venere nera regia di Abdellatif Kechiche Francia, Italia, Belgio 2010
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

venere nera (2010)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film VENERE NERA

Titolo Originale: VENUS NOIRE

RegiaAbdellatif Kechiche

InterpretiAndre Jacobs, Olivier Gourmet, Jonathan Pienaar, Jean-Christophe Bouvet, Olivier Loustau

Durata: h 2.46
NazionalitàFrancia, Italia, Belgio 2010
Generedrammatico
Al cinema nel Giugno 2011

•  Altri film di Abdellatif Kechiche

Trama del film Venere nera

Parigi, 1817, Accademia Reale di Medicina. "Non ho mai visto testa umana pi¨ simile a quella di una scimmia". Di fronte al calco del corpo di Saartjie Baartman, l'anatomista Georges Cuvier Ŕ categorico. Un parterre di distinti colleghi applaude la dimostrazione. Sette anni prima, Saartjie lasciava l'Africa del Sud con il suo padrone, Caezar, per andare ad offrire il suo corpo in pasto al pubblico londinese delle fiere e degli zoo umani. Donna libera e schiava al tempo stesso, la "Venere ottentotta" era l'icona dei bassifondi, sacrificata al miraggio di un'ascesa dorata...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,58 / 10 (12 voti)6,58Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Venere nera, 12 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Invia una mail all'autore del commento bleck  @  22/11/2019 18:48:07
   6½ / 10
Ovviamente fa parte della serie "film non adatto a tutti", qui i livelli sono diversi, si possono considerare alti da qualcuno, molto meno da altri, però, fortunatamente vengono soddisfatte le pretese di tutti i gusti degli spettatori. Ecco questo è uno di quei film che diciamo non soddisfa chi ama certe commedie trash (spesso italiane ahimè). 2'46 che volano senza annoiare anche se probabilmente un minutaggio minore non sarebbe stato male

Rollo Tommasi  @  02/12/2016 00:30:31
   6 / 10
Coraggioso, potente, poetico, malsano e crudele: nel cuore della Venere Nera si respirano e si odono miasmi e rintocchi della condanna a morte di una creatura mitica e sfortunata - una donna della tribù delle Ottentotte ridotta a freak di una compagnia circense - ma anche la fredda sezione anatomica di una vita, un biopic interminabile che scorre lungo un crinale narrativo lento e patetico con eccessi di bestialità.
Kechiche non nasconde la propria predilezione per temi eticamente sensibili ed una compassionevole ammirazione verso i "reietti" della società, gli untori sacrificali che vengono estromessi con violenza dalla comunità per colpe inesistenti.
Venere Nera, tuttavia, nel rappresentare l'isteria collettiva del pregiudizio razziale, trasmette l'idea di un lavoro asettico, l'analisi al microscopio di una storia vera, senza dosaggi, senza filtri, senza sintesi, come una versione senza punteggiature. Una storia vera che deroga alla storia. Meglio, allora, forse, un documentario.
Che sia un documentario travestito da film? Esperimento di cinema, quindi, non necessario anche se interessante.

mauro84  @  10/02/2015 13:26:41
   7 / 10
Girovagando in tv, mi ritrovo sto film, iniziato da poco, non sapendo di chi fosse, solo sto nome molto particolare. Trama meritevole. Ineccepibile dramma storico. Molto cruenta la parte finale, un deja vu dell'anatomia umana nel suo massimo splendore!

Gli attori sebbene, non li conosca, hanno dimostrato di saperci fare, in modo ottimo. promossi a pieni voti

Il regista, post palma a cannes lo scorso anno, mi ha ancora una volta detto che ancor prima di questo premio sapeva far film in merito.

Film per gli amanti del genere da guardare! meritevole!

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  @  30/01/2014 15:41:48
   7½ / 10
Il 1° film 100% cinematografico di Kechiche, che non solo cambia registro narrativo svoltando dall'ossidato taglio documentaristico ma anche il contesto mantenendo però il tema dell'immigrazione africana a contatto con la moderna civiltà europea, nel vano scopo di trovare quel futuro precluso nella terra natia. Dalla multirazziale Francia odierna passa a quella bianca omogenea post napoleonica, la storia vera che avrebbe suscitato facile presa emotiva sul pubblico immedesimato sulle condizioni della donna, è invece condotto saggiamente con quel tono compassato, apatico senza accanirsi gratuitamente su una figura che è vittima consapevole. Una generazione figlia del proprio tempo, che guarda con sospetto e occhio analitico tutto ciò che è precluso alla conoscenza empirica, Kechiche con occhio austero giudica in silenzio la vivisezione di questa donna-alieno, il cui corpo è oggetto di spettacolo sia prima che dopo la morte.

