la scala a chiocciola regia di Robert Siodmak USA 1946
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
Ciao Paul!
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la scala a chiocciola (1946)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

Dove puoi vederlo?

locandina del film LA SCALA A CHIOCCIOLA

Titolo Originale: THE SPIRAL STAIRCASE

RegiaRobert Siodmak

InterpretiDorothy McGuire, George Brent, Ethel Barrymore, Kent Smith, Rhonda Fleming, Gordon Oliver, Elsa Lanchester, Sara Allgood, Rhys Williams, James Bell

Durata: h 1.23
NazionalitàUSA 1946
Generegiallo
Tratto dal libro "La scala a chiocciola" di Ethel Lina White
Al cinema nell'Agosto 1946

•  Altri film di Robert Siodmak

Trama del film La scala a chiocciola

In una piccola città all'inizio del secolo, un misterioso assassino sta uccidendo ragazze afflitte da difetti fisici. La giovane Helen, ragazza muta che lavora per la famiglia Warren, sente di essere in pericolo: forse il killer si nasconde proprio nella magione in cui la ragazza lavora.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   8,35 / 10 (48 voti)8,35Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La scala a chiocciola, 48 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

76eric  @  17/11/2019 18:28:45
   10 / 10
Magari non sarà il miglior film di Siodmak, forse è il più famoso, però è soprattutto grazie a questa pellicola che si sono poste le basi di un genere che nel tempo conoscerà diverse ramificazioni o sfaccettature. Siamo "solo" nel 1946 appena appena dopo la fine della Seconda Guerra, e poche altre volte il Cinema aveva regalato immagini così forti, così cariche di tensione e di suspense. Poche volte infatti prima di questo film, erano state tracciate delle basi ma per di più nel genere fantastico con il Nosferatu di Mournau o il Gabinetto del Dottor Caligari, pietre miliari dell' Espressionismo tedesco muto o produzioni statunitensi di qualche anno più recenti ma comunque rilevanti tipo Freaks o L' Isola degli zombies. Qui si racconta una storia di suspense senza ricorrere a mostri o a creature fantastiche...., il male si cela all' interno delle mura domestiche di una magione appartenente ad una ricca famiglia.
Insomma senza stare ad elencarle, qui ci sono tutte le componenti che in futuro verranno utilizzate dai grandi registi, anche lo stesso Hitchcock. E secondo me anche se qui si parla giustamente più specificatamente di genere thriller, data l' età ed al tempo penso che non sia sbagliato considerarlo anche un Horror. Credo che abbia spaventato molto la generazione dell' epoca.



Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Più seminale di così non si può!

topsecret  @  31/05/2018 14:05:45
   6 / 10
Per quanto ho potuto constatare, questo giallo diretto da Siodmak ha una media piuttosto alta per quello che effettivamente offre.
Uno script dove l'enfasi e l'ingenuità hanno il sopravvento generando così una serie di forzature e situazioni lasciate al caso, dove tutto è ampiamente prevedibile dopo le prime battute. I personaggi non mi sono sembrati così incisivi, anche se le interpretazioni del cast sono convincenti, mentre il ritmo narrativo mostra dei rallentamenti sparsi che però non inficiano una visione comunque sufficientemente godibile.
Personalmente non mi ha lasciato granchè.
Curiosità: tra i doppiatori si nota la voce di Alberto Sordi.

