che ora e' laggiu'? regia di Tsai Ming-Liang Taiwan, Francia 2001
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novitÓ NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

che ora e' laggiu'? (2001)

Commenti e Risposte sul film Invita un amico a vedere il film Discutine sul forum Errori in questa scheda? Segnalaceli!

Seleziona un'opzione

locandina del film CHE ORA E' LAGGIU'?

Titolo Originale: NI NEIBIAN JIDIAN

RegiaTsai Ming-Liang

InterpretiShiang-chyi Chen, Kang-sheng Lee, Yi-ching Lu, Jean-Pierre LÚaud

Durata: h 1.56
NazionalitàTaiwan, Francia 2001
Generedrammatico
Al cinema nel Gennaio 2001

•  Altri film di Tsai Ming-Liang

Trama del film Che ora e' laggiu'?

Dopo la morte del padre, Hsiao kang ha paura della notte. Gli sembra che il fantasma di suo padre si aggiri per la casa. Hsiao Kang vive vendendo orologi. Un giorno una ragazza vuole comprare un orologio: Hsiao Kang ha al polso quello che era di suo padre e lei chiede proprio quello...

Sei un blogger? Copia la scheda del film Sei un blogger? Copia la scheda del film

Voto Visitatori:   7,67 / 10 (6 voti)7,67Grafico
vota e commenta il film       invita un amico
Cerca il commento di: Azzera ricerca


Voti e commenti su Che ora e' laggiu'?, 6 opinioni inserite

caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi
  Pagina di 1  

vittorioM90  @  23/03/2014 21:25:30
   8 / 10
Non è semplice l'approccio al cinema di Tsai Ming-Liang e soprattutto non è semplice parlarne, ma mi sento in dovere di farlo, nella speranza che almeno uno su cento di coloro che capitano per caso su questo blog provi a guardare il film in questione, a non demordere dopo quella prima mezz'ora in cui sembra non succedere quasi niente.
Non che dopo succeda molto di più nel film, ma succede dentro di te, caro (possibile) spettatore.

O meglio, senza la presunzione di generalizzare... dentro di me quel qualcosa è successo, è successo eccome. Ed ecco, quindi, che ancora una volta la visione di "Che ora è laggiù?" come era successo per "I don't want to sleep alone" (altro splendido film dello stesso regista) si è rivelata un'esperienza unica, straordinariamente emozionante. E non può essere un caso se per due volte tale regista mi ha fatto provare emozioni così forti.

Devo essere sincero, bisogna dargli tempo ai suoi film, bisogna "banalmente" lasciarsi andare ed in quel caso, quando meno te lo aspetti, quando stai per spegnere tutto e maledire Tsai e chi te l'ha consigliato, improvvisamente il film ti rapisce, si impossessa di te, te ne innamori e ti sembra assurdamente di essere diventato parte del film. Allora quella lentezza "eccessiva", quelle inquadrature immobili, quei continui silenzi, quella monotonia, quella noia, acquistano spaventosamente senso ed appaiono così reali, vere.
Ti rispecchi dentro il film, dentro quegli sguardi persi nel vuoto, dentro quell'immobilità che assume connotati apocalittici, dentro quella ripetizione ossessiva di gesti semplici, ma "strani".

Tsai Ming Liang, in effetti, fa un "anti-cinema", un cinema che riduce al minimo il montaggio, che esclude una qualsivoglia forma di colonna sonora, che non narra soprattutto, ma semplicemente riprende la vita in ogni attimo. Anzi, non in ogni attimo, ma in quelli insignificanti. In maniera radicalmente diversa dal cinema "convenzionale", il cinema di Tsai non si disinteressa dei gesti irrilevanti, dei momenti vuoti, non li esclude ma li fa diventare elemento principale. L'attenzione è proprio rivolta a tutti quei momenti considerati inutili e senza ragione di esistere, specialmente all'interno di un film.

Di conseguenza il tempo si dilata e la telecamera fissa sembra non voler ostacolare il lento fluire della vita dei protagonisti. Spesso Tsai non inquadra nemmeno i personaggi, ma volge la telecamera verso un punto non ben precisato ed i personaggi semplicemente entrano in scena ai margini e dai margini escono.

Ci sono in pratica tre protagonisti.

C'è una innanzitutto una ragazza che decide di andarsene da Taipei alla volta di Parigi e che si compra prima di partire un orologio da un tizio che li vende per strada, uno di quegli orologi con il doppio orario.
Poi c'è quel ragazzo, quello che vende orologi, che ha appena perso il padre e che vende l'orologio a quella ragazza, proprio l'orologio che ha ereditato dal suo vecchio. Ad affare concluso, Hsiao Kang (questo il suo nome) non rivedrà più quella ragazza, ma continuerà a pensare a lei costantemente. E così comincerà a cambiare l'ora a tutti gli orologi che si trova a portata di mano sintonizzandoli con il fuso orario di Parigi...
Ed infine c'è la madre di questo ragazzo, che ancora non ha superato la morte del marito e continua ad attendere il suo ritorno, a sperare che il suo spirito si manifesti.

