tutta la vita davanti regia di Paolo Virzý Italia 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

tutta la vita davanti (2008)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film TUTTA LA VITA DAVANTI

Titolo Originale: TUTTA LA VITA DAVANTI

RegiaPaolo Virzý

InterpretiIsabella Ragonese, Sabrina Ferilli, Elio Germano, Massimo Ghini, Valerio Mastandrea, Micaela Ramazzotti, Teresa Saponangelo

Durata: h 1.29
NazionalitàItalia 2008
Generecommedia
Al cinema nel Marzo 2008

•  Altri film di Paolo Virzý

Trama del film Tutta la vita davanti

La ventiquattrenne Marta, fresca di laurea in filosofia, trova lavoro in un call center venendo a contatto con un ambiente apparentemente giovane e dinamico che, in realtÓ, nasconde tutte le insidie insite nel precariato.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,11 / 10 (166 voti)7,11Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Tutta la vita davanti, 166 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

130300  @  14/04/2020 22:05:36
   9 / 10
emozionante e divertente

Goldust  @  19/03/2018 17:54:09
   7 / 10
Una pellicola intelligente per raccontare con un sorriso amaro ed un bilancio sempre in perdita la cosiddetta "generazione mille euro". La difficoltà di trovare un lavoro all'altezza delle proprie aspettative, l'impossibilità di mantenere rapporti sentimentali a distanza, la precarietà del presente e la paura del futuro sono i temi passati in rassegna da Virzì, sempre abile a non calcare troppo la mano del grottesco rischiando di rendere alcuni personaggi dalla caratterizzazione già bella marcata delle vere e proprie macchiette. La grintosa Ragonese è una scoperta, il cast di supporto è azzeccato eppure la sottotrama simil-romantica tra Mastandrea e la Ragonese appunto mi ha lasciato abbastanza freddo.

arrivaal  @  07/02/2017 03:20:21
   5½ / 10
vuotume a livelli alti accompagnato da una gran bella sceneggiatura, forse sprecata,
a un certo punto ti rendi conto che nel film non è successo niente e quindi ti devi aspettare per forza qualcosa di speciale. macchè...
Sicuramente di questo film mi resterà l'espressione distaccata- fredda- imbarazzata della protagonista, che la ripropone una 70ina di volte nel film... a volte dura di più a volte dura meno... attimi di grande cinema

marimito  @  20/09/2016 17:14:04
   6½ / 10
Fra i film di Virzì, quello che mi ha meno entusiasmato. Ovviamente paradossale, come spesso sono i suoi film, di denuncia, caratteristica che mi inchioda allo schermo, ma questa volta meno incisivo, forse per quel tragicomico all'estremo che a volte "stucca". fra le interpretazioni spicca Isabella Ragonese; in coda la Ferilli (fare l'attrice non è affar suo).
Nel complesso il film scorre.

fabio57  @  30/03/2016 14:38:01
   8 / 10
Ottimo Virzì in questo realistico film che descrive purtroppo senza indulgenze ma anche senza esagerazioni, l'allucinante vita dei call center, fatta di competizione estrema, senza umanità, di trucchi al limite della legalità, accaparrarsi i clienti giocando col loro vissuto personale e tante altre miserie umane. La Ferilli in gran vena nella parte della lanciatissima Promoter che per galvanizzare la sua squadra utilizza tecniche da danza Maori degli All Black.
Film riuscito

Invia una mail all'autore del commento albatros70  @  14/03/2015 12:41:55
   5½ / 10
Mi aspettavo molto di più, non incide come film di denuncia sociale e non rilassa nella visione essendo troppo lento e tirato all'eccesso in alcune situazioni. Ottima la prova della brava Ragonese.

ragefast  @  04/04/2014 01:29:20
   8 / 10
Concordo per gran parte con Inamoto89 e dico la mia.

Sinceramente è la prima volta che vedo un film di Virzì, nonostante mi avessero incuriosito anche altre sue pellicole più o meno recenti. Il motivo della visione è sostanzialmente da ricercare nell'argomento principale del lavoro precario, più in particolare dei famigerati call-center, che purtroppo ho avuto modo di vivere in prima persona (per la cronaca, l'ufficio dove lavora la protagonista è quasi oro colato).

Se volessimo affrontare questo tema, ci vorrebbe un'opinione fin troppo prolissa, perchè coinvolgerebbe tra le tante cose anche enormi disparità sociali, oltre che generazionali (non me ne vogliano i pensionati a 300 euro al mese come la signora Franca); c'è solo da dire che se questo tema era attuale nel 2008, a mio avviso oggi lo è ancor di più per il degrado nel quale versa il ns paese (si, con la "p" minuscola). E forse solo chi vive e ha vissuto il mondo dei co.co.pro., degli stage a 500 euro a centinaia di km da casa e del porta a porta può davvero comprendere la pellicola a 360°.

Detto ciò, Virzì affronta questo delicato tema proponendone un ritratto tragicomico (più tragico). Abbiamo quindi la solita neolaureata che, dopo l'illusione della laurea come chiave per chissà cosa, si ritrova catapultata nel mondo del precariato, con tutte le sue difficoltà; inoltre il suo livello culturale si scontra inizialmente con quello delle altre colleghe, appassionate e attente alle vicende dei cerebrolesi del Grande Fratello. Facendo di necessità virtù, riesce a sbarcare il lunario e a dimostrarsi anche brava nel vendere a più non posso, rendendo contenti gli squali della compagnia, rappresentati da una discreta Sabrina Ferilli (incredibilmente se la cava bene) e Massimo Ghini. Squali solo in apparenza, dato che nella sfera privata mostrano tutta la loro debolezza e nullità.

