vita, non iniziare ad 'organizzarsi'. Poi non tutti diventeremmo Joker, e meno male, ma quello che voglio dire, è che la società se è crudele allora non deve stupirsi, non dobbiamo stupirci noi che spesso siamo tutti crudeli, se da un momento all'altro qualcuno esce fuori e impazzisce, è la natura umana. E io non gli darei tutti i torti. Lo dico perché so per esperienza diretta, che c'è quell'attimo intimo, personale, solitario, in cui una figura in un momento debole e fragile della vita, magari dopo una rissa, un lutto, un sopruso, decide, si sveglia, e valuta ipotesi, è umano e non criticabile per me. E' in quel momento che si può diventare Joker, oppure scegliere di rimanere se stessi crescendo solo in consapevolezza. Sarà per deformazione mia, ma i Joker io li sento sempre come miei fratelli, che quindi posso arrivare a capire, ma che hanno fatto la scelta più drastica, C'E' PIU' VERITA' NELLE LORO SOFFERENZE E MALEFATTE CHE NELLA BIGOTTA AGIATEZZA DEL MENEFREGHISTA RAMPANTE E CHIC.
Questo è un mio pensiero.
Era quello che più o meno ho pensato durante il film.

jek93  @  04/10/2019 09:46:16
   8½ / 10
Ottimo film, ma non un capolavoro (difetti di sceneggiatura e prima ora di film piuttosto confusionaria)

sepho  @  04/10/2019 00:55:16
   9 / 10
Potente. Cinema allo stato puro.

Todd Phillips ci regala una origin story del personaggio più controverso e affascinante del mondo dei fumetti e lo fa in maniera impeccabile riuscendo anche a rispettare e omaggiare la mitologia originale dell'opera da cui è tratto. Ogni inquadratura, ogni dettaglio, colore e suono si incastra perfettamente con il viaggio negli abissi della mente di Joker.

Phoenix mostruosamente bravo e quasi certamente con mezzo Oscar in mano, interpreta un Joker profondamente umano. Una storia che strizza l'occhiolino a The killing Joke ma che non avete letto o visto da nessuna parte e ci porta nella vita di Arthur Fleck sospeso tra sogni, incubi e una drammatica realtà. Spesso confondendo e mescolando tutte e tre in una Gotham scossa e sull'orlo di un'esplosione violenta di rabbia e criminalità.

Possiamo anche dire che il film non sia perfetto, ma Joaquin Phoenix invece lo è. Assolutamente. Qualcuno dirà che si sta glorificando un pazzo assassino. Eppure questo Joker racconta molto più di noi di quanto possiamo immaginare.
Se Ledger ci ha mostrato la follia pura e devastante, Phoenix ci mostra come si diventa folli. Basta, a volte, solo una brutta giornata.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  03/10/2019 18:52:05
   9 / 10
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  09/09/2019 00:48:55
   9½ / 10
A mio giudizio, uno dei più devastanti ritratti di devianza della storia del cinema contemporaneo. Norman Bates o Alex gli fa un baffo. Seguendo le traiettorie di Scorsese ma anche De Palma e forse Altman, il Joker fresco di Leone d'oro ha certamente qualche difetto formale, qualche minuto di eccesso autoreferenziale, un epilogo troppo da "Notte del giudizio" altrimenti avrei potuto estrarre un 10 tondo tondo. Dopo Joker probabilmente una risata altrui vi costera'un brivido, proprio come gli spettatori che Sessanta anni fa non volevano farsi la doccia dopo aver visto "Psycho". Mette i brividi e non è un film "gradevole" tutt'altro, é una discesa urbana e totalizzante negli Inferi urbani e psichici. Il personaggio suscita (qualcuno direbbe "troppo") empatia, disagio, ansia e pietà. Ricchissimo di scene memorabili dove il dolore del Male si unisce all'amore del Bene, dissacrando ogni steccato, mettendo in scena la Morte come atto disperato della Vita. Magnifico anche De Niro che cita se stesso con sornione cinismo. Ovviamente Phoenix è ancora una volta incredibile, tanto da potergli chiedere se riesce a mettere i piedi a terra, a sentirsi "terreno" dopo simili prove. Colonna sonora che cita evergreen e classici dei Cream. Un film insostituibile

«« Commenti Precedenti   Pagina di 2  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#annefrank - vite parallele1968 gli uccellia proposito di rosea spasso col pandaa tor bella monaca non piove maiad astraailo - un'avventura tra i ghiacciangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagieaspromonte - la terra degli ultimiattraverso i miei occhibrave ragazzebrittany non si ferma piu'burning - l'amore brucia
 NEW
cena con delitto - knives out
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcetto c'e', senzadubbiamentechiara ferragni - unpostedcitizen rosicountdown (2019)
 NEW
daniel isn't realdeep - un'avventura in fondo al maredepeche mode: spirits in the forestdiego maradonadoctor sleepdora e la citta' perdutadownton abbeydrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampiriermitage - il potere dell'artefigli del setfinche' morte non ci separi (2019)frozen ii - il segreto di arendellegemini man
 NEW
ghiaiegli angeli nascosti di luchino viscontigli uomini d'orograzie a diohole - l'abisso
 NEW
i figli del marei migliori anni della nostra vita (2019)
 NEW
i passi leggerii racconti di parvana - the breadwinneril bambino e' il maestro - il metodo montessoriil colpo del caneil giorno pi¨ bello del mondoil mio profilo migliore
 NEW
il paradiso probabilmenteil peccato - il furore di michelangeloil pianeta in mareil piccolo yetiil segreto della minierail sindaco del rione sanita' (2019)il varcoio, leonardoit: capitolo 2jesus rolls - quintana e' tornato!
 HOT R
jokerla belle epoquela famiglia addams (2019)la famosa invasione degli orsi in siciliala mafia non e' piu' quella di una voltala scomparsa di mia madrela verita' (2019)la voce del marele mans '66 - la grande sfidale ragazze di wall streetl'eta' giovanelight of my life
 NEW
l'immortale (2019)
 NEW
l'inganno perfettolou von salome'l'ufficiale e la spial'uomo che volle vivere 120 annil'uomo del labirintol'uomo senza gravita'maleficent 2: signora del malemanta raymetallica and san francisco symphony: s&m2midwaymio fratello rincorre i dinosaurimisereremotherless brooklyn - i segreti di una citta'nati 2 voltenato a xibetnell'erba altanon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la buferaone piece: stampede - il filmpanama papersparasite (2019)pavarottiploipupazzi alla riscossa - uglydolls
 NEW
qualcosa di meravigliosorambo: last bloodroger waters us + themrosa (2019)
 HOT
santa sangrescary stories to tell in the darkse mi vuoi benesearching evaselfie di famigliashaun, vita da pecora - farmageddonsolesono solo fantasmistoria di un matrimoniostrange but trueterminator - destino oscurothanks!the bra - il reggipettothe gallows act iithe informer - tre secondi per sopravviverethe irishmanthe kill team
 NEW
the new popethe reporttolkientorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostotutti i ricordi di clairetutto il mio folle amoreun giorno di pioggia a new york
 NEW
un sogno per papa'una canzone per mio padrevasco nonstop livevicino all'orizzontevivere (2019)vivere, che rischiovox luxweathering with you - la ragazza del tempo
 NEW
western starsyesterday (2019)

995024 commenti su 42518 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net