una sull'altra regia di Lucio Fulci Italia 1969
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

una sull'altra (1969)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film UNA SULL'ALTRA

Titolo Originale: UNA SULL'ALTRA

RegiaLucio Fulci

InterpretiAlberto De Mendoza, John Ireland, Elsa Martinelli, Marisa Mell, Jean Sorel

Durata: h 1.39
NazionalitàItalia 1969
Generegiallo
Al cinema nell'Ottobre 1969

•  Altri film di Lucio Fulci

Trama del film Una sull'altra

Giovane medico americano Ŕ condannato a morte per uxoricidio a scopo di lucro. Ma sua moglie Ŕ viva...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   6,47 / 10 (17 voti)6,47Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Una sull'altra, 17 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Filman  @  15/11/2021 15:43:29
   7½ / 10
Il complotto e il mistero, l'inganno e l'apparenza. UNA SULL'ALTRA si abbevera direttamente dalla fonte linfatica del thriller hitchcockiano, rubando il gioco dei doppi e l'ossessione per la donna, per evolversi all'interno di un cosmo dominato dall'erotismo. Ed è proprio il sesso il tema che attanaglia i film di Lucio Fulci, principalmente perché mezzo complementare in qualunque film italiano del periodo, d'intrattenimento e non. Il regista lavora principalmente di forma attraverso un giallo che inchioda sulla poltrona grazie a delle formule di scrittura perfettamente funzionanti.

