le notti di cabiria regia di Federico Fellini Italia, Francia 1957
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

le notti di cabiria (1957)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli! Condividi su Facebook

Seleziona un'opzione

locandina del film LE NOTTI DI CABIRIA

Titolo Originale: LE NOTTI DI CABIRIA

RegiaFederico Fellini

InterpretiPolidor, Francois PÚrier, Amedeo Nazzari, Franca Marzi, Giulietta Masina

Durata: h 1.45
NazionalitàItalia, Francia 1957
Generedrammatico
Al cinema nel Settembre 1957

•  Altri film di Federico Fellini

Trama del film Le notti di cabiria

Piccola battona romana Ŕ derubata e quasi ammazzata da un rispettabile impiegato cui ha affidato tutti i suoi risparmi nella speranza di farsi sposare e rifarsi una vita.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   9,11 / 10 (37 voti)9,11Grafico
Voto Recensore:   9,00 / 10  9,00
Miglior film straniero
VINCITORE DI 1 PREMIO OSCAR:
Miglior film straniero
Migliore regiaMigliore produttore (Dino De Laurentiis)
VINCITORE DI 2 PREMI DAVID DI DONATELLO:
Migliore regia, Migliore produttore (Dino De Laurentiis)
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Le notti di cabiria, 37 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Horrorfan1  @  23/01/2014 12:35:57
   8½ / 10
Do un volto molto alto, considerando l'epoca in cui è stato girato il film e il finale, che riesce a risollevare il film, il quale, a mio personale avviso, risulta un po' tirato, lunghetto, noioso (per me) in alcune sequenze e ripeto, ma non può essere che così, ovviamente, di un epoca ormai a noi lontana.

Ne consiglio assolutamente la visione, ma per arrivare al finale (a mio giudizio la parte migliore del film - da 10 assoluto come voto) bisogna armarsi di una certa pazienza e considerare che sono passati ormai quasi 60 anni da quei momenti e lo "stile" nel girare un film, i nostri gusti e, soprattutto, la nostra vita sono mutati ormai molto nel frattempo!

vieste84  @  12/10/2013 14:50:14
   9½ / 10
Capolavoro di Fellini, facile in quei tempi per lui sbaragliare la concorrenza con film come questo, la strada o 8emezzo.
Giulietta Masina è bravissima, dopo molte sue peripezie e l'immancabile scena religiosa, il film arriva verso il finale crudele e quasi annunciato, dove la moglie di Fellini da davvero il massimo in una delle scene più cattive e commoventi della storia del cinema. Ennesimo supercapolavoro del cinema italiano.
Prima che arrivano sulla rupe è da manuale la scena con l'alba/tramonto? che Fellini ci regala, oggi scene cosi sono in grado di farle solo col computer purtroppo

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Lory_noir  @  09/05/2013 11:55:13
   8 / 10
Risulterò banale ma i film che sanno far ridere e piangere allo stesso tempo sono quelli che ti accompagnano per più tempo. E questo è sicuramente uno di quelli.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gabe 182  @  03/05/2013 01:44:35
   8 / 10
Bellissimo e tristissimo allo stesso momento.
Superiore a La strada, il migliore secondo me insieme ad Amarcord e 8 e mezzo.
La triste storia della povera Cabiria, una donna che vive nell'illusione, nella solitudine e nella disgrazia, ma riesce sempre a guardare in positivo, a rialzarsi dopo ogni caduta, con un sorriso illuso, ma ottimista, perché la vita va avanti, e anche lei va avanti con la vita.
Illusione, speranza, tante parole per descrivere uno dei capolavori del regista Fellini, un ritratto di vita disperato, ma con una speranza che non può morire.
Il film tutto sommato scorre, non risulta nemmeno difficile da capire, basta seguirlo, la Giulietta Masina interpreta in maniera esemplare, superiore a La Strada, il finale mi ha lasciato senza parole, non pensavo che potesse finire così, o almeno così male per la povera Cabiria.
Ennesima grande prova di Fellini, non c'è nulla da dire.
Capolavoro.

