lourdes regia di Jessica Hausner Austria, Francia, Germania, 2009
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

lourdes (2009)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LOURDES

Titolo Originale: LOURDES

RegiaJessica Hausner

InterpretiLéa Seydoux, Sylvie Testud, Bruno Todeschini, Irma Wagner

Durata: h 1.39
NazionalitàAustria, Francia, Germania, 2009
Generedrammatico
Al cinema nel Febbraio 2010

•  Altri film di Jessica Hausner

Trama del film Lourdes

Christine è una giovane donna costretta sulla carrozzella dalla sclerosi multipla. Rassegnata alla sua condizione di ‘ferma', partecipa a un pellegrinaggio a Lourdes, con la speranza di riacquistare un po' di fiducia nella vita. Sorride sempre, cerca la conversazione con i piacenti giovani volontari dell'organizzazione, si appiglia all'espressività del volto, l'unica parte del corpo che riesce a muovere. Alla gita spirituale partecipano malati nel fisico e nella mente, tutti parte di un micro mondo abituato alla solitudine e scivolato nell'individualismo. Quando i giorni di vacanza stanno per concludersi, accade il miracolo: Christine, piano piano, riacquista sensibilità alle dita, poi alle braccia e alle gambe, fino ad appoggiare i piedi a terra e cominciare a camminare. La guarigione improvvisa sorprende tutti e inaugura crudeli invidie tra i compagni. Nel frattempo Christine si gode il piccolo momento di felicità, ancora incerta sul suo precario futuro.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,41 / 10 (50 voti)7,41Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Lourdes, 50 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Invia una mail all'autore del commento albatros70  @  02/11/2014 12:38:38
   5 / 10
Un film che vorrebbe stimolare un giudizio sulla fede accetatta in modo passivo e sui mille interrogativi attorno ai vari episodi che girono intorno alla fede stessa. In quanto ad interrogativi e domande che spesso rimangono senza risposta, Lourdes è la migliore sede per ambientare questo film. Tuttavia, lo stesso rimane troppo abbozzato e frettoloso in alcuni punti.
Non mi ha convinto.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

david briar  @  22/03/2014 16:50:35
   7 / 10
Con tutti i discorsi e le opere che si fanno su fede e religione,fa piacere vedere un film che li usa per parlare soprattutto d'altro.

Essenzialmente,"Lourdes" vuole rappresentare alcuni lati della condizione umana,usando come ambientazione un luogo importante che riunisce tanti tipi di personaggi,tutti alla ricerca della stessa cosa,la felicità.La canzone finale che noi italiani conosciamo bene è piuttosto significativa e strizza evidentemente l'occhio allo spettatore,e la scena risulta riuscita nella sua sospensione.Nemmeno la regista ha una risposta precisa,sembra volerci dire che nessuno ce l'ha,nemmeno i preti riescono a trovarne una davvero soddisfacente.Nel trattare di un miracolo divino,si assiste a un mosaico sociale su persone sole che cercano di combattere la propria solitudine attraverso la fede,cercando la felicità con troppa insistenza.Piuttosto che la fede,la regista sembra elogiare la grandissima umiltà della protagonista,forse per questo meritevole della misericordia divina.

Tutto questo viene descritto con uno stile veramente minimale,ma non mancano momenti dall'ottima potenza espressiva.Purtroppo,il film è veramente lentissimo nella prima parte,i dialoghi non incidono,e ci mette troppo ad arrivare al punto.Forse era meglio fare un mediometraggio,tanto alla regia servono poche inquadrature per esprimersi,ha il dono della sintesi.La freddezza e la pesantezza regnano sovrane,raramente sostituite da qualche emozione nell'ultima parte.

E se "Lourdes" tratta temi molto importanti in maniera mai banale,purtroppo rimane un film troppo da festival,"troppo per pochi"; la sua stessa estetica simile al documentario lo comporta,ma la sua visione rimane poco entusiasmante nella sua durata.Le qualità sono indubbie,capisco perfettamente chi parla di capolavoro,e sono sicuro che la sua universalità di temi potrà renderlo uno di quei prodotti che si faranno conoscere sempre di più col passare degli anni.Io l'ho trovato di difficile fruizione e anche un po' noioso, per gusto personale non riesco a definirlo più di un buon film..

Horrorfan1  @  21/01/2014 14:58:20
   7½ / 10
Non so con quali intenti sia stato girato il film, che, a quanto mi pare di ricordare, fece contenti sia i credenti che gli agnostici / non credenti che dir si voglia, né che messaggio il film voglia trasmettere.

Condivido in pieno, dal mio punto di vista, il giudizio e il voto di chi mi precede e credo (magari sbagliandomi) che la regista non avesse in realtà intenti molto "integralisti" quando ha girato il film...

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

1 risposta al commento
Ultima risposta 21/01/2014 15.05.11
Visualizza / Rispondi al commento
polbot  @  09/11/2013 12:33:29
   7½ / 10
Film un po' spiazzante, che si prende gioco di creduloni e negazionisti. Alla fine prevale la verità.. che spesso coincide con l'interrogativo senza soluzione. Merita la visione.

1 risposta al commento
Ultima risposta 09/11/2013 17.11.09
Visualizza / Rispondi al commento
Niko.g  @  05/02/2013 16:40:06
   8 / 10
(Spoiler presenti)

Fra i numerosi pellegrini giunti nella famosa cittadina francese c'è Christine, ragazza paraplegica sulla sedia a rotelle, incuriosita più dall'aspetto turistico che religioso.
Mercificazione del sacro, invidia, gelosia, ipocrisia, …tutte porzioni di realtà assolutamente esistenti anche in un luogo come Lourdes e rimarcate a più riprese nel film, ma sulle quali si arrocca silenziosamente il freddo scetticismo della regista austriaca Jessica Hausner, quasi ad impedire che la luce naturale (nel film ce n'è davvero poca) dell'altra realtà, quella di coloro che operano nella carità e nell'amore per il prossimo, possa folgorarla sulla via di Damasco. Mi riferisco ai giovani volontari (qui non rappresentati) che offrono il loro gesto in nome di Cristo e non per rimediare alla noia "in attesa del periodo per sciare" e ai tanti sacerdoti che parlano con sentimento sincero e non a gettone, come se avessero una lezioncina preimpostata da formulare a richiesta (anch'essi non rappresentati). Dal giudizio generale, risulterebbe invece che nel muoversi tra i poli opposti della diffidenza e della fede, la Hausner abbia fatto colpo per la sua narrazione equidistante e neutrale. In realtà non è così.
Un merito però le va riconosciuto ed è quello di aver girato uno dei finali sospesi più belli che il cinema possa offrire. Il contrasto straniante tra la canzonetta frivola di Albano & Romina e ciò che sta per accadere alla protagonista, è un tocco di grazia e di genio, di quelli che capitano una volta sola nella carriera. Probabilmente senza volerlo, la Hausner espone la caduta di Christine (straordinaria Sylvie Testud) ad una possibile doppia lettura: medico-scientifica (recrudescenza della malattia) e religiosa (fenomeno letteralmente definito "riposo nello Spirito"). Non si può andare oltre. Prima che scorrano i titoli di coda, abbiamo appena il tempo di constatare che Christine vede con occhi nuovi. La guarigione dell'anima è il miracolo della rinascita.

Invia una mail all'autore del commento Bathory  @  23/10/2012 02:19:42
   8½ / 10
Ammetto di essermi fatto totalmente fuorviare dal titolo all'epoca della sua uscita, ma fortunatamente sono riuscito a recuperare questo piccolo grande capolavoro, ennesima perla di una scuola austriaca che pian piano sta emergendo sempre più per la qualità delle sue opere.

Il principale pregio del film è la scelta della regista di non prendere posizione, rimanere distanti dagli eventi che accadono, senza far trasparire il personale punto di vista sui molti e intricati temi che un film del genere presenta, limitandosi con uno stile asciutto e apparentemente freddo a mostrarci l'universo Lourdes con le sue speranze e le sue meschinità.
Non è un caso che il film della Hausner abbia ricevuto premi sia da parte cattolica che atea: è il caso di urlare al miracolo.

Non ho visto minimamente l'apparente ironia e l'influenza di Kaurismaki citata da molti utenti prima di me, anzi la Hausner a differenza del grande regista finlandese tende (per fortuna) a prendersi molto sul serio, ed è solo grazie a questa rigorosità contenutistico-formale che Lourdes diventa un film assolutamente riuscito.

