destino (1921) regia di Fritz Lang Germania 1921
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

destino (1921)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film DESTINO (1921)

Titolo Originale: DER MÜDE TOD (EIN DEUTSCHES VOLKSLIED IN 6 VERSEN)

RegiaFritz Lang

InterpretiWalter Janssen, Bernhard Goetzke, Lil Dagover

Durata: h 1.22
NazionalitàGermania 1921
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 1921

•  Altri film di Fritz Lang

Trama del film Destino (1921)

La Morte fa un patto con la fanciulla cui ha tolto il fidanzato: glielo riporterà se lei salverà la vita di almeno una delle tre luci che, in una foresta di candele, si stanno spegnendo, e la porterà in tre paesi e in tre epoche diverse. La fanciulla non ci riesce, ma la Morte le offre una quarta possibilità...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,58 / 10 (6 voti)7,58Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Destino (1921), 6 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

Gruppo REDAZIONE amterme63  @  03/03/2011 19:40:56
   6½ / 10
Ciò che ha di speciale il primo film girato da Fritz Lang è proprio la sua regia. Per il resto è un film in linea con i gusti e le forme dell'epoca. Anche per questo "Der müde Tod" non può essere considerato un film espressionista.
Il nucleo del film è il triste e ineluttabile sentimento di precarietà della vita umana, accompagnato dalla malinconica e rassegnata accettazione del proprio destino (il titolo italiano "Destino" è molto azzeccato). Molto belle le scene in cui la protagonista implora la Morte di restituirle la persona amata. La scenografia è semplice ma molto suggestiva, soprattutto la sequenza delle candele o quella della anime, ridotte a "sovraimpressioni" trasparenti. La Morte è tutto fuorché un ente malvagio o cattivo, anzi è rappresentata come un personaggio addolorato e rassegnato ad un ruolo che vorrebbe evitare (la colpa addirittura viene data al "Signore"). Alla fine è pure rappresentata come qualcosa di benefico e benvenuto, una specie di consolatrice. L'attore che la impersona ce ne dà una versione grave e "dark", molto convincente.
Altro messaggio del film è la dolorosa considerazione che è quasi impossibile far fronte alle forze "negative": quelle dell'egoismo, dell'arbitrio e del potere. Ne fanno le spese chi vuole combattere pregiudizi religiosi, sociali, sentimentali. E' la parte centrale del film, quella che ricorda molto "Intolerance", la parte più spettacolare e rivolta a "piacere" i gusti dell'epoca, desiderosi di esotico e fantastico. E' pure la parte più debole e meno riuscita del film.
E' quindi un film che colpisce solo in poche scene ma che nella sua totalità rischia di stancare e annoiare.

carriebess  @  13/09/2009 12:07:39
   7½ / 10
la morte ti darà ancora un'ultima estrema possibilità..
Agghiacciante.

pinhead88  @  10/07/2009 16:29:25
   6 / 10
uno dei film più pesanti che mi sia capitato di vedere,nonostante la sua normale durata.sarà perchè l'ho visto con le didascalie in inglese e quindi non sono riuscito a seguirlo del tutto.la figura della Morte non mi è parsa tutto sto granchè,anche perchè l'espressionismo di Lang era agli albori.la parte centrale mi ha fatto ricordare molto "Il gabinetto delle figure di cera" di Leni,in cui la storia si divide in tre parti in epoche diverse.però,anche quello non è che mi aveva fatto impazzire.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR The Gaunt  @  05/07/2009 21:33:25
   7½ / 10
Molti elementi dell'espressionismo sono giò presenti in questo lungometrasggio di un giovane Lang: dalle scenografie ai forti contrasti fra luce ed ombra più la ricerca delle paure più recondite del nostro inconscio. Strutturato ad episodi come l'Intolerance di Griffith, non tutti gli episodi offrono lo stesso livello di qualità, la componente melodrammatica è molto presente, tuttavia Bernhard Goetzke nel ruolo della Morte ha una presenza carismatica di tutto rispetto.

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Antoniusblock  @  27/05/2009 16:59:57
   10 / 10
Una morte pietosa che ti da ancora una possibilità, ma non si sfugge al destino..

Invia una mail all'autore del commento wega  @  10/01/2009 00:17:21
   8 / 10
ATTENZIONE: Prossimamente in edicola "Il Gabinetto del Dott. Caligari". Chiedo aiuto a chiunque qualora venisse sospesa l' uscita dal ridicolo tabaccaio mio.

"Il Destino" è quasi l' esordio di Fritz Lang. Sfumata la possibilità di dirigere il film di Wiene, l' anno successivo diresse questo splendido esempio di cinema espressionista. Più che un film sul Male, qual' è "Nosferatu", è una vera parabola sull' impossibilità di sconfiggere la Morte; qui presente in prima persona a contatto con la protagonista, proprio come ne "Il Settimo Sigillo" di Bergman. E come non andare di matto a vedere alberi storti e scenografie posticce; davvero sensazionale. La struttura è molto simile a "Intolerance" di Griffith con tre ambientazioni diverse nelle quali una donna viene mandata dalla Morte per salvare almeno una persona tra tre, per poter così rincontrarsi con il suo amato defunto. La parte più interessante della pellicola è proprio l' ultima, cioè la quarta: una quarta possibilità data dalla Morte stessa dove la protagonista, cercando invano persone (tra malati e mendicanti) pronte a sacrificare la propria vita per quella del suo amato, salverà la vita di un bambino, autonegandosi la riconciliazione tanto cercata; Un momento straordinario, che tocca le tematiche di una carriera intera di questo regista. Ma la Morte vincerà lo stesso, perchè sarà la protagonista stessa a sacrificarsi. Eccezionali soluzioni visive, curioso, per un regista Barocco come Lang, in questo film non ci siano che piani fissi. Sarà interessantissimo vedere e scoprire come, nell' arco di dieci anni ("M"), si sia evoluto -e soprattutto come si sia evoluto- il linguaggio di uno dei più grandi cineasti della storia del cinema. Questo da non perdere.

2 risposte al commento
Ultima risposta 10/01/2009 13.43.35
Visualizza / Rispondi al commento
  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

18 regali1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghiera
 NEW
antebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estatepicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)playmobil: the moviepromarequeen & slimrichard jewellritratto della giovane in fiammerun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccasorry we missed youspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1004797 commenti su 43482 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net