concorso di colpa regia di Claudio Fragasso Italia 2005
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

concorso di colpa (2005)

Commenti e Risposte sul film Recensione sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film CONCORSO DI COLPA

Titolo Originale: CONCORSO DI COLPA

RegiaClaudio Fragasso

InterpretiAlessandro Benvenuti, Francesco Nuti, Massimo Bonetti, Gabriele Ferzetti, Luca Lionello, Antonella Ponziani

Durata: h 1.35
NazionalitàItalia 2005
Generethriller
Al cinema nell'Agosto 2005

•  Altri film di Claudio Fragasso

Trama del film Concorso di colpa

Durante un'indagine di routine, il commissario Francesco De Bernardi scopre una pista che riporta ad un omicidio commesso 25 anni prima da 5 giovani extraparlamentari ora affermati professionisti. Il caso però assume dei risvolti imprevisti...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   4,14 / 10 (7 voti)4,14Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Concorso di colpa, 7 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

ferzbox  @  10/10/2016 17:41:25
   5½ / 10
Lasciando perdere l'estremismo politico militante, di cui non se ne parla più di tanto(MEGLIO), utilizzato semplicemente come strumento per creare una storia thriller in Italia(eh...se non ci mettiamo di mezzo la politica o la malavita sembra che non siamo capaci a far nulla), il film cerca di spiccare con una serie di colpi di scena ed intrecci che secondo me lasciano il tempo che trovano; la sceneggiatura è studiata intorno ad un idea carina, ma il senso di alcuni personaggi non mi era molto chiaro e ho trovato l'incipit da cui partono le indagini piuttosto arzigogolato, forse oserei dire anche furbetto, dato che poi negli eventi finali mi è parso di percepire che il tutto era solo un pretesto per creare una trama complessa e stupire con una rivelazione che faceva acqua da tutte le parti e poco integrato con quel poco che c'era di interessante e coinvolgente.
Francesco Nuti credo che ormai aveva fatto il tempo suo e fa quasi tenerezza vederlo in un film come questo e considerarlo un bravo attore solo per qualche colpo ben riuscito in passato.
Antonella Ponziani può andare a braccetto con Nuti; sinceramente non capisco come possano emergere certi personaggi così mediocri(mafia?....altro che non voglio dire?).....bho.....
Riguardo al resto del cast posso solo parlar bene di Alessandro Benvenuti e Massimo Bonetti, piuttosto discreti ma non certo idilliaci....
Non lo catalogo tra i peggiori film italiani che ho visto, considerando che possiamo vantare di ben più acclamate porcherie, però certo, come al solito siamo sempre circondati da questo "pressapochismo" che fa sfigurare le poche idee buone e e lo scarso numero di attori validi....
Quasi sufficente, ma troppo zoppicante in molteplici aspetti per arrivare a promuoverlo.....almeno secondo il mio personalissimo punto di vista.

WildHorse  @  20/02/2010 01:53:19
   6½ / 10
Più che sufficiente: parte troppo lento, si sviluppa discretamente bene e finisce con un paio di colpi di scena niente male. Direi che il ritorno di Francesco Nuti sul grande schermo è ottimo! Io continuerei su questo filone per un po'. Grande Francesco, ti vogliamo bene!

Invia una mail all'autore del commento michaelgrimaldi  @  16/01/2009 22:01:54
   1 / 10
Senza mezzi termini: un ottuso e viscido film fascista, scritto male, diretto peggio e di fatto non-interpretato. Da voltastomaco.

Invia una mail all'autore del commento bouree  @  13/09/2006 18:40:23
   4 / 10
brutto... e francesco nuti che delusione!!!!