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  14/03/2013 21:26:18
   8½ / 10
Dopo aver visto "Le notti di Cabiria" mi sono reso conto che Fellini è il più grande continuatore della tradizione neorealista di Rossellini e De Sica. "Le notti di Cabiria" è anzi uno dei capolavori del neorealismo, certamente un neorealismo un po' "corretto" e soprattutto personalizzato dalla particolare indole stilistica malinconica e poeticheggiante di Fellini.
E' comunque un film neorealista a tutti gli effetti, visto che porta in scena categorie sociali e persone che fino ad allora erano state tenute ai margini (in questo caso delle povere prostitute). Le rappresenta come loro sono, come appaiono e come parlano (per le battute Fellini si è servito di Pier Paolo Pasolini). Nonostante che venga fuori tutta la loro povertà, le loro difficoltà di vita, lo sfruttamento a cui sono sottoposte, su ogni cosa risalta la loro umanità. Cabiria soprattutto (interpretata da una splendida ed espressiva Giulietta Masina) è rappresentata sì come una persona rozza, ingenua, impulsiva, ma è vista soprattutto come una donna palpitante, che soffre, sogna e cerca, nonostante tutte le sventure, di vivere.
La sua umanità è messa a durissima prova (come quella di Umberto D) in un mondo cattivo e indifferente, eppure malgrado tutto alla fine Cabiria si rialza, senza nulla, senza nessuno, piange (e quindi elabora il dolore) e ride perché la vita continua, c'è sempre comunque qualcosa (anche un ballo, un gioco, una persona qualsiasi che ti dice "buonasera") per cui vale la pena continuare a vivere, a dispetto del più profondo dolore.
L'arte e lo spettacolo, con le illusioni e i sogni, hanno questo potere di riconciliazione con la vita. Lo vedremo anche nel finale di "Otto e mezzo".
Molto bello anche il personaggio di Wanda, forse l'unica persona che voglia veramente bene a Cabiria. Qualcosa che va al di là della semplice amicizia.
Altro tocco stilistico personale di Fellini è quello del ricorrente tema del contrasto fra innocenza e corruzione, fra ingenuità e cinismo. Anche in "Le notti di Cabiria" si getta uno sguardo sul mondo romano altoborghese delle feste e del godimento, sempre con un intento sotterraneamente critico e disvelatore della superficialità e della vanità di quel mondo che si autorappresenta come "superiore".
Altro oggetto della sottile satira di Fellini è il mondo religioso, qui rappresentato nella sua versione superstiziosa e orgiastica nella scena del Divino Amore. In questa scena viene fuori la capacità di Fellini di rendere un evento naturale in maniera grottesca. A contrasto con l'aspetto barocco e materialista della religiosità cattolica, c'è l'episodio delle Grotte e del Frate itinerante, tanto per mostrare che il contrasto ingenuità-corruzione divide in due non solo la società civile, ma anche la stessa Chiesa.
Altra impronta stilistica di Fellini è quella di non usare una narrazione fluente, conseguente e stringata; in genere preferisce giustapporre episodi vari, giusto per approfondire i temi del film, piuttosto che intrattenere lo spettatore con una storia. Questa caratteristica stilistica ne "Il bidone" e "Le notti di Cabiria" rende il film un pochino noioso e statico, come se girasse su se stesso dilungandosi. Avrà modo poi Fellini di perfezionare questo suo stile, togliendo i riferimenti narrativi palesi e usandolo in maniera pura, al servizio delle tematiche del film (vedi "Otto e mezzo").
La scena più bella di "Le notti di Cabiria" è comunque il finale, una delle vette del cinema italiano. E' una scena che mi è rimasta molto impressa e porterò sempre nel mio animo.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  06/08/2012 11:37:24
   8 / 10
Perfetto film figlio degli anni '50.
Fellini sa riscaldare anima e cuore. E Giulietta Masina è la reincarnazione della tenerezza.
Bellissima storia raccontata superbamente.
Commovente per me rivedere VIa Veneto sullo schermo.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  12/08/2011 17:24:17
   8½ / 10
Le notti di Cabiria è uno snodo in tutto e per tutto fra La strada e La dolce vita. Diversamente da Gelsomina, Cabiria è una donna indurita dalla vita, tuttavia possiede una purezza che la decadenza intorno a lei non riesce a scalfire. Interessante, parlando di decadenza, l'episodio con Nazzari, prova generale del rapporto fra Mastr0ianni e la Ekberg ne La dolce vita, con lo sfondo di via Veneto che fa capolino. Il film finisce come inizia, lo stesso inganno, ma quello sguardo dolce aggrappato all'illusione è sempre presente. E ci guarda.