Al contrario, Marta, interpretata da un'ottima Isabella Ragonese, conserva una certa sensibilità, come dimostrato quando vengono fatte fuori senza troppi complimenti alcune sue colleghe o quando si trova a dover parlare con un'anziana che ha perso la sua giovane nipote, suicidatasi per l'assenza di lavoro.

In conclusione, un film che ci racconta in maniera abbastanza realistica, anche grottesca e con qualche esagerazione, di molti giovani di oggi, schiavi di una società fondamentalmente malata. Azzeccato il finale e...


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

horror83  @  01/08/2013 21:50:07
   6½ / 10
mi è piaciuto perchè oltre ad essere un buon film parla anche di un problema molto attuale e cioè la mancanza di lavoro! una volta finita la scuola ti devi arrangiare alla belle e meglio (infatti la protagonista laureata dopo vari curriculum e colloqui dovrà accontentarsi di un lavoro al call center)

il resto guardatevelo, ma intrattiene bene come film e gli attori se la cavano

almeno nelle commedie il cinema italiano è abbastanza buono

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

JOKER1926  @  27/06/2013 14:30:52
   7 / 10
L' idea che porta avanti Paolo Virzý nel suo "Tutta la vita davanti" Ŕ strettamente collegata all'attualitÓ: laurea e poi?
Il film funge, a suo modo, da spaccato sull'Italia di questi giorni allegra e disorganizzata; i contorni della commedia adottati dalla regia non possono non enfatizzare ulteriormente questo apparato.
"Tutta la vita davanti" non Ŕ solo una commedia, in essa traspare a pi¨ riprese un senso di tristezza e di desolazione, i personaggi sono in una prospettiva lavorativa non certo idilliaca. La laureata Marta campicchia lavorando in un call center stilistico e pseudo gioioso che invece nasconde tutti i problemi del caso. A questo punto l'introspezione fatta dalla regia, seppur spensierata e personale, ha un proprio valore da non sottovalutare.
Il ritmo e la freschezza del cast (attori simpatici e dinamici) giovano al prodotto e giocano forse le carte pi¨ importanti; "Tutta la vita davanti" non si scorda di essere principalmente una produzione che deve intrattenere e lo fa in modo evidente e convincente.
Le uniche pecche appartengono un po' alla seconda parte del film ove le situazioni si alterano e si esasperano in modo quasi inverosimile, queste soluzioni sono stucchevoli ma non intaccano pi¨ di tanto l'egemonia che ha creato Virzý; il finale (oltre ogni tropologica critica di sceneggiatura) Ŕ saturo di emozioni e di una retorica vincente nel nome di un futuro terribilmente "sospeso" , fra sogni e aspettativeů

camifilm  @  26/06/2013 13:46:08
   6½ / 10
Ci sono tanti stereotipi su ogni personaggio, dal centralinista al sindacalista.
Detto questo è stato fatto un passo avanti nella media delle commedie italiane, andando a parlare di un argomento complicato come quello che lavoro precario. Qui si parla di ragazze madri, prostitute, centraliniste, sindacalisti che cefcano di arrangiarsi (Senza magari credere realmente nella causa), Si vede il passaggio di chi ha tanto di materiale a chi invece ha parecchio caratterialmente da donare e con il tempo riesce a risaltare rispetto ad altri che si adeguano alla mediocrità che sembra luccicare oro.

Una bella commedia. L'avrei preferita molto più drammatica, ma in buona sostanza i temi sui quali riflettere li pone in buona maniera.

Gli attori fanno bene la loro parte, anche le comparse.

MonkeyIsland  @  25/06/2013 17:28:24
   5 / 10
Mediocre come quasi tutti i film del pompatissimo Virzì.
La Ferilli recita come al suo solito in modo penoso (questa non è capace manco a essere credibile a fare una pubblicità di divani figuriamoci un film) che mi ha sempre posto l'interrogativo di cosa ci trovino i registi in lei.
La Ramazzoti imbarazzante, l'unica che se la cavicchia è la Ragonese.
Lo sviluppo narrativo é artificioso e non credibile.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

FurFante9  @  25/06/2013 17:13:05
   5½ / 10
Nel dimenticatoio...

ghigo buccilli  @  17/03/2013 01:03:00
   6 / 10
l'idea era buona e il film indubbiamente si fa guardare (specialmente quando micaela ramazzotti appare tutta nuda), però...manca un approfondimento della tematica, virzì sembra suggerire alla fine che l'odissea della protagonista, assolutamente normale nell'italietta di questi anni e di quella a venire, sia dovuta a una laurea sbagliata, in filosofia...in realtà non c'è laurea che tenga, in italia è solo un fatto di raccomandazioni, ed è un peccato che il regista lasci completamente in ombra questo versante del problema, non so se volutamente (ma in questo caso la cosa non depone a suo favore)...è l'assenza di meritocrazia e l'abbondanza di persone sbagliate nel posto giusto che ha affossato l'italia, anche in anni passati quando il lavoro c'era, dispiace che questo non emerga per nulla nel film, che sembra un discorso lasciato a metà, una denuncia che fa finta di non vedere i veri responsabili della tragica situazione che descrive.

Clint Eastwood  @  24/01/2013 21:02:32
   7 / 10
Il fatto è "chi se lo ricorda" (?)

Solo una cosa, fu uno pochi film italiani che non ha deluso e ne è valsa la pena di vederlo.

Invia una mail all'autore del commento AcidZack  @  24/01/2013 20:45:40
   7½ / 10
Ottimo per l'attualità ed il realismo delle situazioni. Bell e piacevol

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  09/09/2012 18:56:33
   5 / 10
Interessante per la tematica trattata, bocciato per qualche situazione agli eccessi e soprattutto per la mancanza di ritmo.