L'intelligente finale "aperto" è incredibile, anche se secondo me

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

MidnightMikko  @  27/08/2012 09:33:06
   6 / 10
Per me questo "Lourdes" poteva essere migliore. Bresson, Dreyer, Kaurismaki, bah, io sinceramente trovo questi paragoni abbastanza azzardati.
Il film della Hausner giustamente mantiene la freddezza della sacralità che circonda Lourdes, eppure sembra trattenersi, quando può essere critica o incisiva, sembra quasi ritirare la mano. I dialoghi potevano essere migliori, mi sono sembrati molto scontati, prevedibili e soprattutto poco incisivi. Ottima la prova attoriale del cast, su cui svetta la Testud, la protagonista che si fa portatrice della curiosità prima e della compassione dopo dello spettatore.
Tecnicamente eccellente ma praticamente (quasi) privo di sostanza.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR frine  @  27/08/2012 02:17:19
   8½ / 10
Un film che si presta a molte interpretazioni, proprio per l'estremo rigore con cui la realtà di Lourdes viene proposta in tutti i suoi possibili aspetti : la preghiera, la fede e la devozione di religiosi e pellegrini, ma anche il pettegolezzo, l'invidia, il marketing, l'acqua santa e ...il diavolo probabilmente. Fede e cinismo si intersecano senza una netta distinzione. E i punti di vista sono molto vari: la Chiesa si preoccupa soprattutto di dimostrare (scientificamente? aristotelicamente?) la presenza di un miracolo degno di essere considerato tale; i malati si preoccupano soprattutto di guarire; coloro che vivono e lavorano a Lourdes, in quanto partecipi di una situazione sacrale riconosciuta e condivisa, sono costantemente in attesa di un miracolo, qualunque esso sia. Ma al miracolo la regista crede poco: pur senza criticare apertamente l'atteggiamento della Chiesa e pur ammettendo, in sostanza, la buona fede dei suoi ministri.
Le interpretazioni, di assoluto rigore, fanno pensare a Bresson. Ma il misticismo ostinato, disarmante, della giovane suora che vuole salvare la Conversa di Belfort (e alfine ci riesce), qui non è presente. In questo film Lourdes è un luogo in cui, alla fin fine, tra volontariato e preghiere edificanti, ciascuno pensa principalmente a se stesso.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Rockem  @  11/02/2011 18:40:04
   5½ / 10
Stimola un'utile riflessione, ma a volte è troppo poco incisivo e poco pungente. Scomodo per alcuni, indispensabile per altri, ma l'oggetto in questione, la fede, è vista dal regista in maniera troppo opaca a scoraggiante, cinematograficamente parlando, ovviamente.

1 risposta al commento
Ultima risposta 27/08/2012 01.29.26
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI julian  @  31/01/2011 14:25:55
   8 / 10
Freddo, cinico, disincantato, distaccato. Il film della Hausner presenta un approccio spersonalizzato, verso questioni nelle quali, di solito, chi discute fa parte di uno dei due schieramenti, senza possibili compromessi.
La regista si smaterializza dunque, dà stoccate ad entrambe le parti, non privilegiandone nessuna.
L'apparato scenografico è spoglio, l'atmosfera è pregna di purezza, ma allo stesso tempo testimonia l'inarrestabile incedere del capitalismo invasore, la regia tenue ed evanescente.
Il ritratto lucido di una Lourdes località mistica da una parte e turistica dall'altra, rifugge dagli eccessi di una critica troppo affilata verso il consumismo, accennata appena da una fugace ripresa di vetrine e bancarelle con madonnine esposte. Insomma Lourdes è, come in realtà dev'essere (dico così perchè non ci sono mai stato), senza le comuni distorsioni mediatiche.
In tutto questo, il film offre spunti per innumerevoli discussioni aperte:
la fede, che può essere sentita, rassegnata o opportunistica. Molti pellegrini ci credono davvero, altri sono curiosi, alcuni vanno come ultima spiaggia, per disperazione, altri ancora si recano a contrattare il miracolo con la divinità, come se questa avesse un obbligo periodico verso di noi;
il miracolo, reale o presunto, e, in questo secondo caso, suggestione o coincidenza. La possibilità che un evento possa catalogarsi come tale diventa una discussione da bar, la ricerca del prossimo "vincitore" un terno a lotto. Su di esso si pronunciano tutti, dai grandi esperti alla gente comune, ma in questo caso nessuno ha più facoltà di un altro per decretare;
lo scetticismo, alle volte più estremista e ostinato della sua controparte, capace di negare ciò che accade sotto il suo naso;
l'egoismo del cristiano, che professa, da credente, l'amore per il prossimo, ma in cuor suo continua a domandarsi "Perchè a lui ?" "Perchè non a me ?" "Perchè ?", quando il dono del suo D.io è stato fatto ad un suo "fratello".


Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  29/10/2010 12:36:47
   8½ / 10
Ha un fascino particolarissimo questo film, qualcosa che sopperisce alla mancanza quasi totale di tutte quelle caratteristiche (azione, suspence, emozioni estreme, sentimentalismi), di cui in genere un film comune non può fare a meno.
Si tratta della capacità di penetrare a fondo nelle vite umane e nei concetti profondi che le guidano. Una dote che si realizza tramite lo sfruttamento totale del mezzo cinematografico. Non si fanno parlare solo i personaggi o la storia ma si fa parlare tutto quello che appare nello schermo: gli oggetti, i colori, le scenografie, le luci e i suoni. La bravissima regista è riuscita a far rivivere lo spirito essenziale, sintetico e profondo che animava le pellicole di Dreyer.
Ed è così che partendo da una semplice storia di una banalissima persona, in circostanze comuni e in ambienti dimessi, si riesce a penetrare in questione etiche, religiose ed esistenziali universali e cruciali. Si rimane molto colpiti dopo la visione del film, veramente scossi nell'animo e non si può fare a meno di riflettere, di domandarsi, di prendere posizione. E' un'emozione che colpisce soprattutto il lato etico e spirituale dell'animo umano.
Il grande pregio del film è quello di non prendere nessuna posizione prestabilita ma di dare dignità e forza a qualsiasi ipotesi od opinione che venga espressa. Allo stesso tempo ogni posizione viene verificata con il reale e con l'effettivo. Si espone direttamente e ufficialmente, ma la regista allo stesso tempo ci propone anche delle letture implicite, diverse o opposte che dalle circostanze, dai contesti, dalle immagini. C'è dignità e avvallo per ogni ipotesi ma c'è pure molta oggettività e distacco, tutto è chiaro-scuro, vero-falso, in tutti i personaggi nessuno escluso. Spetta a noi spettatori elaborare e trarre le conseguenze. La regista ci fornisce tutti gli elementi e ci lascia libertà assoluta di giudizio.
I termini in gioco sono il constrasto fra fede e non fede in un ente supremo sovraterreno, fede e non fede nel "miracolo", cioè nel cambiamento radicale della propria esistenza. C'è poi il contrasto fra corpo e spirito, fra normale e "handicappato", fra solitudine e compagnia. Insomma un film apparente povero e lento ma decisamente ricco di vita e spirito.
I personaggi chiave sono due: la protagonista Christine e Cecile, la suora capogruppo. La protagonista (che sembra uscita da un film di Rohmer) rappresenta il lato "terreno" dell'animo umano, quello che cerca di esprimersi e di trovare tutto in questa vita e sulla terra. Assetata di vita, di amore, di compagnia, non ha grande interesse per la religione. Per lei questi viaggi a Lourdes sono un'occasione di svago (preferisce Roma che è più culturale) e un tentativo di ottenere sollievo materiale e fisico. Il "miracolo" quindi viene vissuto come qualcosa di scandaloso dai suoi "colleghi": come dire, Dio così spirituale ed etereo va a soddisfare i desideri di chi chiede i piaceri mondani? Poi di una che non aveva una fede accesa né era assidua nei riti. L'abile ma sincero prete si rifugia nel "calcio d'angolo" dell'assoluta autonomia di Dìo che si deve accettare in tutte le circostanze, belle e brutte che siano. L'evento smentisce la sua opinione che il miracolo avviene a chi è semplice, ligio e credente.
L'ombra del materialismo e della contraddizione si allunga così inesorabile su questi viaggi "della speranza". Si fa balenare la speranza di una vita terrena più agevole e allo stesso tempo si predica la rassegnazione e l'accettazione. Cosa serve curare il corpo se conta di più lo spirito? Il curato ha sempre la risposta pronta a ogni questione e a ogni domanda, ma la sottotraccia del film fa vedere una realtà molto più burocratica e pratica. Da una parte il malato con i suoi desideri ed esigenze terrene (lo svago, il divertimento, la compagnia), dall'altro i religiosi che fanno quasi del "marketing".
C'è anche un secondo miracolo "paradossale" ed è quello che capita a l'unica persona profondamente e coerentemente "religiosa" (secondo l'accezione cattolica), cioè Cecile. Lei è l'unica che ha proprio nessuna considerazione nel lato terreno della vita. E' così coerente che arriva ad essere severa e dura nell'imporre la disciplina e la rinuncia a tutto quello che è edonistico ed egoistico. La sua è un'aspirazione diametralmente opposta a quella della protagonista e si tratta dell'annullamento e della rinuncia a tutto ciò che è materiale. Viene "accontentata" e la sua esistenza diventa completamente "spirituale". Anche questo è un "miracolo", in quando si realizza un desiderio "impossibile", paradossale.
Vince alla fine l'instabilità e l'incertezza del vivere e del pensare umano.
Il grande merito del film è proprio quello di lasciare tutte le questioni aperte, avendocele mostrate visivamente e interiormente in maniera completa e perfetta. Questa è veramente Arte con l'A maiuscola.

