le cinque variazioni regia di Lars von Trier, Jorgen Leth Danimarca, Svizzera, Belgio, Francia 2003
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

le cinque variazioni (2003)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LE CINQUE VARIAZIONI

Titolo Originale: DE FEM BENSPAEND

RegiaLars von Trier, Jorgen Leth

InterpretiClaus Nissen, Patrick Baucha, Jorgen Leth, Lars von Trier

Durata: h 1.30
NazionalitàDanimarca, Svizzera, Belgio, Francia 2003
Generedocumentario
Al cinema nel Gennaio 2004

•  Altri film di Lars von Trier
•  Altri film di Jorgen Leth

Trama del film Le cinque variazioni

Un viaggio investigativo nel mondo del documentario attraverso i manifesti scritti dai due registi: Lars von Trier e J°rgen Leth. J°rgen Leth rivisita e ricrea nel vero senso della parola uno dei suoi primi film The Perfect Human / Det perfekte menneske del 1967, un documento di vita in Danimarca.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,38 / 10 (25 voti)7,38Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Le cinque variazioni, 25 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Oskarsson88  @  07/12/2016 18:46:32
   7 / 10
Solito pazzo Von Trier. Due registi in antitesi (il bello contro il dogmatico). Pellicola documentaristica interessante e anche a volte di difficile interpretazione. Solo per veri appassionati, ai più penso che non interesserebbe.

DarkRareMirko  @  06/02/2015 00:43:29
   8 / 10
Altro film riuscito ed eccentrico per Von Trier, che è omaggio/analisi psicologica ad un regista da lui molto ammirato, Leth.

Bella l'idea della metacinematografia (i registi stessi sono presenti) calata nel documentario.

Curioso l'incipit, bello il discorso sui limiti e sulla disciplina, ottime certe trovate (il muro trasparante che fa vedere dietro la gente di colore), piccolo capolavoro il corto cartoon (che pare fatto in rotoscoping).

Non tutto tutto torna, e magari, vedendo l'autore (qui severo come non mai), un pò di autocompiacimento fine a sè stesso comunque c'è, ma il film è buono, fresco, giocoso, intelligente ed originale.

Von Trier si riconferma grande artista, sperimentale e non, e, con tutte le sue esagerazioni/ambiguità, praticamente non sbaglia mai un'opera.

Filman  @  14/01/2015 22:55:42
   8 / 10
Delicato ed elegante finto documentario sulla persona di Von Trier secondo Von Trier stesso, DE FEM BENSPAEND (The Five Obstructions) si cimenta nell'ennesima sperimentazione narrativa del cineasta danese, viscerale a livello intrinseco e controverso nella forma, più evocativa che linguistica, ma eccentrica anche in questa opera autocitazionista ma non autoreferenziale, alle porte di un decostruttivismo filmico brillante e difficilmente catalogabile.
La pellicola, che parla, ma senza soffermarsi, del cinema indipendente e del manifesto Dogma95 dello stesso regista utilizzandoli come mezzo per una discussione catartica, rappresenta non solo un resoconto sulla persona e sull'artista Von Trier, ma anche la più limpida raffigurazione del rapporto tra quest'ultimo e l'arte, ancora una volta sfociante nel contrasto tra la ricerca della perfezione e l'assenza di questa, centro fondamentale delle tematiche dell'autore in questione.

Zanibo  @  18/06/2014 02:12:38
   4 / 10
Le cinque variazioni sul nulla, almeno dal mio punto di vista. Mi ha annoiato e non poco.

I due protagonisti sono un po' troppo spaesati e privi di entusiasmo per i miei gusti (complice anche il doppiaggio probabilmente) e li ho trovati fastidiosi. Sembra quasi che uno debba fare il regista per frustrazione e disperazione...