7219415  @  22/07/2012 18:57:52
   6½ / 10
si lascia guardare...

Febrisio  @  24/02/2012 15:27:28
   7 / 10
Un quadro di una danza di chi si sveglia al mattino e arriva a casa la sera... ognuno la può percepire e fare a suo modo, facendo attenzione alle regole da rispettare; talune ingiuste, altre rispettose e corrette, alcune intollerabili... Virzì mette in pista più giovani che sbagliano i primi passi, comprendono, e poi vivono e sopravvivono a questo mondo precario. I deejay che danno vita a questa danza si combattono a suon di note e musica; chi lenta, chi veloce, chi idealista, chi sfruttatore, chi rispetta e chi no.
Nel bene e nel male, e film riesce a darne atto, peccato che tutti cambiamenti di ritmo e musica li subiscono solo chi balla...

DylanDog  @  26/10/2011 16:35:48
   7 / 10
Bel film, anche se intriso di una visione della vita eccessivamente verghiana. Da vedere, ma non se siete alla ricerca di lavoro, perché è troppo pessimista.

charles  @  06/06/2011 22:21:34
   7 / 10
Film crudo, di denuncia, ben diretto e ben recitato senza eccezioni.
Bentornata sceneggiatura (purtroppo una desaparecida nel cinema italiano contemporaneo)!
Perché tanti altri film italiani non li fanno come questo? Eppure credo che al botteghino sia andato bene...
Elio Germano pare che sia una garanzia di qualità... anche per i film; continua così!




Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

albert74  @  05/06/2011 20:07:08
   8 / 10
uno dei pochi recenti film italiani ben fatto, ben strutturato e ben recitato.
Mi ha fatto veramente un'ottima impressione. Potrei aggiungere diverse altre cose ma mi limiterò a sottolineare l'ottimo modo in cui è stata delineata la situazione dei lavoratori precari nel nostro Paese oltre al quadro puntuale e realistico dei lavoratori dei call center (conosco personalmente diverse persone che ci lavorano e possono confermare quasi alla lettera quello che si vede nel film).

outsider  @  21/05/2011 21:58:40
   8½ / 10
Quadro eccellente di alcuni ambienti della società contemporanea e della degenerazione di un modo di essere fatui e vuoti.
Bravissimi tutti, dallo sfigato e untuoso Mastrandrea, nei panni della zacca sindacalista e inconcludente di turno, a Ghini, emblema dell'uomo che vive sul niente riempito di nulla, alla folle Ferilli in corsa verso il vuoto totale, alla nostra protagonista che segna una positiva linea guida nella storia.
Elio Germano centrato nel ruolo che interpreta, bravo a cambiare abito nei vari film, come un mutante.
Inutile dire che questa pellicola di Virzì passò alla storia per il più italiano, splendidamente inquadrato in un'inquadratura spacca mutande. Trovarsi in una situazione come quella, beh, credo che personalmente mi lancerei ad afferrare il pallone e poi centrerei "il canestro" come alle olimpiadi militari!
Da comprendere il regista pelatone che poi...mi pare, l'abbia sposata.
Incredibilmente curato in tutti gli aspetti e con contorni ben definiti ( esempio la trash situation della visita d Ghini a casa dell'ex moglie), questo film non manca di una certa profondità espressiva; mi riferisco al momento focale, centrale della pellicola, in cui la Ramazzotti chiama l'amica e poi si rende conto, testualmente: " mi sa che me so persa", il riferimento ovviamente non è alla strada, ma in una scena in cui il significato è alla portata di tutti si esprime in modo commovente il punto tragico cui certi comportamenti inevitabilmente portano.
Avevo dimenticato di commentare questo film dopo la prima visione. L'ho rivisto volentieri.
Da non perdere, decisamente. Film per tutti.

3 risposte al commento
Ultima risposta 15/06/2011 19.04.22
Visualizza / Rispondi al commento
Valdak89  @  21/05/2011 12:36:48
   7 / 10
Decisamente ben riuscito :D

Project Mayhem  @  01/02/2011 11:40:24
   7 / 10
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR 1819  @  10/01/2011 21:29:08
   5 / 10
Se ne parla un gran bene, ma io l'ho trovato triste, troppo. Commedia? Questo film è un drammatico, e come tale va giudicato. D'accordo, tratta temi attuali e importanti, però un approccio più realista e meno esasperato non avrebbe guastato. Mi è piaciuta Isabella Ragonese, perfetta nella parte; Ghini e la Ferilli invece se li potevano risparmiare, sembra di assistere a un cinepanettone.
In generale noioso.

andre.88  @  08/01/2011 14:37:08
   7 / 10
Voto scaturito da alti e bassi. Buona commedia, vivace e che fa riflettere su diversi temi (precarietà, lavoro, famiglia, politica, università). Il problema è che secondo me vengono fin troppo sottolineati quegli stereotipi che contraddistinguono la situzione italiana, non dico che non ci siano, però a mio parere ci si doveva focalizzare solo su un paio di tematiche, il rischio è quello di far diventare la trama superficiale.

Invia una mail all'autore del commento EnglishRain  @  04/01/2011 21:26:34
   6½ / 10
Non male..Una visione estremizzata della realtà lavorativa e del precariato odierno.

sweetyy  @  09/12/2010 17:39:42
   7 / 10
Sinceramente mi aspettavo peggio...anche dalla Ferilli.. e invece devo dire che questo film rispecchia tante verità..amare.
Lo consiglio..

ValeGo  @  21/11/2010 17:18:06
   6½ / 10
Non male si vede bene!

