Recensione world invasion: battle los angeles regia di Jonathan Liebesman USA 2011
al cinemain tvanteprimearchivioserie tvblogtrailerclassifichespecialiregistiattorirecensioniforumfeedmy
Skin Filmscoop in bianco Filmscoop nostalgia
HAL9000 novità NEWS 
Ricerca veloce:       ricerca avanzatabeta

Recensione world invasion: battle los angeles (2011)

Voto Visitatori:   5,07 / 10 (108 voti)5,07Grafico
Dimensione testo: caratteri piccoli caratteri medi caratteri grandi

locandina del film WORLD INVASION: BATTLE LOS ANGELES

Immagine tratta dal film WORLD INVASION: BATTLE LOS ANGELES

Immagine tratta dal film WORLD INVASION: BATTLE LOS ANGELES

Immagine tratta dal film WORLD INVASION: BATTLE LOS ANGELES

Immagine tratta dal film WORLD INVASION: BATTLE LOS ANGELES

Immagine tratta dal film WORLD INVASION: BATTLE LOS ANGELES
 

Nell'estate del 2011 alcuni meteoriti irrompono nell'atmosfera terrestre e cadono, frenati da una forza misteriosa, nei pressi di alcune grandi città sparse per gli Stati Uniti, tra queste Los Angeles.

Nascosti al loro interno vi sono strumenti bellici, armi da combattimento, cloni-soldati alieni che si riversano nelle metropoli formando un esercito coordinato da segnali elettronici, provenienti da astronavi madri in grado di svolgere anche la funzione di veri e propri carri armati volanti.
L'esercito alieno ingaggia una rapida e brutale guerra di invasione contro i civili e i soldati americani.

Lo scopo degli invasori è di impossessarsi dell'acqua terrestre, bene prezioso, necessario al mantenimento della loro vita corporea, ambientale, e al funzionamento dei mezzi bellici di conquista e difesa.

Per affrontare gli alieni, a Los Angeles vengono utilizzati anche i marines, pronti a dar battaglia alla fanteria aliena; tra i marines che giungono a Los Angeles c'è Michael Nantz (Aaron Eckhart), sergente che sta per andare in pensione dopo che i suoi superiori, pur riconoscendogli un passato di valorose imprese, l'hanno ufficialmente catalogato come prodotto militare scaduto, a causa di una scelta erronea da lui compiuta in un importante combattimento che è costata la vita a due marines.

Egli si ritrova suo malgrado di nuovo in battaglia, a causa dell'incalzare degli avvenimenti. Los Angeles è ormai una città deturpata che sta per cadere sotto i colpi assestati dalle forze nemiche. Il sergente Nantz nel suo reparto viene sostituito da un altro sottoufficiale e passa quindi in un diverso plotone comandato dal giovane tenente Martinez (Ramon Rodriguez) divenendone l'aiuto.

La missione affidata al tenente Martinez consiste nel liberare cinque civili, di cui tre bambini, una bella veterinaria e un uomo di colore, rifugiatisi miracolosamente presso la sede della polizia, situata nei pressi di Santa Monica, tra immani rovine murarie e sotto il tiro a distanza degli alieni.

I marines, in buona parte ignari delle reali fattezze degli alieni, visti solo in televisione in ripresa diretta e da una certa distanza, hanno l'ordine di sparare contro tutto ciò che non è umano e cercare di capire, durante il combattimento, i punti deboli delle armi e delle funzionalità anatomiche-fisiologiche degli alieni, sia per venire a conoscenza di come possono essere facilmente uccisi sia per comprendere con certezza il momento della loro morte nel combattimento, evitando così sorprese spiacevoli alle spalle. Riuscirà il plotone dei marines a portare in salvo i civili senza subire grosse perdite? E a scoprire qualche punto vulnerabile sia nei corpi degli alieni che nei loro mezzi da combattimento, tali da consentire una contro offensiva dell'esercito degli Stati Uniti su vasta scala?

Film molto premiato al botteghino dal pubblico americano, inspiegabilmente bocciato dalla critica cinematografica europea. Eppure "World invasion" è indubbiamente il miglior film del genere fantascientifico catastrofico degli ultimi quindici anni, superando, per l'avvincente trama, anche "Independence Day" del 1996.

