hunger regia di Steve McQueen Gran Bretagna 2008
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

hunger (2008)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film HUNGER

Titolo Originale: HUNGER

RegiaSteve McQueen

InterpretiMichael Fassbender, Liam Cunningham, Stuart Graham, Lalor Roddy, Liam McMahon, Laine Megaw, Brian Milligan, Helena Bereen

Durata: h 1.41
NazionalitàGran Bretagna 2008
Generedrammatico
Al cinema nell'Aprile 2012

•  Altri film di Steve McQueen

Trama del film Hunger

Il film racconta della rivolta attuata nel carcere nordirlandese di Maze all'alba degli anni Ottanta, quando i detenuti dell'IRA, per costringere il governo inglese a dargli lo status di prigionieri politici, diedero prima il via d uno sciopero dell'igiene e successivamente, per iniziativa di Bobby Sands, ad uno sciopero della fame che port˛ alla morte dello stesso Sands e di altri nove detenuti.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,21 / 10 (67 voti)7,21Grafico
Voto Recensore:   8,00 / 10  8,00
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Hunger, 67 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

AMERICANFREE  @  02/06/2019 18:53:23
   5 / 10
Molto deluso da questo film, l'inizio prometteva bene ma la seconda parte l'ho trovata noiosa e ripetiva. Concordo con alcuni utenti che hanno votato questo film con voti negativi, pochi dialoghi e scene interminabili. Nota di merito per il protagonista.

DarkRareMirko  @  26/06/2018 21:38:50
   8½ / 10
McQueen si riconferma regista acuto e dotato; film intenso e ben ricostruito, con almeno un piano sequenza memorabile (quello del dialogo tra Fassbender e Cunningham prete, che sarebbe opportuno aggiungere al cast).

Fassbender sempre ottimo: qua poi, si è ridotto peggio di quanto fece Bale per The machinist.


Acuto film di denuncia; come sottolineato da almeno due utenti, comunque qualche sequenza pare sin troppo lunga e, qua e là, qualche personaggio viene inserito e subito dimenticato.

Gruppo STAFF, Moderatore Jellybelly  @  23/08/2016 11:47:17
   8 / 10
Ottimo esordio per il predestinato Steve McQueen, che forse talvolta pecca di autocompiacimento ma sfoggia una tecnica sopraffina ed una conoscenza del mezzo rarissima. In mezzo ci sono la storia, e la sofferenza, ed un irlandese dal cognome tedesco che farà parecchia strada.

DogDayAfternoon  @  29/05/2016 16:20:41
   6 / 10
Esordio eccellente dal punto di vista tecnico per Steve McQueen (che con un nome così non poteva far altro che cinema); fotografia e regia sono di gran qualità, ma vi viene forse posta fin troppa enfasi: un piano sequenza lungo 5 minuti di un uomo che lava per terra, per quanto bene possa essere fatto son pur sempre 5 minuti di un uomo che lava per terra, scena della quale non riesco proprio a trovarci il significato. Oppure un altro piano sequenza di quasi 20 minuti, anche questo eccellente soprattutto in quanto a interpretazione, tra il protagonista e un prete, con un dialogo estremamente prolisso e pesante, senza alcuna emozione. Eccezionale comunque la prova di Fassbender.

Tirando le somme, una volta constata la capacità del regista e degli attori, resta poco altro di interessante in questo film che ho visto in maniera totalmente distaccata, senza nessun coinvolgimento nonostante una storia che aveva tutte le carte in regola per attrarmi.

Adatto soprattutto ad un pubblico di esteti, chi cerca contenuti ne rimarrà almeno parzialmente deluso.

4 risposte al commento
Ultima risposta 30/05/2016 15.01.01
Visualizza / Rispondi al commento
Giovans91  @  12/01/2016 12:29:34
   8 / 10
Hunger brucia dentro, colpisce duro senza far sconti. Steve McQuenn rende in questo modo un omaggio simbolico, ma sentito, alla figura di Bobby Sands, militante dell'IRA che scelse il martirio per portare avanti i suoi ideali. Registicamente implacabile, in un'atmosfera sospesa sempre combattuta tra la paura e la violenza, tra il coraggio e il dolore. Un'opera sorprendente e disturbante. Un Fassbender eccezionale nel ruolo, e si capisce facilmente come mai sia esploso dopo questo film. Nel suo sguardo c'è una fermezza lucida, il suo corpo è un fascio di nervi e la dieta con cui è dimagrito per filmare la parte conclusiva del film farebbe invidia al miglior Christian Bale. Grandissima la conversazione fatta con un piano sequenza di ben 17 minuti tra Michael Fassbender e Liam Cunningham.

Thorondir  @  18/11/2015 19:21:51
   7½ / 10
C'è il cinema europeo anni 50/60 nella regia di McQueen, in particolare la lentezza del cinema francese. E' un film classicissimo nei movimenti di macchina e che non ha paura ha piazzare un piano sequenza di quasi 20 minuti. Film duro nella sua semplicità espressiva, con un Fassbender grandioso: per me è un gran film d'esordio, anche se manca quel retroterra politico/culturale su chi era Bobby Sands che avrebbe dato più spessore al film. A McQueen interessa più parlare della trasformazione del corpo e della mente più che della figura di Bobby Sands. Comunque un buon/ottimo lungometraggio, da vedere.

7219415  @  26/03/2015 18:38:25
   6 / 10
Il voto è solo per la tematica...è di una lentezza estenuante...scene inutili che durano 2 ore..ammazzando il povero spettatore

Matteoxr6  @  14/02/2015 01:32:15
   5 / 10
Pregi: fotografia, regia, piani sequenza, recitazione del protagonisti.
Difetti: personaggi lasciati al caso e dimenticati, mentre invece sarebbero dovuti servire a levigare una trama che in realtà è uno scheletro, ad approfondire la tematica del film attraverso un incrocio, un parallelismo di vicende e di introspezioni psicologhe; i dialoghi fanno piangere; originalità, dove? Non apporta niente di nuovo; film denuncia? ma come? Mi pare di aver già dato un parere in base a quello che ho appena scritto. Ce n'era da mettere di carne al fuoco.

aladino77  @  21/12/2014 13:31:42
   4 / 10
Brutto, lezioso, compiaciuto: non basta una tematica così seria e cruda per fare un buonn film