L'impianto del film, mi ha ricordato le prove di scrittura creativa viste al talent show Masterpiece (che mi e` piaciuto tra l'altro), in cui si doveva produrre un racconto con degli elementi forzati, e le variazioni prodotte mi sembrano come i video musicali di MTV, che hanno alcune idee stilistiche e di forma, ma nessun contenuto reale dietro la facciata.

Invia una mail all'autore del commento NotoriousNiki  @  13/06/2014 16:19:23
   6½ / 10
Un altro film che si riallaccia ad 'Epidemic' e 'Il Grande Capo', se nel primo coesistono i 2 piani simmetrici, narrazione e metacinema, la genesi del film stesso in tempo reale, nel 2° sostanzialmente cine-narrazione ma con la voce fuori campo ad analizzare la commedia stessa, a vivisezionarla, stavolta è un documentario a tutti gli effetti sulla sperimentazione del cinema.
Emerge tutto il suo egocentrismo, Leth subisce la 'pazzia' di Lars, messo alla prova mediante un giochetto intellettualoide, sopraffino, trasporre l'idea di essere umano perfetto secondo 5 variazioni (del titolo), abbattere ogni muro circoscrizionale del cinema, stimolare la creatività, Leth si lascia pilotare da Trier, oltre che a palesare il loro odio verso i cartoni animati, l'antitetico contesto indiano lascia il tempo che trova ma il primo sul limite inderogabile dei 12 fotogrammi accende indubbiamente la curiosità.

Badu D. Lynch  @  25/03/2013 12:30:39
   8½ / 10
GENIALE.
Le Cinque Variazioni : Una continua sfida che trascende il cinema stesso.
Un'opera che esorcizza e ghermisce l'amore visceralmente fossilizzato nella mente e nell'animo di Lars Von Trier nei confronti del film "The Perfect Human".

paride_86  @  04/01/2012 03:47:19
   7 / 10
Film interessante e intelligente sull'idea di cinema come terapia per un regista. Il pregio e, al tempo stesso, il limite di questo film, è la sua precisa riferibilità agli artisti che lo hanno concepito. Von Trier stesso dice, infatti, di aver proposto di girare questo film a Leth per aiutarlo ad uscire da una crisi personale, individuale e artistica.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  23/12/2011 01:38:51
   6½ / 10
Mi è difficile commentare questo particolare film di Lars. Non ne sono rimasto entusiasta come credevo e come ho visto nei commenti precedenti. Forse il fatto di non essere del mestiere, forse il fatto di non aver seguito benissimo il dialogo (bellissimo) fra i due registi (artisti) ha penalizzato la mia visione. Certo, "The Perfect Human" è un film eccezionale. E l'idea sottesa a "The Five Obstructions" lo è altrettanto. Mi chiedo che risonanza abbia avuto questo film quando è uscito. Sono curioso. Comunque, ho trovato questo film molto complesso, molto difficile da digerire. I 5 film sono preziosi, dei capolavori visivi e concettuali. Ma tutta l'operazione, ovviamente un esercizio di stile dovuto all'ego di LVT, mi è sembrata fredda e di scarso interesse. Per intenderci, niente a che vedere con Idioti. Forse non ho capito Lars in versione "maestro". Sicuramente è il mio punto debole nel percorso che ho fatto insieme al regista, e un po' sta cosa mi fa soffrire. Cercherò di rivederlo per apprezzarlo al meglio. Il voto è dovuto principalmente alla simpatia dei due registi e alla bellezza delle 5 variazioni.

Invia una mail all'autore del commento Elly=)  @  19/11/2011 23:12:10
   9 / 10
"Anche oggi ho visto qualcosa che spero di capire fra un paio di giorni".

Frase che si ripete durante l'andare di questo splendido e soprattutto originale documentario dove all'interno lo troviamo suddiviso in 5 corti, 5 parti, 5 ostacoli con regole rigide, 5 prove: Cuba, Bombey, girato libero, cartoon e il testo con voce esterna che vede Trier parlare di Leth a seconda dell'esperimento fatto.