Alpagueur  @  22/10/2020 17:30:04
   6 / 10
Mentre la mia preferenza va ai gialli che si svolgono in un modo più horror o gotico, 'Una sull'altra' (alias 'One on top of the other' alias 'Perversion Story') si trova all'altra estremità dello spettro elettromagnetico, che è più un poliziesco-noir. Quindi niente musica prog-rock. niente scene stravaganti, nessun castello inquietante, niente orribili omicidi, niente traumi scatenanti, niente detective improvvisati che fanno concorrenza alla polizia. Tuttavia la trama contorta e le tette nude sono entrambe presenti. Jean Sorel e Marissa Mell sono entrambi fantastici, ma questo è uno dei loro film meno belli. Niente di nuovo dal punto di vista della trama: coniuge morto, relazioni extraconiugali, polizza assicurativa, impermeabile scuro da trincea per il detective... Il timbro di Lucio Fulci su questo thriller mezzo bollito tortuoso e in gran parte dimenticabile è praticamente limitato al suo nome nei titoli di coda. Sebbene 'Perversion Story' preceda l'emergere di Fulci come uno dei registi horror italiani più amati di tutti i tempi, la maggior parte dei fan del genere che danno un'occhiata a questo primo esperimento finiranno per desiderare che lui avesse trovato prima la sua musa oscura. Certo, 'Una sull'altra' non è inguardabile, ci sono momenti in cui il film funziona abbastanza bene. Fulci ha certamente un approccio elegante alla relazione e riesce a strappare una buona dose di suspense dalla trama spesso incomprensibile. Ma l'assurdo epilogo sfocia clamorosamente nel piatto e nel banale, e ogni vapore che Fulci costruisce lungo la strada viene improvvisamente soffocato quando il film si dipana nell'atto finale. La storia è incentrata sul donnaiolo dott. Dumurrier, la sua ambigua amante e una spogliarellista/prostituta (Monica) che ha una sorprendente somiglianza con la moglie morta del medico, Susan. Quando la polizia scopre che la signora Dumurrier è stata avvelenata, il sospetto ricade naturalmente sul medico, che si ritrova più ricco di 2 milioni di dollari grazie a una polizza assicurativa sulla vita particolarmente generosa. Mentre la trama si dipana lentamente, scopriamo che il dottor Dumurrier potrebbe essere incastrato per l'omicidio e, cosa più sorprendente, che Susan potrebbe non essere affatto morta. Nonostante l'enfasi dei titoli alternativi sulle componenti carnali della storia, la dipendenza di Fulci dal sesso soft-core per guidare il film è in realtà notevolmente contenuta. Solo un paio di sequenze si avventurano in quel territorio, ma la natura piatta e meccanica spoglia queste sequenze di gran parte del loro erotismo. Tuttavia, Fulci fa un ottimo lavoro nell'usare l'illuminazione artistica e gli angoli per aumentare la sensualità di queste scene, e grazie a tocchi eleganti come una telecamera ripresa guardando attraverso il materasso i corpi che si contorcono sopra, anche se gli attori sembrano annoiati mentre esplorano l'un l'altro, lo spettatore non si annoierà a guardarli. Altrove, la recitazione è decisamente sopra la media, con eccellenti interpretazioni di Jean Sorel e della sensuale Marisa Mell nei panni del dott. Dumurrier e della ballerina esotica Monica Weston, rispettivamente. I momenti più forti del film ruotano attorno allo sparring tra questi due personaggi, e il film non devia davvero dai binari fino a quando lo schema più grande non è al centro della scena. Alcune delle complessità della trama sono un po 'confuse e difficili da digerire, e il film sbaglia spendendo troppo tempo costringendoci a seguire personaggi in definitiva insignificanti nel tentativo di piantare false piste. La storia di base è abbastanza solida da sola e una presentazione più ordinata sarebbe probabilmente servita molto meglio. La rivelazione culminante del personaggio responsabile delle macchinazioni che affliggono la vita del dott. Dumurrier si svolge come un super criminale di James Bond che confessa l'intera trama nefasta e riunisce i fili penzolanti in modo pigro e insoddisfacente. Allo stesso modo, il destino finale che tocca i cattivi del pezzo non riesce a dare un pugno, e quando ti siedi davvero e rifletti sulla logistica della loro punizione, finisce per essere l'elemento più assurdo del film. Peggio ancora, quando arriva questo finale presumibilmente scioccante, le cose sono diventate così noiose e noiose che probabilmente non ti interesserà davvero quello che succede comunque. Buona parte delle riprese finali sono state girate all'interno del famoso carcere di San Quentin, a San Francisco.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Oskarsson88  @  20/04/2020 15:12:36
   6½ / 10
Ho apprezzato parecchio la qualità della pellicola in termini fotografici, seppur i livelli non siano particolarmente alti, mi aspettavo qualcosa di molto più spicciolo per un giallo di metà anni sessanta, invece colori e fotografia sono accattivanti, così come anche i protagonisti sia maschili (in particolare Jean Sorel) che quelle femminili tra le quali abbonderanno scene di nudo.
Per certi versi infatti, come tipico dell'epoca, si miscelano il genere soft-porno con un qualche crimine o mistero da risolvere, una formula abbastanza funzionale finchè si guarda un film di questo genere intervallato da un'altra decina di film con altra formula.
Tornando al giallo di Fulci, i punti negativi sono soprattutto in un tergiversare per buona parte della storia, inserendo scene erotiche per allungare il brodo causa mancanza di materiale, e la scarsissima credibilità della storia

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Detto questo, la fotografia e la storia presa in se e per se sono abbastanza intriganti, e anche il finale per quanto poco credibile tiene molto alta la tensione.
Nel complesso, ho apprezzato più i lati positivi di quelli negativi.

Colibry88  @  28/05/2017 04:03:46
   5 / 10
Uno squallido filmetto erotico camuffato da giallo. L'intera vicenda trasuda sessismo ad ogni sequenza; tutti i personaggi principali femminili non vanno mai oltre il mostrare un c.ulo o un paio di t.ette. Fulci decide di mettere insieme inutili volgarità con un (noioso) intrigo familiare, dando vita ad una storia grezza e scialba, la cui conclusione è quanto di più ridicolo si possa immaginare. La storia subisce più volte battute d'arresto con l'insulso scopo di inserire scene di nudo fine a se stesse, messe lì giusto per allungare il brodo, anche perché in effetti oltre alle curve delle attrici c'è veramente poco altro. Un filmetto piccolo piccolo che ha davvero poco da dire.