2 risposte al commento
Ultima risposta 21/12/2014 15.14.20
Visualizza / Rispondi al commento
GianniArshavin  @  18/07/2014 18:30:13
   7 / 10
Film di grande realismo e crudezza , coraggioso e notevole per essere un'opera prima ma a mio parere non un capolavoro come molti dicono.
Balza all'occhio l'intrepidezza di McQueen e la voglia di mostrare senza paura la reale condizione dei detenuti in quelle prigioni, evitando soprattutto la retorica e possibili "trovate" commerciali. Grandissimo Fassbender in una prova sentita e intensa , al quale si è dato anima e corpo.
Come dicevo però non considero questa pellicola un capolavoro , ha degli aspetti che non mi sono piaciuti granché, come: alcune sequenze fin troppo lente ed altre eccessivamente compiaciute (caratteristica presente anche nel film successivo del regista)che sembrano essere state messe li da McQueen solamente per farci capire quanto sia autoriale e alto il suo modo di fare cinema. Inoltre non ho apprezzato la prima mezz'ora in quanto ci vengono presentati dei personaggi e gli si dedica del tempo per poi dimenticarli completamente.
Credo che un autore come il britannico , che su 3 film bene o male non ne ha sbagliato uno , sia destinato a fare grandi cose in futuro, ma nonostante ciò al momento non condivido l'eccessivo entusiasmo che si è creato intorno a alla sua figura.

Gruppo COLLABORATORI Compagneros  @  14/05/2014 18:25:25
   7½ / 10
Buonissimo film, duro e "sporco". C'è tutta la violenza dell'IRA e quella del governo britannico, una storia recente che gronda sangue come le nocche del secondino nel film. Buona la regia con suoi ricorrenti piani sequenza, tra cui uno lunghissimo. Una visione che può essere disturbante ma l'opera merita senz'altro.

mauro84  @  19/03/2014 23:10:36
   7 / 10
Son riuscito a mettermi il cuore in pace e vedermi sto film.
Un trama reale, un dramma da vivere e da raccontare.. un dramma che ha consacrato sto uomo, Bobby Sands l'indipendista del nord irlanda nella storia!
Violento, pesante, parti di lentezza immane.. sale l'agonia.. il tempo passa..
Grande film, grande fotografia. Una grande prova generale.

Grande attore, sto Michael FassBender, uno dei migliori nel giro d'oggi! un top attore che ha meritato il premio!

complimenti al regista steve mc queen per averci portato alla visione di un signor film!!

Premio palma di cannes meritata.

Di film di sto tipo chissà quanti ce ne sono ma il cinema d'oggi non è pronto a vederne uno così.. o meglio così, non giudicherebbe un film per quello che poi è ma quello che si vede.

Bisogna cambiar la storia e questo film, la prova a cambiare! da vedere!!

david briar  @  27/12/2013 17:21:57
   6 / 10
All'esordio cinematografico,il brittanico Steve McQueen sembra già un regista più che navigato.Fra immagini forti e silenziose,spesso violente e anche disgustose,un lunghissimo e impeccabile piano-sequenza e momenti di routine dei personaggi,dimostra una certa sicurezza nel mostrare quello che vuole come vuole,ed è difficile fargli qualche critica dal punto di vista estetico.

Forse il problema di "Hunger" è proprio questo.Le immagini che ci vengono presentate sono impeccabili ma non riescono a coinvolgere,manca l'emozione,il film è avvolto da una freddezza allucinante che ci tiene distanti,è un cinema "d'autore" che cerca di colpire,ma non colpisce mai,ripetendo sempre le stesse immagini in modo stucchevole.Il dialogo centrale è riuscito,ma è facile aggrapparsi a quello per dare una morale e un senso alle scene precedenti e successive,secondo me non basta.
Fassbender è bravo,ma chi parlava di interpretazione epocale voleva solo farsi notare,comunque se la cava.

Un film scarno,nudo,con poca sceneggiatura.So che voleva essere proprio così,ma a me non è piaciuto e non mi ha lasciato niente,non sono mai sicuro della sincerità di queste operazioni.Raggiunge la sufficienza per regia,tecnica e recitazione,ma mi aspettavo molto di più.Spero che McQueen sia migliorato con "Shame,sembra un film più nelle mie corde...

2 risposte al commento
Ultima risposta 27/12/2013 22.08.02
Visualizza / Rispondi al commento
TonyStark  @  27/10/2013 00:30:58
   6½ / 10
sostanzialmente d'accordo con la recensione di ILsimo81

Gruppo COLLABORATORI Invia una mail all'autore del commento ilSimo81  @  19/06/2013 17:01:22
   6 / 10
Quello che è il pregio di "Hunger" è anche il suo difetto.
E' un film a tratti supponente, nel suo rivolgersi allo spettatore come se gli fosse superfluo conoscere al dettaglio il contesto storico e avere una trama scorrevole. Un film che dice molto (a livello di contenuti e di ideologie) e al contempo racconta poco (a livello di fluidità e di eventi).
Fluidità che manca a tutti gli effetti, in una storia narrata per scene tanto lente da sembrare diapositive, che si abbandona all'inedia come il protagonista di cui narra la forma di protesta.
Il rovescio positivo della medaglia è che il silenzioso indugiare su immagini sussurra significative storie di uomini diversi (il sacerdote che predica nel deserto, il secondino che fuma nella neve, i detenuti che resistono alle angherie), ma tutti coi piedi nella stessa grande palude del conflitto anglo-irlandese.
A ben vedere, sconcerta pensare che tutto questo si ispira a realtà. E' anche per questo che il crudo racconto visivo delle bestialità perpetrate sui carcerati e dei vomitevoli modi di protesta degli stessi libera fremiti di sconcerto e di repulsione. Ed è anche per questo che impressiona la forza di volontà di Bobby Sands, paradossalmente "incarnata" nella trasformazione fisica di un ottimo Fassbender (protagonista di una drastica perdita di 15 chili, che ricorda il Bale di "L'uomo senza sonno", dimagrito di circa il doppio).

In breve: l'esordio alla regia di Steve McQueen porta un risultato noioso nella forma ed efficace nella sostanza. Osannato dalla critica, certo; ma per uno spettatore comune, vista l'importanza e la vendibilità della storia, "Hunger" poteva essere migliore.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento emans  @  22/05/2013 14:47:00
   8 / 10
Con incomprensibile ritardo viene finalmente distribuita l'opera prima di Steve McQueen (2) che si è fatto notare di piu' con il suo secondo film, lo scandaloso "Shame"!
A mio avviso questo "Hunger" lo sorpassa di netto entrando nella schiera dei migliori film carcerari di sempre.
Si divide in tre parti...inizialmente assistiamo alle condizioni di vita di alcuni progionieri costretti alle forme piu' disperate di protesta per sopravvivere decorosamente in uno dei carceri piu' "severi" di sempre...duemila e passa morti in 11 anni?
Nella parte centrale avviene il colloquio, tutto in piano sequenza, dove conosciamo quello che sara' l'assoluto protagonista della terza parte!
Quel Bobby Sands che iniziera' lo sciopera della fame piu' famoso della storia...altro che Pannella e Bonino.
Con estrema freddezza McQueen ci offre una forma di protesta estrema che portera' a martirizzare il suo protagonista, senza mai prendere una posizione sulla vicenda ma mostrando i fatti come pare siano avvenuti realmente.
Ottimo Fassbender in questa trasformazione fisica degna del miglior Christian Bale.
Un cult

Gruppo REDAZIONE Pasionaria  @  07/05/2013 14:43:41
   7½ / 10
Una storia raccontata con cruda essenzialità, una storia che s'imprime nella mente in modo imperituro.

floyd80  @  01/05/2013 18:33:18
   7 / 10
Una pellicola dura con un bravissimo Fassbender.

