segreti di famiglia regia di Francis Ford Coppola Argentina, USA 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

segreti di famiglia (2009)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film SEGRETI DI FAMIGLIA

Titolo Originale: TETRO

RegiaFrancis Ford Coppola

InterpretiVincent Gallo, Maribel Verdú, Alden Ehrenreich, Klaus Maria Brandauer, Carmen Maura, Rodrigo De La Serna, Mike Amigorena, Sofía Castiglione, Francesca De Sapio, Erica Rivas, Leticia Brédice

Durata: h 2.07
NazionalitàArgentina, USA 2009
Generedrammatico
Al cinema nel Novembre 2009

•  Altri film di Francis Ford Coppola

Trama del film Segreti di famiglia

L'ingenuo diciassettenne Bennie (Alden Ehrenreich) si reca a Buenos Aires per cercare il fratello maggiore che è scomparso da più di dieci anni e che ha giurato di non vedere piu' nessuno dei suoi familiari. Il giovane proviene da una famiglia di emigranti italoargentini che a causa del lavoro del padre Carlo, acclamato direttore d'orchestra, si è trasferita a New York da molto tempo. Quando Bennie ritrova il fratello, brillante ma melanconico poeta Tetro (Vincent Gallo), scopre che l'uomo è molto diverso da come si aspettava ma decide ugualmente di vivere con lui e con la sua fidanzata Miranda...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,09 / 10 (29 voti)7,09Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Segreti di famiglia, 29 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

mrmassori  @  27/10/2016 18:56:26
   8½ / 10
Grande Film, puro Cinema. Il maestro nei suoi ultimi lavori sembra aver sprigionato quella vena artistica pura che gia in altri capolavori aveva sfornato anche se in maniera diversa poichè legati afasi diverse della propria vita.

antifan  @  30/12/2015 17:26:33
   8 / 10
E' davvero difficile scrivere qualcosa di questa opera, senza dubbio di valore, senza non farsi condizionare dal peso del nome del regista. Coppola certamente non torna ai livelli dei suoi gloriosi anni 70, quelli di Il Padrino (sopratutto parte 2) o Apocalypse Now ma riesce a dare vita un film atipico e interessante, il punto è che ci sono tanti temi affrontati che a fine visione si ha la sensazione che la seconda parte del film non sfrutti al meglio l'ottima preparazione che c'era stata nella prima.
Il film "narra a grandi linee" la storia di due fratelli argentini che si rivedono dopo tanti anni e uno di loro nasconde un torbido segreto e non vuole più sapere niente di nessuno, anche dell'arte, diventando uno scrittore fallito....
L'incipt da solo una pallida idea di quello che il film tratta, infatti è un film denso e tra i tanti temi trattati quello in primo piano è quello da titolo, la famiglia, le loro tensioni e meschinità interne, ma anche riflessioni sull'arte e l'impatto che ha questo nella vita e poi come la vita stessa incida sull'autore. Nel film infatti la finzione e la vita dei protagonisti si mischiano, si intrecciano e a un certo punto non si capisce(è un pregio) se la scena che vedi fa parte della realtà vissuta dallo sfortunato protagonista oppure se siano scene del libro che viene scritto da uno dei personaggi.
Molto intellettuale dunque con riflessione sulle conseguenze del successo e su come questo influisca in un rapporto famigliare che appunto è uno dei temi già citati, si chiude quindi il cerchio ma dalle parole sembra tutto molto ambizioso e potrebbe sembrare anche cervellotico ma invece e fortunatamente tutto questo si "subisce cinematograficamente", sensorialmente e non concettualmente e questo è uno dei pregi del film, inoltre anche se presa da sola la storia principale, quella che fa da "chiave di volta"a tutti i temi, questa offre anche delle rivelazioni sorprendenti, non veri propri colpi di scena ma che colpiscono per la loro drammaticità.
Dal punto di vista tecnico da elogiare ci sono senza dubbio la direzione degli attori e loro stessi perché sono credibidilissimi e in particolare Vincent Gallo offre un'ottima interpretazione e il suo look non so perché mi ricorda un po Julio Cortazar, il grande scrittore argentino, sarà forse una casualità?(non mancano le citazioni letterarie colte nel film) Anche gli altri attori sebbene sconosciuti sono molto bravi e dal primo all'ultimo rendono il misterioso e enigmatico dramma appassionante.
Notabile anche la sceneggiatura che regala dialoghi non brillanti in sè ma credibili e ci mettono nell'atmosfera giusta, cosa che è indispensabile in un film del genere.
Ma il plauso vero e proprio va fatto a Coppola e Walter Munch che oltre ad adattare una storia coraggiosa e ambientarla in Argentina , che da al film ancora più atipicità vista la anomala ambientazione, usa uno splendido bianco e nero e allo stesso tempo i colori per dare quella sensazione di oniricità, i numerosi flashback e continui salti nel tempo e cambiamenti di colore e estetica rendono il film appagante e notevolmente interessante, lode al editor quindi.
Anche Coppola merita elogi , con una regia calibrata e a tratti virtuosa, con inquadrature angolate, piani sequenza, effetto vertigo, ma sopratutto efficace, rende scene sulla carta piatte in "belle".
Un altra nota positiva sono le musiche molto belle e che contribuiscono a immergere nell'atmosfera.
Gran film?, non saprei se facessi la media aritmetica si, quasi perfetto. Ma se invece si guarda l'insieme ecco che si nota a fine film una certa frettolosità(ad es il tema che riguarda l'ossessione per il successo) a chiudere le storie e i temi , che erano stati ottimamente preparati nella prima parte, cosi non si prova un'impatto emotivo altrettanto forte come ci si poteva aspettare. Inoltre si fanno sentire per la loro assenza delle scene madri, chiavi , quelle scene che si potrebbero vedere da sole per interderci, il film avendo tanti temi ne ha diverse scene belle ma nessuna davvero "magistrale".
Personalmente dire che è un film bello da vedere , da "subire per intero" per apprezzarlo dato che manca dei veri picchi cinematografici che potevano metter questo film tranquillamente tra i migliori del regista.

