the help regia di Tate Taylor USA, Emirati Arabi Uniti 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

the help (2011)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film THE HELP

Titolo Originale: THE HELP

RegiaTate Taylor

InterpretiEmma Stone, Bryce Dallas Howard, Mike Vogel, Sissy Spacek, Allison Janney, Jessica Chastain, Ahna O'Reilly, Viola Davis, Chris Lowell, Anna Camp, Octavia Spencer, Aunjanue Ellis, Cicely Tyson, Dana Ivey, Brian Kerwin

Durata: h 2.19
NazionalitàUSA, Emirati Arabi Uniti 2011
Generedrammatico
Tratto dal libro "The Help" di Kathryn Stockett
Al cinema nel Gennaio 2012

•  Altri film di Tate Taylor

Trama del film The help

Ambientata a Jackson, Mississippi, nei primi anni Sessanta, la storia esplora i temi del razzismo e del perbenismo di facciata delle famiglie del Sud, quando una aspirante scrittrice intervista una cameriera che racconta la verità sulle sue esperienze nelle case dei bianchi.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,58 / 10 (110 voti)7,58Grafico
Voto Recensore:   6,00 / 10  6,00
Migliore attrice non protagonista (Octavia Spencer)
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Migliore attrice non protagonista (Octavia Spencer)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su The help, 110 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  20/05/2019 00:50:42
   6 / 10
Non capisco bene il motivo del successo di questo film: tratta tematiche di razzismo e ingiustizia ma non è un film di denuncia, almeno non sembra volerlo essere... se invece l'intento era un semplice intrattenimento c'è da dire che nemmeno così funziona molto, infatti è troppo lungo per una storia che poteva durare molto meno.
Non riesco a dare più di così, non è un film che mi ha dato particolari motivi per farmelo piacere.

Juza21  @  14/01/2018 22:59:55
   7½ / 10
Nel complesso un ottimo film. Tematica non attuale ma emoziona, ben interpretato.

Elwing77  @  23/12/2017 20:32:39
   8 / 10
Tematica abbastanza impegnativa, ma con il giusto tocco di ironia che rende meno amara la realtà rappresentata.

daaani  @  10/12/2017 00:05:00
   8 / 10
Commovente al punto giusto, Emma Stone molto brava.

eruyomè  @  19/10/2016 14:01:03
   6½ / 10
Tema importante, attrici eccellenti nel delineare stupendi ritratti femminili.

Ma retorica propagandistica a fiumi, tono ricattatorio e semplicistico e personaggi-macchietta, per banalizzare il più possibile e rassicurare, ipocritamente, il correttissimo pubblico di oggi, che va possibilmente blandito ad ogni occasione. Sia mai che si metta seriamente in discussione.

Si poteva fare decisamente meglio, ciò non toglie che qualcosa di buono ci sia, e qualche momento di gran bel cinema si fa notare.

1 risposta al commento
Ultima risposta 29/10/2016 18.10.41
Visualizza / Rispondi al commento
Colibry88  @  29/09/2016 23:46:38
   6 / 10
Nel complesso è un buon film, ci mancherebbe, ma purtroopo ad una visione attenta non può non sfuggire un clima fortemente propagandistico e una lunghissima serie di cliché che finiscono per smorzare quel minimo di coinvolgimento emotivo che alcune situazioni vorrebbero regalare. Il nero è sempre la vittima innocente, mentre il bianco è vuoto, crudele e insulso. Stucchevole e ruffiano in troppe occasioni. Buone invece alcune citazioni sulla perfidia del Ku Klux Klan. Sul tema comunque c'è in giro di meglio.

krypton  @  29/05/2016 13:06:36
   7 / 10
The Help racconta da una nuova prospettiva (quella delle cameriere) le ingiustizie e i soprusi ai quali erano sottoposte le persone di colore nell'America degli anni '60. Commovente e al tempo stesso divertente, the Help vale la visione anche grazie alle buone interpretazioni (su tutte quelle della Davis et della Spencer).

Un unico paradosso: il fatto che il film sia zeppo degli stessi pregiudizi e stereotipi che cerca di denunciare.

Per il resto, film consigliato!

Paolo70  @  20/01/2016 19:55:22
   8 / 10
Film realistico, buona la regia e l'ambientazione. Bravi gli interpreti principali. Da vedere ma non adatto per i bambini bambini.

Light-Alex  @  23/10/2015 23:01:52
   8 / 10
Ottimo film visto al cinema qualche anno fa e rivisto ultimamente.
Un film che riesce a mostrare una parte difficile della storia dell'occidente non rinunciando a descrivere anche un'esperienza personale, quella della scrittrice autrice del libro, che fa sì che il film sia allo stesso tempo storico e divulgativo ma anche intimo.
Il cast si comporta eccellentemente, note di merito per la Chastain, per la sua miss Hilly odiabile fino all'osso e per la Spencer, vena comica di tutta la pellicola.
Bei costumi e ambientazioni. Un bel lavoro.

Ironkarlo  @  28/09/2015 10:32:47
   7½ / 10
mi è piaciuto, film molto profondo che tratta temi anche attuali.
forse un po' troppo prolisso, 1/2 in meno non avrebbe guastato.
da vedere sicuramente.

ZanoDenis  @  06/09/2015 20:17:17
   7½ / 10
L'ho trovato davvero un bel film, nemmeno troppo retorico come molti dicono. Di certo non è il primo film a far vedere i fatti dal punto di vista di "minoranze", e nemmeno il primo film a criticare le tendenze sociali di quel periodo storico.
Si getta molta carne al fuoco, l'argomento principale è si il razzismo, ma ci si allarga parecchio, si arriva anche a parlare delle pressioni sociali, delle ipocrisie borghesi e così via.
Diverse scene danno molto da riflettere, una in particolare:

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Molte altre scene significative, fanno di questo film un ottimo blaxploation movie, contro le disuguaglianze, efficace e leggero, buono anche sul lato tecnico, con un accurata ricostruzione del periodo e una buona fotografia, e anche sul lato recitativo, con Emma Stone in uno dei suoi primi ruoli realmente impegnati e un'ottima Octavia Spencer, poi premiata con l'oscar. Un po meno convincente la Howard, che nonostante la trovi molto attraente, non è il massimo a recitare.