Badu D. Lynch  @  13/04/2013 11:33:51
   9 / 10
Hunger è un'opera simbolicamente emorragica, che si riversa silenziosamente nell'anima dello spettatore, alla ricerca di un rifugio fertile, di una casa, di un tiepido nido nel quale soffrire e disperarsi in solitudine, senza voler necessariamente disturbare l'intero pubblico.
Hunger è un film che prende a pugni chi lo assorbe e chi lo vive, ma non ha pretese scolastiche o rivoluzionarie, ha solo la rabbiosa umiltà di far sentire e vedere il livido che ricopre e caratterizza l'essere umano e le bestie - esiste una differenza tra le due specie?
Una pellicola che spacca le ossa a chi ha le ossa già consumate : non è un nuovo dolore o una nuova sconfitta, è semplicemente e maledettamente l'eco di un urlo passato, presente e futuro, un inferno già calpestato, un corpo sanguinante che è già stato violentato e sverginato in un'altra vita, è la continuazione del dolore fisico e mentale, non è l'inizio e non è la fine, è la scomoda verità che sta nel mezzo. Il lungometraggio si presenta come una testimonianza cinematografica degli orrori e degli errori che appartengono al nostro mondo da tempo remoto, è uno sguardo devastato e sconfitto verso le radici del male terreno - umanizzato.
Un film fastidiosamente lucido e realistico, il cui tessuto è composto da sangue, escrementi e lacrime. Una delle poche opere che sa essere, in maniera armonica e perfetta, sporcamente commerciale : sistematizza il contrasto tra l'attrazione e la repulsione che lo spettatore nutre e risente verso la storia narrata, creando un equilibrio filmico ipnotico e affascinante - un lungometraggio involontariamente perfetto. Un'ottima messa in scena realistica, tremendamente profonda, che ribalta l'illusione radicata nell'idea e nel concetto, qualunquista e semplicistico, che (quasi) tutti definiscono "libertà", trasportandola con violenza in una dimensione più reale e dolente - con il sacrificio si muore e si vola.

Un eccellente e superlativo esordio cinematografico, firmato Steve McQueen.

keisersoze  @  10/04/2013 14:21:57
   6½ / 10
Succedeva all'alba degli anni 80 ed era l'Inghilterra di Margaret Tatcher e del pugno di ferro con l'Irlanda.
Film crudo, difficile da digerire, a tratti un pugno sullo stomaco. Ammirabile il lavoro del regista anche se a tratti la storia risulta troppo troppo lenta. Complimenti a Fassbender per l'ottima interpretazione. Un film da vedere ma che nel complesso a mio giudizio non è il capolavoro dipinto dalla critica.

benzo24  @  19/12/2012 13:57:03
   8½ / 10
Freddo, crudo, lento, insopportabile. Insopportabilmente bello.

Lory_noir  @  30/11/2012 01:28:44
   5 / 10
Non sentivo il bisogno di un altro film sulla durezza della prigionia. Non porta niente di originale rispetto ai precedenti.

fabri70  @  06/11/2012 22:28:31
   1 / 10
sarà piaciuto alla critica ma son sicuro che per noi comuni mortali è una ciofeca...ma è un film?

corvo4791  @  02/09/2012 19:13:38
   1 / 10
Dopo i primi 20 minuti ho dovuto desistere.

Regia incredibilmente velleitaria di un tizio che sembra convinto che la noia sia un'arte e in questo si è mostrato, senza ombra di dubbio, un maestro.
Inutilmente lento. Scene di 3 minuti ( che in un film sono davvero un'eternità ) di un tizio che carezza col dito una mosca.
Sono stato senza dubbio ingannato dai voti. Magari dopo quei primi 20 minuti di inutilità e presunzione il film sarebbe migliorato ma, sinceramente, non ne sarebbe valsa la pena comunque.

jason13  @  02/09/2012 11:09:28
   4 / 10
Personalmente ha annoiato a morte e ho fatto fatica a portarlo a termine. Non mi sono mai sentito trasportato in nessun istante.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR elio91  @  06/06/2012 13:26:01
   7½ / 10
Molto interessante, crudo e senza compromessi.
Un esordio di un autore interessante che potrà regalarci belle cose.
Riserve soltanto sul coraggioso ma fin troppo slegato blocco centrale, in cui riporto in tutto e per tutto le riserve di Atticus: sequenze troppo supponente e fuori contesto rispetto al resto, anche se scritta bene.
Il resto è tutto perfetto anche se sinceramente, per quanto si vivano le emozioni più disparate e sia la prima che la seconda parte siano di una potenza indescrivibile nel loro essere cosi asciutte, non ho inquadrato bene cosa vorrebbe proprio dire Hunger. Vedo l'obiettivo del regista in questo caso troppo sfocato.
Promosso quindi, ma con qualche riserva.
Fassbender ottimo.

nextam  @  05/06/2012 20:50:16
   9 / 10
straordinario...