Un film estremamente sadico che vede Trier e Leth giocare al gatto e al topo in una tesi teorica dove l'essere umano si guarda dentro compiendo una ricerca espressa in modo monotono a livello interpretativo sull'uomo, in particolare su come dovrebbe essere l'uomo perfetto, senza però ottenere una risposta precisa.

LVT si diverte con Leth, trattandolo come una marionetta. Una marionetta abbastanza insolita visto che si Von Trier mette Leth in determinati schemi mallo stesso tempo é vero che lascia anche libero arbitrio artistico a Leth.
Ma forse é già tutto programmato: Lars chiude in una stretta morsa Leth per fargli uscire tutto il suo talento.

Insomma questi sono i divertimenti del nostro caro Lars, divertimenti che si evolvono in un grande omaggio a quello che é il cinema.

TheLegend  @  25/01/2011 19:06:31
   7½ / 10
Un film impossibile da etichettare,una sorta di documentario sul cinema e non solo.
Probabilmente difficile e non adatto a tutti.

guidox  @  03/10/2010 21:48:32
   8½ / 10
prima di guardarlo, sappiate a cosa andate incontro, perchè questo non è un film e neanche un documentario in senso stretto.
sono 5 variazioni de "L'uomo perfetto" di Leth, che vengono realizzate sempre da quest'ultimo sotto le regole dettategli da Lars Von Trier (il che ricorda subito il Dogma, mentre in realtà le limitazioni imposte non rientrano per nulla in quello schema preciso).
è molto interessante vedere due differenti idee di cinema a confronto, pensate dall'uno e messe in pratica dall'altro e soprattutto, il risultato è assolutamente splendido.

Dosto  @  18/08/2010 01:12:34
   3 / 10
Uno dei pochi passi falsi di Lars, mi ha annoiato terribilmente. Si potrà obiettare che più che un film questo sia un documentario-saggio ma in ogni caso la noia che ho provato resta. Solo qualche trovata decente e Lars davanti alla camera non riescono ad elevare le sorti della pellicola.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  20/10/2009 11:30:28
   7 / 10
Questa volta Von Trier non mi delude e da vita a un documentario sui film interessantissimo e bello da vedere. Niente a che vedere con quel'ibrido di Epidemic che voleva essere un connubio (mal riuscito) di realtà e cinema.
Leth,regista del corto The perfect human (consiglio assolutamene di vederlo prima di visionare Le 5 varazioni,tanto si trova subito su youtube) e Von Trier danno vita ad un saggio sul modo di fare cinema in 5 modi diversi sullo stesso argomento.
Ne vengono fuori richieste particolari di Von Trier,alcune che fanno leva sulla difficoltà di Leth,altre sulla sua moralità,fino all'ultima variazione che dovrebbe essere quella che più rappresenta il modo di fare cinema che dovrebbe utilizzare un regista. Proprio alla fine viene fuori l'ego smisurato di Von Trier che puo dare in effetti un pò fastidio ma ai fini del film non è importante.
Il lavoro più difficile lo ha fatto Leth ma anche il regista di Dogville deve essere elogiato per aver pensato questo documentario cosi particolare.
Meglio vederne la versione in lingua originale con i sottotitoli perché in effetti i doppiatori fanno perdere quel senso di dialogo che c'è tra i due registi e non è colpa loro,cercano di fare il loro mestiere ma si trovano di fronte ad un documentario e non ad un film vero e proprio.
In definitiva un buon saggio sul cinema.