PignaSystem  @  23/06/2011 23:24:51
   9 / 10
Ho amato Cabiria con la sua ingenuità e la continua voglia di crederci ed uno dei pochi film che è riuscito a commuovermi con il finale ricco di speranza e al col tempo tragico.
Tantissime scene sono impresse nella mia memoria:
-La scena dell'ipnosi
-Il Ballo con il divo del cinema
-Il pellegrinaggio al santuario del Divino Amore
Tanto di cappello maestro Fellini.

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/08/2011 23.45.08
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento marco986  @  29/11/2010 18:33:05
   10 / 10
Uno dei più bei film di sempre.Una grandissima Masina nei panni di una prostituta(dai buoni sentimenti) provata dalla vita e dalle delusioni.Specie il finale è molto commovente

la_gradisca  @  29/10/2010 20:31:46
   10 / 10
Scrivere un commento per questo film sarebbe un'offesa allo stesso, perchè nessuna frase riuscirebbe a descrivere dignitosamente il capolavoro a cui ci troviamo davanti. Di attrici come Giulietta Masina non credo (sfortunatamente) potranno essercene mai più.

Dosto  @  18/08/2010 13:17:36
   8 / 10
Di solito non amo i film neorealisti ma questa pellicola mi ha affascinato molto. Si entra in una tale empatia con Cabiria da rimanere quasi depressi alla fine del film. Non estroso ed immediato come molti film Felliniani ma sicuramente di ottima fattura.

The BluBus  @  30/07/2010 11:55:34
   8½ / 10
Lasciate ogni speranza voi che "guardate".. amarissimo.

pinhead88  @  03/06/2010 18:25:47
   8½ / 10
Ecco il film dove si respira tutta l'aria felliniana e del neorealismo magico con una Masina stratosferica.tra i miei preferiti di Fellini dopo "Il Casanova".

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  15/04/2010 18:25:24
   9 / 10
Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  14/03/2010 13:32:42
   9½ / 10
Ancora un oscar per Fellini,ancora una volta meritato. Ancora una volta un capolavoro.
Difficile non sbaragliare la concorrenza con questo film,ancora una volta realistico ma diviso tra atmosfere che sembrano uscite da un sogno.
Certe scene non si dimenticano,come quando la Masina (magnifica anche qui) va a dar da mangiare ai poveri,o la visita alla *******.
Un ritratto amaro di una donna che fa la vita,mai disperata nonostante sia una disgraziata,che continua ad andare avanti nonostante gli schiaffi,le umiliazioni e le delusioni.
Finale simbolico e commovente,con questa "corte dei miracoli" di cui Cabiria vuole ancora fare parte,che la accettano per quel che è.
Si piazza tra i migliori di Fellini,un gradino sotto qualche altro capolavoro. Insomma,si fa a gara tra capolavori con Fellini.


"se non sono gigli son pur sempre figli vittime di questo mondo" (De Andrè)

uzzyubis  @  18/02/2010 17:53:10
   9 / 10
Grande film, grande storia. Commovente, amaro, speranzoso, una mistura di emozioni contornano questo film che rappresenta e descrive la vita di una prostituta ma non solo descrive le speranza, le delusioni, le vittorie di ognuno di noi.
Si vedono in questo capolavoro tante cose che si rivedranno nei prossimi film del maestro: il rapporto con l'ignoto ( 81/2), l'emancipazione della donna (giulietta degli spiriti), il borghese con la vita difficile (la dolce vita), c'è questo ed altro in Le notti di Cabiria ma soprattutto ci sono un'attrice incredibile ed un regista probabilmente innarrivabile.

Invia una mail all'autore del commento Totius  @  02/02/2010 14:26:02
   9 / 10
Tra quella dozzina di film da vedere assolutamente prima di tirare le cuoia!
Il carrozzone della vita che Fellini è unico nel raccontare. Una Cabiria che è l'emblema dell'allegra tristezza che il maestro sa rappresentare come nessuno.
Un Pierrot che si muove ingenuamente come una marionetta le cui fila sono manovrate da un destino beffardo. Ma che nonostante tutto trova la forza di sorridere. Film immenso.