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR pier91  @  02/06/2012 19:09:56
   8½ / 10
Più che la passione di Bobby Sands a scuotermi è stata la passione di Steve McQueen nel partorire la sua prima pellicola. E' rischioso che il narratore ceda al fremito nel raccontare, perché mai, nemmeno in questo caso, la perfezione della mano maschera le sue emozioni. Tuttavia il limite di "Hunger" è anche la sua forza, la ragione principale per cui ho apprezzato questo film fisiologico, eppure sentimentale, che reclama l'assoluta libertà dell'obiettivo dall'obiettività. Un film che ciò non di meno è privo di un centro, di un punto d'osservazione ideale, e anzi ha l'onestà di pungolare lo spettatore affinché cerchi il proprio. Prezioso in tal senso il dialogo fra Bobby e il prete, prima due profili distanti nella penombra, poi, poco dopo quel "Beh sono solo un uomo" (confessione ovvia ma necessaria), due volti che si impongono sullo schermo.

alastar  @  01/06/2012 19:09:58
   7 / 10
Bello,senz'altro da vedere.Il film nella parte iniziale è molto crudo mentre nella seconda parte è più a carattere riflessivo sul senso di tutto quello che in quegli anni è accaduto nel nord dell'Irlanda.Mi è piaciuto molto il modo di raccontare la vicenda di Bobby Sands partendo alla larga concentrandosi su altri detenuti per raccontare tutto l'environment della prigione di Maze e solo in un secondo momento focalizzando l'attenzione sul protagonista della storia.L'interpretazione di Fassbender è verosimile,buona la regia e la fotografia.Non riesco a dare un voto più alto perchè a mio giudizio si poteva forse contestualizzare ancor di più il tutto facendo vedere maggiormente cosa accadeva fuori di là,il perchè della protesta in carcere,le manifestazioni a favore degli hunger strikers e gli attentati che a destra e a sinistra si susseguivano a cadenza quotidiana.Mi sarebbe inoltre piaciuto molto ascoltare una bella colonna sonora,purtroppo il film ne è quasi del tutto priva.A d ogni modo buon film.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

aitante68  @  31/05/2012 11:44:43
   8 / 10
film crudo, realistico, duro ma necessario. un pugno nello stomaco...Fassbender incredibile....

Jimmy.Carollo  @  25/05/2012 11:32:38
   7 / 10
Fotografia eccezionale, il Ritmo del Film in generale poteva seguire meglio questa fotografia cruda ma il giudizio resta sicuramente positivo. Da sottolineare l'intenso dialogo tra Bobby Sands (Michael Fassbender voto 7.5) e il prete, un dialogo che molto fa riflettere, a mio avviso, sul perchè si compiono certe azioni, sul perchè alcuni le ritengono corrette, altri no. Da vedere, se questo film vi ha appassionato, anche "Nel nome del padre" di Jim Sheridan.

C.Spaulding  @  24/05/2012 12:10:11
   7 / 10
Bel film,molto crudo e ben girato l'unico difetto...è un po lento all'inizio ma poi si riprende. Da vedere

forzalube  @  23/05/2012 05:48:18
   7 / 10
Come scritto da altri, io un po' più di contestualizzazione l'avrei gradita, ma questa è una valutazione soggettiva.
Film dal forte impatto visivo e ben curato nei dettagli che però, anche se non riesco a spiegarmi bene il perché, non riesce a catturarmi del tutto.
Ottimo tutto il cast, non solo Fassbender.

Gruppo COLLABORATORI Mr Black  @  21/05/2012 18:22:23
   7 / 10
Grande Fassbender, buona regia, ma è davvero pesante. Ad ogni modo un prodotto ben fatto...

Tuonato  @  16/05/2012 17:35:42
   5 / 10
La seconda della coppia McQueen/Fassbender non mi ha convinto.
A fine visione ero insoddisfatto.
McQueen punta tutto sull'ermetismo, esagerando.
Se in "Shame" era coraggioso il lungo piano sequenza della canzone cantata dal vivo, in "Hunger" lo è altrettanto quello della pulizia del pavimento dell'infinito corridoio. Ma in quest'ultimo caso assolutamente non funzionale, senza senso.
E' un peccato, dedicandosi un po' di più al contesto storico, alla storia dell'IRA, al passato recente di quei ragazzi, magari si sarebbe fatto centro lo stesso. Assomiglia ad un documentario girato all'interno di un penitenziario, mentre noi osservandolo ci chiediamo cosa fosse Belfast a quel tempo e come funzionassero certi meccanismi.

Estonia  @  14/05/2012 10:42:34
   8½ / 10
La lotta per ottenere il riconoscimento della condizione di 'prigionieri politici' diventa sacrificio di sé come protesta estrema. Il corpo oltraggiato dai pestaggi disumani si fa arma quando i detenuti usano le loro stesse feci per rivendicare i diritti violati. E soprattutto quando la scelta di Bobby Sands di iniziare lo sciopero della fame diventa una decisione irriducibile dalle conseguenze devastanti.
Opera prima caratterizzata da una messa in scena dura e rigorosa, attenta ai dettagli, che predilige la potenza evocativa delle immagini: dolorose e terribili nella loro cruda rappresentazione. Dalle spirali di escrementi sui muri ai corpi ridotti a larve denutrite, alla violenza dei carnefici 'prigionieri' dello stesso rituale di morte. Poche le parole pronunciate tra le celle e i corridoi. Prevalgono invece i rumori sordi dei colpi inferti coi manganelli e coi pugni, quelli strascicati delle scope che spazzano via lo sporco, i gemiti e le grida soffocate, la voce fuori campo della Thatcher che gracchia i suoi diktat burocratici. L'unica parte dialogata è il lungo intermezzo verbale tra il protagonista e il prete, a metà tra duello dialettico e testimonianza di una fede politica totalizzante. L'agonia interminabile del protagonista nell'ultima parte del film ha il sapore di un lento calvario in cui le ferite scarnificate e devastanti assumono un valore simbolico di spirituale bellezza. Strepitosa l'interpretazione di Fassbender.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento kowalsky  @  12/05/2012 17:05:08
   8 / 10
Nessun dubbio che Hunger sia un film destinato a lasciare un'impronta indelebile nello spettatore. E' talmente rigoroso nella sua essenza da suscitare impatti differenti, nel coinvolgimento totale o l'asettico realismo della finzione. L'ottimo McQueen confeziona un'opera monolitica che esprime con una serie di gesti (le nocche delle mani insanguinate di una guardia e l'abluzione con l'acqua) di rumori di fotogrammi brevi o immagini incisive (la messa davanti ai volti indifferenti ma Cristologici dei prigionieri) un clima violento e opprimente che appartiene purtroppo alla storia recente di una democrazia occidentale.
Discorso analogo per la parte centrale (1/4 di film) dalla lunghezza spropositata, ovvero la visita del prete a Bobby S. - o magari anche la voce dell'ineffabile Iron Lady.
Davanti alle giuste rivendicazioni in un contesto politico che avvertiamo molto più vicino a noi di quanto siamo disposti a credere, il film supera di gran lunga il narcisismo demagogico di tanti film del genere.
Tecnicamente superbo, lontano anni luce dal sensazionalismo di facciata di un'opera nostrana come Diaz, brilla di luce propria anche davanti alla sperimentazione di un cineasta che cita Bresson senza saperlo, o quando ricorre alla mdp fissa che immortala un movimento verticale nei corridoi del carcere. C'è indubbiamente una buona dose di compiacimento visivo, soprattutto nell'epilogo finale à la Nick's Movie (cfr. Wenders) riscattato cmq. dalla prova fisica di Fassbender, uno dei pochi attori in circolazione in grado di incarnare la tipologia spirituale dei suoi personaggi, oltre il glamour della sua immagine divistica