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR echec_fou  @  05/09/2005 13:19:35
   3 / 10
“Concorso di colpa” fa il suo debutto sulla scena cinematografica italiana in questi giorni di fine estate. Vorrebbe essere, ma forse sarebbe più idoneo dire passare per, un “thriller storico-politico”. Per capirci, lo stile vorrebbe evocare
quello di “Piazza delle Cinque Lune” di Martinelli, un genere cinematografico in cui una storia e dei personaggi puramente inventati, vanno ad intrecciarsi con un pezzo della memoria, un po’ dolorosa, degli ultimi decenni della nostra penisola. Tuttavia, in questo caso, il risultato è assai deludente e, per certi versi, un po’ inquietante e deprimente.
La trama si sviluppa nei nostri giorni, ma affonda le sue radici nelle sofferte reminiscenze degli anni della contestazione. A questo periodo infatti, risale l’antefatto che diventa poi il motore di tutta la vicenda: l’assassinio, da parte di cinque giovani militanti di estrema sinistra, di un giovane oppositore politico di estrema destra.
Appena visto l’antefatto, si suppone che voglia trattarsi di un film di denuncia verso l’estremismo politico militante,
solo che si capisce dopo pochissimo, che la tematica viene trattata con scontatezza, pochezza di idee (dal punto di vista cinematografico),soluzioni banali e soprattutto al limite dell’inverosimile. Il tutto viene poi condito, ma questo si capisce solo in seguito, con un pizzico di furbizia politica e ottusa demagogia.
Ma procediamo poco alla volta.
Il commissario Francesco De Bernardi (interpretato da un pessimo pessimo Francesco Nuti, la cui partecipazione emotiva, tra l’altro non minore a quello degli altri attori, potrebbe essere paragonata a quella di un portasaponetta. .Ragion per cui mi sentirei di consigliargli, sempre nell’ambito dell’educazione, di tornare a collaborare in film commedia, visto che almeno lì, interpretando personaggi al limite del mutismo, come il suo “signor 15 palle”, non deve far lo sforzo di recitare, evitando così di balbettare, cosa che invece gli riesce benissimo in questo film) viene incaricato da un magistrato di indagare sulla morte, un presunto suicidio, di uno dei cinque militanti che avevano commesso l’omicidio, 25 anni prima. Pare infatti che questo, sia stato ucciso dai suoi penosissimi sensi di colpa. Lo scopo è riuscire ad individuare i suoi “compagni”. Il film diventa poi tutto un susseguirsi di colpi di scena, che hanno però come risultato solo quello di svelare l’inverosimiglianza della trama. Inoltre i personaggi mancano totalmente di analisi introspettiva e sono completamente disumani: macchine mostruose senza un minimo di coscienza. La sceneggiatura adotta poi il linguaggio tipico dei polizieschi di infimo rango, senza contare il ricorso a metafore visive di dubbio gusto estetico, come quella della partita di scacchi come metafora di quella che dovrebbe essere una fine sfida intellettiva.
Ma non è soltanto questo l’aspetto che determina il mio dissenso. Finora infatti ho parlato unicamente della qualità del film, accennando solo di sfuggita al cuore della questione, all’aspetto che tramuta il mio dissenso in disgusto.
Confesso che sono rimasto praticamente senza parole soffermandomi a riflettere sul messaggio filmico della pellicola, nonché su certe sfumature e allusioni che emergono da un’analisi un po’ più profonda. I quattro “famigerati compagni” infatti, rimasti nascosti nell’ombra per oltre 25 anni, sapete che professione svolgevano?
Il primo, un professore universitario di Lettere e Filosofia, molto vicino ad autori come Flaiano e Pasolini.
Il secondo, un giornalista di prima linea, di quelli che si spingono fino al cuore degli eventi sociali, come gli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine, di quelli che mi sento di definire senza mezzi termini “eroi dell’informazione”, a cui dobbiamo coraggiosissime testimonianze di sana e incensurata informazione (si pensi alla troupe capeggiata da Freccero sguinzagliata al G8 di Genova, “una troupe che produrrà –come scrivono Travaglio e Gomez -, con immagini inedite, un eccezionale documentario sulle violenze di frange delle forze dell’ordine contro centinaia di pacifici manifestanti”).
Il terzo, un imprenditore redento, a testimonianza dell’abilità dei contestanti comunisti a nascondersi nei modi più impensati qualora ce ne fosse il bisogno.
L’ultimo, un commissario di polizia, ovvero una carica che dovrebbe farsi incarico di assicurare l’equilibrio sociale.
Ma dite un po’, che razza di messaggio ci volete mandare?
Ognuno tragga le conclusioni che vuole.
Io ritengo che questi aspetti contribuiscano a trasformare la pellicola da un film di denuncia verso l’estremismo politico militante, causa che mi sento di abbracciare pienamente, a un processo per niente obiettivo ad eventi storici (gli anni della contestazione, non certo gli eccidi politici) che credo vadano analizzati in maniera un po’ più approfondita.
Insomma, una monumento di mediocrità analitica e artistica.
Ma non è mica finita qui.
Sapete cosa viene mandato, non appena finito il film, ancor prima dei titoli di coda, forse a testimonianza dell’orgoglio con cui è stato girato il film? Viene trasmesso un testo in cui si informano gli spettatori che il film è realizzato con la collaborazione niente-popò-di-meno-che del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
Chissà quale saranno gli obbiettivi educativi del Ministero? Bah…
Forse però, a questo punto, dovrei ricredermi, su quanto scritto in apertura: questo è proprio un “horror storico-politico”. Fenomeni come questi mi destano non poche paure e non poche preoccupazioni.