4 risposte al commento
Ultima risposta 29/10/2010 19.31.43
Visualizza / Rispondi al commento
gandyovo  @  23/08/2010 23:26:57
   7 / 10
buon film che non da risposte e pone domande. per me troppo lento e talvolta difficile da seguire- un film da vedere in ogni caso.

ifry  @  19/08/2010 17:09:12
   7½ / 10
un film tra documentario e dramma. inizialmente lento, ma poi non ci si fa più caso, e non risulta mai pesante.
Ha rivissuto dei momenti. momenti del mio passato cui frequentavo la chiesa.
Nel film ho ritrovato il rispetto di quelle persone cui credono in dio. I silenzi delle cerimonie, dei rituali, delle preghiere. Il tutto non mi è mai parso pesante o retorico.
Sono molto scettico in queste cose, èd il film - fortunatamente - non da una risposta e non la vuole dare. Il finale lascia è azzeccatissimo.. come il mistero di Lourdes....

Il film mi ha fatto entrare in quei luoghi misteriosi, facendo vedere cosa avviene... in un certo senso mi ha fatto risparmiare soldi :D.

Nel mio scetticismo, mi ha fatto vivere in quei luoghi assieme a quelle persone, dove, oltre ad avere fede, provavano invidia, e fini non proprio altruistici...

DarkRareMirko  @  10/08/2010 17:16:24
   9½ / 10
Capolavoro della Hausner di Hotel.

Seppur inspiegabilmente il film abbia ricevuto, tra gli altri, pure un premio da persone Cattoliche (?) - incredibile, visto che il film palesemente contrasta tale credenza, soprattutto nel desolante finale - la regista, abile ed intelligente, riesce sempre ad evitare giudizi e banalità sapendo sempre ben restare in un'atmosfera pseudogrottesca, mai totalmente seria, cosa che dona al film ancora maggiore inquietudine di quello che già normalmente possiede.

Bravissimi tutti gli attori, che ben riescono a tratteggiare invidia, ignoranza, cattiveria, rassegnazione, irriverenza.

Il senso del film parrebbe quasi suggerire che è più importante la serenità e la felicità piuttosto che avere in dotazione l'utilizzo delle proprie gambe; ad ogni modo molto riuscita la denuncia relativa a certi luoghi di pellegrinaggio che, proprio come avvine a Lourdes, altro non pensano che al lucro.

Da storia del cinema il finale con la protagonista che accetta rassegnata il proprio futuro * * *, il tutto sottolineato dalla canzone "Felicità" di Albano e Romina Power, a quanto pare conosciuta pure a livello internazionale.

Il miglior film del 2009.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

7 risposte al commento
Ultima risposta 07/09/2012 00.24.54
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  31/07/2010 19:56:48
   8 / 10
Possiede un equilibrio perfetto il film della Hausner, sospeso tra l'asetticità dello sguardo e l'irrazionalità di un'umanità dalle mille sfaccettature in quel di Lourdes: la speranza di una guarigione, il tema del miracolo, invidia e compassione che si sovrappongono. E' un film che in ogni sguardo o immagine racchiude in sè un'ambivalenza interpretativa che è uno dei motivi della riuscita di questo film. Il tutto in un contesto rigido e rigoroso quasi da catena di montaggio, una meticolosità spiazzante da sembrare aliena.

2 risposte al commento
Ultima risposta 27/08/2012 11.45.11
Visualizza / Rispondi al commento
-Uskebasi-  @  16/07/2010 13:32:16
   8 / 10
Ma Dio è buono o onnipotente?

Una vera e propria lunga messa questo Lourdes, un misto tra documentario e cinema d'autore. La regista riesce nel difficile compito di non schierarsi rimanendo in perfetto equilibrio tra Fede e Ragione dirigendo il tutto in maniera sottilissima, sarà lo spettatore così ad interpretare come vuole ciò che vede. La prova sono i 2 premi contrastanti vinti dal film, uno da una commissione di cattolici, l'altro da una commissione di atei. Personalmente credo che ciò che fa fare il salto di qualità ad un film cmq più che sufficiente sia il finale. Veramente il perfetto epilogo per tempi, per interpretazione dell'attrice, per musica e per significato. Tutte le domande rimarranno, ma quello che uscirà fuori sarà un messaggio: cercare di raggiungere la pace mentale prima di pensare a quella fisica, è questa la chiave per la felicità. La stessa protagonista sembra trasmettere nei minuti finali un passaggio dalla tensione e dalla paura di quello che può succedere alla rassegnazione e all'accettazione di quello che avverrà attraverso una felicità conquistata, così come aveva affrontato il miracolo della guarigione senza particolare stupore.
Significativa anche l'invidia dei credenti(?) che non accettano la guarigione alla ragazza che meno di tutti manifestava la propria Fede, quando la loro speranza era che i miracoli si potessero in qualche modo comprare: una visione troppo Umana di Dio.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR oh dae-soo  @  15/07/2010 13:15:57
   8½ / 10
ATTENZIONE: il commento potrebbe contenere anticipazioni.

Se c'è qualcosa di impossibile per i film che affrontano argomenti religiosi è riuscire a non far capire allo spettatore quale sia il pensiero del regista, Credere o no. La Hausner riesce invece nell'intento attraverso due piccoli e geniali accorgimenti. Per chi non lo sapesse Lourdes racconta la vicenda di una ragazza affetta da sclerosi multipla guarita (?) per miracolo (?) nella città di pellegrinaggio francese.
Il primo accorgimento della regista è far sì che a guarire sia proprio la ragazza sprovvista di fede, o comunque con un credo molto inferiore ai suoi compagni di sventura. Questo piccolo particolare ha una straordinaria ambivalenza: se da un lato può essere la testimonianza che la fede non serva a niente nè porti a nulla, dall'altro è invece la dimostrazione di quanto Dio possa intercedere per chiunque, fedele o no. A seconda di come si legge l'episodio, credenti o non possono portarlo a loro "favore". Perchè ho messo i punti interrogativi nel precedente paragrafo alle parole "guarita" e "miracolo"? Perchè lì sta il secondo capolavoro di sceneggiatura. In un finale straordinario, nel quale per 10 minuti il film diventa quasi un thriller, un thriller della guarigione e della speranza, la regista ci dà piccolissimi ma forse decisivi segnali di qualcosa: la caduta, l'angosciante attesa sulla parete ( e qui il livello recitativo della Testud è incredibile) e il mettersi sulla sedia a rotelle. C'è stata davvero una guarigione definitiva o è cominciato un peggioramento? In caso di guarigione, è dovuta a Dio o a qualcos'altro? Anche qui, a seconda di "convenienza" o di semplici sensazioni si può scegliere l'ipotesi preferita.
E' indubbio che il film non sia tenero nei confronti di Lourdes (il merchandising, la frivolezza delle volontarie, l'invidia tra i malati, il prete stereotipato) ma non fa che raccontare un'oggettività, una realtà che esiste e che ci viene mostrata in una maniera quasi documentaristica ( tranne le scene di dialoghi, quindi di obbligata fiction,non è "Lourdes" quasi un documentario?).
In questo senso la regia è in perfetta simbiosi con la materia trattata: abbiamo una staticità incredibile della macchina da presa che compie al massimo qualche panoramica orizzontale o verticale senza mai muoversi dalla sede (nè carrelli, nè riprese dirette dell'operatore). Anche i dialoghi non hanno mai campi o controcampi ma avvengono in inquadratura fissa.
Parlavo di simbiosi con la materia perchè tale regia rappresenta e rispetta la staticità della liturgia e ( non la si consideri una battuta ma una considerazione ponderata) sembra quasi affetta da una paraplegia al pari della sua protagonista. Liturgia e malattia invalidante = regia statica. Una regia dinamica, mossa, avrebbe portato a tutt'altro film.

