la passione di cristo regia di Mel Gibson USA, Italia 2003
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

la passione di cristo (2003)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film LA PASSIONE DI CRISTO

Titolo Originale: THE PASSION OF THE CHRIST

RegiaMel Gibson

InterpretiJames Caviezel, Maia Morgenstern, Monica Bellucci, Hristo Jivkov, Hristo Shopov, Rosalinda Celentano, Francesco Cabras, Claudia Gerini, Sergio Rubini, Romuald Andrzej Klos, Davide Marotta

Durata: h 2.10
NazionalitàUSA, Italia 2003
Generedrammatico
Al cinema nell'Aprile 2004

•  Altri film di Mel Gibson

•  Link al sito di LA PASSIONE DI CRISTO

Trama del film La passione di cristo

Liberamente ispirato ai Vangeli di Luca, Giovanni, Matteo e Marco. Le ultime 12 ore di Cristo, dall'Orto degli ulivi al Crocifisso sul Golgota.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,01 / 10 (550 voti)7,01Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su La passione di cristo, 550 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»
Commenti negativiStai visualizzando solo i commenti negativi

pontypool  @  30/03/2018 01:50:24
   1 / 10
questo film spaccò la critica tra quelli che lo amavano alla follia e quelli che lo consideravano detestabile.
Io faccio parte del secondo gruppo. Se iil messaggio cristiano era di amore e speranze qui entrambi mancano.
Quello che si riscontra invece è un antisemitismo estremo in confronto al quale il Meinkampf è un libro di barzellette.
Penso che tutti i neonazisti troveranno in questo film il trionfo del proprio credo. Qualcun altro vi vedrà l'apoteosi della violenza e altri ancora - i farisei - vi vedranno un ottimo film.
Per conto mio è un film pessimo sotto ogni punto di vista se non quello dichiaratamente horror.
Un film in grado di eccitare gli animi di sadici, assassini e maniaci non può che essere un pessimo film.

krypton  @  24/07/2017 12:45:17
   5 / 10
Erano anni che volevo guardare "La passione di Cristo". Pensavo di imparare qualcosa di più sugli ultimi giorni di vita Gesù, i suoi insegnamenti, conoscere meglio le persone che lo circondavano. Invece è come se per Mel Gibson tutti conoscessero vita, morte e miracoli di Cristo...

Mi sono invece trovato a vedere due ore di fustigazioni, di malsani dettagli di schizzi di sangue, di scene di estrema violenza e d'odio (fossero questi gli insegnamenti da ritenere). Film molto crudo, al limite del perverso. Sconsigliato!

1 risposta al commento
Ultima risposta 24/07/2017 12.54.46
Visualizza / Rispondi al commento
adrmb  @  28/03/2016 00:21:03
   5 / 10
Mamma mia, ma che filmaccio.

Una bella fotografia, una buona colonna sonora - per quanto non particolarmente memorabile - non bastano assolutamente a nobilitare questo prodottino schifosamente markettaro nella sua rivoltante autocompiacente violenza.
Scie di sangue, frustate, segni nella pelle e nella carne, rallenty per enfatizzare i momenti di dolore (che mi son sembrati assolutamente ridondanti e inutili, proprio per questo patetici): ma dove sarebbe l'arte cinematografica in tutto questo? Io personalmente ci ho visto solo un furbastro tentativo per scandalizzare e parlare di sè - obbiettivo purtroppo raggiunto, ricordo i dibattiti alla sua uscita, non si parlava d'altro). Tutto insomma assolutamente volgare e gratuito.

E poi anche la storia in sé, bah; dopo anni e anni di messe e catechismi da buon bambino ingenuo francamente lo svolgimento e personaggi non mi hanno detto più nulla, ma neanche perché non sia diretto male, intendiamoci: Gibson segue fedelmente lo svolgimento della storia e calca dove più ce n'è bisogno per enfatizzare le reazioni dei personaggi. Ma proprio questo suo stile di narrare, piatto e pomposo, m'è parso senza guizzi, assolutamente niente di speciale. Ergo: contenutisticamente il nulla, o perlomeno, niente di più che già si sappia (fatta eccezion due cosine che riporto in spoiler).

Cosa mi rimane insomma, dopo la visione? Gusto del macabro e dello splatter, che ha rappresentato appunto un'abile mossa di marketing. Artisticamente nullo.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

19 risposte al commento
Ultima risposta 30/03/2016 13.08.36
Visualizza / Rispondi al commento
Tambo90  @  28/04/2012 11:50:16
   3 / 10
Film esagerato, fiumi di sangue, corvi che beccano eccc..., un polpettone disgustoso!

3 risposte al commento
Ultima risposta 21/11/2012 21.48.27
Visualizza / Rispondi al commento
PignaSystem  @  14/07/2011 23:47:06
   4 / 10
Se è iperrealismo questo!?! Ma per favore, va bene che sei il Figlio di Dio ma normalmente saresti morto fin dalla flagellazione per dissanguamento, un film che non si discosta molto da un Gesù tipicamente hollywoodiano, sceneggiatura carente piena di inutili flashback che servono solo da riempitivo per far durare il film 2 ore.
Nota finale, l'antisemitismo di questo film è unico!

5 risposte al commento
Ultima risposta 23/09/2011 19.44.49
Visualizza / Rispondi al commento
MarkTheHammer  @  05/05/2011 23:19:48
   5 / 10
L'unica parola che mi viene per descrivere questo film è "inutile".
Il film narra le ultime ore di Cristo: dopo, credo, 10 minuti dall'inizio del film e vai di sangue come se piovesse per due ore di fila, salvo un paio di flashback... come se il regista si fosse per un attimo ricordato di chi fosse realmente Gesù, per poi tornare alla violenza.
Innanzitutto vorrei dire che questo è il film più splatter che abbia mai visto. E sono un grande appassionato di horror. Sul serio, sapreste indicarmi UN film in cui ci siano torture dall'inizio alla fine senza sosta? ..la risposta è sì, è un film giapponese di nome Man behind the sun (occhio, non guardatelo... ci sono torture vere ad animali).. ma quello era uno splatter. Punto. Questo dovrebbe essere un "drammatico/storico a tema religioso".
Ma tralasciamo un attimo il discorso d'appartenenza al messaggio religioso. Mi dite che bisogno c'è di fare un film storico, riproponendo le ultime 12 ore di Gesù se le ultime 12 ore sono solo ed esclusivamente torture...?! Voglio dire, sono stanco anch'io delle solite rappresentazioni quasi fiabesche di (quasi) qualsiasi altro film sulla vita di Cristo, ma mi sembra che questo sia solo un pretesto per far piovere sangue. Che bisogno c'è, visto il personaggio, di fare questo film? Non si tratta della storia di Batman, di Superman o di chissà che supereroe e di cosa ha passato per avere i superpoteri... stiamo parlando di una figura sacra (per chi ci crede ovviamente), i cui messaggi non hanno niente a che fare con questo film. E tra l'altro il regista si dice molto credente, indi non capisco le sue intenzioni. Cosa volesse comunicare (piccola nota, NON sono cristiano).

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER
Sulla veridicità delle barbarie, tra l'altro, ce n'è di cui discutere: sì che il film è, tra i quattro, ispirato soprattutto al Vangelo di Giovanni, ma ho letto (nel libretto che davano assieme al dividdì) che per moltissime scene (per non dire la quasi totalità...) s'è preso spunto dalle VISIONI di Anna Katharina Emmerick, una visionaria del 1800..... la cui veridicità è leggermente dubbia. Quindi somma, tutto questo non fa che confermarmi che il sig. Gibson voleva solamente fare un film diverso sulla passione di Cristo, eliminandone quasi completamente i messaggi positivi e concentrandosi sulle barbarie immaginate da una tedesca della fine del XVIII secolo.
Piccolo appunto, tecnicamente è superbo: fotografia eccezionale, effetti speciali perfetti (migliori di qualsiasi altro splatter in circolazione) e interessante l'idea della lingua originale sottotitolata. Musica angosciante, un po' ripetitiva, ma questo non fa che contribuire all'ansia.
Detto questo, scusandomi per la lunghezza, concludo citando un altro utente, Jellybelly, che ha scritto: "cosa esprime meglio l'amore tra un uomo ed una donna che si baciano, il dettaglio delle lingue che si cercano con insistenza di un porno o il bacio tra cary grant e ingrid bergman in Notorius di Hitchcock?".