william sczrbia  @  11/01/2015 11:08:09
   4½ / 10
Filman  @  19/07/2014 14:05:42
   7 / 10
Con un ritorno al classicismo più intimo e personale di Coppola, TETRO affronta un dramma a sfondo familiare, similare a precedenti opere del regista, dal tocco sofisticato ma troppo sintetico e secco per sfruttare il suo fascino anacronistico, lontano dalla grande bellezza impressionistica tipica dell'autore in questione.
Il taglio del film, artisticamente contenuto, ottimizza una trama che avanza progressivamente con destrezza, ma avente momenti di disinteresse, fino al finale, in cui viene ingranata la marcia decisiva, successivo ad un minuzioso resoconto ambientale, grottesco nella sua proposizione ma affascinante nella sua tecnica figurativa.
I rapporti interpersonali e le vicende inquadrate in un legato nucleo familiare, dettate nella pellicola in modo verosimilmente recondito e profondo allo stesso tempo, convergono inesorabilmente in una conseguente formazione personale, convogliante esperienze e fonti indirette di pensiero, fino alla composizione definitiva dell'individuo.

GianniArshavin  @  19/01/2014 01:27:09
   6½ / 10
Forse Coppola non sarà più geniale come nella prima metà di carriera,ma con questo Segreti Di Famiglia dimostra di saper ancora fare bei film.
Questa pellicola è un dramma immortalato in uno stupendo bianco e nero che dona alla vicenda un fascino non indifferente nell'epoca del 3D.
La fotografia e la recitazione sono di alto livello,con Vincent Gallo a spiccare fra un nugolo di attori che fanno la loro bella figura.
Proprio il personaggio di Gallo è davvero ben caratterizzato,geniale e scontroso si nutre di arte ma è costretto a vivere ai margini della stessa per via di alcuni gravi conflitti familiari che lo hanno segnato profondamente. Anche il personaggio di Miranda mi ha convinto,ottima spalla per il compagno mentre Bennie (il fratello minore) è quello che ho trovato meno convincente.
Purtroppo l'opera paga dazio nel suo ritmo molto cadenzato e in una vicenda che non mi ha coinvolto più di tanto.
In definitiva consiglio di riscoprire questo lavoro di Coppola,forse il suo più personale per i tanti riferimenti auto-biografici, ingiustamente ignorato dai più.

Invia una mail all'autore del commento Suskis  @  02/01/2013 08:54:05
   7½ / 10
Bel film prevalentemente in un bellissimo bianco e nero, dove Coppola prende pezzi della vita della sua famiglia e li rimette insieme per ricavarne questa storia. Che forse funziona peggio proprio quando si allontana dall'esperienza personale (ho perso il conto ormai di quanti incidenti d'auto di questo genere ci ha proposto il cinema degli ultimi anni...) ma che ha dalla sua ottimi attori (soprattutto Vincent Gallo che, come sempre, è spettacolare). Come spesso capita, la storia nella storia non è il massimo (mi è venuto in mente "Vero come la finzione") e alcuni personaggi sono un po'stereotipati magari. Comunque merita una visione.