Tre solitudini diverse tra loro, destinate a non incontrarsi per via dell'oggettiva distanza fisica tra Parigi e Taipei, oppure a causa di quella soltanto astratta che c'è tra la madre ed il figlio, che non si comprendono e forse non si comprenderanno mai.


Domina l'apatia, l'incapacità di vivere a fondo la vita, di essere felici, di liberarsi di quella tristezza che si espande silenziosamente, in maniera non eclatante, dentro i personaggi del film...

Il viaggio a Parigi della ragazza si rivela ben diverso da come se lo era immaginato e quella solitudine, da cui tanto voleva fuggire, complici anche le difficoltà linguistiche, diventa sempre più pesante. Vorrebbe persino telefonare a quel ragazzo che le ha venduto l'orologio, ma ha perso il numero e non potrà più farlo. Le loro strade si sono separate inesorabilmente, anche se allo stesso tempo sembra che ci sia ancora un filo sottile che li congiunge... Lui per esempio, per sentirsi più vicino a Parigi si compra la cassetta de "I quattrocento colpi" di Truffaut, film emblema della "Nouvelle Vaugue" e della capitale francese e se la guarda di notte in preda all'insonnia, mentre lei dall'altra parte del mondo incontra casualmente proprio Jean-Pierre Léaud, invecchiato, in un cimitero, ovviamente senza riconoscerlo.


Successivamente lei trova un minimo sollievo incontrando una ragazza di Hong Kong con cui finalmente riesce a comunicare. Ci scappa anche qualche sorriso, un bacio, ma la sequenza successiva è di una tristezza impietosa con le due ragazze, a letto insieme, sotto le coperte, che guardano fisse verso il vuoto, entrambe disperate, come si fossero ormai arrese, mentre il ragazzo degli orologi dall'altra parte del mondo, trova il suo di sollievo, scopando in macchina con una prostituta. Nel frattempo la madre si masturba pensando al marito...

Il tutto, però, credetemi, raggiunge livelli di intensità e delicatezza altissimi, fino a culminare nello splendido finale, straordinario anche dal punto di vista esclusivamente visivo.

Cinema come musica, quindi, ancora una volta, cinema che non racconta niente di particolare in fin dei conti, ma che riesce ad arrivare dritto al cuore e lasciarti dentro qualcosa di grande.

E c'è una scena emblematica, soltanto apparentemente inutile, in cui la protagonista si trova alla fermata della metropolitana e sta aspettando il suo treno. Nel mentre ne arriva un altro, dall'altra parte e dentro c'è un tizio che sembra guardarla con interesse. Sembra essere affascinato dalla ragazza, lei nemmeno se ne accorge. Il treno riparte. Non si incontreranno mai.

Gruppo COLLABORATORI SENIOR jack_torrence  @  13/10/2010 00:17:07
   8 / 10
Affronto sempre un suo film con il dubbio che Tsai sia un manierista per masochisti, e invece, quando mi capita di vedere un suo film, alla fine mi devo ricredere e riconoscere che c'è del genio in questa estenuante lentezza.
Le sue infinite inquadrature, i suoi piani sequenza, sono un precipitato molto aderente al vero della nostra incapacità di sfruttare il Tempo a nostra disposizione.
Il dramma grottesco di un amore arreso alla lontananza è la cartina al tornasole di due alienazioni gemelle.
Tsai è impietoso, e ci sbatte in faccia l'insostenibile vanità della vita.

Se ne autocompiace sempre, però: è un signor regista di grande rigore, e non gli rimprovero la disperazione (su cui poi ironizza in modo molto sottile e feroce). Gli rimprovero l'austera e ostinata indifferenza al gradimento del pubblico.
Se tutti facessero come lui, il cinema diverrebbe un'arte del passato.

Gruppo COLLABORATORI bungle77  @  31/12/2008 15:30:27
   8½ / 10
solito grande Ming Liang... tre personaggi in cerca d'amore... momenti di pura poesia (le due ragazze nel letto)... splendida fotografia...