5 risposte al commento
Ultima risposta 15/04/2012 23.43.13
Visualizza / Rispondi al commento
suzuki71  @  19/04/2011 13:03:06
   3 / 10
Ho visto Passion dopo Apocalypto, e dunque sapevo a cosa andavo incontro: molto sadismo, poca ricerca poetica, luoghi comunissimi, buona fotografia, musiche discrete. Questo film, eccessivo e banale, vuole sconvolgere con sequenze di scene in cui ho trovato gli attori profondamente ridicoli. Americanissimo prodotto che ricerca l'iper realtà piuttosto che trascenderla ed elevarla su un piano simbolico, si rivela proprio per questo un film quasi volgare.

1 risposta al commento
Ultima risposta 04/04/2012 02.21.35
Visualizza / Rispondi al commento
lo156  @  19/04/2011 07:45:57
   3½ / 10
Un mattone sanguinolento, eccessivo e pallosso: almeno lo avessero doppiato...
Brutto, brutto, brutto .......

albert74  @  18/04/2011 21:04:51
   1 / 10
questo film l'ho vidi al cinema e rimasi nauseato. Non si tratta del solito film su Gesù ma di una sorta di patologia clinica presente nell'ego più profondo di Gibson e riversato su pellicola. In confronto persino Hostel appare un film con un lievo accenno di splatter. Questa è pura macelleria, è l'apoteosi della mattanza, della truculenza, del sadismo. Non c'è traccia del messaggio evangelico, dell'amore, della speranza. E' solo uno splatter, il re degli splatter, che si protrae per quasi l'intera durata del film con delle torture talmente efferate che sembra quasi che Gibson abbia chiesto il supporto di qualche serial killer della peggiore specie.
Il film è basato totalmente sul più controverso dei vangeli canonici: quello attribuito a Giovanni, vi sono poi diverse incongruenze storiche un po' ovunque, la peggiore è quella in cui si Gesù viene bastonato nel costato da parte dei soldati romani, usanza questa tutta inventata di sana pianta visto che i romani bastonavano sulla schiena e non sul costato, particolare non da poco visto che una simile tortura al costato comporterebbe traumi mortali alla gabbia toracica.
Il resto del film è un bagno di sangue della peggiore specie con immagini che sembrano prese da un film di dario argento e un atmosfera da film horror di serie B.
Come ripeto come splatter questo è un capolavoro, come film religioso denota solo gravi problemi psichici del regista, molto gravi.
Non credo ci sia altro da aggiungere. Mai visto prima un film così ipocrita, uno splatter puro con risvolti sadici spacciato per film religioso o addirittura storico.
Agghiacciante e assolutamente bocciato.
In un periodo in cui la violenza permea ogni aspetto della vita sociale il messaggio di questo film è chiaro: la violenza regna sovrana e il sangue scorre a fiumi con un certo compiacimento - viene quasi da pensare - da parte del gongolante Gibson.

11 risposte al commento
Ultima risposta 26/04/2011 23.54.29
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR alexava  @  15/03/2011 10:55:43
   3 / 10
Andrò per punti:

-Un film splatter su Gesù è una travata incredibile, che non ha precedenti.
-Fabrizio DeAndrè diceva che sia credendolo figlio di Dio o meno, Gesù di Nazareth è stato il più grande rivoluzionario della storia...
-...Per i suoi insegnamenti e per le prediche sull'amore e la fratellanza universale.
- La Morte di gesù ha un significato sia storico che religioso, ben maggiore dell'orrore con cui è stata messa in atto.
-Gibsono non è 'sto grande Cristiano, (nemmeno io, ma alemno lo ammetto) se crede che bisoga ricordare e simboleggiare il Cristo solo come martire e non come profeta.
-Perchè la sua coscienza non gli suggerisce di fare un film per ogni schiavo crocifisso sulla via Appia dopo la rivolta degli schiavi?
-Il corvo che strappa l'occhio al ladrone è una caduta di stile unica nella stora del cinema
-ha avuto la faccia tosta si farlo durare due ore.
-la gente in sala si sentiva male, come nei film splatter anni '70
-ha rifilato uno splatter ad un pubblico per il 60% religioso acuq e sapone che la sera è solita guardare Carlo Conti.
-l'altro 30% è un pubblico sadico, che ha gradito la pellicola.
-il rimanente 10% erano poveri curiosi.
-Gibson, con ogni probabilita, andrà all'inferno.
- 3.

1 risposta al commento
Ultima risposta 23/04/2011 11.36.21
Visualizza / Rispondi al commento
franky81  @  17/12/2010 17:21:36
   3 / 10
ma cosa è???? non è possibile vedere una roba del genere. gibson ha sicuramente dei grossi problemi psicologici e li ha riversati tutti in questo film che non è altro che 2 ore di torture e sangue da tutte le parti. una porcheria senza senso. premetto che non sono un credente e non pratico la chiesa ma, andai a vedere questo film seguendo la massa e sono rimasto senza parole. se proprio devo vedere splatter mi vado a vedere tarantino , almeno mi diverto di piu.

3 risposte al commento
Ultima risposta 01/04/2011 22.04.32
Visualizza / Rispondi al commento
cesarino  @  03/11/2010 16:23:40
   4 / 10
praticamente ha fatto un film sul finale di braveheart!!!!! 2 ore di flagello! sangue da tutte le parti ed un finale da il giustiziere della notte!!!! per non parlare della lingua aramaica con sottotitoli da contorno! gibson meglio come attore!

1 risposta al commento
Ultima risposta 06/11/2010 18.41.15
Visualizza / Rispondi al commento
simonssj  @  17/09/2010 11:59:55
   4½ / 10
Come al solito Gibson esagera, straesagera e imbastisce un baraccone di violenza insensata e folle (non so se è già stato sottolineato prima di me, ma sono più che sicuro che gli addetti romani alla flagellazione non erano altro che soldati che facevano il loro "sporco" lavoro, e non dei novelli Jigsaw col sangue negli occhi).
E' vero che il soggetto è la passione carnale di Gesù (e al di là che si creda o meno, l'obiettivo prefissato è stato raggiunto), ma è proprio questo soggetto che non mi convince affatto: avrei preferito 20 minuti di frustate in meno e 20 minuti di flashback sulla Sua figura prima dell'arresto in più...buona invece l'idea di adottare l'aramaico, l'ebraico e il latino coi sottotitoli, brutto tutto il resto (Bellucci & diavolo-femmina comprese, irritanti al massimo).

Il finale poi...mancava solo il "to be continued" per farne una trashata senza dignità.
Non mi ha convinto

gemellino86  @  23/04/2010 17:09:43
   5½ / 10
La storia delle ultime ore della vita di Gesù poteva essere raccontata in modo diverso ma Gibson ha voluto esagerare mettendo molto bene in evidenza la tortura e il sangue che si spreca. L'ho trovato eccessivamente violento per essere un film che si basa sull'aspetto religioso. La sofferenza è l'elemento fondamentale che Gibson utilizza in maniera troppo esplicita e sadica.

Romi  @  20/03/2010 10:34:46
   3 / 10
Questo film, secondo me, non ha un'anima. Durante la sua visione, (nonostante io sia credente) non sono riuscita a commuovermi e tanto meno ho avuto la sensazione che mi trasmettesse qualche messaggio significativo. Sinceramente, ho avuto l'impressione si assistere ad un film horror e nulla più. Probabilmente in un a società in cui la violenza è molto esaltata, questo film può aver suscitato dei consensi. Oppure avrà suscitato ammirazione in chi ha una visione un pò bacchettone della religione, per cui tutto va bene purchè si parli di Dio. A mio parere c'è un'esaltazione morbosa delle sofferenze fisiche inflitte a Cristo, senza inviare il messaggio più importate, che è quello della speranza nella salvezza dell'uomo, infatti la resurrezione è appena accennata, come di secondaria importanza. Non credo che questo film possa significare qualcosa soprattutto, per chi non crede. Personalmente non mi serviva vedere questo film per capire cosa possa aver sofferto fisicamente Gesù Cristo. E' un'esaltazione alla violenza e nulla più.

15 risposte al commento
Ultima risposta 25/10/2013 19.43.56
Visualizza / Rispondi al commento
Gabo Viola  @  16/03/2010 14:14:27
   1 / 10
Attenzione a non perdere il prossimo film di Gibson "Arma coraggiosa & passione letale", una summa del suo percorso intellettuale. Dopo pellicole atte a scardinare lo status quo, Monica Bellucci, si presenta nei panni di eroina gibsoniana: niente paura, recita in aramaico. Sono stato santificato dalla visione de "Il vangelo secondo matteo" di Pasolini ed Ŕ per me un onore omaggiare il volpino Mel con un 1. PerchŔ? PerchŔ uno dei temi pi¨ delicati e fecondi, letterariaente parlato, Ŕ finito sotto le mani del pi¨ basso profilo intellettuale in circolazione; il risultato Ŕ un coacervo, un marasma di idiozie splatter, l'annullamento di qualsiasi alone mistico e magico.

Farisei pentitevi, Gibson pentiti!