Nic90  @  26/06/2015 21:29:57
   7 / 10
L'inizio e per metà parte del film questo giallo è molto lento e abbastanza noioso(ho subito individuato il killer) ma poi la parte finale bilancia tutto e lo salva alla grande.

ferzbox  @  23/05/2015 19:09:45
   8 / 10
Finalmente sono riuscito a vedere uno dei film più rinomati di Robert Siodmak,la famosa "Scala a chiocciola",giallo del 1946 davvero monumentale negli ultimi 20 minuti,pieni di suspance e pathos a non finire e un pizzico di gran sentimento nell'ultimissima scena prima dei titoli di coda.
Come sospettavo sono rimasto ancora colpito dallo stile di questo regista,mestierante abilissimo nel trasportare lo spettatore all'interno della vicenda,presentando le storie dei personaggi e creando un certo climax quasi teatrale(anche se,tra tutti quelli che ho visto "I Gangster" rimane ancora il migliore).
Ovviamente consigliato,un pò come tutta la sua filmografia che io stesso sto pian pianino recuperando e assaporando,per quanto,a parer mio,il grande Alfred Hitchcock rimarrà sempre insuperabile e sopra al podio più alto,dato che la regia e la maestria con la MDP del regista inglese risaltava per originalità e sperimentazione(oltre alle colonne sonore abilmente concepite); tuttavia il cinema di Siodmak non è assolutamente da sottovalutare,ma anzi,da scoprire e assaporare....per quella che è stata una magnificente Hollywood durante la prima metà del 900....

Goldust  @  05/08/2014 10:00:32
   8 / 10
Un grande impianto scenico, una manciata di personaggi sufficientemente ambigui, una padronanza tecnica assoluta ancora debitrice dell'espressionismo. Con Siodmak la casa diventa protagonista, e se in futuro tanti cineasti più o meno dotati hanno cercato fortuna allestendo film thriller/horror all'interno di quattro mura il merito va essenzialmente a lui. Pur raggiungendo in alcuni casi livelli insostenibili, la tensione in altri passaggi latita un poco ( specialmente nella parte centrale ). Bravissima Dorothy McGuire in ruolo non facile.

ZanoDenis  @  27/03/2014 22:07:58
   9 / 10
Il migliore di Siodmak. Stupendo tutto, certe scene sono di una bellezza visiva unica, una regia magistrale, in certe parti mi ha ricordato addirittura Psyco. Grandissimo film!

steven23  @  02/04/2013 15:15:05
   8½ / 10
Film che ruota attorno a tre generi già citati da chi mi ha preceduto (noir, giallo e thriller) e che colpisce non tanto per l'intreccio e la curiosità di scoprire l'identità del killer, bensì per la perfezione della regia; inquadrature impressionanti, un bianco e nero che mette ansia, e intensità, un'intensità visiva senza eguali.
Da sottolineare anche la performance della Mcguire, decisamente una spanna sopra tutti gli altri; i suoi occhi e la sua espressione riescono a descrivere la disperazione causata dalla sua menomazione in maniera davvero eccellente.

gianni1969  @  01/01/2013 02:55:38
   9½ / 10
noir? dramma? giallo? No!!! semplicemente uno spetracolo di regia,tecnica e suspance allo stato puro. per gli amanti del classico assolutamente da vedere.

Lory_noir  @  22/12/2012 21:03:11
   6½ / 10
Sa essere inquietante ma non avvincente.

James_Ford89  @  30/10/2012 23:33:38
   8½ / 10
Grandissimo noir di Siodmak, che si conferma un maestro nel settore. Inquadrature ineguagliabili, atmosfere spettacolari e pathos immenso!
La McGuire ha una marcia in più e non c'è nessun momento di stallo nel film; decisamente consigliato ai più.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  12/06/2012 16:49:13
   8 / 10
Con un bellissimo bianco e nero, Siodmak firma un ottimo film.
Personaggi delineati con cura. Nessun tempo morto, complice anche la breve durata. Forse è un po' prevedibile l'identità del colpevole, questo però nulla toglie al piacere della visione.

baskettaro00  @  07/06/2012 22:14:58
   8 / 10
che filmone,una regia curatissima e una storia intrigante che si svolge quasi interamente con un'unica location a disposizione,un cult nel genere!
P.S.
ma son l'unico scemo che non è riuscito ad individuar il colpevole?