Insomma, un gioiellino sia per icontenuti che per la bravura della Hausner, girato tutto in un'atmosfera sommessa, sotto le righe, come del resto sotto le righe è l'ottima interpretazione della Testud (che mi ricorda molto fisicamente la nostra Rohrwacher).

Una considerazione finale che esula leggermente dal film è che, a mio parere, per chi è credente (come me) non dovrebbero esistere luoghi della fede. Se crediamo in Dio dobbiamo pensarlo in ogni luogo e in ogni cosa. Lourdes non è in Francia, Lourdes è anche qui, a casa mia. Dio non è nei luoghi di pellegrinaggio, ma qua intorno a noi; è qui vicino a mia filglia che gioca per terra e, divertito, mi vede scrivere di lui.

4 risposte al commento
Ultima risposta 29/10/2010 17.46.43
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo REDAZIONE maremare  @  13/07/2010 13:50:28
   8 / 10
Con realismo pregnante uno spaccato lucido del mercato della fede e i pellegrini che vi gravitano intorno.
In equilibrio perfetto tra spiritualità e materialismo un film profondamente laico e assolutamente da non perdere.

4 risposte al commento
Ultima risposta 31/07/2010 20.41.29
Visualizza / Rispondi al commento
kossarr  @  05/07/2010 23:11:23
   3½ / 10
Una inutile accozzaglia di immagini, senza pathos, senza sentimento, senza coinvolgimento e senza parte.
L'inizio del film fa vedere il vaneggiamento di migliaia di persone che venerano un luogo che non è nient'altro che una normalissima collina un tempo abitata da una bambina visionaria.
La seconda parte mostra l'invidia delle gente gelosa che la macchinina è stata regalata ad un altro e non a loro.
Preti che a domande precise rispondono con risposte insensate e deficitarie e la gente pure li ringrazia...
A 7 anni ero già più intelligente del regista e di chi ha apprezzato questo film.
Se poi mettiamo come finale la canzone più stupida della storia di Albano e Romina , cantata da una francese arrapata e delusa, abbiamo chiuso il cerchio.
Voto più alto di quello che merita, solo perché così la gente non stressa che abbasso le medie.
Consigliato a... nessuno. Né ai credenti né agli atei.

1 risposta al commento
Ultima risposta 05/07/2010 23.17.57
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR ferro84  @  28/06/2010 00:12:20
   7 / 10
Notevole documentario ritratto di una realtà vista senza filtri.
Il religioso tende ad esaltare a costruire a fantasticare su avvenimenti inconsistenti mentre spesso, l'ateo, risulta essere cinico e sottovalutare la forza e la potenza della spiritualità.

L'equidistanza di questo film è magistrale, la Hausner promette bene per il futuro, magari un pò di ritmo in più non avrebbe guastato

floyd80  @  27/06/2010 01:47:38
   7 / 10
Pellicola che assoggetta lo spettatore. Gli fa porre domande ma non lascia alcuna risposta. L'obiettività della regista è il punto forte di questa pellicola. Film atipico ma efficace.

TheLegend  @  21/06/2010 19:10:14
   7 / 10
Un film che vale la pena vedere nonostante possa risultare lento a molte persone.
Sinceramente non capisco come abbia potuto ricevere un premio da una giuria cattolica.
Tecnicamente molto valido.

Yosseph  @  20/06/2010 14:03:24
   7½ / 10
Il Lourdes dell’austriaca Hausner è un autentico gioiello, un piccolo miracolo cinematografico, tale da meritarsi molti premi importanti e sembra paradossale che ne abbia ricevuto due contraddittori: il premio Signis, attribuito da una commissione di cattolici, e il premio Brain, attribuito da una commissione atea.
Il film, in stile minimalista e con taglio quasi documentaristico, racconta un pellegrinaggio a Lourdes, organizzato per invalidi e malati gravi.
La Hausner, attraverso il presunto miracolo di una tetraplegica, svela le ipocrisie e le gelosie della gente, che si mascherano di un finto buonismo, e rivela cinicamente, in una sorta di dietro le quinte, meccanismi rituali e forzati.
Tutto è un accanimento spirituale. Quasi si fa a gara per meritarsi di “essere scelti”, di essere miracolati; e da qui le invidie del “perché proprio a lei?”.
Lourdes riesce a trattare la solitudine della malattia attraverso una calibrata regia con uno sguardo in bilico tra razionalismo e fede.
Riuscito il tentativo di mettere in campo un’estetica, elegantemente gestita, allo stesso tempo del mistero e del paradosso, con leggere venature umoristiche perfettamente organiche alle inevitabili dolorose scene che spesso scorrono sullo schermo.
Ottima la fotografia e la sceneggiatura.

9 risposte al commento
Ultima risposta 20/06/2010 23.23.12
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI fidelio.78  @  17/06/2010 19:18:03
   7½ / 10
Film ben bilanciato nei sentimenti e nelle emozioni.
La storia è ben costruita e la malignità del piccolo borghese fuoriesce prepotente. Questo era lo scopo del film e viene centrato.

KOMMANDOARDITI  @  06/06/2010 21:28:16
   7½ / 10
Presentato alla 66esima Mostra del Cinema di Venezia, LOURDES è il terzo lungometraggio della regista austriaca Jessica Hausner, girato subito dopo l'horror claustrofobico HOTEL.
Il primo miracolo inconfutabile è avvenuto proprio a livello di giurie : il film difatti si è aggiudicato riconoscimenti da commissioni critiche internazionali (Premio Fipresci), da organizzazioni cattoliche (Premio Signis) e da unioni ateo/agnostiche (Premio Brian), riuscendo nell'insolita impresa di accontentare un po' tutti i diversi palati ideologici.
Raccontando la vicenda di una giovane affetta da sclerosi multipla, in visita al Santuario mariano per eccellenza, la filmaker austriaca in realtà ci offre una sua personale riflessione laica su concetti come speranza, scetticismo, delusione, rassegnazione, dogmatismo ed invidia : tutti sentimenti umani che occupano LOURDES per intero, alternandosi ritmicamente senza tralasciare spazi vuoti.
Un'apertura sorprendentemente kubrickiana nella sua ghiacciata compostezza, sottolineata dalle note soffuse e sontuose dell'Ave Maria di Schubert, ci introduce in un universo tra sacro e commerciale alquanto inedito per chi, come il sottoscritto, non è mai stato in pellegrinaggio in posti del genere. Un mondo, al di fuori del Mondo, popolato da una fauna di varia umanità in disgrazia.
In prima fila c'è Christine, interpretata con garbo e finezza da una brava Sylvie Testud. Una ragazza disincantata, forse non credente, che si ritrova in quel luogo un po' per caso ; una che preferisce di gran lunga le città d'arte come Roma a Lourdes, tenendoci a ribadirlo più volte. Christine prende il miracolo che gli viene offerto senza tanti entusiasmi, esibizionismi o clamori ; lo accetta ma non si fa tanti problemi quando, verso la fine , avverte una probabile ricaduta. A quel punto lei non fa altro che riadagiarsi serenamente sulla sua carrozzella, paga oramai più per un amore conquistato che per una padronanza fisica caduca e vacillante.
Al suo ottimismo vitalistico si contrappone però la grigia condizione di chi le sta attorno. L'anziana degente affetta da emiparesi facciale, caparbiamente disposta a farle da tutrice pur di guadagnare punti per la grazia tanto agognata ; la mamma con la figlia tetraplegica, abbattuta, sconsolata, quasi invidiosa dell'evento straordinario capitato a Christine ma pronta con commozione a sciogliersi in lacrime per un sorriso ed uno sguardo che la figlia le regala ; le due pellegrine pettegole, tanto simili a quelle che popolano i nostri condomini, che chiacchierano amenamente di come e dove si possa verificare il prossimo miracolo, interrogandosi poi sul perchè sia toccato proprio ad una ragazza poco devota. Anche chi ha il compito gravoso di vegliare sugli ospiti del Santuario non sembra possedere le capacità per farlo. Osserviamo così la giovane volontaria dell'Ordine di Malta, gelosa della relazione nata tra la protagonista ed il capo della sicurezza ; il gendarme più anziano che racconta barzellette irriverenti e fuori luogo sulla mad.onna ; il prete che risponde alle domande dei fedeli in maniera meccanica ed insoddisfacente. Infine, la figura più enigmatica, l'arcigna capo-infermiera, dal volto cereo ed ossuto, inquietante manifestazione umana del "memento mori" : sarà lei, precognitivamente, a cedere il posto alla giovane miracolata.
Per realizzare questa pellicola la Hausner si è evidentemente documentata a fondo sulla questione, vivendo in prima persona le dinamiche caratteristiche di quel luogo santo. E' difficile pertanto non scorgere, nel personaggio principale di Christine, l'alter ego dell'autrice stessa, catapultata in una realtà singolare da osservare rigorosamente con occhio puro e fanciullesco.
Durante la visione è quasi impossibile non notare il poco spazio che occupano sentimenti profondamente cristiani come la solidarietà, la carità e la fede vera e propria. Tutto è burocratizzato, ritualizzato, robotizzato ; chi visita quel posto lo fa non per la salvezza interiore ma per quella più scopertamente fisica. Come dar loro torto per questo : l'umanità non risiede anche in tale anelito di concretezza o in tale egoistico istinto a vivere un'esistenza il più possibile dignitosa ?
Personalmente non so se la situazione che vivono i malati in visita a Lourdes sia rapportabile totalmente al modo in cui ci viene descritta nel film. Dalla pellicola però, più che l'immagine del classico luogo di culto, emerge invece una realtà paurosamente simile ad una "EuroDisney per diseredati", fatta di "giostre" ed "attrazioni" da provare in successione, giorno dopo giorno ; un "parco divertimenti" o "colonia estiva" in cui poco ci si svaga e molto ci si ristagna, in un ciclico ripetersi impassibile della quotidianità.
La regia è fredda, distaccata, algidamente prosastica, persino irrealistica nella sua asetticità esasperata. Le emozioni restano congelate in un rigore geometrico delle inquadrature di stampo quasi dreyeriano. Lo stile della Hausner ricorda da vicinissimo quello del suo connazionale Haneke ma riporta alla mente anche le opere del finnico Kaurismaki, nonchè consistenti rimandi ad autori nipponici quali Kitano e Kiyoshi Kurosawa (sfrondati naturalmente delle loro accezioni iper-violente...!).
Chi sceglie di vedere un'opera come LOURDES non si attenda risposte, nè tantomeno suggerimenti, sia pronto piuttosto ad affrontare un dubbio : la felicità è uno stato del corpo o dell'anima ?