Invia una mail all'autore del commento INAMOTO89  @  16/11/2010 00:46:54
   10 / 10
DOpo 30 minuti di film non avrei mai e poi mai immaginato che alla fine avrei dato un voto del genere. PEnsavo che gli avrei dato un 7 pieno con qualche apprezzamento a quella gnoccolona della ramazzotti e che avrei infarcito il mio commento sulla mia esperienza al call center fallita ancora prima di iniziare per via delle cose diciamo ''stravaganti'' che ho combinato in quel posto durante il periodo di prova, tipo presentarmi ubriaco, bestemmiare in faccia al capo ( da ubriaco) e intasare i server con scritte oscene sul mio collega maniaco sessuale col quale ci ubriacavamo puntualmente a suon di vecchia romagna ad ogni pausa caffe'.

INvece no, niente di tutto questo, il film è troppo bello per sminuirlo con qualche ******* umoristica. Penso sia il primo film che vedo che metta in mostra in modo cosi schietto e amaro lo squallore della vita delle nuove generazioni.
QUello che ci mostra Virzi' è un mondo fatto di persone meschine e squallide,dove anche quelli che sembrano amici sono in realta' delle carogne pronte ad approffitarsi di te, non ci sono personaggi ''buoni'' in questo film, sono tutti marci a modo loro

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
e la cosa piu' triste è che comunque a fine film non ti senti di condannare nessuno di loro, perche' comunque sono tutti dei falliti che fanno di tutto per cercare di emergere e guadagnarsi un illusoria fetta di felicita' che pero'la vita sembri loro voler negare.
Uno spaccato di vita ultra realistico sul disagio di vivere l'eta' adulta,tra mille problemi sociali,economici e interiori che tratta anche temi importanti tra i quali la condizione precaria dei lavoratori , qui nella fattispecie quella dei lavoratori call center, sottopagati e sottoposti ad un alienante e stressante routine dove a nessuno importa chi sei o come stai ma soltanto quanto riesci a vendere, e se non ci riesci sei fuori senza se e senza ma.
Tristissima la figura di Sonja , bellissima madre troppo giovane e immatura per prendersi cura della povera Lara la quale sara' costretta a vivere una vita disagiata per colpa delle mancanze materne, cosi come è triste il personaggio di Daniela , avvenente donna che è dovuta passare dal letto del capo per diventare qualcuno e poi si è illusa che quell uomo la ami x davvero...

Insomma davvero tanti i temi trattati e nessuno in modo banale o superficiale, anzi, tutti con una glaciale ironia di fondo che non puo' far altro che lasciare una vagonata di amaro in bocca per questo squallido teatrino di persone relegate ai loro tristi destini.
10 perche' alla fine mi sono scese le lacrime dal nervoso,nel vedere tanta desolazione e sentirla cosi' vera, e in parte anche mia.

peppone  @  11/09/2010 09:24:40
   7½ / 10
Pellicola drammatica che ha sfumature grottesche e qualche volta si apprezza anche qualche estremizzazione da un punto di vista narrativo. Queste particolari scelte narrative danno al film la giusta leggerezza per essere digerito fino in fondo anche da un pubblico meno attento, seza uscire fuori tema. Questo aspetto premia il lavoro del regista su diversi aspetti e quindi è giusto riconoscere il merito di queste scelte. Il film attraverso dei meccanismo narrativi particolari e interessanti tratta una storia poco vista nei film di oggi, specialmente in quelli più chiaccherati di questo inizio millennio (Moccia docet), ma che viviamo quaotidianamente e personalmente. Brava la Ferilli! Merita di essere segnalato e visto

suspirio  @  11/09/2010 02:46:55
   7 / 10
Buona commedia che descrive il mondo del precariiato enfatizzando questa realtà.

axel90  @  04/09/2010 17:24:36
   7 / 10
Semiserio e agrodolce affresco sul lavoro precario in Italia. Virzì dimostra ancora una volta il suo talento nella commedia, attraverso riflessioni che passano dall’ingenuo e divertente allo struggente e terribilmente realistico. Una giostra di personaggi che ruota tutt’attorno ad un call center di Roma, piena dimostrazione della situazione italiana “precaria” e contraddittoria, dove la meritocrazia non conta più nulla. Oltre alla denuncia pesante fatta attraverso un apparato organico lavorativo schiavista e privo del minimo tatto nei confronti dei suoi operai, “Tutta la vita davanti” è l’ennesimo ritratto mascherato attraverso un cast in stato di grazia che inscena tutte le caratteristiche e peculiarità del caso. A tratti fin troppo eccessivo, a tratti quasi maniacale questo voler insistentemente puntare sul dramma con forza energica, il lavoro di Virzì è fortemente influenzato da tutto ciò che circonda la nostra società. Tra dirigenti in preda a crisi di onnipotenza e megalomanie, laureate squattrinate e in cerca di lavoro più redditizio, alla fine il film fa quasi esplodere dentro una rabbia immensa. Anche Virzì non ha una soluzione.

ultraspezia  @  21/08/2010 04:46:10
   7 / 10
Ero partito un po' prevenuto e non ero disposto a vedere questo film,pero' Virzi' mi e' sembrato una garanzia e ho deciso di darci un'occhiata.
Devo dire che la pellicola ha reso bene l'idea del precariato in italia. Mi sento toccato in prima persona perche' per trovare uno straccio di lavoro da 8 anni vivo all'estero.

E' una mia impressione o la Ferilli ha impersonato in maniera MOLTO convincente la parte ? A me e' piaciuta tantissimo...