Buonissimo film.

pernice89  @  21/04/2015 13:34:55
   8 / 10
Davvero interessante questa pellicola, che tratta temi interessanti relativi ai primi anni '60 nel sud degli Stati Uniti: non solo il razzismo, ma anche il ruolo della donna e il ruolo stesso delle badanti che in pratica assumevano loro stesse il ruolo di madre. Le donne bianche di buona famiglia risultano infatti inadatte a fare da mamme, sfornano figli solo per dovere e poi lasciano il compito a persone esterne.
Molto brava Emma Stone ed eccezionale Octavia Spencer.
Consigliato.

the saint  @  28/02/2015 10:58:01
   6 / 10
si carino.. ma sul razzismo meglio altri film

Benfas  @  14/01/2015 14:48:22
   8 / 10
E' difficile non essere coinvolti quando ci si trova di fronte ad un film che tratta di un argomento, purtroppo sempre caldo, come il razzismo.
Il film ti fa immergere in un modo visto dagli occhi di donne sottoposte alla durezza e follia dell'uomo bianco, l'artefice del razzismo, l'artefice delle differenze sociali che ancora oggi sono ben radicate in tutto il mondo.
In questa pellicola l'argomento è trattato in modo più leggere in modo tale da alternare momenti simpatici a momenti profondamente drammatici, Emma Stone, che finalmente ricopre un ruolo di un certa rilevanza, sorprendere così come tutte le altre donne che hanno reso questo film un ottimo viaggio negli Stati Uniti di un tempo, consigliato a tutti.

9 risposte al commento
Ultima risposta 30/09/2016 00.28.22
Visualizza / Rispondi al commento
Liak  @  24/12/2014 19:22:06
   9 / 10
AMERICANFREE  @  21/11/2014 12:22:55
   8½ / 10
veramente una sorpresa questo gioiello. Bellissima trama con attrici superbe. Mi ha molto commosso e fatto riflettere. vedetelo

Pablida  @  13/11/2014 17:39:11
   8 / 10
Bellissimo, il problema del razzismo nella prima metà degli anni 60 ma affrontato in una chiave diversa. Film veramente piacevole e riflessivo.

topsecret  @  11/07/2014 16:38:44
   7 / 10
Un film coinvolgente che tratta argomenti forti e delicati come il razzismo e il falso moralismo imperante nella realtà di molti stati dell'America di quel tempo, senza caricare troppo sulla retorica e sull'enfasi emotiva.
Un cast all'altezza della situazione, credibile e di grande abilità interpretativa, fornisce una performance sincera e diretta, regalando forti emozioni a chi guarda. La regia sembra capace, il ritmo non difetta, anche se forse ci sono alcune lungaggini evitabili, la storia mantiene vivo l'interesse fino alla fine e il coinvolgimento è garantito grazie all'assenza di banalità e di eccessi.
Secondo me un buon film che merita la visione.

horror83  @  27/01/2014 09:53:09
   7 / 10
Con me questi film che denunciano il razzismo hanno sempre un certo effetto, li trovo importanti, fanno riflettere, e quindi da parte mia hanno già una marcia in più. ovviamente poi il film deve anche esser fatto bene e in questo caso lo è. Anche se dura 2 ore e 20 non annoia e appassiona (anche se personalmente lo avrei fatto durare 30 minuti di meno). Le storie di queste cameriere le ho trovate un nuovo spunto, un nuovo punto di vista su come vivevano le persone di colore in tempi dove il razzismo era considerato una cosa normale. Poi anche il periodo degli anni 60' l'ho trovato realizzato bene (dai vestiti, alle auto, e alla mentalità). L'unica pecca è che ho trovato un pò troppo stereotipati certi personaggi, cioè le donne bianche sembravano quasi tutte oche mentre le nere sembravano tutte sante. secondo me dovevano curare un pò di più questa cosa. cmq non si può non stare dalla parte delle cameriere e delle persone di colore. Per me promosso.
La canzone finale, cantata da una donna di colore, è bellissima, hanno un timbro di voce che le bianche si sognano.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

24 risposte al commento
Ultima risposta 04/03/2016 16.11.08
Visualizza / Rispondi al commento
foradeicopi  @  02/01/2014 10:51:37
   7½ / 10
Buon film, sicuramente merita la visione...nonostante superi le 2 ore di visione non annoia mai ...si ride e si riflette che per un film non e' poco...

ValeGo  @  18/12/2013 15:13:37
   7 / 10
Nonostante le due ore e più di durata il film non annoia mai, si ride, ci si commuove e si gusta il tutto. Il tema,drammatico, è affrontato quasi sottoforma di commedia offrendo comunque molti spunti di riflessione. Valido cast.

BlueBlaster  @  18/12/2013 01:01:59
   5 / 10
La frase finale del commento che mi precede riassume la mia idea del film:

"Stucchevole, creato ad hoc per portarsi a casa qualche premio."

Oltre due ore di film per ripeterci quanto ingiusto fosse il razzismo negli U.S.A. fino appunto ai fantomatici anni 60 trattati nella pellicola...basta con questi film perbenisti, abbiamo capito e se continuate a sfornarli aumentate il mio razzismo!
Tutto molto composto e ben fatto dalla regia ai costumi come pure fotografia, colonna sonora e scenografie...
Octavia Spencer si è portata a caso l'Oscar!? Peccato perché mi sta sulle balle, forse più di Bryce Dallas Howard che qui è più odiosa che mai.
Sarebbe da 6 per la storia ma i progetti creati ad hoc per vincere premi e farci la morale non mi piacciono e quindi...

2 risposte al commento
Ultima risposta 29/09/2016 23.51.04
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  17/12/2013 14:07:34
   5 / 10
Una partita a scacchi dove da una parte ci sono i poveri neri e dall'altra i cattivissimi bianchi senza cuore. Alla fine vinceranno i neri grazie al loro cavallo di troìa, una fantastica ragazzetta piena di buoni sentimenti.

Stucchevole, creato ad hoc per portarsi a casa qualche premio.

1 risposta al commento
Ultima risposta 30/01/2014 20.14.29
Visualizza / Rispondi al commento
andreapau  @  17/12/2013 09:47:17
   5 / 10
Desperate Housewives in versione Radici.
Valido solo e soltanto per il tema affrontato, peraltro con modalità stucchevoli e patinate, comunque caricaturale e inverosimilmente rassicurante.
Appena sopportabile come tv movie, decisamente improbabile come film da Oscar, nonostante l'ottima prova dell' attrice non protagonista.