...A Monsieur Hulot questo film sarebbe certamente piaciuto molto........


P.S. : Singolare come in territorio francese la musica leggera italiana anni '80 vada così per la maggiore : qui, in chiusura, abbiamo il brano di Albano e Romina "Felicità", nel precedente ALTA TENSIONE (di Alexandre Aja) avevamo invece nientedimeno che "Sarà perchè ti amo" dei Ricchi e Poveri....... :-D

6 risposte al commento
Ultima risposta 30/10/2010 01.30.07
Visualizza / Rispondi al commento
desertoceano  @  06/06/2010 13:22:28
   2 / 10
lento e noioso!Il finale non é chiaro e la musica di albano lo rende ancora più orrendo!!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR kubrickforever  @  27/05/2010 17:31:25
   8 / 10
Un film freddo e spietato ma anche straordinariamente intimo e delicato.
Regia minimalista ma molto efficace. Il finale mi ha messo i brividi.
Peccato sia passato in sordina nelle sale.

tylerdurden80  @  27/05/2010 02:34:29
   4½ / 10
da ateo convinto mi aspettavo grandi cose da questo film...

ok il messaggio è incentrato sulla cattiveria e la gelosia che le persone cosidette credenti provano davanti al miracolo e quindi la felicità che tocca ad un'altra persona,ma quindi????

ci voleva x forza un film per mettere in evidenza come spesso chi si professa cattolico e praticante in realtà è spesso capace di azioni poco morali????

molti di voi dicono che fa riflettere...io francamente non ho avuto bisogno nè di questo nè di nessun altro film per arrivare a queste considerazioni sul lato poco nobile di ogni essere umano,sia esso credente o meno (anche se spesso l'ateo è più coerente e meno ruffiano...)

nulla di nuovo quindi,solo il racconto del doppio lato del credente medio,tanto caritevole e devoto quanto egoista e senza scrupoli a seconda delle situazioni (ovviamente non mi riferisco a tutti i fedeli,ci sono certamente eccezioni, anche se a un buon 90% si...........)

7 risposte al commento
Ultima risposta 11/06/2010 02.08.04
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  19/05/2010 11:13:20
   8 / 10
"Su l'archetto ar cantone de la piazza,
ar posto der lampione che c'è adesso,
ce stava un Cristo e un Angelo de gesso
che reggeva un lumino in una tazza.
Più c'era un quadro, indove una regazza
veniva libberata da un'ossesso:
ricordo d'un miracolo successo, sbiadito da la pioggia e da la guazza.
Ma una bella matina er propietario
levò l'archetto e tutto quer che c'era,
pe' dallo a Spizzichino l'antiquario.
Er Cristo agnede in Francia, e l'Angeletto
lo prese una signora forestiera
che ce guarnì la cammera da letto. " (Trilussa)

"Lourdes" è un film minimalista nelle ambientazioni e nelle scelte registiche, ma è soprattutto un film che finalmente fa riflettere lo spettatore, che mostra in maniera chiara e lucida la poca limpidezza di una tanto conclamata fede. L'ossessivo ripetere "Perchè proprio a lei?" ne è la dimostrazione più evidente. Così come la descrizione di un pellegrinaggio per cui si parte colmi di speranza e ci si ritrova immediatamente amareggiati ed ingrigiti. Il lato più meschino dell'essere umano si rivela immediatamente a Lourdes come altrove.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  17/05/2010 16:38:10
   7½ / 10
Uno stile minimalista,inquadrature fisse e uno sguardo rispettoso ma impregnato da un’ironia sottile che non lascia indifferenti al fine di immergerci in un’atmosfera irreale,fuori dal mondo,in cui non è ravvisabile alcuna emozione spirituale,sostituita da una spiacevole sensazione di abbandono.
Jessica Hausner non si prende gioco delle istituzioni ecclesiastiche,non propone un film profondamente anticlericale e per questo motivo passa indenne le forche caudine della censura.
La fiera del sacro e profano di Lourdes,città del business religioso per eccellenza ove la chiesa munge a dovere pellegrini spesso disperati e ancorati a speranze (quasi) utopiche,in cui i miracoli avvengono non si sa in base a quale graduatoria meritocratica è servita.Sembra di stare in un circo di esile solennità,dove la contraddizione sta alla base di ogni gesto e di ogni parola.Soluzioni semplicistiche giustificano l’operato dell’onnipotente e premi quale “miglior pellegrino” vengono assegnati non per la devozione mostrata ma per meriti casuali,mentre i miracolati,per essere considerati tali,vengono sottoposti ad accurate visite mediche.La Hausner mostra con distaccata ferocia l’illogicità(per chi non ha fede) di relazioni e rituali fondamentalmente basati sulla disperazione e sull’ipocrisia,su una meschinità non per forza associabile alla dottrina cristiana,rimarcando quanta povertà morale si celi sotto un aspetto di rassicurante comodo.L’invidia verso chi è più fortunato o nei confronti del “normale” generano sensi di colpa che rinnegano in partenza lo spirito solidale e di grande fratellanza che dovrebbero regnare in un luogo simile,la ricerca della grazia diventa un’ossessione da perseguire con reiterate preghiere,bagni in fonti miracolose e bicchieri di acqua santa, quasi a voler mondare prima di tutto la propria corruttibile umanità.
La Hausner non giudica,lascia che la sua mdp immortali l’ artificioso moto verso l’illusione,dove la spensieratezza degli accompagnatori stride con l’austerità dei luoghi, come a sottolineare l’indeterminatezza di un mondo all’interno del quale i nostri vizi vengono messi a nudo senza pietà.