DarkRareMirko  @  01/11/2009 22:16:11
   10 / 10
Nella carriera di Fellini esiston solo preferenze, visto che ha fatto moltissimi capolavori e pochissimi film minori, comunque anch'essi di buonissimo livello.

Questo suo film è comunque tra gli eccellenti, e del resto non potrebbe esser stato diversamente, dal momento che in sceneggiatura ha collaborato anche il grande Pasolini (e quindi si sente abbastanza anche l'aria da borgata ed il fatto che i vari personaggi, anche se si impegnino a sangue, non abbian mai futuro, proprio come nei suoi film).

Da manuale la Masina (il suo personaggio è presente anche in un altro film di Fellini, ossia Lo sceicco Bianco mi pare), una prostituta tenerissima e (per questo) forse un pò troppo poco credibile, cudelissimo e totalmente inaspettato il finale, brutale e poco speranzoso, anche se comunque il bellissimo sguardo finale che l'attrice ci regala guardando in macchina da presa è senza pari (e pare dire "La vita va avanti"...).

Poesia pura di altissimo livello, da non perdere.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  12/10/2009 23:50:11
   9 / 10
Magnifico e disperato ritratto "di vita" per uno dei migliori Fellini di sempre: si respira la vera arte nella descrizione impetuosa (quasi prepasoliniana, ma paradossalmente anche poetica) del degrado "notturno" dove Cabiria - improbabile e proprio per questo sorprendente - prostituta vive nella propria pelle la condizione di sfruttamento e di solitudine. L'epilogo è una delle espressioni di cinema italiano più alte di sempre. Io ho sempre trovato fuori-contesto l'apparizione di Nazzari nei panni di se stesso, ma probabilmente deve esserlo per esprimere quanto due mondi diversi possano anche conoscersi incontrarsi e - nuovamente - dividersi: il divo e la battona.
Ottimamente rifatto da Bob Fosse nel 1969 in un musical: se si dimentica quasi tutto del film di Fellini è un remake davvero originale e ben congegnato

Xavier666  @  09/09/2009 00:05:49
   9 / 10
Che film splendido, che attrice stupenda, ti trasporta nel suo dramma, ti coinvolge ti strugge ti fa piangere insieme alla sua ingenuità e fierezza, e insieme ai suoi sogni e speranza. Che grande regia e che grande Fellini.

Neu!  @  04/04/2009 12:59:56
   9 / 10
del primo periodo di Fellini, dopo La Strada, è il suo film che preferisco, anche più dei Vitelloni. grande Giulietta Masina, che ci regala un'altra fantastica prova dopo il personaggio di Gelsomina. nonostante la evidenti diversità, Cabiria ha qualcosa da spartire con Gelsomina: è una battona, ma lo è ingenuamente, e spera in un futuro migliore. Quì si può anche già notare qualche somiglianza con "La Dolce Vita" (anche se sono film opposti), specie nel punto dove Cabiria va a casa di Amedeo Nazzari. tantissime le scene memorabili, come quando la protagonista si mette a sognare da ipnotizzata e viene ridocolizzata, oppure quando lei, con tutte le compagne, và in pellegrinaggio al Divino Amore. bellissimo.

edo88  @  01/01/2009 20:35:05
   9½ / 10
Ho visto pochi film di Fellini, e ogni volta che ne scopro un altro mi chiedo come sia possibile che un regista abbia creato così tanti capolavori e a così breve distanza l'uno dall'altro.
Le Notti di Cabiria è la rappresentazione dell'ottimismo mantenuto nonostante le difficoltà e le ingiustizie della vita.
Storia dura e cruda ma in qualche modo solare, personaggi fantastici e recitazione da manuale.
Splendido e commuovente.

vehuel  @  04/11/2008 08:31:25
   10 / 10
Un assoluto capololavoro.

paride_86  @  01/10/2008 03:08:51
   8½ / 10
Storia di Cabiria, una prostituta già apparsa ne "Lo sceicco bianco". Si tratta di un film molto tenero, dolce ma anche amarissimo e realista.
Giulietta Masina è un'interprete eccezionale, inimitabile, anche se molte volte assomiglia più ad un bambino dispettoso che a una navigata prostituta, sia nell'aspetto che nelle movenze. Capisco che forse un atteggiamento del genere serviva a testimoniare l'ingenuitò del personaggio, ma mi ha lasciato un po' interdetto.