Ciaby  @  24/12/2008 18:11:37
   10 / 10
capolavoro cristallino! visto alle 2 di notti tre anni fa con un sonno tremendo, non mi sono mai addormentato! 2 ore incollato allo schermo con la bava alla bocca! E ditemi se è poco

Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Invia una mail all'autore del commento Zazzauser  @  08/05/2006 16:02:35
   3½ / 10
Ok, va bene che questo film vuole trattare argomenti profondi, interessanti eccetera. Ma sinceramente mi sono proprio stancato di questi film. Il compito principale di una pellicola è anche far capire allo spettatore qual'è il messaggio che vuole trasmettere: in questo invece non si capisce assolutamente niente. Poi, scene di silenzio assoluto per minuti interi... migliaia di fotogrammi buttati al vento... per un po' ho resistito, poi non ce l'ho fatta a non distrarmi... altre scene sono completamente incomprensibili... la valigia che quel vecchio trova alla fine del film non la capirò mai...
Chissà quanto hanno pagato i doppiatori... non lo so, per doppiare sì e no 25 frasi in tutto il film più di diecimila lire non possono aver ricevuto... °_°

5 risposte al commento
Ultima risposta 13/10/2010 03.26.44
Visualizza / Rispondi al commento
Gruppo COLLABORATORI JUNIOR Requiem  @  15/02/2005 19:34:57
   8 / 10
Il classico film di Tsai Ming liang, un film che parla di tante persone che vivono la propria vita in perfetta solitudine.
Ritmi lenti e riflessivi, stile molto elegante, molto bella la fotografia.

Sinceramente non ho capito le citazioni dai 400 colpi e da Truffaut. Compare persino Jean Pierre Leud in carne e ossa.
Ma al di la di questo è un film molto molto bello.

  Pagina di 1  

vota e commenta il film       invita un amico

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

800 eroia cena con il lupoa classic horror storya dayagente speciale 117 al servizio della repubblica - missione rioagente speciale 117 al servizio della repubblica: missione cairoagnesall my lifeamazing grace (2018)
 NEW
ancora piu' belloatlasbaphometbeckettblack widow (2021)blood brothers: malcolm x & muhammad aliblood red sky
 NEW
blue bayoubon joviboys (2021)candymancapitan sciabola e il diamante magicocensorcodacome un gatto in tangenziale - ritorno a coccia di mortocomediansdau, natashademonic (2021)
 NEW
dune (2021)earwig e la stregaennio: the maestroescape room 2: gioco mortaleextraliscio - punk da balerafalling - storia di un padrefast & furious 9 - the fast sagafear street parte 1: 1994fear street parte 2: 1978fear street parte 3: 1666fellinopolisfigli del soleframmenti dal passato - reminiscencefree guy - eroe per giocofuturahasta la vista!i croods 2 - una nuova erai profumi di madame walbergil cieco che non voleva vedere titanicil collezionista di carteil gioco del destino e della fantasia
 NEW
il giro del mondo in 80 giorni (2021)
 NEW
il matrimonio di rosail mostro della criptail ragazzo piu' bello del mondo
 NEW
il silenzio grande
 NEW
il viaggio del principein prima lineain the earthin the heights - sognando a new yorkio sono nessunoio, lui, lei e l'asinojodorowsky's dunejosepjungle cruisekatekufidla brava mogliela casa in fondo al lagola cordigliera dei sognila felicita' degli altri...la grande staffettala guerra a cubala guerra di domani (2021)la nostra storiala notte del giudizio per semprela ragazza con il braccialettola ragazza di stillwaterla terra dei figlila vita che verra'l'amante russol'amore non si salet us inlucal'uomo nel buio - man in the darkmadres paralelasmalignant (2021)mandibules - due uomini e una moscamarx puo' aspettareme contro te: il film - il mistero della scuola incantatamedusa: queen of the serpentmi chiedo quando ti manchero'mondocane (2021)monster hunterno sudden movenowhere specialocchi bluoldpenguin bloomper luciopeter rabbit 2 - un birbante in fugapigpossession - l'appartamento del diavolopunta sacraquello che non so di tequi rido ioreflectionritorno in apnearoom 9run (2020)school of mafia
 NEW
schumachershang-chi e la leggenda dei dieci anellisibyl - labirinti di donnasnake eyes: g.i. joe - le originisongbird
 NEW
spin time, che fatica la democrazia!spiral - l'eredita' di sawspirit - il ribellestate a casastorm boy - il ragazzo che sapeva volare
 NEW
supernova (2021)the book of visionthe boy behind the doorthe green knightthe ice roadthe lockdown hauntingsthe nest (2021)
 NEW
the night house - la casa oscurathe protege'the sparks brothersthe suicide squad - missione suicidathe voyeursthey talktigerstoo late (2021)toothfairy 3triumphuna donna promettenteuna relazioneuno di noiuntitled horror movie (umh)volami viavoyagerswelcome venicex&y - nella mente di anna

1020964 commenti su 46284 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net