Mentre Pasolini attinge al Vangelo per la sua malattia antisociale (i farisei altri non sono che lo stato di cose omertoso e funzionale alla comoditÓ moderna), Mel attinge al vangelo per mero prestigio egoistico e pecuniario. Se dovessi morire oggi non vorrei risorgere poichŔ Gibson a breve potrebbe sfornare altri "capolavori". Ormai in questo mondo nulla Ŕ sacro, mi aspetto di vedere una pubblicitÓ "Ciao sono Ges¨, sono stato crocifisso, risorto e torno sulla terra dopo 2000 anni: Ŕ tempo di farsi un coca cola". Beh, Gibson ha fatto questo, ingannando tutti. Mel Ŕ l'altra faccia di Spielberg, con l'aggravante di non aver neanche il suo spessore tecnico.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

7 risposte al commento
Ultima risposta 05/09/2013 21.13.37
Visualizza / Rispondi al commento
76eric  @  12/03/2010 19:42:19
   4½ / 10
Non ho mai desiderato così tanto l' arrivo della Pasqua..... Peccato perchè Gibson qui secondo me doveva analizzare le situazioni e le vicende antecedenti che purtroppo hanno portato allo scempio, facendolo vedere in maniera un pò più soft. Si vede che compiaciuto anche dal finale (come già detto un pò forzato) dell' immenso "Braveheart" il regista si sarà detto: perchè non far vedere quello che la gente ha solo immaginato per la fine di Wallace? Sconsigliato

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento matteo200486  @  02/03/2010 22:34:46
   5 / 10
Due ore di splatter con protagonista Gesù. L'iperrealismo ricercato da Gibson è a tratti perfino apprezzabile ma sono gli intenti e la forma che non condivido e apprezzo. Gibson rappresenta la passione del Crìsto svuotata da qualsiasi suo messaggio, un corpo ridotto a brandelli e poi? Potevano essere pure le membra di Platinette dimagrito e con barba e capelli e non avremmo notato la differenza.
Un uomo che fu/è importante per il suo pensiero e i suoi insegnamenti rappresentato come una carcassa.
Gibson non ha centrato il punto della questione.

dobel  @  10/02/2010 20:46:01
   2 / 10
Pare che Giovanni Paolo II, dopo aver visto il film, abbia esclamato pieno di ammirazione ed entusiasmo: 'E' successo proprio così!' Meno male che non faceva il critico cinematografico...

2 risposte al commento
Ultima risposta 06/11/2010 18.00.23
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento wega  @  23/01/2010 23:04:08
   3 / 10
Deliziosa La Passione di Mel Gibson. Premettendo di essere un agnostico, e cutoffando subito Monica Bellucci che ha una pessima dizione anche quando recita in aramaico o in latino (non saprei dire quando parlavano l'uno o l'altro), non avevo mai visto un film Biblibo strutturato come un film horror. E dubito anche nella sincera ispirazione del regista, che usa un linguaggio fuori luogo (il film è fotografato come un fantasy) e compiaciuto all'inverosimile: le ultime dodice ore di Gesù al ralenti; ma non v'è ragione d'esserci astrazione, tanto meno romanticismo; alla meglio, è tutto fine a se stesso. E grazie tante alla considerazione di Gibson sulle capacità intellettive dello spettatore medio nell'ultima scena, per farla intendere come quella della resurrezione; ma come, Cristo ne esce lindo dopo esser stato travolto da un tir, ma ie resta el buco del chiodo? Magari m'è sfuggito qualcosa del Vangelo. Film pessimo sotto tutti i punti di vista.

12 risposte al commento
Ultima risposta 06/11/2010 18.07.51
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI atticus  @  13/01/2010 18:05:27
   1 / 10
Bene o male, vale lo stesso discorso che per "Il codice Da Vinci". Ma in questo caso, se possibile, la gravità è ancora maggiore. Questo non è cinema ma solo una bieca e sensazionalistica macchina spettacolare che costringe il pubblico, confondendolo, a diventare vittima e carnefice dello scorticamento in tempo reale del povero Gesù. Un qualcosa di degenerativo e degenerante, visivamente di uno squallore tragico, moralmente riprovevole e nauseante, l'apoteosi di ciò che fa male al cinema e che oltretutto fa male in primo luogo alla nostra religione cristiana. Personalmente credo che sia la prova che Gibson andrebbe internato. Inutile continuare a dar adito a chiacchiere per quella che è forse l'operazione più massmediologica della storia del cinema (neppure con "Proposta indecente" si arrivò a tanto).

6 risposte al commento
Ultima risposta 15/03/2011 11.18.54
Visualizza / Rispondi al commento
Fily22Latino  @  04/01/2010 14:15:53
   1 / 10
un film decisamente orribile nn lo si può nemmeno guardare,troppe torture e sangue che nemmeno in un film orror si riesce a vedere...era meglio risparmiarselo....gesù di nazareth è il vero film di cristo...penoso

diamanta  @  10/12/2009 18:52:44
   5½ / 10
Questo film mi è sembrato tanto una ingegnosa trovata per incassare quattrini, è pieno di simbolismi a volte anche non cattolici addirittura pagani che non hanno nulla a che vedere con quella che è stata la crocifissione di Gesu' cristo.

Certo alcune scene sono forti, trasmettono vera e propria sofferenza, la lingua "originale" da quel tocco in piu' ma i sottotitoli sono sempre e comunque fastidiosi...

Nikilo  @  14/09/2009 00:34:58
   4 / 10
Devo subito cominciare a puntualizzare dalla prima frase d'apertura, citazione di Isaia 53 700 a.C " egli è stato trafitto per i nostri delitti, schiacciato per le nostre iniquità; per le sue piaghe noi siamo stati guariti "; ma che cavolo significa? Cos'è un modo per vittimizzare ancora di più cristo? Ma che inizio della menga. Per intenderci i primi 10 minuti mi stavano innervosendo a tal punto che ho dovuto fare una pausa, per poter proseguire. Erano pieni di simbolismi ultra-comuni tendenti al superstizioso, primo esempio il serpente, che rappresenta il peccato, la tentazione, ( ma che cavolo hanno fatto i serpenti per meritarsi tale nomea ), poi il diavolo tentatore-moralizzatore, ma che schifezza è?
Passiamo al resto.
Ma che cosa voleva dimostrare, quello " psicopatico " ( l'aggettivo è una citazione ) di Gibson? Che la crocifissione romana era al quanto cruenta? Così pure le punizioni inflitte? Bè se così fosse poteva utilizzare una persona qualsiasi, oppure poteva creare una storia in verosimile, per fare una critica sul tema. No, non contento lui prende il martire più famoso della storia, e gli fa un film (come se non ne avessero già fatti abbastanza ), risultato una schifezza che osanna sempre di più il cristo-vittimismo. Ma che cosa voleva fare, impietosire chi l'avrebbe visto? E poi una volta per tutte, quando lo capirete che la tortura, non era sempre puro sadismo e nemmeno quello che pensate voi, (mi riferisco alla frase d'apertura del film ). A quell'epoca, la crocifissione veniva utilizzata come una sorta di punizione con una valenza di avvertimento a tutte le generazioni future, ergo per tutti coloro che gli fosse venuto in mente di fare certe cose che non andavano fatte, tipo ribellarsi; uno degli esempi più palesi è l'episodio STORICO e sottolineo STORICO, della ribellione di Spartaco, risultato crocifissioni sulla via Appia. Ve lo spiego io perchè ha scelto proprio cristo, perchè se no, non avrebbe avuto lo stesso successo, e poi diciamocelo se voleva far un film che prendeva in esame la tortura ( visto che va molto a genio in generale ), in epoche più vicine alla nostra, la tortura è stata tremendamente utilizzata, ma poi non ci avrebbe guadagnato abbastanza sopra ( furbacchione di un Mel ).
Utilizzando una operazione matematica per intenderci :
cristo + Mel Gibson + sanguetorturaemmorte = schifezza
" La passione di Cristo - per volontà espressa del suo regista - intende essere un pugno nello stomaco dello spettatore, e fare riflettere sulla portata del sacrificio salvifico del Figlio di Dio, attraverso scene realistiche e violente." cit. Ah è così? Sarebbe questo il messaggio che dovrebbe far riflettere? Riflettere su che cosa poi? Questo per me riesce ad avere solo una valenza vittimistica. Se Mel Gibson aveva tanto a cuore i pugni nello stomaco, perchè non si è fatto malmenare da un pugile professionista?
Ancora una cosa: visto che la trama del film segue il racconto dei vangeli,( e con ciò ho detto tutto ) finitela di dire che è un film storico o che si basa su fonti storiche!
Per usare di nuovo la matematica: storia / vangeli = impossibile
Che film penoso nel vero senso della parola e tutto accompaganto da una buona manciata di antisemitismo. Devo comunque ammettere che la fotografia, i costumi e i paesaggi sono piuttosto ben curati e questo devo comunque rendergliene atto, ciò non toglie che nel complesso non mi sia piaciuto.
Come ultima cosa vorrei scrivere una citazione che mi aveva parecchio colpito e mi sembra oltre ad essere esplicativa decisamente opportuna:
-Quelli sono nostri, è il tuo film fa schifo!
-Non puoi dire che fa schifo! Sarebbe come insultare tutta la cristianità.
- No amico, vuoi essere un buon cristiano? Racconta quello che gesù insegnava, non come l'hanno ammazzato! Viviamo in tempi già abbastanza oscuri, non abbiamo bisogno di vedere ancora più nero, giusto?
-Già tanta gente è stata crocifissa nel corso dei secoli, non possiamo contare sulla violenza per ispirare fede. " cit. [ S.P. 8° st. ep. 4 ]