4 risposte al commento
Ultima risposta 10/05/2014 20.34.33
Visualizza / Rispondi al commento
Bobby Peru  @  12/12/2011 01:18:00
   7 / 10
a parte sto ****ne enorme che all inizio me lha fatta prende a male perchè 40 minuti a inquadrarlo mi sembra eccessivo, nel finale diventa sempre piu maligno... non è scontato nel senso che non si fa piangere troppo addosso, anzi il personaggio ad una certa ti sta sulle palle pure a te.
immagini schiette vere e crude, vedi quando mangiano orgiano bevono tutti sudati con le pelli orrende sporchi.
dura troppo, ma se non durava cosi sarebbe durato troppo poco per "amalgamarti" nel tutto.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  31/10/2011 01:02:07
   6 / 10
Il cinema è fatto di tecnica e non basta una bella messa in scena o una storia accattivante per fare di Venere Nera un bel film.
Il realismo di Abdellatif Kechiche è risorsa quando è inserito in un contesto attuale o quando si vuole rendere uno spaccato ben delineato e preciso, diventa limite se inserito in un contesto narrativo dove emerge l'incapacità di emozionare in un film tecnicamente bello ma tremendamente freddo.

Venere nera non lascia indifferenti ma è la storia ad essere fortissima e Kechiche sembra fare di tutto per annoiare diluendo il film fino all'infinito in un circolo ripetitivo fine a se stesso. E nemmeno può essere accusato di essere un regista di maniera semplicemente manca dei tempi cinematografici e più che un cinema asciutto, il suo, che sembra semplicemente povero e spesso incapace di andare a segno.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  31/07/2011 11:26:29
   7½ / 10
La storia vera della Venere Ottentotta è messa in scena in maniera cruda, senza fronzoli e quindi decisamente efficace.
Il film è un colpo ostico da metabolizzare è indisponente e mi ha infastidita e disturbata anche dopo la visione.
Il regista mette in primo piano la poca vera illuminazione del raziocinio scientifico e i vizi più palesi e perversi della ricca borghesia ottocentesca.
La sovraesposizione della brava Yahima Torrès non è autocompiacimento del regista ma è la sua volontà di sottolineare le brutture borghesi che altro non mirano se non a soddisfare le proprie morbosità.
Film non adatto a tutti.

kurtsclero  @  22/07/2011 16:15:34
   4½ / 10
Non guarderò mai più un film di questo regista

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento pompiere  @  22/06/2011 15:58:04
   6 / 10
╚ stimolante assistere a uno spettacolo "al contrario". Piuttosto che l'esibizione della "Venere nera", Ŕ significativo vedere come i suoi protettori e il resto della societÓ si accapiglino, si azzuffino, si contrastino, dando luogo a un contraddittorio umano, vera tragedia dell'uomo moderno. Un circo che mentre mette in mostra le deformitÓ delle altrui razze scopre il proprio volto fatto di aviditÓ, cattiveria, superbia e lussuria.

La fisionomia oggetto di cotanto voyeurismo Ŕ quella della cosiddetta Venere Ottentotta, giovane schiava boscimane, catturata all'amo dell'apparente libertÓ da un bieco sfruttatore e condotta, dai luoghi natii dell'Africa del Sud, nella Londra dei primi dell'800. Una storia vera che avrÓ una fine orribile, con un post scriptum datato 2002, ponte lunghissimo a collegare vicende di un passato neanche tanto lontano.

Ripetitivo e poco intento a un'evoluzione veloce delle vicende narrate, "Venus noire" ha un ritmo che latita e si adagia su una forma di rappresentazione spesso stancante perchÚ priva di sintesi. Il film satura fin dalla prima esibizione, in un extended version non necessaria seppur nobile. Saartjie Baartman (Yahima Torres), costantemente con lo sguardo afflitto e addolorato perso nel vuoto (e non poteva essere altrimenti), Ŕ un personaggio che sta troppo in scena e del quale percepiamo fin da subito i segni lasciati da un passato sfortunato e da un presente triste.

Non aiutano a rinfrancare l'esperienza dello spettatore gli stretti primi piani di Abdellatif Kechiche e la fregola delle inquadrature; quello che Ŕ giÓ comprensibile dopo i primi tre quarti d'ora Ŕ reiterato fino al termine, asciugando la storia da qualsiasi emozione/commozione ed esaltandone lo scomodo aspetto quasi necrofilo. Il regista persevera sulle minuzie dimenticando il fianco aperto da una panoramica, magari fissa, sulla globalitÓ della scena/teatro di questa ignobile recita.