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR jem.  @  16/10/2011 23:26:10
   9 / 10
Bellissimo giallo. Purtroppo si intuisce subito che sarà il colpevole, ma questo non impedisce di essere divorati dall'ansia mentre lo si guarda.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  21/07/2011 20:30:33
   8½ / 10
Stupendo giallo, un pezzo di storia del cinema che contribuì a fissare le basi del genere sui serial killer.
Più che per l'intrigo in sé, il film mi ha sempre incredibilmente emozionato per come riesce a descrivere la totale disperazione che l'handicap provoca nella ragazza muta (assolutamente incredibile il pathos che si prova nella scena in cui Helen vorrebbe urlare ma ottiene solo una straziante smorfia di dolore in volto), costretta a sognare un futuro da favola ed a scontrarsi con una realtà da incubo; inutile dirlo, Dorothy McGuire (che sostituì Ingrid Bergman) è indimenticabile.
La regia di Siodomak giganteggia su tutto, un uso del mezzo davvero ineguagliabile, la creazione di una atmosfera notturna in cui si ha davvero paura del buio, in un bianco e nero dalle profondità inimmaginabili e dalla bellezza abbagliante.
Da antologia l'occhio scrutatore e l'immagine di Helen senza bocca riflessa nello specchio.

gaffe  @  30/09/2010 19:27:28
   8 / 10
Capostipide dei film di genere serial killer.
malgrado una certà pudicità di facciata tipica di quegli anni mantiene tutto l'armamentario tipico da paura: la cantina,la pioggia,il buio,l'occhio dell'assassino.
Film OK

pinhead88  @  31/03/2010 16:46:19
   7 / 10
Nonostante sia prevedibile,la suspance e l'atmosfera non manca di certo.la maestria di Siodmak fa apparire tutto più coinvolgente.
Un precursore nel suo genere.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gabe 182  @  09/03/2010 18:24:54
   7½ / 10
Buonissimo thriller, per gli anni in cui è stato realizzato bisogna dire che siamo davanti ad una piccola perla del genere, e secondo me qualche regista di adesso e di quei tempi ha appreso certamente qualcosa da questo film.
La scenografia mi è piaciuta moltissimo: ovviamente il bianco nero da un fascino al film spettacolare, poi la villa dove avviene circa l'ottanta per cento del film diciamo e senza dubbio penetrante, soprattutto la scena dell'omicio in cantina, quasi da horror direi, infine come si può non sottolineare l'atmosfera che circonda la villa: semplicemente spettacolare.
La realizzazione del film è più che sufficiente, anche se la seconda parte e nettamente migliore della prima: personalmente l'ho trovata più coinvolgente la seconda parte.
Guardate, io resto sempre dell'idea che i film di quell'epoca confronto hai film di adesso siano nettamente più affascinati, non dico che siano più belli per carità, ma quelli di una volta mi affascinano di più, mi colpiscono di più, forse perchè sono più semplici non saprei dare un perchè specifico, ed è stata la stessa cosa anche per questo thriller.
Un culto del genere, senza ombra di dubbio.

Drugo.91  @  31/12/2009 11:51:39
   7 / 10
giallo-horror mescolato al surrealismo, in parte in debito al cinema muto di Bunuel
belle atmosfere, buona interpretazione e ottimo livello di tensione nella seconda parte

Dr.Orgasmatron  @  01/10/2009 02:14:36
   9 / 10
Precursore del genere. Si svolge tutto nel buio (la notte buia, la casa buia, la scala buia). Scene madri da conservare nel casetto quelle prima di ogni delitto. Il "serial killer" si svelerà presto, ma la tensione resta alta grazie alla grande maestria di Siodmak. Oscuro

LEMING  @  09/09/2009 10:55:33
   5 / 10
Thriller claustrofobico in B/N del 1946=Punto a favore
Ho letto il libro che è ben più angosciante e claustrofobico del film.
A parte la protagonista muta, tutti gli altri attori sono quasi dei pesci.
A tutti i "fenomeni" che scrivono di Dario Argento (d'accordo 40 anni dopo) "fa film noiosi senza suspence, con dialoghi banali", non consiglio questo film, si addormenterebbero dopo 5 minuti. Importante solo come capostipite di un filone, ma oramai ampiamente datato e fuori luogo.