Macs  @  22/09/2008 10:06:20
   9 / 10
Stupendo film sulla forza di una donna, le sue grandi paure nell'affrontare una vita per lei troppo crudele, i sogni infranti contro la cattiveria della tanta gente insensibile. Un'interpretazione meravigliosa della Masina, e un Fellini in ottima forma che già prefigura la struttura "a episodi" (espediente efficacissimo IMHO) della Dolce Vita. Un minimo appunto per la lunghezza forse eccessiva dell'episodio della processione alla *******.

1 risposta al commento
Ultima risposta 22/09/2008 10.07.46
Visualizza / Rispondi al commento
Doinel  @  13/03/2008 16:07:58
   10 / 10
Struggente, il migliore di Fellini.

taras bulba  @  30/12/2007 22:41:57
   7½ / 10
Bel film, anche se l'ingenuità di cabiria sembra un pò troppo forzata per una prostituta

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  16/12/2007 13:51:00
   9½ / 10
"Non mi sarei mai aspettato di diventare regista,
ma poi dal primo giorno, dalla prima volta che gridai:
motore! azione! stop!
mi è sembrato di farlo da sempre,
non avrei potuto fare altro,
e quello ero io e quella era la mia vita."
(Federico Fellini)

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Marlon Brando  @  05/12/2007 16:25:29
   10 / 10
Qui Giulietta Masina è più che mai musa ispiratrice di Fellini: è l'incarnazione di una bellezza idealizzata ed idealizzante a cui il regista porge un raffinatissimo omaggio.
Come la vera bellezza possa essere distorta, manipolata, trasfigurata, ma rimanere sempre integra.

Invia una mail all'autore del commento wega  @  29/10/2007 22:21:37
   9 / 10
stupenda pellicola di un Fellini preso a raccontare la vita di una Roma di periferia,in uno dei lati più degradati di essa.E ce la racconta con questa storia di una simpatica e dolce prostituta,interpretata incredibilmente dalla Masina,alla prese con il suo destino contro,ingannata due volte nello stesso modo nella sequenza finale intravede che forse tutto non è perduto,vale la pena di riprovarci,spesso è un evento del tutto inaspettato o addirittura ordinario o addirittura banale solo all'apparenza a incentivarci di una speranza

Vegetable man  @  26/08/2007 16:21:12
   9½ / 10
Prima del Fellini autobiografico, c'era innanzitutto il Fellini grande narratore. Le notti di Cabiria è un film da Oscar proprio grazie a questa abilità, di saper raccontare una storia, una città, una persona. Attorno ad una splendida Giulietta Masina e il suo desiderio di cambiare, ruota appunto una variegata umanità, quella Roma tra miseria e nobiltà di cui, con linguaggio tanto diverso, scrisse anche Pasolini. Le notti di Cabiria interseca dunque i due piani, quello neoralista-sociale e quello dei sentimenti, per stemperare infine la vicenda in un'epilogo, manco a dirlo, "Felliniano".

grabowsky  @  06/08/2007 13:38:43
   10 / 10
un film sui sentimenti...e te li fa provare tutti mentre lo guardi...una masina da oscar e tanta vita vissuta. un manifesto della speranza e della ingenuita' profonda che una donna puo' sfoderare sognando il suo mondo perfetto.il film di fellini che preferisco....contenti??

Ch.Chaplin  @  01/05/2007 10:46:16
   10 / 10
il + bel film di fellini insieme a 8 e mezzo. fa ridere, piangere, disperare, incazzare. la masina è maestosa (se non in altezza in interpretazione) e scusate se è stato scritto da fellini e pasolini. vero e proprio capolavoro.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR agentediviaggi  @  22/01/2007 13:31:58
   9 / 10
Il più bel film neorealista di Federico Fellini, che rappresenta la vita di una prostituta dolcissima che si fa usare e ingannare dalle persone, ma che alla fine ritroverà comunque il sorriso. Masina meravigliosa.