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

11 risposte al commento
Ultima risposta 23/01/2010 23.22.10
Visualizza / Rispondi al commento
bulldog  @  16/07/2009 15:55:37
   4 / 10
pessimo,gibson furbetto.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  29/06/2009 12:32:05
   2 / 10
Premesso che sono ateo, qui non voglio criticarne la presunta blasfemia, ma il cattivo gusto. L'atmosfera dalle tinte dark, per esempio, e la violenza compiaciuta, suonano come una bestemmia. Se il regista aveva l'intenzione di mostrare sullo schermo le sofferenze carnali che può subire un uomo, perché mai avrebbe scelto come soggetto Gesù, che delle sofferenze ne è simbolo spirituale? Infine, perché diavolo ha deciso di realizzarlo parlato rigorosamente in aramaico antico, in una rappresentazione che non ha nulla di rigoroso?

21 risposte al commento
Ultima risposta 22/04/2011 12.31.35
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  24/02/2009 15:43:52
   3½ / 10
Pessimo, davvero disgustoso.
Pellicola violenta all'inverosimile. Punta tutto sul far parlare di sé e attrarre gente al botteghino. Avere molti spettatori con una storia su Gesù in paesi prettamente cristiani poi è fin troppo semplice. Esagerato in tutto.
Sembra che a questo film a sfondo religioso manchi proprio l'anima.
L'unica cosa buona è che un film su Cristo peggiore di questo non può essere fatto, ormai toccato il fondo si può solo risalire.

8 risposte al commento
Ultima risposta 07/01/2010 20.28.27
Visualizza / Rispondi al commento
Neu!  @  17/02/2009 20:43:27
   1 / 10
Gibson è un pessimo attore e regista. il suo "Braveheart" è probabilmente uno dei film più sopravvalutati di sempre; è un film abbastanza mediocre. ma è qui che Gibson da' il peggio di se stesso. è uno dei film più brutti che io abbia mai visto; un polpettone imbevibile, con tutti i difetti all'ennesima potenza dei prodotti hollywoodiani (ralenti, recitazione monocorde) e soprattutto moralmente scorretto. a tal proposito sembra scritto apposta per il nostro papa. a buon intenditore poce parole

11 risposte al commento
Ultima risposta 17/03/2009 15.36.08
Visualizza / Rispondi al commento
cinemachampion  @  18/01/2009 19:07:55
   1 / 10
mi dispiace solo che sto film e' di mel gibson :(
cmq il film mi fa schifo perche riassume le solite sciocchezze del vangelo.
forse non avete capito che dio non esiste?

18 risposte al commento
Ultima risposta 01/03/2013 04.26.26
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Gatsu  @  11/01/2009 15:27:08
   2 / 10
Brutto, bruttissimo.
Non ci voleva questa mega minc**** di Gibson ed è meglio che non ne parli qui del tema trattato, altrimenti mi cancellerebbero dall'esistenza....

3 risposte al commento
Ultima risposta 06/06/2009 21.44.51
Visualizza / Rispondi al commento
Cuoreimpavido  @  29/11/2008 14:58:02
   5 / 10
un 5 e gia tanto, poi un cast da urlo, una storia inventata come ha fatto la chiesa il vangelo, basta co dio e ste cavolate

4 risposte al commento
Ultima risposta 18/01/2009 19.34.23
Visualizza / Rispondi al commento
Alex83  @  20/10/2008 23:38:56
   1 / 10
Il più brutto film su Gesù Cristo che io abbia mai visto, il quale in questo caso viene relegato a "giocattolo" per le manie di Gibson. Crudele e fondamentalista in maniera immotivata, il risultato è un prodotto da evitare ad ogni costo.

6 risposte al commento
Ultima risposta 31/05/2009 06.17.57
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  25/03/2008 17:57:49
   5 / 10
Se l'intento di Gibson era quello di creare una messa in scena il più possibile realistica del martirio di Cristo, l'intento era condivisibile. L'uso del linguaggio aramaico era un elemento che supportava tale tesi, ma se guardiamo il film ed alle scene della passione c'è un grado di compiacimento eccessivo e irritante

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

Un film a mio parere non memorabile e molto sopravvalutato.

2 risposte al commento
Ultima risposta 13/08/2008 13.21.45
Visualizza / Rispondi al commento
the saint  @  24/03/2008 00:06:02
   4 / 10
mah......mezzo scioccato...si potrebbe tranquillamente intitolare: LA FLAGELLAZIONE DI CRISTO!!!!!!!!
ma andiamo per ordine, vediamo cosa c'è da salvare:
caviezel sicuramente! --- costumi pure... per il resto è tabula rasa!!!!!!!!
1) errori nei sottotitoli
2) troppe le scene sanguinolente.. ( in certi momenti anche splatter, sembra di stare sul set di hostel...) esagerata la scena della fustigazione...
3) il trio medusa( celentano-gerini-bellucci ) a dir poco imbarazzante...
ma a parte queste considerazioni negative ciò che mi fa dare un voto così basso è a mio modo di vedere è l'errore di mel gibson compie nello sviluppare questo film:
non sono un esperto del campo ma la passione di cristo dovrebbe celebrare anche la resurrezione: il Nazareno, secondo il racconto evangelico, sarebbe risorto dopo tre giorni, nel giorno festeggiato dai cristiani come " domenica di pasqua'' l'ha detto anche il mio prete alla messa di oggi.....................ma qui la scena della resurrezione dura 3 secondi....
che passione è???????????

7 risposte al commento
Ultima risposta 28/03/2008 21.34.43
Visualizza / Rispondi al commento
benzo24  @  18/01/2008 18:46:05
   1 / 10
pessimo film, antisemita e assolutamente portato all'esaltazione religiosa. hanno ragione stan e kenny che in una puntata di south park hanno definito questo film una ****** pazzesca e vanno a riprendersi i soldi da gibson.

2 risposte al commento
Ultima risposta 24/03/2008 21.09.24
Visualizza / Rispondi al commento
amoreblu  @  31/12/2007 15:09:02
   3 / 10
A parte le inesattezze storiche e le insensatezze (avete visto la Celentano?), il film è orrendo. Gibson non la smette mai di soggiogarci con il putridume gretto dei mutilamenti e dei sanguinamenti e costruisce una storia che trasuda antisemitismo (vedasi i non salvatori di Gesù, provate un po' a pensare chi sono?). Poi questa leziosità di far recitare in aramaico e latino la trovo estremamente superflua.

3 risposte al commento
Ultima risposta 09/11/2008 17.23.43
Visualizza / Rispondi al commento
ELY81  @  10/10/2007 17:56:26
   3½ / 10
Una volgare rappresentazione della Passione di Cristo (che potrebbe assumere il più opportuno titolo di "Golgota trash") vista secondo gli occhi di un fascista australiano in preda alle sue manie religiose ossessive ( dichiaratamente antisemita). Il film, man mano che avanza, ci spiattella delle scene cruente e insopportabili, nonostante lo sforzo di ricreare con una certa fedeltà il linguaggio usato dagli ebrei e dai romani, con qualche scena da non scartare. Purtroppo anche gli attori sembrano non dare il meglio. Caviezel è del tutto privo del carisma che realmente possedeva il personaggio che interpreta, ovvero G.esù. La Bellucci non sa cosa ci faccia realmente lì, anche se non parla e questo è un bene. Oltretutto non esiste un barlume di spiritualità, e non può esistere in questo ammasso di scene truculente, che insistono più sulla sevizia fisica, che sul silenzio, sulla riflessione, sul dolore e le lotte interiori di G.esù, che sta per essere portato al patibolo. Hitchens diceva che si tratta di "un esercizio omoeroico sadomasochistico", e appoggio pienamente la sua definizione.

