dogtown and z boys regia di Stacy Peralta USA 2001
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

dogtown and z boys (2001)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film DOGTOWN AND Z BOYS

Titolo Originale: DOGTOWN AND Z BOYS

RegiaStacy Peralta

InterpretiSean Penn (voce), Jay Adams, Tony Alva, Bob Biniak, Paul Constantineau, Shogo Kubo, Jim Muir, Peggy Oki, Stacy Peralta, Nathan Pratt, Wentzle Ruml, Allen Sarlo, Jeff Ament, Skip Engblom, Glen E. Friedman, Tony Hawk, Jeff Ho, Henry Rollins, Craig

Durata: h 1.31
NazionalitàUSA 2001
Generedocumentario
Al cinema nel Giugno 2005

•  Altri film di Stacy Peralta

•  Link al sito di DOGTOWN AND Z BOYS

Trama del film Dogtown and z boys

E' la storia di un gruppo di rivoluzionari per caso, ragazzi di talento che hanno inavvertitamente ispirato un fenomeno della cultura pop americana...

Film collegati a DOGTOWN AND Z BOYS

 •  LORDS OF DOGTOWN, 2005

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,72 / 10 (9 voti)7,72Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Dogtown and z boys, 9 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Invia una mail all'autore del commento Rana c'è!  @  21/01/2008 21:00:06
   7½ / 10
Documentario fatto molto bene, da accompagnare con il film e magari anche qualche birra.

Titty@  @  25/09/2007 19:21:23
   6½ / 10
FIlm documentario, fatto abbastanza bene

Kobe  @  29/06/2007 14:44:18
   7½ / 10
Bel documentario che racconta per voce dei protagonisti l'incredibile storia di un gruppo di ragazzini capultati nel "mondo dei grandi"! Da vedere!

JACKASS  @  13/08/2005 21:05:20
   10 / 10
BELLO
A me più che ad un documentario pareva un film vero e proprio!
Bellisima la scena con l'astronauta! (se qui c'è chi conosce in un minimo lo skate e i suoi campioni sa di cosa parlo)
Il grande Johnny Knoxville ha tenuto alto il suo onore di attore!
E poi la storia era bellissima e abbastanza verosimile.

1 risposta al commento
Ultima risposta 14/12/2007 11.42.30
Visualizza / Rispondi al commento
bogob  @  17/07/2005 23:27:55
   7 / 10
Ragazzi che ****ta sto documentario: premetto che l'ho visto in lingua originale che forse è meglio, ma comunque per chi, come me, ha la passione per il surf e da piccolo ha passato le giornate in skate questo è davvero imperdibile.
Certo la storia io la sapevo già grazie a riviste e libri e altro ancora, ma qui è racchiusa tutta la storia degli albori ed ha un'aura di mitico, sarà forse anche per la qualità dei filmati...
Certamente non può interessare a tutti anzi, se non interessa annoia e parecchio, x cui il voto è da dividere in questo modo:
7 per chi è appassionato
5 per chi non ha interesse nello skate e affini

E' un vero e proprio documentario, anche piuttosto lungo.
Per vedere la storia "romanzata" andate a verede Lords of Dogtown che Stacy Peralta ha girato basandosi sulla vera storia della nascita dello skate moderno.
Altro film che mi sento di consigliare anche se si trova quasi solo in inglese è GATOR, la verta storia anche qui fatta a documentario di questo skater leggendario che ha dominato lo skate negli anni 80.
Skateboarding is not a crime!