Numerosi quindi i pregi: pathos dello spettacolo elevato, montaggio sopra le righe, musiche appropriate che suscitano immagini drammatiche parallele al film, ritmo invidiabile, a tratti superlativo per questo genere, storia ben localizzata, semplice, senza variazioni o allargamento di intrecci, che ne avrebbero sfilacciato e rallentato lo scorrere narrativo togliendo unità e univocità di senso al racconto (è questo il lato negativo ad esempio di "Independence Day") e disperdendo inoltre la comprensione.

Nel film d'azione la storia semplice e territorialmente ristretta è l'ideale per mettere in risalto l'atto più specifico, minuto, risaltando l'effetto psicologico e spettacolare del suspense veloce nonché delle tensioni.

Grazie a una più prolungata apertura delle finestre di tempo sceniche, riferite alla messa a fuoco dei personaggi, l'identificazione con i protagonisti e la proiezione dell'immaginario degli spettatori sullo schermo spiccano per la loro maggior intensità, portando l'inconscio dei presenti in sala a combinare felicemente il proprio film immaginifico, legato alle esperienza di vita e al gusto personale, con quello reale della pellicola. L'effetto della sintesi è il piacere per il film.

Film equivocato da numerosi critici, a cui è sfuggito il senso più profondo dell'opera. Essi hanno relegato frettolosamente la pellicola nel già visto, e forse addirittura nel più volte ripetuto.

Questo film sembra voler ribadire come la guerra non sia un male assoluto, nel senso che, interpretata nelle sue logiche più profonde, può portare a svelare parti di sé sconosciute, che riflettono nodi di questioni filosofiche ed esistenziali di indubbia oggettività.

I limiti energetici e di approvvigionamento generale del nostro pianeta sono noti, acqua e petrolio sopra tutti, il diritto di tutti alla felicità ed ad amare la vita può portare quindi a una proposta di razionalizzazione delle risorse che se non accettata da tutti non può che far scivolare verso la lotta armata generale.

E allora cosa resta da fare se non la guerra quando, finite le proprie risorse d'acqua, un pianeta che come quello del film anela alla vita, le trova in un altro mondo come il nostro? O la morte per depressione o la guerra per vivere. L'importante in guerra è rispettare le regole.

L'originalità di questo film sta nel aver posto in evidenza i limiti in cui gli abitanti di un pianeta si muovono e vivono, sia sul nostro che su quello più immaginato degli alieni. Che non sono solo limiti di risorse, ma anche di civiltà, di razionalità, di uguaglianza e correttezza istituzionale. Si fanno le guerre per porre rimedio a qualcosa, per ristabilire degli equilibri perduti o per affermare un'ideologia. La guerra è vero è un'aberrazione, ma in stretta relazione con i lati più oscuri del nostro cervello, quelle parti di sé così buie e importanti che neanche la civiltà riesce a tenere in quiete per lungo tempo, quindi inutile meravigliarsi di tanto male, i presupposti sono nel nostro DNA nel gioco bizzarro della natura più evoluzionistica.

Ecco allora anche spiegato, almeno in parte, il piacere di vedere sequenze filmiche di guerra ben dosate, dall'azione rapida, congegnate in funzione di un puro divertimento. Il film di guerra piace perché estrae e sublima in qualche modo le parti più inibite dello spettatore ben civilizzato.
I film di guerra come questo di Liebesman smitizzano la facilità di vivere delle nazioni, richiamando alla verità di come la felicità sui pianeti sia per pochi privilegiati. Grandi masse vivono di stenti, subordinate a un lavoro che non piace, succubi del potere, con la prospettiva di vivere la vecchiaia con ulteriori disagi e nell'ingiustizia più allarmante.
La civiltà sembra ribadire Liebesman non è altro che un forzoso collante tra classi molto disuguali tenuto in piedi da sussidi e stipendi poveri e in essa, quando i limiti delle risorse esplodono del tutto,la guerra garantisce nuovi equilibri, in base anche al comportamento più o meno valoroso di ciascuno in battaglia e all'intelligenza dei comandanti.
La guerra è sempre anche una speranza di cambiamento del sociale.