DitaAppiccicose  @  05/06/2016 13:37:59
   6 / 10
A parte "Zombi 2", che è un horror, "Una sull'altra" è il primo film giallo di Fulci che vedo, nonché il primo girato dal regista. E' un film a metà strada tra il giallo ed il genere erotico che oggi però appare molto datato sotto entrambi i punti di vista, oltre che per scenografie e per la regia stessa. Impossibile non notare il riferimento a "La donna che visse due volte" di Hitchcock; Marisa Mell, oltre a mettere in mostra le sue grazie, offre una buona interpretazione nella parte delle due donne, mentre ho trovato piuttosto statica l'interpretazione di Jean Sorel che si basa principalmente su i suoi occhi azzurri. Il ritmo è lento anche per lo standard del periodo, la trama a volte un po' confusa e a tratti poco credibile .

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Il finale ha invece una discreta suspance che Fulci riesce a reggere per diversi minuti.

dagon  @  09/03/2014 19:54:00
   6 / 10
Film che ha una certa fama per le scene "audaci" per l'epoca (oggi fanno sorridere). Oscillando tra giallo ed erotico finisce con l'esser ne' carne ne' pesce, deludendo, alla fine, sotto ambedue i profili. La trama gialla non e' malissimo e gode anche dell'ambientazione americana, ma ci sono troppe forzature ed approssimazioni. Tuttavia puo' meritare di esser visto per curiosita' su una cinematografia italiana di genere che oggi e' completamente scomparsa.

CyberDave  @  08/03/2014 17:49:04
   7 / 10
Buon giallo diretto da Lucio Fulci, che dimostra una volta di più come questo fosse il suo genere, molto meno lo era l'horror.
Inizio già molto interessante con la presentazione di tutti i vari personaggi della vicenda, poi, dopo la morte della moglie del protagonista si sviluppa tutto il film.
Da subito molto bello e coinvolgente, volevo vedere come ne fosse uscito il buon Fulci, non era facile non cadere nella boiata, invece la parte finale è stata gestita benissimo e la tensione è salita ancora di più.
Davvero un buon film che merita di essere ricordato tra i grandi gialli all'italiana di quegli anni.

Azrael  @  21/01/2014 23:40:58
   7½ / 10
Un ottimo giallo e con un finale al cardiopalmo. Lo spunto ripreso da Hichtcock e' puramente legato al dettaglio circa la presenza della donna che sembra vivere, appunto, due volte. Ma per il resto, questa pellicola batte una strada tutta sua. Questo film e' un piccolo gioiellino, passato inosservato solo perché girato da Fulci - se l'avesse firmato zio Alfred, oggi sarebbe considerato un capolavoro. Basti solo pensare al finale, anni e anni dopo, e cioè nel 1992, copiato pari pari nel film Innocenza colposa.

JOKER1926  @  27/03/2012 22:15:27
   6½ / 10
Lucio Fulci con "Una sull'altra" afferm˛ di voler intraprendere ci˛ che in passato aveva fatto Alfred Hitchcock con "La donna che visse due volte" portando in scena dunque una sorta di emulazione italiana.
"Una sull'arta" partorito a fine anni sessanta Ŕ uno di quei film "classici" del tempo, si tratta, come al solito, di produzioni a basso costo che cercano di far fortuna a livello di narrazione fra mistero e qualche intreccio narrativo. C'Ŕ da dire che il film parte pure bene ed emerge ben presto la sua caratteristica di film thriller/giallo che vede protagonista un giovane medico.
Non mancano infatti picchi di massimo interesse, specie ad inizio film, il mistero e la curiositÓ intorno alla indecifrabile donna crescono man mano, le indagini poliziesche (Must in queste pellicole) sono ben almanaccate e il tutto dÓ sicuramente un tono di fascino e suggestione al prodotto italiano.
Fulci in questo frangente risulta essere all'altezza dando vita, come detto, ad una storia abbastanza coinvolgente, ci sono le forzature ma non le banalitÓ; lo spettatore, nel complesso, dovrebbe appassionarsi alle dinamiche del film specie quelle del finale.