6 risposte al commento
Ultima risposta 21/07/2005 01.32.09
Visualizza / Rispondi al commento
Invia una mail all'autore del commento toxicangel  @  05/07/2005 12:27:00
   8 / 10
Dogtown non è solo un documentario che narra (esalta) le gesta di una dozzina di ragazzini californiani che nei primi anni '70 spendeva le proprie giornate bruciando nella passione (ossessione) del surf prima, dello skateboard poi.
Dogtown è un inno al talento, alla ferma intenzione di ridefinire i limiti delle 'cose' che stai facendo. Magari non sono 'cose' importanti, ma importante è l'atteggiamento che quei buoni a (quasi) nulla sfoderarono. La parola "atteggiamento" è frequente quanto i "fuck" e le congiunzioni. Questo film è un'incisiva dimostrazione di quanto conti l'atteggiamento e di cosa possa produrre. L'astrarsi dal resto del mondo concentrandosi su se stessi e sulle proprie capacità, dimostrando prima (forse solo) a se stessi di cosa si è capaci. Da questo punto di vista, che l'oggetto della ricerca sia lo skating o la pace nel mondo è un fatto del tutto secondario.
Come viene spiegato nel documentario, in quei tempi andare su uno skateboard non era certamente un'attività in voga, era piuttosto un'occupazione infantile o da s****ti, paragonabile a jojo e hula-hop.
Il sospetto che gli innovatori siano persone che se ne infischiano di cosa sia 's****to' e cosa non lo sia è forte, di certo la bassa e diffusa opinione sullo skating passò del tutto inosservata agli strafatti occhi di questo branco di ragazzini irrispettosi e sfacciati che con estrema naturalezza trasformarono l'innocuo gingillio di scolaretti innocenti in un'attività 'degna' dell'attenzione dei media e delle multinazionali dell'abbigliamento sportivo. Quel branco di irrispettosi e sfacciati teppistelli smise gli stracci degli emarginati e vestì quelli da star giovanili.
Atteggiamento, non tenacia. Talento, non competizione. Skating con gusto, non per ottusa autoimposizione. Skating per sviluppare un proprio stile, un proprio modo di stare al mondo, non per essere più bravo di quell'altro per di più osservando rigide e altrui regole. Vieni qui a misurare chi ha lo stile migliore, se ci riesci! Non ci riuscirai, potrai solo prendere atto che alcuni hanno uno stile, altri nemmeno quello.
Ribelli con una causa: disegnarsi i vestiti addosso, non farserli cucire da altri o indossare quelli preconfezionati.
C'è sicuramente autocompiacimento tra i protagonisti di questa storia, ma chi non lo sarebbe dopo aver stravolto la propria vita smettendo gli stracci dello zerbinotto di periferia per vestire quelli da star con un proprio pubblico, seppur di nicchia, che ti idolatra? Specie se tutto questo non è avvenuto con un colpo di bacchetta magica, bensì grazie alla tua creatività? Che botta di adrenalina hai quando applaudono un tuo bel colpo?
Certo, una riflessione un po' più critica su come si siano lasciati intruppare, fagocitare e sputacchiare dall'industria che seppero attrarre a sè, non avrebbe fatto male. Ma già così è abbastanza.
Una tavoletta su 4 ruote per alcuni, una questione di atteggiamento per altri.

2 risposte al commento
Ultima risposta 06/07/2005 10.32.11
Visualizza / Rispondi al commento
SimmetriA  @  03/07/2005 21:46:00
   6 / 10
bello il montaggio e la scelta delle musiche, interessante ma forse un pò troppo lungo, se nn sei un appassionato è meglio evitarlo riskieresti di annoiarti

Edo  @  03/07/2005 20:34:57
   7 / 10
MOlto stile Peralta, grande mente e manager dei fantastici tempi quando la BOnes Brigade skateava per il mondo e i loro filmati promozionali erano piccoli film: se vogliamo paragonare la rivoluzione linguistica di Peralta nel documentario (ancor prima di questo Riding the Giant o i vari Future Primitive, Band This...) sta come Thriller di MIchael Jackson ai videoclip (chiedo scusa per eventuali nomi scritti sbagliati, ma l´importante é che si capisca).
UN bel ritratto dello skate, che puó tuttavia coinvolgere anche chi di questo sport non se ne frega nulla, perché ancor prima dello skate é un documentario generazionale... e chi come me nel fin ire degli anni novanta skateava duro "contro il muro" (chi si ricorda Zambito? I Nelzi, Max Bonasson, Edo Tagliavini...), salgono alla pöelle a piú riprese le oche e gli occhietti si inumidiscono!
Comunque, é un documnetario non un film (che peró esce adesso LORD OF DOGTOWN, ispirato dal documentario), quindi, chi lo va a vedere sappia almeno cosa sta andando a vedere

Invia una mail all'autore del commento Marla Singer  @  16/11/2004 16:59:27
   10 / 10
Un fantastico "film documentario" sulla nascita ed evoluzione dello SK8.
Aleggia lungo tutta la durata del film un'atmosfera di "rivoluzione" e l'idea che chi vive di questa passione è in qualche modo baciato dalla fortuna....e in parte credo sia vero, almeno in quel contesto durante quegli anni.
Un film che chi non ama lo sk8 forse non apprezzerà.

6 risposte al commento
Ultima risposta 27/07/2005 15.02.38
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico


1008468 commenti su 44050 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net