3 risposte al commento
Ultima risposta 18/12/2013 11.09.48
Visualizza / Rispondi al commento
gemellino86  @  17/12/2013 09:07:25
   6½ / 10
Mi è piaciuto ma non è un gran film. Il tema della discriminazione razziale qui in versione femminile è già stato rivisto. Le attrici sono brave. Secondo me è un po' lungo.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  19/11/2013 23:48:04
   4 / 10
Un ritorno al cinema degli anno 90 questo The Help con conseguente attenzione dell'Academy . A dire il vero a quanto pare sembra essersi stufata anche lei della ricetta acchiappaoscar che per troppi anni è stata rifilata e gli ha concesso solo un contentino.
The Help è il classico film costruito su una tematica molto seria, impegnata, reso accessibile al grande pubblico grazie ad una stereotipizzazione dei personaggi e con un manicheismo di fondo che aiuta l'immedesimazione da stadio.
La confezione è ineccepibile e le attrici di colore fanno il loro figurone, mentre alla bianche, ad eccezione delle protagoniste resta un ruolo da caratteriste.
Pellicola trascurabile, sia nella tematica non si contano film sull'argomento, che nella storia-

Con film simili vien voglia di diventare razzisti....

5 risposte al commento
Ultima risposta 31/01/2014 14.42.46
Visualizza / Rispondi al commento
marcogiannelli  @  09/11/2013 16:05:24
   7 / 10
Davvero un bel film, racconta un periodo ed una situazione davvero drammatica diventando delle volte leggero..non un cast fenomenale ma ottime interpretazioni

1 risposta al commento
Ultima risposta 28/01/2014 19.48.17
Visualizza / Rispondi al commento
alberto9  @  19/10/2013 14:47:10
   7½ / 10
Visto al cinema in inglese con i sottotitoli in francese: il film tratta un tema importante e forte allo stesso tempo. Molto brava Emma Stone nella veste della giovane scrittrice che vuole denunciare per prima il razzismo.

Tuco ElPuerco  @  05/04/2013 11:30:45
   6½ / 10
Non ci ho trovato nulla di cosi palesemente meritevole.
E' il classico film che contenta tutti , che puo' non piacere veramente a pochi, costruito a puntino. Carino

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  23/03/2013 18:56:41
   7 / 10
Film Disney (troppo) sugli aspetti della segregazione razziale americana anni '60, un po'troppo semplicistico, con buoni sentimenti e giuste punizioni per i cattivi (ma non troppo, così ti convinci che il mondo è duro). E', insomma, un po'finto. Scivola però molto bene nonostante la lunghezza e non si può dire che non sia efficace nei suoi momenti divertenti così come in quelli drammatici.

1 risposta al commento
Ultima risposta 23/03/2013 22.30.06
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento sb6r  @  11/03/2013 15:04:30
   8 / 10
Istantanea di un paese che si credeva civile tanto delicata quanto forte. L'incedere apatico, quasi neutrale, della storia demolisce poco a poco la struttura sociale dell'America del dopo guerra e rivela con un impensabile distacco la ruvidità dei rapporti con una comunità sempre più scomoda nel suo volersi rendere libera. I bianchi apprezzano i "negri" per i servizi che offrono loro, allo stesso tempo li detestano perchè è da questo che deriva il loro benessere: altrimenti nelle loro belle case si starebbe un po' meno bene e il cibo sarebbe un po' meno buono. Lo squilibrio sociale si manifesta prepotente nella quotidianità: si affida il figlio al negro ma non gli si consente di usare il bagno, lo si fa cucinare per noi ma gli è vietato usare lo stesso nostro autobus. Situazione pericolosa, infatti poi l'altalena dei diritti civili si sbilancia, la storia cambia e il sogno americano si desta un poco.

1 risposta al commento
Ultima risposta 11/03/2013 19.53.01
Visualizza / Rispondi al commento
lixanna  @  03/03/2013 19:17:14
   8½ / 10
Film spettacolare che tratta il tema del razzismo a tratti quasi con ironia! Oltre alla bellissima storia è da ammirare anche l'ambientazione... E bello vedere che la fiducia non è stata persa nonostante i maltrattamenti dei bianchi. DA VEDERE ASSOLUTAMENTE...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  27/01/2013 20:19:25
   7 / 10
Quando a ballare sulla pista del cinema è un film come "The Help" occorre evitare due tipi di atteggiamenti che, per quanto diametralmente opposti, si pongono sullo stesso piano: quello di non vedere il film.
Il primo spettatore, ingenuo e assuefatto a un Guardare retorico e sensazionalistico nonché rassicurante e per nulla inquietante, troverà in The Help uno stendardo del suo qualunquismo, il film tra i film, quello che sincere lacrime di partecipazione hanno fatto scendere, in un convincimento patetico di trovarsi di fronte al capolavoro dei capolavori, a quanto di meglio la settima arte abbia da offrire nel millennio corrente.
Il secondo spettatore, assuefatto a un Guardare dionisiaco e antiretorico, storicista e criticista, intellettualistico, profondo, probabilmente odierà The Help, con una serie di ragioni più o meno valide (se ben argomentate).

Io amo, davanti a questa delicata tipologia di cinema, pormi come a metà. Una metà che sappia valorizzare entrambe queste anime, questi opposti. A livello meramente narrativo, io credo che semplicemente, al di là di presunte ingenuità di script, The Help pecchi di lunghezza, lentezza e di alcuni difetti di sceneggiatura, come ad esempio il suo privilegiare eccessivamente il dramatis personae in una direzione femminile, selezionando di conseguenza un pubblico preferibilmente composto da elementi del gentil sesso. Non dico che non ci possano essere film composti solo da donne, molta grande letteratura, sin dall'antica Grecia teatrale, lo ha fatto, ma io credo che The Help sfrutti -i difetti- delle donne, sia un film da donna, sia eccessivamente vezzoso per essere apprezzato dalla totalità del suo pubblico. Ma è sicuramente la lentezza il problema, un film che si poteva tagliare e di molto.

Resta però un film dolce e interessante, commuovente e sincero, una bella storia di libertà, passione e ironia su un tema che ancora fa sanguinare le coscienze di ogni uomo bianco sulla faccia della terra. Il film ha dalla sua una grande genuinità, un grande impatto, una freschezza di espressione che è veicolata perfettamente da un cast ispirato e da alcune belle canzoni sistemate con scaltrezza lungo tutto l'arco narrativo. Pensavo peggio di questo famoso film. Ma ora posso anche dire, bel film.

Ezio77  @  02/01/2013 12:57:06
   7½ / 10
Il miglior film visto ultimamente. E ho detto tutto. Richiama quel cinema hollywoodiano impegnato e un po' ''ruffiano'' (nel senso cmq abbastanza positivo del termine) degli anni '80-'90 che mi piaceva tanto, quello in cui i buoni erano molto buoni e i cattivi molto cattivi....Grandissime interpretazioni e stupenda ricostruzione ambientale con ottime location. Un plauso anche alle ''luci''. Da vedere. Voto più appropriato: 7/8

TopoXL  @  11/12/2012 11:27:00
   8½ / 10
da vedere.
assolutamente.