5 risposte al commento
Ultima risposta 17/05/2010 20.53.39
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Marlon Brando  @  29/04/2010 23:34:06
   8½ / 10
"La speranza: essa è in verità il peggiore dei mali, perché prolunga le sofferenze degli uomini." (Friedrich Nietzsche, "Umano, troppo umano")

Nel film c'è un personaggio di cui si avverte particolarmente l'assenza: Dio. Che esista o no, nel film sicuramente non compare; se da un lato Dio non si intravede nella manifestatività del miracolo, dall'altro è non si fa sentire neanche nell'intimità della fede. La freddezza del film rappresenta proprio questo horror vacui, alimentato dalla, presunta, religiosità del luogo. Presunta perché se a Lourdes si va prima di tutto per "curare l'anima" come dice un prete a Christine, la giovane protagonista, in realtà tutti, dai malati alle persone in salute, sono lì per la "carne", chi per la sua guarigione, chi per lo spettacolo di essa. Ed è proprio questo il paradosso di Lourdes, che relega sempre di più Dio a macchietta, taumaturgo ineffabile quanto inspiegabile.
Il corpo guarito diventa un trofeo della fede: Christine riceve il premio per il "miglior pellegrino dell'anno" non per devota e pia assiduità , ma solo per il successo di un miracolo che si rivelerà, quasi sicuramente, un modesto palliativo.
Il film, sicuramente "laico", è piaciuto anche ai cattolici probabilmente perché la regista non ha le velleità da cineasta engagé, non c'è un'univoca intenzione di denuncia, ma di mostrare. Questo mostrare è però tanto impietoso e cinico da rivelarsi piuttosto uno "spogliare" una realtà davvero tetra.

Jumpy  @  22/04/2010 11:43:22
   7 / 10
Un film asciutto e diretto in modo molo garbato sulla fragilità e le debolezze umane, personalmente ho notato, tra le righe, una critica spietata alla Chiesa.
Alterna momenti piuttosto intensi ad altri eccessivamente lenti, ma è da vedere.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  12/04/2010 13:48:05
   8½ / 10
Bellissimo, terribilmente cinico, estremamente delicato.
Come già sottolineato dal recensore, "Lourdes" è un film sull'umiltà. L'umiltà nella sofferenza, l'umiltà della vita: una virtù, una qualità, uno stile di vita che accomuna tutti, credenti e non, al sorgere di ogni mattina, dovunque si sia, nel tentativo di dare una risposta al mistero della vita. Una risposta personale, declinata secondo il personale cammino di vita, scelto e motivato da noi stessi, in un'estenuante, perenne, ma anche interessante lotta contro la solitudine, la paura e la sofferenza interiore ed esteriore.
Lourdes è un film che fa riflettere autoenunciando la sua terribile e ambigua verità; è ironico, ma molto lirico. Freddo, ma molto dolce. Interessante e profondo, ma molto semplice. Contiene la contraddizione di un argomento su cui si può dire tutto e niente, su cui ciò che si dice non è mai certo se sia mito o realtà. Un film che delicatamente, ma con forza e coerenza tratta temi scottanti su cui è peraltro facile scadere nella banalità e nella retorica, da tutti e due i lati. Per questo che è piaciuto a tutti, poichè non parla di misticismo, religione o fede, ma parla di noi, dell'Uomo e di ciò che più ci tormenta (o come direbbe Dostoevskij, ci piace), soffrire.

4 risposte al commento
Ultima risposta 30/04/2010 14.06.31
Visualizza / Rispondi al commento
willard  @  07/04/2010 13:24:57
   7½ / 10
Una bella storia, a volte con un po' di lentezza, ma necessaria per far comprendere appieno il sentimento generale dei pellegrinaggi e della vita che si svolge nei luoghi come Lourdes.
Anche nelle disgrazie e nelle malattie si realizza un senso di appartenenza e, forse, i miracoli possono anche togliere più di quello che consentono di ritrovare.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR strange_river  @  30/03/2010 00:25:12
   8 / 10
Devo ringraziare gli utenti precedenti che hanno lasciato i loro interessanti commenti perché mi hanno permesso di avvicinarmi senza pregiudizi a questo film che porta un titolo per me davvero poco invitante.
Niente di più sbagliato, perché il film è di una scorrevolezza invidiabile e anche dal punto di vista meramente cinematografico ha delle qualità che lo rendono particolare e che vanno a colpire l'immaginazione di chi guarda.
Il tema della fede, o del distacco dalla fede o anche delle domande sulla fede, è esposto con invidiabile semplicità attraverso il racconto di quel luogo sublime che è il miracolificio di Lourdes, emblematica punta di diamante dell'artificio fideistico e superstizioso su cui si regge un intero apparato ecclesiale, una delle gambe di sostegno di una chiesa svuotata di senso primario.
Fin troppo chiara la critica ad una fabbrica di speranze prodotte in (e il gioco di parole è voluto) malafede, lesive della dignità delle persone, ripiene di quella pietà umiliante e offensiva che quasi sempre viene riservata a chi è malato, spacciata pure per amore nel bagno di ipocrisia in cui sta a mollo.
Credenti o non credenti, in questo caso, dovrebbe fare poca differenza, l'amaro e grottesco finale (molto, molto bello tra l'altro) tocca indistintamente tutti: l'imperante povertà di spirito tra esseri umani resi fantocci.
Ma Lourdes non si limita a descrivere questo ambiente (che vien giustamente da definire squallido), ma delicatamente lascia spazio alle riflessioni personali sulla ricerca o forse anche sul bisogno di spiritualità che è nell'uomo, riflessioni che ognuno può perseguire individualmente.
Per me, che ho smesso di credere alla giustizia e ai disegni divini da molto tempo, un motivo in più per attaccarmi alla vita in quanto tale e a ricercarne la complessità al di fuori da questi tracciati.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

29 risposte al commento
Ultima risposta 07/10/2010 21.12.59
Visualizza / Rispondi al commento
carrie  @  12/03/2010 16:48:20
   7½ / 10
Questo non è un film contro la chiesa come molti prima di me hanno fatto credere.
E' un film sull'essere umano, sofferente, fragile e cattivo.
La fede, la spiritualità, il soprannaturale sono solo il contorno.
Il film è ben fatto, l'attrice è molto molto brava.
La regia descrive quasi in modo documentaristico ( a volte anche diversamente dalla realtà) quello che è Lourdes.
Poi ci inserisce una storia.
Una tra tante, perchè che agli atei piaccia o no, lì succedono cose inspiegabili alla mente umana.
Non sempre...perchè a volte la gente si fa anche suggestionare (e ci si va spesso solo per curiosità) ma che ci si creda o no, a volte succedono cose inspiegabili.
Detto questo, la protagonista è umile, riceve una grazia, ma se prima faceva "pena" per la sua sofferenza e quindi era superficialmente amata da tutti, una volta guarita suscita invidia ed incredulità. Perchè diciamocelo, l'essere umano quando non arriva a capire il perchè delle cose che non hanno una spiegazione, tende subito a trovare l'inganno nell'altro, tende a screditare. (ah quanto è facile attaccare la chiesa!)

Bene, credo che sia un film contro tutti quelli che si credono cattolici solo cantando i salmi e recitando 20 ore al giorno i rosari e alla prima occasione non perdono tempo a pugnalare un altro, ed anche un film contro tutti quelli che dato che hanno perduto (o forse mai avuto) la "fede" sono pronti a puntare il loro dito contro persone che grazie alla fede trovano un motivo per vivere ed amare la vita, anche quando la loro sofferenza fisica li porterebbe solo a prendere una pistola per togliere il disturbo.

Credo che la regista voglia solo dare un consiglio a tutti., cioè "non giudicare".

4 risposte al commento
Ultima risposta 05/07/2010 17.07.08
Visualizza / Rispondi al commento
martymcfly  @  12/03/2010 09:19:17
   9 / 10
mi è molto piaciuto...
il ritmo lento ti fa addentrare molto bene nella condizione della protagonista ormai rassegnata a considerarsi una nullità del mondo a causa della malattia.
il film è molto realistico...gli eventi miracolosi non avvengono sotto luci particolari, musiche epiche o voci dall'aldilà...
la particolarità del film è la reazione umana dinanzi ad un evento che non ha alcuna spiegazione se non quella miracolosa...una reazione di invidia, gelosia e a tratti di odio...(perchè lei e non un'altra...) che si palesa in un atteggiamento di astio nei confronti della protagonista la quale, dinanzi alle delusioni del suo essere "normale", si rimette sulla sedia a rotelle...
a mio avviso è un film adatto sia ai cattolici che agli atei o agnostici...perchè porta alla riflessione sull'essere umano in generale...egoista quando chiede la grazia...invidioso anche quando la ottiene...