2 risposte al commento
Ultima risposta 18/12/2011 00.02.35
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  28/07/2009 13:30:52
   4½ / 10
Ma che è, una forma d’anticinema, un’autocritica del regista, una presa per il cul.o al cinema e agli spettatori?! No perché mi viene il dubbio caro Lars, io lo so che te sei un esperto delle critiche sociali e della ricerca vana della perfezione nella vita, solo che c’è un limite a tutto, se un film annoia non ha certo raggiunto gli obiettivi. Ma cosa c’è di interessante in questo film? Due registi alla ricerca dell’uomo perfetto… e allora? La scelte registiche da decidere durante il corso del film… e allora? Boh, questo film a me non ha detto proprio nulla, anzi, per me questo film non ha motivo di esistere, è solo un’ora e mezza persa! Tempo perso a sentire ‘sti due che si elucubrano mentalmente, si imbambolano sul da farsi, e quella voce narrante che parla in modo pseudo-filosofico… Lars, adesso basta per piacere, a me piace il tuo cinema, ma non fare minchiate, sennò certa gente non ha tutti torti a dire che te a volte prendi per il cul.o!

8 risposte al commento
Ultima risposta 04/08/2009 18.22.13
Visualizza / Rispondi al commento
Ciaby  @  17/07/2009 10:48:28
   9 / 10
Bellissimo. Questo mi è piaciuto davvero tanto. C'è tutta dentro la creatività di Von Trier di giocare con il cinema con il suo masochismo estremo, c'è paradossamlmente anche la sua arte, visto che il film è di gran lunga di Jorgen Leth, che firma cinque rifacimenti dello stesso cortometraggio secondo le imposizioni di Lars. Ed è incredibile vedere che, seppur bellissimo visivamente, sia il corto privo di costrinzioni ad essere il minore del lotto. A chiudere il cerchio la variazione più spontanea possibile: "Non devi fare un cazz.o".

Bellissimi gli episodi girati in animazione, a Cuba e Bombay.

Un vero e proprio gioiello che si spinge sempre al di là, offrendo le possibili varianti di un cinema che NON può e NON deve fermarsi sulla semplice inquadratura.
Meglio girare una cacata con anima piuttosto che poesia senza la minima emozione.
EC.Checcazo! ^_^

frangipani79  @  18/01/2007 23:41:36
   6 / 10
"Non male, sarebbe potuto essere migliore" dice il sei qui sopra. E' così. Un film così ostico da guardare non si trova così spesso. Sarà per il pessimo e approssimativo doppiaggio (non è colpa loro, è che dovevano mettere i sottotitoli), ma difficilmente si "entra" nei dialoghi di von Trier e quell'attore occhialuto. Sembrano (e lo sono!) già scritti e per nulla spontanei, che rovinano l'intero film, nato con lo scopo di elaborare cinque variazioni su un uomo perfetto, cinque mini-film nati ciascuno con precise limitazioni imposte a monte per rendere più complicata la sua realizzazione e spremere le meningi di chi lo realizzerà.

Qualcosa è andato storto, però. Non fa nulla per farsi amare dal pubblico (già selezionato, di cinefili), rimanendo tecnico e macchinoso fino alla fine. Forse sarà una chicca per chi ha studiato cinema, ma il risultato è un 6 d'ufficio, in attesa di rivederlo più avanti, e apprezzarlo di più. Non si sa mai.

Gruppo COLLABORATORI fidelio.78  @  28/09/2006 18:42:33
   7½ / 10
Per i cinefili è davvero un film da non perdere. Nel film viene spiegata una cosa ovvia, ma interessante: i limiti che ogni artista si deve porre nel comporre una propria opera. Von trier fissa i vincoli, Leth deve riuscire ad agirarli e comporre un film usando tutto il proprio talento. Non a caso il corto peggiore è proprio quello in cui Leth ha avuto meno vincoli....
Von Trier è davvero geniale.