1 risposta al commento
Ultima risposta 01/06/2012 19.18.03
Visualizza / Rispondi al commento
M0rg4n  @  12/05/2012 15:35:10
   8½ / 10
Sono due giorni che, tra le altre cose, non riesco a togliermi dalla mente quella meravigliosa fotografia.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Freddy Krueger  @  11/05/2012 17:16:52
   7½ / 10
Condivido quello che ha scritto atticus.
Ho adorato i silenzi di questo film, McQueen e Fassbender si rivelano vincenti in questo campo; la sofferenza è un sentimento fisico, ma anche interiore. Lo si percepisce nel corridoio che viene pulito dagli escrementi, all'aperto con la neve e in modo evidente nell'ospedale.
Ho adorato decisamente meno il dialogo; botta e risposta che stonano col resto, prete e Sands che rigirano sui stessi discorsi. Sia chiaro, a livello recitativo quel piano sequenza è straordinario, da voto 9, ma a livello di contenuti il voto è 5.

3 risposte al commento
Ultima risposta 01/06/2012 19.14.55
Visualizza / Rispondi al commento
TheLegend  @  08/05/2012 18:05:37
   7 / 10
Tecnicamente molto valido ma mi aspettavo qualcosa di più.
Non è riuscito ad emozionarmi e a farmi entrare nella storia come avrei pensato.

genki91  @  08/05/2012 02:33:01
   7 / 10
Tanto lento, quanto intenso e crudo. Buona trasposizione del movimento di Bobby Sands all'interno del carcere di Maze. Mc Queen confeziona un buon prodotto inadatto ai deboli di cuore. Sostanzialmente da vedere, per farsi un'idea e per ammirare un buon film.

Gruppo COLLABORATORI atticus  @  07/05/2012 23:20:20
   7½ / 10
Mistica del martirio che trasfigura, attraverso uno stile visivo ineccepibile, in pura poesia.
Quasi un calvario cristologico, con un Fassbender davvero impressionante.
McQueen, però, pecca di eccessiva superbia: in un film per larga parte fondato sull'immagine ricercata, quel blocco centrale di dialogo mi è sembrato fin troppo supponente.
Notevole, comunque.

barone_rosso  @  06/05/2012 21:11:39
   5 / 10
Film interessante dal punto di vista tecnico, ma estremamente vuoto... Sembra che si siano dimenticati di spiegare allo spettatore il perchè degli eventi (a parte qualcosa di scritto all'inizio e alla fine), costringendolo a documentarsi in seguito. Direi che lo spazio per approfondire di piu' non mancava.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR foxycleo  @  06/05/2012 11:57:44
   8 / 10
Film potente.
McQueen fa una scelta che si rivela vincente ossia fare raccontare alle immagini tutta la prima parte e questo è un pugno allo stomaco davvero forte.
Per poi arrivare a una seconda parte con un dialogo/confessione sincero, umano, diretto. Incredibile prova di Fassbender.
Da vedere.

guidox  @  06/05/2012 11:04:43
   7½ / 10
lo stile è meraviglioso ed esalta tutta la pellicola; Fassbender è bravissimo e l'unico vero dialogo del film fa centro.
a mio gusto personale non troppo fluido, si perde forse un pochino proprio nelle sue caratteristiche che gli fanno da punto di forza a lungo andare.
stranamente asciutto, forse in alcuni punti troppo.
comunque validissimo.

gaino  @  05/05/2012 17:32:05
   9½ / 10
Pellicola estremamente cruda,pochi dialoghi. Bellissimo,da vedere assolutamente.

nunve91  @  04/05/2012 00:12:18
   8½ / 10
sono rimasto piacevolmente impressionato da questo film perchè parla di guerra, di una ideologica. e come in ogni guerra, il dolore fisico, ma anche quello psicologico non mancano, ma si fanno drammaticamente sentire. complimenti dunque al regista e fassbender per la sua eccezionale interpretazione.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Invia una mail all'autore del commento pompiere  @  03/05/2012 16:52:09
   5 / 10
Mi vedo costretto a iniziare questo articolo rievocando dati e contesto storico durante il quale si svolsero i fatti raccontati dalla pellicola. Per cui segnalo che ci troviamo nell'Irlanda del Nord, a cavallo tra il 1980 e l'81. Do risalto alle oltre 3000 persone che furono uccise durante i cosiddetti "disordini" nordirlandesi creatisi dal 1969 in poi, e richiamo l'attenzione sui risvolti politici (perché quello che accade nel film è tutto vero) di cui furono protagonisti i terroristi dell'IRA.

L'obbligo di inserire una prefazione informativa è motivata dal fatto che Steve McQueen decide di lavarsi le mani in merito all'universo storico-politico, affidando a fredde didascalie su sfondo nero gli avvenimenti, e rivelando fin da subito l'intenzione di mettere in scena un lento processo disumano di logoramento fisico. Convinti che la strategia del Blanket and dirty protest fosse quella giusta da adottare in risposta ai silenzi e alle reticenze governative, le condizioni nelle quali si ritrovarono a vivere i prigionieri NON politici furono quanto di più sporco e bestiale si riesca a pensare. Ri-uniti come un insieme di rivoli pisciosi, i comuni criminali attuarono lo "sciopero dello sporco" come strumento di rivolta all'interno del carcere di Maze: così facendo confluirono in un unico ideale di rivolta che, passo dopo passo, scardinò a suo modo l'inflessibilità del Primo Ministro inglese Margareth Thatcher. Va da sé che in mezzo ci furono una serie di umiliazioni e percosse da film dell'orrore, in un crescendo di brutalità visivamente quasi impossibili da sostenere visti i soprusi delle guardie carcerarie e della polizia.

Poi, come un sollievo che permette di rifiatare (e pensare), il dialogo. Quello tra Bobby Sands (Michael Fassbender) e padre Moran. Lunghissimo, intenso, girato magnificamente e ultimato solo da un paio di stacchi. È uno spartiacque che contribuisce a far riaffiorare un flashback della memoria, quella di un'adolescenza passata a correre per i campi. Una visita tragica e spietata ai territori del sud del paese, che segna per sempre il destino del giovane Bobby. Oltre il confronto tra i due, metafora incompiuta dell'intera situazione, inizia una meschina tiritera durante la quale la cinepresa-avvoltoio indugia sulla carogna-Fassbender, in un corteggiamento che tergiversa sul prosciugarsi di sangue e muscoli, carne e anima.