AMERICANFREE  @  20/07/2011 12:04:40
   8 / 10
bellissimo film molto raffinato grande regia e recitazione superba. film non per tutti! consigliato

Invia una mail all'autore del commento Andre82  @  25/04/2011 18:22:43
   6½ / 10
Film interessante a cui manca qualcosa nel finale, che non mi ha del tutto convinto. Ottima la prova di Vincent Gallo.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  26/01/2011 01:47:18
   9 / 10
Amo particolarmente questo film di Coppola.
Lo amo a partire dalla fotografia, dalla luce; e lo amo per il ritratto di questo padre padrone terribile (Tetrocini tanto ricorda Mike Corleone, ma questo è un altro discorso), che esce dalla biografia di Coppola (il padre era direttore d'orchestra).

Quando sono aperte le finestre nella casa argentina di Vincent Gallo, si sente il tepore primaverile del vento che entra attraverso le tende, ed è tutto merito di come si è saputa cogliere la luce.
L'attenzione per la fotografia, per gli effetti di luce, percorre tutto il film: mi vengono in mente i bagliori quasi magici sui ghiacci della Patagonia, e infine le luci abbaglianti e sfocate nel traffico di una famosa arteria metropolitana di Buenos Aires.

Il ritratto di questa famiglia - questo fratello ferito e indurito, questo giovane dalla faccia pulita che appena si affaccia alla vita, l'ombra lunga di un padre tiranno, il segreto inconfessabile che li lega tutti - sono l'espressione fresca e libera della seconda giovinezza di Coppola, che ha realizzato pienamente a 70 anni il suo sogno nouvelle-vague. E mi piace pensare che con questo film egli abbia girato il "suo" "padrino", alla maniera in cui lui avrebbe sempre voluto che fosse il suo film "all'europea" su di una famiglia devastata da un tiranno.

Spira un ottimismo e una fiducia nel futuro, c'è una tenerezza, in quell'abbraccio tra (ehm) fratelli dopo tanto dolore e tante reticenze, che non può non colpire.
Il nuovo Coppola ha 17 anni anche lui, e tutta la vita davanti.

---
Con un curioso omaggio al cinema di Almodovar, non solo nel personaggio interpretato da Carmen Maura.

E poi ho un debole per Maribel Verdù.

Frankys  @  10/11/2010 11:28:24
   8 / 10
Affascinante, nitidissimo e quasi "onirico" bianco e nero. Luci e ombre, suoni e inquadrature rendono questo film un meraviglioso dramma, molto lento ma mai noioso, coinvolgente e fascinoso. Interessante con un velo di mistero ... Elegantissima regia ed eccellenti interpreti. Raffinate anche le musiche.
Coppola si riconferma un grande artista.
Consigliato.

paride_86  @  09/05/2010 23:51:35
   7½ / 10
Coppola torna al cinema con un melodramma familiare a tinte cupe e pieno di accenni poetici e visionari. L'unica pecca di questo film, non piccola purtroppo, è di rimanere freddo e poco coinvolgente proprio nelle parti salienti della storia, ovvero quelle in cui la vicenda si dipana definitivamente.
Rimane comunque un buon film diretto con eleganza e maestria, senza una sbavatura.