1 risposta al commento
Ultima risposta 25/10/2005 23.08.39
Visualizza / Rispondi al commento
Serlon  @  04/09/2005 14:16:22
   4 / 10
Mi ci è voluto qualche giorno per fare una riflessione obbiettiva su questo film. Amavo Francesco Nuti degli anni '80 (A ovest di Paperino, ******* che silenzio c'è stasera, Io Chiara e lo Scuro, Son Contento, Tutta colpa del paradiso), ma in effetti ha ragione Maria Lucia quando dice che è preferibile vederlo in veste comica. A questo aggiungo che negli ultimi anni sarebbe preferibile non vederlo proprio, visto i difetti di pronuncia che adesso non hanno più niente a che fare col fiorentino.
Per quanto riguarda Benvenuti, invece, credo sia un attore completo, non un comico. Questo lo si può vedere sia al cinema che al teatro. E' un attore a tutti gli effetti, e anche qui ha fatto la ha dimostrato in un'interpretazione al di sotto delle sue capacità ma sempre ad alti livelli - seppure in un ruolo quasi marginale.
Regia e sceneggiatura hanno rovinato un soggetto che poteva essere buono, con battute di uno scontato stucchevole. Non c'è molto da aggiungere, chi ancora non l'ha visto... non si è perso niente.

Invia una mail all'autore del commento Maria Lucia  @  29/08/2005 18:07:10
   5 / 10
Mi ha deluso Fragasso....con "Palermo Milano solo andata" invece mi aveva colpito per la sua originalità, questo film invece l'ho trovato "patetico"..trama e sceneggaiatura scarna non va a fondo come secondo me dovrebbe fare, sull'aspetto intimo dei protagonisti, Nuti è meglio se fa il comico almeno fa ridere (un pò...) qui fa solo piangere....Benvenuti idem l'unico che può salvarsi è Massimo Bonetti ma, cosa puù fare lui da solo in un film che dovrebbe essere molto più "corale" ?

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

 HOT
1917a quiet place iia riveder le stelleadoration (2019)after midnight (2019)alice e il sindacoalla mia piccola samaandrej tarkovskij. il cinema come preghieraantebellumantlersbad boys for lifebirds of prey e la fantasmagorica rinascita di harley quinnbombshell - la voce dello scandaloboterobunuel - nel labirinto delle tartarughecambio tutto!candymancaterinacats (2019)cattive acquecena con delitto - knives outcercando valentina - il mondo di guido crepaxche fine ha fatto bernadette?city of crimecolor out of spacecriminali come noida 5 bloods - come fratellidiamanti grezzidio e' donna e si chiama petrunyadolittledoll housedoppio sospettodreamkatchereasy living - la vita facileera mio figliofabrizio de andre' & pfm - il concerto ritrovatofantasy islandgli anni piu' belligrandi bugie tra amicigretel e hanselhammametherzog incontra gorbaciovil diritto di opporsiil drago di romagnail ladro di giorniil lago delle oche selvaticheil meglio deve ancora venireil mistero henri pickil primo nataleil richiamo della foresta (2020)il terzo omicidioimpressionisti segretiin the trap - nella trappolajojo rabbitjudy (2019)jumanji - the next leveljust charlie - diventa chi seila dea fortunala gomera - l'isola dei fischila mia banda suona il popla partita (2020)la ragazza d'autunnola vita nascosta - hidden lifel'agnellol'apprendistatolast christmasleonardo. le operel'hotel degli amori smarritil'inganno perfettolontano lontanolourdes (2019)lunar cityl'uomo invisibile (2020)marco polo - un anno tra i banchi di scuolamarianne e leonard. parole d'amoremarie curieme contro te: il film - la vendetta del signor s
 HOT R
memorie di un assassinonancynon si scherza col fuocoodio l'estateoutbackpicciridda - con i piedi nella sabbiapiccole donne (2019)pinocchio (2019)promarequa la zampa 2 - un amico e' per semprequeen & slimrichard jewellrun sweetheart runsaint maudscherza con i fantischool of the damnedshow me the picture: the story of jim marshallsola al mio matrimoniosonic - il filmsono innamorato di pippa baccaspie sotto coperturaspiral - l'eredita' di saw
 HOT
star wars - l'ascesa di skywalkersulle ali dell'avventuratappo - cucciolo in un mare di guaithe boy - la maledizione di brahmsthe farewell - una bugia buonathe gentlementhe grudge (2020)the lodgethe new mutantsthe other lambthey shall not grow old
 HOT
tolo toloun figlio di nome erasmusuna storia d’arteunderwatervilletta con ospitivivariumvolevo nascondermiwaves

1006116 commenti su 43641 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net