Invia una mail all'autore del commento Tempesta  @  07/12/2012 10:07:09
   9 / 10
Questa pellicola e un gioiello sotto tutti i punti di vista.
Interpretazione magistrale di tutti gli attori. Sceneggiatura fotografia grandiose.
Da vedere assolutamente..

stardust  @  18/11/2012 22:56:54
   6½ / 10
girato bene, interpretato magistralmente, strappa la sincera lacrimuccia, si lascia vedere volentieri, guardatelo ma non aspettatevi niente di nuovo!
Oggi come è oggi il tema è già stato trattato ampiamente ma guardatelo per tutto il resto

fabri70  @  10/11/2012 13:48:36
   7 / 10
film buono,ottima idea,la cattiva di turno ha ciò che si merita..ben ti stà....il tema del razzismo viene descritto molto bene per quel periodo...ragazzini.non guardate solo film d azione e splatter,ma pure film come questi.vi piacerà

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento mkmonti  @  28/10/2012 18:56:08
   7 / 10
Buona riproposizione sul grande schermo del libro ominimo di Kathryn Stockett sulla condizione dei neri ed in particolare delle donne di colore in Mississipi, con una regia tradizionale, una buona fotografia e soprattutto una buona sceneggiatura e ottime interpretazioni dei protagonisti.

beppe.fadda  @  26/10/2012 18:08:33
   10 / 10
Lo adoro, è davvero bellissimo!! Ne hanno fatti tanti di film sul razzismo, ma ognuno presenta qualcosa di innovativo e personalmente "The Help" è quello che preferisco. Commovente, emozionante, lo consiglio vivamente. Viola Davis è da Oscar (non ho visto di "The Iron Lady" quinid non posso dire se Meryl l'abbia meritato o meno), Octavia Spencer l'ha vinto e lo ha meritato, Emma Stone è bella brava, Bryce Dallas Howard è convincente, e Jessica Chastain è perfetta.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  17/10/2012 12:40:46
   7 / 10
Mississipi anni sessanta...lo Stato d'America con piu' gente di colore.
Lo scontro sociale con i bianchi è dietro l'angolo e tra una finta serata di beneficenza e un sorriso ipocrita ci sono famiglie che stanno pensando di ghettizzare queste persone per evitare di "prendere le malattie"!
In quel di Jackson le casalinghe benestanti hanno pensato di dividere i bagni tra bianchi e neri...questo è l'atto di maggior razzismo presente nel film di Tate Taylor che racconta della ribellione silenziosa scaturita attraverso le pagine di un libro che fece scalpore.
Ottimo il cast femminile e le due ore passano piacevolmente.
Buon film per riflettere...

Andrea Cisonkik  @  16/10/2012 21:52:52
   7 / 10
un bel film sulla discriminazione razziale,con un'ottima recitazione di tutto il cast.in particolare sono stato colpito dalla difficile e agghiacciante recitazione Bryce Dallas Howard.alcune scene molto commoventi e realistiche,tuttavia è mancato qualcosa per renderlo davvero un gran bel film

Edredone  @  16/10/2012 15:56:14
   8 / 10
Veramente un bel film commovente,ben realizzato e interpretato. Consigliatissimo...

Ale-V-  @  16/10/2012 01:46:46
   7½ / 10
Veramente un bel film che dipinge l'america degli anni '60 durante l'apice del periodo razzista del paese. La brava (e bella) Emma Stone sembra veramente a suo agio nel ruolo che ricopre, Oscar meritatissimo a Octavia Spencer. Una nota di merito anche alla bravissima Viola Davis.

JB488  @  15/10/2012 19:00:33
   5½ / 10
un film non può piacere con Emma Stone protagonista !
è una rana !!!!!
detto questo poteva essere quello che non è ossia un grandissimo capolavoro su un tema Nuovo ed originale,non è il buonismo che stona ma l'uso che se ne fa,vedere la bambina che piange quando la cameriera se ne va è buonismo ? direi di si ma non stona ... la storia della torta è ottima ma diventa il tema principale del film ,insomma dove sono gli approfondimenti su un tema cosi interessante quanto originale ? scade decisamente nella più trash delle telenovele con chi deve sapere chi ha mangiato e quanto ne ha mangiato di quella torta,e poi cosa abbiamo ,ciao io sono emma stone sono abbastanza anonima e bruttina dimostro 18 anni ma scrivo un bel libricino dove faccio sapere a tutti che una donna ha mangiato una torta ,tutto il resto passa in secondo piano ,non posso però che essere daccordo con l'oscar alla zia Spencer ,l'unica che mi abbia veramente convinto !

elnino  @  09/10/2012 12:38:34
   8½ / 10
Eccezionale. Da vedere assolutamente, storia da brividi, interpretazioni eccellenti. Consigliatissimo

gustavone  @  23/08/2012 14:31:59
   10 / 10
A mio parere il miglior film dell'anno.
Una frizzantissim storia al femminile sullo sfondo di un passato non troppo lontano.. uno di quei film che vorresti non finisse mai.

Consigliatissimo... a chiunque!

crimal9436  @  09/08/2012 10:03:49
   7½ / 10
Questa è l'ultima volta che commento positivamente un film di questo genere: ormai ho 35 anni, i temi li conosco, li ho analizzati e mi sono fatto un'idea mia. Non ho più bisogno di film che mi illuminino falsamente sugli avvenimenti storici, che mi portino a dover pensare che negro=bene e bianco=male.
So che è stato così e chiedo scusa perché i mali della società ricadono su ciascuno di noi per cui, da bianco, mi assumo le mie responsabilità.
Ora il giudizio è positivo perché il tema è interessante e il film ben sviluppato per cui ne consiglio la visione, non me ne vogliate, e mi riferisco ai giovani, perché ritengo che si debba discutere di temi importanti quando non si conosco, ma per me personalmente questo modo di vedere le cose ha stufato.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

movieman  @  11/07/2012 01:51:14
   7 / 10
Preconfezionato e buonista? Può essere ma ciò non toglie che il film sia riuscito a coinvolgermi. Effettivamente il tema della segregazione sociale è reso in maniera troppo leggera, ma accanto a questo emerge anche una forte critica alla società moderna dove contano solo le apparenze. Così il film si popola di starnazzanti galline che spettegolano o si cimentano in imprese come "salviamo i bambini dell'africa" quando non fanno nemmeno un piccolo prestito alla propria inserviente negra....
Inoltre ho trovato ottima la recitazione, in particolare quella di Octavia Spencer, con la sua esuberanza e vitalità. Nel complesso non male anche e effettivamente questa tematica andrebbe affrontata con maggiore serietà.

calso  @  06/07/2012 10:46:01
   8 / 10
Veramente bello, una storia coinvolgente e ben ambientata...una giovane scrittrice che col suo libro vuole denunciare ciò che succede in un sud dell'america ancora immerso nel razzismo...un punto di vista diverso rispetto al solito modo di vedere questo periodo storico...molto bello...un'ottima Emma Stone.

davmus  @  11/06/2012 18:47:58
   9 / 10
Molto bello e toccante. Si, forse era "caricato" di luoghi comuni....o forse, almeno dal punto di vista delle cameriere, la realtà era proprio di quel tipo?!