gandyovo  @  05/05/2010 15:57:15
   7 / 10
Vincent Gallo come al solito bravissimo in questo dramma familiare, decisamente interessante. Atmosfere particolari e regia sfiziosa.
Mi è parso che potesse essere un film indimenticabile ma - dopo la fine - credo che al film manchi qualcosa o - forse - c'è qualcosa in più, non so...
In ogni caso, consigliato.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  19/04/2010 15:02:18
   7 / 10
Tra le ombre di uno splendido bianco e nero sono occultati segreti dai quali il protagonista Tetro,un ottimo Vincent Gallo,è fuggito,prima sprofondando nel baratro della pazzia, poi rinnegando con la fuga a Buenos Aires l’esistenza di una famiglia .Più precisamente di un padre-padrone,musicista di successo ma anche genitore per il quale l’astio dell’esule figlio verrà giustificato con lo sviluppo della storia.
Non solo rapporti famigliari conflittuali o sfide con se stessi per rivaleggiare al fine di sovrastare il nome di un genitore disprezzato,ma anche il dramma della perdita,un incidente che si porta via il punto di riferimento della propria vita e con esso rapporti precari,in equilibrio effimero,destinati a precipitare nel vuoto senza possibilità di arresto,fomentati da un senso di colpa che serve da espiazione alla propria presunta mancanza ,più verosimilmente solo una tragica fatalità determinatrice della funesta circostanza.
Per estetica e contenuti Coppola conferma il suo definitivo distacco dal commerciale cordone ombelicale di Hollywood,si affida ad un approccio d’essai per raccontare una storia che di autobiografico ha molto,affascina a più riprese grazie ad un indubbio gusto estetico,a dir poco esemplare nei flashback e flashforward ,unica licenza colorata alle luci e le ombre di un presente che riporta a galla dolori riemersi con l’apparizione di un fratello minore,desideroso di comprendere il disfacimento famigliare di cui è stato muto testimone.
Coppola sa dove andare a parare ma gira circospetto in circolo,finendo con l’annoiare oltremodo e divagando in particolari francamente evitabili;pretestuoso il finale,ove il confronto,seppur a distanza tra padre e figlio ha luogo,con tanto di polemicuccia nei confronti della mecca del cinema tutta rituali ,premi,apparenze e lustrini.Convince ma con riserva,non gode affatto di un’agilità narrativa che ne avrebbe elevato il livello qualitativo,Coppola si inceppa più volte in considerazioni emotive o meccanismi famigliari sviluppati senza il giusto autocontrollo,il forte coinvolgimento personale pesa infatti a sfavore del regista,impaurito,prolisso e costretto nel cercare la catarsi mediante una rappresentazione che con grande fatica avvicina,tange ed esorcizza i punti salienti più critici.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  28/03/2010 20:42:14
   7½ / 10
Bel melodramma del grande (in tutti i sensi) Coppola.
Accenni autobiografici,rimandi anche ad altri film del regista e l'amore per il teatro che non è solo una prerogativa dei protagonisti,ma della stessa struttura della storia che,per quanto introspettiva e molto pesante,non rinuncia a quelche bello ed efficace colpo di scena.
Rapporto padre-figlio in primo piano,come la famiglia. D'altronde Coppola tocca le stesse tematiche in modo diverso: la famiglia era anche quella dei Corleone. E,per quanto quella di Tetro sia una famiglia abbastanza "complessa",l'importanza che viene data ai ruoli è sempre in primo piano.
Cosi come nel finale ci sono rimandi ad altri film del regista: la tragedia che è intervallata dalla "finta" tragedia allestita dai "fratelli" ricorda il finale magnifico del terzo Padrino.
Regia raffinata e sontuosa,bianco e nero affascinante e attori molto bravi,specie Gallo. Bello rivedere Carmen Maura.

Oramai dubito che Coppola,sotto il punto di vista tecnico almeno,possa sbagliare un film data la sua colossale esperienza.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  24/02/2010 17:10:21
   8 / 10
L'ottima scelta del bianco e nero è ideale per una pellicola dove il contrasto luce e ombra delle dinamiche familiari ne compongono il tema dominante. Una famiglia, suo malgrado, sempre presente con il suo peso ingombrante e che nessuna lontananza può alleviare. Inoltre il rapporto padre-figlio, tipica ossessione coppoliana presente in molte delle sue pellicole (Padrino e Apocalipse per esmpio).
Fra melodramma e tragedia greca, Coppola realizza una pellicola affascinante visivamente quasi ai livelli di Rusty il selvaggio e supportata da un cast particolarmente ispirato che fra recuperi eccellenti (Brandauer e Gallo), volti nuovi (Ehrenreich) e ottime certezze (Verdù), conferma la maturità di un autore con la voglia di fare ancora del buon cinema.

crimal9436  @  03/01/2010 16:12:28
   8 / 10
Estonia  @  15/12/2009 14:36:31
   7½ / 10
Stilisticamente è uno dei film più affascinanti e sorprendenti dell’ultimo decennio. Il lirismo visionario di certi dettagli, i chiaroscuri che disvelano le emozioni, le raffinate sfumature del bianco e nero, i bagliori, le luci che si rincorrono, il taglio di certe inquadrature, il colore vivido dei flashback, ogni immagine ha un suo valore intrinseco ed evocativo.
Anche lo spessore interpretativo di Vincent Gallo regala al personaggio di Tetro quella dimensione rabbiosa, misteriosa e drammatica che racchiude in sé tutte le sfaccettature di un’anima ferita, custode di inconfessabili segreti affidati alla cifra criptica di una scrittura indecifrabile.
Si è giustamente sottolineata la natura autobiografica di quest’opera impregnata di complessi edipici e sensi di colpa, costruita sui fili sottili e complessi delle relazioni tra i protagonisti e sulla connotazione ambigua dei conflitti familiari.
La traccia melodrammatica che percorre tutto il film sfiora solo a tratti qualche eccesso, culminando tuttavia in una conclusione forse un po’ troppo orientata alla soluzione teatrale, tanto da risultare non in sintonia col resto della narrazione, ma da non comprometterne comunque l’innegabile qualità poetica.