Ed Ŕ infatti eloquente come una delle sequenze pi¨ forti, quella del battesimo che descrive soffusamente la prevaricazione, sia una di quelle che escono da questo registro fisso: l'uomo europeo si lava le mani, la donna china, la testa arrendevole. La razza bianca evoca la forza di una spiritualitÓ superiore (profanazione trascendentale) alla quale si aggrappa disperatamente nel tentativo di remissione dei peccati. Scopriamo cosý che la gabbia dentro la quale Saartjie Ŕ costretta a esibirsi come aberrante e ricreativo mostro deforme (vista la particolare conformazione degli organi genitali chiamata longininfismo), adattandosi alle voglie del pubblico, Ŕ ben pi¨ grande di quella che la circonda sul palcoscenico di Piccadilly Street.

Efficace anche l'intervista col giornalista parigino il quale riporta su carta ci˛ che egli immaginava della ragazza di colore, piuttosto che toccare con mano la dura realtÓ delle risposte. Ecco, forse un'indagine filmica condotta in forma di documentario (leggi le registrazioni di cronaca sui titoli di coda) avrebbe giovato maggiormente nella descrizione di una societÓ che, da allora, poco ha cambiato nel suo atteggiamento nei confronti della diversitÓ.

4 risposte al commento
Ultima risposta 02/12/2016 00.36.34
Visualizza / Rispondi al commento
TIGER FRANK  @  22/06/2011 14:04:25
   4½ / 10
":...Su quel **** ce puoi pure apparecchià!"

Forse per gradire questo film avrei dovuto essere un pò sadica o un pò masochista...ma forse entrambe le cose!

Aneke a confronto e' una barzella, martyrs na passeggiata e Lars Von Trier una commedia a confronto.

Se si finisce per empatizzare per solidarietà con la povera,sfortunata protagonista saranno solo mazzate perchè se qualcosa puo' andar storto possiamo star certi che le cose andranno pure peggio.... umiliazioni dall'inizio alla fine che onestamente gia' dopo la prima delle quasi 3 ore di film non se ne poteva veramente più.

Sicuramente non sarà il mio genere ma a tratti risultava veramente pruriginoso.....vogliamo parlare della parte censurata che ho visto online col fallo de legno? e la vecchia a cavalcioni co la zìnna de fori?
Qui non si tratta di avere un palato fino ma di avercelo bello forte e manco poco!

Mi è sembrato scadere spesso nella ripetitività e come per martyrs ad una certa non se ne poteva veramente più....recepito il messaggio il perpetrarlo per 3 ore pareva accanirsi con lo spettatore....non sono contro il cinema crudeltà ma forse preferisco quello piu' cerebrale e meno vojeuristico che spesso trovo di cattivo gusto e di poca fantasia ed originalità....piu' mi fai vedere più tuttosommato mi annoio....

Perche' 4 e mezzo?
Semplice e' una via di mezzo tra il così così solo se non paghi e il non bello anche se non paghi.....
non mi prendo la responsabilità di consigliarlo a nessuno se non s'era capito....

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  21/06/2011 19:21:17
   8 / 10
E' una continua esibizione della Venere nera per un pubblico quanto mai eterogeneo per livello sociale, ma dagli sguardi pressochè identici: soddisfare il voyerismo di ammirare il classico fenomeno da baraccone ed in questo senso l'uso della camera a mano è funzionale nel suo incedere furtivo a cui anche lo spettatore del film partecipa.
Davanti ad un pubblico pagante, davanti ad un tribunale o davanti ad un giornalista a cui racconta la propria storia (per poi magari abbellirla per esisgenze di mercato), davanti ad un'equipe di scienziati utilizzata come cavia da laboratorio, è sempre la stessa logica dello sfruttamento in cui si viene schiavizzati senza essere legalmente uno schiavo e dove la collocazione temporale non è stata scelta a caso: gli albori della Rivoluzione industriale e le fondamenta della società occidentale moderna.
E' un film a suo modo disturbante e poco conciliatorio, ma difficilmente farà rimanere indifferenti.