CONSIGLIATO SICURAMENTE

CharlieCalloway  @  27/07/2010 16:36:29
   6 / 10
Film che parte da spunti assolutamente reali di un Italia alla deriva ma che poi finisce nell'assurdo e nel grottesco.Non male,aiuta a riflettere.

Invia una mail all'autore del commento Il Cartaio  @  25/07/2010 04:46:01
   6 / 10
Film che tratta piuttosto bene un grave problema che affligge la nuova generazione cioè la precarietà lavorativa. Un susseguirsi di situazioni agrodolci che fanno ben seguire tutta la storia. Visto per caso facendo zapping, sono rimasto soddisfatto. IL CARTAIO

ROBZOMBIE81  @  22/07/2010 19:01:08
   7½ / 10
Bel film generazionale che mostra una condizione di precarietà purtroppo attuale e che alterna denuncia verso certi lavori all' immobilismo di chi forse potrebbe fare qualcosa e non lo fà,fortunamente non si vive(o muore)di solo Moccia..

2 risposte al commento
Ultima risposta 22/07/2010 19.55.42
Visualizza / Rispondi al commento
stardust  @  12/07/2010 02:01:38
   4½ / 10
Io l'ho trovato volgare, mal recitato e noioso!
Si salva solo la vecchina e l'approfondimento di quel bruttissimo mondo del multilevel e il suo lavaggio del cervello e la precarietà dei giovani. Il concetto c'è, non c'è il film, gli preferisco dieci volte "Generazione 1000 euro" che appartiene allo stesso filone

Alex83  @  06/07/2010 02:10:34
   8½ / 10
Ogni tanto il cinema italiano ( e non solo) sforna qualche film degno di essere visto....peccato che l'abbiamo dato in tv in piena estate quando sono tutti fuori casa all'aria fresca....(sarà stata una scelata del grande capo? comprensibile visti i temi trattati....). Mi vergogno ogni giorno di più di essere un cittadino italiano.

1 risposta al commento
Ultima risposta 06/07/2010 09.42.19
Visualizza / Rispondi al commento
Burdie  @  06/07/2010 00:13:09
   5½ / 10
...poco commedia e tanto dramma....e tanta scontatezza...!

uzzyubis  @  06/06/2010 17:08:47
   7½ / 10
A me il film è piaciuto. Al netto delle caricature narrative abbastanza corripsondente alla realtà (purtroppo!).
E ben recitato e ben girato, non l'ho trovato affatto pesante ne lento (poi dipende uno cos'è abituato a guardare) anzi a tratti spiritoso e con quella descrizione dei personaggi molto europea cinematograficamente.
Un bel film sicuramente!

WildHorse  @  08/04/2010 03:04:46
   4½ / 10
Questa commedia a mio parere risulta pesante da seguire. Dura poco meno di due ore ma sembra che il tempo non passi. Durante la visione si attende una fine che non arriva mai e, quando arriva, è quasi una liberazione. Basandomi principalmente su questa sensazione, motivo la mia insufficienza. Si percepisce facilmente il finale, alcune scene sono molto prevedibili. Su tutte, l'incontro tra

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
I personaggi sono squadrati, ognuno ha il suo ruolo e non si discosta di un millimetro dallo stesso. Sceneggiatura scritta con tanto di quell'inchiostro che la si può leggere anche dal retro dei fogli.
Virzì sei bravo, scrivi qualche thriller, qualche poliziesco... abbandona per un po' la commedia: uscirà un capolavoro.

enriqo  @  19/02/2010 15:26:22
   7½ / 10
Forse un po' caricaturale, qualche piccola sfilacciatura di sceneggiatura (tipo la parte sulla madre della protagonista, che non e' perfettamente integrata nella storia), ma nel complesso ottima rappresentazione e presa per il sedere dell'Italia di plastica di oggi. Gli attori recitano tutti bene o benissimo.

the_walrus  @  01/02/2010 14:56:40
   7 / 10
Intelligente modo per rappresentare in modo quasi paradossale alcune ridicole esasperazioni delle celebri 'politiche di marketing' e soprattutto il disagio di tanti giovani operatori dei call center. Brava Sabrina Ferilli, mi ha convinto, niente male nell' l'interpretazione della donna in carriera esasperata che finisce per estraniarsi dalla realtà.

alexus  @  25/01/2010 11:34:19
   6 / 10
Gastone  @  23/01/2010 21:27:52
   7½ / 10
film semplice, ben fatto e godibile

interpretazione del tempo determinato, call center, e motivazioni ai venditori nelle grosse aziende

un +2,5 di voto alla ramazzotti... :)

topsecret  @  15/01/2010 15:07:00
   7½ / 10
Il bravo Paolo Virzì intraprende un viaggio nel mondo del precariato, più precisamente nel frenetico mondo dei call center. Un mondo dove personaggi "vincenti", abili oratori e motivatori si mischiano con varie tipologie di persone: dalla rgazza brillante, neo laureata col massimo dei voti alla ragazza madre svampita ed un pochino zocco.la, dal giovane rampante in cerca di nominativi all'impiegata del mese liquidata dopo che lo stress e l'invidia prendono il sopravvento. Un mondo dove lo squallore è nullo se paragonato a quello che emerge dalle situazioni private e familiari.
Un film interessante, ben diretto ed ottimamente interpretato da tutto il cast, perfino dalla Ferilli che non mi ha mai dato l'impressione di essere una vera attrice.
Un prodotto italiano che fotografa uno spaccato della società attuale, fatta di compromessi, ritmi frenetici e di pochi scrupoli, come rubare la pensione ad una anziana, ingenua signora.
Ed ora tutti in piedi...al ritmo della musica iniziamo una nuova, speciale, fantastica giornata.