marco86  @  13/12/2009 01:28:27
   3 / 10
non capisco i commenti entusiasti per una delle robe più soporifere mai concepite.
peraltro la scelta del bianco e nero non mi ha convinto molto, e a parte alcune sequenze oniriche carine, il resto scorre via con una pesantezza estrema. durante la visione ho pensato ad almeno 12 modi diversi di morire, ma, purtroppo, son rimasto vivo fino alla fine.

e pensare che il ciccione mi ha regalato la mia trilogia del cuore... maledetto.

1 risposta al commento
Ultima risposta 13/12/2009 01.33.39
Visualizza / Rispondi al commento
Mpo1  @  06/12/2009 22:45:39
   8½ / 10
Gran ritorno di Coppola, lontano da hollywood. Uno dei suoi film migliori, in splendido bianco e nero, con flashback a colori. Bravissimi gli interpreti. Da vedere.

benzo24  @  03/12/2009 13:09:25
   9 / 10
uno dei migliori coppola di sempre. cinema classico allo stato puro. fantastico il bianco e nero alla rumble fish, fantastico tutto il cast, con l'impareggiabile vincent gallo. la trama è solo un pretesto, gli argomenti di tetro sono ben altri. l'arte, il cinema.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  30/11/2009 08:28:36
   8 / 10
Coppola ha presentato a Cannes, in una sezione parallela a quella principale, e successivamente al Torino Film Festival il suo "Tetro". La sua ultima fatica è un film che racconta in maniera che richiama il melodramma classico una storia di famiglia e tutti i dubbi, i rancori, le bugie, l'amore e i conflitti che sono racchiusi da tale parola. Un film stilisticamente molto curato, con un b/n accattivante e dei flashback colorati di rosso molto esprerssivi.
"Tetro" è un film intimo, spesso autoreferenziale, ma non per questo pomposo o difficile.
Incredibilmente bravo Vincent Gallo.
Un film che sicuramente riguarderò.

2 risposte al commento
Ultima risposta 01/12/2009 14.25.08
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  27/11/2009 22:35:22
   7 / 10
Unica concessione a colori è un'immagine in flashback: il passato si colora di rosso, il presente è un b/n dove paradossalmente sovrabbondano le ridondanze tecniche.
Resto sconcertato quando si usano termini come "sperimentazione" per sottolineare la riscoperta del b/n nel cinema contemporaneo. Non mi sembra una rarità d'essai (pensiamo a Good night good luck di Clooney per esempio).
Il lato interessante del film di Coppola, film potenzialmente straordinario che diventa suo malgrado (nell'epilogo) "ordinario" è proprio l'uso sovversivo che fa del b/n. Se la tecnica non è tutto, il barocchismo Wellesiano della mise in scene sottolinea più cose di quanto dovrebbe.
E' un film che può sconcertare o irritare, ma raggiunge spesso picchi di alto lirismo e di formidabile pathos visivo.

Che Coppola sia stato spesso barocco e ridondante non è una novità per nessuno, anzi: vogliamo ricordare il glamour di One from the heart, il restyling fifties di Peggy Sue, il manierismo di Cotton Club, il b/n (ancora sì) sfavillante e ombroso di Rumble Fish, il grand guignol rosso-sangue di Dracula? In fondo anche questa è una caratteristica del suo cinema, e non per questo ha negato agli spettatori le emozioni, anzi, forse ne ha sperperate un pò troppe.
E' il caso di Un'altra giovinezza, storia affascinante (gemellata con il Benjamin Button di un paio d'anni fa) persa tra incroci emotivi un pò troppo esposti.