1 risposta al commento
Ultima risposta 09/11/2008 17.33.58
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento nicko  @  08/10/2007 11:16:47
   3 / 10
Togliendo l'ottima scenografia ,costumi e qualche citazione presa dal vangelo cosa resta???un horror splatter .

Mi chiedo qual'è il messaggio che lascia 'sto film...chi sono i personaggi che ruotano intorno a Gesù??Tranne la madre ,non si capisce...la Bellucci che parte fa??è muta (per fortuna direbbe qualcuno),non dice niente ...la donna che gli sta accanto chi è??boh. E la Celentano cosa impersonifica??il diavolo?? Io non l'ho capito.
Ho letto che molti dicono che Gibson ci ha mostrato la vera agonia di Gesù, io personalmente credo che fisicamente è impossibile sopravvivere a tutte le percosse viste ..sarebbero bastate le prime frustate per mettere ko chiunque...E' evidente che il nostro caro Mel ha un pò esagerato!!
Se volete vedervi un bel film alternativo a questo, consiglio "Gesù di Nazareth" di Zeffirelli.

5 risposte al commento
Ultima risposta 09/11/2008 17.29.09
Visualizza / Rispondi al commento
onda  @  03/08/2007 00:36:31
   5 / 10
Al di là di tutte le polemiche sul presunto antisemitismo di Gibson e sull'eccessiva crudezza delle scene di tortura cosa rimane? Un film non completamente da buttare, ma sicuramente non bello e non interessante.
La regia di Gibson è greve, priva di novità e di poesia. Forse i suoi intenti sono stati sinceri (si veda l'idea di usare le lingue originali), ma di questa Passione si poteva fare tranquillamente a meno.

1 risposta al commento
Ultima risposta 10/08/2007 10.26.32
Visualizza / Rispondi al commento
ragno  @  25/06/2007 22:48:16
   5 / 10
premesso che sono ateo...il film e girato bene nulla da dire ma quì stiamo parlando di cristo! voglio dire...la violenza,il sangue... solo questo mi rimane del film! troppo semplice fare capire il bene dal male in questo modo! Gibson ha voluto dare più peso alla brutalità del potere fisico che alla grandezza dello spirito umano. A me i film violenti e sadici piacciono molto ma non mi aspettavo che un film girato a favore di comunque un grande uomo venisse trattato in questo modo...semplicemente perchè non ha rispettato la sua (cristo) visione.

Rand  @  25/06/2007 22:38:27
   3 / 10
Uno dei film peggiori di Gibson, che daltronde è attore prima che regista e si vede, usa una marea di ralenti, sangue agogò e cliche da film horror. Tralasciando l'ipocrisia di una pura operazione commerciale il film mi ha lasciato freddo, e ostile, l'unico personaggio interessante mi è sembrato Pilato e...il diavolo...ma per quello non c'era bisogno di molta fantasia, per il resto due bambibi dietro di me piangevano a dirotto terrorizzati per il film che i genitori fondamentalisti li costringevano a vedere, un horror sarebbe stato meglio, Gibson pensa di spiazzarci con la banalità del male e della violenza degli uomini, ma non ha capito che anche una delle storie più antiche del mondo bisogna saperla mostrare e non farne un polpettone di fede cristiana grondante compiacimento e conoscenze tecniche dei mezzi cinematografici da terza elementare come i ralenti e i vari flasback con cui crede di raccontarci tutto, ma per piacere! In sostanza pesante e inutile operazione commerciale che i cattolici di tutto il mondo sono andati a vedere per dare un pò di soldi a Gibson...

Gruppo COLLABORATORI fidelio.78  @  25/06/2007 16:52:07
   5½ / 10
Neanche fosse una recita medievale, l'insistenza di Gibson sul massacro e non sulla parola di Cristo, mi lascia perplesso.
Da un punto di vista cattolico non dovrebbe essere interessante perchè non è la morte, ma la vita di Cristo ad essere l'insegnamento fondante della religione (purtroppo non è sempre così e molti fanatici hanno preso spunto per rinfocolare i loro inutili punti di vista antisemiti a cui già rimandavo con la frase sulle recite medievali fatte proprio con lo scopo di istruire il volgo).
Per i non credenti la vista di due ore di splatter non aggiungono e non tolgono niente al loro pensiero su Cristo.
Sostanzialmente ci troviamo di fronte ad una produzione colossale che non riesce comunque a carpire l'animo e la poesia di determinati insegnamenti e che mostra con insistenza solo la violenza fisica subita rilegando personaggi e sentimenti nell'antefatto non esposto. Solo l'odio viene preponderante mostrato nella sua forma più fisica e vile.
Il film sarà anche girato bene, ma non basta per emozionare, o meglio, per suscitare le vere emozioni che questa storia dovbrebbe dare.

2 risposte al commento
Ultima risposta 10/09/2008 21.39.54
Visualizza / Rispondi al commento
Geoff  @  25/06/2007 16:41:05
   4 / 10
commentare e parlare di questo film mi ha sempre creato problemi con i miei interlocutori.

Il punto è che lo reputo uno buon film splatter .Un lungo insistente ed assilante flusso di sangue e carne macellata , inframezzato da pause per riprendere il respiro. ma niente di più.
La rappresentazione del dolore ,a mio avviso, non necessita per forza di ettolitri di sangue. Far capire alla gente il calvario di qualcuno è molto più efficace se vi è un sapiente uso di sibolismi e sotterfugi, che ti lasciano qualcosa.
L'incredibile massacro a cui ho assistito non mi ha commosso ne mi ha fatto comprendere le sofferenze di Cristo. quelle le avevo comprese prima , spiegate in maniera consona e interessante.questo Mi ha schifato e fattto rabbrividire. Ma Re-Animator e Un gatto nel cervello mi avevano dato le stesse sensazioni. Che però in quell'ambito definisco goduriose.

Tralasciando le inclinazioni naziste ed antisemite del regista (che sono palesi, ma non sono qui per giudicare un uomo, ma il film) , non trovo abbastanza esauriente la spiegazione "ma è così che è andata!!!" come mi ha detto mia madre entusiasta della visione.

Parlando con la gente mi sono accorto che ai cattolici ed ai cristiani in generale è piaciuto molto. a me no.

P.S. andate a cercarvi l'ìintervista fatta a Sergio Rubini sulla sua partecipazione a questo film...

3 risposte al commento
Ultima risposta 09/12/2008 18.20.44
Visualizza / Rispondi al commento
Sciamenna  @  22/05/2007 16:33:59
   5½ / 10
Non sono certamente un cattolico, e forse questo mi ha permesso di osservare il film criticamente e con quel pizzico di distacco in più rispetto ad un credente osservante..

La morale che Gibson VUOLE far emergere ( perchè è evidente..) non mi conforta e non mi piace per niente: non credo assolutamente che si possa intravedere in questa pellicola un'antisemitismo radicale, ma, peggio ancora, un pericoloso antisemitismo DI FONDO, velato, che si avverte , latente, per tutta la durata del film.

Però: anche se nel giudizio bisogna senz'altro tenere conto di questo " peccato" non da poco, le crude sequenze del film rendono bene l'umanità di Gesù, la miseria morale, la bassezza che avrebbe caratterizzato qualunque popolo in mezzo al quale una figura del genere avesse deciso di operare.

Il film fa " sentire" COSA realmente Gesù ha subito per l'umanità ( e non per la maggior parte di essa come vorrebbe fare intendere gibson..), la violenza risalta in una vicenda umanizzata e purtroppo pesantemente strumentalizzata.

Riguardo l'interpretazione del vangelo, bè.. è sicuramente discutibile..
Io però non ho mai capito che fine abbiano fatto tutt'una serie di vangeli ( i cosidetti vangeli del mar morto) cui molti hanno accennato ( ed implicitamente anche uno che le spara grosse, come dan brown..) ma dei quali sembra comunque sia stata possibile l'esistenza..

E' un ulteriore messaggio non-distensivo in un momento della nostra storia in cui vi è bisogno di tutt'altro..

Ma mi sembra, forse non egualmente( diversamente, direi..) grave ma quasi, che dei preti ( sentito con le mie orecchie!!) parlino in pubblico del profeta della religione islamica come inferiore in quanto " morto, sepolto ed ammuffito" sotto terra, e non " risorto in cielo come nostro Signore"..

Massimo rispetto per qualunque religione, non per qualsiasi Chiesa come istituzione POLITICA. Solo che in questo film l'accento della polemica è ancora più pericoloso di quello che ho appena accennato..

La rappresentazione della sofferenza dell'uomo Cristo mi ha comunque colpito, e non avrebbe avuto bisogno dei condimenti gibsoniani.