Il film del 1969 si colloca, in una classifica virtuale, in una posizione centrale fra i thriller del regista in considerazione, in pratica con Fulci Ŕ abbastanza facile imbattersi con filmetti fatti a basso costo ove oltre alla deleteria confezione tecnica traspare pure una miseria nel contesto narrativo, con "Una sull'altra", invece, nonostante i limiti tecnici (realizzazione della fotografia) riesce, attraverso una baldanzosa sceneggiatura, a bilanciare un po' le cose e quindi ottiene quel fantomatico "lasciapassare" di visione. (Visione comunque dedicata a chi mastica ed ama il genere Thriller/giallo all'italiana.)

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  30/01/2012 15:12:21
   7 / 10
Senza dubbio lo spunto di base fa venire in mente La donna che visse due volte di Hitchcock con un ottimo intreccio alla base che si sviluppa in maniera appassionante per tutta la durata del film. Fulci tuttavia evidenzia molto la componente erotico/morbosa. Tutta la sequenza d'amore fra George e Monica, con il primo a ripensare alla moglie defunta fa intuire una sottile necrofilia. E' proprio questo elemento, l'erotismo, che Fulci gestisce in modo molto raffinato e mai volgare. Inoltre non mi è dispiaciuta nemmeno Marisa Mell, non mi aspettavo una prova di questo livello.

il cinefilo1990  @  09/04/2010 00:27:20
   8 / 10
bellissimo film di lucio fulci.confeziona un ottimo thriller psicologico.
Il film è un poco lento all'inizio,però dopo i 40 minuti il film comincia davvero a piacere,in qualche modo accattiva per tutti i minuti a seguire poi.
Splendide le musiche,come al solito ottime le ambientazioni,lucio fulci in ogni suo film riesce a descrivere in maniera quasi perfetta i paesaggi tipici del luogo in cui ambienta il film.Poi ci sono delle spettacolari seguenze di auto nel film.secondo me il merito dell'ottimo risultato raggiunto da questo film ce l'ha l'attore che interpetra il dottore,adesso però nn mi ricordo come si chiama.Nel film gli viene affidato un ruolo molto difficile da impersonare,lui riesce benissimo a rendere il personaggio malanconico,triste,pensieroso,umile e arreso al destino.davvero bravissimo.
sceneggiatura curata nei minimi dettagli,lucio fulci per scriverla,ho sentito dire che impiegò quasi 2 anni.il voto che do a questo film è 8,lo consiglio a tutti.quasi un capolavoro

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  14/03/2010 09:52:11
   4 / 10
Film anonimo di Fulci, per me il peggiore, che cerca di stupire ma non ci riesce.

Invia una mail all'autore del commento wega  @  05/03/2010 22:19:18
   6½ / 10
Sarebbe stato un 7 pieno se il film durasse i canonici 84-87 minuti fulciani, e non 106! Tutto sommato è un buon giallo erotico, effettivamente ispirato dalla Donna che Visse due Volte di Hitchcock e che, se la sceneggiatura ispira poca fiducia per una buona oretta, tutta l' ultima parte ha una sapiente costruzione della suspense e un risvolto per il protagonista che rende totalmente partecipe lo spettatore. Ebbravo Fulci.

baskettaro00  @  17/09/2009 15:59:59
   7½ / 10
sicuramente uno dei migliori film del grande lucio fulci,con qualche scenetta erotica neanche troppo spinta ed un ritmo estremamente lento.....
buona prova degli attori e buon colpo di scena finale.....
dopo"non si sevizia un paperino"il miglior fulci

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  06/06/2009 13:09:02
   5½ / 10
Sembra di assistere alla versione erotica de "La donna che visse due volte",o "Vertigo" se preferite,del maestro Hichckock!
Ma a parte la presenza eccessiva di scene erotiche(Inutili quelle lesbo durante il servizio fotografico)il film si lascia guardare...
Non male ma abbastanza malato...