"Hunger" è l'esempio perfetto di come si manifesta oggi certo cinema d'autore. Chiuso nel vicolo cieco della mancanza di ispirazione, cozza contro un sistema espressivo estremo che non sempre concilia il contenuto con la forza della comunicazione. Il dover passare attraverso forme sempre più terminali, nonché tecnicamente ineccepibili, di raffigurazione dell'immaginario, non consente il rinnovamento dell'effigie, alimentando anzi un cul de sac soffocante, decisamente anaffettivo e teorico. Una specie di sindrome da Real Time che racconta sempre e solo di se stessa, un tassello dopo l'altro, scendendo sempre più nella descrizione di dettagli non richiesti. Tutti perfetti, per carità, ma eternamente uguali.

F(autore) di questo cinema dell'annullamento, McQueen inganna la tragedia originaria estorcendo con la forza quelle poche emozioni rimaste, tirandole fuori come si fa con le viscere degli animali di cui siamo soliti cibarci. Se il regista è un'esteta della modernità, allora è la modernità a non avere più spessore artistico, incapace com'è di trasmettere la più basilare delle percezioni. Volendo mettere il dito nella piaga, concedo a McQueen II di essere un provetto videoartista ma non un esauriente regista.

E non basta controllare che la strada sia libera e che sotto la macchina (da presa) non si nascondano bombe pronte a farti saltare in aria; la pulizia formale di "Hunger" abbassa le difese immunitarie e conduce a luttuose lacerazioni dermatologiche. E' come il puledro morente tutto pelle e ossa ricoperto da brutte ferite: allo spettatore che lo incontra non rimane altro che sperare nell'esistenza di un ruscello nelle vicinanze.

8 risposte al commento
Ultima risposta 08/05/2012 15.15.03
Visualizza / Rispondi al commento
Sestri Potente  @  01/05/2012 18:49:24
   4½ / 10
Film di denuncia crudo e spietato, che non lascia spazio ai sentimentalismi.
Trattandosi di una storia vera non poteva essere altrimenti, anche perché alcune scene (soprattutto durante l'agonia finale) sono davvero difficili da digerire.
Ottima anche la prova di Fassbender, che ha messo a dura prova il fisico per interpretare al meglio Bobby Sands.
Questo è tutto ciò che apprezzo di Hunger, perché la mancanza di una colonna sonora e i pochissimi dialoghi l'hanno reso pesantissimo.
Addirittura non capisco l'inserimento di alcune scene, come quella in cui il poliziotto pulisce il pavimento del carcere.
I due personaggi iniziali, poi, non si vedono più dopo l'apparizione di Bobby Sands.
Evidentemente si è voluto puntare più sulla fotografia, sull'atmosfera, sull'agonia del protagonista, piuttosto che sulla storia.
Forse, più che un film dovevano fare un quadro...

gandyovo  @  01/05/2012 16:03:53
   8 / 10
non amo troppo il cinema di denuncia ma è impossibile non premiare questa regia e questa fotografia. un film davvero drammatico che, in tempi come questi in cui trovare un ideale o un punto di riferimento, fa riflettere in uno straziante silenzio

PATRICK KENZIE  @  30/04/2012 22:54:07
   7½ / 10
Un film crudo e non per tutti senza dubbio... Una pellicola forte e molto coraggiosa che ho davvero apprezzato per tutta la sua durata..
Ammiro davvero il regista e Fassbender per il coraggio di fare un film di questo genere....

Vaffaflanders  @  29/04/2012 23:58:11
   9 / 10
Un film da vedere assolutamente. Forse è l'unico film che ho visto che riesce a comunicare quello che può fare la forza di un ideale.

Gruppo COLLABORATORI Terry Malloy  @  18/04/2012 22:13:24
   10 / 10
Voglio premiare con voto pieno un film che mi ha scosso e coinvolto emotivamente come pochi altri.
Sarà per la regia "alla Mullan" che adoro, sarà per il tema, sarà per Fassbender che è un attore che non se ne vedeva uno così dai tempi di Marlon Brando, sarà per la novità classica e tradizionale (ossimoro voluto) di questo film, sarà perché sono un pericoloso anarco-insurrezionalista da manganellare a sangue come i patrioti dell'IRA, sarà per la presenza del dialogo più bello della storia del cinema, sarà per la terribile purezza e essenzialità con cui è diretto questo gioiello del cinema di sempre, sarà perché è bellissimo andare avanti di "sarà", sarà perché mi ha commosso senza commuovermi, sarà perché contiene uno dei più bei finali che mi sia mai capitato di vedere, sarà per tutto questo insieme con in più quel quid che purtroppo è mancato in Shame e che mi fa gridare al capolavoro, sarà sarà sarà, ma questo film è troppo bello.

5 risposte al commento
Ultima risposta 03/05/2012 20.09.14
Visualizza / Rispondi al commento
paride_86  @  02/03/2012 02:24:17
   7½ / 10
Il bravissimo Michael Fassbender in un film che spiazza per semplicità e intensità.
Le ultime settimane di Bobby Sands sono raccontate con vivida sofferenza e altrettanto chiaro rigore idealista.
Steve McQueen è sicuramente un regista da tenere d'occhio.

romrom  @  27/01/2012 15:54:40
   8 / 10
Film 'sui generis', con dialoghi ridotti all'osso, eccezion fatta per il lungo dialogo tra Bobby Sands ed il prete.
Bellissima la fotografia.
Impressionante la trasformazione fisica del protagonista Michael Fassbender.

willard  @  27/01/2012 11:49:34
   9 / 10
Storia drammaticamente intensa, con scene crude di violenza e sofferenza, ambientata nel carcere irlandese di Maze, nei giorni in cui i terroristi irlandesi dell'IRA incarcerati, per cercare di farsi riconoscere lo status di prigioniero politico dall'Inghilterra, decisero di indire lo "sciopero della sporco", per finire poi in uno sciopero della fame che portò alla morte di diversi detenuti tra cui Bobby Sands, magnificamente interpretato qui da Michael Fassbender.

Dopo la prima parte, in cui con una fotografia nuda e cruda vengono mostrati i maltrattamenti a cui vengono sottoposti i detenuti, si passa ad un intenso e bellissimo dialogo tra Bobby Sands ed il sacerdote del carcere in cui viene annunciato l'avvio dello sciopero della fame. L'ultima parte sposta il fuoco su Bobby Sands e sul deperimento fisico a cui andò incontro nei 66 giorni in cui resistette prima di morire.