5 risposte al commento
Ultima risposta 07/02/2010 12.56.12
Visualizza / Rispondi al commento
bulldog  @  16/07/2009 16:42:52
   7 / 10
Ottimo giallo di Siodmak anche se abbastanza prevedibile.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  08/02/2009 21:05:37
   7½ / 10
Beh, un classico dei gialli, uno dei migliori. Molte idee sono state copiate da quasta sceneggiatura e quando lo si guarda si capisce il perchè. Scene memorabili e idea di Serial killer originalissima. Atmosfera da brividi. da vedere assolutamente.

paolino77  @  08/02/2009 20:52:48
   9 / 10
Un immenso giallo di Siodmak. Imperdibile

Invia una mail all'autore del commento wega  @  21/09/2008 12:47:55
   9½ / 10
Bellissimo! Bellissimo! Se Max Ophuls, nella sua carriera, avesse girato un thriller, l' avrebbe fotografato così. Un B/N straordinario. Complimenti anche al restauro e alla Bim, distribuzione che consiglio per chi volesse vederlo.
E' il giallo perfetto, archetipo in tutti i suoi componenti, straimitato, macchiavellico nella sceneggiatura. Un capolavoro. L' Handicap di Helena, il mutismo, rappresenta quell' ancestrale sensazione di impotenza che, come accade spesso in sogno(almeno personalmente), si è impossibilitati ad urlare di fronte ad una situazione di pericolo. Questo, nella pellicola, si trasforma in una mancanza di valvola di sfogo a quel senso di claustrofobia che permea nello spettatore per tutta la durata del film. Archetipico per la presentazione dei personaggi, ognuno plausibilmente sospettabile tanto che ho dubitato perfino della madre invalida; per la costante presenza di una pioggia battente che nel Cinema è sinonimo di purificazione da tutto ciò che sta accadendo, per la continua fornitura di elementi che contribuiscono ad alimentare il forte dubbio nel cinefilo. In effetti però, da un particolare si riesce a capire chi è l' assassino fin dall' inizio; "fortunatamente" mi sono accorto di questo particolare solo verso la fine, e, alla seconda visione, la suspanse non viene a mancare nemmeno per un istante. Tutto merito della grandissima regia di Siodmak, alle carrellate da un punto di vista ad un altro(dell' assassino), al perfetto uso del sonoro e colonna sonora, grazie all' atmosfera onirica ed angosciante creata dal direttore della fotografia e alle intriganti nonchè ambigue caratterizzazioni psicologiche di tutti gli attori.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  08/08/2008 22:31:13
   9 / 10
Che gran film! Vedendolo ci si rende conto di come tanti affermati registi e non, abbiano omaggiato questa pellicla più volte. Una regia eccellente, una fotografia in bianco e nero bellissima e tanta suspence. Un gioiello da vedere.

Gruppo COLLABORATORI paul  @  31/05/2008 12:34:21
   9 / 10
Credo che questo film sia un must, un capostipite. Non me lo ricordavo, ma tantissime situazioni sono state poi riprese da tutti i gialli a venire. Assolutamente imperdibile.