Violabianca  @  09/03/2010 17:54:23
   7½ / 10
Un film assolutamente spiazzante che incrina tutte le visioni mistico-spirituali dei luoghi di pellegrinaggio. Per non parlare del finale quasi "agghiacciante"

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER che evidenzia tutti i limiti dell'umana comprensione. Da vedere per discutere.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento LukeMC67  @  27/02/2010 12:02:53
   8½ / 10
"Siore e siori, benvenuti nel circo dei miracoli (e delle aspettative che genera)!!". Se questo fosse stato il tono del film della Hausner, sarebbe risultata una operazione alla "Religolous" (giustamente citato da forzalube) che avrebbe solo irritato senza indurre alla profonda riflessione.
Invece il ritmo lentissimo, solenne, le inquadrature con fotografia fredda, azzurrina, "alla Haneke" (qualcuno ricorda "Caché"?), curatissime in ogni dettaglio e con movimenti di macchina pesatissimi e ponderatissimi (mirabili la sequenza iniziale e quella finale, per esempio, ma anche la preghiera sul letto della protagonista), costringe tutti, atei e credenti soprattutto cristiano-cattolici a porsi domande e a confrontarsi col "circo miracolistico" sul quale campa e crapula l'istituzione ecclesiastico-romana con tutta la sua soffocante sovrastruttura e il suo commerciale indotto.
Quel che la regista riesce mirabilmente a mettere in scena sono i sentimenti delle persone che costituiscono -più o meno loro malgrado- il "circo" di Lourdes (che varrebbe per ogni altro luogo di "aspettativa miracolistica"): dalla disperazione più nera, sorretta solo dalla tenace illusione che Dio intervenga a cambiare il corso di esistenze distrutte come una vincita alla lotteria, fino all'incredulità e al disincanto più totali, passando per il "semiprofessionismo volontaristico" di sacerdoti e operatori del Sovrano Ordine di Malta che non sempre sono mossi da nobili motivazioni nel fare quel che fanno (terribile la sequenza in cui l'accompagnatrice della protagonista le confessa con una ingenuità assoluta di essere lì per non annoiarsi andando a sciare nei fine settimana!!). Ancor più notevole la capacità della regista di mostrare tutta l'invidia e le connesse debolezze di un'umanità profondamente ferita alla quale viene "venduto" il miracolo fisico come attrazione per indicare l'altra Verità, cioè che, semmai, il Signore è più interessato alla guarigione dell'anima che non dei corpi. Ovvero quel che meno interessa i partecipanti a questi pellegrinaggi!... Vien da chiedersi se un corpo malato magari senza possibilità di guarigione possa ospitare un'anima "guarita": la mia recente esperienza di politraumatizzato da incidente stradale mi lascia alquanto perplesso sulla risposta da dare a questa terribile domanda.

Film ateo? Film da credente? No, semplicemente un film profondamente LAICO. Che ricorda, soprattutto a noi che viviamo sotto la soffocante cappa vaticana, che l'inventore della laicità fu un certo Gesù Cristo quando sancì il principio secondo il quale "a Cesare va dato quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio" e che fu messo in croce dalle autorità religiose dell'epoca sotto lo sguardo indifferente del potere politico imperiale altrimenti colluso con quello ebraico-ecclesiastico... nessuno vede dei paralleli con l'Italia e lo Stato della Chiesa di oggi?

5 risposte al commento
Ultima risposta 06/02/2013 17.35.51
Visualizza / Rispondi al commento
forzalube  @  26/02/2010 07:11:59
   7 / 10
Sicuramente hanno visto meglio i mei colleghi dell'UAAR dandogli il premio Brian che non i cattolici che lo hanno insignito del premio Signis: il film è senz'altro meno diretto ed esplicito di un Odifreddi o di un Dawkins (o di un Religiolous per restare all'ambito cinematografico, e forse per questo anche più efficace), ma la critica verso la superstizione, il turismo religioso e l'industria dei miracoli, risulta comunque palese e già illustrata da chi mi ha preceduto (vedi kowalsky, suzuki71, mkmonti) ed ottimamente accentuata dalla fotografia dai toni freddi e dalla cura prestata alla scenografia.
Buoni anche gli interpreti, ma il risultato finale risulta penalizzato da un ritmo eccessivamente lento e da dialoghi a volte un po' ripetitivi o prevedibili.

Splendida la barzelletta già anticipata nel trailer.

suzuki71  @  25/02/2010 09:05:11
   7½ / 10
Questo film particolarissimo vince il premio Brian dell’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti, e il cattolico premio Signis 2009: un caso più unico che raro. Ma se quello degli Atei è comprensibile, il secondo è abbastanza inspiegabile per un film che trasuda miscredenza a un occhio non particolarmente distratto. Dio è buono o onnipotente? Questa domanda è spiazzante, ed è una chiave di lettura del film, riportando gli uomini alla vita e alla terra. Buon film, fotografia e regia assennate, scena finale intensissima come poche, Sylvie Testud è davvero brava come il nostro Todeschini, forse si indugia un po' troppo sui soliti aspetti e il film è inevitabilmente monocorde ma va bene così. C'era più invidia a ballare "Felicità" che in una qualsiasi discoteca di Parigi: tutto il mondo è paese, anche Lourdes.

4 risposte al commento
Ultima risposta 26/02/2010 13.44.19
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  22/02/2010 17:14:23
   9 / 10
Tra Kaurismaki e Dreyer, un film di un'autrice non (più) credente. Come spesso accade, le più profonde riflessioni sulla spiritualità e sulla dimensione religiosa provengono da chi non è credente (si pensi, nella storia del cinema, a Pasolini, Bergman, Bunuel...).

Vedi recensione

tritech  @  22/02/2010 09:41:23
   4 / 10
Qualcuno lo ha definito "sconvolgente"... be, l'unica cosa di sconvolgente è la noia. Un film lentissimo, pesantissimo; certo non mi spettavo un thriller ma il suo trascinarsi stancamente è veramente stucchevole.
Ma a parte questo, quale sarebbe il messaggio ?
Un film vuoto, inutile, forzato.

gaffe  @  21/02/2010 18:13:11
   7 / 10

Ottima trovata per una tematica non facile,il film parte molto drammaticamente(per la malattia della protagonista) per poi sfociare in ambiti quasi comici come nella scena finale del ballo di gruppo(si canta anche "Felicità" di Albano).

Film laico e critico su tutto l'entourage pellegrino,"Lourdes" non da risposte ma solo domande
"E' miracolo o no?"

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento mkmonti  @  18/02/2010 01:43:21
   8½ / 10
Confermo, una delle pellicole da ricordare anche negli anni a venire. "Lourdes", girato dall'ex credente Jessica Hausner, che ad una rapida e superficiale visione potrebbe essere liquidato come l'ennesimo ed inutile documentario sui pellegrinaggi nei luoghi della fede(?), è, invece, qualcosa di davvero sorprendente. Scrivo "qualcosa" proprio perchè è difficile davvero definire "Lourdes", a metà tra docu-film e un trattato filosofico religioso tanto da strappare a tratti un sorriso ma nel contempo per lunghi tratti incredibilmente commovente e riflessivo.Si lascia la sala straniti, confusi, ci si interroga sul finale aperto che la regista ci regala, quasi a non voler prendere una via certa e definita, quasi a voler rispettare tutte le idee e le opinioni, ma non è questo il dato rilevante:a prescindere che si tratti di miracolo o meno, ciò che conta è quel che sta nel mezzo, è l'invidia prima della protagonista verso chi non è malato, poi degli altri malati verso la protagonista "miracolata"(?) a voler rappresentare tutta l'incapacità del genere umano a voler spiegare ciò che non può essere spiegato, la solitudine nelle nostre esistenze che hanno bisogno di credere ostinatamente in qualcosa per dare un senso alla vita...e allora via ai baracconi luccicanti come Lourdes o San Giovanni Rotondo (per tornare a casa nostra), quanto di più lontano ci possa essere dagli insegnamenti d Dio, luoghi dove si sfuttano le sofferenze altrui alla ricerca di una felicità introvabile che possa curare"solo l'anima, ma non il corpo" (come più volte si ripete nel film)...il miracolo è però dietro l'angolo e all'improvviso s'intravede la felicità, quella però di "Albano e Romina" (la scena finale è davvero toccante, intensa, quasi ansiogena), basta poco per capire che non è vera felicità e nella donna che si accascia stremata di nuovo sulla sedia a rotelle c'è tutta la vacuità dell'esistenza.