Chi ha conosciuto e apprezzato Fassbender magari solo con il recente "Shame" (2011) dello stesso regista Steve McQueen, in "X-Men: L'Inizio" (2011) o in "Bastardi Senza Gloria" (2008), comprenderà qui ancora meglio la sua bravura, trattandosi di un film in cui era ancora più giovane e non era ancora arrivato agli occhi del grande pubblico, in un'interpretazione che lo costringe ad una trasformazione fisica degna del Robert De Niro di "Toro Scatenato" (1980) o del più recente Christian Bale ne "L'Uomo Senza Sonno" (2004).

Un'ultima annotazione su questo bel film: per potervelo vedere dovete fare i salti mortali (con sottotitoli, ovviamente, e per fortuna non si parla molto) perché scandalosamente non è ancora riuscito a trovare una distribuzioine italiana dopo quattro anni dalla sua uscita. Forse il successo del già citato "Shame" che è valso anche la "Coppa Volpi" a Micheal Fassbender come miglior attore, convincerà qualche distributore "illuminato" a recuperarne la diffusione in Italia.

lupin 3  @  16/01/2012 20:17:31
   7 / 10
Film che non lascia indifferenti, vale la pena vederlo.

Gruppo REDAZIONE VincentVega1  @  04/01/2012 00:19:50
   8½ / 10
L'Ideale che un uomo porta con sè non ha bisogno di tante parole.

Basta una confessione, senza alcuno scopo di redenzione, atea, umana ma anche spirituale, accompagnata da una sigaretta rollata su una pagina della bibbia.

L'Ideale corre e corre e non si ferma mai, nemmeno con i crampi allo stomaco e i lividi sul corpo. L'Ideale è l'Uomo, e di Uomini oggi ne sono rimasti pochi.

Anteros  @  05/12/2011 19:35:33
   9½ / 10
Ho stoppato per qualche secondo gli ultimi dieci minuti del film per riprendere fiato e cercare di non farmi stendere dalla forza emotiva delle immagini.
La storia è molto coinvolgente ed il protagonista è veramente bravo.
In pochissimi film ho visto una fotografia così bella.

Guardalo!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR kubrickforever  @  10/10/2011 13:02:52
   8½ / 10
Opera prima per il regista S. McQueen, di una classe e potenza visiva sconvolgenti. Fassbender bravissimo come al solito.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  06/10/2011 15:47:16
   9 / 10
Opera straordinaria; resta da vedere se questo McQueen saprà confermarsi a questi livelli ma l'autorevolezza di questo esordio è pari a quella di pochi altri giovani esordienti con altissima urgenza espressiva.

Sullo stile c'è poco da dire: affascinante padronanza del mezzo. Dopo le prime 3 inquadrature capiamo che siamo nelle mani di un artista che sa come sfruttare le potenzialità del cinema per parlare un linguaggio tutto suo.

Primi 45 minuti. Il regista ci fa arrivare gradualmente in prossimità del protagonista, uomo di cui non viene raccontato il passato al fine di rendercelo totalmente uomo al pari di tutti. L'incipit centrato sul secondino che va a lavoro è un'idea fenomenale.

La sequenza del dialogo con il prete, di cui 17 minuti in piano sequenza. I virtuosismi di regia di McQueen si ritirano, lasciano il posto alla parola per far emergere l'uomo, le sue motivazioni, la sua determinazione, la sua convinzione morale.

L'ultima mezzora. Racconto bressoniano di una libertà scandalosa e paradossale, una determinazione muta.
I paralleli culturali con la simbologia cristiana non sono pochi e quella raccontata da McQueen è a modo suo una imitazione di cristo. La passione di Bobby Sands si svolge dentro un carcere ma di fronte agli occhi di spettatori cui il regista ha saputo mettere per immagini di un rigore (e anche un'inventiva) estremi, un'esperienza inimmaginabile.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  17/03/2011 21:18:08
   8½ / 10
Ho ancora il ricordo del notevole impatto mediatico che all'epoca provocò la scelta di Bobby Sands ad affrontare fino alle estreme conseguenze la sua protesta verso il governo britannico. Il film di Mcqueen non si limita ad una semplice ricostruzione dei fatti, ma ci offre uno spaccato in cui è maturata una scelta estrema. La figura di Sands inizialmente è defilata, si entra nel contesto duro del carcere di Maze attraverso figure secondarie (il secondino e un nuovo detenuto), dove avviene lo stillicidio a base di violenza fisica e psicologica che non risparmia nessuno, nemmeno i carnefici. Tutto lo stupendo piano sequenza centrale vede Bobby Sands protagonista assoluto, essere umano messo a nudo nelle sue motivazioni e determinato a perseguirle fino in fondo con coerenza, senza guardarsi indietro fino al sacrificio finale.
E' un film straodinario sotto l'aspetto emotivo, senza il minimo accenno di retorica, in cui il corpo martoriato del protagonista (bravissimo Fassbender) e di quelli che verranno dopo di lui, sarà l'unico strumento a loro disposizione.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR Ciumi  @  26/02/2011 13:32:42
   8½ / 10
Credo che la prima fonte sia ancora il "Condannato" di Bresson, e non tanto per il prosciugamento narrativo ed emotivo, questa volta, ma per la vicenda storica che sfuma e si centralizza in quella individuale ed esistenziale.
Il regista ne supera inizialmente la componente mistica. Le pagine della bibbia che comparivano assieme al caso nella pellicola di Bresson, qui tornano utili per fumare. Ne fa un rifiuto più estremo, che piuttosto riporta agli ultimi lavori del regista francese. Perché da ciò che non intendeva considerare "Un condannato", l'impossibilità di una fuga, parte la riflessione "Hunger"; che aspira tuttavia alla stessa libertà, nella fede in essa e all'affermazione della dignità dell'individuo, anche e soprattutto entro i crimini dell'umanità e dell'esistenza.

Non lascia le violenze fuori campo, anzi le mostra spesso interamente, ma senza spettacolo, dimostrando invece una profonda cognizione del dolore. Indugia, con l'iperrealismo, sui corpi, sulle lesioni, sullo sporco; ugualmente, sulle nocche ferite del secondino incaricato a picchiare. Saranno mani impegnate a lavare, nascondere i segni lasciati dalla protesta umana: il cerchio della sporcizia sulla parete, i rivoli di urina sul corridoio della prigione, le macchie di sangue rappreso sul materasso bianco che viene voltato.
Non c'è voce narrante, e si rinuncia quasi completamente ai dialoghi, se non nel brano centrale. Dice: "Dìo mi punirà"; come il prete punì per avere dato la morte al puledro sofferente sulla riva di un torrente. Ma i compagni lo approveranno, quell'atto di rispetto per la vita - perché il giudizio divino dovrebbe discostare da quello umano?