xxxgabryxxx0840  @  14/03/2008 14:40:08
   8½ / 10
Film modello per i moltissimi thriller che seguiranno. Alcune scene (come quella dell'occhio e dello specchio) valgono da sole il film intero. Imperdibile!!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento tylerdurden73  @  13/03/2008 11:03:44
   8½ / 10
Guardato con lo smaliziato occhio dello spettatore odierno “La scala a chiocciola” potrebbe apparire come un film gradevole ma non esente da alcuni luoghi comuni ed ingenuità varie.
Non bisogna però dimenticare che la pellicola risale ormai a circa una sessantina d’anni fa ed il fatto che non abbia perduto un grammo del fascino che la contraddistingueva all’epoca della realizzazione è di gran lunga significativo.
Siodmak utilizza quelli che diverranno nel tempo elementi fondamentali del cinema di paura,mettendoli al servizio di una trama ben congegnata e dotata di ritmo.
La grande ed isolata casa di campagna,il temporale notturno che non lascia tregua,le finestre misteriosamente spalancate,i giochi di luce che avvengono soprattutto nella cantina,la presenza di svariati personaggi la maggior parte dei quali sospettabili ,sono elementi fondamentali per creare un’atmosfera emotivamente trascinante.
Molto bravi gli attori su cui spicca Dorothy McGuire.Inoltre il film lascia spazio a qualche riflessione sul fatto che l’assassino prenda di mira esclusivamente ragazze con problemi fisici o mentali.In un periodo in cui il mondo usciva dagli incubi partoriti dai deliri nazisti sulla perfezione della razza,non è poi così strano che Siodmak,regista tedesco,attraverso il suo film quasi si scusi con le persone attualmente dette “diversamente abili”,perseguitate ghettizzate ed assassinate dai propri connazionali.Creando così il personaggio di Helen che nonostante il suo handicap fisico sarà in grado di tener testa e combattere con l'omicida,simbolo di un odio folle nei confronti del diverso e quindi assimilabile al farneticante pensiero Hitleriano.
Alcune inquadrature,mi riferisco in particolar modo a quella dell’occhio dell’assassino, saranno fonte d’ispirazione futura per registi del calibro di Mario Bava ,Argento e De Palma.
Risalire all’identità dell’assassino è abbastanza semplice ed il film da quel momento in poi perde un pochino del suo fascino gotico,nel complesso però rimane un ottimo esempio di thriller.

4 risposte al commento
Ultima risposta 20/09/2012 23.21.09
Visualizza / Rispondi al commento
marfsime  @  29/01/2008 17:23:37
   8½ / 10
Grandissimo giallo targato Siodmak..alcune scene sono veramente ben fatte (non mi dilungo a citarle perchè è già stato fatto)..ottima interpretazione recitativa di un po' tutti gli attori. Una sola cosa m'ha fatto storcere il naso

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER. Comunque rimane un ottimo film giallo..tra i migliori di sempre.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  05/10/2007 15:29:22
   8½ / 10
Questo è l'archetipo dei film sui serial killer. Un giallo imprescindibile.
Le atmosfere della casa buia, illuminata da queste candele che accidentalmente scivolano, la notte buia e tempestosa, la ragazza che non riesce a gridare e l'occhio che da solo riesce ancora ad inquietare a distanza di anni.
Le atmosfere fanno davvero di questo film un ottimo film, non tanto la scoperta dell'identità dell'assassino.
Da vedere.

3 risposte al commento
Ultima risposta 05/10/2007 16.25.24
Visualizza / Rispondi al commento
Dick  @  01/10/2007 09:50:21
   8½ / 10
Bel film giocato soprattutto sul piano visivo che riesce a coinvolgere.

Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento Jellybelly  @  23/08/2007 15:34:03
   9 / 10
Giallo di una modernità disarmante, in cui la suspanse "hitchcockiana" raggiunge dei livelli quasi insostenibili grazie ad una regia perfetta, che sfrutta alcune trovate validissime ancora oggi (l'immagine della protagonista senza bocca e dell'occhio dell'assassino su tutte) oltre ad una carica di tensione claustrofobica travolgente.
Altissimo anche il pathos veicolato dal mutismo dela protagonista: la sua angoscia nel non potersi esprimere grava sullo spettatore per tutto il film,

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Fotografia tra le più efficaci e riuscite del tempo, con un bianco e nero netto, pulito, senza toni grigi.
Assolutamente imprescindibile.