DarkRareMirko  @  28/04/2009 18:53:41
   7 / 10
D'accordissimo con l'altro commento presente, riguardo cui aumento solo di mezzo punto il voto globale.

Discreto, misconosciuto e derivativo thriller erotico in cui ad ogni modo già si sente la mano del regista.

Non rimane particolarmente impresso nella mente e la trama è al solito complessa ed intricata come il thriller all'italiana insegna, ma si può comunque benissimo vedere.

phemt  @  22/11/2006 08:35:32
   6½ / 10
Dopo aver lavorato con Totò, Cementano e soprattutto Ciccio e Franco (con loro fece ben tredici film) più un western, Fulci comincia la seconda parte della sua carriera (quella del thriller alternata alla commedia o all’avventuroso per famiglie, prima della definitiva terza parte horror) con questo giallo psicologico ispirato alla Donna che Visse due Volte di Hitchcock… La trama è effettivamente poco originale, Fulci però dirige bene (e si notano già elementi che diverranno inconfondibili nel suo stile), il cast non è male, e nella parte finale si rimane un po’ con il fiato sospeso per vedere che fine farà il protagonista e Fulci è bravo a tirare avanti questo momento con mestiere… Fondamentalmente un giallo con venature erotiche, niente di imperdibile, ma comunque si fa seguire senza annoiare… Solo per estimatori di Fulci…

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

amleto e' mio fratelloanatomy of a fallanimali selvaticiassassinio a veneziaasteroid cityavanzers - italian superheroesbarbieblackbitsblue beetlebugiardo serialecattiva coscienzacoma (2022)comandante (2023)come le tartarughecome pecore in mezzo ai lupiconversazioni con altre donnedemeter: il risveglio di draculadoggy styledouble souldue fratelli (2023)enzo jannacci vengo anch'iofatello e sorella
 NEW
felicita'gli oceani sono i veri continenti
 NEW
gran turismo - la storia di un sogno impossibilehai mai avuto paura?hanno clonato tyronehypnotic (2023)
 NEW
i mercen4ri - expendablesi peggiori giorniil castello invisibileil confine verdeil faraone, il selvaggio e la principessail giuramento di pamfiril grande carroil mio amico tempestail mistero del profumo verdeil pi¨ bel secolo della mia vitail sapore della felicitail supplente (2023)in the fireindiana jones e il quadrante del destinoinsidious - la porta rossaio capitanoio sono tuo padrejeanne du barry - la favorita del rekurskla bella estatela casa dei fantasmi (2023)la lunga corsa - una commedia stralunatala maledizione della queen maryla stanza delle meraviglie (2023)last film showle mie ragazze di cartal'invenzione della nevel'ordine del tempomamma qui comando iomanodoperamission: impossible - dead reckoning - parte unonina dei lupinoi anni luceoppenheimerpapa' scatenatopassagespatagoniapiggy (2022)priscillaraffarheingoldrido perche' ti amoritratto di famigliarodeorossosperanzaruby gillman - la ragazza con i tentacolishark 2 - l'abissotartarughe ninja - caos mutantethe equalizer 3 - senza treguathe nun 2the storetitinauna commedia pericolosauna donna chiamata maixabeluna stanza tutta per se'una sterminata domenicauomini da marciapiedewolfkin

1043063 commenti su 49758 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BUGIS STREETL'ARMONICALE CREATURELIFE OF A SHOCK FORCE WORKERLUMBRENSUENOMOVINGTHE WORKING GIRLS

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net