1 risposta al commento
Ultima risposta 25/02/2010 08.39.45
Visualizza / Rispondi al commento
Doinel  @  18/02/2010 01:21:43
   10 / 10
Non riesco a ricordare un film più crudele e spietato. Una regia asettica e rigorosa capace di trasmettere emozioni profondissime e di cogliere sfumature sottili nei personaggi che abitano gli spazi freddi ed estesi di Lourdes (merito anche degli interpreti su tutte la Testud). Film anticlericale, ma soprattutto sulla solitudine umana, che racconta con una naturalezza accattivante e pungente.
Il pianosequenza finale è uno dei più sconvolgenti che abbia mai visto.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  18/02/2010 00:42:54
   8½ / 10
Il film è bello, bellissimo. Profondo come solo i film che interrogano lo spettatore sanno essere. Arricchisce la mia laicità e al tempo stesso alimenta i miei interrogativi in fatto di fede. Ma non è certo un film agiografico sul mondo dei pellegrinaggi, tutt'altro: lo vedi e ne resti coinvolto, malgrado tutto segui la storia da un'altra angolazione E a vedere e rivedere i rituali oppressivi - da animatori turistici - a cui vengono sottoposti i degenti (una sorta di accanimento terapeutico-spirituale) viene voglia di portarli tutti via da quella sorta di Eden incantato di speranze e illusioni. Quando poi ti ritrovi la consueta, odiosissima frase "Dobbiamo ringraziare D.io anche della sofferenza", allora il mio spirito diventa più blasfemo e anticlericale di una band black metal norvegese.
Non posso dimenticare un film dove si sente più volte la domanda "perchè proprio a lei?", e questo la dice lunga sulle coscienze dei presunti cattolici.
In vita mia non credo di aver assistito a un sentimento più meschino dell'invidia verso la guarigione - immacolata o scientifica che sia - di qualcuno.
Lo stesso valga per gli affetti familiari: la donna che non può più vivere per assistere la figlia si sente privata del suo ruolo, e vive prima felicemente, poi drammaticamente, la sua guarigione.
La paura della solitudine. "Non siamo soli" dice una volontaria della Croce di Malta a un degente e lui risponde "Noi sì".
E ogni rituale di questo luogo di abluzione dell'anima e del business religioso, dalla tavola imbandita per prepararsi ai nuovi ospiti (memorabile sequenza iniziale) al laico e commovente ballo-karaoke al ritmo di "felicità" di Albano e Romina (ehm) finisce per appartenere a un mondo dove si dubita, sperando - quasi come la stessa formidabile ritrosia della protagonista
Sembra di ritrovare un pò del cinema di Kaurismaki, ma soprattutto dei Dardenne, quando un gioco di gesti e di sguardi restituisce la cattiveria (laica) di una forte dimensione di fede.
Il rito - anche il più coercitivo - è un atto spirituale, purissimo, ma non serve a ritrovare la propria vita.
Confuso, mi avvio verso l'uscìta, senza dimenticare quella frase "perchè proprio a lei?", o l'eterno confondersi (cattolico, ma ripugnante nella sua blasfemia) di un sentimento che pretende di immolare all'eterno sacrificio il dolore dell'umanità più debole e sfortunata

8 risposte al commento
Ultima risposta 24/09/2010 12.50.29
Visualizza / Rispondi al commento
dils  @  12/02/2010 15:57:30
   9 / 10
Splendido, un film che racconta un vissuto di un esperienza individuale e universale in un viaggio alla riscoperta di se stessi e del rapporto con la fede.Straordianrio è la descrizione dei personaggi attraverso uno stile quasi documentaristico,capace di dare allo spettatore la sensazione di partecipare anch'egli all'esperienza di questo pelligrinaggio. la forza descrittiva del film sta nel mostrare la naturale e silenziosa vita di Lourdes, fatta di rituali e gesti quasi come se fossero meccanici, i personaggi esprimono la loro solitudine e riverenza verso il sacro attraverso sguardi o semplici ma efficaci parole.La regia è molto lineare ,ma è proprio attraverso il non detto o il non mostrato che abbiamo la possibilità di riflettere su questo eccezionale film austriaco.

kampai  @  05/01/2010 17:06:32
   4½ / 10
l'attrice è brava, peccato che il film sia banale al 100%.sconsigliato ai non credenti

16 risposte al commento
Ultima risposta 15/04/2010 14.33.56
Visualizza / Rispondi al commento
ma87rio  @  22/11/2009 21:35:23
   10 / 10
Senza parole.

2 risposte al commento
Ultima risposta 08/02/2011 15.59.00
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

1968 gli uccelli45 seconds of laughter5 e' il numero perfettoa herdade
 NEW
a proposito di rosea sona spasso col pandaabout endlessnessad astraadults in the roomall this victoryamerican skinandrey tarkovskji. a cinema prayerangry birds 2 - nemici amici per sempreantropocene - l'epoca umanaapollo 11appena un minutoaquile randagiearab bluesatlantis (2019)attacco al potere 3 - angel has fallenbabyteethballoonbarnbeyond the beach: the hell and the hopeblanco en blancoblinded by the light - travolto dalla musicaboia, maschere, segreti: l'horror italiano degli anni sessantabombay rosebrave ragazzeburning - l'amore bruciaburning cane
 HOT
c'era una volta a... hollywoodcercando valentinacharlie says - charlie dicechiara ferragni - unpostedcitizen kcitizen rosicity hunter - private eyescolectivcorpus christicrawl - intrappolatidelphinediego maradonadora e la citta' perdutadrive me homee poi c'e' katherineeat local - a cena con i vampirieffetto dominoel principeelectric swanemaemilio vedova. dalla parte del naufragiofellini fine maifiebre austral
 NEW
figli del setfulci for fakegemini mangenitori quasi perfettigiants being lonelygive up the ghostgli angeli nascosti di luchino viscontigloria mundi
 NEW
grazie a diogretaguest of honourhava, maryam, ayeshahole - l'abissohouse of cardini diari di angela - noi due cineasti. capitolo secondoi migliori anni della nostra vita (2019)
 NEW
il bambino e' il maestro - il metodo montessoriil colpo del caneil criminale
 NEW
il mio profilo miglioreil mostro di st. pauliil pianeta in mareil piccolo yetiil prigionieroil re leone (2019)il regnoil signor diavoloil sindaco del rione sanita' (2019)il varcoio, leonardoit: capitolo 2
 NEW
jesus rolls - quintana e' tornato!
 HOT R
jokerjust 6.5kingdom comela fattoria dei nostri sognila legge degli spazi bianchila lloronala mafia non e' piu' quella di una voltala rivincita delle sfigatela scomparsa di mia madrela verita' (2019)la vita invisibile di euridice gusmaola voce del marel'amour flou - come separarsi e restare amicile coup des larmesles chevaux voyageurslife as a b-movie: piero vivarellilingua francal'ospite - un viaggio sui divani degli altrilou von salome'l'uomo che volle vivere 120 annimademoisellemadre (2019)
 NEW
maleficent 2: signora del malemanta raymarriage storymartin edenmes jours de gloire
 NEW
metallica and san francisco symphony: s&m2mio fratello rincorre i dinosaurimoffiemondo sexymosulnato a xibetnever just a dream: stanley kubrick and eyes wide shutneviano.7 cherry lanenon si puo' morire ballandonon succede, ma se succede...of fathers and sonsoltre la bufera
 NEW
panama papersparthenonpelican bloodphotographpop black postapsychosiarambo: last bloodrare beastsrevenirrialtoroger waters us + themroqaiarosa (2019)sabbiasanctorumsaturday fictionscales
 NEW
scary stories to tell in the darkscherza con i fantise c'e' un aldila' sono fottuto: vita e cinema di claudio caligari
 NEW
se mi vuoi bene
 NEW
searching evasebergselfie di famigliaseules les betessh_t happensshadow of watershaun, vita da pecora - farmageddonsolestate funeralstrange but truestuber - autista d'assaltosubmergencesupereroi senza superpoteriteen spirit - a un passo dal sognothanks!the burnt orange heresythe diverthe great green wall
 NEW
the informer - tre secondi per sopravvivere
 NEW
the kill teamthe king (2019)the kingmakerthe lodgethe long walkthe nest (il nido)the painted birdthe perfect candidatethe rider - il sogno di un cowboythe scarecrowsthey say nothing stays the sametolkientony drivertorino nera (2019)tutta un'altra vitatuttappostoun monde plus grandverdictvivere (2019)vox luxwaiting for the barbarianswake up - il risvegliowasp network
 NEW
weathering with you - la ragazza del tempowomanyesterday (2019)you will die at 20yuli - danza e liberta'zerozerozero - stagione 1zumiriki

993093 commenti su 42194 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net