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  06/06/2012 13:08:30
   5 / 10
Preconfezionato e buonista, ecco a voi il film più sopravvalutato dell'anno.
Devo pure ammettere di essermi avvicinato con un certo preconcetto, ma purtroppo fondato visti i risultato. The Help ha intenti nobilissimi e credo sia inutile rimarcare quali; il problema è uno solo: non si può affrontare il razzismo della società americana degli anni '60, spietato e duro proprio come ci viene mostrato se non peggio, ricadendo nello stereotipo banale e ricattatorio contro lo spettatore. Il fatto che sia un film contro il razzismo (e lo ribadisce in continuazione come arma contro lo spettatore) si ritorce contro sé stesso quando riesci a ritrarre questi ritratti femminili della middle class bianca come razziste oche, disadattate nel loro ruolo di mogli e madri e sfruttatrici delle domestiche di colore, e poi tutte le donne di colore sono ampi esempi di virtù e saggezza. Nel cinema hollywoodiano si sa, il negro nei film sul razzismo è sempre il saggio e anziano uomo/donna di mondo che svetta su tutte e tutti, senza macchia. Con questo vorrei rimarcare il problema di fondo di The Help: è una concezione cinematografica che andava bene perfino venti anni fa nei limiti; oggi non è più accettabile questa commercializzazione dei bei intenti. Con tutto che è un film al femminile poi si ricade nello stereotipo ancora peggiore di mostrare tutte le donne bianche (tranne la protagonista) futili, stupidotte, vanesie. O nel caso della cattivona di turno che non poteva mancare (figurarsi), ad incarnare il razzismo e la prevaricazione per una torta di mèrda... non si è voluti risalire alla radice del problema, preferendo anzi considerare tutta la storia come facente parte di una vendetta personale. Non bastano gli accenni alla società degli anni '60 americani, non bastano ogni tanto qualche canzone di Bob Dylan per fare di un film contro il razzismo un BEL film.
Ma la cosa peggiore nel senso assoluto, al di là di tutte queste perplessità personali, è l'oggettiva zuccherosità diabetica di troppe, troppe scene. Non credo che il cinema sia più questo; The Help avrebbe ricevuto lo status di capolavoro negli anni '60 se fosse stato girato in quel periodo. Oggi non è più accettabile una cosa del genere, vale come lezioncina pedagogica (fatta male) sul razzismo dell'epoca; ma non sul perché.

Le note positiva ci sono, e come al solito è il rovescio della medaglia di questa paccottiglia hollywoodiana: il film è scorrevole e si guarda che è un piacere. Tranne un problema grosso: dura due ore e venti senza motivo, ripetendosi in continuazione e con irritabilità nelle situazioni. Se fosse durato un'ora in meno sarebbe stato anche più incisivo.
E poi la prospettiva femminile, per quanto stupida e a mio parere per nulla incisiva come tutto il resto data la banalizzazione dei personaggi e degli argomenti, si avvale in ogni caso di un ottimo cast che non sbaglia un colpo. La Chastain è certo lo stereotipo dell'oca borghesuccia americana anni '60 ma da anima al suo personaggio, è un attrice da tenere costantemente sotto osservazione in futuro. Emma Stone simpatica, cast delle donne di colore ottimo. Anche la Howard si rende odiosissima come dovrebbe essere.
Ma se non si fosse capito il mio biasimo va proprio alla banalizzazione di un cinema costruito a tavolino come i suoi personaggi, a cui non bastano grandi interpretazioni per dare anima al tutto.
The Help oggi è una presa in giro. Anni fa non lo sarebbe stato ma adesso lo è, fumo negli occhi dalla patina seducente. Ma appunto tutto fumo e niente arrosto (cucinato dalle negre che per la miseria, fanno il pollo fritto come nessun'altro e infatti l'unica cosa che rimane di The Help è che le casalinghe americane anni '60 non sapevano cucinare ma le negre erano cameriere e cuoche straordinarie e fedeli come cagne).

6 risposte al commento
Ultima risposta 17/12/2013 22.01.32
Visualizza / Rispondi al commento
vale1984  @  31/05/2012 10:46:38
   7½ / 10
Un gran bel film, una storia commovente e vera. La vita delle donne di colore che lavorano come cameriere per le ricche bianche, gli crescono i figli e sono costrette a prendere insulti ed a essere trattate da serve, ma anche le vite vere delle buone persone, l'amicizia e il coraggio in una società fatta di apparenza. Un bel film, ben recitato e che rende molto bene l'idea cardine.

ste 10  @  21/05/2012 23:58:02
   8½ / 10
Gran bel film, l'ambientazione e le tematiche ormai sono state sviluppate ampiamente nella storia del cinema però l'argomento resta sempre di grande interesse e questa bella storia intrattiene senza mai stancare

clubdelmariachi  @  21/05/2012 12:45:39
   7½ / 10
Gran bel film! Attrici perfette dalla prima all'ultima, bella anche la storia!
Tante le scene emozionanti; le due ore e venti sono volate!

Consigliato !!

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Norgoth  @  29/04/2012 20:09:39
   8 / 10
Film all'altezza del libro da cui è tratto, con gli stessi pregi e gli stessi difetti.
Dal punto di vista puramente cinematografico, tutte le cose sono al loro posto: fotografia, ambientazione, recitazione, musiche... tutto ottimo.
Peccato per la lunghezza, che dopo un'ora e tre quarti si fa sentire (non è un tema facile da trattare e soprattutto è difficile dargli un ritmo sostenuto).
Di certo, inoltre, non si osa, tenendo il film su un piano il più commerciale possibile (cosa che, comunque, rispecchia abbastanza anche la volontà del libro). Su certi aspetti si poteva calcare un po' di più la mano, soprattutto sui fatti di contorno che succedevano ai neri perseguitati.
Tutto sommato è un buon film.