Il canovaccio di "Segreti di famiglia" è potenzialmente grandissimo. Una moderna rivisitazione dei moduli Dostoevskijani, riflesso gli umori cangianti di un'Argentina quasi compressa nei suoi riti comunitari (la prima parte fa pensare a Do the right thing di Spike Lee transfugato a Buenos Aires), come in certe pellicole contemporanee del sud-america (El Abrazo Perdido, la Quincenera, Maria full of grace).
La messinscena "dimessa" delle prime immagini fa invece pensare al teatro americano, e a un certo Tennessee Williams.
Porte che si aprono o si chiudono, un passato da rimuovere e un presente da cancellare. E' così no?
I paragoni con l'esperimento (ehm) di Haneke non trovano effettivo riscontro.
Qui c'è abbastanza carne al fuoco per ritrovare Gabriel Axel e il suo "street scene" incrociato in una strana selva di desaparecidos senza identità (o dalla difficile vocazione sessuale, come nel caso del travestito professionista, alias Faust-a).
Ma ecco un'altra contraddizione: non appena il film lievita una strada più cinematografica che mai, il miraggio (o l'obiettivo primario) del palcoscenico si accentua ancora di più. Com'è possibile?
Nella sua saga familiare, Coppola tenta anche la carta dell'eccentrico - su tutti, la felliniana rappresentazione teatrale o l'omaggio al grandissimo Micheal Powell (dopo Almodovar comincio a pensare che il prossimo cult-movie del passato tornerà a essere "Scarpette rosse") risultando talora più melodrammatico di quanto dovrebbe.
La parte debole del film è proprio in tutto o quasi l'epilogo finale. A parte il frastornante delirio di una rivelazione che tutti gli spettatori avranno già compreso fin dall'inizio del film, l'Edipo Re ha in realtà "ucciso" diversamente.

Luci come fari abbaglianti irrompono nel meccanismo di un'Arte della vita che preannuncia o allude sistematicamente alla morte, costellata di tanti troppi incidenti stradali di frasi replicate più volte ("Come hai potuto farmi questo?" - "io sono tuo padre"), di nevrosi generazionali generate tra quattro pareti domestiche o nel mezzo di un recital tristemente decadente.

Risultato, un grande film incompiuto, incapace di chiudersi nel segno della propria creatività visiva.
I dialoghi non sempre riescono a definire qualitativamente le loro intenzioni, se poi andiamo a parare - come del resto accade - in una "normalità melodrammatica" che stride con la grandeur tecnica del regista - cfr. per quanto criticabile resta una summa del suo cinema, a cominciare dalla sua ricerca stilistica, il personaggio di "Alone" (?) sembra la caricatura di una scrittrice rosa inglese di fama internazionale di cui mi sfugge il nome (qualcuno può aiutarmi a rivelarlo?), la moglie di Tetro (bellissimo nome e titolo) è entusiasmante nel suo positivismo "materno".

Un film che tuttavia, tra follia e pretenziosità, rivela un cineasta ancora capace di sovvertire le regole e di andare "oltre la finzione", anche a rischio di provocare qualche segno di disagio.
Si amerà Tetro con la stessa concentrazione metodica dei pochi eletti che hanno visto e amato "Il lungo viaggio verso la notte" di Lumet, riscoperto dopo molti anni.

E infine Vincent Gallo. Il nemico acerrimo di tutti i registi americani e non - v. quante ne ha dette su Coppola prima di partecipare a un suo film - verrebbe voglia di prenderlo a mazzate in testa, ma onestamente è grandissimo. Una specie di Al Pacino intossicato di kryptonite.

Anche se da queste parti la "maledizione" non è più di casa, resta una certa delusione per un personaggio così vero e umano: perchè alla fine ignoro il tentativo malvagio di umanizzarlo

TheLegend  @  27/11/2009 19:09:20
   4 / 10
Noia e indifferenza,una vera agonia arrivare alla fine del film.
Una vera delusione.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento pompiere  @  26/11/2009 11:08:49
   6 / 10
Due tra le opere più interessanti degli ultimi tempi sono accomunate dal fatto di essere state presentate al 62-esimo Festival di Cannes, ma soprattutto di essere state girate in bianco e nero.
Una cifra stilistica che, se da una parte viene scelta per esaltare certi modi di ritrarre i personaggi e il contenuto delle storie grazie a una fotografia vivace e/o tagliente (quella de “Il nastro bianco”, per intenderci), dall’altra ci fa sorgere qualche considerazione.
Come ha detto Francis Ford Coppola: “Il cinema di oggi sembra rendere illegale tutto ciò che non è a colori”. Ma c’è di più: sembra che per rappresentare le brutture e le fatiche relazionali del presente l’unico modo (o quantomeno quello più efficace) sia quello di un ritorno al passato, come se il cinema avesse bisogno di guardarsi bene allo specchio per ritrovare una propria identità, un segno tangibile della sua individualità.

Magari all’inizio avrà bisogno di reggersi un po’ sulle stampelle, prima di proseguire nel lancio senza paracadute o senza ritorno che sembra promettere l’ammaliante mondo delle tecnologie in 3D (viste da Coppola come estremamente limitative e ritenute un linguaggio morto prima ancora di nascere). Ciononostante non si può non fare i conti con quel cinema prettamente commerciale che, nell’ultimo week end di programmazione, ha cancellato dalle sale il film dell’autore americano trionfando senza storia.