Sotto la sufficienza, un film che mi ha comunque toccato ma di cui è incondivisibile la visione di fondo..( e mi sembra che una visione analogamente disprezzabile sia stata trasportata anche in Apocalypto..)

2 risposte al commento
Ultima risposta 23/05/2007 12.02.24
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  29/03/2007 21:52:48
   3 / 10
grande film di Lucio Fulci...ah no è Mel Gibson, quel gran pezzo di regista che da un pò di tempo si diverte a incassare miliardi su miliardi vendendo minchiate e falsità a un pubblico di ignoranti su un delicatissimo quanto mai bellissimo evento: la morte di Cristo.
perchè dico che è bellissimo questo tremendo evento? perchè è il massimo di amore che Cristo è riuscito a darci e con lui Dio, se mi seguite c'è una scena di cui dubito che Mel Gibson abbia capito il senso, ma inspiegabilmente e sensatamente ha inserito, al preciso momento del trapasso di Gesù in cui tutto diventa bluastro e il corpo emette l'ultimo respiro: il testo biblico italiano dice "e spirò", ma quello greco usa un verbo unico che significa "esalare l'anima", ecco quello è l'Amore di Dio dato agli uomini per mezzo della morte di Gesù, ma Gibson non ha capito un *****, infatti a confermare ciò vediamo come tutto il film sia la semplice scarnificazione di un uomo che ha bestemmiato al sinedrio e la sua crocifissione e come Gibson sia un malato mentale alla stregua di Hitler: che ***** di bisogno c'era di far vedere tutta quella violenza?? il Vangelo dedica una riga alle sofferenze di Cristo ante croce, invece lui ci disgusta con inutile ed evitabile violenza per un'ora e mezza, alternando momentucci presi dalla predicazione cristiana: ad un certo punto mentre Gesù è lì a prendere mazzate si vede lui e Maria che parlano di tavoli e sedie...che ***** c'entra?
per non parlare dell'ultima cena,,,ahhh caro mio qui si arriva alla summa della presunzione, incoerenza, falsità, dappocaggine, pochezza, stupidità, ignoranza che caratterizzano l'animo di questo grande regista: mentre gesù versa il vino noi tutti siamo abituati a sentire "prendete e bevetene tutti, questo è il mio sangue versato per voi e per TUTTI etc..." invece il nostro evangelista Mel Gibson nel suo Vangelo secondo Mel (pare che vada di moda ultimamente scrivere Nuovi Vangeli come ha fatto l'altro grande genio Dan Brown) dice: "...per voi e per MOLTI". ora una persona attenta e cristiana ovvero che segue le predicazioni e la Via di Gesù si incazza. perchè? perchè il messaggio di Dio è rivolto a TUTTI, si predica l'UGUAGLIANZA! Meel ci senti?! bigottone antisemita?! ci sei?! ce la fai?! sei connesso?! risvegliamo un vecchio adagio interessante per l'occasione: "quando avevo fame mi avete dato da mangiare, avevo sete mi avete dato da bere, ero nudo mi avete vestito etc...ogni volta che l'avrete fatto a uno di questi, l'avrete fatto a me" se non sbaglio Mel Gesù non si riferisce a una strana e determinata genìa di persone, ma a tutta l'umanità, se non sbaglio Mel sulla croce ha gridato ai suoi carnefici "Padre perdona loro perchè non sanno quello che fanno" e secondo te *******tto borioso e belloccio cuore impavido non li ha perdonati, non ha esteso anche a loro L'Amore del Padre? ma sembra che Mel non ce l'abbia solo con gli ebrei colpevoli ancora dopo duemila anni di aver ucciso Cristo (quindi offendiamoli e giustifichiamo Hitler per quello che ha fatto), ma anche con le persone disabili o con malattie che deformano il corpo, ne vediamo una prova nella bellissima immagine del Diavolo (spauracchio ridicolo quando doveva essere una figura affascinante e potente in quanto portatrice di falsità e apparenza come lo è Al Pacino nell'Avvocato del Diavolo) che porta in seno un essere mostruoso degno di un film ferreriano/Lynchiano e la domanda sorge spontanea: "solo perchè tutti non hanno la tua bella faccia pulita e bianca devono stare nell'Inferno con il demonio?" ma abbiamo visto che Gibson è una figura di grande coerenza.
il film quindi fa ****** e a mio parere sembra un horror di cui sappiamo già il finale, quindi un horror di *****.
Pasolini realizzò il capolavoro "Vangelo Secondo Matteo". basta non se ne fanno più di ****** hollywoodiane in cui vediamo il Diavolo strapparsi i capelli in un posto non definito tipo Matrix quando dovrebbe essere una figura evangelica temuta e rispettata, combattuta.
l'unica cosa che si salva è la scelta di girare con i sottotitoli in lingua originale.
Ponzio Pilato figura ambigua, ma dotata di grande senso dell'umanità per Mel Gibson...a me non sembra però ormai passa tutto,perfino i bambini che inseguono Giuda, anche quella scena merita l'oscar
voglio consigliare a Gibson una poesia di Budelaire che non aveva capito un ***** di tutto e stava lì a fumarsi il suo oppio e sparare ******* e qualche bella poesia il che fa anche Mel senza le poesie però, ma con film di *****:

"o Gesù nell'orto degli Ulivi pregavi colui che in cielo rideva mentre ignobili carnefici inchiodavano la tua carne ancora viva" è più o meno così e il significato è altamente distorto come sto film di *****

27 risposte al commento
Ultima risposta 08/09/2008 13.37.19
Visualizza / Rispondi al commento
paride_86  @  09/03/2007 13:02:52
   4½ / 10
Un film scandalosamente e odiosamente violento che, appunto per questo, sembra raccontare l'agonia di un qualsiasi prigioniero romano piuttosto che la Passione di Cristo. Unico merito di Gibson è di aver fatto recitare la Bellucci sottotitolata: rende molto di più!

zeta  @  31/01/2007 10:43:03
   2 / 10
Uno dei peggiori film che abbia mai visto. Ma che ci vuole a mettere un tizio che viene fustigato per tre ore. Questo film non racconta niente di Cristo. E' ridicolo per i laici e offensivo per i cattolici (quelli intellignti, non quelli bigotti che si eccitano alla prima ostia che vedono). Caro Mel le tue turbe da invasato tienile per te.

Invia una mail all'autore del commento Malvagio  @  05/01/2007 10:26:37
   2 / 10
Ancora nn riesco a RENDERMI CONTO DI Ciò che ho visto, un essere umano se ciene fustigato cn quella violenza muore, invece il cristo di mel gibson sembra un supereroe molto coriaceo....ma per favore.
Stendiamo un velo pietoso sul realismo del linguaggio...ma ke senso ha la lingua originale??????allora se vedo un film romato deve essere in latino x essere più realistico o se vedo un film di alieni....meglio nn pensarci.
AL CARO mEL LA religione ha dato alla testa.

4 risposte al commento
Ultima risposta 05/01/2007 12.06.46
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Satyr  @  02/12/2006 02:07:23
   3 / 10
Una pellicola sostanzialmente inutile,buona solo a soddisfare la saccoccia di un abilissimo mel gibson.....un successo strumentalizzato e francamente assurdo:la regia(fatta passare per magistrale)risulta abbastanza banale se pensiamo a pellicole come Braveheart e la favoletta "la storia vera raccontata da un'altra angolazione" per il sottoscritto non funziona....sadico e violento fino alla nausea,inutile e pesante oltre ogni immaginazione.

5 risposte al commento
Ultima risposta 25/06/2007 22.55.56
Visualizza / Rispondi al commento
uomosuono  @  22/08/2006 20:51:39
   1 / 10
VOTO : 1 PER IL SOGGETTO. ANCORA FILM SU CRISTO, E BASTAAAA!!! CHE PALLE!!!! L'UNICA PARTE DIVERTENTE E' STATA QUELLA DELLE FLAGELLAZIONI!!! GIBSON TI PREFERISCO IN ARMA LETALE!

1 risposta al commento
Ultima risposta 03/07/2008 18.50.25
Visualizza / Rispondi al commento
BobRobertson  @  22/08/2006 19:42:47
   4½ / 10
un film horror?
non l'ho apprezzato molto... x tutto il film non si vedono altro ke flagellazioni... ed io speravo in qualkosa di un po' più profondo...
stupenda l'idea di non girare il film in lingua inglese ma secondo me non basta.

personalmente ritengo ke il più bel film su cristo l'abbia girato il grande pasolini.
ke dio l'abbia in gloria.

2 risposte al commento
Ultima risposta 08/09/2006 11.59.02
Visualizza / Rispondi al commento
Epicuro  @  08/06/2006 12:01:10
   1 / 10
Se scrivessi ciò che penso del film quelli del sito mi caccierebbero per timore di denuncie di mister Gibson (sai che paura!).........Comunque se volete farvi un'idea di Epicuro leggete pure la mie recensioni a gli altri film di Gibson........e RISPONDETEMI!!!!!!!!!!!!!!!