Dopo l'inferno comune della prima parte, dopo il breve "purgatorio" del colloquio con il don, dunque, in un bianco della stanza tra candore e cadaverico, il "paradiso" individuale, questa sorta di breve paradiso fatto ancora di magrezza e piaghe. Le voci svaniscono, la famiglia, l'Irlanda e il mondo, le immagini svaniscono. Non un transito, insomma, ma il sollievo della fine del dolore e della prigionia.

9 risposte al commento
Ultima risposta 02/03/2011 18.14.26
Visualizza / Rispondi al commento
popoviasproni  @  17/02/2011 21:01:58
   8 / 10
Severa cronaca di un rigoroso e drammatico percorso di autodistruzione.
Magistrale.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR strange_river  @  16/02/2011 22:55:36
   9 / 10
"Name?" "Roselyn Sands"
"Name?" "John Sands"

Il loro figlio sta morendo per lo sciopero della fame, ma la piccola burocrazia non viene mai meno ai suoi doveri e impone di chiedere le generalitÓ ai genitori arrivati in prigione ad assisterlo nelle ultime ore di vita.
Colpisce per la meschinitÓ quella domanda e colpisce duro il film che racconta la via della scelta estrema di Bobby Sands e dei suoi compagni di prigionia.
Chi sia stato Bobby Sands, quali le ragioni politiche sue e di altri appartenenti all'IRA rinchiusi nelle prigioni inglesi, appartiene alla storia ed Ŕ sufficiente informarsi.
E' alle ragioni pi¨ intime delle sue scelte, per˛, che McQueen prova a dare voce e lo fa in quello che Ŕ il cuore di questo suo bellissimo film, il dialogo serratissimo tra Sands ed il prete: raramente capita di assistere ad uno scambio cosý pieno di significato, ad un confronto intellettuale forte e doloroso e allo stesso tempo quasi sfrontato, sincero fino alla crudezza, palpitante intelligenza e vita.
C'Ŕ un prima di quel dialogo che ci spalanca le porte della prigione e ci fa entrare a sentirne i rumori, gli odori, a immedesimarci nelle privazioni e nelle violenze, che espone la cruda fisicitÓ dei corpi diventati strumenti di protesta, dove la sporcizia intacca le pareti, ma non l'integritÓ delle idee: spogliati di tutto, l'unico vestito da poter indossare.
E c'Ŕ un dopo quel dialogo, che Ŕ il martirio di Bobby Sands che martire non voleva essere, ancora il proprio corpo usato come testimonianza e lotta, la discesa verso l'agonia che lo trasfigurerÓ fino a farlo assomigliare al Cristo deposto quando, senza pi¨ forze, si abbandona in braccio al suo aguzzino.
Il corpo che, nel perdere il peso fisico, acquista una spiritualitÓ non religiosa, ma che tanto le si avvicina, ed esalta la forza dell'uomo che fa ci˛ che crede sia giusto fare.
Bobby Sands ricorda che da ragazzo amava gareggiare nella corsa e che quando arrivava al traguardo dovevano fermarlo, perchÚ lui avrebbe continuato a correre, a correre.

5 risposte al commento
Ultima risposta 11/05/2012 17.23.51
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo REDAZIONE K.S.T.D.E.D.  @  07/02/2011 12:48:21
   8 / 10
Clint Eastwood  @  01/02/2010 18:07:05
   9 / 10
Un'altro gioiellino passato inosservato.

E' il dramma di Bobby Sands - attivista nordirlandese (che prima del film non ne avevo mai sentito nominare in quanto mi ritengo estraneo alla storia dell'Irlanda/Irlanda del Nord in conflitto da sempre con la Gran Bretagna/Inghilterra), quando per far sentire la sua voce alle alte sfere del governo e al mondo intero ci rimise la propria vita insieme ad altri detenuti durante lo sciopero della fame del '81 allo scopo di ottenere lo status di "prigioniero politico".

Questo film è fatto di pochi dialoghi se non in alcuni casi necessari di cui UNO vale la visione dell'intera pellicola, poche parole, tante immagini, colori scuri, con uno stile quasi documentaristico mescolato con quel poco di fiction regala un quadro durissimo sul trattamento e le condizioni dei detenuti per concludere con un finale inquietante dedicato agli ultimi giorni di Sands.
Sul piano tecnico è molto curato, fotografia tipica britannica, colonna sonora quasi inesistente, bravi attori (uno su tutti Fassbender nel ruolo principale).

Da vedere assolutamente.

Nascondi/Visualizza lo SPOILER SPOILER

3 risposte al commento
Ultima risposta 29/09/2010 21.11.24
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

adorazionealcarras - l'ultimo raccoltoalla vitaamanti (2020)american nightblack parthenopecasablanca beatscip e ciop: agenti specialicome prima (2021)dashcamdoctor strange nel multiverso della folliadue donne al di la' della leggeelizabeth (2022)elvis (2022)emergencyesterno nottefassbinderfemminile singolarefirestarterfreedom (2021)gagarine - proteggi cio' che amigenerazione low costgli stati uniti contro billie holiday
 NEW
gold (2022)hill of visionhope (2019)hustlei giovani amantii tuttofareil fronte internoil giorno piu' belloil naso o la cospirazione degli anticonformistiil paradiso del pavoneil talento di mr. cil viaggio degli eroiinvito al viaggio. concerto per franco battiatoio e lulu'italia. il fuoco, la cenerejane by charlottejurassic world - il dominiokarate mankoza nostrakurdbun - essere curdola bicicletta e il badile - in viaggio come hermann buhlla doppia vita di madeleine collinsla fortuna di nikukola grande guerra del salento
 NEW
la mia ombra e' tuala ragazza ha volatol'altra lunal'angelo dei muril'arma dell'inganno - operazione mincemeatl'audizione
 NEW
le voci solel'eta' dell'innocenza (2022)lettera a francolightyear - la vera storia di buzzliz e l'uccellino azzurromad godmarcel!memoriamemory (2022)mindemic
 NEW
mistero a saint-tropeznavalnynel mio nomenoi duenostalgiaonly the animals - storie di spiriti amantiour father
 NEW
paolo rossi - l'uomo. il campione. la leggenda.pleasurequel che conta e' il pensiero
 NEW
revolution of our timesrise - la vera storia di antetokounmposecret team 355settembre (2022)spiderheadstudio 666tapirulan
 NEW
tenebrathe batmanthe black phonethe deer king - il re dei cervithe man from torontothe other side (2020)
 NEW
the princessthe rescue - il salvataggio dei ragazzitop gun: mavericktutankhamon. l'ultima mostraunwelcomevecchie canaglieviaggio a sorpresawild nights with emily dickinson

1030627 commenti su 47845 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimi film inseriti in archivio

L'OMBRA DELL'ALTROTHE HOUSE I LIVE IN

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net