3 risposte al commento
Ultima risposta 24/05/2008 20.47.11
Visualizza / Rispondi al commento
badovino  @  17/10/2006 04:13:22
   9½ / 10
Il mezzo voto è per il finale...quasi Shakesperiano...da sogno di una notte di mezza estate. Mirabolandi e umilianti avventure della prostituta Cabiria, personaggio già usato da Fellini nello Sceicco Bianco, e qui costruito nei minimi particolari. E' la prostituta meno sexy della storia umana; la sua visione della vita è disincantata...pura. E' una ingenua che finisce nelle trappole degli uomini da ingenua. Ma, alla fine, come in altri film del maestro intrisi di misticismo esistenziale, Cabiria riesce a vedere una luce...una flebile luce...una flebile speranza. Il film fu scritto da Fellini e dal suo amico...un certo Pasolini...e scusate se è poco.La Masina sembra la Gelsomina della Strada...ma qui però c'è un cambiamento...piccolo ma c'è:nella Strada sembra che tutto finisca in tragedia anche col pentimento....qui invece come ho detto si intravede un che di positivo.

KANE  @  06/05/2006 19:43:22
   9½ / 10
poesia e tenerezza!!!!
all'unisono in questo stupendo film del grande maestro del cinema italiano!!!
la grande (a dispetto della statura) Giulietta Masina in questo film è bravissima, forse anche più che in "la strada"!!!!
il film è come al solito un indagine sulla reale essenza dell'animo umano, sulle debolezze e le falsità su cui si basano le vite di tutti.
ripeto di una poesia unica, lo squardo della masina, così "piccolaù" e così indifesa e lasciata ai suoi guai vale da solo tutto il film!!

controsenso  @  28/01/2006 21:42:20
   10 / 10
Davvero bello e poetico, disperato e commovente. Giulietta Masina nei panni della ingenua prostituta è bravissima. Bravo anche Nazzari nei panni del divo distaccato e disilluso.
Peccato che lo ripropongano di rado, da non perdere assolutamente.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

2047 - sights of death
 T
22 jump streetafflicted
 T
anarchia - la notte del giudizio
 NEW
anime nere
 T
arance e martello
 T
babysitting
 T
barbecue
 T
belluscone, una storia sicilianablue ruin
 T
cattivi vicini
 T
chef - la ricetta perfetta
 T
colpa delle stelle
 T
comportamenti molto... cattivi
 T
dragon trainer 2
 T
everyday rebellion
 T
frances ha
 T
hercules - il guerriero
 T
i mercenari 3i muppet 2
 T
i nostri ragazzi
 T
il fuoco della vendetta - out of the furnace
 T
il pianeta delle scimmie: revolution
 T
insieme per forza (2014)
 T
into the storm
 T
io rom romantica
 T
io vengo ogni giorno
 NEW
jimi: all is by my side
 T
la madre (2014)
 NEW
la nostra terra
 NEW
la preda perfetta
 T
la ragazza del dipinto
 T
la ricostruzione
 T
la zuppa del demonio
 NEW
l'ape maia
 T
le due vie del destino
 T
le origini del male
 T
l'estate sta finendo
 T
liberaci dal male
 T
mai cosi' vicini
 T
maicol jecson
 T
mud
 T
necropolis - la citta' dei morti
 T
one on one
 T
paranormal stories
 T
pazza idea - xenia
 T
planes 2 - missione antincendiopostman pat
 T
provetta d'amore
 T
quel momento imbarazzante
 NEW
resta anche domanirio 2096 - una storia d'amore e furia
 NEW
se chiudo gli occhi non sono piu' qui
 T
senza nessuna pieta'
 T
sex tape - finiti in retesharknado 2: the second one
 NEW T
si alza il vento
 T
step up all insurrounded
 HOT R T
synecdoche, new york
 NEW
tartarughe ninja
 T
the best man holidaythe damned
 R T
the giver - il mondo di jonasthe green infernothe look of silence
 T
the protector 2
 T
the stag - se sopravvivo mi sposo
 HOT T
transformers 4 - l'era dell'estinzione
 T
tutte contro lui - the other woman
 NEW
un ragazzo d'oro
 T
una notte in giallo
 T
under the skin (2013)uscio e bottega
 T
vinodentro
 T
walking on sunshinewe are what we are (2013)
 T
winx club: il mistero degli abissi

874775 commenti su 31009 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net
Division: Workless