E se il bianco e nero di “Segreti di famiglia” rappresenta il presente, il passato viene raccontato a colori e a schermo ridotto a sottolineare la lontananza e la forzata rimozione di ciò che è già avvenuto, in una serie di “Infinity lies” ben supportate dall’utilizzo di una macchina a mano quanto mai preziosa.
La storia è quella del giovane Benjamin, quasi diciottenne, che va a trovare il fratello Angelo (adesso conosciuto come Tetro).
Benny lavora su una nave da crociera come cameriere e nel tentativo di riavvicinare la figura di Angelo/Tetro si ritrova di fronte a una porta chiusa a chiave. Il ragazzo ha addosso la febbre del viaggio presa dal fratello fuggito ufficialmente di casa per andare a fare lo scrittore. Proprio come ha fatto lui lasciando il padre, considerato uno dei più grandi direttori d’orchestra.

L’ultimo Coppola ha la stessa precarietà delle scarpe lasciate appese a prendere aria, è un verso libero che non fa rima e non ha un numero fisso di sillabe, sottolinea l’urgenza di un ritorno al passato per vedere meglio l’oggi ma lo fa senza lasciare sufficientemente spazio alla modernità di linguaggio, soprattutto quello del copione.
Diventa così inutile tagliuzzare collericamente i “modaioli” vestiti di Armani, distruggere le chitarre e scrivere al contrario per mettere in discussione l’espressività dell’Arte. Tra le altre cose che vanno in frantumi c’è il rapporto col padre padrone Klaus Maria Brandauer: dispotico, assolutista e cinico, soffoca i desideri artistici di Angelo umiliandolo nelle sue aspirazioni da romanziere.

Lo schermo si riempie di luci abbaglianti e di flash illuminanti di ambulanze e macchine della polizia tutte le volte che Tetro torna indietro con la memoria, un modo per richiamare il suo trauma vissuto alla guida di un auto con accanto la madre soprano cantante d’opera. Da qui la sua “semplicistica” rimozione verso le opere d’arte rappresentate in versi a teatro.
Tutta la parte relativa al Festival di Patagonia è acquosa e dispersiva, l’obiettivo e il nucleo del film si sciolgono ai piedi dei ghiacciai sudamericani. Subentrano un pizzico di dissonante glamour, discrepanze nello scritto fattosi improvvisamente spettacolare e meno intimista, sfacciati aspetti melodrammatici sorretti da un ribaltamento dei ruoli del quale non se ne sentiva il bisogno. Come se Coppola avesse ceduto alla tentazione di inscenare un teatrino delle più ovvie implicazioni psicanalitiche.

roywolf  @  24/11/2009 16:29:30
   5 / 10
Drammone esagerato.Bianco e nero con amaro stile retrò..e qualche similitudine Felliniana.Una noia.Decisamente non lo rivedrò.

Invia una mail all'autore del commento logical  @  23/11/2009 01:43:33
   5 / 10
Bisognerebbe fidarsi dei poster. Quando fanno schifo, quando evocano le commediole alla Aroldo Tieri da Teatro Sanbabila, quando ti sembrano Aggiungi un posto a tavola 2.0, bisognerebbe astenersi. Poi ti fai forza, ti dici, perché poi non passare sotto la scala, entri e non ti devi lamentare quando poi ti manca l'aria, ti tieni la testa tra le mani, cerchi il cellulare o l'orologio per trovare conforto.
Coppola è vecchio, è diventato vecchio come è giusto che sia, specialmente per l'affetto della sua famiglia. Ma la vecchiaia ha anche dei difetti devastanti su chi ancora vorrebbe 'usare' il cinema per ossigenare il cervello, trovare un'idea, farsi coinvolgere in un sogno, cose così, un po' quello che fa uscire di casa.
In effetti c'era già stata una tragica avvisaglia: Youth Without Youth è una polpetta avvelenata tra la noia e la spocchia, e nonostante l'avessi, diciamo, non pagato, non sono riuscito ad andare oltre i 10'. Il piacere di un film ridotto a file è proprio la libertà dalla sedia e dalla sala.
Qui, comunque, ci risiamo. Di nuovo una compiaciuta e stucchevole teatralità melò '50, una sceneggiatura che anche Almodovar avrebbe trovato un po' troppo soap opera al 5414° episodio (5 volte: "Sono tuo Padre, Sono tuo Padre, Sono tuo Padre, Sono tuo Padre, Sono tuo Padre... per finire, da non credere, "Siamo una Famiglia adesso"), un povero Vincent Gallo tirato per le gambe e per il giubbotto che fa il genio incompreso porta-fiori e sempre di cattivo umore per tutto il film.
Coppola forse vuole inseguire De Oliveira per riempire la sua terza età o non gli bastano le soddisfazioni frou-frou della figlia?
Unici momenti veramente godibili, quanto tutto il roboame tace per un attimo: i racconti di Hoffman e Coppelia. Oltre a essere gioia pura, lavano la retina da quel effetto biancoenerofilmvecchio che si trova a volte anche sulle telecamere amatoriali, prima del seppia per le scene pre-matrimonio.
Nonno Coppola, basta fare il trombone, sei stato grande, non farci pentire, vivi e lasciaci vivere. Guarda Brandauer come invecchia con classe, un uomo immenso, basta inquadrarlo e tacere, ed è tutto lì, senza urlare papà-papà....