-Uskebasi-  @  26/04/2012 21:01:35
   7½ / 10
Essere madri presenti di cento figli prima ancora che del proprio. Schiavismo. Bagni per negri.
Se le cose stanno così, di un Aiuto ne avevano più bisogno i bianchi che i neri, altro che torte di cioccolato corporeo.
Ma è possibile che tutti i bianchi sono cattivi e sottosviluppati, mentre tutti i neri sono buoni, compassionevoli ed intelligenti? In effetti c'è chi dice che impossible is possible o che impossible is nothing ma crederci non è facile. Se non si ha questa sensazione si può parlare di un gran film, un po'troppo lungo ma completo dove non mancano né abbondano lacrime e risate. Grandi attori, o meglio, grandi attrici visto che quasi tutto il cast è al femminile, con una nota di merito ovviamente per le due negre principali. Magari il risultato sarebbe stato migliore con meno cliché e con qualche scenetta in più come tutte quelle dove è presente Constantine, superlativa quella in cui osserva le numerose stanghette dell'altezza di Skeeter, ed una sola di sua figlia.

lorenyo  @  18/04/2012 14:56:41
   9 / 10
Film fantastico, coinvolgente, attrici molto brave, tematica sempre interessante.

Xavier666  @  17/04/2012 00:08:36
   8½ / 10
Trovo alquanto riduttivi certi commenti del tipo: Film ruffiano? buonista? con quel finale fatto a posta per mettere tutti d'accordo? un film, l'ennesimo, sul riscatto della popolazione afroamericana? Un nuovo mississippi river, un nuovo colore viola e via dicendo. Ma andiamo! Questo film sarà questo ma non si ferma solo a questi aspetti! E' un film, a mio avviso, che di superficiale e buonista non ha proprio niente, trovo che sia un film che assume come storia principale le condizioni di vita della gente invisibile, delle donne afromericane costrette a vivere condizioni di vita e lavorative orribili, un film sulla fierezza e sulla dignità di una profondità rara, un film corale di donne in cui gli uomini sono solo comparse la cui presenza influenza in ogni modo il modo di vivere e comportarsi delle donne protagoniste. Un film in cui i neri sono buoni e i bianchi cattivi? ho anche letto. Ma quale film ha visto costui? E' un film in cui si narra in maniera elementare le dinamiche sociologiche in un microcosmo di una cittadina del Mississipi, in cui i leader d'opinione determinano i comportamenti dei membri del gruppo mainstream (Hilly che inflluenza pesantemente il suo contorno di donne, che la seguono nel suo modo di pensare nonostante il mondo cominci lentamente a cambiare, la presidentessa venuta da Washington che costringe la madre di Skeeter a comportarsi in quel modo) Insomma io non vedo quella cattiveria, vedo un ecosistema con le proprie regole a cui tutti debbono attenersi (difatti una delle frasi memorabili quando la madre di Skeeter comprende davvero chi è sua figlia e quanto sia coraggiosa a ribellarsi alla "società").
Un film ottimo con delle interpretazioni magistrali, oscar di Octavia Spencer pienamente meritato, io avrei premiato anche la signora Foote, la bionda pura che vive lontana dal circolo di bridge e a sua volta emarginata, la cui preoccupazione è diventare una brava moglie (io non ci vedo per niente del maschilismo in un'aspirazione di molte donne, soprattutto nell'epoca in cui la storia è ambientata).
Film da vedere assolutamente.

floyd80  @  14/04/2012 14:35:09
   7 / 10
Una pellicola che sembra durare meno delle due ore (quasi) e mezza, questo grazie ad un ottimo ritmo, ad una regia mai fine a se stessa e a degli ottimi attori.
L'unico neo alcune caratterizzazioni banali (i bianchi sono tutti cattivi, i neri sono tutti di buon cuore...)