33 risposte al commento
Ultima risposta 20/06/2006 08.16.02
Visualizza / Rispondi al commento
caligola  @  30/05/2006 13:22:31
   4 / 10
Sono totalmente d'accordo con Zeffirelli che ha definito quest'opera pornografica. La sofferenza non ha bisogno di essere mostrata per rendere la sua potenza. Qui si descrive con minuziona perversione la sofferenza fisica di gesù e si mette in secondo piano la più grande delle sue sofferenze, quella morale, quella spirituale..... Pessimo davvero pessimo

4 risposte al commento
Ultima risposta 13/07/2006 09.40.48
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo STAFF, Moderatore Invia una mail all'autore del commento Lot  @  18/04/2006 21:26:55
   5½ / 10
L'ego di Gibson e il suo approccio figlio di un vuoto proselitismo rendono inefficace il messaggio di un personaggio la cui eventuale statura non è certo proporzionale ai litri di sangue versato.
In fondo uguale al diversissimo ed edulcorato Zeffirelli, lontano anni luce da Pasolini.

28 risposte al commento
Ultima risposta 28/04/2006 21.26.18
Visualizza / Rispondi al commento
Paolo70  @  16/04/2006 23:18:41
   4 / 10
Perchè dare una rappresentazione così crudele e violenta anche se può essere vicina alla realtà? Le cose da ricordare di Gesù sono soprattutto quelle che ha fatto in vita e le sue sagge parole che sono d'insegnamento per un buon Cristiano.

7 risposte al commento
Ultima risposta 24/04/2006 01.37.07
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  17/03/2006 20:59:17
   5 / 10
Premettendo che non mi interessa valutare se il film sia blasfemo o meno, perchè ritengo che il valore di un film prescinda dalle idee alla base o dalle sensibilità che eventualmente ferisce, la mia critica si incentrerà solo sul merito della pellicola. Ed il merito della pellicola è indubbiamente scadente. Al di là della buona intuizione di raffigurare l'agonia per quel che è, priva dell'edulcorazione cui siamo stati abituati a catechismo, Mel Gibson mette ben poco. Tutto troppo alla ricerca dell'effetto facile, tutto merchandising, bellissime scenografie, costumi curati, fotografia accorta, insomma, bella scatola, ma senza il regalo dentro. Sì perchè la sceneggiatura langue, ed a volte sfiora il ridicolo (si vedano i dialoghi di Rosalinda Celentano/Satana), gli attori sono insolitamente cani, con la Bellucci su tutte, pur nel ruolo che le riesce meglio e che ne ha segnato la carriera (quello della ...diciamo...donna aperta, per non offendere sensibilità). Insomma, un box office annunciato ed un fuoco di paglia prevedibile.
Sciocche e sterili le accuse di antisemitismo, quasi come l'idea di usare l'aramaico antico nei dialoghi, nella velleità di far sembrare un documentario storico quella che è niente più che finzione cinematografica

2 risposte al commento
Ultima risposta 19/04/2006 17.33.14
Visualizza / Rispondi al commento
rep01  @  02/02/2006 18:47:21
   3 / 10
Immodicissima atque furentissima Christi doctrinae notionem haec pellicula dat. Adhortationem effingit ad incorruptissimam insanissimamque corporalitatem ita ut Ecclesiae emendatae noctiones imaginum aetheriarum casus videatur et mediae aetatis furentium cruciatus mitem paenitentiam conspiciat. Doloribus ac passioni fugax vita notanda est in hoc orbe, sed dolorum amans Christus quis in suo crociatu voluptatem explet imaginis rectoris violentia respondet: humanitati multo parvissima hoc Jesus in possessione est, quamvis factus spiritus corpus. Passionis, amore motum ex facinoribus suavissimum in historia, terminum hac pellicula in illo adfiget, et blasphemia simpliciter: ego iniuriam in animo sensi.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

8 risposte al commento
Ultima risposta 20/07/2007 13.57.27
Visualizza / Rispondi al commento
No Mercy  @  01/02/2006 15:58:09
   1 / 10
Un vero e propio insulto...non concepisco il motivo(apparte fare soldi facili attirando critiche di massa facendolo diventare quasi un caso politico...)di raffigurare la crocefissione di Gesu'in questo modo e non concepisco la media voti cosi'alta per una pellicola inutile e dalla visione talmente stankante e opprimente...voto 1 a una film che reputo inconcepibile,blasfemo,arrogante e sadico!

14 risposte al commento
Ultima risposta 18/04/2006 02.23.49
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI bungle77  @  23/11/2005 15:31:59
   3 / 10
mah... a me è sembrato volere cercare il sensazionalismo a tutti i costi... sono d'accordo con chi ha detto che non è altro che un abile manovra commerciale per raccogliere un po di soldini... veramente una buffonata di film

desi  @  12/11/2005 21:37:25
   4 / 10
Uno dei film horror più belli in assoluto della storia del cinema...
..Non è ironia ma la verità.
Peccato che questa è religione e le ultime ore di Cristo non possono essere rappresentate come uno splatter di George Romero...
Gibson buffone. Caviezel bravissimo.
Ma questo è il film più soggettivo che ho commentato su centinaia, nel senso che capisco perfettamente e addirittura lo condivido a chi ha dato un voto alto a tale film.
Soggettivo

Dziga  @  19/10/2005 20:35:04
   1 / 10
manovra commerciale per far entrare tanti tanti soldini nella tasta di quel sadico di mel gibson...per girare questo film hanno utilizzato due cisterne di sangue.La parte finale del che dovrebbe essere quella piu' importante viene girata in 2 minuti.complimenti gibson sai come fare i soldi!

PS lo sapevate che gibson si diverte a uccidere gli animali nel suo ranch giusto per "studiare" la dinamica di fuoriscita del sangue dalle bestie!!!!

1 risposta al commento
Ultima risposta 03/12/2005 16.37.02
Visualizza / Rispondi al commento
blasfemus  @  18/10/2005 20:51:49
   4 / 10
Con tutta la buona volonta'non riesco a capire come una fustigazione rappresentata per un ora e mezzo di film possa risultare cosi'bella e conivolgente...carina la trovata di riesumare una lingua morta(da molta atmosfera al film)ma sicuramente non basta a risollevare il mio giudizio.Un'agonia impossibile da raccontare.

xxxb9s  @  25/09/2005 15:50:30
   4 / 10
non sono riuscito a vederlo tutto perche' le scene di violenza erano troppo anche per me, cresciuto a suon di robocop e maciullacarne vari.

non credo alla tesi di coloro che giustificano tutte quelle scene "Perche' tratte da una storia vera" (quella delle torture su Gesu')....
a me sembra un po' troppo esagerato e scusatemi se guardo sempre alle cattive intenzioni, mi sembra che sia un pretesto per scandalizzare,far parlare del film e tirare su soldi al botteghino.

sembra un film da macellai, e non lo giustifico.

trovate un'altra scusa.

il classico film "gesu di nazareth" con molto meno sangue riesce a commuovere e a fare riflettere cento volte di piu'.
evito pure di commentare tutti i fenomeni "paranormali" che mel gibson racconta siano successi mentre girava il film.......ancora una volta ogni fesseria e' buona per tirare su pubblicita' e moneta.

aridatece ben hur, e la tunica.

a confronto questa e' immondizia, mel gibson ha bisogno di girdare per farsi sentire.

Brohymn  @  28/07/2005 14:33:50
   1 / 10
Non che mi aspettassi molto dopo Braveheart, ma questo film rasenta la schifezza.
Fare di questi argomenti degli horror mi sembra veramente trirare troppo la corda...

la tattica del pessimo Mel è chiara: fare un film che fa discutere per farci sopra una montagna di quattrini.
Speriamo che al prossimo film gli si spacchi la cinepresa...

Tuko  @  23/07/2005 00:09:01
   1 / 10
VIsto la delicatezza del tema preferisco riportare il commento (che tralaltro condivido) di un'altro regista, nella fattispecie Franco Zeffirelli:
"cosa dire di gibson ed il suo film, ho avuto il dispiacere di conoscerlo nonchè dirigerlo in un mio film (Amleto), già allora mostrava spaventosamente il suo essere violento; gibson è assolutamente un sanguinario e la sua opera vergognosa lo rappresenta in pieno.


antonius block  @  06/07/2005 17:17:50
   5 / 10
paragonabile a un film horror .
Violenza gratuita e per di più troppo pubblicizzato.
Mel Gibson ha voluto spingersi troppo oltre per suscitare clamore.

gioia_bi  @  03/07/2005 13:14:37
   4 / 10
sarà anche un film carino ma scene troppo crude..