3 risposte al commento
Ultima risposta 22/06/2011 16.12.52
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  16/06/2011 01:22:03
   8½ / 10
Troppo "avanti" per vincere Venezia, o troppo scomodo per concorrere a un positivo giudizio unanime? Kechiche è un regista che non teme la logorrea (pensiamo a quanto SAREBBE STATO stupendo "Cous cous" con trenta minuti di dialoghi in meno!) e affronta un tema che indispone, alla luce di eventi anche recenti, più per il ritratto degenere della storia occidentale che per le reali intenzioni della vicenda.
Come osa, costui, mettere a nudo il vizio degenere di quel mondo che è parte integrante della nostra storia? Qui ci sono eccessi e deviazioni che non risparmiano nulla allo spettatore, che molti troveranno gratuìti - come un Freaks o un Elephant man diretto da Pier Paolo Pasolini - ma nel contesto generale del film assolutamente necessari.
La storia (vera) della Venere Ottentotta, splendidamente interpretata da Yahima Torres, mette vividamente in luce lo schema schiavista di un mondo illuminato soltanto dallo squallore della scienza (i temi di Ragazzo selvaggio di Truffaut sono al confronto semplicistici e moderati), della borghesia, di quel mondo che pretende blandamente di assumere il potere razziale della conoscenza umana.
Un film letteralmente incredibile, da non perdere, anche se vi costerà - come dice ironicamente lo stesso kechiche - una contrazione fisiologica di troppo ("non mi preoccupo dei problemi di vescica dei miei spettatori, io mi dimentico dei miei bisogni quando guardo un bel film").

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#annefrank - vite parallele1968 gli uccellia proposito di rosea spasso col pandaa tor bella monaca non piove maiad astraailo - un'avventura tra i ghiacciangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagieaspromonte - la terra degli ultimiattraverso i miei occhibrave ragazzebrittany non si ferma piu'burning - l'amore brucia
 NEW
cena con delitto - knives out
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcetto c'e', senzadubbiamentechiara ferragni - unpostedcitizen rosicountdown (2019)
 NEW
daniel isn't realdeep - un'avventura in fondo al maredepeche mode: spirits in the forestdiego maradonadoctor sleepdora e la citta' perdutadownton abbeydrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampiriermitage - il potere dell'artefigli del setfinche' morte non ci separi (2019)frozen ii - il segreto di arendellegemini man
 NEW
ghiaiegli angeli nascosti di luchino viscontigli uomini d'orograzie a diohole - l'abissoi figli del marei migliori anni della nostra vita (2019)
 NEW
i passi leggerii racconti di parvana - the breadwinneril bambino e' il maestro - il metodo montessoriil colpo del caneil giorno pi¨ bello del mondoil mio profilo migliore
 NEW
il paradiso probabilmenteil peccato - il furore di michelangeloil pianeta in mareil piccolo yetiil segreto della minierail sindaco del rione sanita' (2019)il varcoio, leonardoit: capitolo 2jesus rolls - quintana e' tornato!
 HOT R
jokerla belle epoquela famiglia addams (2019)la famosa invasione degli orsi in siciliala mafia non e' piu' quella di una voltala scomparsa di mia madrela verita' (2019)la voce del marele mans '66 - la grande sfidale ragazze di wall streetl'eta' giovanelight of my life
 NEW
l'immortale (2019)
 NEW
l'inganno perfettolou von salome'l'ufficiale e la spial'uomo che volle vivere 120 annil'uomo del labirintol'uomo senza gravita'maleficent 2: signora del malemanta raymetallica and san francisco symphony: s&m2midwaymio fratello rincorre i dinosaurimisereremotherless brooklyn - i segreti di una citta'nati 2 voltenato a xibetnell'erba altanon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la buferaone piece: stampede - il filmpanama papersparasite (2019)pavarottiploipupazzi alla riscossa - uglydolls
 NEW
qualcosa di meravigliosorambo: last bloodroger waters us + themrosa (2019)
 HOT
santa sangrescary stories to tell in the darkse mi vuoi benesearching evaselfie di famigliashaun, vita da pecora - farmageddonsolesono solo fantasmistoria di un matrimoniostrange but trueterminator - destino oscurothanks!the bra - il reggipettothe gallows act iithe informer - tre secondi per sopravvivere
 HOT
the irishmanthe kill teamthe new popethe reporttolkientorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostotutti i ricordi di clairetutto il mio folle amoreun giorno di pioggia a new york
 NEW
un sogno per papa'una canzone per mio padrevasco nonstop livevicino all'orizzontevivere (2019)vivere, che rischiovox luxweathering with you - la ragazza del tempowestern starsyesterday (2019)

995155 commenti su 42518 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net