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR oh dae-soo  @  13/04/2012 15:00:44
   7½ / 10
mmm
mmm
mmm
ho sempre sognato di iniziare una recensione così, con questa specie di onomatopea del dubbio insomma, perchè in realtà questo è quello che accade sempre, quando mi metto a scrivere non so mai che caspita dire, tutto viene un pò da sè.
In questo caso poi il mmm ha un duplice significato perchè per una volta pure io che solitamente fatico a vedere la furbizia anche quando è manifesta, stavolta ho davvero serissimi dubbi che The Help un pò furbetto lo sia davvero, forse persino più di un pò.
Quindi malgrado avrei potuto parlarne non bene, ma più che bene, sono un pò frenato da questa sensazione di confezionamento ad hoc, di scarsa genuinità e verità, di tentativo, peraltro riuscito, di strizzare l'occhio allo spettatore di turno.
Certo fare un film su un problema così mastodontico come quello del razzismo dell'America ani 50/60 può facilmente prestare il fianco a bubboni di retorica lì lì per scoppiare ma la sensazione che quasi ogni personaggio, ogni dinamica ed ogni tentativo di esprimere un concetto e un punto di vista sia un pò costruito a tavolino rimane.
Intendiamoci eh, The Help rimane un gran film, forse grandissimo, recitato in maniera meravigliosa, con una perfetta ricostruzione di ambienti e modi di vivere dell'epoca, con la sobrietà di non voler causare la lacrima facile e l'anti-cinematograficità di non costruire a tutti i costi scene madri qua e là.
Il cast è stellare, forse non nei nomi ma sicuramente nel risultato. Emma Stone si toglie i vestiti da easy girl e si tuffa alla grande nel suo primo personaggio realmente "impegnato" in carriera; Viola Davis e Octavia Spencer fanno a gara di bravura con la seconda a vincere ( Minny, la cuoca grassa) meritando senza alcun dubbio il premio Oscar assegnatole; e anche la figlioletta di Ron Howard è insopportabilmente brava nel personaggio di Hilly, razzismo serpeggiante nascosto in una vita finta come una quinta teatrale.
Certo, i personaggi sono quasi al limite del credibile, i bianchi ricchi, razzistissimi, raffinati e belve, i neri vittime, umili, buoni e intelligenti. Fortunatamente in The Help non mancano le eccezioni e forse è proprio nei personaggi secondari che credo di aver trovato il mio oro del film.
Ho trovato infatti straordinario il personaggio della madre di Skeeter (la ragazza giornalista che scriverà il libro,un libro vero tra l'altro, che dà titolo al film). Anche lei è imprigionata nella sua vita borghese di abiti confezionati e gioielli, di feste imbalsamate e di preconcetti ineliminabili, di apparenza che tiene l'essere sotto strati e strati di cerone. Ma è, a differenza degli altri, una donna intelligente, una che quella prigione di vetro la spaccherebbe a martellate, una che è prigioniera di sè sapendolo di essere. Non è un caso che sia la protagonista di quella che è per me la scena più bella del film, l'insensato licenziamento delle due cameriere a casa sua. Quelle lacrime agli occhi quando le accompagna alla porta valgono da sole la scrittura di un personaggio.
E straordinaria è anche Celia, la ragazza che vorrebbe essere come le altre ma non viene accettata. Troppo semplice, troppo pura, forse troppo stupida per trovare un posto nelle malvagie e leccate sovrastrutture tirate su dalle altre donne bianche. Personaggio tragico anche il suo, veramente notevolissimo. La scena in cui porta la torta ma non viene fatta entrare è costruita magnificamente.
Non mancano poi scene divertentissime come quelle del pollo fritto, quelle, forse troppo reiterate, sulla torta "particolare", o i water depositati in giardino (con la bambinella che come contrappasso ci fa la popò dentro). E anche nei dialoghi la sceneggiatura regala momenti notevoli, come Aibileen che raccontando della morte del figlio dice "io ogni anno il giorno della sua morte non riesco a respirare, per voi è solo un'altra partita a bridge" o come quando la stessa Aibileen dice alla fine ad Hilly " ma non sei stanca?". Ho trovato questa battuta di una bellezza terrificante perchè credo anche io che fingere una vita così, usare la cattiveria ad ogni piè sospinto, mancare del tutto di un minimo d'umanità sia una cosa incredibilmente stancante tanto da provare più pena che rabbia per tali persone.
E alla fine nella magnifica (ma furbetta) scena della bimba che sbatte sui vetri la propria disperazione non ho voglia di fermarmi a quello che mostra ma andare oltre.
Quella bambina non è soltanto una bambina che ha ricevuto più amore dalla sua serva negra che dalla madre bianca.
Quella bambina siamo noi ancora puri, ancora innocenti, ancora inconsapevoli di tanto schifo che la vita ci butterà poi sopra.
La bambina sbatte sui vetri perchè ancora le cose non le sa. Ma le saprà.
Non lo sa mica cos'è il razzismo, cos'è la cattiveria, quali sono talvolta le aberranti leggi dell'uomo.
Non sa niente, come non sanno niente tutti i bambini, e non c'è mai stato un non sapere più bello di questo.
Magari noi cara bimbetta potessimo piangere per questo. Piangere semplicemente perchè una persona se ne va, perchè il cuore ci si spezza.
Magari noi potessimo non sapere tutte le cose che stanno dietro al far andare via una persona o al far spezzare un cuore.
Magari noi cara bimba.
Magari noi.

guidox  @  09/04/2012 14:33:36
   7½ / 10
piaciuto parecchio.
non il solito film di denuncia sulla condizione dei neri sino a non molto tempo fa in alcuni stati americani del sud, ma una commedia che va oltre e espone le problematiche in modo fine ed intelligente, tenendo un tono drammatico ma senza sfociare nel patetico.
alcune scene sono effettivamente edulcorate, ma c'è di fondo un brio non indifferente che mantiene il ritmo sui binari giusti nonostante la durata non proprio brevissima.
perfetta la ricostruzione con ambienti, costumi e proposizione dei personaggi, fra cui giganteggia una Octavia Spencer veramente formato gigante.

xrobot  @  05/04/2012 21:07:22
   9 / 10
Film eccellente, attrici, storia e scene. Sicuramente da vedere!

CIPICI  @  29/03/2012 15:34:10
   7 / 10
Un buon film, ho sentito qualcuno dire che è troppo BUONISTA. Può darsi ma allora è BUONISTA il libro non il film.

Gedeone75  @  27/03/2012 23:21:02
   9 / 10
Bello , bellissimo ...e non annoia mai .

freddiegio  @  25/03/2012 14:56:22
   8½ / 10
Bello e intenso..forse un pò lungo..

laura90  @  22/03/2012 20:46:46
   9 / 10
Bello, intenso, profondo, divertente.

jb333  @  18/03/2012 11:10:02
   8 / 10
sono stato piacevolmente sorpreso da questo film, che tratta un tema molto delicato e purtroppo attuale anche al giorno d'oggi.. bravissime le attrici e il film scorre in modo molto coinvolgente.. da vedere!

mirydl  @  11/03/2012 09:21:17
   9½ / 10
Bello, bellissimo.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

sweetyy  @  09/03/2012 21:49:32
   8 / 10
Film apprezzabile che tratta il problema del razzismo e delle ingiustizie subite dalla gente di colore.

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/03/2012 05.07.54
Visualizza / Rispondi al commento
charles  @  04/03/2012 11:45:20
   7 / 10
Un po' tra "Radici" e "Il Colore Viola", questo film sul tema del razzismo negli USA si distingue per regia, costumi, fitigrafie e scenografie, ma attenzione alla recitazione: strepitose le interpreti. Sarebbe stato anche un voto più alto se non fosse stato un po' sciupato nel finale (v. spoiler).

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 12/03/2012 00.06.43
Visualizza / Rispondi al commento
marcodinamo  @  03/03/2012 16:38:38
   7½ / 10
Un bel film, consigliabile.Strepitosa Octavia Spencer, un oscar meritatissimo!

daghy  @  29/02/2012 22:50:44
   8 / 10
Un film che fa riflettere, che ti emoziona, non posso che consigliare la visione.

barone_rosso  @  19/02/2012 18:16:42
   7 / 10
Bel film, anche se è un po' difficile da giudicare. Non c'è niente che non vada, ma alla fine mi ha lasciato un po' di insoddisfazione. Forse sono i troppi tentativi di renderlo mieloso con qualche scenetta strappalacrime, quando in realtà di spunti drammatici ce ne sarebbero stati in quantità, visto l'argomento trattato. Un 7 è comunque meritato.

Burdie  @  18/02/2012 19:25:29
   7½ / 10
...e giustizia (a caro prezzo) fu fatta!!!