Commenta la recensione di WORLD INVASION: BATTLE LOS ANGELES sul forum

Condividi su Facebook Condividi recensione su Facebook


Recensione a cura di Giordano Biagio - aggiornata al 09/05/2011 15.18.00

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell'autore e non necessariamente rappresenta Filmscoop.it

In programmazione

Ordine elenco: Data   Media voti   Commenti   Alfabetico

10 giorni senza mamma7 uomini a molloa private war
 NEW
alita - angelo della battagliaalmost nothing - cern: la scoperta del futuroalpha - un'amicizia forte come la vitaamici come prima (2018)anatomia del miracoloanimali fantastici: i crimini di grindelwaldanimasaquamanattenti al gorilla
 NEW
beautiful boy (2018)ben is backbenvenuti a marwenberninibird boxblack tide
 HOT
bohemian rhapsodybts world tour: love yourself in seoulbumblebeecalcutta - tutti in piedicapri-revolution
 NEW
cartachesil beach - il segreto di una nottechi scriverà la nostra storia?city of liescold war (2018)coldplay: a head full of dreamscolette (2018)compromessi sposiconta su di me (2018)conversazione su tiresia. di e con andrea camillericonversazioni atomichecoppermancosa fai a capodanno?creed ii
 NEW
crucifixion - il male e' stato invocatodinosaurs (2018)don't fuck in the woods 2dove bisogna staredragon trainer: il mondo nascostoescape room (2019)friedkin uncut - un diavolo di registaghostland - la casa delle bamboleglassgreen bookhepta. sette stadi d'amoreholmes and watsonhunter killer - caccia negli abissii bambini di rue saint-maur 209i nomi del signor sulcici spit on your grave: deja vui villaniil castello di vetroil corriere - the muleil destino degli uominiil gioco delle coppieil grinch (2018)il mio capolavoroil primo reil professore cambia scuolail ragazzo piu' felice del mondoil ritorno di mary poppinsil sindaco - italian politics 4 dummiesil testimone invisibileil vizio della speranzain guerraisabellela befana vien di nottela donna elettricala douleurla favorita
 R
la notte dei 12 anni
 NEW
la paranza dei bambinila prima pietrala scuola serale
 NEW
la vita in un attimol'agenzia dei bugiardilake placid: legacyle ninfee di monet: un incantesimo di acqua e lucel'esorcismo di hannah graceliberolo sguardo di orson welleslontano da quilook awayl'uomo che rubo' banksyl'uomo dal cuore di ferrom.i.a. - la cattiva ragazza della musicamacchine mortalimalerbamaria regina di scoziamathera - l'ascolto dei sassimenocchiomia e il leone biancomorto tra una settimana... o ti ridiamo i soldimoschettieri del re: la penultima missionenelle tue mani (2018)
 NEW
nightmare cinemanon ci resta che il criminenon ci resta che vincerenon dimenticarmi - don't forget menotti magiche
 NEW
ognuno ha diritto ad amare - touch me nototzi e il mistero del tempoovunque proteggimipeppermintpiercingralph spacca internetred zone - 22 miglia di fuocoremi
 NEW
rex - un cucciolo a palazzoricomincio da me (2019)ride (2018)robin hood - l'origine della leggendaroma (2018)santiago, italiase la strada potesse parlarese son roseseguimisenza lasciare traccia (2018)spider-man: un nuovo universostyxsulle sue spallesummer (leto)
 HOT
suspiria (2018)the barge peoplethe final wishthe old man & the gunthe other side of the windthe young cannibalstramonto (2018)tre voltitroppa graziatutti lo sannoun giorno all'improvvisoun piccolo favore
 NEW
un valzer fra gli scaffali
 NEW
un'avventuraupgradevan gogh - sulla soglia dell'eternita'velvet buzzsawvice - l'uomo nell'ombravoglio mangiare il tuo pancreaswidows: eredita' criminalezen sul ghiaccio sottilezombie contro zombie - one cut of the dead

984735 commenti su 40856 film
Feed RSS film in programmazione

Ultimo film commentato

Ultimo post blog

Speciali

Speciale SHOKUZAISpeciale SHOKUZAI
A cura di The Gaunt

Ultime recensioni inserite

Ultima biografia inserita

Casualmente dall'archivio

Novità e Recensioni

Iscriviti alla newsletter di Filmscoop.it per essere sempre aggiornarto su nuove uscite, novità, classifiche direttamente nella tua email!

Novità e recensioni
 

Site powered by www.webngo.net