2 risposte al commento
Ultima risposta 23/08/2007 16.32.13
Visualizza / Rispondi al commento
éowyn_3  @  22/07/2007 22:21:05
   7 / 10
mi spiace molto ma...l'aver sgamato il killer a meno di metà film ha decisamente smorzato il mio entusiasmo, e temo che la cosa influenzerà il mio giudizio. non riuscendo a non tener conto di questo particolare, anche valutando gli aspetti positivi, non posso salire sopra al 7.

4 risposte al commento
Ultima risposta 01/10/2007 09.52.40
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI fidelio.78  @  04/06/2007 12:13:34
   8½ / 10
Splendido noir... probabilmente il migliore di Siodmak.
Regia strepitosa e splendida sceneggiatura.
Un classico da vedere più e più volte.

AKIRA KUROSAWA  @  03/06/2007 16:17:03
   9 / 10
uno dei film del quale la fotografia mi ha affascinato piu di tutti. i contrasti chiaro scurali sono a mio avviso stupendi, bellissima la colonna sonora.
un vecchio giallo da far venire i brividi....

5 risposte al commento
Ultima risposta 21/09/2008 10.34.17
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  15/04/2007 00:01:17
   8 / 10
Un classico dei noir degli anni Quaranta, e uno dei più emozionanti di sempre: la McGuire è ineguagliabile. Citato anche da Hitchcock come uno dei suoi film favoriti, ha probabilmente ispirato uno dei suoi migliori film televisivi: indovinate quale

4 risposte al commento
Ultima risposta 19/08/2010 21.49.23
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI Marco Iafrate  @  20/03/2007 22:15:41
   9 / 10
Un thriller che ancora oggi, a 60 anni dalla sua uscita, mantiene inalterata la sua carica di tensione.
Ritengo superflui i giudizi sulla regia, sulla fotografia e sopratutto sulle scenografie davvero notevoli.
Le zoomate sull'occhio dell'assassino sono da antologia.
Da sottolineare la voce italiana di Gordon Oliver del grande Alberto Sordi.

Crimson  @  27/02/2007 15:30:47
   8½ / 10
Tra i più bei film gialli di sempre. Stra-avanti.
Le sequenze dell'assassino che guarda la ragazza allo specchio, o la spia nel cortile, sono straordinarie.
Finale superbo.
L'interpretazione di Dorothy McGuire è sbalorditiva.
Da vedere assolutamente.

Gruppo REDAZIONE K.S.T.D.E.D.  @  12/12/2006 13:42:31
   8½ / 10
A fare da scenario all’intera pellicola è un’unica casa che con l’andare del film diviene sempre più una prigione dalla quale ognuno cerca di fuggire, perché ognuno, a suo modo, avverte il marcio che c’è in essa; una casa in cui convivono più situazioni ben distinte ma che, per tutta la durata, continuano ad intrecciarsi.
E’ impressionante come Siodmak riesca a trasmettere inquietudine con un semplice foglio che si muove, o aprendo quella porta che lo stesso spettatore non desidera aprire perché ciò che potrebbe esserci fuori è inquietante tanto quanto ciò che potrebbe esserci dentro.
Ottime la caratterizzazione di tutti i personaggi, l’introspezione psicologica dell’assassino e alcune sequenze in grado di trasmettere un’insolita tensione, come quelle in cantina, o quella finale giustappunto sulla scala a chiocciola.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  02/11/2006 11:21:37
   8 / 10
fa impressione l'anno in cui è girato il film...mostra,infatti,un impressionante realismo invidiabile per molti registi di oggi...quelle inquadrature ravvicinate dell'occhio,quei momenti in cui colpisce l'assassino con quel gioco di luci e ombre...
insomma come tensione è degno del miglior Alfred...un film da non perdere

