face (1997) regia di Antonia Bird Gran Bretagna 1997
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

face (1997)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film FACE (1997)

Titolo Originale: FACE

RegiaAntonia Bird

InterpretiPhilip Davis, Robert Carlyle, Ray Winstone, Damon Albarn

Durata: h 1.42
NazionalitàGran Bretagna 1997
Generepoliziesco
Al cinema nel Giugno 1997

•  Altri film di Antonia Bird

Trama del film Face (1997)

In cinque fanno una rapina a un deposito di portavalori dell'East End londinese, ma il bottino Ŕ inferiore alle attese. Nel gruppo esplodono tensioni, raggiri, sanguinosi regolamenti di conti. Sopravvivono in due.

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,00 / 10 (3 voti)7,00Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Face (1997), 3 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Spotify  @  24/10/2015 16:31:42
   7 / 10
Buon thriller britannico anni 90. Si fa notare soprattutto per la presenza di Robert Carlyle, interprete di Begbie in "Trainspotting" pochi mesi prima. E' un film con evidenti caratteri "tarantiniani" come un contenuto ma suggestivo, uso della violenza pulp, e dialoghi talvolta molto ironici che danno quel tocco di black comedy. A parte questo però, la Bird riesce a girare un'opera molto personale, si sente che non è americana, non ci sono tutti quegli improbabili inseguimenti ed esplosioni varie. Poi l'altra cosa è che per una volta i protagonisti della storia sono una banda di delinquenti e non i super poliziotti. Magari, la regista si ispira un po' troppo alle "iene" di Tarantino, però alla fine, le influenze di tale pellicola restano sullo sfondo (registicamente, non a livello di sceneggiatura), visto che lei è riuscita a modellare il suo lavoro come voleva, dandogli, appunto, quel tocco di personale. Buonissimi gli attori: Carlyle si dimostra un validissimo interprete, sicuramente non eccezionale, però raffigura bene l'immagine di un personaggio tormentato e alla volta di un bivio: o l'amore o il male. Buoni anche gli attori che fanno rispettivamente Dave e Steve. Il finale dona qualità, forse è l'unico punto in cui subentrano chiare influenze americaneggianti, tuttavia è ben diretto, c'è tensione e un' imprevedibile e ben studiato colpo di scena. Regia sapiente, nulla di straordinario, però riesce a trasmettere ritmo e suspense. Poi la regista ci mostra l'altra faccia di Londra, una faccia spietata, un po' come ha fatto Hill con "I Guerrieri della Notte" ambientato a New York, che non perdona nessuno e ribadendo ancora una volta che il crimine è anche nelle metropoli più amate di sempre e dove si pensa quindi che non possa succedere nulla. Attori diretti molto bene, tutti molto credibili, ma è la caratterizzazione e l'analisi psicologica dei personaggi che è sviluppata alla grande. Soprattutto quella del protagonista, il quale ci viene mostrato prima in numerosi flashback quando era un umile comunista che si batteva per la causa e invece dopo come criminale scaltro che ha un gran conflitto interiore. In generale l'impianto registico narrativo è molto solido. La Bird si dimostra anche abile a mischiare più generi: si spazia dal thriller all'action, dal noir al dramma fino alla commedia nera. Si sceglie per una fotografia molto torbida (anche perchè, se non sbaglio, questa pellicola è solo per la tv quindi non si poteva pretendere tanto) per far risaltare un po' il marcio che c'è in tutta la storia e anche per evidenziare il lato noir della pellicola. Ambientazioni particolari, vediamo una Londra completamente diversa, piena di vicoli oscuri, zone malfamate. Tutto realizzato degnamente e valorizzato dalla regista. Bella la colonna sonora, molto inglese con sonorità folk a acustiche. Altra caratteristica che rende la pellicola tipicamente britannica. Con la sceneggiatura scendiamo di livello: troppo simile a "Reservoir Dogs", troppe analogie, anche i personaggi somigliano a quelli dell'esordio tarantiniano. Almeno i dialoghi salvano in parte il tutto, però per il resto, è un po' tutto da rivedere. Bello il messaggio finale, un po' stereotipato ed anche simile in parte a quello di "Trainspotting" però è bello ugualmente.

In generale un discreto filmetto, abbastanza caratteristico. Un 7 scarso.

BlueBlaster  @  08/05/2014 01:16:21
   6½ / 10
Discreto action-drama anni 90 passato in sordina, dalle tinte fosche e di periferia come era e sarà (con Ritchie) il Cinema "gangster" all'inglese...
Il cast è gustoso, con una particina per il frontman dei BLUR ossia Damon Albarn, e Robert Carlyle anche se non ha proprio il phisique du role mette su un buon personaggio ma purtroppo agli antipodi dal suo riuscitissimo Begbie in "Trainspotting".
Della regista Antonia Bird (che scopro essere morta di recente non proprio anziana) avevo visto tempo fa il particolare "L'insaziabile" sempre con il feticcio Carlyle...una regia ordinaria per questo genere ma comunque efficacie nei momenti importanti come la dirompente rapina iniziale o il finale fuoco e fiamme!
Il punto è questo...l'inizio e la fine sono ottimi ma tutto ciò che sta nel mezzo è discutibile sia nella narrazione non proprio ritmata sia nei contenuti alquanto fiacchi e ordinari.
La violenza che latita e è solamente accennata, la mancanza di profondità ai personaggi secondari che però sono molto importanti nella storia, la storia d'amore scontata ed inconsistente come molti dialoghi da manuale e l' humor troppo sporadico sono difetti che pesano quando si ha tra le mani un tipo di film dalla sceneggiatura non proprio rara :)
Di buono c'è la storia di fondo con i suoi intrecci, la colonna sonora che pesca dai vari generi di moda tra la gioventù, la location londinese di periferia che instilla sempre il suo fascino ed il personaggio di Julian messo in scena da Philip Davis che pare tanto Robert Redford.
Si lascia guardare volentieri ma non lascia il segno.

4 risposte al commento
Ultima risposta 08/05/2014 16.52.23
Visualizza / Rispondi al commento
MonkeyIsland  @  27/03/2014 16:19:39
   7½ / 10
Gran bel noir inglese ad opera della Baird.
Ottima la regia e Carlye per questo poliziesco molto intelligente che riesce a costruire personaggi di spessore e si mantiene a distanza di sicurezza dal poliziesco americano incentrato essenzialmente sul classico poliziotto "ambiguo" e inseguimenti uno dietro l'altro.
Molto teso e interessante lo sviluppo in questo gioco al massacro di questi cinque rapinatori.
Sorpresone.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1013278 commenti su 44758 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net