Iris '91  @  13/06/2005 19:01:43
   1 / 10
scusate se ve lo dico, ma il film è orribile! praticamente si vede sl sangue! forse m sbaglierò visto ke l''ho guardato sl a metà xkè ce l''han fatto vedere a scuola, ma credo ke anke la seconda parte faccia skifo... nn odiatemi please

Fidelio  @  07/05/2005 12:28:33
   5 / 10
Povero Nietzsche, cosa direbbe...

14 risposte al commento
Ultima risposta 23/04/2006 02.42.28
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI martina74  @  03/05/2005 18:57:18
   5 / 10
Non riesco a dare la sufficienza a questo film. Intriso di fanatismo, eccessivo, troppo “terreno”. Mi sfugge il senso del ragionamento che spinge un regista (?) a insistere morbosamente sulle lacerazioni della carne del Cristo, inflitte da un centurione che sembra uscito da un trattato lombrosiano o da un bestiario medievale.
Mi sfugge il motivo per cui la resurrezione, uno dei più grandi misteri del Cristianesimo, viene affrontata come un mero accidente cui riservare solo pochi fotogrammi. Parlo da atea che riconosce la statura di Gesù, come colui che riuscì a gettare il seme del cambiamento e dell’Amore: la grandezza di Cristo sta nel suo Verbo, non solo nella capacità di resistere alle torture dei suoi aguzzini. Non credo che Mel Gibson abbia mai guardato davvero dipinti come il “Cristo Morto” di Mantegna, che nella sua livida ed esangue figura quasi priva di ferite trasmette tutta la tragica evidenza dell’umana sofferenza, o come “L’incredulità di Tommaso” di Caravaggio, in cui il gesto dell’apostolo dubbioso è tanto realistico da essere commovente.
Nella sua fanatica ignoranza, Gibson crede di poter instillare in noi il senso di pietà infilando qualche flashback a effetto durante il calvario di Gesù trasformato in un animale da macello.
Si salva solo il dolente personaggio di Maria, che nei suoi sguardi di muta sofferenza rende appieno la tragedia di una madre che assiste al martirio del figlio.


3 risposte al commento
Ultima risposta 05/05/2005 19.30.29
Visualizza / Rispondi al commento
Titto  @  26/04/2005 01:57:33
   1 / 10
Vi dico solo questo: Jim Caviezel quando ha girato il film aveva 33 anni e avete notato che le sue iniziali sono J C... Jesus Christ??? Bene lui di certo l'ha notato e andava in giro a Matera a benedire i bambini... E' vero me lo ha detto Giuda. Il film poi è un massacro di un tipo di duemila anni fa, non c'è minimamente quel misticismo nella figura di Cristo... i rallenty non sono sufficienti Mel !!! Torna a fare l'attore chè non sei un regista...

Marlboro Man  @  17/04/2005 22:56:43
   1 / 10
Mi dispiace per il vecchio Mel ( e anche per Jim Caviezel, grandissimo Conte di Montecristo) ma trattasi di *******ta epocale.... esagerato, fa vomitare (letteralmente)... l'horror più sadico mai visto... si potevano evitare alcune braveheartate... in definitiva: viene menzionato solo per il tema scelto

Nightcrawler  @  26/03/2005 20:11:43
   4 / 10
La passione vista dal cristianesimo più ultraintegralista che esista. La sofferenza da mezzo passa a fine. Il sangue di Caviezel per mascherare il vuoto.

LittleSpielberg  @  26/02/2005 13:00:33
   4 / 10
Vi dico che io ero in sala con le mani davanti agli occhi, e le pop corn sotto il sedile per via dello stomaco nelle orecchie.Da alcuni studi fatti e dalle 1000 persone che lo hanno confermato, con ogni probabilità,il supplizio di Cristo interpretato da Gibson è molto vicino alla realtà...e quindi non criticabile...non ha voluto inventare niente!La lingua in aramaico????Idea sublime....Rosalinda Celentano???Spaventosa, come spaventosa(In senso buono ovviamnte)l'idea di non assegnargli sesso(Maschio o femmina????BOH!!)Però....gli do 4!Ma come idea intendo....troppa violenza associata alla figura che porta la pace e l'amore....troppo sangue...e poi m'è calato quando ho saputo che il Cristo in croce era un robot coperto di Sangue con la pelle che cascava a pezzi!!!!
Un'ultimo appunto:Ma secondo voi....un uomo...Perchè Cristo era Uomo, che ha avuto una tortura del genere, con le ossa di fuori, il sangue e tutto il resto....come avrebbe potuto portare una croce di quelle dimensioni per tutto il tragitto del calvario???

8 risposte al commento
Ultima risposta 23/04/2005 19.16.26
Visualizza / Rispondi al commento
mithril  @  09/02/2005 18:50:48
   4 / 10
terribile! nel tentativo di rendere il film realista, è scaduto troppo nella violenza! ha esagerato tutto, per esempio: le frustate non erano solo 39, di semplice frusta? invece sono diventate decine e decine con ogni sorta di fruste, furtini, chiodi ecc...
Pieno di dettagli raccapriccianti, noioso e esagerato. unica nota positiva l'originalità della lingua, mantenuta in originale.

3 risposte al commento
Ultima risposta 18/02/2006 18.40.10
Visualizza / Rispondi al commento
nonex83  @  09/02/2005 17:27:28
   2 / 10
2 ore di sofferenza sia per la noia ke per le scene troppo cruente e violente.
nn merita assolutamente tutta questa attenzione. nn gli do 1 perke e stato fatto bene (anke troppo! certi momenti per la troppa violenza sono davvero raccapriccianti)

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  27/12/2004 01:48:43
   5 / 10
Brutto ma a modo suo epocale Riparliamone Trasfigurazione integralista - e dannosa, in un 'epoca di tensioni pseudo-religiose come questa - che deve qualcosa più a La via Lattea di Bunuel che non a Pasolini o Scorsese Intrigante comunque le figure di Ponzio Pilato e Giuda Quest'ultimo, rappresenta evidentemente tutto il simbolico rimorso dell'Uomo Moderno davanti al proprio potere del male Il Gesù che aveva "con sè le multitudini" è trasfigurato dall'insopportabile presenza delle star (?) italiane e dalla tronfia scena del crollo dei templi, vero e proprio sogno parodistico dei vecchi peplum I centurioni sembrano usciti dal Petronio di Satyricon ma l'impressione è che - al di là del film in sè - la visione concreta del corpo che si fa piega e sangue lontanissima dall'iconografia falsa dei crocifissi anche nostrani (anche se non sono islamico li rimuoverei volentieri) abbia sortito l'effetto desiderato nel pubblico
"Se qualcuno vi odia sappiate che prima di voi hanno odiato me"

Invia una mail all'autore del commento Malvagio  @  08/12/2004 13:07:56
   4 / 10
vergognoso,è una storia ke abbiamo visto e rivisto,avremmo volentieri fatto a meno della porkeria latino-aramaica di mel

2 risposte al commento
Ultima risposta 04/02/2005 16.38.12
Visualizza / Rispondi al commento
Aragorn  @  11/09/2004 23:38:59
   4 / 10
Perfettamente d'accordo con _Orion che ha votato prima di me.
Per me vale 4 perché è un film che non ti lascia nulla.

2 risposte al commento
Ultima risposta 10/04/2005 17.09.33
Visualizza / Rispondi al commento
Butch Coolidge  @  19/07/2004 11:24:33
   5 / 10
Grande manovra di marketing del nostro Mel Gibson. Il film ha una fotografia pessima, penso che se fosse stato girato negli anni 50 nessuno se ne sarebbe accorto della differenza. Gli attori recitano con molta superficialità rispetto all' intensità delle scene. La violenza è molto spesso gratuita, anche se Mel ci ha spiegato che ha voluto rendere tutto il piu' possibile reale. (Bella mossa, proprio per scioccare e distogliere l'attenzione dalla pochezza del film). In ultimo anche se rispetto queste persone non capisco come si possa cambiare idea o rimangere affascinati riguardo una religione per avere visto un film che per carità di sangue ne offre a litri piu' o meno realisticamente ma che non puo' essere paragonato ai Testi Sacri ne' per l'intensità nè per il realismo.

22 risposte al commento
Ultima risposta 17/08/2004 17.44.45
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 2   Commenti Successivi »»

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghierabad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettoeasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandfigli (2020)gli anni piu' belligood boys - quei cattivi ragazzigrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunno
 NEW
la vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammescherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturastar wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe grudge (2020)the lodgethe new mutants
 NEW
the other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo tolouna storia dĺarteunderwatervilletta con ospitivolevo nascondermi

1001659 commenti su 43203 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net