JohnSnow  @  14/02/2012 23:00:33
   8 / 10
Film che tratta il tema razziale in maniera un pò diversa dal solito..Il film è drammatico sì, tuttavia lascia anche spazio alla commedia che alleggerisce l'animo dello spettatore senza sminuire il problema razziale. Lungo ma non annoia mai, da vedere

Gruppo COLLABORATORI Gabriela  @  14/02/2012 16:22:26
   7 / 10
Tutto è armonioso nel film: l'atmosfera degli anni '60, la dose misurata tra dramma e commedia ed il messaggio a favore di una ingiustizia sociale: il razzismo sempre di moda, praticamente un evergreen.
The help è un film che cerca "intenzionalmente" di emozionare lo spettatore e ci riesce.
Ottime le prove delle attrici .. in odore di Oscar.

macs23  @  14/02/2012 01:29:48
   9 / 10
Meraviglioso sotto ogni aspetto.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  13/02/2012 16:45:28
   6½ / 10
Non facile da giudicare, questo The help, senza il pregiudizio, ehm, verso un certo tipo di pellicola infiochettata con il nastro rosa o azzurro appostati sulle porte di casa quando nascono dei bambini... ma al di la' di certe furbizie narrative che ne fanno una specie di Pomodori verdi fritti parte seconda, il film qualche merito ce l'ha. E' tutto in due personaggi, la protagonista e la svampita di turno, che cerca pateticamente di aderire al suo ruolo domestico. Entrambe vivono ai margini di un conformismo evanescente e luccicante, e a ricordarci che esiste un razzismo di massa verso la diversita' di pensiero anche tra i bianchi, e' la regista. Per apprezzare The help che diventa un brodo allungato di 145' tra nere remissive, cordiali e apparentemente concilianti e' bene dimenticarsi un po' che si parla di discriminazione razziale tra bianchi e neri.
Quest'altro tipo di intolleranza, che sublima la post-modernita' della protagonista e il suo liberismo, o che accentua le distanze tra una Marilyn dei poveri e il defile di ragazze della borghesia americana, e' reso splendidamente. Non a caso, la sequenza piu' riuscita: la piccola vamp che tenta goffamente di entrare nelle grazie del circolo, e viene lasciata fuori dalla porta.
E' vero pertanto che l'incipit neri/bianchi rischia di apparire sermplicistico, perche' quasi passa in secondo piano.
Ma la mise in scene del film, dove le odiose "bambole" del'America Wasp si pavoneggiano tra ridicole acconciature e osceni tailleur very sixties e' meno convenzionale di quanto sembri. Si veda l'inesistente trucco (contemporaneo) proprio della protagonista, tanto anti/glamour da apparire (appunto) una clandestina nella flotta.
Anche in questo caso (v. Iron Lady) un uomo che sembra l'antisegnano del modernismo non accetta a lungo l'intraprendenza femminile
Il contorno alla fine risulta piu' rassicurante di quanto sembri, con l'estraneita' mentale dei singoli su una societa' arretrata e ingiusta. Ma anche il gusto delle piccole cose, dei piccoli passi che per fortuna nostra non arriva ad esaltare la forza dei numeri primi sui numeri secondi.

Gruppo COLLABORATORI martina74  @  13/02/2012 12:36:56
   6½ / 10
Una storia di segregazione razziale importante da raccontare, che sembra lontana anni luce e invece accade negli anni '60 di un'America impegnata a battersi per far rispettare i diritti civili.
Nel Mississippi, ancora 50 anni fa i "negri" erano considerati poco più che schiavi, liberati da questa condizione solo formalmente, perchè miseramente pagati da patinatissime famiglie bianche, che facevano loro accudire i bambini che sarebbero poi diventati adulti razzisti come i genitori.
"The help" è anche una storia tutta al femminile, in cui le maggiori sfaccettature sono dedicate alle cameriere di colore Aibileen e Minny, e alla giovane scrittrice bianca Skeeter.
Le pecche del regista/sceneggiatore sono di aver reso troppo monolitici i caratteri degli altri personaggi (ma lode a Jessica Chastain, bella e brava nel ruolo dell'oca-ma-non-troppo) e di aver costruito un lavoro troppo impostato sulle emozioni dello spettatore: sorrisi e lacrime sono programmati a tavolino per un effetto a orologeria.

  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

5 cm al secondoa haunting at silver falls 2a mano disarmataa spasso con willya.n.i.m.a.after (2019)aladdin (2019)alive in franceamerican animalsancora un giornoasbury park: lotta, redenzione, rock and rollattacco a mumbai - una vera storia di coraggioattenti a quelle dueavengers: endgamebangla
 NEW
beautiful boy (2018)bene ma non benissimo
 NEW
blue my mind - il segreto dei miei annibook club - tutto puo' succederebutterfly (2019)cafarnaoche fare quando il mondo e' in fiamme?
 NEW
christo - walking on water
 NEW
climax (2018)cyrano, mon amourdagli occhi dell'amoredentro caravaggiodicktatorship - fallo e basta!dilili a parigidolceromadolor y gloriafiore gemelloforse e' solo mal di marego home - a casa lorogodzilla ii - king of the monstersgordon & paddy e il mistero delle nocciolehellboy (2019)i figli del fiume gialloi fratelli sisters
 NEW
i morti non muoionoil campione (2019)il corpo della sposa
 NEW
il grande saltoil grande spiritoil museo del prado. la corte delle meraviglieil ragazzo che diventera' reil traditore (2019)il viaggio di yaojohn mcenroe - l'impero della perfezionejohn wick 3 - parabellumjuliet, nakedkarenina & ikurskla caduta dell'impero americanola citta' che curala llorona: le lacrime del malel'alfabeto di peter greenawayl'angelo del criminel'angelo del male - brightburnle grand balle invisibilil'educazione di reylo spietatol'uomo che compro' la lunal'uomo fedelema cosa ci dice il cervello
 NEW
maryam of tsyon - cap 1 escape to ephesusmo' vi mento - lira di achillenoinon ci resta che riderenon sono un assassinonormaloro verde - c'era una volta in colombiapalladio - the power of architecturepallottole in liberta'pet sematarypets 2: vita da animalipokemon detective pikachupolaroidprimula rossaquando eravamo fratelliquel giorno d'estatequello che i social non dicono - the cleanersrapiscimired joanrocketmansarah & saleem - la' dove nulla e' possibileselfiesharon tate: tra incubo e realta'shazam!
 NEW
shelter: addio all'eden
 NEW
soledadsolo cose bellestanlio e olliotakara - la notte che ho nuotatoted bundy: fascino criminalethe brink - sull'orlo dell'abissothe intruder (2019)
 NEW
the mirror and the rascaltorna a casa, jimi!tutti pazzi a tel avivtutto lisciouna vita violenta (2019)un'altra vita - mugunfriended: dark webwonder parkx-men: dark phoenix

988826 commenti su 41438 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net