drobny85  @  05/01/2010 14:22:44
   5 / 10
Mi sembra un film un pò sopravvalutato, vuole parlare di un mondo del lavoro precario ma lo fa abbastanza male. Ho lavorato 5 mesi in un call center, non so se ritenermi fortunato per l'ambiente di lavoro che avevo trovato o cosa, la mia esperienza è stata ben diversa da quella descritta da Virzì, ovvio poi ci sono situazioni davvero al limite in certi call center, però qui tutto mi sembra estremizzato. Detto questo comunque valutando aspetti più tecnici non mi è piaciuta ne la recitazione della Ferilli ne di Ghini, attori che comunque nelle commedie italiane ho sempre apprezzato.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  02/01/2010 16:25:50
   6 / 10
Discreto prodotto, spicca nella pochezza del cinema italiano contemporaneo.
Rappresenta discretamente lo schiavizzante mondo del lavoro precario e si cerca insistentemente di far passare una sorta di ideale marxistico.
Un po pretenzioso quando si arriva a citare Heidegger e più volte Platone con annesso mito della caverna.
Numerosi i cliché.
Discreti gli attori, niente di speciale, Elio Germano sopra a tutti.
Un prodotto tutto sommato guardabile e che si lascia guardare.

Tony yogurteria  @  01/01/2010 17:53:41
   6 / 10
secondo me leggermente sopravvalutato, film decentemente piacevole, con trama che si addice a questi ultimi anni.

gandyovo  @  17/12/2009 18:08:19
   7 / 10
siccome si cresce, non è ovosodo però il costo del biglietto lo valeva.

Aztek  @  30/11/2009 12:45:36
   6½ / 10
Commedia molto piacevole, che tratta un tema attuale.
Molto brava la Raganose, davvero un ottima interpretazione, ma tutto il cast se le cavata abbastanza bene.
Bello e significativo il finale.

Neu!  @  19/11/2009 21:24:13
   6 / 10
anche se ripensando alla Ferilli che canta mi verrebbe da mettere 1, tutto sommato in generale il film regge, pieno di difetti ma con altrettante trovate positive, uno dei migliori Virzì. un 6 scarso.

Christian80  @  19/10/2009 20:45:17
   6½ / 10
Rispecchia la vita all'interno di un call center,film carino e divertenete

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  18/10/2009 21:16:42
   7½ / 10
Ottimo film di Virzì, ottima scelta di tema.
Attuale e scottante (polemica) sul lavoro che non c'è e sulla relativa utilità delle lauree (soprattutto maguardaunpòilcasomachestrano quelle umanistiche) nello spietato quanto squilibrato mondo dell'oggi.
La realtà romana di un call center, vero e proprio mondo ideale asservito non tanto al denaro quanto al valore della prestazione forzata, vero e proprio lavoro forzato, diventa oggetto di analisi filosofica a che ne scaturistica (mi sembra) un patetico tentativo di mantenere da parte del sapere una pseudo-aderenza alla realtà del quotidiano..una soluzione? un'ironia? spietato realismo cammuffato formalmente e cinematograficamente da toni iperbolici e volutamente magniloquenti (come questa frase, noto)? bah..il finale è bellissimo (la bambina è l'attrice migliore del film insieme alla Ferilli..muaua sì sì la belloccia romana è brava pure!), resta che per me bisogna fare quel che ***** ci pare..e chisseimporta del lavoro!

Signor Wolf  @  06/10/2009 16:46:21
   9 / 10
Un gran film che tiene alto il nome del cinema Italiano, la pellicola anche attraverso stereotipi ed esagerazioni riesce a rendere perfettamente tutto ciò che voleva rendere, la vita dei neolaureati, il tranello delle aziende multilivello, il superamento del sindacato come forma di difesa dei lavoratori, le differenze fra opportunita in italia e all'Estero.. e il tutto concentrato in un prodotto leggero e scorrevole.
Mastandrea continua a recitare se stesso.

ely80  @  19/08/2009 12:15:37
   6½ / 10
Film abbastanza ben riuscito, denuncia sociale, qualche stereotipo.

Joey  @  01/08/2009 19:32:21
   8 / 10
Mi ha sorpreso ed a tratti emozionato. Non mi aspettavo molto quando ho iniziato a vederlo ma poi mi ha preso fino all'ultima scena. Un veritiero spaccato della vita nei call center e delle frustrazioni che gravitano intorno a quel mondo. Ben fatto.

Ballantines  @  05/07/2009 12:03:36
   7 / 10
Ammetto di non amare il cinema di casa nostra, ma questa pellicola mi ha stupito. A tratti grottesco, descrive con assoluta veridicità il mondo dei call center, lo spirito motivazionale di cui è intriso. Brillante l'attrice protagonista, con la sua passionale mitezza, con il suo modo di nascondere l'angoscia e la disperazione. Finale drammatico che non porta tristezza, molto raro.
Un film che consiglio, un film che ho visto due volte in un giorno.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI martina74  @  02/07/2009 09:56:14
   7 / 10
Virzì si conferma ancora una volta acuto osservatore della realtà, proponendoci uno spaccato della vita e delle miserie professionali di quella categoria tanto vituperata e difficilmente inquadrabile che va sotto il nome di "giovani".
Attraverso gli occhi di una laureata in filosofia di belle speranze e con la narrazione della voce di Laura Morante, assistiamo alla triste e grottesca descrizione del mondo dei call center e del precariato, con gli eccessi tipici dello stile del regista. I personaggi, con l'esclusione della protagonista Marta e del sindacalista, sono sopra le righe, caricaturali, plastificati e malinconicamente imprigionati nei propri cliche: il venditore d'assalto che non sopporta di perdere (il bravissimo Elio Germano), il capo gggiovane con una vita familiare distrutta e meno male perchè con una moglie così... (ottimo nella rappresentazione del declino Massimo Ghini), la motivatrice col cervello bruciato dal silicone (credibile ma purtroppo scarsa Sabrina Ferilli).
Il ritratto è spietato e - tragicamente - divertente, il finale forzato ma catartico.
Bravo Virzì.