2 risposte al commento
Ultima risposta 01/10/2007 16.35.05
Visualizza / Rispondi al commento
Hugolino  @  13/09/2006 11:12:19
   9 / 10
Gran film Classico, per certi versi angosciante e inquietante nei personaggi, per es. la mamma a letto...
Ma io cambierei la locandina del film boh... si vede perfettamente l'assassino... menomale che non l'ho vista prima...

risikoo  @  02/06/2006 16:48:14
   9 / 10
Thriller stupendo. Grande tensione, completamente assente in molti film di oggi.

clone 1975  @  02/06/2006 16:35:36
   10 / 10
che capolavoro un thriller che per essere del 46 è un'autentica opera d'arte, riesce a tenere in tensione,veramente una perla rara per tutti gli amanti del thriller e noir

martasuperstar  @  15/05/2006 09:08:30
   9 / 10
l'ho visto tantissimi anni fa questo film ma ricordo ancora l'occhio....davvero mette i brividi. da vedere

KANE  @  04/01/2006 12:21:02
   8 / 10
sicuramente un bel film, coraggioso e innovativo!
angosciante la situazione della povera ragazza vicino alla cornetta del telefono!!
un film "d'altri tempi", che però presenta un "cattivo" molto attuale (come dice anche requiem), un serial killer, anche, non facile da individuare grazie ad una presentazione ottimale dei personaggi!

Piergio  @  11/10/2005 15:35:10
   9 / 10
bello questo noir 1946. eccezzionale intelligente e molto ben pensato. ha introdotto da solo il termine serial killer, per gli amanti del noir da non lascirsi scappare

liu_mi  @  26/08/2004 14:16:44
   10 / 10
bellissimo film, un classico della casa in una notte buia e tempestosa. la scena della protagonista che si specchia, osservata dall'assassino, mette ancora i brividi.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  25/08/2004 11:49:37
   10 / 10
Capolavoro di Robert Siodmak, autore di tanti bei noir negli anni '40.
Agli appassionati dell'horror questo film splendido non può sfuggire, si tratta in realtà di uno dei primi serial killer del cinema, alla base di molto del cinema odierno.
Eppure nonostante gli anni, è un film che fa paura, tutto giocato su luci e ombre, come la maggior parte di quei film di quegli anni, specialmente quelli della RKO (come "il bacio della pantera"), insuperato nella costruzione della suspance e in certe sequenze, perfette e all'avanguardia per quel periodo.

"La scala a chiocciola" è un film che ha fatto epoca, nel 46 non esisteva nemmeno la parola "serial killer". Fate un po' voi.
Un film Davvero imperdibile, sopratutto per gli amanti del cinema horror.


6 risposte al commento
Ultima risposta 01/10/2007 09.58.16
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1049615 commenti su 50672 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

BLACK SUMMER - STAGIONE 2FABBRICANTE DI LACRIMEFALLOUT - STAGIONE 1FARSCAPE - STAGIONE 1FARSCAPE - STAGIONE 2FARSCAPE - STAGIONE 3FARSCAPE - STAGIONE 4FOR ALL MANKIND - STAGIONE 1FOR ALL MANKIND - STAGIONE 2FOR ALL MANKIND - STAGIONE 3FOR ALL MANKIND - STAGIONE 4INVASION - STAGIONE 1LA CREATURA DI GYEONGSEONG - STAGIONE 1SNOWFALL - STAGIONE 1SNOWFALL - STAGIONE 2SNOWFALL - STAGIONE 3SNOWFALL - STAGIONE 4SNOWFALL - STAGIONE 5SNOWFALL - STAGIONE 6THE CHOSEN - STAGIONE 1THE CHOSEN - STAGIONE 2THE CHOSEN - STAGIONE 3THE WALKING DEAD: THE ONES WHO LIVE - STAGIONE 1V - STAGIONE 1V - STAGIONE 2WILLOW - STAGIONE 1

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net