1 risposta al commento
Ultima risposta 28/09/2006 23.46.03
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI bungle77  @  07/02/2006 16:14:37
   8 / 10
Quel simpatico mattacchione di Von Trier ne combina un'altra delle sue...

aiemmdv  @  20/01/2006 21:32:40
   9 / 10
qualcosa di paurosamente originale che serve per descrivere lo stile e il cinema di Lars Von Trier.Il regista cerca in tutti i modi di rendere "the perfect human"
il piu' umano possibile tramite una serie di limitazioni che esalteranno la fantasia di Leth e che provocheranno dei corti belissimi.Di sicuro chi non è interessato al regista Danese lo trovera' noioso, ma per i suoi estimatori è una chicca da non perdere.

ragnus  @  02/05/2005 16:37:01
   9 / 10
Come si fa a non amare la genialità? Chiunque abbia avuto la fortuna di vedere questo piccolo capolavoro ne sarà rimasto abbagliato e sconcertato allo stesso tempo. é quanto di più estremo il cinema abbia proposto negli ultimi anni,bisogna vederlo.

Invia una mail all'autore del commento Drughetto  @  16/12/2004 19:33:14
   5 / 10
Lars von trier è sicuramente un regista di talento ma è altrettanto narcisista ed irritante.
Bevi di meno va...

Gruppo REDAZIONE maremare  @  01/04/2004 23:51:14
   8 / 10
Von Trier utilizza e manipola Leth, in realtà, per parlare di sè stesso, della propria poetica.
Il risultato è un film-documento emozionante, contenente cinque corti bellissimi.
Chicca per cinefili

Rama  @  18/01/2004 23:17:12
   8 / 10
Von trier dà un'ennesima prova di lucida coerenza. Jorgen Leth si presta, forse un pò troppo. Ma il risultato è di grandissima qualità. Aspetto con ansia il dvd, dove spero di trovare le 5 variazioni una ad una

Mama-kin  @  12/01/2004 13:22:54
   10 / 10
Un film catarifrangente

4 risposte al commento
Ultima risposta 17/01/2004 14.05.34
Visualizza / Rispondi al commento
giova  @  04/01/2004 14:32:48
   10 / 10
squisito

1 risposta al commento
Ultima risposta 08/01/2004 21.48.31
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

#unfit - la psicologia di donald trump10 giorni con babbo nataleabout endlessnessaddio al nubilatoalessandra - un grande amore e niente piu'all my friends are deadamore al quadratobaby yaga: incubo nella foresta oscurabastardi a mano armatabliss (2021)burraco fatalecentigradecherry - innocenza perdutacome truecosa sarÓcreators: the pastcrisiselegia americanafino all'ultimo indiziogirl power - la rivoluzione comincia a scuolagodzilla vs. kong
 NEW
governance - il prezzo del poteregreenlandhoneylandi am greta - una forza della naturai predatoriil cammino di xicoil caso pantani - l'omicidio di un campioneil mio corpo vi seppellira'il principe cerca figlioil talento del calabroneimprevisti digitali
 NEW
jakob's wifejudas and the black messiahla nave sepoltala prima donnala ruota del khadi - l'ordito e la trama dell'indiala stanzala vita straordinaria di david copperfieldl'amico del cuore (2021)lasciami andarel'incredibile storia dell'isola delle roselockdown all'italianal'ultimo paradiso (2021)ma rainey's black bottommadame claudemankminarimurdershownomad: in cammino con bruce chatwinnotizie dal mondooperazione celestinaoperazione varsity blues: scandalo al collegepalazzo di giustiziapalm springs - vivi come se non ci fosse un domaniparadise - una nuova vitaparadise hillspele' - il re del calcioqualcuno salvi il natale 2quello che non ti ucciderange runnersrebeccaroubaix, una lucesacrifice (2020)sola al mio matrimoniosonsotto lo zerosoul (2020)sul piu' belloten minutes to midnight
 HOT
tenetthe fatherthe mauritanianthe midnight skythe nights before christmasthe secret - le verita' nascostethe unholythe united states vs. billie holidaythunder forcetua per sempretutto il mondo e' palesetutto normale il prossimo nataleun divano a tunisiuna classe per i ribelliuna donna promettentewe are the thousand - l'incredibile storia di rockin'1000we can be heroes
 NEW
why did you kill me?wonder woman 1984wrong turnyes dayzack snyder's justice league

1016589 commenti su 45326 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net