2 risposte al commento
Ultima risposta 27/12/2009 12.09.43
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo REDAZIONE maremare  @  23/11/2009 01:29:51
   7½ / 10
Sganciatosi definitivamente dalle regole produttive e con l'autorevolezza data dall'avanzare dell'età, Francis sforna un melodramma curioso dove classicismo si fonde ad innovazione.
Il risultato è stilisticamente spiazzante: ad echi del cinema del passato (grazie anche alla splendida fotografia in b/n) si sovrappongono influenze lynchiane e almodovariane (non sembra essere casuale la presenza di Carmen Maura).
Coppola io l'ho ri-trovato soprattutto nelle splendide sequenze oniriche, con i
rimandi al suo (bellissimo) film più pretenzioso e più sfortunato

4 risposte al commento
Ultima risposta 27/11/2009 23.44.01
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR williamdollace  @  22/11/2009 22:06:11
   7½ / 10
Tetro lavora palesemente sull’intero apparato di significanze e rimandi sul cosa significhi realmente essere “scrittori” e sull’intimità viscerale che lo “scrittore crea con la materia che si ritrova fra le mani” (e con se stesso alla fine). Lo scrittore è colui che non può fare a meno di essere “scrittore” ma può certo fare a meno di scrivere e la mancanza di esibizionismo non preclude mai una certa ambizione.

Attraverso salti temporali in autentiche porte di Luce che lasciano l’impronta negli occhi e nell’animo della Memoria e attraverso un magistrale utilizzo di figure sapientemente illuminate [Vincent Gallo che manovra le luci in penombra, non è altri che lo stesso Francis Ford Coppola] Tetro coscientemente minuziosamente e sardonicamente sceglie chi e cosa illuminare ma soprattutto COME.

Tuttavia, anche se sempre proiettato verso il futuro credo fortemente che Tetro come pure Un’altra giovinezza siano opere cinematografiche quasi mai totalmente spregiudicate e che nonostante lo sperimentalismo visivo non riescano a liberarsi del tutto di un certo manierismo conservatore che lascia talvolta il fianco scoperto alla scrittura a sfavore del Cinema.

norah  @  21/11/2009 00:44:22
   9 / 10
...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

3 risposte al commento
Ultima risposta 23/11/2009 11.22.56
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdadea son
 NEW
a spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rose
 NEW
brave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolatidelphinediego maradonadora e la citta' perdutadrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragiofellini fine maifiebre australfulci for fake
 NEW
gemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghost
 NEW
gli angeli nascosti di luchino viscontigloria mundigretaguest of honourhava, maryam, ayesha
 NEW
hole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)il colpo del caneil criminaleil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)
 NEW
il varcoio, leonardoit: capitolo 2
 R
jokerjust 6.5kingdom comela fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigate
 NEW
la scomparsa di mia madre
 NEW
la verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmao
 NEW
la voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'l'uomo che volle vivere 120 annimademoisellemadre (2019)
 NEW
manta raymarriage storymartin edenmes jours de gloiremio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnato a xibetnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballando
 NEW
non succede, ma se succede...of fathers and sons
 NEW
oltre la buferaparthenonpelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialtoroger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscalesscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligari
 NEW
searching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognothanks!the burnt orange heresythe diverthe great green wallthe king (2019)the kingmakerthe laundromatthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostoun monde plus grandverdictvivere (2019)vox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp networkwomanyesterday (2019)you will die at 20zerozerozero - stagione 1zumiriki

992917 commenti su 42181 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net