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  20/06/2009 14:58:13
   8 / 10
Piacevole sorpresa commedia drammatica Italiana.Bravissimi gli attori e un buona sceneggiatura.Quando l'Italia fa Cinema si vede la defferenza.

john_doe  @  19/06/2009 12:16:38
   6½ / 10
Film piacevole, carino, infarcito di luoghi comuni ma comunque godibile.

ulisseziu  @  11/06/2009 18:46:57
   7½ / 10
Film molto divertente su quello che è diventato oggi il mercato del lavoro in italia, ma piu in generale sulle vicissitudini delle nuove generazioni.

Azzecati i personaggi e divertenti (quasi surreali).

Un film che fa ridere e mette in gioco buoni spunti di riflessione. Consigliato a tutti.

-tony barba-  @  01/06/2009 19:55:35
   8½ / 10
ottimo film italiano finalmente. girato bene , ottimi attori, bella storia. Da vedere

antonioba  @  29/05/2009 08:19:41
   7 / 10
Virzì è l'erede più convincente della grande commedia all'italiana, per la voglia di scattare una fotografia cinica, divertita e crudele del nuovo mondo del lavoro.

tarax  @  17/05/2009 05:04:59
   7½ / 10
Veramente un buon film, ottima la Aragonese e anche Elio Germano che, secondo me si sta affermando con forza nel panorama dei migliori attori italiani. Carina anche la storia, certo , niente di eccezionale, ma di questi tempi dire così bene di un film italiano fa gia notizia...purtroppo.

TheLegend  @  14/05/2009 18:25:30
   5½ / 10
un film carino e abbastanza scorrevole ma in alcune perti noioso e retorico.
Non basta affrontare dei temi importanti per meritare l'approvazione a mio avviso.
Inoltre il modo in cui sono stati trattati gli argomenti non mi è piaciuto.
La prova degli attori è sufficiente ma niente di più.
La media di questo film è a mio avviso troppo alta.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento agentediviaggi  @  11/05/2009 00:20:28
   8½ / 10
La risposta degli anni 2000 a Cresceranno i carciofi a Mimongo per il tema affrontato (a quanto pare passano gli anni ma siamo messi sempre male sotto il profilo lavorativo), per quello che è il più completo film di Virzì. La più fresca, intelligente, matura commedia all'italiana degli ultimi anni, magnificamente recitato da tutti gli interpreti (non me la ricordo una Ferilli cosi), ma soprattutto dalla Ragonese, che riesce a essere molto credibile con la sua faccia da brava ragazza. Una delle rare perle del nostro cinema, a parte le solite forzature melodrammatiche che pare siano inevitabili anche nelle nostre pellicole di maggior valore.

scabo  @  04/05/2009 22:18:01
   7½ / 10
Virzì torna ai livelli di Ovosodo e già questo è tutto dire. Qualche forzatura di troppo, ma finalmente un film italiano con il cambio di marcia, brillante e veramente ben recitato.

lampard8  @  24/04/2009 20:30:18
   7½ / 10
Commedia(?) gradevole e amarissima sul mondo del lavoro precario, tema caldo e attuale quanto mai. Virzì si dimostra ancora un volta bravissimo nel raccontare la quotidianità senza mai scadere nel retorico et banale(vedi Ovosodo)

TopoXL  @  16/04/2009 13:05:15
   8 / 10
ottimo film.
ha veramente centrato il bersaglio.
la boro-generation riprodotta fedelmente.
bravissimi attori ma soprattuttio le attrici.

JesusOfSuburbia  @  14/04/2009 02:28:41
   7½ / 10
Bel film, esagerato, simpatico, triste, riflessivo.
CI sarà sì qualche banalità e luogo comune ma non mi sembra che si distacchi così tanto dalla realtà che viviamo o che ci vive vicino.
La Ragonese è brava e tutte le caricature che le girano attorno fanno la loro parte.

mainoz  @  29/03/2009 10:02:59
   6½ / 10
bel film, rispecchia la situazione di molti neo laureati italiani..
alterna momenti drammatici a momenti comici..peccato per alcune scene troppo esagerate

Gui80  @  27/03/2009 23:20:15
   4 / 10
Media del 7... mamma mia.
Io penso che nel cinema non basti soltanto affrontare un argomento sensibile all'opinione pubblica per far un buon film, anzi...
Si rischia spesso di cadere nella retorica, nel banale, e nella noia... tre elementi che non mancano di certo a questa scadente pellicola.

2 risposte al commento
Ultima risposta 03/03/2010 05.01.36
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  26/03/2009 15:41:57
   7 / 10
Riuscita rappresentazione del mondo del precariato in cui vivono tantissimi giovani...me compreso visto che lavoro in un call-center!
Riusciti anche i momenti gottesco-musical-fantasy che accompagnano la storia...una Sabrina Ferilli perfetta nella parte! (per fortuna dalle mie parti c'è molta piu' comprensione verso gli operatori!).
Il rapporto tra la protagonista e la vecchia signora è molto ben fatto e commovente...soprattutto come nasce il tutto!
Insomma,finalmente,un bel film Italiano che riesce a toccari punti interessanti!
Non mi ha convinto tutto quello che gira intorno al personaggio di Mastandrea e le troppe scene di nudo che non sono funzionali all'opera...

1 risposta al commento
Ultima risposta 31/03/2009 01.30.24
Visualizza / Rispondi al commento
tnx_hitman  @  25/03/2009 17:28:23
   8 / 10
Un film italiano che ultimamente mi ha fatto giovare perchè il cinema della nostra nazione può ancora sperare in bene.Regia splendida,attori molto bravi(Ragonese sorprendente,espressiva come poke attrici)...storia interessante ma ti viene un gran malore xkè si stanno avvicinando x me gli esami di maturità...e qst film non mi aiuta sicuramente.Marta punta in alto essendo laureata Cum Lauda in Filosofia,ma si ritrova in un call-center di una ditta che vende prodotti scadenti e tratta i dipendenti in modo poco ragionevole.
Però si può respirare con questa buonissima folata di freschezza..almeno non ci assorbiamo il solito film sdolcinato con coppia idiota made in Italy.
Halleluja!!!

benzo24  @  25/03/2009 12:04:40
   1 / 10
che film stupido..il problema è che in italia si cerca di trasformare tutto in macchietta, rendendo il tutto ridicolo, con personaggi fuori dalla realtà, interpretati da attori scadenti.

7 risposte al commento
Ultima risposta 03/03/2010 05.03.11
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Caio  @  25/03/2009 09:53:05
   7 / 10
Commedia molto amara che affronta uno dei problemi sociali più vergognosi di questa nostra Italia, poco trattato al cinema forse per la sua drammaticità. Bravissimi i protagonisti, compresa Sabrina Ferilli, molto convincente nel suo ruolo. Da vedere.

gambero  @  24/03/2009 15:14:52
   7 / 10
niente male!!credo sia uno dei film italiani meglio riusciti degli ultimissimi tempi!!trama originale e purtroppo veritiera,recitazioni buone da parte di tutti gli attori(su tutti germano),buon ritmo dall'inizio alla fine,finale interessante!!ciò che mi è piaciuto di meno è sostanzialmente il fatto che credo si sia voluto esagerare troppo il modo di lavorare nei call center..non credo sia così pesante!!magari mi sbaglio..da vedere cmq sia,bella pellicola!!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

2 risposte al commento
Ultima risposta 24/03/2009 15.22.19
Visualizza / Rispondi al commento
Wally  @  23/03/2009 23:02:42
   7½ / 10
Molto carino... Non sembra neanche di vedere un film italiano... Anche la Ferilli recita come si deve in questo film... Bravi tutti soprattutto Germano che é un grande!
Consigliato a tutti! Ha anche un significato e una critica non da poco sui lavori di ora e sulla vita in generale! Bello!

  Pagina di 3   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

800 eroia cena con il lupoa classic horror storya dayagente speciale 117 al servizio della repubblica - missione rioagente speciale 117 al servizio della repubblica: missione cairoagnesall my lifeamazing grace (2018)ancora piu' belloatlasbaphometbeckettblack widow (2021)blood brothers: malcolm x & muhammad aliblood red skyblue bayoubon joviboys (2021)candymancapitan sciabola e il diamante magicocensorcodacome un gatto in tangenziale - ritorno a coccia di mortocomediansdau, natashademonic (2021)
 T
dune (2021)earwig e la stregaennio: the maestroescape room 2: gioco mortaleextraliscio - punk da balerafalling - storia di un padrefast & furious 9 - the fast sagafear street parte 1: 1994fear street parte 2: 1978fear street parte 3: 1666fellinopolisfigli del soleframmenti dal passato - reminiscencefree guy - eroe per giocofuturahasta la vista!i croods 2 - una nuova erai profumi di madame walbergil cieco che non voleva vedere titanicil collezionista di carteil gioco del destino e della fantasia
 T
il giro del mondo in 80 giorni (2021)il matrimonio di rosail mostro della criptail ragazzo piu' bello del mondoil silenzio grandeil viaggio del principein prima lineain the earthin the heights - sognando a new yorkio sono nessunoio, lui, lei e l'asinojodorowsky's dunejosepjungle cruisekatekufidla brava mogliela casa in fondo al lagola cordigliera dei sognila felicita' degli altri...la grande staffettala guerra a cubala guerra di domani (2021)la nostra storiala notte del giudizio per semprela ragazza con il braccialettola ragazza di stillwaterla terra dei figlila vita che verra'l'amante russol'amore non si salet us inlucal'uomo nel buio - man in the darkmadres paralelasmalignant (2021)mandibules - due uomini e una moscamarx puo' aspettareme contro te: il film - il mistero della scuola incantatamedusa: queen of the serpentmi chiedo quando ti manchero'mondocane (2021)monster hunterno sudden movenowhere specialocchi bluoldpenguin bloomper luciopeter rabbit 2 - un birbante in fugapigpossession - l'appartamento del diavolopunta sacraquello che non so di tequi rido ioreflectionritorno in apnearoom 9run (2020)school of mafiaschumachershang-chi e la leggenda dei dieci anellisibyl - labirinti di donnasnake eyes: g.i. joe - le originisongbirdspin time, che fatica la democrazia!spiral - l'eredita' di sawspirit - il ribellestate a casastorm boy - il ragazzo che sapeva volaresupernova (2021)the book of visionthe boy behind the doorthe green knightthe ice roadthe lockdown hauntingsthe nest (2021)the night house - la casa oscurathe protege'the sparks brothersthe suicide squad - missione suicidathe voyeursthey talktigerstoo late (2021)toothfairy 3triumphuna donna promettenteuna relazioneuno di noiuntitled horror movie (umh)
 NEW
venom - la furia di carnagevolami viavoyagerswelcome venicex&y - nella mente di anna

1021019 commenti su 46284 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net